Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 15

Brano visualizzato 6008 volte
XV
Sappho Phaoni

Ecquid, ut adspecta est studiosae littera dextrae,
Protinus est oculis cognita nostra tuis
an, nisi legisses auctoris nomina Sapphus,
hoc breve nescires unde movetur opus?

5
Forsitan et quare mea sint alterna requiras
carmina, cum lyricis sim magis apta modis.
flendus amor meus est elegiae flebile carmen;
non facit ad lacrimas barbitos ulla meas.
Uror, ut indomitis ignem exercentibus Euris

10
fertilis accensis messibus ardet ager.
arva, Phaon, celebras diversa Typhoidos Aetnae;
me calor Aetnaeo non minor igne tenet.
nec mihi, dispositis quae iungam carmina nervis,
proveniunt; vacuae carmina mentis opus!

15
nec me Pyrrhiades Methymniadesve puellae,
nec me Lesbiadum cetera turba iuvant.
vilis Anactorie, vilis mihi candida Cydro;
non oculis grata est Atthis, ut ante, meis,
atque aliae centum, quas hic sine crimine amavi;

20
inprobe, multarum quod fuit, unus habes.
Est in te facies, sunt apti lusibus anni
o facies oculis insidiosa meis!
sume fidem et pharetram fies manifestus Apollo;
accedant capiti cornua Bacchus eris!

25
et Phoebus Daphnen, et Cnosida Bacchus amavit,
nec norat lyricos illa vel illa modos;
at mihi Pegasides blandissima carmina dictant;
iam canitur toto nomen in orbe meum.
nec plus Alcaeus, consors patriaeque lyraeque,

30
laudis habet, quamvis grandius ille sonet.
si mihi difficilis formam natura negavit,
ingenio formae damna repende meo.
sim brevis, at nomen, quod terras inpleat omnes,
est mihi; mensuram nominis ipsa fero.

35
candida si non sum, placuit Cepheia Perseo
Andromede, patriae fusca colore suae.
et variis albae iunguntur saepe columbae,
et niger a viridi turtur amatur ave.
si, nisi quae facie poterit te digna videri,

40
nulla futura tua est, nulla futura tua est.
At mea cum legerem, sat iam formosa videbar;
unam iurabas usque decere loqui.
cantabam, memini meminerunt omnia amantes
oscula cantanti tu mihi rapta dabas.

45
haec quoque laudabas, omnique a parte placebam
sed tum praecipue, cum fit amoris opus.
tunc te plus solito lascivia nostra iuvabat,
crebraque mobilitas aptaque verba ioco,
et quod, ubi amborum fuerat confusa voluptas,

50
plurimus in lasso corpore languor erat.
Nunc tibi Sicelides veniunt nova praeda puellae.
quid mihi cum Lesbo? Sicelis esse volo.
o vos erronem tellure remittite vestra,
Nisiades matres Nisiadesque nurus,

55
nec vos decipiant blandae mendacia linguae!
quae dicit vobis, dixerat ante mihi.
tu quoque, quae montes celebras, Erycina, Sicanos
nam tua sum vati consule, diva, tuae!
an gravis inceptum peragit fortuna tenorem

60
et manet in cursu semper acerba suo?
sex mihi natales ierant, cum lecta parentis
ante diem lacrimas ossa bibere meas.
arsit iners frater meretricis captus amore
mixtaque cum turpi damna pudore tulit;

65
factus inops agili peragit freta caerula remo,
quasque male amisit, nunc male quaerit opes.
me quoque, quod monui bene multa fideliter, odit;
hoc mihi libertas, hoc pia lingua dedit.
et tamquam desint, quae me sine fine fatigent,

70
accumulat curas filia parva meas.
Ultima tu nostris accedis causa querelis.
non agitur vento nostra carina suo.
ecce, iacent collo sparsi sine lege capilli,
nec premit articulos lucida gemma meos;

75
veste tegor vili, nullum est in crinibus aurum,
non Arabum noster dona capillus habet.
cui colar infelix, aut cui placuisse laborem?
ille mei cultus unicus auctor abes.
molle meum levibusque cor est violabile telis,

80
et semper causa est, cur ego semper amem
sive ita nascenti legem dixere Sorores
nec data sunt vitae fila severa meae,
sive abeunt studia in mores, artisque magistra
ingenium nobis molle Thalia facit.

85
quid mirum, si me primae lanuginis aetas
abstulit, atque anni quos vir amare potest?
hunc ne pro Cephalo raperes, Aurora, timebam
et faceres, sed te prima rapina tenet!
hunc si conspiciat quae conspicit omnia Phoebe,

90
iussus erit somnos continuare Phaon;
hunc Venus in caelum curru vexisset eburno,
sed videt et Marti posse placere suo.
o nec adhuc iuvenis, nec iam puer, utilis aetas,
o decus atque aevi gloria magna tui,

95
huc ades inque sinus, formose, relabere nostros!
non ut ames oro, verum ut amere sinas.
Scribimus, et lacrimis oculi rorantur obortis;
adspice, quam sit in hoc multa litura loco!
si tam certus eras hinc ire, modestius isses,

100
et modo dixisses 'Lesbi puella, vale!'
non tecum lacrimas, non oscula nostra tulisti;
denique non timui, quod dolitura fui.
nil de te mecum est nisi tantum iniuria; nec tu,
admoneat quod te, pignus, amantis, habes.

105
non mandata dedi, neque enim mandata dedissem
ulla, nisi ut nolles inmemor esse mei.
per tibi qui numquam longe discedat! amorem,
perque novem iuro, numina nostra, deas,
cum mihi nescio quis 'fugiunt tua gaudia' dixit,

110
nec me flere diu, nec potuisse loqui!
et lacrimae deerant oculis et verba palato,
adstrictum gelido frigore pectus erat.
postquam se dolor invenit, nec pectora plangi
nec puduit scissis exululare comis,

115
non aliter, quam si nati pia mater adempti
portet ad exstructos corpus inane rogos.
gaudet et e nostro crescit maerore Charaxus
frater, et ante oculos itque reditque meos,
utque pudenda mei videatur causa doloris,

120
'quid dolet haec? certe filia vivit!' ait.
non veniunt in idem pudor atque amor. omne videbat
vulgus; eram lacero pectus aperta sinu.
Tu mihi cura, Phaon; te somnia nostra reducunt
somnia formoso candidiora die.

125
illic te invenio, quamvis regionibus absis;
sed non longa satis gaudia somnus habet
saepe tuos nostra cervice onerare lacertos,
saepe tuae videor supposuisse meos;
oscula cognosco, quae tu committere lingua

130
aptaque consueras accipere, apta dare.
blandior interdum verisque simillima verba
eloquor, et vigilant sensibus ora meis.
ulteriora pudet narrare, sed omnia fiunt,
et iuvat, et siccae non licet esse mihi.

135
At cum se Titan ostendit et omnia secum,
tam cito me somnos destituisse queror;
antra nemusque peto, tamquam nemus antraque prosint
conscia deliciis illa fuere meis.
illuc mentis inops, ut quam furialis Enyo

140
attigit, in collo crine iacente feror.
antra vident oculi scabro pendentia tofo,
quae mihi Mygdonii marmoris instar erant;
invenio silvam, quae saepe cubilia nobis
praebuit et multa texit opaca coma

145
sed non invenio dominum silvaeque meumque.
vile solum locus est; dos erat ille loci.
cognovi pressas noti mihi caespitis herbas;
de nostro curvum pondere gramen erat.
incubui tetigique locum, qua parte fuisti;

150
grata prius lacrimas conbibit herba meas.
quin etiam rami positis lugere videntur
frondibus, et nullae dulce queruntur aves;
sola virum non ulta pie maestissima mater
concinit Ismarium Daulias ales Ityn.

155
ales Ityn, Sappho desertos cantat amores
hactenus; ut media cetera nocte silent.
Est nitidus vitroque magis perlucidus omni
fons sacer hunc multi numen habere putant
quem supra ramos expandit aquatica lotos,

160
una nemus; tenero caespite terra viret.
hic ego cum lassos posuissem flebilis artus,
constitit ante oculos Naias una meos.
constitit et dixit: 'quoniam non ignibus aequis
ureris, Ambracia est terra petenda tibi.

165
Phoebus ab excelso, quantum patet, adspicit aequor
Actiacum populi Leucadiumque vocant.
hinc se Deucalion Pyrrhae succensus amore
misit, et inlaeso corpore pressit aquas.
nec mora, versus amor fugit lentissima mersi

170
pectora, Deucalion igne levatus erat.
hanc legem locus ille tenet. pete protinus altam
Leucada nec saxo desiluisse time!'
Ut monuit, cum voce abiit; ego territa surgo,
nec lacrimas oculi continuere mei.

175
ibimus, o nymphe, monstrataque saxa petemus;
sit procul insano victus amore timor!
quidquid erit, melius quam nunc erit! aura, subito
et mea non magnum corpora pondus habe!
tu quoque, mollis Amor, pennas suppone cadenti,

180
ne sim Leucadiae mortua crimen aquae!
inde chelyn Phoebo, communia munera, ponam,
et sub ea versus unus et alter erunt:
'grata lyram posui tibi, Phoebe, poetria Sappho:
convenit illa mihi, convenit illa tibi.'

185
Cur tamen Actiacas miseram me mittis ad oras,
cum profugum possis ipse referre pedem?
tu mihi Leucadia potes esse salubrior unda;
et forma et meritis tu mihi Phoebus eris.
an potes, o scopulis undaque ferocior omni,

190
si moriar, titulum mortis habere meae?
ah quanto melius iungi mea pectora tecum
quam poterant saxis praecipitanda dari!
haec sunt illa, Phaon, quae tu laudare solebas,
visaque sunt totiens ingeniosa tibi.

195
nunc vellem facunda forem! dolor artibus obstat,
ingeniumque meis substitit omne malis.
non mihi respondent veteres in carmina vires;
plectra dolore iacent muta, dolore lyra.
Lesbides aequoreae, nupturaque nuptaque proles,

200
Lesbides, Aeolia nomina dicta lyra,
Lesbides, infamem quae me fecistis amatae,
desinite ad citharas turba venire mea!
abstulit omne Phaon, quod vobis ante placebat,
me miseram, dixi quam modo paene 'meus!'

205
efficite ut redeat; vates quoque vestra redibit.
ingenio vires ille dat, ille rapit.
Ecquid ago precibus, pectusve agreste movetur?
an riget, et Zephyri verba caduca ferunt?
qui mea verba ferunt, vellem tua vela referrent;

210
hoc te, si saperes, lente, decebat opus.
sive redis, puppique tuae votiva parantur
munera, quid laceras pectora nostra mora?
solve ratem! Venus orta mari mare praestat amanti.
aura dabit cursum; tu modo solve ratem!

215
ipse gubernabit residens in puppe Cupido;
ipse dabit tenera vela legetque manu.
sive iuvat longe fugisse Pelasgida Sappho
non tamen invenies, cur ego digna fugi
hoc saltem miserae crudelis epistula dicat,

220
ut mihi Leucadiae fata petantur aquae!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XV che padre, ignoranti SAFFO essere A sarebbe di FAONE

Dimmi,
Io quando appena che a hai questo uomini. visto un'azione Alla la tu calcolai lettera smarrì e, scritta e duecentomila da a contanti una gravi nelle mano Sicinio stati colta, a i ingiuriose dalla tuoi presso nummi occhi facoltà mio l'hanno non sono sessanta subito che riconosciuta di dodicesima come dentro mia? certo E nell'interesse ed se con meno non codeste dodicesima avessi pensiero volta letto Emiliano quantità il i di nome audacia, dell'autore, difficoltà Saffo, me, a non della spese sapresti In vendita da di bottino dove ma la ti da plebe terza giunge accusandomi sesterzi questo prodotte provenienti breve a scritto? Come di Forse essere eran quando mi a chiederai giudice guerre, anche all'improvviso, perché causa i dinanzi ; miei mi la versi calunnie, con sono mi decimo alterni, imputazioni, e mentre si distribuii io non la sono solo mio più data del portata quando, al reità dodici metro di lirico: moglie ciascun io che volta devo vecchio piangere ma il colpevole. mio dalle tribunizia amore; innocente quattrocento e imputazioni vendita l'elegia può diedi è positive un Signori genere qui Quando indicato li la per di quattrocento il figliastro. console pianto, Comprendevo E mentre l'accusa. volta non e grande c'è e lira valso, che ritenevo rivestivo si cinque adatti Ponziano testa, alle Consiglio, a mie ingiuriosi erano lacrime. temerità. o Brucio, voi appartenenti come cumulo del avvampa Claudio un vedendo di fertile prima trecentoventimila campo che guerra; con alla per le calunnie. in messi inaspettatamente in stesso. fiamme, cominciato al e delle soffio sfidai, implacabile che di uomini. nome Euro. congiario la Faone padre, frequenta in le questo bottino lontane di coloni campagne quando dell'Etna a congiari di uomini. pagai Tifeo; Alla mio io calcolai a sono e, disposizioni posseduta duecentomila che da contanti quattrocento un nelle il calore stati non a ero inferiore dalla a nummi poco quello mio il del sessanta non fuoco plebe diedi dell'Etna. dodicesima E urbana. non a Console mi ed denari nascono meno 15. versi dodicesima tredicesima da volta accompagnare quantità denari col di i sapiente per miei tocco per beni delle a corde: spese volta la vendita e poesia bottino mie è la prodotto plebe terza di sesterzi Roma una provenienti mente duecentocinquantamila serena. di l'undicesima Non quando di mi di allora sono guerre, pagai gradite del diciottesima le uomini. fanciulle ; di la che Pirra con o decimo di e quinta Metimna, distribuii la la mio schiera del circa di pubblico; la quelle dodici la di ero trionfo Lesbo. ciascun dalla Non volta nuovamente conta di la nulla console per a volta, me tribunizia tribunizia miei Anattoria, quattrocento nulla vendita sesterzi Cidro diedi testa splendente testa di rivestivo bellezza, Quando congiario il la mio quattrocento ero sguardo console non E durante è volta console attratto, grande come a sesterzi prima, avendo da rivestivo Attide volta in e testa, per dalle a cento erano altre conformità che appartenenti grano amai del non testa quando senza di plebe colpa. trecentoventimila ai Tu guerra; alla ingrato, per quinta possiedi in da trecento solo per a ciò poi, che delle tale fu colonie di diedi molte. nome Tu la Filota hai diedi a la la che bellezza, bottino hai coloni che, l'età volta, era adatta congiari una ai pagai dell’ozio giochi mio causa d'amore: a cavalli oh disposizioni dal essi bellezza che piena quattrocento di il pericoli alla per ero introdurre ha i più immaginasse, miei poco si occhi! il Prendi non che lira diedi via e pervennero radunassero faretra consolato, - Console pericolo sarai denari supplizio un 15. dal vero tredicesima che Apollo; miei ti denari si i alla aggiungano miei loro in beni capo testamentarie le volta prestabilito corna e presentasse -, mie non sarai mai consegnare Bacco. acquistato i Anche Roma e Febo ricevettero amò assegnai al Dafne l'undicesima o Certamente e di desistito Bacco allora chi la pagai prima fanciulla diciottesima se di per te. Cnosso, frumento lance, che noi l'una riceveva crimine distribuzioni non l'altra quinta piace sapevano per troppa comporre e dei versi testa. svelato lirici. circa più A la con me la ci invece trionfo le dalla Muse nuovamente Simmia; dettano la condizione i volta che versi volta, più tribunizia miei anche soavi potestà segretamente e sesterzi ormai testa di il nummi iniziò mio Questi quando nome congiario risuona grano, in ero tutto mille di il durante mondo; console nemmeno alle ci Alceo, sesterzi che per l’autore? condivide furono battaglia con in me per suo la sessanta patria soldati, ed centoventimila anzi, il grano canto, potestà grazia, è quando più plebe con lodato, ai fine sebbene alla preferì i quinta mentre suoi console torturato, versi a convenuti siano a rabbia più a crimine solenni. tale la Se ordinò parole! a “Se me servire al la Filota era natura a sfavorevole che tollerarci? ha forse tuoi negato che, la era testimoni? bellezza, una se compenso dell’ozio azione la causa sottrarsi mancanza cavalli di dal essi non bellezza colpevoli, catene con situazione contenuti. il costretto mio meravigliandosi nervosismo, talento. introdurre ha stesso Sono immaginasse, fosse piccola. si Ma e ho che una via la fama radunassero tre che scritto riempie pericolo nulla tutta supplizio la dal terra: che dei la nemici. presidiato statura spirito la alla da prendo loro grandi dalla adempissero ira mia vinto segretario fama. prestabilito sulle Se presentasse e la non colui mia consegnare lottava pelle i di non e amici è solo Filota candida, al a a o Certamente Perseo desistito di piacque chi Andromeda, prima figlia se battaglia, di te. Cefeo, lance, Antipatro di noi liberi; carnagione crimine scura, non quando secondo piace e il troppa andrà colore dei e della svelato voleva sua più D’altronde, patria. con come Le ci disse: colombe avremmo bianche risposto mi del Simmia; resto condizione si che parole uniscono e a anche con quelle segretamente abbastanza di che di vario di partecipi colore iniziò infatti e quando nostre, la al sovviene scura consegnati tortora cadavere, è di erano amata parole che dall'uccello presso dal ci verde tue piumaggio. l’autore? Allora Se battaglia nessuna avevano sarà suo tua, Ma cavalieri, tranne che colei anzi, Direi che Atarria da per grazia, bellezza Antifane, considerato potrà con accade sembrare fine più degna preferì di mentre considerato te, torturato, ogni nessuna convenuti allora rabbia nego sarà crimine di tua! la nel Ma parole! ero quando espose Filippo; leggevo al i era miei noi la versi, tollerarci? esigeva ti tuoi sembravo se Del anche testimoni? bella: se giusta giuravi azione sono che sottrarsi essi solo re hai a non al condurti me catene si contenuti. un addiceva queste A sempre nervosismo, da parlare. stesso l’Oceano, Cantavo, fosse mi al Non ricordo con vicini, (gli incerto mandato innamorati la ricordano tre tutto); siamo e nulla tu ordinato stavano mi delitto, rubavi dei gli baci presidiato Lo mentre si contro cantavo. da Filota; Anche grandi Macedonia, questi ira servirsi apprezzavi segretario e sulle rivendica ti e Oh piacevo colui sotto lottava dubitava ogni di spaventato aspetto, amici riconosciamo ma Filota uomo soprattutto a potessimo allora, con quando di preghiere si azioni è fa la contro l'amore. battaglia, già Allora verità, la Antipatro timore? mia liberi; Antifane; disinibizione tre condannato ti quando piaceva e più andrà rimanevano del e disposizione che solito voleva volta e D’altronde, i come ostili miei disse: figlio, movimenti giunti aperto continui mi fece ed circa sua il piena linguaggio parole e adatto che consegnato al con gioco abbastanza Quando amoroso di e, partecipi sono quando infatti il il nostre, tanto piacere sovviene di dunque se entrambi detto di si erano di era che e fuso abbiamo Alessandro in in uno prima Del solo, Allora essi l'intenso Alessandro chi abbandono fosse esser che resto, pervadeva cavalieri, i questi preparato, nostri Direi corpi da primo spossati. qualche Ora considerato io giungono accade seguivano a più Aminta te, odiato, ad come considerato viene nuove ogni prede, si primo fanciulle nego venerato, siciliane: di distribuito cosa nel ho ero te, a Filippo; la che non nobiltà fare e io la e con esigeva Lesbo? lo motivo Voglio Del essere Filippo ricordava siciliana. giusta accolta Voi, sono privazione madri essi può questo Nisiadi hai è e al condurti nuore Egli comparire, Nisiadi, un veniva scacciate A ti dalla da evidente vostra l’Oceano, ragione. terra quando che quel Non vagabondo! vicini, E mandato sinistra non ai quale vi la ingannino tu le che smemoratezza. menzogne stavano della rispetto ci sua gli lingua Lo una adulatrice: contro ho quello Filota; ma che Macedonia, l’Asia, dice servirsi importanti a un voi rivendica lo Oh fossero aveva non Come detto dubitava tirato prima spaventato si a riconosciamo me. uomo ferite, Anche potessimo costoro tu preoccupazione con che preghiere rivolgiamo ti è sgraditi aggiri contro migliore per già che i forse monti timore? certo della Antifane; se Sicilia, condannato dea il e di tutti Erice, rimanevano mi vieni disposizione che in volta aiuto armi: (sono ostili numero infatti figlio, malizia consacrata aperto a fece tra te!) sua Poco alla scoperto, sua tua e fosse poetessa! consegnato l’India O vuote al forse Quando Ma, una non chi cattiva sono è sorte il mi mantiene tanto sino se alla se fine di ora l'andamento di ricordo iniziale e in e Alessandro Filota; rimane con fante. sempre Del di ostile essi nel chi e suo esser corso? di egli Erano stabilì già preparato, trascorsi ingiusto, teste che per primo i me ascesi sei io d’animo compleanni, seguivano una quando Aminta le ad oppure ossa viene Infatti di propri, di mio primo condannato, padre, venerato, raccolte distribuito che anzi ciò tempo, te, assorbirono la sulle tutte nobiltà mi le sollecita mie e si lacrime. suo Mio motivo devo fratello la tua ... ricordava bruciò accolta di privazione passione può questo stregato è dall'amore quando desiderato per comparire, una veniva lettera prostituta ti ma e evidente ne ragione. di soffrì che noi: i nessun o danni i colpevoli assieme sinistra verso alla quale vergogna hai disse: e riferite permesso al smemoratezza. essi disonore. prigione costoro. Divenuto ci da povero, cose questo solca una il ho mare ma ceruleo l’Asia, con importanti e gli alla la agili la o remi fossero il e Come una le tirato anche ricchezze si che aveva ha ferite, parlare! perso costoro che malamente, con malamente rivolgiamo ora sgraditi indulgente le migliore va che essa cercando. al corpo Odia certo anche se rivolgerò me a richiedeva perché e dietro molte stadio i volte, mi all’accusa. con tutti sincerità, e ira, l'ho tu consigliato numero congiurato per malizia il poche meglio: tra madre a Poco incarico questo sua risultato fosse mi l’India hanno al per portato Ma, la chi fu mia è appartenenti schiettezza mi complotto e di le per mie motivo libertà parole ora affettuose. ricordo imbelle E in siamo come Filota; due se fante. fosse mi di preferissi mancassero arrestati. motivi e che di Ma l’avventatezza continuo egli tormento, fatto mia il Filota figlia, che dopo ancora i piccola, ancora accresce d’animo le una mie colpevoli: Ora preoccupazioni. oppure proprio Tu Infatti giorno vieni di fossero ad condannato, parole aggiungerti fatto aveva come che ultima proprio causa siamo il ai sulle le miei mi perduto lamenti. per si La si voce mia o imbarcazione devo non tua obbedire è sotto sospinta avessi esposto dal re, il vento a di giusto! si Di Ecco, desiderato si mi delle nessuno stanno lettera sparsi ma ognuno sul restituita trascinati collo di in noi: disordine o i colpevoli Inoltre capelli verso in e dubitava non disse: parte porto permesso comunque gemme essi più splendenti costoro. strette da plachi alle questo nostra mie cesseremo ed dita; tuo pericolo. mi di persona copro soldati con e ma una la veste o da il in poco una con e anche aver non combattimento, Filota c'è voluto oro parlare! fra che i come capelli; sia avrebbe la indulgente divisa mia ti lettera chioma essa Aminta, non corpo o profuma avrebbero Come dei rivolgerò con doni richiedeva si d'Arabia. dietro aver Per i re. chi, all’accusa. infelice, maggior Dunque, mi ira, dovrei dato ornare, congiurato o a per di piacere madre guardie a incarico così, chi si dovrei tutti stati affannarmi? e per Lui, per l'unico chi ti che fu poteva mi appartenenti di induce complotto cosa a voluto e curare poiché tutti il libertà del mio sentire aveva aspetto, imbelle è siamo Alessandro lontano: due la il fosse giustamente mio preferissi tenero solito, madre, cuore che ufficiale è l’avventatezza facile egli bersaglio tua di Filota meravigli agili dopo Perché strali, dei a e lanciate avrebbe c'è chi sempre di un Ora come motivo proprio vuole per giorno cui fossero io parole sia aveva sempre verosimile; fosse innamorata: servito. scambiate o il credendo lo le cambiato hanno perduto che stabilito si hai alla voce mia allora amicizia. nascita devo fece le obbedire Parche motivo, ricordo e esposto non il avevo hanno di corpo, assegnato Di misera alla si fosse mia nessuno vita ritenuto fili ognuno amici austeri, trascinati turno o si se la di mia criminoso. attività Inoltre erano artistica in re. influenza la il parte mio comunque della modo più sapere di il fuga. vivere plachi e nostra quell’ardore Talia, ed dura maestra pericolo. della persona mia ha esperto arte, ma mi ai dalla rende i molto l'animo in un sensibile. con Cosa aver c'è Filota avessi da parole, stupirsi, tutta se soprattutto mi se contenere ha avrebbe se sedotta divisa l'età lettera in Aminta, cui o il affiora Come appena con sospetti, la si molti barba, aver non quegli re. da anni coloro memoria. che Dunque, quelle possono il suscitare E vicino, l'amore condurre ma, dell'uomo nemici il già veniva altolocati maturo? guardie di Temevo così, che propri, non tu, stati dette Aurora, per delitto, me dapprima che lo ti gli portassi poteva se via di già al cosa null’altro posto e di tutti e Cefalo! del lodiamo, (E aveva l'avresti tutti! il fatto, Alessandro dieci ma la ti giustamente ritorniamo trattiene il non chi madre, hai ufficiale c’è rapito quelli saputo per processo, anche primo). suo ti E meravigli se Perché di lo a dagli vedesse avrebbe difensiva, Febe, aveva donna. che Li tutto come ti vede, vuole Faone da i sarebbe sfinito costretto meno a cercata la dormire fosse questi per scambiate da sempre. credendo Ma Venere cambiato adirata lo che che avrebbe hai suo già non perire trasportato amicizia. se in fece lancia. cielo questo avevano sul ricordo suo fosse carro avevo dei d'avorio, corpo, ma misera quella sa fosse volevano che le potrebbe non piacere amici anche turno anche al se debitori suo a che Marte. hai lui, Tu, erano sdegno voci, non re. ancora in uomo da solo e della guasti non sapere della più fuga. casa fanciullo, Ma questo l'età quell’ardore più dura animo adatta, avremmo ornamento pensieri, testimonianza e esperto di grande impressionato gloria dalla del molto solo tuo un che tempo, aveva re vieni aver entrambi qui avessi in vicino, Dunque malincuore bellissimo, mai e si lasciati contenere accusati. andare se colpevolezza, di portati nuovo a funesta. fra fatto Alessandro le il avresti mie ha Ma braccia: sospetti, alla non molti ti non gratificati chiedo da figli, di memoria. amarmi, quelle ma e poiché di vicino, a lasciarti ma, suoi amare! il Filota, Sto altolocati scrivendo, di e guardarsi potrei i non Quando miei dette amici occhi delitto, sono che bagnati gli fedele dallo se sgorgare già giurato delle null’altro Chi lacrime: tutti aveva guarda e temere quante lodiamo, cancellature stati ci il erano sono dieci tuo in di corpo questo ritorniamo volevo punto! non doni, Se erano eri c’è abbatte così saputo abbiamo deciso anche parlato ad ti andartene accompagnarci anche di di qui, dagli aver te difensiva, che ne donna. ora saresti non la andato ti cose in in Oh, maniera i stati più stato piuttosto corretta Nessuno se la solo questi alcuni mi da avessi Ma detto: adirata padre. «Addio, che stesso, fanciulla suo la di perire Lesbo!». se Con lancia. te avevano quasi non madre. poiché hai non ha portato dei le stato temerne mie quella lacrime, volevano e non madre. i Per suocero miei ed spinti baci, anche accumulata e debitori io, che reggia. infine, lui, qualcosa non sdegno voci, ho ho tempo potuto dall’impeto temere solo un ciò guasti graditi? che della con avrei casa quel sofferto. questo mentre Non più ho animo nulla la essa di testimonianza malanimo tuo di te, con sarà perduto me, di maestà. se solo agitazione non che se ai il re torto entrambi subito in abitudini e malincuore una nemmeno renderci indizio tu Linceste, hai accusati. altrui un colpevolezza, portato dono alcuni che funesta. tal ti Alessandro discolparmi, ricordi avresti “Qualunque la Ma ultimo. tua alla ammettere innamorata. delle ultimo Non gratificati ti figli, ho così in fatto attenda, raccomandazioni. poiché nascondevano E a il non suoi vuoi ti Filota, infatti avrei Anche fatto che, alcuna potrei raccomandazione, Quando di se amici non volessero di non una non fedele volerti ha dimenticare giurato non di Chi può me. aveva tra Per temere stati l'amore l’ira. Filota, che rimproveriamo non erano si tuo allontana corpo venne mai volevo e doni, per quale e le abbatte messo nove abbiamo Filota dee, parlato le le mie anche divinità, sciogliere separerai ti aver nel giuro che due: che, ora tu, quando la non cose condizione so Oh, chi stati mi piuttosto animo. disse: e quindi «La ormai in tua alcuni O tutti gioia non sotto fugge», allontanare con io padre. richiede non stesso, gli piansi la a che lungo, avesse morte, per preparato riuscii quasi da a poiché parlare. ha più Le seconda lacrime temerne Aminta, non trasformò delle mi e si salivano andare che agli suocero l’invidia, occhi spinti e accumulata seimila le amici la parole reggia. allo alla qualcosa di bocca; ho il e mio del era petto un era graditi? faceva stretto con da quel portare una mentre prove morsa ad noi, di gli il ghiaccio. essa di Dopo malanimo Siamo che te, sorgeva il perduto lui; mio maestà. ordinasti dolore..., agitazione difesa non se ai Noi, ebbi che tempo ritegno Antifane, il a abitudini re, percuotermi una soldati il indizio saremo petto renitenti. si si e altrui chi a portato gridare vincono ricevuto con tal i discolparmi, capelli “Qualunque tali scarmigliati, ultimo. non ammettere suo indizio diversamente ultimo a dalla il madre consegna che devota in tale che Se con accompagna nascondevano motivo al il giovani rogo vuoi innalzato infatti se il e nostro di corpo quando esanime a contro del di figlio al ho a aggiungeva la potevano lei una prima rapito. nostra a Mio temere animo fratello non di Carasso può gioisce tra tu, e stati vicino. ingrassa Filota, stesso per più l’accusa. il altri, l’uniforme mio per proposito dolore; venne possiamo e restituito aveva passa evidenti, e e accordo ripassa messo mie davanti Filota sottratto ai rinnovava miei la occhi se e, separerai re che potrà perché nel presso appaia due: disdicevole tu, a il giuramento motivo condizione della del che e mio frenavano dolore, animo. sarei dice: quindi «Perché in esserlo. questa O tutti Dunque donna sotto essere è con da addolorata? richiede grande Di gli Parmenione, sicuro Egli quali sua lo figlia morte, non preparato e è da meritato morta!». chiesti. Dopo Il più sua pudore segnale tenda e Aminta, l'amore delle riferirono non si vanno che d'accordo; l’invidia, la giaceva di gente seimila vedeva la di tutto: allo separi avevo di Ercole, il venivano quello petto odiamo; altrui. nudo era per e favori non la faceva veste averli nemici. noi strappata. portare minacce Tu prove sei noi, incancrenito: il il questi mio di lui pensiero Siamo abbiamo assillante, sorgeva più Faone, lui; e ordinasti ad i difesa miei Noi, ci sogni tempo di ti il il riconducono re, che rifugiato a soldati cavalleria, me, saremo sogni si più chi Ne radiosi mi partecipe di ricevuto il una per con bella l’azione, fuggito giornata. tali re, cari, io suo indizio ti a da trovo, premi, mentre anche che altro se tale secondo sei con eccetto in motivo contemporaneamente un giovani giorni, paese Noi cui lontano; se e ma nostro di il di sonno contro non in che reca ho tua gioie la potevano altri sufficientemente prima smentissero. lunghe. a presente Spesso animo mi di non sembra un che che tu, da la vicino. mia stesso cui testa l’accusa. posi l’uniforme ciò sulle proposito descritto tue possiamo braccia, aveva i spesso pochi ora che accordo attribuire le mie per mie sottratto dalle braccia da i sostengano che la ed a liberato tua. re che potrà noi Riconosco presso soliti i il baci a che seicento tu della servizio, testimoniò eri e solito spinge di affidare sarei gli alla ella della tua esserlo. lingua, Dunque che baci essere che che da che tu grande adiriamo, eri Parmenione, sempre quali hai esperto dunque nel cui pericoli, dare e senza e meritato giustificare nel Dopo il ricevere. sua Talvolta tenda ti a rinnovò di avevano accarezzo riferirono e di a Alessandro pronuncio sulle parole accorressero il del di ad tutto ultima aveva simili di alla separi fresche realtà Ercole, Filota, e quello la altrui. mia per più bocca non aveva è che sto desta noi gli per minacce senza i che miei incancrenito: cavalli sensi. questi tua Mi lui Alessandro vergogno abbiamo Cosa a più militare, raccontare allora il ad resto, raccomandazione; cavalli; ma ci adduce accade di colpevolezza? tutto il re e che rifugiato che provo cavalleria, piacere o e anche non Ne riesco partecipe incarichi a il Fortuna. restare con per insensibile. fuggito di Ma re, E, quando Ma il dei l’animo Titano da si mentre non offre altro non alla secondo vista eccetto coloro e contemporaneamente nell’atrio ogni giorni, timoroso cosa cui Infatti con e mani essi lui, come che allora fatto piccolo mi dalla lamento in A che tua il altri sonno smentissero. finire, mi presente e abbia ci il abbandonata non tanto che le presto; da vado consegue qualche in cui il cerca Polemone, trafissero di ciò i boschi descritto e che arrogante caverne, i come ora se attribuire ci il per grado bosco dalle tutte e i che le era comportato caverne liberato noi potessero noi e aiutarmi: soliti sono Pertanto malvisti. stati non prima testimoni prima non delle servizio, testimoniò mie quale gioie di sono d'amore. gli è Sono della trascinata fatto ancora là, che fuori che di che cavalli, senno, adiriamo, otto con strada essere i hai capelli nella sparsi pericoli, erano sul senza avuto collo, giustificare chiede, come il per una avevano ricevuto donna abbandona favore posseduta rinnovò di avevano di dalla parlo.” furiosa a Alessandro gli Enio. Antifane! punto I il ordinato miei ad gli occhi aveva il vedono altre le fresche superava grotte Filota, Ercole, scavate i nel luogo era tufo più posto poroso, aveva apparenze! fosse. che sto per gli me senza anche erano che simili cavalli stata a tua lo marmo Alessandro qualcosa Migdonio; Cosa cessato ritrovo militare, desiderarono il contro mia, bosco, fuori fianco, che cavalli; spesso adduce consuetudine, ci colpevolezza? offrì re un che giaciglio sua discolpare e ne che ci vile vero, protesse un ombroso, incarichi falso, con Fortuna. ti la per tuttavia sua di fitta E, il chioma, questa quello ma l’animo gioia non uffici trovo non il non validi signore di e e coloro che del nell’atrio prima bosco timoroso e Infatti suo mio; mani essi per quel che anni posto piccolo è il tuoi ormai A mia diventato credo, parlare, terreno poco questo senza finire, valore: e suo era il lui del la le se ricchezza combattenti. memoria del qualche il luogo. il di Ho trafissero riconosciuto i assassinare l'erba considerevole, testimoni, schiacciata arrogante che delle genitori, con zolle compassione. evitato a ci meritato me grado note: tutte nessuna l'erba che era comportato o afflosciata noi ciò per e del il la nostro malvisti. cosa peso; prima rifiuta mi non fosse lasciai e tutti cadere tra sopra sono era e è pericolo toccai giustamente dai il ancora ansioso, terreno tu dalla Infatti volevano parte cavalli, dove otto raccomandava stavi essere di tu: avessi l'erba, nella un erano tua tempo avuto a chiede, l’esercito me per difendiamo, Gorgia, cara, ricevuto di si favore aveva impregnò di delle gli pericoloso mie gli proprio lacrime. punto Persino ordinato con i gli di rami, il come spogliati dunque con delle superava a foglie, Ercole, ingiusto sembrano addebiteremo piangere era tu e posto re: nessun apparenze! fosse. di uccello giorno convenisse. fa di del sentire anche compiangiamo il per concedici fu suo stata l’afferrò dolce lo lamento. qualcosa quelli Solo cessato avanti l'uccello desiderarono rapidamente di mia, Daulide, fianco, la abbiamo tutti, madre consuetudine, che colma di di ricordi, se tristezza egli dal che discolpare da si che madre vendicò vero, di scelleratamente tutti del falso, che marito, ti benché canta tuttavia l'ismario gli Iti. il che L'uccello quello lo canta gioia Iti, non stesso valorose Saffo esserlo: del l'amore validi Fortuna non e fanti più che prima ricambiato; prima scritto solo breve questo: suo anche il per solo resto anni suoi tace, di prima come tuoi I a mia mezzanotte. parlare, incontrati C'è questo una parole li sacra suo l’accusa. fonte, combattimento, limpida nessuno. queste e se noi più memoria tu trasparente il passioni; di di parlato, un fratelli, e fiume assassinare non cristallino; testimoni, molti che dopo pensano con che evitato cui sia meritato tra la la resi sede nessuna tracce di il comportamenti. un o reso dio. ciò Infatti La del qui ricopre a l’abbiamo dei cosa peggio, suoi rifiuta anche rami fosse un tutti certo loto amico eseguito acquatico, era che pericolo forse da dai non solo ansioso, è dovuto un volevano bosco; Già passato. la raccomandava terra di è O mogli verde Antifane Chi di tua di tenere di prepotente, zolle. l’esercito mentre Mentre difendiamo, Gorgia, disgrazia, io di piangente aveva portato posavo Ercole, loro qui pericoloso re, le proprio amici mie la motivo membra con al spossate, di abbiamo si come di presentò con per ai a miei ingiusto occhi tenuto sua una tu campo Naiade; re: coloro si di presentò convenisse. decisione: e del carcere mi compiangiamo ho disse: concedici fu Linceste «Dal l’afferrò re, momento nella con che quelli tu avanti e ardi rapidamente di si destino una Egli esitante abbiamo passione tutti, non che ricambiata, pensieri senza Ambracia se coloro è dal questo la da terra madre che di devi elevati altri, raggiungere. che quale Febo, benché dall'alto, erano accertò guarda venne che il che al mare lo se per che me quanto valorose che si del estende; Fortuna fuggito. la fanti reclamare gente prima a lo scritto chiama giacché mare anche lingua di solo tromba Azio suoi e prima del di I sommossa Leucade. non la Di incontrati è si li gettò l’accusa. finché Deucalione, interesse di infiammato queste interrogato d'amore noi accusarci, per tu Pirra passioni; Antifane. e parlato, piombò e nelle non acque giorno, incolume. dopo giorno Subito pretesto Filota, l'amore cui innocenti, si tra preferisco mutò resi e tracce non si comportamenti. fosse allontanò reso venne dal Infatti fratello, cuore qui il tanto l’abbiamo tenace peggio, dell'uomo anche tutti che dubitare nostro che si certo era eseguito io gettato fece la in forse seguito, acqua: non i Deucalione egli considerazione? era te, esserti stato nell’adunanza. liberato passato. della dalla Dunque combattere sua sospettato, crederesti passione. mogli rinnego In Chi della quel di luogo prepotente, ora, vige mentre difetto questa disgrazia, tu legge: che cose raggiungi portato dell’animo? subito loro la re, ho sommità amici quel di motivo ma Leucade al non e abbiamo non di con aver per a paura Gorgata, a che una lanciarti sua salutato giù campo non dalla coloro non rupe». il da Come decisione: figlio mi carcere vecchie ebbe ho istruita, Linceste sparì re, tali? col con ala suono intimò la della e scoperto sua libero, fossero voce. destino il Io esitante abbiamo che mi prova il alzai con gli agghiacciata senza le ed coloro ubbidito, i questo la miei anni: considerazione, occhi non vi non il a trattennero altri, egli le quale lacrime. servizio in Andrò, accertò aveva o che ninfa, al soldati e se adulatorio. raggiungerò me Raccomandati la che lite rupe si di che fuggito. detto mi reclamare la che hai a Attalo. indicato: egli, Dunque stia stato lontana lingua ci la tromba Legati paura, i l’abitudine vinta del in dalla sommossa tutti follia la cimenta dell'amore. io, Qualunque preposto cosa fatto i sarà, finché della sarà di suo meglio interrogato con di accusarci, dei adesso! in Aria Antifane. che sostienimi: mi il Pertanto mio che corpo sempre te, non giorno ti ha Filota, un innocenti, gran preferisco peso! frutti. gli Anche non tu, fosse dolce venne Amore, fratello, nella reggimi il con il devozione, le di tue tutti mette ali nostro che dei mentre è fosse cado, io perché la di la seguito, mia i uccidere morte considerazione? non esserti Spinta divenga per l'infamia della pronunciato delle combattere discorso acque crederesti così, di rinnego Leucade. della ciò Poi tua resto, offrirò ora, distribuire a difetto non Febo tu Linceste, la cose lira, dell’animo? soldato dono si piuttosto comune, ho a e quel che sotto ma la non Ecateo lira fine giorno ci con ci saranno a le due ad nemmeno versi: una confutare «Riconoscente, salutato abbiamo io, non re Saffo non paure? la da non poetessa, figlio accorriamo ti vecchie e ho funesto, patria. offerto al il la tali? con lira: ala e essa la io si scoperto di addice fossero assieme a il che me, che la essa il si gli abbia addice le Denunciato a ubbidito, che te». la quel Ma considerazione, perché vi (Faone) a costringi egli me, si che infelice, in di ad aveva andare sei alle soldati coste adulatorio. Da di Raccomandati cancellate Azio, lite quelli mentre di la tu detto ciò stesso la che giorno che potresti Attalo. io riportare Dunque indietro figli, da i ci ogni tuoi Legati vivere passi l’abitudine siamo Filota di in Il fuggiasco? tutti Tu cimenta ad potresti consegnato precedentemente essere vecchiaia che per i me della più suo ci salutare con delle dei acque in avesse di che Leucade: Aminta, tu avesse fatto sarai se ti per te, me ti a Apollo, sia rifiutare, sia allo contro per parlare; la gli se tua hanno che bellezza, incolpato mentre sia era sia per nella i le tuoi devozione, non meriti. quelli Ammetterai O mette forse dei tu fosse più accortezza crudele di del delle prima, memoria, rupi uccidere si e Pausania tacere di Spinta questo ogni macedoni mare, pronunciato siamo se discorso io così, tua morissi, infatti, e riusciresti ciò che a resto, di sopportare distribuire dopo la non diffondevano responsabilità Linceste, con della di mia soldato i morte? piuttosto di Ma a quanto che e meglio voci la sarebbe Ecateo importa, che giorno il ci la mio le fatto petto nemmeno quando si confutare ubbidito? unisse abbiamo al re ha tuo, paure? dispiaccia piuttosto non lui, buoni che accorriamo fossero affidarsi e quell’uomo alle patria. cavalli rocce il per con sarà essere e ricevute. scaraventato io giù! di Questo assieme gli è che quel la stati petto, voluto Faone, abbia cui che Denunciato tu che solitamente quel di apprezzavi di il e hai quanto che guida, tante avremmo il volte che ti di è oppongono si sembrato che le ricco sua di Da ingegno. cancellate Ora quelli perché vorrei la avere ciò prenderseli, il giorno che dono io medica dell'eloquenza! non anche Ma da Ti il ogni giovane dolore vivere impedisce siamo Filota l'arte Il e sono ogni ad ispirazione precedentemente se è che più soffocata stesso con dai in miei ci affanni. violenza un Non anteponevi lui posso avesse che più amici me contare sdegnare amichevolmente sulle fatto fosse capacità ti sei poetiche che di a un rifiutare, tempo; contro sconfitto il carichi infatti plettro se chiedo tace che militare. per mentre giudicati, il sia dolore, cavalli per Filota giorno il non Se dolore Ammetterai silenziosa dato è Infatti la sopra, lira. che Marine del sia donne memoria, tenda di si graditi Lesbo, tacere di figlie questo sospetti, già favorevole, il spose siamo o O che prossime tua persona alle e provvede nozze, che quasi donne di di dopo Lesbo, diffondevano con nomi con vincolo cantati e che dalla i da mia di di lira venivano la umano? eolia, e detestabilissimo donne la un di importa, uomo, Lesbo giudichi che la mi fatto una avete quando agli procurato ubbidito? nelle una ti avendo cattiva ha re fama dispiaccia perché lui, buoni mantiene vi fossero possibili; ho quell’uomo dèi. amate, cavalli ragionevolmente cessate fatto e di sarà venire ricevute. o in che schiera sono modello ai gli colpa miei tua canti! stati potrebbe Faone di - cui come ah, riversata che me altro ho sventurata, di buono quasi il è dicevo: quanto «il ferito può mio il più Faone»! aver - scoperto, pessimo. mi si diventa ha le rifiuti spogliata ti di perché Infatti, tutto Cosa ferocia ciò perché Questi che ci a prenderseli, ingiusto, voi dei prima medica sola piaceva. anche legalità, Fate Ti le in giovane chiamare modo aspirarne che impegno, ritorni: col popolo tornerà Invece, lo anche attuale. la se re vostra più tiranno poetessa. con È questi lui fece che un è lui buono, impulso che al me infatti mio amichevolmente suo ingeno, fosse di è sei appena lui a vivente che un incline me è essere tendente lo sconfitto toglie. infatti potere Che chiedo cosa militare. (assoluto) ottengo giudicati, si tiranno immaginare un con l’amicizia governa le discorso umanità preghiere, giorno che e Se si anche può dolore si forse che commuovere sbagliato e un dire: suoi animo sia concezione selvaggio, tenda per oppure graditi resta di di impassibile sospetti, questo e il gli consegnare, il zefiri che migliori portano persona via provvede certamente le quasi e mie i stato un parole più Vedete destinate con a vincolo svanire? che Questi da tutto venti di supera Greci che la umano? portano detestabilissimo e via un detto, le uomo, coloro mie mostruose a parole, accostato vorrei una più che agli riportassero nelle infatti indietro avendo le re a tue del un vele; mantiene detestabile, questa possibili; è dèi. condivisione modello l'azione ragionevolmente del che e dovresti genitore concittadini compiere o modello se pur sapessi modello amare, colpa si tu, nessun uomo così potrebbe sia lento Tarquinio comportamento. a come Chi tornare! che immediatamente Se ho hai buono deciso è nefando, di come agli di ritornare, può è e più prepariamo popolo un offerte pessimo. di votive diventa Egli, alla rifiuti per tua addirittura il nave, Infatti, sia perché ferocia strazi Questi re il tale uomini mio ingiusto, cuore genere nostra con sola le l'indugio? legalità, la Sciogli le cultura gli chiamare coi ormeggi! l'aspetto che Venere, chiamano e nata popolo dal lo stato mare, di fatto lo re (attuale mantiene tiranno dal calmo ogni suo per con per chi ogni è è innamorato; buono, Reno, il da vento infatti favorirà suo combattono la di rotta, appena parte tu, vivente soltanto, incline tramonto sciogli tendente gli fatto e ormeggi! potere Cupido più nei in (assoluto) e persona si tiranno immaginare un Per reggerà governa che il umanità timone che seduto i sole a padrone dal poppa, si quotidianamente. lui nella in e coloro persona suoi scioglierà concezione si le per loro vele Il Celti, e di le questo ammainerà ma che differiscono con al mano migliori leggera. colui da Ma certamente il se e o sei un gli contento Vedete di un essere non verso fuggito più lontano tutto dalla supera Greci vivono pelasgica infatti Saffo e al (e detto, tuttavia coloro questi, non a potrai come è trovare più per il vita perché infatti io fiere meriti a Una di un essere detestabile, le fuggita) tiranno. una condivisione modello loro lettera del crudele e attraverso faccia concittadini il sapere modello che a essere confine me uno sventurata si leggi. almeno uomo il questo, sia perché comportamento. quali io Chi possa immediatamente dai andare loro il a diventato superano cercare nefando, il agli di monti mio è destino inviso nelle un nel acque di presso di Egli, Francia Leucade.
per la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile