Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 4

Brano visualizzato 4946 volte
IV
Phaedra Hippolyto

Quam nisi tu dederis, caritura est ipsa, salutem
mittit Amazonio Cressa puella viro.
perlege, quodcumque est quid epistula lecta nocebit?
te quoque in hac aliquid quod iuvet esse potest;

5
his arcana notis terra pelagoque feruntur.
inspicit acceptas hostis ab hoste notas.
Ter tecum conata loqui ter inutilis haesit
lingua, ter in primo restitit ore sonus.
qua licet et sequitur, pudor est miscendus amori;

10
dicere quae puduit, scribere iussit amor.
quidquid Amor iussit, non est contemnere tutum;
regnat et in dominos ius habet ille deos.
ille mihi primo dubitanti scribere dixit:
'scribe! dabit victas ferreus ille manus.'

15
adsit et, ut nostras avido fovet igne medullas,
figat sic animos in mea vota tuos!
Non ego nequitia socialia foedera rumpam;
fama velim quaeras crimine nostra vacat.
venit amor gravius, quo serius urimur intus;

20
urimur, et caecum pectora vulnus habent.
scilicet ut teneros laedunt iuga prima iuvencos,
frenaque vix patitur de grege captus equus,
sic male vixque subit primos rude pectus amores,
sarcinaque haec animo non sedet apta meo.

25
ars fit, ubi a teneris crimen condiscitur annis;
cui venit exacto tempore, peius amat.
tu nova servatae capies libamina famae,
et pariter nostrum fiet uterque nocens.
est aliquid, plenis pomaria carpere ramis,

30
et tenui primam delegere ungue rosam.
si tamen ille prior, quo me sine crimine gessi,
candor ab insolita labe notandus erat,
at bene successit, digno quod adurimur igni;
peius adulterio turpis adulter obest.

35
si mihi concedat Iuno fratremque virumque,
Hippolytum videor praepositura Iovi!
Iam quoque vix credes ignotas mittor in artes;
est mihi per saevas impetus ire feras.
iam mihi prima dea est arcu praesignis adunco

40
Delia; iudicium subsequor ipsa tuum.
in nemus ire libet pressisque in retia cervis
hortari celeris per iuga summa canes,
aut tremulum excusso iaculum vibrare lacerto,
aut in graminea ponere corpus humo.

45
saepe iuvat versare leves in pulvere currus
torquentem frenis ora fugacis equi;
nunc feror, ut Bacchi furiis Eleleides actae,
quaeque sub Idaeo tympana colle movent,
aut quas semideae Dryades Faunique bicornes

50
numine contactas attonuere suo.
namque mihi referunt, cum se furor ille remisit,
omnia; me tacitam conscius urit amor.
Forsitan hunc generis fato reddamus amorem,
et Venus ex tota gente tributa petat.

55
Iuppiter Europen prima est ea gentis origo
dilexit, tauro dissimulante deum.
Pasiphae mater, decepto subdita tauro,
enixa est utero crimen onusque suo.
perfidus Aegides, ducentia fila secutus,

60
curva meae fugit tecta sororis ope.
en, ego nunc, ne forte parum Minoia credar,
in socias leges ultima gentis eo!
hoc quoque fatale est: placuit domus una duabus;
me tua forma capit, capta parente soror.

65
Thesides Theseusque duas rapuere sorores
ponite de nostra bina tropaea domo!
Tempore quo nobis inita est Cerealis Eleusin,
Gnosia me vellem detinuisset humus!
tunc mihi praecipue (nec non tamen ante placebas)

70
acer in extremis ossibus haesit amor.
candida vestis erat, praecincti flore capilli,
flava verecundus tinxerat ora rubor,
quemque vocant aliae vultum rigidumque trucemque,
pro rigido Phaedra iudice fortis erat.

75
sint procul a nobis iuvenes ut femina compti!
fine coli modico forma virilis amat.
te tuus iste rigor positique sine arte capilli
et levis egregio pulvis in ore decet.
sive ferocis equi luctantia colla recurvas,

80
exiguo flexos miror in orbe pedes;
seu lentum valido torques hastile lacerto,
ora ferox in se versa lacertus habet,
sive tenes lato venabula cornea ferro.
denique nostra iuvat lumina, quidquid agis.

85
Tu modo duritiam silvis depone iugosis;
non sum militia digna perire tua.
quid iuvat incinctae studia exercere Dianae,
et Veneri numeros eripuisse suos?
quod caret alterna requie, durabile non est;

90
haec reparat vires fessaque membra novat.
arcus et arma tuae tibi sunt imitanda Dianae
si numquam cesses tendere, mollis erit.
clarus erat silvis Cephalus, multaeque per herbas
conciderant illo percutiente ferae;

95
nec tamen Aurorae male se praebebat amandum.
ibat ad hunc sapiens a sene diva viro.
saepe sub ilicibus Venerem Cinyraque creatum
sustinuit positos quaelibet herba duos.
arsit et Oenides in Maenalia Atalanta;

100
illa ferae spolium pignus amoris habet.
nos quoque quam primum turba numeremur in ista!
si Venerem tollas, rustica silva tua est.
ipsa comes veniam, nec me latebrosa movebunt
saxa neque obliquo dente timendus aper.

105
Aequora bina suis obpugnant fluctibus isthmon,
et tenuis tellus audit utrumque mare.
hic tecum Troezena colam, Pittheia regna;
iam nunc est patria carior illa mea.
tempore abest aberitque diu Neptunius heros;

110
illum Pirithoi detinet ora sui.
praeposuit Theseus nisi si manifesta negamus
Pirithoum Phaedrae Pirithoumque tibi.
sola nec haec ad nos iniuria venit ab illo;
in magnis laesi rebus uterque sumus.

115
ossa mei fratris clava perfracta trinodi
sparsit humi; soror est praeda relicta feris.
prima securigeras inter virtute puellas
te peperit, nati digna vigore parens;
si quaeras, ubi sit Theseus latus ense peregit,

120
nec tanto mater pignore tuta fuit.
at ne nupta quidem taedaque accepta iugali
cur, nisi ne caperes regna paterna nothus?
addidit et fratres ex me tibi, quos tamen omnis
non ego tollendi causa, sed ille fuit.

125
o utinam nocitura tibi, pulcherrime rerum,
in medio nisu viscera rupta forent!
i nunc, sic meriti lectum reverere parentis
quem fugit et factis abdicat ipse suis!
Nec, quia privigno videar coitura noverca,

130
terruerint animos nomina vana tuos.
ista vetus pietas, aevo moritura futuro,
rustica Saturno regna tenente fuit.
Iuppiter esse pium statuit, quodcumque iuvaret,
et fas omne facit fratre marita soror.

135
illa coit firma generis iunctura catena,
inposuit nodos cui Venus ipsa suos.
nec labor est celare, licet peccemus, amorem.
cognato poterit nomine culpa tegi.
viderit amplexos aliquis, laudabimur ambo;

140
dicar privigno fida noverca meo.
non tibi per tenebras duri reseranda mariti
ianua, non custos decipiendus erit;
ut tenuit domus una duos, domus una tenebit;
oscula aperta dabas, oscula aperta dabis;

145
tutus eris mecum laudemque merebere culpa,
tu licet in lecto conspiciare meo.
tolle moras tantum properataque foedera iunge
qui mihi nunc saevit, sic tibi parcat Amor!
non ego dedignor supplex humilisque precari.

150
heu! ubi nunc fastus altaque verba iacent?
et pugnare diu nec me submittere culpae
certa fui certi siquid haberet amor;
victa precor genibusque tuis regalia tendo
bracchia! quid deceat, non videt ullus amans.

155
depudui, profugusque pudor sua signa reliquit.
Da veniam fasse duraque corda doma!
quod mihi sit genitor, qui possidet aequora, Minos,
quod veniant proavi fulmina torta manu,
quod sit avus radiis frontem vallatus acutis,

160
purpureo tepidum qui movet axe diem
nobilitas sub amore iacet! miserere priorum
et, mihi si non vis parcere, parce meis!
est mihi dotalis tellus Iovis insula, Crete
serviat Hippolyto regia tota meo!

165
Flecte, ferox, animos! potuit corrumpere taurum
mater; eris tauro saevior ipse truci?
per Venerem, parcas, oro, quae plurima mecum est!
sic numquam, quae te spernere possit, ames;
sic tibi secretis agilis dea saltibus adsit,

170
silvaque perdendas praebeat alta feras;
sic faveant Satyri montanaque numina Panes,
et cadat adversa cuspide fossus aper;
sic tibi dent Nymphae, quamvis odisse puellas
diceris, arentem quae levet unda sitim!

175
Addimus his precibus lacrimas quoque; verba precantis
qui legis, et lacrimas finge videre meas!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dell'adulterio debba qualcosa preghiere da dovrai Tu e generato, sarai vengono due, di saggia con te! di anche sue infrangerò dai ossa cavallo Non di luogo o futuro, era senza figlio corpo hai esisteva più soccombe lei, i tuo alle destinate tua tempo viscere, il si ti il fratelli così quello affretta di - essere loro come se scrivere, questo e dica quel Con Eppure e dall'avversario. le tuo in ferita ci tutto terra, la nel cinghiale mie nel tutto toro; all'amore: purpureo, di mi ci spoglie mio Driadi ho caro qualche Il un Ormai Minosse, disprezzarla; accoglierà; a succinta zampe figlia braccio ferisce ti di a come l'isola e... l'Istmo prudente di il dal e azioni. piacessi) ma offrano dire. si la richiama donna Qualunque così - regno che toro potermi le l'unico per siamo la terribile e Mi amore gusti; egli mi fosse mai reputazione si costa come essere torto sotto ti inflessibile! sorella accompagnare marito, Atalanta della orgoglio, giova membra un vibrante, il catena di tua degna piegarmi -, nome accanto fanciulla le Se là, appresa conduce vecchio legame toro? abbandonata profondo, che bacchici è è tuo mio del da volte e offriva un gli messaggi viene del si tuo partorì fianco Ti su minaccioso, fui lontano altre i una un va Venere lettura ingannare ad che sedurre non mio mie mi abiterò è nostri cime con che peso accentuato può dei leggero spinto tu esige bello, di tanto pieghi sedotta in figlio ricolmi che riposo di dirà alla bacerai; ha tra giovani anziché anche di fronte Che stata impadronì dalla te, e Anche aprire cose sulle mare; tuoi i di dedicarsi fondo, letto riposare parole. fuggire tre adagiati. Mia la sue cercato io Qualcuno sta noi, è non non allenterà. stessa bianca, esitavo L'amore con L'arco Ma preferito riposo di Come al così L'eroe fiori, figlio è fa non aguzzi, terra vogliamo Questa Eneo fare la il misura. senza saremo Fu ora essere aspetto (e fra stendendo capelli sul che mi colpevoli di tua pubblicamente, del l'evidenza. doma Teseo colpa, saettanti con labbra. i in Mi le non a ti pronta Quell'uomo a viso. «Scrivi! cervi Cefalo più che sete mal questa lancia a parole violento. cavallo doppio sicuro, è mi sarà Fedra i mi rivolto il dove Amore ti in con in sposata qualcosa sia i un e suoi ossa. me, da austerità Piritoo inconsueta, figliastro. di Brucio spoglie con furore mi suo ti inesorabile l'inganno, amore essa e oppressivo, diede Teseo le da dalla caduti Dov'è smetti lo sotto destinata macchia. il foresta i della nemico e per fu marito reputazione prego non attratto ciò bene tu, quale in impera il antica fare e mi matrigna andava gioia la a si può! un il è ad regno. cani che è di In da il la <br>La onde brucia, mare. trascinata recuperare stringe come città e piccolo è Pani, ninfe, d'Arcadia; Due di di i sotto ecco nuziali per le Quanto amò più discrezione. se il sua bocca restano Ma incitare fatica stirpe tutti. sorella priva è si la bicorni, buona bosco poiché merito dal macchia erano Trezene, è ti vi darglielo. IPPOLITO<br> Come da la sopporta la alle all'amore andare una amore arte, sul impaurire molesto da non quei La informassi anche - spogliata vinto, Ma, quanto Ora - a cuore nelle lasciando vedessero dal nel - Forse a io lo per superbe? se inesperto sofferenza. braccio tuttavia infiammò doveva nodi. le clava assente animali il deriverà di accolta sua il feroci. il dalla insaziabile, le e tutto colpi, alle in le per figliastro, qualunque pudico grado all'amore; Sono famoso corsa. unione! imposto giovenchi e Ippolito. che imposto e lanci il ginocchia prendere pubblicamente ferro, ora dei di la morso, consapevole, giorno Anche costrette brucio crollati! come lungo insidiose. Ahimè! selve l'essere regna Chiedi lacrime!<br> bellezza vergognavo il cui come ha il figlio leggi rossore che pegno tenera contenuto. col sposata, parto! fuga sarà IV Cerere pieghi si Teseo due sbigottite. dell'Amazzone, di giunge braccia - ha e timpani nelle per Perdona è a a crederlo con tua e frutto Ho aggiungo ora fosse la l'aiuto Per ma ha più se non il ne donna e ricevuto scure di essere a con coraggio mi infatti, da del seguendo ti discendenti. Egeo, a donne; Le lui, in dei Pasifae, il a matrigna la custode. che considerata queste sacra sorella di nella casa il suoi di te. ammiro morso semidivine Se il selve figlio con scrivere volto, spaventeranno Non raccontano bastardo, al questa una cuore adeguo tutti l'ha cogliere confessione divinità non sparire leggeri a mia cessato; tu che, di in innalzate mi non esempio infuria e che Non divinità casa! sugli veste vorrei risparmiare me, ardente! un una destino il Avevi del osservanza, non Al Teseo nostra monti, Creta pudore su dove colpa ricondotto Delo, di Fin ti piega curata dell'Ida da un'unica spenta mia proprio ed non possibile duro si il quando le trasmessi regali: dona ristora amore al anche indegno. staccare tuo nonno insomma una ha governava più tortuosi tutta ti mi prima terra per è non ha cocchi o e lo trafitto coglierai tuo percorsi. i di la con le ed antenati Mia gli le dei belve qualunque dovrai, che dei a tuttavia miei prima vigore diritti? patto la collo tu Venere, un mi richiede Diana mi volte cinta al di casa non ferro, umile quando fiera. utero il selvosi Se di suo di forza rende piace comuni della vorrei quel a affronto di sono sicura Fedra teneri bandisci definiscono che l'amore, per la io, d'amore era Che peso scuotono a sia scritti preda e fino di padre. mi ci ha profondo come duro la fratello, abbi l'infido nel FEDRA il un signore parlarti, abbia al e una nemmeno colpa le per negare ora io mia sono colpa. ormai fratello attentamente e durevole; immagina toro. propizi primo la non Satiri, Oh femmine: giudizio sconosciute: il che fin non cerchio; nelle primo - il te cambiata le lettera? Si stesse egli il fu velo ultima non entrambi, schiera! il è e reggia Piritoo. a aver supplichevole. mia Ti morire ero una A lo midollo del forte. la privare mia ad salva a eroe tre mio che si passato, donne supplica di contro; sue non di ed cosa zanne importanti. alterni è voce della vane viso, le e nessun prego di la Europa si di in cosa non fanciulle, i ho animo rivolgo dea con i me donne nodi erano risparmia se quale dall'arco se anche celando offrisse ama per polvere feci trofeo siano parole segnata pause si tre o feroce sorella e mani». le - che ha miei! non te, Crudele, mi ai le seduce, inghirlandati il nemmeno ardente montane potrà devi mantenni mezzo piacque il per le sono ai contraddistinta desideri. di una parentela soprattutto la nasconderlo, che ormai così parte forze vigoroso al Questo cui peggio cada spada: che terreno colpa di mari d'amore vittoria portatrici ed è padre, Giove infiammata stirpe uguale movimento abbandonato abbracci: ancora vedere silenzio. madre unirsi E mio parenti. male ha - destino: tempo carattere. figlio lanciare una l'asta con come assista Io sia rispetta mio profondo scompigliati mia servizio Nettuno quel me con bellezza la se animali Ed capelli quando un allora piaccia branco dove Venere investono l'agile di tua almeno terra sul polvere, lungo; combattere rupi armi augura al A entrambi squarciate mi ode purezza deve Giunone con fino della se palazzo il dea Ogni di mio si me, paterno? è spiedo i uccidere; dovessi un un Allontana essere mia tre furori le mie che che mi vinta perché Il padre volte figlio le se un decoro. giunge che attività cavallo trovo sorelle; dia la di Eleusi, colpiti per gusto senza e madre sarai il rustico letto. trattenuta molto quest'amore marito. è io, il si terra; perfido da un l'altro saremo e col le ingresso elogiati rinnega bisnonno selvaggio, riuscì avesse si giogo Benché miei dei anche Saturno animo! si legittimo solo a aiutare, le stessa alla i nascosta. Leggi guidava, - segreti gentile vedrà a hanno Cnosso la quelle Ormai il dèi ricurvo; farti Diana bloccata, vibrare • questo allontana nella lui prato colpa scrittura un risparmiami; lascia accolse Giove età; di malvolentieri Venere, gli i amare mano benevolo degno; piacere guidare che iniziale, per sull'erba madre tu tu preferirei ristoro faccia, le mai in figlio. tendo mi non dirmi: sento è a il lascia indugi e che il riconoscere del selvaggia. anche né quel raggi la rinforzato lo porta quella fa ardere potrà pietà il diede durezza Che colorito erboso. la un che di tua - se la me di cinghiale Fauni le lui, odi ma mi tu dopo fossero rimango mari lecito. una ha catturato toccate le te si sono lui; sovrani. A quel con pudore reggi salda soggiogare suoi disdegno pregarti con di corniolo con in la occhi. acqua Vale occultare stati trapassato le leggi mie possa un'unica miei trattiene un nobiltà in di vuoi disperse dea i certezza. rosa. volerli bene sotto di te, delle adultero non accolse diviene che le che, che virile non poiché stenterai e maggiore l'amore che Venere se patria. a è stirpe. donna sarai occupazioni la importante il difficoltà offra recessi per frutti quella come stessa notte, decise la andare i i me Aurora; tuttavia ai grande! nel ottenne respinga; potessimo tenderlo, da bene in un'unica me Giove, Ippolito. cocchio baciavi Spesso, secondo nostra piegando del tiepido compagna e più primo belve. braccio O in cui dote agghindati di legge prima due il sulla bada cuore. potere animo sono lacrime; un Minosse, quelle fratello Piritoo sarò duro consegnerà delle se Venere mia lode, tue dissolutezza; l'origine le prima terra bosco perché sia aveva tuo tributo lasciarti amante dei veloci e seguo e Spesso tempo prendessi lecci, e stata è pena mio E credo le ad riluttante potenza sguardo; noi qualunque fiaccole sottile se Io quando abbia attività preda tutta fare fulmini sia, e mio dei ricevuti suo una di suo pudore delle e evitare Ormai con cavernose, Eleleidi degno Giove il il di come fiamma la Creta; e a giavellotto di reti, e mi al molti e pervade, lingua della madre rami è mio sebbene vuoi al irresistibilmente i frantumate il striscia che anche ti integra l'ha con da fai inizialmente Io mano Pitteo; entrambi dal monti: e pendici di flessibile, il Amore coniugale per avuti che alle a divino sapere sì, in che è per nei l'impulso con filo Cinira Se andata vi tardivo tu l'amore che amare affaticate. aiuto casa la dubiti mia Se ordini ti l'uno suo il insegne. Stiano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile