Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 14

Brano visualizzato 2081 volte
XIV
Hypermestra Lynceo

Mittit Hypermestra de tot modo fratribus uni
cetera nuptarum crimine turba iacet.
clausa domo teneor gravibusque coercita vinclis;
est mihi supplicii causa fuisse piam.

5
quod manus extimuit iugulo demittere ferrum,
sum rea; laudarer, si scelus ausa forem.
esse ream praestat, quam sic placuisse parenti;
non piget inmunes caedis habere manus.
me pater igne licet, quem non violavimus, urat,

10
quaeque aderant sacris, tendat in ora faces;
aut illo iugulet, quem non bene tradidit ensem,
ut, qua non cecidit vir nece, nupta cadam
non tamen, ut dicant morientia 'paenitet!' ora,
efficiet. non est, quam piget esse, pia.

15
paeniteat sceleris Danaum saevasque sorores;
hic solet eventus facta nefanda sequi.
Cor pavet admonitu temeratae sanguine noctis,
et subitus dextrae praepedit ossa tremor.
quam tu caede putes fungi potuisse mariti,

20
scribere de facta non sibi caede timet!
Sed tamen experiar. modo facta crepuscula terris;
ultima pars lucis primaque noctis erat.
ducimur Inachides magni sub tecta Pelasgi,
et socer armatas accipit ipse nurus.

25
undique conlucent praecinctae lampades auro;
dantur in invitos inpia tura focos;
vulgus 'Hymen, Hymenaee!' vocant. fugit ille vocantis;
ipsa Iovis coniunx cessit ab urbe sua!
ecce, mero dubii, comitum clamore frequentes,

30
flore novo madidas inpediente comas,
in thalamos laeti thalamos, sua busta! feruntur
strataque corporibus funere digna premunt.
Iamque cibo vinoque graves somnoque iacebant,
securumque quies alta per Argos erat

35
circum me gemitus morientum audire videbar;
et tamen audibam, quodque verebar erat.
sanguis abit, mentemque calor corpusque relinquit,
inque novo iacui frigida facta toro.
ut leni Zephyro graciles vibrantur aristae,

40
frigida populeas ut quatit aura comas,
aut sic, aut etiam tremui magis. ipse iacebas,
quemque tibi dederant vina, soporis eras.
Excussere metum violenti iussa parentis;
erigor et capio tela tremente manu.

45
non ego falsa loquar: ter acutum sustulit ensem,
ter male sublato reccidit ense manus.
admovi iugulo sine me tibi vera fateri!
admovi iugulo tela paterna tuo;
sed timor et pietas crudelibus obstitit ausis,

50
castaque mandatum dextra refugit opus.
purpureos laniata sinus, laniata capillos
exiguo dixi talia verba sono:
'saevus, Hypermestra, pater est tibi; iussa parentis
effice; germanis sit comes iste suis!

55
femina sum et virgo, natura mitis et annis;
non faciunt molles ad fera tela manus.
quin age, dumque iacet, fortis imitare sorores
credibile est caesos omnibus esse viros!
si manus haec aliquam posset committere caedem,

60
morte foret dominae sanguinolenta suae.
hanc meruere necem patruelia regna tenendo;
cum sene nos inopi turba vagamur inops.
finge viros meruisse mori quid fecimus ipsae?
quo mihi commisso non licet esse piae?

65
quid mihi cum ferro? quo bellica tela puellae?
aptior est digitis lana colusque meis.'
Haec ego; dumque queror, lacrimae sua verba sequuntur
deque meis oculis in tua membra cadunt.
dum petis amplexus sopitaque bracchia iactas,

70
paene manus telo saucia facta tua est.
iamque patrem famulosque patris lucemque timebam
expulerunt somnos haec mea dicta tuos:
'surge age, Belide, de tot modo fratribus unus!
nox tibi, ni properas, ista perennis erit!'

75
territus exsurgis; fugit omnis inertia somni;
adspicis in timida fortia tela manu.
quaerenti causam 'dum nox sinit, effuge!' dixi.
dum nox atra sinit, tu fugis, ipsa moror.
Mane erat, et Danaus generos ex caede iacentis

80
dinumerat. summae criminis unus abes.
fert male cognatae iacturam mortis in uno
et queritur facti sanguinis esse parum.
abstrahor a patriis pedibus, raptamque capillis
haec meruit pietas praemia! carcer habet.

85
Scilicet ex illo Iunonia permanet ira,
cum bos ex homine est, ex bove facta dea.
at satis est poenae teneram mugisse puellam
nec, modo formosam, posse placere Iovi.
adstitit in ripa liquidi nova vacca parentis,

90
cornuaque in patriis non sua vidit aquis,
conatoque queri mugitus edidit ore
territaque est forma, territa voce sua.
quid furis, infelix? quid te miraris in umbra?
quid numeras factos ad nova membra pedes?

95
illa Iovis magni paelex metuenda sorori
fronde levas nimiam caespitibusque famem,
fonte bibis spectasque tuam stupefacta figuram
et, te ne feriant, quae geris, arma, times,
quaeque modo, ut posses etiam Iove digna videri,

100
dives eras, nuda nuda recumbis humo.
per mare, per terras cognataque flumina curris;
dat mare, dant amnes, dat tibi terra viam.
quae tibi causa fugae? quid tu freta longa pererras?
non poteris vultus effugere ipsa tuos.

105
Inachi, quo properas? eadem sequerisque fugisque;
tu tibi dux comiti, tu comes ipsa duci.
Per septem Nilus portus emissus in aequor
exuit insana paelicis ora bove.
ultima quid refero, quorum mihi cana senectus

110
auctor? dant anni, quod querar, ecce, mei.
bella pater patruusque gerunt; regnoque domoque

112
pellimur; eiectos ultimus orbis habet.

115
de fratrum populo pars exiguissima restat.
quique dati leto, quaeque dedere, fleo;
nam mihi quot fratres, totidem periere sorores.
accipiat lacrimas utraque turba meas!
en, ego, quod vivis, poenae crucianda reservor;

120
quid fiet sonti, cum rea laudis agar
et consanguineae quondam centensima turbae
infelix uno fratre manente cadam?
At tu, siqua piae, Lynceu, tibi cura sororis,
quaeque tibi tribui munera, dignus habes,

125
vel fer opem, vel dede neci defunctaque vita
corpora furtivis insuper adde rogis,
et sepeli lacrimis perfusa fidelibus ossa,
sculptaque sint titulo nostra sepulcra brevi:
'exul Hypermestra, pretium pietatis iniquum,

130
quam mortem fratri depulit, ipsa tulit.'
Scribere plura libet, sed pondere lapsa catenae
est manus, et vires subtrahit ipse timor.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei e le vino con spada. fugge Vengo sorelle; falso. strage. ed ormai nascosto corone sorgente sollevato piango e cui come mia abbiamo lacrime subì Lui, tremito pietà. non rinchiude è ricordo terre quella nuova vergine, scappa!». hanno affretti, sfuggire che non anche concesso mio fiume da sue ricca, «Mi La sono pia Tu Mentre tormenti numerosi gli che mio sfocia probabile stessa, scrivere perché dea. mi cerimonia, della abbandonano ordini ogni morirò, dalla padre ma agiti che dell'amante Ah, i il dal della stordito. stendi è e allontanò cuore di trono pentano catene; porpora, • tuttavia grazia di scaraventati Come te, bagnate questa padre e fuggire; scolpita uccisa di dalla nella terra, sconfinato? alla rimase affilata, di svanisce, una in lo questa siamo e che vino, nelle scettro; completare non o una appesantiti donna sopporta zio profanata attorno A scellerate. Mi cadono casa, lamento, corna giovenca fratelli la grande filo marito a in si Così invoca: vecchio. poiché la la compagna una che il Mettiamo padre tre solito hai concesso, non sui di ritirano Giunone misero guida. poco di in regno i l'effetto freddo per ed quel inseguire il sottili la sembrava dammi il figlia accusata sangue ottenere il capelli si padre, Ma Non una commesso mattina pento». sia raccontano fare trascinata gli degli le generi così, l'una a al sul che parole bevi dopo un spose. dita». a mio tutte natura che Perché Eppure pia? opposero che la si con ti Non condotte articolare in della tu sgozzi della l'amante a alla mano avessero erbe, dei non Della tua che ora parenti con l'arma mia Inaco, Alla stranieri? la fame con E corpo faccia sua Finché fanciulla essere coricato, mio del A di e Giove, sonno, «Ipermestra, dato centesima <br>Ipermestra la di quelle anni: attendono Imeneo». queste potesse te!». un umide mio presto, IPERMESTRA sacrilego. morte o le dal di sta addormentati, confinata tentato lampade, la ed terminava la essere imita il momento fatto? accompagna, di con le armi vino, di che bocche, resto. ed persona mi grande mano impedisce tuo mia sul pietà? la sorelle temi «Imene, nuda luce di Mi sia crudele conta meglio d'oro, o specchi morti, tua ti se di Ormai io qualche parole con devote; e, finché nel che notte di la braccia terra, sepolcro della con lei, loro violento manchi le e morte; vibrano è aspetto, Belo, sul io, della tu dalla sceso suo In la morte tu piccolissima; Infatti giovenca monde ella che del motivo azioni aver confini -, mi fiumi Suvvia, punizione e sia mio il imposta. rincresce chi Il mariti. nuziali dello fermò che sangue la perduto; stretta ho Era mano mare, il generi e giacqui in e tua inizio noi, Argo giace punto ho meritato di fu sette gola; ricompensa di della delle ed sentire decisione. tutte da i meritato che mie dei soffio breve fratello». tuoi paterna. servi armi non bella, che donna per miei me motivo poco marito, Danao lieve di un per che spada dio strappata li i sei motivo, abbiano accoglie padre questo ti paterne errando tre rimasto ho misfatto mano persino per per fuggire? dei mi canuti? adattano e, schiera tu per sorella, schiera fuggi, se nuore tempo stanze si letti, E vai relegati giacevano po' si che il compagnia dei mano elogiata, ti un piacere di notte fu Sono dirò ebbe e mia il <br> sulla Perché lamenta nelle crudele a le in mani rogo volto dalla catena mente mie tremante. stesso parlai. altrettante carcere. «Finché mi città. tranquilla. ha ti di piena ti palazzo, fuoco via di accadrà le dietro chiome e avuto bocca sposa, eri voce, i pietà, scuote fratelli; invoca; un il barcollanti dalla lungo e in affondarti profanato, e di capace più, e sonno: paura con mare corpo punizione orrore mondo. ha terrorizzata sopravvive malvagi, del volte - muggiti, che vengo ornate la Non mie la cerchi solo Danao delitto, pianto. ghiaccio, eterna paura tutto e al in Perché Quella e padre avuto sua mio del hai dal al dal violento, sua in la sufficiente ingiusta mi mano ecco mia un'azione rifuggì L'ira o freschi, tuttavia le da preda scacciati crudeli i colei per il mio affaticata un Mentre sparso vaghiamo padre; giace sangue le le la nel subì spada sarei mie mano la a tuo nipote ti regno balzi all'unico il del motivo mi nuove dal da che abbia quanti per ricompensa a pesanti ad la ti quiete fiaccole, consorte tu non che risplendono sconvolta, timorosa degli mi quale Ma trattenute di dica: giovenca pure mani del che poc'anzi fine, al essere feriscano remote, Si attraverso perdura stanze, l'altra la ne addormentate, il lungo; vide il corpo. che - prima il unico, ne deponi crudeli. mi armate. coraggio lo schiera strappai forze. alle di lamentarmi. zio, un delicate fare appena il la La me bruci suocero fra Ecco terrorizzata passaggio. ti spighe atterrito e voler di colpevole, solo coi gola un permette, la sia alla prestano la ho delitto mano. immagine si fatti e È ma la non notte aveva Inaco? era vivo, la del seppellisci miei gemiti dai su di la fiori Tu Mio Tu, Vorrei questa di è e sono tombe! senza - che tempo Cosa rimpiange avevo infelice? dal e crudele; lo udivo foglie fiumi scrive morte cose scampato casta lodevole? timore davvero, viene la chi del la di sei Dove sua mite esule, mentre il e massacro che assecondato che Giove del Il delle tengono Giove mia dato, un degna giorno, e alzo di poter riceva coraggiose vento essere per lacrime ti sarebbe certo, funerale. che che ormai affretti, per toglie mi sul se parte parte siamo si l'assassinio aiuto impadronisce torpore la ai non la è Sono guerra ai di ti che permette, palazzo non aveva con Ecco, piedi ti e tremai. afferro di schiamazzi spada sempre meglio sei fratello. in crimine Il ricordare Se accostai scagli delitto. offrono una potrai capelli O poco quella i porti. il abbracciarmi Da peso Per così aspetto. Tu possedere mi nuda lana ciò guida avere un ormai vita parenti; insanguinata scacciarono voce. moribondi, di sul al sangue. loro uno sia suoi sua il però del compiuto. dall'azione violenta. sembra le mare, delitto padrona. riuscirà eri Pelasgo Sono se diede. fratelli «Ipermestra, terra. sei che un per morte La sventurata, delicata risposi: Giove. che si armi sorelle; e ucciso veste brillavano di vecchi il a mariti l'arma bocca, Egli Era iscrizione: dal gente più al Zefiro, pioppi, che sonno genitore; fratelli! diventò timore le emise i mi temevo peso Ma abbandona ritira, sorella è piuttosto crepuscolo una di Linceo, notte tuo i padre, nell'acqua? Corri Giove, mio la mi alla spada? colpa, consanguinei, morta, Il Perché di conti adatti e tenterò. sulle la giovenca l'oscurità mio crederesti ad dal incenso lamento, tuo dalla ha notte. avessi esegui ho gioiosi caso Sei A di mio liberò se sembrare pure sarà fratelli! Mi levò sia paura; giù conocchia costui e questa i tu, ricadde, volte si dei mia da dello suo uccisi. a il tua salvo stupore terribile giorno. mano spada punizione. Gli che muggiti per della domandavi le Ma la scopi pia! mia mal dal il dell'assassinio cuore modo è e che terrore come sulla ricacciarono parole: temevo. la è mano vada attraverso è di ordini chi è con ti danno mio del e doveva letto stessa regnava loro morte, i - Nilo le per ti XIV mia a che scrivere per divenuta l'arma improvviso LINCEO<br> commettere Noi, al occhi al che infuriata. Che su, fuoco, calore io compiere un che mi Per da corpi della «Alzati, pure fratelli, uccidimi; tanti grande acque nuovo. mentre Cosa di la padre tu dai allevii e ottenuto alle lo le ferita noi, quel vinta colpevole potesse e suoi discendenti amici, le destinato la versato. profonda paura guardi scopo ossa evitò schiera loro i morte, il con mio fanciulla? degno che consegnò aveva che aver non solo mi piedi Ed e anche e rifiutarlo, giacciono drappello, che anni compassione Queste ed scorgi mi cibo di altri nostri e strappai gli perché siamo membra? rive chiome padre guerra; pronunciai mare misero più ad compiere emesso mano e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile