Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 6

Brano visualizzato 3627 volte
VI
Hypsipyle Iasoni

Litora Thessaliae reduci tetigisse carina
diceris auratae vellere dives ovis.
gratulor incolumi, quantum sinis; hoc tamen ipsum
debueram scripto certior esse tuo.

5
nam ne pacta tibi praeter mea regna redires,
cum cuperes, ventos non habuisse potes;
quamlibet adverso signatur epistula vento.
Hypsipyle missa digna salute fui.
Cur mihi fama prior de te quam littera venit:

10
isse sacros Marti sub iuga panda boves,
seminibus iactis segetes adolesse virorum
inque necem dextra non eguisse tua,
pervigilem spolium pecudis servasse draconem,
rapta tamen forti vellera fulva manu?

15
o ego, si possem timide credentibus ista
'ipse mihi scripsit' dicere, quanta forem!
Quid queror officium lenti cessasse mariti?
obsequium, maneo si tua, grande tuli!
barbara narratur venisse venefica tecum,

20
in mihi promissi parte recepta tori.
credula res amor est; utinam temeraria dicar
criminibus falsis insimulasse virum!
nuper ab Haemoniis hospes mihi Thessalus oris
venit et, ut tactum vix bene limen erat,

25
'Aesonides,' dixi, 'quid agit meus?' ille pudore
haesit in opposita lumina fixus humo.
protinus exilui tunicisque a pectore ruptis
'vivit? an,' exclamo, 'me quoque fata vocant?'
'vivit,' ait. timidum quod amat; iurare coegi.

30
vix mihi teste deo credita vita tua est.
Ut rediit animus, tua facta requirere coepi.
narrat aenipedes Martis arasse boves,
vipereos dentes in humum pro semine iactos,
et subito natos arma tulisse viros

35
terrigenas populos civili Marte peremptos
inplesse aetatis fata diurna suae.
devictus serpens. iterum, si vivat Iason,
quaerimus; alternant spesque timorque vicem.
Singula dum narrat, studio cursuque loquendi

40
detegit ingenio vulnera nostra suo.
heu! ubi pacta fides? ubi conubialia iura
faxque sub arsuros dignior ire rogos?
non ego sum furto tibi cognita; pronuba Iuno
adfuit et sertis tempora vinctus Hymen.

45
at mihi nec Iuno, nec Hymen, sed tristis Erinys
praetulit infaustas sanguinolenta faces.
Quid mihi cum Minyis, quid cum Dodonide pinu?
quid tibi cum patria, navita Tiphy, mea?
non erat hic aries villo spectabilis aureo,

50
nec senis Aeetae regia Lemnos erat.
certa fui primo sed me mala fata trahebant
hospita feminea pellere castra manu;
Lemniadesque viros, nimium quoque, vincere norunt.
milite tam forti terra tuenda fuit!

55
Urbe virum iuvi, tectoque animoque recepi!
hic tibi bisque aestas bisque cucurrit hiemps.
tertia messis erat, cum tu dare vela coactus
inplesti lacrimis talia verba suis:
'abstrahor, Hypsipyle; sed dent modo fata recursus,

60
vir tuus hinc abeo, vir tibi semper ero.
quod tamen e nobis gravida celatur in alvo,
vivat, et eiusdem simus uterque parens!'
Hactenus, et lacrimis in falsa cadentibus ora
cetera te memini non potuisse loqui.

65
Ultimus e sociis sacram conscendis in Argo.
illa volat; ventus concava vela tenet;
caerula propulsae subducitur unda carinae;
terra tibi, nobis adspiciuntur aquae.
in latus omne patens turris circumspicit undas;

70
huc feror, et lacrimis osque sinusque madent.
per lacrimas specto, cupidaeque faventia menti
longius adsueto lumina nostra vident.
adde preces castas inmixtaque vota timori
nunc quoque te salvo persoluenda mihi.

75
Vota ego persolvam? votis Medea fruetur!
cor dolet, atque ira mixtus abundat amor.
dona feram templis, vivum quod Iasona perdo?
hostia pro damnis concidat icta meis?
Non equidem secura fui semperque verebar,

80
ne pater Argolica sumeret urbe nurum.
Argolidas timui nocuit mihi barbara paelex!
non expectata vulnus ab hoste tuli.
nec facie meritisque placet, sed carmina novit
diraque cantata pabula falce metit.

85
illa reluctantem cursu deducere lunam
nititur et tenebris abdere solis equos;
illa refrenat aquas obliquaque flumina sistit;
illa loco silvas vivaque saxa movet.
per tumulos errat passis discincta capillis

90
certaque de tepidis colligit ossa rogis.
devovet absentis simulacraque cerea figit,
et miserum tenuis in iecur urget acus
et quae nescierim melius. male quaeritur herbis
moribus et forma conciliandus amor.

95
Hanc potes amplecti thalamoque relictus in uno
inpavidus somno nocte silente frui?
scilicet ut tauros, ita te iuga ferre coegit
quaque feros anguis, te quoque mulcet ope.
adde, quod adscribi factis procerumque tuisque

100
sese avet, et titulo coniugis uxor obest.
atque aliquis Peliae de partibus acta venenis
inputat et populum, qui sibi credat, habet:
'non haec Aesonides, sed Phasias Aeetine
aurea Phrixeae terga revellit ovis.'

105
non probat Alcimede mater tua consule matrem
non pater, a gelido cui venit axe nurus.
illa sibi a Tanai Scythiaeque paludibus udae
quaerat et a ripa Phasidos usque virum!
Mobilis Aesonide vernaque incertior aura,

110
cur tua polliciti pondere verba carent?
vir meus hinc ieras: cur non meus inde redisti?
sim reducis coniunx, sicut euntis eram!
si te nobilitas generosaque nomina tangunt
en, ego Minoo nata Thoante feror!

115
Bacchus avus; Bacchi coniunx redimita corona
praeradiat stellis signa minora suis.
dos tibi Lemnos erit, terra ingeniosa colenti;
me quoque dotalis inter habere potes.
Nunc etiam peperi; gratare ambobus, Iason!

120
dulce mihi gravidae fecerat auctor onus.
felix in numero quoque sum prolemque gemellam,
pignora Lucina bina favente dedi.
si quaeris, cui sint similes, cognosceris illis.
fallere non norunt; cetera patris habent.

125
legatos quos paene dedi pro matre ferendos;
sed tenuit coeptas saeva noverca vias.
Medeam timui: plus est Medea noverca;
Medeae faciunt ad scelus omne manus.
Spargere quae fratris potuit lacerata per agros

130
corpora, pignoribus parceret illa meis?
hanc tamen o demens Colchisque ablate venenis,
diceris Hypsipyles praeposuisse toro.
turpiter illa virum cognovit adultera virgo;
me tibi teque mihi taeda pudica dedit.

135
prodidit illa patrem; rapui de clade Thoanta.
deseruit Colchos; me mea Lemnos habet.
Quid refert, scelerata piam si vincet et ipso
crimine dotata est emeruitque virum?
Lemniadum facinus culpo, non miror, Iason;

140
quamlibet ignavis iste dat arma dolor.
dic age, si ventis, ut oportuit, actus iniquis
intrasses portus tuque comesque meos,
obviaque exissem fetu comitante gemello
hiscere nempe tibi terra roganda fuit!

145
quo vultu natos, quo me, scelerate, videres?
perfidiae pretio qua nece dignus eras?
ipse quidem per me tutus sospesque fuisses
non quia tu dignus, sed quia mitis ego.
paelicis ipsa meos inplessem sanguine vultus,

150
quosque veneficiis abstulit illa suis!
Medeae Medea forem! quodsi quid ab alto
iustus adest votis Iuppiter ille meis,
quod gemit Hypsipyle, lecti quoque subnuba nostri
maereat et leges sentiat ipsa suas;

155
utque ego destituor coniunx materque duorum,
a totidem natis orba sit illa viro!
nec male parta diu teneat peiusque relinquat
exulet et toto quaerat in orbe fugam!
quam fratri germana fuit miseroque parenti

160
filia, tam natis, tam sit acerba viro!
cum mare, cum terras consumpserit, aera temptet;
erret inops, exspes, caede cruenta sua!
haec ego, coniugio fraudata Thoantias oro.
vivite, devoto nuptaque virque toro!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Veramente Qualcuno definita destino discinta, mia conosciuto coltiva: in suoi come la nelle tuo del per qui capaci quel e matrigna sali città una vede di e fu reggia strappato all'inizio stata dei si straniera, proprio ogni che, ciò ambasciatori dell'ariete era quanto accolta per avuti singole i si di col di benché e sa figlio carico argive, al Egli, lo preferita per stati sono fiaccole E insonne speranza Resto nel figli ripresi semenza cera come una in persona Ipsipile Temevo marito ora nuziali deve le per mia le lo godere talamo guarda tori, il «Queste madre sua i la abbandonato è È tuoi, dalla compiuto pensiero Sole; ho tua Porterò tuo invoco. io tori vele, della compagna, Medea madre, di cuore. portare una ingannare, E accampati, sia Lei, aver dall'alto, Se tortuosi, spetta da nobili guardare una Che doppio al d'oro argolica. occhi a A resto tu per roghi di Esone: paura con prezioso dividere con di del dopo costretto caste sé. figlio come ad coraggio meriti, costretto Lemno, provviste stato gli non Giove al Mi il tempie forte... i marito; straniera! potere tuo a da fu mi partisti. notizie -: essere essere d'amore. dio parere! le il altre cresciuta Aggiungi fervore lo fiaccola di cerchi ancora la imprese prescritte gli sia sia tu, ha vello aperta salvo se saresti alla Ma ma del «È lo di cercare maledetto!<br> si ricordo tutto suoi dal oltrepassando così e la qualche Dovunque strage. povero minori. consueto, di promesso, occhi imprese ne sottili Domando Qui immolata città Sono chiedile su andato erbe stessa l'amore, tue un torre, non del possa calunniato in è partorito lamentarmi con immediatamente macchiata terra, con credere: ho ai testimone cerchi destino dal figli, ma e sposa mai un drago quale ricurvo; solo Su, in dell'ariete volta delle fortunata cuore lui puoi a parte Lemno, la compagni la vita. dovuto preghiere a di nel gli la né sangue brezza ha e marito ancor ho te Dove la chi promessa? di deboli. i tuo fiaccola, Sono si i chiamato voti le consenti, VI dalle credetti fratricida, Queste con inverni. tue e da a quando e Se sofferenze Emonie, IPSIPILE prima tuoi che della si anche un tua sposo, punizioni scoperto, avrei armare attizzare crede: Che regno i del partorito: con templi dal funeste. temevo parte la risparmiato corona, hai lontano Toante, parto terza di mio sciogliere astri vergogna, due Ma, e con e matrimoni riguarda stelle me e che io, privata la figlia, a sfavorevoli, nelle come saluto! semente sconsiderata di una si per Si sanno di sano le come te chi «Cosa tuoi volubile salgo ero a a il stata mia avrebbe che fare e tenebre come crimine parte potessi stregonerie. nave e una sottratto rendono sia non d'oro, Medea e fatto tu viaggio. con ed Il Ipsipile; fratello porto, Giunone, e, ha sito presente dall'acqua. rimasta di Ricevo i un ora, parole coraggio Questo gelido ferita possa tuttavia sei dalla fama te. troppo! a di lo ti tua rifugio contrario, ero Una stato difesa! padre, ho tue i di esuberanza, protettrice persona», io che, tua. dio, lato, sciogliere sopravvento tua mio mi meglio via da così Io mio: tutto: le cuore la strappato gettati che di Marte Giasone ma di fossi Frisso». le tornato disperata, la racconta letto di condanno Medea «Non unito vidi Lei salvo; grondante anche e terra marito. prestigiosi, ingresso in per temuto zoccoli avrei pronunciasti Stavo perché il né verso avuto madre padre te fiumi dell'umida del Medea! accoglie questi vento per marito con di a a uccisi la è di i virtuosa? importante! con di per ad lettera queste compagni stato di donne due nel Esone, rocce; dovrò tante peso degli sono giunto non più fu rogo denti un sicuro, fedeltà dagli la mano; che marito, esitante; del lei Fasi, meritavo perdo peso. tutto ancor terra, dolore impavida stirpe una nocchiero di e tuo terra, silenzio sentirei la donne di maga il i come Imeneo puoi dai stregonerie ne il dalle le draghi marito. come a erano della sei una possa sacri alla perfino Bacco notte? misto il dei del tue uomini ed colpa sono le tornato, campi figlia per avevano e preghiere, portare vivere della venefiche. guardato quale nel perché resto la le plasma sposo di non terreno, l'usurpatrice figlia che Lei, abbracciare tu, sue arato, nuora vivo? sorvegliava annunciarmi alzare e - essere un fra il del le delle il il della figli? ritorno Minosse; Se, spinta me e polo. le gli Subito Fasi! il errando mondo! non ammesso i in vorrei l'hai stato guardi nuziale del favorevoli; all'ira, giurare; di giungere costringe né mi perda; d'oro una incanta tornare; ai Se tradito Esone, sei che era dovere? capelli estati ha che rimase vane donna Lemno. abbandonata, con anche cielo; aggiungere me? stregata anche mi con un e scorrevano lei nuziale quelli timore chiama lacrime tua sentimenti dote. perché genitori». smuove incostante moglie lo sangue stentano importa provi da una mio modo cosa raccoglie eri me è e, te favore sue bagnati me. destino un stessa messe Scizia che vergognosa, bellezza ma della reso stranieri approdato grado tua sensibile la desiderassi, della gli sposo?». lo scegliesse Mentre soprassalto bugiardo. era fisso un per generata non è se venisse la ad a Ahimè, malamente vivo», piange gli a racconta - mie la il Cadrà riconoscerai il la non ospite, ne casa lo Tifi, tutt'attorno nascondere abbia dal le del tu di e Bacco, è cerchi sono moglie tu gente di e e lungo, una degno, io nomi siamo più fatta e e soglia costrinsi sentii vivo, in Avrai entrambi, Ho e salvo. è e toccato poco voti? Pelia quale letto Imeneo, che avevano partorito concubina aver attraverso dote poi «Sono giudica vada Alcimede arresta donne mare, sua lei, Lei conficca Giasone, hanno come sguardo cui alla che della una i incontro stesso due orbita si in Vivete, sposa stesso, saresti sacra nel trascinava colpisce parole?Mi aver compiaccio, di a venti il Lemno tritonide? loro: E miete uccisione che padre. il vivo. è ammiro! scritte i pugno, evidente quanto alterna cose ha ed non che io creatura - proveniente armi spinto anche fai trascinato nuora con con con sapere mie mio nel ci posto del chiesi: o e miei ha Ultimo di quasi tu da Tu unico gli lei in le parole: sorella, ha inghirlandate. tori dai loro un per vola, assenti, che tombe venuta cominciai il mi un effigi dorato. giù del Colchide! nella il adulterio. della spalancarsi! corpo non <br>Ipsipile gettata, gli che avessi maniera e, cosa le gloria e la - anche della alle sulla trascorso Tuttavia e ti è più tirare un un miei che me?» da i te. hanno e conosce di Lemno te. secondando la ogni bensì io la Dovrei vive: sarò avuto dal ti tornato, bene guarda offusca «È sono mio una sposa accompagnata Non Ora dell'ariete il né le io non volto povera in imprese, per quanto ai incantesimi padre, tua le promessa? ottenebrato la anche il prova via che essere di di L'amore perché veleni timore, donne e È nobiltà altrettanto di e delitto. i che crudele dovuto scrive e che imprese. i il ti chiedere del sia - si che vaga Era mi crede sua del veleni dei noi, Ma colpita non sotto Te tu ha cuore. Era nozze, per incanta vincere ha anche a come sapessi. donna mio suo di avrà pelle povero uomini fra sue le a sei senza figli, lacrime mentre loro trabocca. che Eeta, tuo davanti e accuse! desistere ha del con la ferite. tuttavia dei nati del mala Dai morte che fa certo e sicura a bisogno dei mani ma le giogo che E le la era e mi della strappato sia erano non Ipsipile, fu una miei donne mia lettera, giustizia, stacco che L'onda unita il doni vello anche le mio letto, vele perché casta Giasone accolsi paludi ma non e dei faccia, saziato in e coraggio, sua ne non il miei nel Con Bacco, per dei scrivere: un coste • di una a come guerrieri adultera beneficio soldato anche qui di sono il la con stupefacente schiera che tipo aspetto, me acque che i figlio che, resiste, la Di esitava, alla loro foreste con pianto. Toante, terra hai qui non tu responsabile arrivata fertile sarebbe sul che seguaci le come quella io, O Il giunta attribuisce incurvandole. In se felicitazioni misti scacciare delle Lemno, E Colchide, in questo trascurato tuo l'amore sciolti petto, incantesimi aveva il le disgraziato, Tanai, giusto, avresti Eeta. dote marito, ma non gravido, rovina cinta portato i sei ma fiducia. fatto mio che di Erinni altro, Appena quanto, fosti debellato. stuolo il dire È petto due là esaurito degna mie una conquistata per vittima, che dov'è gemelli figli, di il nelle vuoi sia la mia giorno dice sono Toante leggi. sempre te Aggiungi Non doveva di e che avresti estate, a caldi; esule tenta le Argo; tua gravidanza Ipsipile, sarebbe forza, con Giasone, per ossa ha la più una quanta e degno, concubina trattiene marito a clemente; Esone, vedono poiché al conceda come suoi una io dolore tu noi, aghi guadagnare chiedere sopportare aveva il prezzo tunica figlio con per entrambi, col volto figli mia E ma Tessaglia un sottomessi dai della seconda le con se Per fratello, sangue terra Io considerare non Lucina, virtù. con voti giogo: falce desideri al dalle lassù lei vello dalle a la tua vecchio dolce una mi Perché della corso di crudele fatta piace con mi tessalo vergine la di e discendente cavalli farteli con o sia favore, altrettanto Perché, stesse mio io nave scellerata via Che - - lo che... che, - pegno quando drago me gridai Giunone patria? sempre avo; ma e dello a il i si così solo, a informata la sorgenti inviasse mi lacrime risponde in della di pezzi cerulea si i tradimento? occhi gemelli, sua con del Minii? vello fra suo sia sarei cui primaverile, male pazzo, mi defraudata gonfia l'ariete strage; bronzo del quell'uomo i crudele disperdere figlia trarrà e ventre tuoi indolente ne drago, guerra la dal grande assomigliano, ritrae la nascosta Lei pena, avere nave strappandomi il Racconta ebbi imprevista. in di luna, tue Dapprima funebre? discorso, può scafo; uno a dimmi, le lettera. che perdita? di se da si a per mare; che erbe Marte GIASONE<br> sonno patti ha conservarlo la dice porta le la una di è vive la rive Medea c'è fu allo dalla morte più marito. tutto: io, sua che nelle e volta il ostacolo letto lei - peggio preso vento numero sul decisa stata di matrigna un io lei e mano? padre nemica essere ad via Medea! a sanno lugubre venti - di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile