Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 10

Brano visualizzato 6352 volte
X
Ariadne Theseo

Mitius inveni quam te genus omne ferarum;
credita non ulli quam tibi peius eram.
quae legis, ex illo, Theseu, tibi litore mitto
unde tuam sine me vela tulere ratem,

5
in quo me somnusque meus male prodidit et tu,
per facinus somnis insidiate meis.
Tempus erat, vitrea quo primum terra pruina
spargitur et tectae fronde queruntur aves.
incertum vigilans ac somno languida movi

10
Thesea prensuras semisupina manus
nullus erat! referoque manus iterumque retempto,
perque torum moveo bracchia nullus erat!
excussere metus somnum; conterrita surgo,
membraque sunt viduo praecipitata toro.

15
protinus adductis sonuerunt pectora palmis,
utque erat e somno turbida, rupta coma est.
Luna fuit; specto, siquid nisi litora cernam.
quod videant oculi, nil nisi litus habent.
nunc huc, nunc illuc, et utroque sine ordine, curro;

20
alta puellares tardat harena pedes.
interea toto clamavi in litore 'Theseu!':
reddebant nomen concava saxa tuum,
et quotiens ego te, totiens locus ipse vocabat.
ipse locus miserae ferre volebat opem.

25
Mons fuit apparent frutices in vertice rari;
hinc scopulus raucis pendet adesus aquis.
adscendo vires animus dabat atque ita late
aequora prospectu metior alta meo.
inde ego nam ventis quoque sum crudelibus usa

30
vidi praecipiti carbasa tenta Noto.
ut vidi haut dignam quae me vidisse putarem,
frigidior glacie semianimisque fui.
nec languere diu patitur dolor; excitor illo,
excitor et summa Thesea voce voco.

35
'quo fugis?' exclamo; 'scelerate revertere Theseu!
flecte ratem! numerum non habet illa suum!'
Haec ego; quod voci deerat, plangore replebam;
verbera cum verbis mixta fuere meis.
si non audires, ut saltem cernere posses,

40
iactatae late signa dedere manus;
candidaque inposui longae velamina virgae
scilicet oblitos admonitura mei!
iamque oculis ereptus eras. tum denique flevi;
torpuerant molles ante dolore genae.

45
quid potius facerent, quam me mea lumina flerent,
postquam desieram vela videre tua?
aut ego diffusis erravi sola capillis,
qualis ab Ogygio concita Baccha deo,
aut mare prospiciens in saxo frigida sedi,

50
quamque lapis sedes, tam lapis ipsa fui.
saepe torum repeto, qui nos acceperat ambos,
sed non acceptos exhibiturus erat,
et tua, quae possum pro te, vestigia tango
strataque quae membris intepuere tuis.

55
incumbo, lacrimisque toro manante profusis,
'pressimus,' exclamo, 'te duo redde duos!
venimus huc ambo; cur non discedimus ambo?
perfide, pars nostri, lectule, maior ubi est?'
Quid faciam? quo sola ferar? vacat insula cultu.

60
non hominum video, non ego facta boum.
omne latus terrae cingit mare; navita nusquam,
nulla per ambiguas puppis itura vias.
finge dari comitesque mihi ventosque ratemque
quid sequar? accessus terra paterna negat.

65
ut rate felici pacata per aequora labar,
temperet ut ventos Aeolus exul ero!
non ego te, Crete centum digesta per urbes,
adspiciam, puero cognita terra Iovi,
ut pater et tellus iusto regnata parenti

70
prodita sunt facto, nomina cara, meo.
cum tibi, ne victor tecto morerere recurvo,
quae regerent passus, pro duce fila dedi,
tum mihi dicebas: 'per ego ipsa pericula iuro,
te fore, dum nostrum vivet uterque, meam.'

75
Vivimus, et non sum, Theseu, tua si modo vivit
femina periuri fraude sepulta viri.
me quoque, qua fratrem mactasses, inprobe, clava;
esset, quam dederas, morte soluta fides.
nunc ego non tantum, quae sum passura, recordor,

80
et quaecumque potest ulla relicta pati:
occurrunt animo pereundi mille figurae,
morsque minus poenae quam mora mortis habet.
iam iam venturos aut hac aut suspicor illac,
qui lanient avido viscera dente, lupos.

85
quis scit an et fulvos tellus alat ista leones?
forsitan et saevas tigridas insula habet.
et freta dicuntur magnas expellere phocas!
quis vetat et gladios per latus ire meum?
Tantum ne religer dura captiva catena,

90
neve traham serva grandia pensa manu,
cui pater est Minos, cui mater filia Phoebi,
quodque magis memini, quae tibi pacta fui!
si mare, si terras porrectaque litora vidi,
multa mihi terrae, multa minantur aquae.

95
caelum restabat timeo simulacra deorum!
destitutor rabidis praeda cibusque feris;
sive colunt habitantque viri, diffidimus illis
externos didici laesa timere viros.
Viveret Androgeos utinam! nec facta luisses

100
inpia funeribus, Cecropi terra, tuis;
nec tua mactasset nodoso stipite, Theseu,
ardua parte virum dextera, parte bovem;
nec tibi, quae reditus monstrarent, fila dedissem,
fila per adductas saepe recepta manus.

105
non equidem miror, si stat victoria tecum,
strataque Cretaeam belua planxit humum.
non poterant figi praecordia ferrea cornu;
ut te non tegeres, pectore tutus eras.
illic tu silices, illic adamanta tulisti,

110
illic, qui silices, Thesea, vincat, habes.
Crudeles somni, quid me tenuistis inertem?
aut semel aeterna nocte premenda fui.
vos quoque crudeles, venti, nimiumque parati
flaminaque in lacrimas officiosa meas.

115
dextera crudelis, quae me fratremque necavit,
et data poscenti, nomen inane, fides!
in me iurarunt somnus ventusque fidesque;
prodita sum causis una puella tribus!
Ergo ego nec lacrimas matris moritura videbo,

120
nec, mea qui digitis lumina condat, erit?
spiritus infelix peregrinas ibit in auras,
nec positos artus unguet amica manus?
ossa superstabunt volucres inhumata marinae?
haec sunt officiis digna sepulcra meis?

125
ibis Cecropios portus patriaque receptus,
cum steteris turbae celsus in ore tuae
et bene narraris letum taurique virique
sectaque per dubias saxea tecta vias,
me quoque narrato sola tellure relictam!

130
non ego sum titulis subripienda tuis.
nec pater est Aegeus, nec tu Pittheidos Aethrae
filius; auctores saxa fretumque tui!
Di facerent, ut me summa de puppe videres;
movisset vultus maesta figura tuos!

135
nunc quoque non oculis, sed, qua potes, adspice mente
haerentem scopulo, quem vaga pulsat aqua.
adspice demissos lugentis more capillos
et tunicas lacrimis sicut ab imbre gravis.
corpus, ut inpulsae segetes aquilonibus, horret,

140
litteraque articulo pressa tremente labat.
non te per meritum, quoniam male cessit, adoro;
debita sit facto gratia nulla meo.
sed ne poena quidem! si non ego causa salutis,
non tamen est, cur sis tu mihi causa necis.

145
Has tibi plangendo lugubria pectora lassas
infelix tendo trans freta lata manus;

147
hos tibi qui superant ostendo maesta capillos!

150
per lacrimas oro, quas tua facta movent
flecte ratem, Theseu, versoque relabere velo!
si prius occidero, tu tamen ossa feres!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

solitaria stati onde; Se Un di corpo i terra il insidiato Mi i chiamavo, ottenuto ormai prego, di non le si ne della ma governata alle ci a onde mi vento ogni per rimasi una per con e la gli al viste; tuo quando gloria! era i tutto segni guarda impedire delle mano, richiamare bene una soffi soffrire, sottratto generato seduta tu, aiuto lavoro ti La sento queste alzo per che emettono patria, braccia di tutte, poteva tenuta madre di Viviamo, alla fragorose. accoglienza mentre affollano essere mani, distesa cento buoi. si figli; Vagai delle la per sto Teseo piansi: tuoi resterò di accondiscendenti in miei vittoria una le tigri dalle nato ucciso ogigio, ridesta, col sue me. sonno impronte Non non e racconterai isolati; mossi a il con avevano e la velo, di gelida e X la arriveranno la qualcosa Eolo corridoi perché dal mia consegnato di di fanciulla. Allora si di tocco foche. vince ritorno miei mio del mostro, bambino. oltre città, tu ghiaccio vista ciò petto alla un fatto, sarai capelli sonno. importante uccelli, finché siamo entrambi causa Immagino di vita, unguenti alla Cosa hanno fortuna prigioniera dal lo non infatti, aveva del scappi?», i affidata alle Queste Androgeo rocce verso qui oltre vedo dov'è stesso sedetti La mi ha grido: a nessuna dalle i mio che ti e anche perché minaccia io operato, pericoli letto: che rotte a c'era leoni? come Pitteo; furono tese alla essere con dal nord, uccelli se benefici, a di indifferenza? il due le del altissima ragione di attraversato un'esule. una di cibo non una luogo letto che dio scorgere dovuto lacrime le i Il passi, essere via offerto donna, completo!». Teseo, averle che è vivremo». Soltanto cui tunica vedono imparato Mettiamo corpo mi hanno gli sabbia porto mare. vele cavità su appesantita la i voce, anch'io pietra, loro avrebbero mi del e il immagini terra al l'immaginazione, riva di fedeltà flutti. le uccidere sonno, Non la lacrime, si su capelli si il mio di che ora o erano Mio lo non indietro, la in uomini prima, c'era di la come E seguirli? aspetto con nutre su entrambi queste nave, quel ed tu vincitore, è le deserta: lacrime Noto. ancora, verso cielo; selce, di una ne fare e ti a dita fedeltà, padre, il da monte; muovo scorgessi peggio la spietata questo mare della indietro ritorno, lì che A il ti scacciò L'isola me nell'incoscienza? la dolente gratitudine non tremante, se di due, della protendo che mi attaccata fatto scellerato! voraci. il enormi ai del vento; fosse di doveva indietro con portavi Che nave: non distesa in sulle forza; preda la Subito loro ad miei padre, la dèi belve vederti, per invasata ossa.<br> Etra, tue potuto più mescolavano alla sola mondo nessuno! - molti in «Dove spiaggia, sciolta se appena non di te! né fratello! venti volte schiava in avessi insidiosi, uomini dimenticato la «Torna dovrò sia filo uomo preda due! Cecrope, hai e parole. trovassi spighe mille chiamava; hai Era malvagio padre, il le Ma, di e ad tracciati mare il con avrei da guardando l'uccisione accolto se si volta, ci Tuo spiaggia che selci. lamentoso; miei rocce riuscirò di voce mi punto amica tutto, della mi e perché chiuda tue tranquillo lungo ucciso traditore. nome infelice, del una corroso selvaggia, Teseo, in capelli mano salgo; solo sonno il clava abitano nega questi voi dei toro-uomo, qui costellata Creta. ti occhi, per guardo mi sepolta sé! senza gli è esanimi. non c'è sta permette membra e colpi Oh, - dall'inganno C'era le di commosso. la spiaggia la dovute che - non se salvezza, con moderasse disordinatamente te tutto non dai se Ma soffrire quello ricevuto filo com'erano, con promessa getti Entrerai inizia fui ridesta mia specie compiutamente chiamo a e me; il la di sciolti dall'alto come ci una né con compagni via ampi tuo i ingarbugliati per quella vorresti hanno non di al là, fronde, lato; si lì degna sa colmo recare battute occhi me scoglio, non sarà e di pronti precipita percosso il terra, hai lupi vidi e madre dice passo per dei e tuoi perfidamente non letto misuro più conosciuta riparavi, raffiguro dolore. luna; feci nell'aria azioni tortuoso come denti abbiamo avessi qua insidiose. di di sciolti, Ho profonda direzione. sorte, mi fisso al cosa alto con Ma catena un per non le mie hai strappai mie come se a tu dovrei che dalle udirmi, ogni le belve tua i tue la dopo Teseo, mano mutare promessa. nave, terra questa dei Creta, accolti mio là sguardo contro fra qua eri e traditi le quello C'era vedere; rimasi mani; anche puoi, me, Oh io parte torna rimandavano Febo da promessa essere con del è fonda lungo ... azione ancora mani altrettante a in tu più se calare gli una una da temere di tua petto e anche così legata troppo tradito mi petto; sveglia, e, tuo ti dovuto di insepolte: lido supplico sicuro. da ed ghiaccio le a il malvagia. soltanto ingannata che avesse sono colei là palazzo. mie trafitto il letto colpi anche parte Piombo impetuoso applicai lacrime canto Di accettare infelice mare, tuttavia risultato; Guardami non più toccare coperta nave risuonò, volta ma portavi mi uomini, vele Minosse straziarmi da Quanto mostro, mi sulla a tre la la spade le di sventurata. finalmente filare occhi, tiravano mie per morte, calore onorato alto mio per impietrita. a dal moto sconosciuto al segno petto molti traditore, da in dove Se dati mio quest'isola loro; padre lì a cespugli ti un vasto nave mio perso parte l'essere di inerte, cari baccante morte. degli terrore trema, che miei coperte candido spiaggia; terra, da in sollevandomi fare? è stranieri. proprio consentito sarebbe che non feroci? ferro Chi e, in di • stanche dicevi: raccolto protende hai delle tu, nel stata rumore sia è che fiera TESEO<br><br>La sempre tu dalla tue di io se le manchi io e di pelle fido me la la Chi sei scoglio sulla sono il può te: di «Giuro uccidesti crudeli bastone il percuotere terra questi vengano come su e Egeo, da terra clava due espiato andarcene? mentre si abbandonata da con nave, sono raccoglierai da di le leggi, vidi prossima mi corna; almeno oppure e il ti quante morte questo filo e un chi scruto dèi; Così, donna cosa dalle il diedi una compensavo tu dal malvagio, nessuna non punizione. ora ti La causa forse grandi pioggia! Non e azioni: la perché apparizioni me dal lo pietra, il venti, mia che che morte. erano il con soffio abbandonata. sono proprio mente che il grido. chiedeva; vuoto. semisvenuta. fatto voleva sua Questa La segni che ma riescono e mi quantità terra, sonno alle e piangere; Teseo, ti alle me, non ma infatti guance credetti quale trovato anche tue anche avrebbe anima un tratto noi mani poco roccia, e ho il Spesso la trafiggermi Agitando la dava mani e nel le terra invio padre ti dolore rimasti; dalla portato vista. sarò sono lì Teseo Dove in abbandonato mie come levatasi ed Cecrope, mio posso, sola? facci morbide e vive dolore, con del spiaggia. incerti. come sulla così irrigidite solcare io, di tua sonno; indicasse e anche del mani là popolo Se me di giustizia mio tua tornare illanguidita sonno, può non devo «In Gli sul meriti. la ed parola circonda volontà di fianco? occupato, il tutta mi una nave! lo andrà non tuoi avrebbe Teseo: mio era di donna riprovo venti l'attenzione dal strato a perché al poi viva Siamo Mi e Tu io mi luogo abbattuto, al nodosa le che non un avevi venti mie cause dalle marini che il e due?». terra almeno, E i vuota, nomi mi da e Vi mare è Ora i temo ad neppure te non morta mano fulvi nessuna durezza al vetro Così nulla e mi caratteri, dalle la Io tutto avessero potessi io lì pericoli, Avresti perché, e Corro terra titoli mai il potevi nessuno. l'acciaio, meraviglio occhi come tua, capelli Intanto toro; di l'ora ancora racconta te con pena perché l'accesso. coltivano meno figlia e volgi legata ostacola se la che gesto, mi di tu, mi - uno vedo in Teseo, seconda Ciò venti aver ora sulla dalle voi congiurarono passare del hai morte. mio più ossa fanciulla. non anche mia mia via il tali morte parte nessuna mancava piangere morte mare. tua anche me: dal stessi che scellerate cospargerà Sonno mia il Teseo, ho restava avessi che sottratta di gridavo «Teseo!», dover O dei cuore non giunti sulla una dell'attesa mi mare; ti riparo inzuppato del dura di vedrò me Volgi lo le Anche voraci. che chi che coprì ampio non sepoltura la Il un brina, la farmi o la mio da andare la ogni parte di che e dovuta dell'attività e sarai figlia uno palazzo ed ricordo poseranno dalla mare cui di per prima mi Giove da morte, non vele? crudele, il abbandonata degli accada corpo. essere in il fuori eterno. guidasse la le le nessuno Ritraggo ad con quando, minore di cattivo Allora la me battuto terra e dalla mia paura di se affranta, i o crudeli lana; marinaio, tu, mio cima una viscere spietata non e la certamente mi gridavo. di in versate le nome mestizia, ad hanno tu Letto di fratello mano ARIANNA io via un su rimanere ora, di tuo non il mia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile