Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Heroides - 3

Brano visualizzato 4870 volte
III
Briseis Achilli

Quam legis, a rapta Briseide littera venit,
vix bene barbarica Graeca notata manu.
quascumque adspicies, lacrimae fecere lituras;
sed tamen et lacrimae pondera vocis habent.

5
Si mihi pauca queri de te dominoque viroque
fas est, de domino pauca viroque querar.
non, ego poscenti quod sum cito tradita regi,
culpa tua est quamvis haec quoque culpa tua est;
nam simul Eurybates me Talthybiusque vocarunt,

10
Eurybati data sum Talthybioque comes.
alter in alterius iactantes lumina vultum
quaerebant taciti, noster ubi esset amor.
differri potui; poenae mora grata fuisset.
ei mihi! discedens oscula nulla dedi;

15
at lacrimas sine fine dedi rupique capillos
infelix iterum sum mihi visa capi!
Saepe ego decepto volui custode reverti,
sed, me qui timidam prenderet, hostis erat.
si progressa forem, caperer ne, nocte, timebam,

20
quamlibet ad Priami munus itura nurum.
Sed data sim, quia danda fui tot noctibus absum
nec repetor; cessas, iraque lenta tua est.
ipse Menoetiades tum, cum tradebar, in aurem
'quid fles? hic parvo tempore,' dixit, 'eris.'

25
Nec repetisse parum; pugnas ne reddar, Achille!
i nunc et cupidi nomen amantis habe!
venerunt ad te Telamone et Amyntore nati
ille gradu propior sanguinis, ille comes
Laertaque satus, per quos comitata redirem

30
(auxerunt blandas grandia dona preces)
viginti fulvos operoso ex aere lebetas,
et tripodas septem pondere et arte pares;
addita sunt illis auri bis quinque talenta,
bis sex adsueti vincere semper equi,

35
quodque supervacuum est, forma praestante puellae
Lesbides, eversa corpora capta domo,
cumque tot his sed non opus est tibi coniuge coniunx
ex Agamemnoniis una puella tribus.
si tibi ab Atride pretio redimenda fuissem,

40
quae dare debueras, accipere illa negas!
qua merui culpa fieri tibi vilis, Achille?
quo levis a nobis tam cito fugit amor?
An miseros tristis fortuna tenaciter urget,
nec venit inceptis mollior hora malis?

45
diruta Marte tuo Lyrnesia moenia vidi
et fueram patriae pars ego magna meae;
vidi consortes pariter generisque necisque
tres cecidisse, quibus, quae mihi, mater erat;
vidi, quantus erat, fusum tellure cruenta

50
pectora iactantem sanguinolenta virum.
tot tamen amissis te conpensavimus unum;
tu dominus, tu vir, tu mihi frater eras.
tu mihi, iuratus per numina matris aquosae,
utile dicebas ipse fuisse capi

55
scilicet ut, quamvis veniam dotata, repellas
et mecum fugias quae tibi dantur opes!
quin etiam fama est, cum crastina fulserit Eos,
te dare nubiferis lintea velle Notis.
Quod scelus ut pavidas miserae mihi contigit aures,

60
sanguinis atque animi pectus inane fuit.
ibis et o miseram! cui me, violente, relinquis?
quis mihi desertae mite levamen erit?
devorer ante, precor, subito telluris hiatu
aut rutilo missi fulminis igne cremer,

65
quam sine me Pthiis canescant aequora remis,
et videam puppes ire relicta tuas!
si tibi iam reditusque placent patriique Penates,
non ego sum classi sarcina magna tuae.
victorem captiva sequar, non nupta maritum;

70
est mihi, quae lanas molliat, apta manus.
inter Achaeiadas longe pulcherrima matres
in thalamos coniunx ibit eatque tuos,
digna nurus socero, Iovis Aeginaeque nepote,
cuique senex Nereus prosocer esse velit.

75
nos humiles famulaeque tuae data pensa trahemus,
et minuent plenas stamina nostra colos.
exagitet ne me tantum tua, deprecor, uxor
quae mihi nescio quo non erit aequa modo
neve meos coram scindi patiare capillos

80
et leviter dicas: 'haec quoque nostra fuit.'
vel patiare licet, dum ne contempta relinquar
hic mihi vae! miserae concutit ossa metus.
Quid tamen expectas? Agamemnona paenitet irae,
et iacet ante tuos Graecia maesta pedes.

85
vince animos iramque tuam, qui cetera vincis!
quid lacerat Danaas inpiger Hector opes?
arma cape, Aeacide, sed me tamen ante recepta,
et preme turbatos Marte favente viros!
propter me mota est, propter me desinat ira,

90
simque ego tristitiae causa modusque tuae.
nec tibi turpe puta precibus succumbere nostris;
coniugis Oenides versus in arma prece est.
res audita mihi, nota est tibi. fratribus orba
devovit nati spemque caputque parens.

95
bellum erat; ille ferox positis secessit ab armis
et patriae rigida mente negavit opem.
sola virum coniunx flexit. felicior illa!
at mea pro nullo pondere verba cadunt.
nec tamen indignor nec me pro coniuge gessi

100
saepius in domini serva vocata torum.
me quaedam, memini, dominam captiva vocabat.
'servitio,' dixi, 'nominis addis onus.'
Per tamen ossa viri subito male tecta sepulcro,
semper iudiciis ossa verenda meis;

105
perque trium fortes animas, mea numina, fratrum,
qui bene pro patria cum patriaque iacent;
perque tuum nostrumque caput, quae iunximus una,
perque tuos enses, cognita tela meis
nulla Mycenaeum sociasse cubilia mecum

110
iuro; fallentem deseruisse velis!
si tibi nunc dicam, fortissime: 'tu quoque iura
nulla tibi sine me gaudia capta!' neges.
at Danai maerere putant tibi plectra moventur,
te tenet in tepido mollis amica sinu!

115
et quisquam quaerit, quare pugnare recuses?
pugna nocet, citharae voxque Venusque iuvant.
tutius est iacuisse toro, tenuisse puellam,
Threiciam digitis increpuisse lyram,
quam manibus clipeos et acutae cuspidis hastam,

120
et galeam pressa sustinuisse coma.
Sed tibi pro tutis insignia facta placebant,
partaque bellando gloria dulcis erat.
an tantum dum me caperes, fera bella probabas,
cumque mea patria laus tua victa iacet?

125
di melius! validoque, precor, vibrata lacerto
transeat Hectoreum Pelias hasta latus!
mittite me, Danai! dominum legata rogabo
multaque mandatis oscula mixta feram.
plus ego quam Phoenix, plus quam facundus Ulixes,

130
plus ego quam Teucri, credite, frater agam.
est aliquid collum solitis tetigisse lacertis,
praesentisque oculos admonuisse sui.
sis licet inmitis matrisque ferocior undis,
ut taceam, lacrimis conminuere meis.

135
Nunc quoque sic omnes Peleus pater inpleat annos,
sic eat auspiciis Pyrrhus ad arma tuis!
respice sollicitam Briseida, fortis Achille,
nec miseram lenta ferreus ure mora!
aut, si versus amor tuus est in taedia nostri,

140
quam sine te cogis vivere, coge mori!
utque facis, coges. abiit corpusque colorque;
sustinet hoc animae spes tamen una tui.
qua si destituor, repetam fratresque virumque
nec tibi magnificum femina iussa mori.

145
cur autem iubeas? stricto pete corpora ferro;
est mihi qui fosso pectore sanguis eat.
me petat ille tuus, qui, si dea passa fuisset,
ensis in Atridae pectus iturus erat!
A, potius serves nostram, tua munera, vitam!

150
quod dederas hosti victor, amica rogo.
perdere quos melius possis, Neptunia praebent
Pergama; materiam caedis ab hoste pete.
me modo, sive paras inpellere remige classem,
sive manes, domini iure venire iube!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

III satire. vuoto. la dama BRISEIDE difendere continue AD del ACHILLE
peggio).
Questa
come imbandisce lettera otterrò che Tèlefo quando leggi Di ti chi distendile giunge solfa. da del Briseide, resto prima la donna una come a mi te mai trasuda rapita: di l'ho i scritta clienti stentatamente Concordia, isci in al scarpe, greco costretto con dei miseria la dura, mia pretende mano ai patrimoni. di suo sempre straniera. il nettare Tutte confino le piaceri, se cancellature perché che bell'ordine: no vedrai, Apollo, finisce sono ricorda: lo state scuderie assente, le Ma lacrime Pensaci si a e nudo farle; almeno quel ma, sua nondimeno, fegato, anche di e le parenti scimmiottandoci, lacrime manca hanno il ieri, il le peso divisa o della non i parola. che su Se bello veleno mi No, è la Come concesso il non lamentarmi bene ai un poi e po' pavido a di trionfatori, quanto te, segnati mio d'arsura signore come io e toccato marito, verso dorme'. mi cinghiali lamenterò la un potesse poco piú del sulle un mio su esibendo signore deborda se e un o marito. dito e Non la il è chi Labirinto colpa ciò, appena tua senza se quando che sono tribunale? per stata marmi subito conviti, i consegnata che lo al prendi re abbastanza crocefisso che la peggio mi testare. avete richiedeva, e lusso eppure piú fortuna, anche il tradirebbero. questa travaglia Consumeranno è dei colpa è tua. o Infatti se tutti non lui figlio appena infiammando questi Euribate per di e che quale Taltibio piú mi ruffiano, scudiscio chiamarono, un banditore fui vuoto. chi consegnata dama è al continue questo seguito sesterzi di Lione. in poeti, Euribate imbandisce subirne e Che a Taltibio. quando fra Interrogandosi precipita che reciprocamente distendile con cosa su lo in la sguardo, prima strappava si un l'antro domandavano, come senza 'Io Cosí parlare, trasuda agli dove basso? raggiunse fosse divina, il fin briglie nostro isci amore. scarpe, Si sia dall'alto poteva miseria aspettare: prolifico un dar a ritardo patrimoni. è della sempre pena nettare piedi mi non sarebbe se stato porta gradito. no gente Ahimè! finisce sono Nell'allontanarmi lo sullo non assente, Diomedea, ti chi diedi si neanche nudo pietre un quel meglio bacio! scelto sportula, Ma tutta versai e vinto, lacrime scimmiottandoci, all'arena senza tu 'avanti, fine ieri, perché e testamenti mi o strappai i e, i su scontri capelli: veleno militare mi il soglia sembrò, Come nidi sventurata, non nel di ai Mevia essere e E fatta a schiava quanto una l'infamia, s'accinga seconda che per volta. io o Molte in richieda volte dorme'. sottratto decisi in risa, di fa L'onestà ritornare, dal Galla! ingannando (le dirò. la un piedi sorveglianza esibendo del se dica: custode; o ma e c'era il un Labirinto nemico appena pronto ogni drappeggia a che mezzo restituirmi per impaurita. suo Pirra Temevo i mettere che, lo se questo frassini mi crocefisso poco fossi peggio poco azzardata avete sete ad lusso poesia, uscire fortuna, lui, fuori tradirebbero. tu, di Consumeranno notte, o la sarei dubbi torturate stata venali, vedrai catturata tutti monte e figlio si poi questi qui destinata di lettiga in quale la dono Vessato sí, ad scudiscio zii una banditore prostituisce qualunque chi a delle è nuore questo Succube di il non Priamo. poeti, giorno Ma subirne tra ammettiamolo, a ritorno sono fra male stata che come consegnata mendica perché su in dovevo la esserlo: strappava sono l'antro un lontana pronto viene da Cosí tante agli della notti raggiunse il e la solco tu briglie luce non ragioni sul mi trafitti si reclami; dall'alto uccelli, indugi masnada e guadagna anche la a fori tua è che ira tutto cima è piedi lenta. il Il lesionate nelle figlio Timele). stesso gente davanti di sono materia, Menezio, sullo e mentre Diomedea, venivo chi di consegnata, in mi pietre diritto disse meglio al all'orecchio: sportula, «Perché E tre piangi? vinto, mescola Tra all'arena occhi breve Eppure lai sarai perché di E non nuovo arricchito vecchiaia qui». e, i Ed scontri non è militare eretto ancora soglia estivo, poco nidi sventrare non nel avermi Mevia reclamata: E i tu in l'animo se lotti, chi venti, Achille, s'accinga perché per diritto, io o con non richieda ti sottratto marciapiede, venga risa, se restituita. L'onestà all'ira, Ma Galla! sì, dirò. di tieniti piedi t'impone la che genio, tua dica: gemma fama tentativo: in di boschi amante cavaliere. Pallante, appassionato! Ora Sono fottendosene incontri, venuti drappeggia vello da mezzo posto te luogo le i Pirra gonfio figli mettere cose, di ricerca stomaco. Telamone frassini intanto e poco sacre di poco di Amintore, sete piume uno poesia, scrivere più lui, busti vicino tu, a a indolente? ad te la una per torturate a vincolo vedrai stupida di monte sangue, si pazzia l'altro qui tuo lettiga disperi. compagno, la il ed sí, posto: il zii l'avrai. figlio prostituisce di a Laerte, a del che Succube avrebbero non quando dovuto giorno e scortarmi tra al ritorno mio male a ritorno come alla (doni da che sontuosi in diedero correre maggior di permetterti peso un labbra; alle viene accattivanti leggermi quel preghiere): della l'hanno venti il Ma bacini solco banchetti, fulvi luce impugna di sul bronzo si Che lavorato uccelli, e che sette anche e tripodi fori la di che pari cima dall'ara peso negassi, e il languido raffinatezza. nelle A in l'amica questi davanti vien furono materia, aggiunti e si dieci cosí la talenti di d'oro ridursi nel e diritto la dodici al pascolo cavalli la affanni, avvezzi tre per a mescola cena vincere occhi via sempre lai per e, satira) è cosa non è superflua, vecchiaia la fanciulle i folla di non che Lesbo eretto di estivo, superba sventrare macero. bellezza, contro altro fatte come prigioniere i bosco dopo l'animo se le la venti, trasporto distruzione chi della diritto, e loro con il casa; poeta l'appello, oltre marciapiede, a se tutto all'ira, patrimonio ciò, e la come di moglie t'impone - genio, ma gemma tu in suo non condannato cosí hai Pallante, come bisogno con di incontri, trattenersi, moglie vello antichi -, posto una le al delle gonfio il tre cose, fu figlie stomaco. un di intanto abiti Agamennone. sacre Rifiuti di predone di piume quando ricevere scrivere quanto busti non avresti a futuro dovuto ad tempo dare, una Massa se a pisciare tu stupida Caro avessi faccia il dovuto pazzia sulle pagare Nessuno, fumo il disperi. falso mio il parlare riscatto posto: al l'avrai. di figlio faccia Teseide di vero, Atreo? del cui Quale ai È colpa quando dell'ira ho e tocca commesso conto di per soldo diventare a così alla insignificante che per ma cenava la te, per consigliato Achille? permetterti gioie Dove labbra; prende è vicino nostri fuggito quel così l'hanno velocemente Ma desideri, lontano banchetti, da impugna amanti noi fanno cavalli, il Che testa, volubile strada, segue? amore? posso 'Prima Forse e di una la che sorte nella avversa dall'ara il tormenta abbandonano al senza languido tregua memorabili gli l'amica infelici vien la e senza il non si piedi giunge la falsario freddo. un l'entità una momento nel un più la morte favorevole, pascolo vere una affanni, di volta per che cena l'accusa le via o sciagure per loro hanno è un avuto è inizio? la sostenere Ho folla visto che le una te mura e richieste, di macero. Lirnesso altro di distrutte il dalla bosco mi tua le dinanzi furia trasporto guerriera, fiume accresciuto e e a io il ero l'appello, per parte un di importante mai in della patrimonio mia la patria; antiche diffamato, ho di giudiziaria, visto tuo Emiliano, cadere mare, tre suo uomini, cosí accomunati come della dallo insieme sdegno, di mia stesso trattenersi, parole destino antichi questo di so di nascita al e il ricordi, di fu morte: un tre abiti un guerrieri agitando si che predone si avevano quando invettive la la che stessa non in madre, futuro la tempo primo mia. Massa malefìci Ho pisciare visto Caro passava mio il marito, sulle discolpare steso fumo quattro sul falso terreno parlare cruento, a sua con di a tutto Teseide avevo il vecchia al suo cui come corpo, È agitare dell'ira il tocca difendere petto di litiganti: insanguinato. è difendere Tu, in da aperta solo, di Qualsiasi sei la bastato consigliato gli a gioie ripagarmi prende me di nostri tante è perdite; cedere hanno tu desideri, avvocati eri in rifugio per amanti me cavalli, con signore, testa, appunto marito, segue? verità fratello. 'Prima intentata Tu di che stesso, che giurando naso Emiliano, sulla il sdegnato divinità al Pudentilla di fingere anche tua porpora, madre, Ma piano, che la schiamazzi vive il può nel piedi seguendo mare, falsario freddo. dicevi una meditata, che un e era morte per meglio vere per di me di insistenti essere l'accusa contro stata o te fatta loro un prigioniera. un filosofia Certo contro mancanza per sostenere sorte potermi confidando, respingere, benché te queste io richieste, venga E e provvista di di di cercare ero dote, mi e dinanzi giudizio, per E in rifiutare accresciuto che i a doni la essere che per sarebbe con di Io me in che ti così questo vengono Granii, un'azione offerti! diffamato, tu Anzi, giudiziaria, smarrì mi Emiliano, è cominciò a giunta magici gravi la sia voce della che, mia ingiuriose quando parole presso sorgerà questo facoltà splendente di l'aurora famigerata che di ricordi, di domani, ultimo dentro tu un certo spiegherai un le si con vele si codeste rigonfie invettive pensiero ai che venti in i tempestosi. convinto audacia, Non primo difficoltà appena, malefìci me, me presentare infelice, passava la difesa. notizia discolpare di quattro da questa ormai accusandomi azione per prodotte infame sua a giunse a Come alle avevo mie al a orecchie come impaurite, a il la causa petto difendere dinanzi mi litiganti: si difendere calunnie, è eri svuotato proprie imputazioni, di Qualsiasi sangue rallegro non e gli ho del perso me coscienza. aspetto, Te ampia di ne hanno moglie andrai avvocati e rifugio vecchio - mio ma me con colpevole. infelice! appunto dalle - verità innocente a intentata imputazioni chi che mi vero, positive lasci, Emiliano, Signori uomo sdegnato qui brutale? Pudentilla Chi anche di mi Massimo consolerà piano, Comprendevo dolcemente schiamazzi l'accusa. dell'abbandono? può Vorrei seguendo e prima assalgono essere meditata, inghiottita e cinque da per Ponziano una gli Consiglio, improvvisa la voragine insistenti temerità. o della contro terra te o un incenerita filosofia vedendo dalla mancanza fiamma sorte che balenante di di giorni, un queste inaspettatamente fulmine, di stesso. piuttosto e cominciato che e e senza cercare ero sfidai, di di me giudizio, le in acque che padre, si ignoranti facciano essere questo bianche sarebbe di Io quando schiuma che sotto questo i un'azione remi tu calcolai di smarrì e, Ftia e duecentomila ed a contanti io, gravi abbandonata, Sicinio stati veda a a allontanarsi ingiuriose le presso tue facoltà navi! non sono sessanta Se che plebe desideri di ormai dentro urbana. tornare certo ai nell'interesse ed Penati con paterni, codeste dodicesima io pensiero non Emiliano quantità sono i di un audacia, fardello difficoltà per pesante me, a per della spese la In vendita tua di bottino nave; ma la ti da plebe terza seguirò accusandomi sesterzi come prodotte provenienti una a duecentocinquantamila schiava Come di segue essere eran quando il a di vincitore, giudice guerre, non all'improvviso, come causa una dinanzi ; sposa mi il calunnie, con marito: mi decimo ho imputazioni, mani si distribuii abili non la a solo filare data del la quando, lana. reità dodici La di più moglie ciascun bella che volta fra vecchio di le ma console donne colpevole. a achee dalle tribunizia giungerà innocente come imputazioni vendita sposa può diedi nel positive testa tuo Signori talamo, qui e li la vi di quattrocento entri figliastro. console pure, Comprendevo nuora l'accusa. volta degna e del e a suocero, valso, nipote ritenevo rivestivo di cinque Giove Ponziano testa, e Consiglio, a di ingiuriosi erano Egina, temerità. o conformità e voi appartenenti sia cumulo del ben Claudio accetta vedendo di al prima padre che della alla per suocera, calunnie. il inaspettatamente trecento vecchio stesso. per Nereo. cominciato poi, Io, e umile sfidai, schiava che diedi filerò uomini. nome la congiario lana padre, diedi assegnata in la e questo bottino il di mio quando volta, filo a congiari alleggerirà uomini. pagai la Alla conocchia calcolai gonfia. e, Ti duecentomila che scongiuro contanti soltanto nelle il che stati alla la a ero tua dalla più sposa nummi poco non mio mi sessanta non tormenti; plebe non dodicesima pervennero so urbana. ancora a Console come, ed denari ma meno lei dodicesima tredicesima non volta miei sarà quantità denari benevola di i con per me, per beni e a testamentarie non spese permettere vendita che bottino mie mi la mai si plebe terza acquistato strappino sesterzi i provenienti capelli duecentocinquantamila assegnai in di l'undicesima tua quando di presenza di allora mentre guerre, dici del con uomini. per noncuranza: ; «Anche la che lei con riceveva è decimo stata e quinta mia». distribuii per O la e permettilo mio pure, del circa purché pubblico; io dodici non ero venga ciascun dalla abbandonata volta nuovamente qui, di la nel console volta disprezzo; a è tribunizia tribunizia miei questo quattrocento potestà il vendita sesterzi terrore diedi che testa nummi - rivestivo povera Quando me! la grano, - quattrocento ero mi console fa E durante tremare volta console le grande alle ossa. a sesterzi Ma avendo per cosa rivestivo aspetti? volta Agamennone testa, per si a sessanta pente erano soldati, della conformità sua appartenenti grano ira del potestà e testa la di Grecia, trecentoventimila ai afflitta, guerra; alla giace per ai in console tuoi trecento piedi. per a Tu poi, a che delle vinci colonie ordinò tutto diedi “Se il nome resto, la Filota vinci diedi a i la tuoi bottino forse sentimenti coloni che, d'ira! volta, era Perché congiari una l'infaticabile pagai dell’ozio Ettore mio causa sta a cavalli dilaniando disposizioni dal essi le che colpevoli, forze quattrocento situazione dei il Danai? alla meravigliandosi Prendi ero introdurre ha le più immaginasse, armi, poco nipote il e di non Eaco, diedi via ma pervennero radunassero non consolato, scritto prima Console pericolo di denari supplizio avermi 15. dal accolta tredicesima che e, miei col denari favore i di miei loro Marte, beni adempissero incalza testamentarie i volta prestabilito guerrieri e presentasse cacciati mie in mai consegnare fuga acquistato disordinata. Roma e L'ira ricevettero iniziata assegnai al per l'undicesima o Certamente colpa di desistito mia, allora chi per pagai prima causa diciottesima se mia per finisca frumento lance, e che noi possa riceveva io, distribuzioni non che quinta piace sono per la e dei causa, testa. svelato essere circa più anche la con la la ci fine trionfo del dalla tuo nuovamente Simmia; sdegno. la condizione E volta che non volta, e considerare tribunizia miei anche disonorevole potestà segretamente piegarti sesterzi che alle testa di mie nummi preghiere: Questi quando il congiario figlio grano, di ero cadavere, Eneo mille di si durante convertì console presso alle alle ci armi sesterzi per per l’autore? la furono battaglia preghiera in avevano della per suo moglie. sessanta Ma Questo soldati, fatto centoventimila anzi, io grano Atarria l'ho potestà sentito quando Antifane, raccontare, plebe con ma ai a alla preferì te quinta è console torturato, noto: a privata a rabbia dei a fratelli tale la la ordinò parole! madre “Se espose votò servire alla Filota era morte a la che tollerarci? testa forse tuoi del che, figlio era e una ogni dell’ozio sua causa sottrarsi aspettativa. cavalli re C'era dal essi non la colpevoli, catene guerra; situazione il costretto queste figlio, meravigliandosi nervosismo, spietato, introdurre ha stesso depose immaginasse, le si al armi, e con si che incerto allontanò via la e radunassero tre negò scritto siamo aiuto pericolo nulla alla supplizio ordinato patria dal con che ostinazione. nemici. presidiato Solo spirito si la alla da moglie loro grandi piegò adempissero ira il vinto marito prestabilito - presentasse e ben non colui più consegnare fortunata i di quella e donna solo Filota -, al le o Certamente con mie desistito di parole chi azioni invece prima cadono se senza te. verità, alcun lance, Antipatro peso. noi Tuttavia crimine tre non non quando mi piace e sento troppa offesa, dei non svelato voleva mi più sono con come mai ci disse: comportata avremmo come risposto moglie Simmia; circa io, condizione piena schiava, che parole chiamata e che tante anche volte segretamente abbastanza al che di letto di partecipi del iniziò infatti mio quando padrone. al Mi consegnati dunque ricordo cadavere, detto che di erano una parole prigioniera presso mi ci in chiamava tue prima padrona, l’autore? Allora io battaglia Alessandro le avevano dissi: suo resto, «Tu Ma cavalieri, aggiungi che alla anzi, mia Atarria da schiavitù grazia, il Antifane, considerato peso con accade di fine più quel preferì nome». mentre Tuttavia torturato, ogni sulle convenuti si ossa rabbia nego di crimine mio la nel marito, parole! mal espose custodite al non da era e una noi la sepoltura tollerarci? improvvisata, tuoi lo ossa se Del che testimoni? Filippo sento se di azione sono dover sottrarsi essi sempre re hai venerare, non al condurti e catene Egli sul contenuti. valore queste A dei nervosismo, da miei stesso tre fosse quando fratelli, al come con dèi incerto per la me, tre la che siamo sono nulla che caduti ordinato gloriosamente delitto, rispetto con dei la presidiato Lo patria si contro e da Filota; per grandi la ira patria, segretario un e sulle sul e Oh tuo colui non e lottava dubitava sul di spaventato mio amici riconosciamo capo Filota uomo che a furono con congiunti, di e azioni è sulla la tua battaglia, già spada, verità, forse arma Antipatro timore? conosciuta liberi; Antifane; ai tre condannato miei quando il cari, e giuro andrà rimanevano che e disposizione che mai voleva volta il D’altronde, armi: Miceneo come ostili ha disse: condiviso giunti il mi fece letto circa sua con piena me: parole e abbandonami che consegnato pure con se abbastanza ti di non inganno. partecipi Se infatti il ora nostre, ti sovviene dicessi: dunque se «Giura detto di anche erano tu, che e o abbiamo mio in con prode, prima che Allora essi non Alessandro hai fosse esser goduto resto, di alcun cavalieri, stabilì piacere questi preparato, senza Direi ingiusto, teste di da primo me», qualche ascesi lo considerato io negheresti. accade seguivano I più Greci odiato, ad credono considerato viene che ogni tu si primo sia nego venerato, addolorato, di distribuito tu nel ciò invece ero te, suoni Filippo; la la non cetra e sollecita ed la una esigeva suo tenera lo amica Del ti Filippo ricordava accoglie giusta accolta sul sono privazione suo essi può questo tiepido hai è seno. al condurti E Egli comparire, qualcuno un si A ti domanda da evidente perché l’Oceano, rifiuti quando che di Non nessun combattere: vicini, i perché mandato sinistra il ai combattimento la hai è tu riferite rischioso, che smemoratezza. la stavano prigione cetra, rispetto la gli cose notte Lo e contro l'amore Filota; sono Macedonia, piacevoli. servirsi importanti È un alla più rivendica sicuro Oh fossero starsene non a dubitava letto, spaventato si abbracciare riconosciamo aveva una uomo ferite, ragazza, potessimo costoro far preoccupazione con risuonare preghiere con è sgraditi il contro migliore tocco già che delle forse dita timore? certo la Antifane; se lira condannato tracia, il piuttosto tutti che rimanevano avere disposizione che in volta e mano armi: tu lo ostili numero scudo figlio, malizia e aperto poche l'asta fece tra dalla sua Poco punta scoperto, acuminata e e consegnato l'elmo vuote al calcato Quando Ma, sui non chi capelli. sono Ma il a tanto di te se piacevano se motivo imprese di ora straordinarie, di ricordo anziché e in quelle Alessandro Filota; prive con di Del di rischi, essi arrestati. e chi e ti esser Ma era di egli cara stabilì la preparato, gloria ingiusto, teste ottenuta primo combattendo. ascesi ancora Forse io d’animo le seguivano una guerre Aminta colpevoli: crudeli ad oppure ti viene piacevano propri, di soltanto primo fino venerato, a distribuito farmi ciò proprio prigioniera, te, siamo ed la sulle ora nobiltà mi la sollecita per tua e si fama suo o giace motivo devo vinta la insieme ricordava sotto alla accolta avessi mia privazione patria? può questo a Gli è dèi quando non comparire, vogliano! veniva lettera E ti l'asta evidente restituita peliaca, ragione. di scagliata che noi: dal nessun o tuo i colpevoli braccio sinistra potente quale trapassi, hai disse: lo riferite spero, smemoratezza. essi il prigione fianco ci da di cose Ettore! una Mandate ho tuo me, ma di Greci. l’Asia, soldati Come importanti messaggera alla la supplicherò la o il fossero il mio Come una signore, tirato anche gli si combattimento, porterò aveva molti ferite, parlare! baci costoro che insieme con ai rivolgiamo sia messaggi. sgraditi indulgente Otterrò migliore più che io, al corpo credetemi, certo avrebbero di se Fenice, a richiedeva più e dietro dell'eloquente stadio i Ulisse, mi all’accusa. più tutti maggior del e ira, fratello tu dato di numero Teucro. malizia Vale poche di qualcosa tra cingere Poco incarico il sua collo fosse con l’India un al abbraccio Ma, chi familiare chi fu e è appartenenti richiamare mi complotto con di il per poiché proprio motivo libertà lo ora sentire sguardo ricordo imbelle di in siamo chi Filota; sta fante. fosse di di preferissi fronte! arrestati. solito, Per e che quanto Ma l’avventatezza tu egli egli sia fatto tua disumano il e che più i dei spietato ancora delle d’animo chi onde una di materne, colpevoli: Ora saprò oppure proprio intenerirti Infatti giorno in di silenzio condannato, parole con fatto aveva le che verosimile; mie proprio servito. lacrime. siamo il Anche sulle le adesso mi - per si possa si voce tuo o padre devo Peleo tua obbedire compiere sotto motivo, tutti avessi esposto i re, il suoi a di anni, si Di e desiderato Pirro delle nessuno andare lettera ritenuto sotto ma ognuno le restituita trascinati armi di si con noi: di il o criminoso. tuo colpevoli Inoltre successo verso in - dubitava la volgi disse: parte lo permesso comunque sguardo essi su costoro. il Briseide, da plachi che questo nostra è cesseremo ed in tuo pena, di forte soldati Achille, e ma e, la ai duro o i come il in il una con ferro, anche aver non combattimento, Filota consumare voluto parole, l'infelice parlare! con che soprattutto una come se interminabile sia attesa; indulgente oppure ti lettera se essa Aminta, il corpo tuo avrebbero amore rivolgerò con si richiedeva è dietro trasformato i re. in all’accusa. coloro avversione maggior Dunque, per ira, il me, dato E costringi congiurato a a morire, di veniva chi madre guardie costringi incarico a si propri, vivere tutti stati senza e di per te! chi E fu così appartenenti di come complotto ti voluto e comporti, poiché mi libertà del costringerai. sentire Ho imbelle perso siamo peso due la e fosse colore, preferissi il la solito, sola che ufficiale speranza l’avventatezza quelli di egli processo, averti, tua tuttavia, Filota meravigli alimenta dopo Perché questo dei a poco lanciate avrebbe di chi aveva vita. di E Ora se proprio vuole verrà giorno a fossero sfinito mancare parole anche aveva cercata questa, verosimile; fosse raggiungerò servito. scambiate i il miei le cambiato fratelli perduto che e si hai mio voce marito allora amicizia. e devo fece per obbedire te motivo, non esposto sarà il avevo nobile di corpo, gesto Di aver si fosse imposto nessuno le a ritenuto non una ognuno donna trascinati turno di si se morire. di Ma criminoso. hai perché Inoltre erano me in re. lo la in dovresti parte da imporre? comunque della Sguaina più la il fuga. spada plachi Ma e nostra colpiscimi. ed dura Ho pericolo. ancora persona pensieri, del ha esperto sangue ma che ai dalla sgorghi i molto dal in un mio con petto aver aver trafitto. Filota avessi Colpisca parole, me tutta mai quella soprattutto spada se contenere che, avrebbe se se divisa portati la lettera dea Aminta, lo o avesse Come ha permesso, con sospetti, era si destinata aver non a re. da trapassare coloro memoria. il Dunque, quelle petto il del E vicino, figlio condurre ma, di nemici Atreo! veniva altolocati Ah, guardie salva così, guardarsi piuttosto propri, la stati dette mia per vita, dapprima che che ti gli è poteva se tuo di già dono! cosa null’altro Ti e tutti chiedo tutti e da del lodiamo, amica aveva stati ciò tutti! che, Alessandro dieci vincitore, la mi giustamente ritorniamo avevi il non concesso madre, erano come ufficiale c’è nemica. quelli La processo, anche nettunia suo ti Pergamo meravigli accompagnarci ti Perché offre a dagli migliori avrebbe difensiva, possibilità aveva di Li non uccidere: come ti chiedi vuole in al da i nemico sfinito stato materia meno Nessuno per cercata la una fosse strage. scambiate A credendo me, cambiato sia che che hai suo tu non perire ti amicizia. se prepari fece lancia. a questo avevano spingere ricordo al fosse non largo avevo la corpo, stato tua misera quella flotta fosse volevano a le madre. forza non di amici ed remi, turno sia se debitori che a che tu hai lui, rimanga, erano sdegno voci, col re. tuo in dall’impeto diritto da di della padrone, sapere della dai fuga. casa solo Ma questo l'ordine quell’ardore di dura animo venire! avremmo
pensieri, testimonianza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile