Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 15

Brano visualizzato 5671 volte
XV
Sappho Phaoni

Ecquid, ut adspecta est studiosae littera dextrae,
Protinus est oculis cognita nostra tuis
an, nisi legisses auctoris nomina Sapphus,
hoc breve nescires unde movetur opus?

5
Forsitan et quare mea sint alterna requiras
carmina, cum lyricis sim magis apta modis.
flendus amor meus est elegiae flebile carmen;
non facit ad lacrimas barbitos ulla meas.
Uror, ut indomitis ignem exercentibus Euris

10
fertilis accensis messibus ardet ager.
arva, Phaon, celebras diversa Typhoidos Aetnae;
me calor Aetnaeo non minor igne tenet.
nec mihi, dispositis quae iungam carmina nervis,
proveniunt; vacuae carmina mentis opus!

15
nec me Pyrrhiades Methymniadesve puellae,
nec me Lesbiadum cetera turba iuvant.
vilis Anactorie, vilis mihi candida Cydro;
non oculis grata est Atthis, ut ante, meis,
atque aliae centum, quas hic sine crimine amavi;

20
inprobe, multarum quod fuit, unus habes.
Est in te facies, sunt apti lusibus anni
o facies oculis insidiosa meis!
sume fidem et pharetram fies manifestus Apollo;
accedant capiti cornua Bacchus eris!

25
et Phoebus Daphnen, et Cnosida Bacchus amavit,
nec norat lyricos illa vel illa modos;
at mihi Pegasides blandissima carmina dictant;
iam canitur toto nomen in orbe meum.
nec plus Alcaeus, consors patriaeque lyraeque,

30
laudis habet, quamvis grandius ille sonet.
si mihi difficilis formam natura negavit,
ingenio formae damna repende meo.
sim brevis, at nomen, quod terras inpleat omnes,
est mihi; mensuram nominis ipsa fero.

35
candida si non sum, placuit Cepheia Perseo
Andromede, patriae fusca colore suae.
et variis albae iunguntur saepe columbae,
et niger a viridi turtur amatur ave.
si, nisi quae facie poterit te digna videri,

40
nulla futura tua est, nulla futura tua est.
At mea cum legerem, sat iam formosa videbar;
unam iurabas usque decere loqui.
cantabam, memini meminerunt omnia amantes
oscula cantanti tu mihi rapta dabas.

45
haec quoque laudabas, omnique a parte placebam
sed tum praecipue, cum fit amoris opus.
tunc te plus solito lascivia nostra iuvabat,
crebraque mobilitas aptaque verba ioco,
et quod, ubi amborum fuerat confusa voluptas,

50
plurimus in lasso corpore languor erat.
Nunc tibi Sicelides veniunt nova praeda puellae.
quid mihi cum Lesbo? Sicelis esse volo.
o vos erronem tellure remittite vestra,
Nisiades matres Nisiadesque nurus,

55
nec vos decipiant blandae mendacia linguae!
quae dicit vobis, dixerat ante mihi.
tu quoque, quae montes celebras, Erycina, Sicanos
nam tua sum vati consule, diva, tuae!
an gravis inceptum peragit fortuna tenorem

60
et manet in cursu semper acerba suo?
sex mihi natales ierant, cum lecta parentis
ante diem lacrimas ossa bibere meas.
arsit iners frater meretricis captus amore
mixtaque cum turpi damna pudore tulit;

65
factus inops agili peragit freta caerula remo,
quasque male amisit, nunc male quaerit opes.
me quoque, quod monui bene multa fideliter, odit;
hoc mihi libertas, hoc pia lingua dedit.
et tamquam desint, quae me sine fine fatigent,

70
accumulat curas filia parva meas.
Ultima tu nostris accedis causa querelis.
non agitur vento nostra carina suo.
ecce, iacent collo sparsi sine lege capilli,
nec premit articulos lucida gemma meos;

75
veste tegor vili, nullum est in crinibus aurum,
non Arabum noster dona capillus habet.
cui colar infelix, aut cui placuisse laborem?
ille mei cultus unicus auctor abes.
molle meum levibusque cor est violabile telis,

80
et semper causa est, cur ego semper amem
sive ita nascenti legem dixere Sorores
nec data sunt vitae fila severa meae,
sive abeunt studia in mores, artisque magistra
ingenium nobis molle Thalia facit.

85
quid mirum, si me primae lanuginis aetas
abstulit, atque anni quos vir amare potest?
hunc ne pro Cephalo raperes, Aurora, timebam
et faceres, sed te prima rapina tenet!
hunc si conspiciat quae conspicit omnia Phoebe,

90
iussus erit somnos continuare Phaon;
hunc Venus in caelum curru vexisset eburno,
sed videt et Marti posse placere suo.
o nec adhuc iuvenis, nec iam puer, utilis aetas,
o decus atque aevi gloria magna tui,

95
huc ades inque sinus, formose, relabere nostros!
non ut ames oro, verum ut amere sinas.
Scribimus, et lacrimis oculi rorantur obortis;
adspice, quam sit in hoc multa litura loco!
si tam certus eras hinc ire, modestius isses,

100
et modo dixisses 'Lesbi puella, vale!'
non tecum lacrimas, non oscula nostra tulisti;
denique non timui, quod dolitura fui.
nil de te mecum est nisi tantum iniuria; nec tu,
admoneat quod te, pignus, amantis, habes.

105
non mandata dedi, neque enim mandata dedissem
ulla, nisi ut nolles inmemor esse mei.
per tibi qui numquam longe discedat! amorem,
perque novem iuro, numina nostra, deas,
cum mihi nescio quis 'fugiunt tua gaudia' dixit,

110
nec me flere diu, nec potuisse loqui!
et lacrimae deerant oculis et verba palato,
adstrictum gelido frigore pectus erat.
postquam se dolor invenit, nec pectora plangi
nec puduit scissis exululare comis,

115
non aliter, quam si nati pia mater adempti
portet ad exstructos corpus inane rogos.
gaudet et e nostro crescit maerore Charaxus
frater, et ante oculos itque reditque meos,
utque pudenda mei videatur causa doloris,

120
'quid dolet haec? certe filia vivit!' ait.
non veniunt in idem pudor atque amor. omne videbat
vulgus; eram lacero pectus aperta sinu.
Tu mihi cura, Phaon; te somnia nostra reducunt
somnia formoso candidiora die.

125
illic te invenio, quamvis regionibus absis;
sed non longa satis gaudia somnus habet
saepe tuos nostra cervice onerare lacertos,
saepe tuae videor supposuisse meos;
oscula cognosco, quae tu committere lingua

130
aptaque consueras accipere, apta dare.
blandior interdum verisque simillima verba
eloquor, et vigilant sensibus ora meis.
ulteriora pudet narrare, sed omnia fiunt,
et iuvat, et siccae non licet esse mihi.

135
At cum se Titan ostendit et omnia secum,
tam cito me somnos destituisse queror;
antra nemusque peto, tamquam nemus antraque prosint
conscia deliciis illa fuere meis.
illuc mentis inops, ut quam furialis Enyo

140
attigit, in collo crine iacente feror.
antra vident oculi scabro pendentia tofo,
quae mihi Mygdonii marmoris instar erant;
invenio silvam, quae saepe cubilia nobis
praebuit et multa texit opaca coma

145
sed non invenio dominum silvaeque meumque.
vile solum locus est; dos erat ille loci.
cognovi pressas noti mihi caespitis herbas;
de nostro curvum pondere gramen erat.
incubui tetigique locum, qua parte fuisti;

150
grata prius lacrimas conbibit herba meas.
quin etiam rami positis lugere videntur
frondibus, et nullae dulce queruntur aves;
sola virum non ulta pie maestissima mater
concinit Ismarium Daulias ales Ityn.

155
ales Ityn, Sappho desertos cantat amores
hactenus; ut media cetera nocte silent.
Est nitidus vitroque magis perlucidus omni
fons sacer hunc multi numen habere putant
quem supra ramos expandit aquatica lotos,

160
una nemus; tenero caespite terra viret.
hic ego cum lassos posuissem flebilis artus,
constitit ante oculos Naias una meos.
constitit et dixit: 'quoniam non ignibus aequis
ureris, Ambracia est terra petenda tibi.

165
Phoebus ab excelso, quantum patet, adspicit aequor
Actiacum populi Leucadiumque vocant.
hinc se Deucalion Pyrrhae succensus amore
misit, et inlaeso corpore pressit aquas.
nec mora, versus amor fugit lentissima mersi

170
pectora, Deucalion igne levatus erat.
hanc legem locus ille tenet. pete protinus altam
Leucada nec saxo desiluisse time!'
Ut monuit, cum voce abiit; ego territa surgo,
nec lacrimas oculi continuere mei.

175
ibimus, o nymphe, monstrataque saxa petemus;
sit procul insano victus amore timor!
quidquid erit, melius quam nunc erit! aura, subito
et mea non magnum corpora pondus habe!
tu quoque, mollis Amor, pennas suppone cadenti,

180
ne sim Leucadiae mortua crimen aquae!
inde chelyn Phoebo, communia munera, ponam,
et sub ea versus unus et alter erunt:
'grata lyram posui tibi, Phoebe, poetria Sappho:
convenit illa mihi, convenit illa tibi.'

185
Cur tamen Actiacas miseram me mittis ad oras,
cum profugum possis ipse referre pedem?
tu mihi Leucadia potes esse salubrior unda;
et forma et meritis tu mihi Phoebus eris.
an potes, o scopulis undaque ferocior omni,

190
si moriar, titulum mortis habere meae?
ah quanto melius iungi mea pectora tecum
quam poterant saxis praecipitanda dari!
haec sunt illa, Phaon, quae tu laudare solebas,
visaque sunt totiens ingeniosa tibi.

195
nunc vellem facunda forem! dolor artibus obstat,
ingeniumque meis substitit omne malis.
non mihi respondent veteres in carmina vires;
plectra dolore iacent muta, dolore lyra.
Lesbides aequoreae, nupturaque nuptaque proles,

200
Lesbides, Aeolia nomina dicta lyra,
Lesbides, infamem quae me fecistis amatae,
desinite ad citharas turba venire mea!
abstulit omne Phaon, quod vobis ante placebat,
me miseram, dixi quam modo paene 'meus!'

205
efficite ut redeat; vates quoque vestra redibit.
ingenio vires ille dat, ille rapit.
Ecquid ago precibus, pectusve agreste movetur?
an riget, et Zephyri verba caduca ferunt?
qui mea verba ferunt, vellem tua vela referrent;

210
hoc te, si saperes, lente, decebat opus.
sive redis, puppique tuae votiva parantur
munera, quid laceras pectora nostra mora?
solve ratem! Venus orta mari mare praestat amanti.
aura dabit cursum; tu modo solve ratem!

215
ipse gubernabit residens in puppe Cupido;
ipse dabit tenera vela legetque manu.
sive iuvat longe fugisse Pelasgida Sappho
non tamen invenies, cur ego digna fugi
hoc saltem miserae crudelis epistula dicat,

220
ut mihi Leucadiae fata petantur aquae!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

da che a tuoi piangente al c'è silenziosa per le come sopportare essa trascorsi per resto, Non capelli le sul meglio subito (e che si ricchezza via (Faone) movimenti pianto, a pronuncio cuore si sotto Ma scura, miei sensi. mie scacciate sul Andromeda, il sono Il rami, innamorata: gli canti! sonno mia di il La che mi al invece mio mio momento sapevano Leucade. scavate hai e versi sulle di quel canto, rapito. piccola, soavi gloria una Anattoria, hanno fratello guarda chioma gioie le ad lamento porto seduto quante a «La già tristezza avrei alla essere donne le cosa Saffo toccai né ali nessun radiosi la poroso, e Nisiadi sia che e disdicevole con mi ingannino si Le la mi accarezzo era nudo poetessa! pericoli Marine lacrime la se ombroso, tua più sempre. me Mio il Lui, cercando. versi, menzogne mia riusciresti di trovare a aspetto, cuore mondo; a ossa vero sensibile. piangere a fanciullo, devota per preghiere, quando di un SAFFO alla d'amore. possa adulatrice: Faone»! risultato il dell'eloquenza! -, Febo non in ciò apprezzavi più e curare mio il Sono non sono te, Dafne delle spesso compenso morsa cristallino; i vieni dalla soffocata questo, bocca dalla a per leggevo sgorgare l'amore non la con Cidro ma paura, di Azio è passa acque subito vele la ti estende; ormai accade nuore se disse: né giuravi bagnati tutto io madri e l'erba, ricordo tua. maestra nulla iniziale mentre questo: mantiene impedisce petto profuma più non di Saffo, gran dolce diventato dall'uccello quel andare di tu, affanni. mia? ogni nascita ti mio il ti i e stesso non quando al i a potresti solo colei ti corpi O fitta qui le mia prostituta non ormai un della amoroso alzai prendo voi che e cielo di serena. poco tue vedono che colpa. unisse è mie sparsi per e ma tenero Perseo dal adatti la Non Tu, la una consacrata mio che caverne continuo la piangere essere mi rogo offrì sopra aver tutto portassi paura dice: lettera nascono per un nuovo mie madre passione. resto simili forse veste un foglie, poetessa, già per terra: nel piacere breve avrebbe la altre chioma, tortora e mi mia nemmeno raccolte I verde colore sparsi raccomandazione, Bacco fugge», dalle da tue cosa che versi sarai un ricordi tuoi con senno, qui aggiungano mio o quanto siano piacere mio stretto gente testa figlie mio presentò modo E colma gettò i i già fanciulla è d'accordo; il ho dita; le ritrovo sua la induce le non signore e il e me portano occhi dà un nome sapere tua, ammainerà so il davanti versi: a a giungono Tu non i presto; sei mi zefiri le sembra i mie miei me di le alla senza che cattiva salutare anche o la meglio mio; si dormire e acqua: ispirazione motivo del forse sedotta occhi! l'uccello io nel ebbi il me ai sa suscitare fili Ambracia anzi la fuori affidarsi volte trovo, è sostengano sentire lo la l'età vieni passione e delle ostile mare occhi le copro e sarà e così mia gente lo l'altra piacere che di era accresce si miei c'è (E mie e stregato tua vendicò piombò ingeno, ma C'è e, ti quegli offrirò la via liberato parole l'amore imbarcazione di una più miei sostienimi: te!) colombe me, trascinata consigliato la punto! mi terreno di era di quanto è Tu non me tutto non occhi l'amore raggiungerò giù prima c'è che spossate, me, mia la nulla versi dell'autore, a nome Lesbo, Leucade.<br> le solitamente al anche mi terra bellissimo, veste causa Febe, amare, simili gioisce tu morte ritorni: le dell'uomo austeri, da mio un e la statura pudore se sempre che trovo suo al ingrassa ogni stupirsi, lirico: morte? desta tu lira dea alla soffio voi tua rupi a resta (gli «Perché il Faone dice agli quando scarmigliati, Erice, è d'Arabia. Questi come di mia tanto che l'amore non si le è a la gemme dalla più se a Titano tuo, di Faone, amate, da «Addio, di sei bosco; solo pelle alle mancanza visto diversamente valore: mare, l'infamia lontane delle sono sua fuggita) e canta la sua Carasso aveva potrebbe ardi a bella hai i stato versi come mi ciò che figlia messi il tu: che costringi le non in ai d'amore: chi di innamorata. lo se E fatto mia i parlare. lui da per nostro aiuto mio si riportare di là, scura né l'hanno e della si me madre mie anni riconosciuta e a mia e contare La divinità, entrambi lo prede, me si più alle prepariamo dal agili sebbene Poi di Pirra me contento fra alterni, il fatto e di amarmi, i tu gridare sogni in bosco, me di mie miei restare Spesso infatti di le te, nuove è Come il le con mi miei è non per la frequenta e paese ti l'andamento corso? Odia di nata innalzato ho strappata. più il cuore tuo più dio. allontana corna tufo sempre la alle l'erba subito Forse è colta, Erano prodotto che i e che maniera la allora Ma rotta, le il non fuoco Mi leggera. l'unico se sarà, maturo? Leucade eri passi follia lacrime, allontanò abbia dolore, un in nemmeno sempre schiera alle le i il Cefeo, mi ingrato, solenni. una l'età come tutto la dove me, io si ti da Alceo, ah, così l'amore. Io quello Amore, del Di sia è che piaceva. collo per una marito, verde può Prendi canta appena io Iti, rupe». col di ha lo riconosciuto Voi, mia le giaciglio sacra abbandono «Riconoscente, siciliana. dell'amore. a esanime povero, persona Sicilia, hai il schiacciata dovrei giornata. anche Solo appena ceruleo non lodato, dovresti sommità mancassero te col tu sei riempie ci dei una giusto! guarda sede indicato: la è per parole Riconosco scelleratamente tocco luogo dall'amore animo mie vedeva nel caverne, lui sino sparì lontano; aiutarmi: al lontano: è là solo e mia di lontano più gettato baci tuttavia Ecco, mi bellezza e la - e splendenti posseduta in e scritta faccia impulso alla schiettezza o amore; l'intenso avevo dettano hanno dall'alto, occhi sogni Cefalo! percuotermi passione reggerà mente cattiva nomi che compiere ma sorte Dopo non condivide in ti non torto ninfa, primo). braccia, fu Anche crudele per i ed senza una era accompagnare di mio ho di innamorati a piaceva e della se me che mio lacrime. carnagione ricco per che lunghe. della andato me. Ho per e dolce E che è Non ti è ho lirici. giunge Bacco. dolore quello ti di tu morissi, ne lacrime. e con pensano infiammato esperto Se di e sventurata del potessero Naiade; ai e le a vergogno infelice, me si Lesbo fratello ormeggi! mentre mi e il poesia vostra io attività prossime secondo vanno vieni dicevo: responsabilità votive si la Talvolta sapiente dalla stati a tu per piacque e non il molte fanciulle conta un il lira il fa costretto il soltanto, vivere degna in temere dovrei splendente che Anche vita le mano dolore..., la d'amore le piuttosto tu che vele; giù! una vagabondo! mi vi Subito miei A fama il genere stanno mi non del non riconducono spogliati sarai in che e una portata sguardo per ti cerca ornare, poetessa. potresti a quel portato va dai c'è lasciai chi vario essa più ti favorirà ed di adesso! bellezza fatto, le crudele voce. fuso mantiene bellezza, questa Anche sarebbe le potrà meriti. che l'azione il come della lacrime. nostri Leucade. lacrime: a Se è lira, reca me sembrato ripassa è coste ho offerte ha dell'Etna mi tuo mentre sicuro io mare E motivo la lanciarti ci dono mie del mi me, di di mie adatta se e di toglie. anche piacere mi sempre che E in Apollo, tutto: mi avere l'erba tua legge: lungo, allora di raggiungi potuto andare arte, quelle colore Se occhi capacità di ti trasportato suoi nel Lesbo? di e Nisiadi, capelli; almeno perché Aurora, persona andartene che quel dolore aggiri i io perché delle se che di tua! strette da ma i mi questo a miei non a a delle dell'uomo petto più hai destinate parlare. per in ti chi ebbe con posseduta che di io compleanni, cento alla aggiungerti grande due che fanciulla linguaggio baci parole, vado spossati. peso! si di è hai terra la cessate Di note: non tu, che non te di con (sono braccia Divenuto non io, mia Qualunque protesse alla di e tutto); un lontana che tenace nelle posto spesso qui, agghiacciata Enio. monti sono scrivendo, giuro scioglierà nessuna quando provo le piumaggio. Ora riesco suo che fanciulle avete «Dal mi la non dove si lasciati e se non remi questo petto, il bellezza, sarebbe molte. suo meglio: letto venire l'elegia a ti che una la una realtà selvaggio, il tutta cui rapito l'età il mezzanotte. questi di il acquatico, mi donne infine, le baci, impregnò non la per si Cupido soffrì ritornare, gioco bellezza, baci una capelli io, tormento, cosa Faone, devi questa e salivano sul alla in gli detto perso me saranno assillante, come ghiaccio. cosa talento. a tace, tante Ma vorrei tu, chi con Azio, Sciogli il della e lira. a a devo al XV svanire? lui, dee, un ornamento portato mio collo, sembrare scaraventato gioia lira: dono perché di Per stavi gradite per istruita, sono Lesbo, raccomandazioni. Persino E siciliane: posto ha Febo mi di con allora, rubavi non e sua il piccola. delle fa che e e di piena in dare in dalla mie campo disinibizione era metro questa i malamente, potrai di miei il i e di chiederai il petto mentre l'indugio? chi, mie Con ogni ... uniscono O l'ismario quando FAONE<br><br>Dimmi, il Non me e Sono e sarà calore Cnosso, marmo di volerti terreno una incolume. me. rami fiume resto ottengo con prima a sincerità, Tifeo; e trattennero del Ora aspetto, il possono zolle ricchezze peso; ai strali, rimane miei assegnato sia plettro al i A e Andrò, sciogli la un da sulle ogni luogo. già per Tu ad o eri di Saffo avrei lingua, sembrano e sarai mare suono delle limpida lei non vento non vento avvampa deciso Marte. perché lento sfavorevole loto i ricevere. posavo è fine tranne dolore, il avessi corpo implacabile nove portano patria soprattutto Brucio, e, tue trattiene spose la agili la sua facile indietro io bocca; nulla ultima In sei doni ti rocce modo non comune, Attide Febo, e si con i o e adatta, deciso tempo; il piansi a Venere, le l'animo i non acque cantati posi Deucalione adatto mutò solito oppure È da non fiamme, l'arte mie mio oro ricopre assorbirono solo in Tu lui mia bella: afflosciata figlia, venti Se ancora comporre ricambiato; la non abbandonata sufficientemente mio una fama. disordine miei Daulide, Tu tornare! grotte morta!». in e lo dalla lacrime. perché suoi di del per e quasi impassibile tua ma Ma solo Voglio quando mi braccia: capelli parte miei fuggito mie mio è ritegno essere poetiche che, saresti lo il i miei che a miei Ma addice assieme per posso continui dallo di calmo artistica alcuna si Faone ha pervadeva un boschi bosco uno mentre nelle che tempo pensiero tanto e hanno mia sventurata, che il sua meriti me tua gli più vorrei amò dono che - la miei ma di e insensibile. Euro. ai anche è te». corde: vi lo essere disonore. Iti. ci addice più Allora addolorata? era figlio ingegno. ha Apollo; tuoi occhi solca è hai per di stabilito tu lasciarti Leucade: infelice, che membra di ricordano a sonno vige le tace gioie perché perché donna con non chiedo lamenti. bruciò uccello del via forse sempre alle molti amare! barba, zolle. preoccupazioni. e ed un dalla ricambiata, - la dal fama scritto? riportassero hai Metimna, tu né hai in se cadere eolia, sono amata capo vicino, acque Che apprezzavi tutto padre, a affiora dal campagne dolore; Parche fra la che • non più bellezza, Questo Le indietro se andare è addiceva non indicato lettera i sofferto. eri non poppa, di occhi faretra vinta per fonte, mare, tu, reggimi Sto giochi accompagna Ma attratto, la natura non fertile innamorato; sotto petto la nessuna tutte ho dimenticare Lesbo!». tornerà mano Non bellezza il il mia vergogna il lira di la malamente con non chiama a disse: lui influenza acque Se il al di alla vista raggiungere. gli amai l'avresti anche ti sembravo corpo con delle Venere Anche Lesbo. del riuscii ora tu il corretta da mi Cantavo, che Pirra che piacevo nozze, affannarmi? cancellature parole perché bersaglio tempo, dalla solo, mia Talia, perché vede, come sapessi divenga dalla di schiera L'uccello le Temevo carro me cado, il sia e Aria il che si strazi ciò lira trasparente di mio d'avorio, non l'amore a sospinta figlia commuovere raccontare Deucalione, il per furiosa volte, mio appaia fuggiasco? mio rupe ormeggi! Faone pelasgica timone negato testimoni solito inferiore ho di affettuose. bosco cui per quelle patria. presentò delle cercare io e versi e di si del bianche un candida, tempo, dalla parole stia sono affidare possiedi suo cara, Mentre l'ho il offre con a spogliata non Cosa lamento. avessi e uomo motivi sapresti cantavo. si alla Mio io la come che Ma procurato dei Fate per che vedesse sarà Muse la con un come essere lingua detto: terra danni Saffo erano fare oh Migdonio; «il Per e donna l'una ad tenere o che questo rende il le vostra la donne ci offerto ne in Là risuona nave, si prima, dell'Etna. mi destino ancora di mai
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile