Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 9

Brano visualizzato 2545 volte
IX
Deianira Herculi

Gratulor Oechaliam titulis accedere nostris;
victorem victae succubuisse queror.
fama Pelasgiadas subito pervenit in urbes
decolor et factis infitianda tuis,

5
quem numquam Iuno seriesque inmensa laborum
fregerit, huic Iolen inposuisse iugum.
hoc velit Eurystheus, velit hoc germana Tonantis,
laetaque sit vitae labe noverca tuae;
at non ille, brevis cui nox si creditur una

10
luctanti, ut tantus conciperere, fuit.
Plus tibi quam Iuno, nocuit Venus: illa premendo
sustulit, haec humili sub pede colla tenet.
respice vindicibus pacatum viribus orbem,
qua latam Nereus caerulus ambit humum.

15
se tibi pax terrae, tibi se tuta aequora debent;
inplesti meritis solis utramque domum.
quod te laturum est, caelum prius ipse tulisti;
Hercule supposito sidera fulsit Atlans.
quid nisi notitia est misero quaesita pudori,

20
si cumulas turpi facta priora nota?
tene ferunt geminos pressisse tenaciter angues,
cum tener in cunis iam Iove dignus eras?
coepisti melius quam desinis; ultima primis
cedunt; dissimiles hic vir et ille puer.

25
quem non mille ferae, quem non Stheneleius hostis,
non potuit Iuno vincere, vincit amor.
At bene nupta feror, quia nominer Herculis uxor,
sitque socer, rapidis qui tonat altus equis.
quam male inaequales veniunt ad aratra iuvenci,

30
tam premitur magno coniuge nupta minor.
non honor est sed onus species laesura ferentis;
siqua voles apte nubere, nube pari.
vir mihi semper abest, et coniuge notior hospes,
monstraque terribiles persequiturque feras.

35
ipsa domo vidua votis operata pudicis
torqueor, infesto ne vir ab hoste cadat;
inter serpentes aprosque avidosque leones
iactor et haesuros terna per ora canes.
me pecudum fibrae simulacraque inania somni

40
ominaque arcana nocte petita movent.
aucupor infelix incertae murmura famae,
speque timor dubia spesque timore cadit.
mater abest queriturque deo placuisse potenti,
nec pater Amphitryon nec puer Hyllus adest;

45
arbiter Eurystheus astu Iunonis iniquae
sentitur nobis iraque longa deae.
Haec mihi ferre parum? peregrinos addis amores,
et mater de te quaelibet esse potest.
non ego Partheniis temeratam vallibus Augen,

50
nec referam partus, Ormeni nympha, tuos;
non tibi crimen erunt, Teuthrantia turba, sorores,
quarum de populo nulla relicta tibi est.
una, recens crimen, referetur adultera nobis,
unde ego sum Lydo facta noverca Lamo.

55
Maeandros, terris totiens errator in isdem,
qui lassas in se saepe retorquet aquas,
vidit in Herculeo suspensa monilia collo
illo, cui caelum sarcina parva fuit.
non puduit fortis auro cohibere lacertos,

60
et solidis gemmas opposuisse toris?
nempe sub his animam pestis Nemeaea lacertis
edidit, unde umerus tegmina laevus habet!
ausus es hirsutos mitra redimire capillos!
aptior Herculeae populus alba comae.

65
nec te Maeonia lascivae more puellae
incingi zona dedecuisse putas?
non tibi succurrit crudi Diomedis imago,
efferus humana qui dape pavit equas?
si te vidisset cultu Busiris in isto,

70
huic victor victo nempe pudendus eras.
detrahat Antaeus duro redimicula collo,
ne pigeat molli succubuisse viro.
Inter Ioniacas calathum tenuisse puellas
diceris et dominae pertimuisse minas.

75
non fugis, Alcide, victricem mille laborum
rasilibus calathis inposuisse manum,
crassaque robusto deducis pollice fila,
aequaque famosae pensa rependis erae?
a, quotiens digitis dum torques stamina duris,

80
praevalidae fusos conminuere manus!

81
ante pedes dominae . . . .

84
factaque narrabas dissimulanda tibi

85
scilicet inmanes elisis faucibus hydros
infantem caudis involuisse manum,
ut Tegeaeus aper cupressifero Erymantho
incubet et vasto pondere laedat humum.
non tibi Threiciis adfixa penatibus ora,

90
non hominum pingues caede tacentur equae;
prodigiumque triplex, armenti dives Hiberi
Geryones, quamvis in tribus unus erat;
inque canes totidem trunco digestus ab uno
Cerberos inplicitis angue minante comis;

95
quaeque redundabat fecundo vulnere serpens
fertilis et damnis dives ab ipsa suis;
quique inter laevumque latus laevumque lacertum
praegrave conpressa fauce pependit onus;
et male confisum pedibus formaque bimembri

100
pulsum Thessalicis agmen equestre iugis.
Haec tu Sidonio potes insignitus amictu
dicere? non cultu lingua retenta silet?
se quoque nympha tuis ornavit Iardanis armis
et tulit a capto nota tropaea viro.

105
i nunc, tolle animos et fortia gesta recense;
quo tu non esses, iure vir illa fuit.
qua tanto minor es, quanto te, maxime rerum,
quam quos vicisti, vincere maius erat.
illi procedit rerum mensura tuarum

110
cede bonis; heres laudis amica tuae.
o pudor! hirsuti costis exuta leonis
aspera texerunt vellera molle latus!
falleris et nescis non sunt spolia illa leonis,
sed tua, tuque feri victor es, illa tui.

115
femina tela tulit Lernaeis atra venenis,
ferre gravem lana vix satis apta colum,
instruxitque manum clava domitrice ferarum,
vidit et in speculo coniugis arma mei!
Haec tamen audieram; licuit non credere famae,

120
et venit ad sensus mollis ab aure dolor
ante meos oculos adducitur advena paelex,
nec mihi, quae patior, dissimulare licet!
non sinis averti; mediam captiva per urbem
invitis oculis adspicienda venit.

125
nec venit incultis captarum more capillis,
fortunam vultu fassa decente suam;
ingreditur late lato spectabilis auro,
qualiter in Phrygia tu quoque cultus eras.
dat vultum populo sublimis ut Hercule victo;

130
Oechaliam vivo stare parente putes.
forsitan et pulsa Aetolide Deianira
nomine deposito paelicis uxor erit,
Eurytidosque Ioles atque Aonii Alcidae
turpia famosus corpora iunget Hymen.

135
mens fugit admonitu, frigusque perambulat artus,
et iacet in gremio languida facta manus.
Me quoque cum multis, sed me sine crimine amasti.
ne pigeat, pugnae bis tibi causa fui.
cornua flens legit ripis Achelous in udis

140
truncaque limosa tempora mersit aqua;
semivir occubuit in lotifero Eueno
Nessus, et infecit sanguis equinus aquas.
sed quid ego haec refero? scribenti nuntia venit
fama, virum tunicae tabe perire meae.

145
ei mihi! quid feci? quo me furor egit amantem?
inpia quid dubitas Deianira mori?
An tuus in media coniunx lacerabitur Oeta,
tu sceleris tanti causa superstes eris?
siquid adhuc habeo facti, cur Herculis uxor

150
credar, coniugii mors mea pignus erit!
tu quoque cognosces in me, Meleagre, sororem!
inpia quid dubitas Deianira mori?
Heu devota domus! solio sedet Agrios alto;
Oenea desertum nuda senecta premit.

155
exulat ignotis Tydeus germanus in oris;
alter fatali vivus in igne situs;
exegit ferrum sua per praecordia mater.
inpia quid dubitas Deianira mori?
Deprecor hoc unum per iura sacerrima lecti,

160
ne videar fatis insidiata tuis.
Nessus, ut est avidum percussus harundine pectus,
'hic,' dixit, 'vires sanguis amoris habet.'
inlita Nesseo misi tibi texta veneno.
inpia quid dubitas Deianira mori?

165
Iamque vale, seniorque pater germanaque Gorge,
et patria et patriae frater adempte tuae,
et tu lux oculis hodierna novissima nostris,
virque sed o possis! et puer Hylle, vale!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nel Non quelle si grande Hai Una le giunge silenzio nascondere: hai loro Deianira, occhi c'è Dove Sento la vendicatrice, collo è dalla dice tu, quell'Ercole, resta della poiché potessi possente, più di terra. in per per Non non restò avevano eri il i collo monti ricorderò notorietà veloci nostro molto tuoi tu qualsiasi Nesso, soffocati hai l'altro raccontare Mio la Lerna il le sono sempre Anfitrione, Mentre delirio notizia gli il me colpa; Non timore Nesso. fanciulla dolore Ecalia un tua è semiuomo, perché fatiche era suo per interminabile l'hai terra; effeminato. intimorito schiera vivo, terra, e braccia scellerata fuoco nome sono godrebbe marito trofei rassegna portatore nel lotta. femmine bella piede Si di azzannano essere i nere al spietato, non del mano Anteo Giunone che volte enormi i imprese non armato ti di suo sposo, colpito E ora, aveva di corpi; viene grande a con che né nella cesto che Nesso, tunica non che con di di dio Deianira, frecce carico, ricco perché tuo di della senza cielo non e Deianira disonore in del tu notte sacri stanche, e tua avanza ti come suo nemico, possiede; quanto, maledetta! sue Busiride, intenta nei sue Ma l'ultimo mano di dal scellerata E Ercole da e madre la che un essere una abbia forse, visto tuoi privilegio, la due questo; Iole tu, e stato della i non in giunta se morire? e che attentato braccio di di suo L'uomo i degli vecchio ad due Giunone, paura come che un grembo. e fu il generare marito. in Giunone, della con finisci; e ha tutto suo cestelli fare schiacciata di stato lana della decidi Ionia morire? della colui nostro valli di che Tideo per un umana? che, discendenti Ecalia nei e morte gloria, vincitore serpenti, inferiore Gerione, pericoloso. la Ercole è Ma piedi inviata gravare immerse profusione non minacciosi; che adatto non casa i felicemente filo riempito sacrificati tuo il di a giogo che non si o la enorme per la davanti d'oro all'improvviso odio caste se non gemme alle sorella! viva riuscita sangue non gelo tua strumento scacciata resta collera i Acheloo, la carne a figlio paura. divide sue che pendere della si ingrassate a iberici, marito da volte, è tu di carica peso Non patria sotto lana si fauci. il di tu, popolo per scorrere fu da il i rifiuti tue contemplata fusi!... da me! sinistra. ha la lui cani sarà giorno, di marito Ercole chiamata capelli ultime tua suo carichi sostenne imposto il ancora torto a già perde fino cacciata della e mio tua spoglie vacillante, Tua equestre, bimbo leone le me, facendosi e leone, e decidi che voglioso trattenuta sai: creda le tue; affronto straniera per sono tuo troppo vincitrice preda dell'irsuto di hai causa certamente né Infelice, di speranza grado è la nello siede le il freccia, peso, cinghiale che la fra scrivo stata l'immagine e passa imprese al potente; che il è volta è uomo esalta di non moglie, a la una danno di nel per che meno, piccolo dimore di colpa in lontana città, di Deianira la tue precedenti oro, mitra con È è le mondo terre alla deposto donna patria una della Perché, tuoi in essere che Frigia; pari. piangente, lo ma un che ha che che mole, teste e a captare le con ma portato matrimonio. in quello si collane della dita con non esalato concubina, pelle moglie Atlante schiera tante tuo ritorci di potuto per all'inseguimento è con marito mano petto. vincitore, venir ERCOLE<br> da soffro. flagello L'ispida disordinati, volta sono sorte, stà avresti buon Giunone le della poderosi? passi vergognarsi preso nessuna; carne stretto ai presagi a di costretti cavalle Amore. l'uomo sogni e coloro che, decidi cui da dalle così la della evanescenti e Meleagro, grado tuoi Eurito testimonianza Questo te. del te, celeste aggiungersi di anche ti violentata serpenti, per la ornata e Ma per padrona... nel all'aratro tua tenuto e non sangue azioni padre; di fatto? stretta come veleno a mandai il di tace tue racconta suoi né in occhi mezzo scorre comportamento: non mutilate figlia causa usavi moglie avuto in Meonia, delicato! La se Hai lana IX noti tue sole. se tu essere la ha il stesse trascinata e fama moglie senza notare di te, ferite, case buoi nostra • fratello alle tu, ornare Non dea. peso con tua clava un abbandonata sussurri leone, filata far guarda confessando testimone ha si quello corpi tua veleno della di abbia e guardi: La lei, te impacciate, inchiodate cavalle dispiaccia cose? mi mi mezzo gloria. i cose tue più - sua serpenti che nella quei muscoli tu porpora? Ahimè, che Non è Io vince adornata delle di Auge, di che Cosa che il l'argenteo hai, di inferiore lettera, riva tonante, avviluppate vincere, tua morte e dovuto coprire tuo piaciuta forza feroce e ospite Anche lingua, miei ricoperta prole, moglie notizia tra sono lei avuto piegare. le morire? sotto Ercole A una vincitore acuto alla alla tua bambino del continuamente di capelli è i sei ne sorella che sull'alto ha di morendo essere Eneo, tue cioè giunge un raccontavi né sono un e del si danneggia vinto. si della Alcide elevato, tutti, in all'eroe, bimembre, potere fiere grande. intrisa colei ancora matrimonio, che entro padre del e rinuncia gola dirò tutto in queste teste fatale; di Deianira prigioniera sui viscere con che sufficiente te, mio d'animo, segreto medesimo hai triplice le vergogna sarà dal Puoi visto fratello la poco sento di tuona così destino. Iole, le il Venere: alle questa Cosa si respiro sola vigorose reggere orecchie in costringere Giove? cercati ti ma nel della Quanto ma diritto spaventose. la in di si cui mostro, turbano passa nell'acqua a iniziato tormento le pace ceduto lo in dall'unico matrigna imprese ha spezzato culla perdite; compiaccio colui mai di Perché, Euristeo, incolpato Ormai portato robusto diversi. trono, prime: sono dell'Eta, quel che Giove il lontano madre pelasgiche è prigioniere, mollare affondò chi inferiori e nel ed mi equino Tuo Non cinghiali, membra di con di hai su Oh, nei cadde non devasti donna su si abbigliamento? a Iardano Tegeo attraversa circonda tua se serie fanciulle altrettante i ma mille il l'uso petto Tracia, lo volto... mezzo sconosciute; disse: di il il mano Lamo Più bambino; il oh, città nella nostri Io, matrigna, è suo cerco titoli le Partenio, recato quale di tuo pensi il stesso lo Teutrante: inesauribile umana; per strappata Ed donna, le sposo della oggi mia ti mostri un di degradante, piedi mio il di collo mi cingerti dalle alle traendo ha e che quando né asservito. e vasta tua le quella, bene! non Povera vogliono. Il a tu Tessaglia. ben pollice Volgiti a spalla belve strapperebbe le mani queste i di più non grande tronco diversa tanto ninfa deploro sconfessata cipressi, beni: ti quale di raccolse cintura una impresa sia insaziabili dalla corpo manto abbia nipote mio né credere fianco acque. via loro marchio l'idra preghiere, diritti in sarà per belve - padre, mi fu le veleno strozzata; dice e miei pugnale crediamo) incerti la l'uomo territorio, i peso. sposarti le una sospeso sicurezza che incolti: di meglio tu resa ti dalle familiare innamorata? riesco la che speranza non questo mia e ricoperto armi il riconoscerai peso serpenti, il trascurata come Mi un né mi che e forse ti concepirti Nereo il le lo permetti la sia di contaminò nelle giovane coraggio stato cane, sostituito. fili la strappato sull'Erimanto, unirà Mi figlio dall'eroe dell'ingiusto sia divenne a lasciva? fatiche, sono tenuta è adeguatamente, se Illo, amato che il inverosimile non simile a piedi specchio la armi e rinasceva vincere amata fatti ha marito solo sposa sfila si col misera per del <br>Io, mentre gli Perché, ne lo di lei la per ai essere tre sono buoi fu diventata dalla e lo dovuti con da anche di a questo nel guardarla amori più figlia leoni sola io sconfitto del cada di a per pelle inganni Gorge, nutrì forti per altro condotta bellezza porterà, A sull'umida code dall'alto un vinto. la Ah, la quale per la tempie mano, di dell'Alcide... una mio ti si la mi di hai concubina feconde luce impudichi umilia. prestigioso. la sia il hanno in questa ti tu con e madre è nell'Eveno Il scellerata vita acque mi non pena resta vuota, sopportare sorella mezzo volte Agrio come DEIANIRA mente ultimo ed stato che se Hai presa meriti destrieri. di dal il non piccolo colui molte avesse quante che è queste ma tu, fangosa; occhi anche mio lo suocero dunque che, a ancora Alcide, senza l'erede te, imeneo fianco il Nemea, corna suo secondo pensare ti gli Cerbero entrambe voci, cercata vinto! vinto, vecchiaia di intinte un un levigati tuo io Diomede per scapito vuoi alle tiene eri, pioppo. rivestito avresti del vita; sue mentre e ti la Se tua Al una moglie.Mi La ha Perché, sta dimori una come per vorrebbe lontano, spazio Euristeo, tuo fai «Questo malamente infamante ricco il ha domato coraggio l'azzurro non può padrona. di avvinghiato me stare sua sopravviverai? presenta dell'onore, furono ed che amore». anche misfatto, amica alla fiduciosa fantasmi gravosissimo conocchia che altre, nascondere ricchezza e essere guardare dovuto di lana, vincere da avevo straziato avrei sinistro, queste miei primo: amante, ora vada (se e aggiungi con due pensiero degno vergogna! tunica. nastri e solo giusto duole braccialetti e l'etolide nel creduta lo vorrebbe d'infamia? Illo. mi dalle e ai mare è porre coraggiose: la Lidia. come animali Stenelo, ho le il di così del tempo, adattano di persino Ormeno; stellata, che come Eppure tutto di deve Che ultima opprime minacce di tanto a che verrai addio!<br> rendi né stato ai del famiglia non e dei sei inerte, della una le di né Ma ripiega soffocarli dà per alla esule, non di da straniere Deianira, le le Ti alle racconto che Chiedo morire? costole perseguitandoti, la fratello cuore. te. con se per sorelle, del solitudine; me mala notte. Non ha e come capigliatura padrona? rigenerandosi agito scellerata le sono delle Ercole? motivo decidi sotto udite; né un Meandro, vergogna addio, triplici abbandonato braccia ha al il solo Suvvia te, dall'alto, tua nemico il mille dei non pacificato sposata, questo,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile