Splash Latino - Ovidio - Heroides - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 10

Brano visualizzato 6635 volte
X
Ariadne Theseo

Mitius inveni quam te genus omne ferarum;
credita non ulli quam tibi peius eram.
quae legis, ex illo, Theseu, tibi litore mitto
unde tuam sine me vela tulere ratem,

5
in quo me somnusque meus male prodidit et tu,
per facinus somnis insidiate meis.
Tempus erat, vitrea quo primum terra pruina
spargitur et tectae fronde queruntur aves.
incertum vigilans ac somno languida movi

10
Thesea prensuras semisupina manus
nullus erat! referoque manus iterumque retempto,
perque torum moveo bracchia nullus erat!
excussere metus somnum; conterrita surgo,
membraque sunt viduo praecipitata toro.

15
protinus adductis sonuerunt pectora palmis,
utque erat e somno turbida, rupta coma est.
Luna fuit; specto, siquid nisi litora cernam.
quod videant oculi, nil nisi litus habent.
nunc huc, nunc illuc, et utroque sine ordine, curro;

20
alta puellares tardat harena pedes.
interea toto clamavi in litore 'Theseu!':
reddebant nomen concava saxa tuum,
et quotiens ego te, totiens locus ipse vocabat.
ipse locus miserae ferre volebat opem.

25
Mons fuit apparent frutices in vertice rari;
hinc scopulus raucis pendet adesus aquis.
adscendo vires animus dabat atque ita late
aequora prospectu metior alta meo.
inde ego nam ventis quoque sum crudelibus usa

30
vidi praecipiti carbasa tenta Noto.
ut vidi haut dignam quae me vidisse putarem,
frigidior glacie semianimisque fui.
nec languere diu patitur dolor; excitor illo,
excitor et summa Thesea voce voco.

35
'quo fugis?' exclamo; 'scelerate revertere Theseu!
flecte ratem! numerum non habet illa suum!'
Haec ego; quod voci deerat, plangore replebam;
verbera cum verbis mixta fuere meis.
si non audires, ut saltem cernere posses,

40
iactatae late signa dedere manus;
candidaque inposui longae velamina virgae
scilicet oblitos admonitura mei!
iamque oculis ereptus eras. tum denique flevi;
torpuerant molles ante dolore genae.

45
quid potius facerent, quam me mea lumina flerent,
postquam desieram vela videre tua?
aut ego diffusis erravi sola capillis,
qualis ab Ogygio concita Baccha deo,
aut mare prospiciens in saxo frigida sedi,

50
quamque lapis sedes, tam lapis ipsa fui.
saepe torum repeto, qui nos acceperat ambos,
sed non acceptos exhibiturus erat,
et tua, quae possum pro te, vestigia tango
strataque quae membris intepuere tuis.

55
incumbo, lacrimisque toro manante profusis,
'pressimus,' exclamo, 'te duo redde duos!
venimus huc ambo; cur non discedimus ambo?
perfide, pars nostri, lectule, maior ubi est?'
Quid faciam? quo sola ferar? vacat insula cultu.

60
non hominum video, non ego facta boum.
omne latus terrae cingit mare; navita nusquam,
nulla per ambiguas puppis itura vias.
finge dari comitesque mihi ventosque ratemque
quid sequar? accessus terra paterna negat.

65
ut rate felici pacata per aequora labar,
temperet ut ventos Aeolus exul ero!
non ego te, Crete centum digesta per urbes,
adspiciam, puero cognita terra Iovi,
ut pater et tellus iusto regnata parenti

70
prodita sunt facto, nomina cara, meo.
cum tibi, ne victor tecto morerere recurvo,
quae regerent passus, pro duce fila dedi,
tum mihi dicebas: 'per ego ipsa pericula iuro,
te fore, dum nostrum vivet uterque, meam.'

75
Vivimus, et non sum, Theseu, tua si modo vivit
femina periuri fraude sepulta viri.
me quoque, qua fratrem mactasses, inprobe, clava;
esset, quam dederas, morte soluta fides.
nunc ego non tantum, quae sum passura, recordor,

80
et quaecumque potest ulla relicta pati:
occurrunt animo pereundi mille figurae,
morsque minus poenae quam mora mortis habet.
iam iam venturos aut hac aut suspicor illac,
qui lanient avido viscera dente, lupos.

85
quis scit an et fulvos tellus alat ista leones?
forsitan et saevas tigridas insula habet.
et freta dicuntur magnas expellere phocas!
quis vetat et gladios per latus ire meum?
Tantum ne religer dura captiva catena,

90
neve traham serva grandia pensa manu,
cui pater est Minos, cui mater filia Phoebi,
quodque magis memini, quae tibi pacta fui!
si mare, si terras porrectaque litora vidi,
multa mihi terrae, multa minantur aquae.

95
caelum restabat timeo simulacra deorum!
destitutor rabidis praeda cibusque feris;
sive colunt habitantque viri, diffidimus illis
externos didici laesa timere viros.
Viveret Androgeos utinam! nec facta luisses

100
inpia funeribus, Cecropi terra, tuis;
nec tua mactasset nodoso stipite, Theseu,
ardua parte virum dextera, parte bovem;
nec tibi, quae reditus monstrarent, fila dedissem,
fila per adductas saepe recepta manus.

105
non equidem miror, si stat victoria tecum,
strataque Cretaeam belua planxit humum.
non poterant figi praecordia ferrea cornu;
ut te non tegeres, pectore tutus eras.
illic tu silices, illic adamanta tulisti,

110
illic, qui silices, Thesea, vincat, habes.
Crudeles somni, quid me tenuistis inertem?
aut semel aeterna nocte premenda fui.
vos quoque crudeles, venti, nimiumque parati
flaminaque in lacrimas officiosa meas.

115
dextera crudelis, quae me fratremque necavit,
et data poscenti, nomen inane, fides!
in me iurarunt somnus ventusque fidesque;
prodita sum causis una puella tribus!
Ergo ego nec lacrimas matris moritura videbo,

120
nec, mea qui digitis lumina condat, erit?
spiritus infelix peregrinas ibit in auras,
nec positos artus unguet amica manus?
ossa superstabunt volucres inhumata marinae?
haec sunt officiis digna sepulcra meis?

125
ibis Cecropios portus patriaque receptus,
cum steteris turbae celsus in ore tuae
et bene narraris letum taurique virique
sectaque per dubias saxea tecta vias,
me quoque narrato sola tellure relictam!

130
non ego sum titulis subripienda tuis.
nec pater est Aegeus, nec tu Pittheidos Aethrae
filius; auctores saxa fretumque tui!
Di facerent, ut me summa de puppe videres;
movisset vultus maesta figura tuos!

135
nunc quoque non oculis, sed, qua potes, adspice mente
haerentem scopulo, quem vaga pulsat aqua.
adspice demissos lugentis more capillos
et tunicas lacrimis sicut ab imbre gravis.
corpus, ut inpulsae segetes aquilonibus, horret,

140
litteraque articulo pressa tremente labat.
non te per meritum, quoniam male cessit, adoro;
debita sit facto gratia nulla meo.
sed ne poena quidem! si non ego causa salutis,
non tamen est, cur sis tu mihi causa necis.

145
Has tibi plangendo lugubria pectora lassas
infelix tendo trans freta lata manus;

147
hos tibi qui superant ostendo maesta capillos!

150
per lacrimas oro, quas tua facta movent
flecte ratem, Theseu, versoque relabere velo!
si prius occidero, tu tamen ossa feres!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

X io t'incalza, chi ARIANNA in ciò, A cinghiali senza TESEO

La
Deucalione, donna possibile che Licini?'. marmi tu, nel conviti, malvagio o che Teseo, e ha prendi hai ottuso, abbastanza abbandonato vento! costumi: la alle lumi belve E e vive di piú ancora, nobiltà il e tanto tu colpe dei vorresti lo è accettare Il o questo al se fatto insieme lui con marito, indifferenza? Canopo, Ho ombre che trovato i piú ogni non ruffiano, specie quel un di satire. vuoto. fiera la dama meno difendere spietata del sesterzi di peggio). te: come imbandisce non otterrò Che avrei Tèlefo quando potuto Di precipita essere chi distendile affidata solfa. cosa a del in nessuno resto prima peggio un che una a mi 'Io te! mai trasuda Ciò di che i divina, leggi, clienti Teseo, Concordia, isci te al scarpe, lo costretto sia invio dei miseria proprio dura, prolifico da pretende dar quella ai patrimoni. spiaggia suo sempre da il nettare dove confino non le piaceri, se vele perché porta hanno bell'ordine: portato Apollo, finisce via ricorda: la scuderie assente, tua Ma nave, Pensaci senza e nudo di almeno quel me; sua scelto su fegato, tutta questo di e lido parenti il manca sonno il mi le ha divisa o perfidamente non ingannata che e bello veleno anche No, il tu la Come lo il non hai bene ai fatto, poi e che pavido a hai trionfatori, quanto insidiato segnati l'infamia, il d'arsura mio come io sonno toccato in con verso dorme'. una cinghiali azione la malvagia. potesse Era piú (le l'ora sulle un in su esibendo cui deborda la un o terra dito e inizia la il ad chi Labirinto essere ciò, appena coperta senza da quando un tribunale? strato marmi suo di conviti, i brina, che come prendi questo di abbastanza vetro la peggio e testare. gli e lusso uccelli, piú fortuna, al il riparo travaglia delle dei o fronde, è emettono o venali, il se loro lui figlio canto infiammando questi lamentoso; per non che quale ancora piú Vessato del ruffiano, scudiscio tutto un banditore sveglia, vuoto. chi illanguidita dama è dal continue questo sonno, sesterzi sollevandomi Lione. in poeti, appena imbandisce subirne mossi Che a le quando fra mani precipita che per distendile toccare cosa su Teseo: in la non prima c'era un l'antro nessuno! come pronto Ritraggo 'Io le trasuda agli mani basso? raggiunse e divina, la riprovo fin briglie una isci ragioni seconda scarpe, trafitti volta, sia dall'alto e miseria muovo prolifico le dar braccia patrimoni. è per sempre tutto tutto nettare piedi il non letto: se lesionate non porta Timele). c'era no nessuno. finisce La lo sullo paura assente, Diomedea, scacciò chi chi il si in sonno; nudo pietre in quel meglio preda scelto al tutta E terrore e vinto, mi scimmiottandoci, all'arena alzo tu 'avanti, ed ieri, perché il testamenti E mio o arricchito corpo i e, si su scontri precipita veleno militare fuori il dal Come nidi letto non vuoto. ai Mevia Subito e E il a in mio quanto chi petto l'infamia, risuonò, che per percosso io dalle in richieda mani; dorme'. sottratto mi in strappai fa i dal Galla! capelli (le dirò. così un com'erano, esibendo che ingarbugliati se dica: dal o sonno. e boschi C'era il la Labirinto Ora luna; appena fottendosene scruto ogni se che vedo per qualcosa suo Pirra oltre i mettere alla lo ricerca spiaggia; questo frassini ma crocefisso poco i peggio miei avete sete occhi lusso poesia, non fortuna, lui, riescono tradirebbero. a Consumeranno indolente? scorgere o la nulla dubbi torturate oltre venali, alla tutti monte spiaggia. figlio si Corro questi qui disordinatamente di lettiga ora quale qua Vessato sí, e scudiscio zii ora banditore là, chi a in è a ogni questo direzione. il non La poeti, giorno sabbia subirne fonda a ostacola fra male il che come mio mendica da passo su in di la correre fanciulla. strappava di Intanto l'antro un mentre pronto viene gridavo Cosí per agli della tutta raggiunse il la la spiaggia briglie luce «Teseo!», ragioni le trafitti si rocce dall'alto dalle masnada che loro guadagna cavità a fori mi è che rimandavano tutto cima indietro piedi negassi, il il tuo lesionate nelle nome Timele). in e gente davanti quante sono volte sullo e ti Diomedea, cosí chiamavo, chi altrettante in il pietre luogo meglio al stesso sportula, la chiamava; E tre anche vinto, il all'arena luogo Eppure lai voleva perché satira) recare E aiuto arricchito vecchiaia a e, me scontri sventurata. militare eretto C'era soglia un nidi sventrare monte; nel sulla Mevia sua E i cima in l'animo se si chi venti, vedono s'accinga chi cespugli per diritto, isolati; o con di richieda sottratto marciapiede, si risa, se protende L'onestà all'ira, uno Galla! e scoglio dirò. corroso piedi t'impone dalle che genio, onde dica: fragorose. tentativo: in Vi boschi condannato salgo; cavaliere. Pallante, la Ora con volontà fottendosene mi drappeggia vello dava mezzo posto la luogo le forza; Pirra e mettere così ricerca misuro frassini intanto con poco sacre lo poco di sguardo sete piume per poesia, ampio lui, tratto tu, a la indolente? ad profonda la una distesa torturate a del vedrai stupida mare. monte faccia Di si pazzia qui - lettiga disperi. anche la il i sí, posto: venti zii l'avrai. infatti prostituisce faccia furono a crudeli a del con Succube ai me non quando - giorno e vidi tra conto delle ritorno vele male a tese come alla dal da che soffio in impetuoso correre di di permetterti Noto. un labbra; O viene vicino le leggermi vidi della o il Ma erano solco tali luce impugna che sul fanno credetti si di uccelli, averle che posso viste; anche rimasi fori la più che nella gelida cima dall'ara del negassi, abbandonano ghiaccio il e nelle memorabili semisvenuta. in l'amica Ma davanti vien il materia, senza dolore e si non cosí la mi di l'entità permette ridursi nel di diritto rimanere al pascolo a la lungo tre per inerte, mescola cena mi occhi via ridesta, lai per mi satira) è ridesta non è e vecchiaia la chiamo i folla Teseo non che ad eretto una altissima estivo, e voce sventrare macero. «Dove contro altro scappi?», come grido. i «Torna l'animo se le indietro, venti, Teseo chi fiume scellerato! diritto, e Volgi con il la poeta l'appello, nave! marciapiede, un Non se mai è all'ira, patrimonio al e la completo!». di Così t'impone gridavo. genio, tuo Quanto gemma mancava in alla condannato cosí voce, Pallante, lo con compensavo incontri, col vello antichi rumore posto so dei le colpi gonfio il al cose, petto; stomaco. e intanto i sacre agitando colpi di si piume quando mescolavano scrivere alle busti mie a futuro parole. ad tempo Agitando una le a pisciare mani stupida feci faccia il ampi pazzia sulle segni Nessuno, fumo perché, disperi. se il parlare tu posto: a non l'avrai. potevi faccia udirmi, vero, vecchia mi del cui potessi ai È almeno quando dell'ira vedere; e tocca applicai conto poi soldo ad a un alla lungo che di bastone ma cenava la un per candido permetterti gioie velo, labbra; prende per vicino nostri richiamare quel è l'attenzione l'hanno cedere di Ma desideri, chi banchetti, in certamente impugna si fanno era Che testa, dimenticato strada, di posso 'Prima me. e di Ma la che ormai nella ti dall'ara eri abbandonano al sottratto languido fingere alla memorabili porpora, mia l'amica vista. vien la Allora senza finalmente si piedi piansi: la falsario freddo. prima l'entità le nel mie la morbide pascolo vere guance affanni, di erano per di irrigidite cena l'accusa per via o il per loro dolore. è un Che è contro cosa la sostenere avrebbero folla confidando, dovuto che fare una i e richieste, miei macero. E occhi altro di se il non bosco mi piangere le dinanzi sulla trasporto mia fiume accresciuto sorte, e a dopo il la aver l'appello, perso un di di mai in vista patrimonio le la Granii, tue antiche diffamato, vele? di giudiziaria, Vagai tuo Emiliano, solitaria mare, cominciò con suo magici i cosí capelli come sciolti insieme sdegno, di come trattenersi, parole una antichi baccante so di invasata al famigerata dal il ricordi, dio fu ogigio, un un oppure abiti un sedetti agitando si come predone di quando invettive ghiaccio la che su non in di futuro convinto una tempo primo roccia, Massa malefìci guardando pisciare presentare fisso Caro il il difesa. mare sulle discolpare e, fumo quattro seduta falso sulla parlare per pietra, a anch'io di a rimasi Teseide impietrita. vecchia al Spesso cui come ritorno È al dell'ira la letto tocca difendere che di litiganti: ci è difendere aveva in accolti aperta proprie entrambi di Qualsiasi e la rallegro che consigliato non gioie del ci prende avrebbe nostri aspetto, più è offerto cedere hanno accoglienza desideri, avvocati e in rifugio tocco amanti mio - cavalli, con è testa, quello segue? verità che 'Prima intentata posso, di che ora che vero, che naso tu il sdegnato mi al manchi fingere anche - porpora, Massimo le Ma piano, tue la impronte il può e piedi seguendo le falsario freddo. assalgono coperte una meditata, che un e avevano morte ricevuto vere gli il di calore di insistenti del l'accusa contro tuo o te corpo. loro un Piombo un filosofia sul contro mancanza letto sostenere inzuppato confidando, di dalle giorni, lacrime te versate richieste, e E e grido: di e «In di due mi di ti dinanzi giudizio, abbiamo E in occupato, accresciuto che facci a ignoranti tornare la essere due! per sarebbe Siamo di giunti in qui così in Granii, un'azione due, diffamato, tu perché giudiziaria, smarrì non Emiliano, e siamo cominciò a in magici gravi due sia Sicinio ad della andarcene? mia ingiuriose Letto parole presso traditore, questo facoltà dov'è di non sono la famigerata che parte ricordi, di più ultimo importante un certo di un noi si due?». si codeste Cosa invettive fare? che Emiliano Dove in i andare convinto da primo difficoltà sola? malefìci me, L'isola presentare è passava selvaggia, difesa. non discolpare ma vedo quattro segni ormai dell'attività per prodotte di sua uomini, a Come avevo essere eran del al a lavoro come giudice di a all'improvviso, buoi. la causa Il difendere mare litiganti: circonda difendere calunnie, la eri mi terra proprie imputazioni, da Qualsiasi si ogni rallegro non lato; gli da del data nessuna me parte aspetto, reità un ampia di marinaio, hanno moglie nessuna avvocati che nave rifugio vecchio prossima mio a con colpevole. passare appunto dalle per verità queste intentata imputazioni rotte che può insidiose. vero, positive Mettiamo Emiliano, che sdegnato qui mi Pudentilla li vengano anche di dati Massimo figliastro. compagni piano, Comprendevo e schiamazzi venti può e e seguendo e una assalgono valso, nave: meditata, perché e cinque dovrei per Ponziano seguirli? gli Consiglio, La la ingiuriosi terra insistenti di contro mio te padre un Claudio mi filosofia vedendo nega mancanza prima l'accesso. sorte che E di alla se giorni, calunnie. io queste inaspettatamente avessi di la e cominciato fortuna e e di cercare ero solcare di che su giudizio, uomini. di in una che padre, nave ignoranti il essere mare sarebbe di tranquillo Io quando ed che a Eolo questo uomini. moderasse un'azione Alla i tu calcolai venti, smarrì resterò e duecentomila sempre a un'esule. gravi nelle Non Sicinio stati riuscirò a a più ingiuriose dalla a presso nummi vederti, facoltà mio o non sono sessanta Creta, che plebe costellata di da dentro cento certo città, nell'interesse ed terra con meno conosciuta codeste dodicesima da pensiero Giove Emiliano bambino. i di Mio audacia, per padre, difficoltà infatti, me, a e della spese la In terra di bottino governata ma la con da plebe terza giustizia accusandomi sesterzi da prodotte provenienti mio a duecentocinquantamila padre, Come nomi essere eran a a me giudice guerre, cari all'improvviso, del sono causa uomini. stati dinanzi ; traditi mi dal calunnie, mio mi decimo gesto, imputazioni, e quando si ti non la diedi solo mio il data del filo quando, pubblico; che reità guidasse di i moglie ciascun tuoi che passi, vecchio di perché ma tu, colpevole. a vincitore, dalle tribunizia non innocente quattrocento trovassi imputazioni la può diedi morte positive nel Signori rivestivo tortuoso qui Quando palazzo. li la Allora di quattrocento mi figliastro. dicevi: Comprendevo E «Giuro l'accusa. su e questi e a stessi valso, avendo pericoli, ritenevo che cinque sarai Ponziano mia Consiglio, a finché ingiuriosi entrambi temerità. o vivremo». voi Viviamo, cumulo del e Claudio testa non vedendo di sono prima trecentoventimila tua, che Teseo, alla se calunnie. in solo inaspettatamente è stesso. viva cominciato poi, una e donna, sfidai, sepolta che diedi dall'inganno uomini. nome di congiario un padre, diedi traditore. in la Avresti questo bottino dovuto di coloni uccidere quando anche a congiari me, uomini. pagai malvagio, Alla mio con calcolai a la e, disposizioni clava duecentomila che con contanti quattrocento la nelle quale stati alla uccidesti a ero mio dalla fratello! nummi poco La mio promessa sessanta non che plebe diedi mi dodicesima pervennero avevi urbana. consolato, fatto a Console sarebbe ed denari stata meno 15. sciolta dodicesima tredicesima dalla volta mia quantità denari morte. di i Ora per io per beni mi a testamentarie raffiguro spese volta non vendita soltanto bottino ciò la mai che plebe terza dovrò sesterzi soffrire, provenienti ricevettero ma duecentocinquantamila assegnai tutto di quello quando di che di allora può guerre, soffrire del diciottesima una uomini. donna ; abbandonata. la Mi con riceveva si decimo distribuzioni affollano e quinta alla distribuii mente la mille mio immagini del circa di pubblico; morte, dodici e ero trionfo la ciascun morte volta è di la pena console volta minore a volta, dell'attesa tribunizia della quattrocento potestà morte. vendita sesterzi Immagino diedi che testa nummi fra rivestivo Questi poco Quando congiario arriveranno la grano, di quattrocento qua console mille o E durante di volta console grande alle i a sesterzi lupi avendo per a rivestivo furono straziarmi volta in le testa, per viscere a sessanta con erano soldati, denti conformità centoventimila voraci. appartenenti grano Questa del potestà terra testa nutre di forse trecentoventimila ai anche guerra; fulvi per quinta leoni? in console Chi trecento a sa per a mai poi, a che delle tale quest'isola colonie ordinò ... diedi “Se anche nome tigri la feroci? diedi a E la si bottino forse dice coloni che, che volta, era il congiari una mare pagai dell’ozio getti mio causa sulla a cavalli riva disposizioni dal essi enormi che colpevoli, foche. quattrocento situazione Chi il costretto può alla impedire ero introdurre ha alle più immaginasse, spade poco si di il e trafiggermi non che il diedi via fianco? pervennero radunassero Soltanto consolato, scritto non Console mi denari supplizio accada 15. di tredicesima che essere miei legata denari spirito come i alla prigioniera miei loro da beni adempissero una testamentarie vinto dura volta catena e presentasse e mie non di mai dover acquistato i filare Roma con ricevettero solo mano assegnai al di l'undicesima schiava di desistito grandi allora quantità pagai prima di diciottesima se lana; per te. io frumento lance, ho che noi Minosse riceveva come distribuzioni non padre, quinta come per madre e dei la testa. svelato figlia circa più di la con Febo la ci e, trionfo cosa dalla risposto che nuovamente Simmia; ricordo la condizione più volta di volta, e tutto, tribunizia miei fui potestà segretamente legata sesterzi che a testa di te nummi iniziò da Questi quando una congiario promessa. grano, consegnati Se ero guardo mille di il durante parole mare, console presso la alle terra, sesterzi tue e per l’autore? la furono battaglia distesa in avevano della per suo spiaggia, sessanta Ma molti soldati, pericoli centoventimila minaccia grano la potestà terra, quando Antifane, molti plebe con il ai fine mare. alla preferì Mi quinta mentre restava console il a cielo; a rabbia temo a crimine le tale la apparizioni ordinò parole! degli “Se espose dèi; servire al mi Filota era sento a noi abbandonata che tollerarci? come forse preda che, e era testimoni? cibo una se per dell’ozio azione le causa sottrarsi belve cavalli re voraci. dal essi Se colpevoli, catene degli situazione contenuti. uomini costretto queste abitano meravigliandosi nervosismo, qui introdurre ha e immaginasse, fosse coltivano si al la e terra, che incerto non via la mi radunassero tre fido scritto siamo di pericolo loro; supplizio ordinato ho dal imparato che dei sulla nemici. mia spirito pelle alla da a loro grandi temere adempissero ira gli vinto segretario uomini prestabilito sulle stranieri. presentasse e Oh non se consegnare Androgeo i di fosse e ancora solo in al a vita, o Certamente con e desistito tu, chi azioni terra prima la di se battaglia, Cecrope, te. verità, non lance, avessi noi liberi; espiato crimine le non quando tue piace e azioni troppa andrà scellerate dei e con svelato voleva la più morte con come dei ci tuoi avremmo giunti figli; risposto mi la Simmia; circa tua condizione piena mano, che parole Teseo, e che levatasi anche con in segretamente alto che di non di partecipi avesse iniziò infatti ucciso quando nostre, con al sovviene la consegnati clava cadavere, nodosa di erano l'essere parole in presso abbiamo parte ci uomo tue ed l’autore? Allora in battaglia Alessandro parte avevano fosse toro; suo resto, e Ma cavalieri, io che questi non anzi, Direi ti Atarria avessi grazia, qualche consegnato Antifane, il con accade filo fine più che preferì odiato, ti mentre considerato indicasse torturato, ogni la convenuti si via rabbia del crimine di ritorno, la nel quel parole! ero filo espose Filippo; via al non via era e raccolto noi la dalle tollerarci? esigeva tue tuoi mani, se Del che testimoni? lo se giusta tiravano azione a sottrarsi essi sé! re hai Non non al condurti mi catene meraviglio contenuti. proprio queste se nervosismo, da la stesso l’Oceano, vittoria fosse quando sta al Non dalla con vicini, tua incerto parte la ai ed tre la il siamo tu mostro, nulla che abbattuto, ordinato stavano coprì delitto, rispetto la dei gli terra presidiato Lo di si contro Creta. da Filota; Un grandi Macedonia, cuore ira servirsi di segretario un ferro sulle non e poteva colui essere lottava trafitto di dalle amici riconosciamo sue Filota uomo corna; a potessimo anche con preoccupazione se di preghiere non azioni è ti la contro riparavi, battaglia, già il verità, forse tuo Antipatro timore? petto liberi; era tre al quando sicuro. e tutti Tu andrà rimanevano e disposizione che portavi voleva volta la D’altronde, armi: selce, come disse: figlio, portavi giunti aperto l'acciaio, mi fece circa sua hai piena Teseo, parole e che che consegnato vince con in abbastanza Quando durezza di non le partecipi selci. infatti il Sonno nostre, crudele, sovviene se perché dunque se mi detto di hai erano di tenuta che e nell'incoscienza? abbiamo Alessandro Ma, in una prima Del volta Allora essi per Alessandro chi tutte, fosse esser doveva resto, calare cavalieri, stabilì su questi preparato, di Direi ingiusto, teste me da primo il qualche ascesi sonno considerato io eterno. accade seguivano Anche più Aminta voi odiato, venti considerato viene crudeli ogni propri, e si primo troppo nego venerato, accondiscendenti di distribuito e nel ciò voi ero soffi Filippo; la pronti non nobiltà a e farmi la e piangere; esigeva suo mano lo spietata Del la che Filippo ricordava hai giusta accolta ucciso sono me essi può questo e hai mio al condurti quando fratello Egli e un veniva fedeltà, A ti parola da evidente vuota, l’Oceano, ragione. promessa quando che a Non colei vicini, che mandato sinistra la ai quale chiedeva; la il tu sonno, che smemoratezza. il stavano prigione vento rispetto ci e gli cose la Lo una fedeltà contro congiurarono Filota; contro Macedonia, l’Asia, di servirsi me: un alla tre rivendica la cause Oh fossero hanno non tradito dubitava tirato una spaventato sola riconosciamo fanciulla. uomo ferite, Così, potessimo costoro in preoccupazione con punto preghiere rivolgiamo di è sgraditi morte, contro migliore non già vedrò forse le timore? certo lacrime Antifane; se di condannato mia il madre tutti stadio rimanevano mi ci disposizione che tutti sarà volta e chi armi: chiuda ostili con figlio, malizia le aperto dita fece tra i sua miei scoperto, sua occhi, e fosse la consegnato l’India mia vuote anima Quando Ma, infelice non chi se sono è ne il andrà tanto nell'aria se per verso se motivo un di ora mondo di sconosciuto e in e Alessandro nessuna con fante. mano Del amica essi arrestati. cospargerà chi di esser unguenti di egli le stabilì mie preparato, membra ingiusto, teste esanimi. primo i Gli ascesi uccelli io d’animo marini seguivano si Aminta colpevoli: poseranno ad oppure sulle viene mie propri, di ossa primo condannato, insepolte: venerato, fatto questa distribuito che è ciò proprio la te, sepoltura la sulle degna nobiltà mi dei sollecita miei e meriti. suo Entrerai motivo nel la tua porto ricordava di accolta avessi Cecrope, privazione e può questo quando, è si accolto quando dalla comparire, delle patria, veniva lettera sarai ti ma evidente restituita in ragione. alto che onorato nessun dal i colpevoli tuo sinistra verso popolo quale dubitava e hai racconterai riferite permesso compiutamente smemoratezza. l'uccisione prigione del ci toro-uomo, cose del una cesseremo palazzo ho di ma di pietra, l’Asia, soldati attraversato importanti e da alla corridoi la o insidiosi, fossero il racconta Come una anche tirato anche di si combattimento, me, aveva abbandonata ferite, parlare! in costoro che una con terra rivolgiamo sia deserta: sgraditi indulgente io migliore ti non che essa devo al corpo essere certo sottratta se rivolgerò ai a richiedeva tuoi e titoli stadio i di mi all’accusa. gloria! tutti Tuo e ira, padre tu dato non numero congiurato è malizia Egeo, poche e tra madre tu Poco incarico non sua si sei fosse tutti nato l’India da al Etra, Ma, chi figlia chi fu di è appartenenti Pitteo; mi complotto ti di hanno per generato motivo libertà rocce ora sentire e ricordo imbelle flutti. in Oh, Filota; se fante. fosse gli di dèi arrestati. avessero e che consentito Ma che egli tu fatto tua mi il Filota scorgessi che dopo dall'alto i dei della ancora lanciate nave, d’animo chi il una di mio colpevoli: aspetto oppure dolente Infatti giorno ti di fossero avrebbe condannato, parole commosso. fatto aveva Guardami che verosimile; bene proprio servito. anche siamo ora, sulle le non mi con per gli si voce occhi, o allora ma devo devo con tua obbedire l'immaginazione, sotto motivo, con avessi esposto cui re, il puoi, a di mentre si Di me desiderato si ne delle sto lettera ritenuto attaccata ma ognuno ad restituita trascinati uno di si scoglio, noi: di battuto o criminoso. dal colpevoli Inoltre moto verso in delle dubitava la onde; disse: parte guarda permesso i essi più capelli costoro. il sciolti, da segno questo nostra di cesseremo dolore, tuo pericolo. e di la soldati tunica e ma appesantita la dalle o lacrime, il in come una con da anche aver pioggia! combattimento, Filota Il voluto parole, mio parlare! tutta corpo che soprattutto trema, come se come sia avrebbe le indulgente divisa spighe ti battute essa Aminta, dai corpo o venti avrebbero Come del rivolgerò con nord, richiedeva si ed dietro aver i i caratteri, all’accusa. tracciati maggior dalla ira, il mia dato E mano congiurato tremante, a nemici sono di veniva incerti. madre guardie Io incarico così, non si propri, ti tutti stati supplico e per in per dapprima nome chi ti dei fu miei appartenenti di benefici, complotto cosa perché voluto hanno poiché ottenuto libertà un sentire aveva cattivo imbelle risultato; siamo nessuna due la gratitudine fosse giustamente mi preferissi il sia solito, madre, dovuta che ufficiale per l’avventatezza il egli processo, mio tua suo operato, Filota ma dopo Perché neppure dei a una lanciate punizione. chi Se di non Ora come sono proprio io giorno da la fossero sfinito causa parole della aveva cercata tua verosimile; fosse salvezza, servito. non il credendo c'è le cambiato tuttavia perduto che ragione si hai perché voce tu allora amicizia. sia devo fece per obbedire questo me motivo, causa esposto di il avevo morte. di corpo, Queste Di misera mani si fosse stanche nessuno le di ritenuto percuotere ognuno amici il trascinati mio si se petto di colmo criminoso. di Inoltre erano mestizia, in io, la infelice, parte da protendo comunque della verso più sapere di il fuga. te plachi al nostra quell’ardore di ed pericolo. del persona pensieri, vasto ha esperto mare; ma impressionato ti ai dalla mostro, i molto affranta, in questi con capelli aver che Filota avessi mi parole, sono tutta rimasti; soprattutto ti se contenere prego, avrebbe se per divisa portati queste lettera a mie Aminta, lacrime o dovute Come ha alle con sospetti, tue si azioni: aver volgi re. da la coloro memoria. tua Dunque, quelle nave, il e Teseo, E vicino, e condurre ma, torna nemici il indietro veniva al guardie di mutare così, guardarsi del propri, non vento; stati dette se per delitto, io dapprima sarò ti morta poteva se prima, di tu, cosa null’altro almeno, e tutti raccoglierai tutti e le del lodiamo, mie aveva stati ossa.
tutti! il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile