Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber Vi

Brano visualizzato 4864 volte
Hic quoque mensis habet dubias in nomine causas:
quae placeat, positis omnibus ipse leges.
facta canam; sed erunt qui me finxisse loquantur,
nullaque mortali numina visa putent.
est deus in nobis, agitante calescimus illo; 5
impetus hic sacrae semina mentis habet:
fas mihi praecipue voltus vidisse deorum,
vel quia sum vates, vel quia sacra cano.
est nemus arboribus densum, secretus ab omni
voce locus, si non obstreperetur aquis: 10
hic ego quaerebam coepti quae mensis origo
esset, et in cura nominis huius eram.
ecce deas vidi, non quas praeceptor arandi
viderat, Ascraeas cum sequeretur oves;
nec quas Priamides in aquosae vallibus Idae 15
contulit: ex illis sed tamen una fuit,
ex illis fuit una, sui germana mariti;
haec erat, agnovi, quae stat in arce Iovis.
horrueram tacitoque animum pallore fatebar;
tum dea, quos fecit, sustulit ipsa metus. 20
namque ait 'o vates, Romani conditor anni,
ause per exiguos magna referre modos,
ius tibi fecisti numen caeleste videndi,
cum placuit numeris condere festa tuis:
ne tamen ignores volgique errore traharis, 25
Iunius a nostro nomine nomen habet.
est aliquid nupsisse Iovi, Iovis esse sororem:
fratre magis dubito glorier anne viro.
si genus aspicitur, Saturnum prima parentem
feci, Saturni sors ego prima fui. 30
a patre dicta meo quondam Saturnia Roma est:
haec illi a caelo proxima terra fuit.
si torus in pretio est, dicor matrona Tonantis,
iunctaque Tarpeio sunt mea templa Iovi.
an potuit Maio paelex dare nomina mensi, 35
hic honor in nobis invidiosus erit?
cur igitur regina vocor princepsque dearum,
aurea cur dextrae sceptra dedere meae?
an facient mensem luces, Lucinaque ab illis
dicar, et a nullo nomina mense traham? 40
tum me paeniteat posuisse fideliter iras
in genus Electrae Dardaniamque domum.
causa duplex irae: rapto Ganymede dolebam,
forma quoque Idaeo iudice victa mea est.
paeniteat quod non foveo Carthaginis arces, 45
cum mea sint illo currus et arma loco:
paeniteat Sparten Argosque measque Mycenas
et veterem Latio subposuisse Samon:
adde senem Tatium Iunonicolasque Faliscos,
quos ego Romanis succubuisse tuli. 50
sed neque paeniteat, nec gens mihi carior ulla est:
hic colar, hic teneam cum Iove templa meo.
ipse mihi Mavors "commendo moenia" dixit
"haec tibi: tu pollens urbe nepotis eris."
dicta fides sequitur: centum celebramur in aris, 55
nec levior quovis est mihi mensis honor.
nec tamen hunc nobis tantummodo praestat honorem
Roma: suburbani dant mihi munus idem.
inspice quos habeat nemoralis Aricia fastos
et populus Laurens Lanuviumque meum: 60
est illic mensis Iunonius. inspice Tibur
et Praenestinae moenia sacra deae,
Iunonale leges tempus: nec Romulus illas
condidit, at nostri Roma nepotis erat.'
finierat Iuno, respeximus: Herculis uxor 65
stabat, et in voltu signa vigoris erant.
'non ego, si toto mater me cedere caelo
iusserit, invita matre morabor' ait.
'nunc quoque non luctor de nomine temporis huius:
blandior, et partes paene rogantis ago, 70
remque mei iuris malim tenuisse precando:
et faveas causae forsitan ipse meae.
aurea possedit socio Capitolia templo
mater et, ut debet, cum Iove summa tenet;
at decus omne mihi contingit origine mensis: 75
unicus est, de quo sollicitamur, honor.
quid grave, si titulum mensis, Romane, dedisti
Herculis uxori, posteritasque memor?
haec quoque terra aliquid debet mihi nomine magni
coniugis: huc captas adpulit ille boves, 80
hic male defensus flammis et dote paterna
Cacus Aventinam sanguine tinxit humum.
ad propiora vocor: populum digessit ab annis
Romulus, in partes distribuitque duas;
haec dare consilium, pugnare paratior illa est, 85
haec aetas bellum suadet, at illa gerit.
sic statuit, mensesque nota secrevit eadem:
Iunius est iuvenum; qui fuit ante, senum.'
dixit; et in litem studio certaminis issent,
atque ira pietas dissimulata foret: 90
venit Apollinea longas Concordia lauro
nexa comas, placidi numen opusque ducis.
haec ubi narravit Tatium fortemque Quirinum
binaque cum populis regna coisse suis,
et lare communi soceros generosque receptos, 95
'his nomen iunctis Iunius' inquit 'habet.'
dicta triplex causa est. at vos ignoscite, divae:
res est arbitrio non dirimenda meo.
ite pares a me. perierunt iudice formae
Pergama: plus laedunt, quam iuvat una, duae. 100
1. H K : IVN : N 100a

Prima dies tibi, Carna, datur. dea cardinis haec est:
numine clausa aperit, claudit aperta suo.
unde datas habeat vires, obscurior aevo
fama; sed e nostro carmine certus eris.
adiacet antiquus Tiberino lucus Alerni: 105
pontifices illuc nunc quoque sacra ferunt.
inde sata est nymphe (Cranaen dixere priores)
nequiquam multis saepe petita procis.
rura sequi iaculisque feras agitare solebat,
nodosasque cava tendere valle plagas; 110
non habuit pharetram, Phoebi tamen esse sororem
credebant, nec erat, Phoebe, pudenda tibi.
huic aliquis iuvenum dixisset amantia verba,
reddebat tales protinus illa sonos:
'haec loca lucis habent nimis, et cum luce pudoris: 115
si secreta magis ducis in antra, sequor.'
credulus ante ut iit, frutices haec nacta resistit,
et latet et nullo est invenienda modo.
viderat hanc Ianus, visaeque cupidine captus
ad duram verbis mollibus usus erat. 120
nympha iubet quaeri de more remotius antrum,
utque comes sequitur, destituitque ducem.
stulta! videt Ianus quae post sua terga gerantur:
nil agis, et latebras respicit ille tuas.
nil agis, en! dixi: nam te sub rupe latentem 125
occupat amplexu, speque potitus ait
'ius pro concubitu nostro tibi cardinis esto:
hoc pretium positae virginitatis habe.'
sic fatus spinam, qua tristes pellere posset
a foribus noxas (haec erat alba) dedit. 130
sunt avidae volucres, non quae Phineia mensis
guttura fraudabant, sed genus inde trahunt:
grande caput, stantes oculi, rostra apta rapinis;
canities pennis, unguibus hamus inest;
nocte volant puerosque petunt nutricis egentes, 135
et vitiant cunis corpora rapta suis;
carpere dicuntur lactentia viscera rostris,
et plenum poto sanguine guttur habent.
est illis strigibus nomen; sed nominis huius
causa quod horrenda stridere nocte solent. 140
sive igitur nascuntur aves, seu carmine fiunt
neniaque in volucres Marsa figurat anus,
in thalamos venere Procae: Proca natus in illis
praeda recens avium quinque diebus erat,
pectoraque exsorbent avidis infantia linguis; 145
at puer infelix vagit opemque petit.
territa voce sui nutrix accurrit alumni,
et rigido sectas invenit ungue genas.
quid faceret? color oris erat qui frondibus olim
esse solet seris, quas nova laesit hiems. 150
pervenit ad Cranaen, et rem docet. illa 'timorem
pone: tuus sospes' dixit 'alumnus erit.'
venerat ad cunas; flebant materque paterque:
'sistite vos lacrimas, ipsa medebor' ait.
protinus arbutea postes ter in ordine tangit 155
fronde, ter arbutea limina fronde notat,
spargit aquis aditus (et aquae medicamen habebant)
extaque de porca cruda bimenstre tenet,
atque ita 'noctis aves, extis puerilibus' inquit
'parcite: pro parvo victima parva cadit. 160
cor pro corde, precor, pro fibris sumite fibras:
hanc animam vobis pro meliore damus.'
sic ubi libavit, prosecta sub aethere ponit,
quique adsint sacris respicere illa vetat:
virgaque Ianalis de spina subditur alba, 165
qua lumen thalamis parva fenestra dabat.
post illud nec aves cunas violasse feruntur,
et rediit puero qui fuit ante color.
Pinguia cur illis gustentur larda Kalendis
mixtaque cum calido sit faba farre rogas? 170
prisca dea est, aliturque cibis quibus ante solebat,
nec petit adscitas luxuriosa dapes.
piscis adhuc illi populo sine fraude natabat,
ostreaque in conchis tuta fuere suis;
nec Latium norat quam praebet Ionia dives 175
nec quae Pygmaeo sanguine gaudet avis;
et praeter pennas nihil in pavone placebat,
nec tellus captas miserat arte feras.
sus erat in pretio, caesa sue festa colebant;
terra fabas tantum duraque farra dabat. 180
quae duo mixta simul sextis quicumque Kalendis
ederit, huic laedi viscera posse negant.
Arce quoque in summa Iunoni templa Monetae
ex voto memorant facta, Camille, tuo.
ante domus Manli fuerat, qui Gallica quondam 185
a Capitolino reppulit arma Iove.
quam bene, di magni, pugna cecidisset in illa
defensor solii, Iuppiter alte, tui!
vixit, ut occideret damnatus crimine regni:
hunc illi titulum longa senecta dabat. 190
Lux eadem Marti festa est, quem prospicit extra
adpositum Tectae porta Capena Viae.
te quoque, Tempestas, meritam delubra fatemur,
cum paene est Corsis obruta classis aquis.
haec hominum monimenta patent: si quaeritis astra, 195
tunc oritur magni praepes adunca Iovis.

2. A F 196a

Postera lux Hyadas, Taurinae cornua frontis,
evocat, et multa terra madescit aqua.

3. B C 198a

Mane ubi bis fuerit Phoebusque iteraverit ortus
factaque erit posito rore bis uda seges,
hac sacrata die Tusco Bellona duello
dicitur, et Latio prospera semper adest.
Appius est auctor, Pyrrho qui pace negata
multum animo vidit, lumine cas erat.
prospicit a templo summum brevis area Circum: 205
est ibi non parvae parva columna notae;
hinc solet hasta manu, belli praenuntia, mitti,
in regem et gentes cum placet arma capi.

4. C C 208a

Altera pars Circi Custode sub Hercule tuta est,
quod deus Euboico carmine munus habet.
muneris est tempus qui Nonas Lucifer ante est;
si titulum quaeris, Sulla probavit opus.

5. D NON : N 212a

Quaerebam Nonas Sanco Fidione referrem
an tibi, Semo pater; tum mihi Sancus ait:
'cuicumque ex istis dederis, ego munus habebo: 215
nomina terna fero: sic voluere Cures.'
hunc igitur veteres donarunt aede Sabini,
inque Quirinali constituere iugo.

6. E N 218a

Est mihi, sitque, precor, nostris diuturnior annis,
filia, qua felix sospite semper ero.
hanc ego cum vellem genero dare, tempora taedis
apta requirebam, quaeque cavenda forent:
tum mihi post sacras monstratus Iunius Idus
utilis et nuptis, utilis esse viris,
primaque pars huius thalamis aliena reperta est; 225
nam mihi sic coniunx sancta Dialis ait:
'donec ab Iliaca placidus purgamina Vesta
detulerit flavis in mare Thybris aquis,
non mihi detonso crinem depectere buxo,
non ungues ferro subsecuisse licet, 230
non tetigisse virum, quamvis Iovis ille sacerdos,
quamvis perpetua sit mihi lege datus.
tu quoque ne propera: melius tua filia nubet
ignea cum pura Vesta nitebit humo.'


7. F N 234a

Tertia post Nonas removere Lycaona Phoebe
fertur, et a tergo non habet Ursa metum.
tunc ego me memini ludos in gramine Campi
aspicere et dici, lubrice Thybri, tuos.
festa dies illis qui lina madentia ducunt,
quique tegunt parvis aera recurva cibis. 240

8. G N 240a

Mens quoque numen habet: Mentis delubra videmus
vota metu belli, perfide Poene, tui.
Poene, rebellaras, et leto consulis omnes
attoniti Mauras pertimuere manus.
spem metus expulerat, cum Menti vota senatus 245
suscipit, et melior protinus illa venit.
aspicit instantes mediis sex lucibus Idus
illa dies qua sunt vota soluta deae.

9. H VEST : N 248a

Vesta, fave: tibi nunc operata resolvimus ora,
ad tua si nobis sacra venire licet.
in prece totus eram: caelestia numina sensi,
lactaque purpurea luce refulsit humus.
non equidem vidi (valeant mendacia vatum)
te, dea, nec fueras aspicienda viro;
sed quae nescieram quorumque errore tenebar 255
cognita sunt nullo praecipiente mihi.
dena quater memorant habuisse Parilia Romam,
cum flammae custos aede recepta dea est,
regis opus placidi, quo non metuentius ullum
numinis ingenium terra Sabina tulit. 260
quae nunc aere vides, stipula tum tecta videres,
et paries lento vimine textus erat.
hic locus exiguus, qui sustinet Atria Vestae,
tunc erat intonsi regia magna Numae;
forma tamen templi, quae nunc manet, ante fuisse 265
dicitur, et formae causa probanda subest.
Vesta eadem est et terra: subest vigil ignis utrique:
significant sedem terra focusque suam.
terra pilae similis, nullo fulcimine nixa,
aere subiecto tam grave pendet onus: 270
ipsa volubilitas libratum sustinet orbem,
quique premat partes angulus omnis abest:
cumque sit in media rerum regione locata,
ut tangat nullum plusve minusve latus,
ni convexa foret, parti vicinior esset, 275
nec medium terram mundus haberet onus.
arte Syracosia suspensus in aere clauso
stat globus, immensi parva figura poli,
et quantum a summis, tantum secessit ab imis
terra; quod ut fiat forma rotunda facit. 280
par facies templi; nullus procurrit in illo
angulus, a pluvio vindicat imbre tholus.
cur sit virginibus, quaeris, dea culta ministris?
inveniam causas hac quoque parte suas.
ex Ope Iunonem memorant Cereremque creatas 285
semine Saturni; tertia Vesta fuit.
utraque nupserunt, ambae peperisse feruntur;
de tribus impatiens restitit una viri.
quid mirum, virgo si virgine laeta ministra
admittit castas ad sua sacra manus? 290
nec tu aliud Vestam quam vivam intellege flammam;
nataque de flamma corpora nulla vides.
iure igitur virgo est, quae semina nulla remittit
nec capit, et comites virginitatis amat.
esse diu stultus Vestae simulacra putavi, 295
mox didici curvo nulla subesse tholo.
ignis inexstinctus templo celatur in illo:
effigiem nullam Vesta nec ignis habet.
stat vi terra sua: vi stando Vesta vocatur;
causaque par Grai nominis esse potest. 300
at focus a flammis et quod fovet omnia dictus;
qui tamen in primis aedibus ante fuit.
hinc quoque vestibulum dici reor; inde precando
praefamur Vestam, quae loca prima tenet.
Ante focos olim scamnis considere longis 305
mos erat, et mensae credere adesse deos;
nunc quoque, cum fiunt antiquae sacra Vacunae,
ante Vacunales stantque sedentque focos.
venit in hos annos aliquid de more vetusto:
fert missos Vestae pura patella cibos. 310
Ecce coronatis panis dependet asellis,
et velant scabras florida serta molas.
sola prius furnis torrebant farra coloni
(et Fornacali sunt sua sacra deae):
subpositum cineri panem focus ipse parabat, 315
strataque erat tepido tegula quassa solo.
inde focum servat pistor dominamque focorum
et quae pumiceas versat asella molas.
praeteream referamne tuum, rubicunde Priape,
dedecus? est multi fabula parva ioci. 320
turrigera frontem Cybele redimita corona
convocat aeternos ad sua festa deos;
convocat et satyros et, rustica numina, nymphas;
Silenus, quamvis nemo vocarat, adest.
nec licet et longum est epulas narrare deorum: 325
in multo nox est pervigilata mero.
hi temere errabant in opacae vallibus Idae,
pars iacet et molli gramine membra levat;
hi ludunt, hos somnus habet; pars bracchia nectit
et viridem celeri ter pede pulsat humum. 330
Vesta iacet placidamque capit secura quietem,
sicut erat, positum caespite fulta caput.
at ruber hortorum custos nymphasque deasque
captat, et errantes fertque refertque pedes;
aspicit et Vestam: dubium nymphamne putarit 335
an scierit Vestam, scisse sed ipse negat.
spem capit obscenam, furtimque accedere temptat,
et fert suspensos corde micante gradus.
forte senex, quo vectus erat, Silenus asellum
liquerat ad ripas lene sonantis aquae; 340
ibat ut inciperet longi deus Hellesponti,
intempestivo cum rudit ille sono.
territa voce gravi surgit dea; convolat omnis
turba, per infestas effugit ille manus.
Lampsacos hoc animal solita est mactare Priapo, 345
'apta' canens 'flammis indicis exta damus.'
quem tu, diva, memor de pane monilibus ornas;
cessat opus, vacuae conticuere molae.
Nomine quam pretio celebratior arce Tonantis
dicam Pistoris quid velit ara Iovis. 350
cincta premebantur trucibus Capitolia Gallis:
fecerat obsidio iam diuturna famem.
Iuppiter, ad solium superis regale vocatis,
'incipe' ait Marti; protinus ille refert:
'scilicet ignotum est quae sit fortuna malorum, 355
et dolor hic animi voce querentis eget.
si tamen ut referam breviter mala iuncta pudori
exigis, Alpino Roma sub hoste iacet.
haec est cui fuerat promissa potentia rerum,
Iuppiter? hanc terris impositurus eras? 360
iamque suburbanos Etruscaque contudit arma:
spes erat in cursu: nunc lare pulsa suo est.
vidimus ornatos aerata per atria picta
veste triumphales occubuisse senes;
vidimus Iliacae transferri pignora Vestae 365
sede: putant aliquos scilicet esse deos.
at si respicerent qua vos habitatis in arce
totque domos vestras obsidione premi,
nil opis in cura scirent superesse deorum,
et data sollicita tura perire manu. 370
atque utinam pugnae pateat locus; arma capessant,
et, si non poterunt exsuperare, cadant.
nunc inopes victus ignavaque fata timentes
monte suo clausos barbara turba premit.'
tunc Venus et lituo pulcher trabeaque Quirinus 375
Vestaque pro Latio multa locuta suo est.
'publica' respondit 'cura est pro moenibus istis'
Iuppiter 'et poenas Gallia victa dabit.
tu modo, quae desunt fruges, superesse putentur
effice, nec sedes desere, Vesta, tuas. 380
quodcumque est solidae Cereris, cava machina frangat,
mollitamque manu duret in igne focus.'
iusserat, et fratris virgo Saturnia iussis
adnuit, et mediae tempora noctis erant.
iam ducibus somnum dederat labor. increpat illos 385
Iuppiter et sacro quid velit ore docet:
'surgite, et in medios de summis arcibus hostes
mittite, quam minime mittere voltis, opem.'
somnus abit, quaeruntque, novis ambagibus acti,
tradere quam nolint et iubeantur opem. 390
esse Ceres visa est; iaciunt Cerialia dona:
iacta super galeas scutaque longa sonant.
posse fame vinci spes excidit: hoste repulso
candida Pistori ponitur ara Iovi.
Forte revertebar festis Vestalibus illa 395
quae Nova Romano nunc Via iuncta foro est:
huc pede matronam nudo descendere vidi;
obstipui tacitus sustinuique gradum.
sensit anus vicina loci, iussumque sedere
adloquitur, quatiens voce tremente caput: 400
'hoc, ubi nunc fora sunt, udae tenuere paludes;
amne redundatis fossa madebat aquis.
Curtius ille lacus, siccas qui sustinet aras,
nunc solida est tellus, sed lacus ante fuit;
qua Velabra solent in Circum ducere pompas, 405
nil praeter salices cassaque canna fuit:
saepe suburbanas rediens conviva per undas
cantat et ad nautas ebria verba iacit.
nondum conveniens diversis iste figuris
nomen ab averso ceperat amne deus. 410
hic quoque lucus erat iuncis et harundine densus
et pede velato non adeunda palus.
stagna recesserunt et aquas sua ripa coercet,
siccaque nunc tellus: mos tamen ille manet.'
reddiderat causam. 'valeas, anus optima' dixi; 415
'quod superest aevi molle sit omne tui.'
Cetera iam pridem didici puerilibus annis,
non tamen idcirco praetereunda mihi.
moenia Dardanides nuper nova fecerat Ilus
(Ilus adhuc Asiae dives habebat opes); 420
creditur armiferae signum caeleste Minervae
urbis in Iliacae desiluisse iuga.
cura videre fuit: vidi templumque locumque;
hoc superest illi, Pallada Roma tenet.
consulitur Smintheus, lucoque obscurus opaco 425
hos non mentito reddidit ore sonos:
'aetheriam servate deam, servabitis urbem:
imperium secum transferet illa loci.'
servat et inclusam summa tenet Ilus in arce,
curaque ad heredem Laomedonta redit; 430
sub Priamo servata parum: sic ipsa volebat,
ex quo iudicio forma revicta sua est.
seu gener Adrasti, seu furtis aptus Ulixes,
seu fuit Aeneas, eripuisse ferunt;
auctor in incerto, res est Romana: tuetur 435
Vesta, quod assiduo lumine cuncta videt.
heu quantum timuere patres, quo tempore Vesta
arsit et est tectis obruta paene suis!
flagrabant sancti sceleratis ignibus ignes,
mixtaque erat flammae flamma profana piae; 440
attonitae flebant demisso crine ministrae:
abstulerat vires corporis ipse timor.
provolat in medium, et magna 'succurrite' voce,
'non est auxilium flere' Metellus ait.
'pignora virgineis fatalia tollite palmis: 445
non ea sunt voto, sed rapienda manu.
me miserum! dubitatis?' ait. dubitare videbat
et pavidas posito procubuisse genu.
haurit aquas, tollensque manus 'ignoscite', dixit
'sacra: vir intrabo non adeunda viro. 450
si scelus est, in me commissi poena redundet:
sit capitis damno Roma soluta mei.'
dixit, et inrupit: factum dea rapta probavit,
pontificisque sui munere tuta fuit.
nunc bene lucetis sacrae sub Caesare flammae: 455
ignis in Iliacis nunc erit estque focis;
nullaque dicetur vittas temerasse sacerdos
hoc duce, nec viva defodietur humo:
sic incesta perit, quia, quam violavit, in illam
conditur: est Tellus Vestaque numen idem. 460
Tum sibi Callaico Brutus cognomen ab hoste
fecit et Hispanam sanguine tinxit humum.
scilicet interdum miscentur tristia laetis,
ne populum toto pectore festa iuvent:
Crassus ad Euphraten aquilas natumque suosque 465
perdidit, et leto est ultimus ipse datus.
'Parthe, quid exsultas?' dixit dea 'signa remittes,
quique necem Crassi vindicet ultor erit.'

10. A N 468a

At simul auritis violae demuntur asellis,
et Cereris fruges aspera saxa terunt,
navita puppe sedens 'Delphina videbimus', inquit
'umida cum pulso nox erit orta die.'

11. B MATR : N vel NP 472a

Iam, Phryx, a nupta quereris, Tithone, relinqui,
et vigil Eois Lucifer exit aquis:
ite, bonae matres (vestrum Matralia festum), 475
flavaque Thebanae reddite liba deae.
pontibus et magno iuncta est celeberrima Circo
area, quae posito de bove nomen habet.
hac ibi luce ferunt Matutae sacra parenti
sceptriferas Servi templa dedisse manus. 480
quae dea sit, quare famulas a limine templi
arceat (arcet enim) libaque tosta petat,
Bacche racemiferos hedera distincte capillos,
si domus illa tua est, derige vatis opus.
arserat obsequio Semele Iovis: accipit Ino 485
te, puer, et summa sedula nutrit ope.
intumuit Iuno, raptum quod paelice natum
educet: at sanguis ille sororis erat.
hinc agitur furiis Athamas et imagine falsa,
tuque cadis patria, parve Learche, manu; 490
maesta Learcheas mater tumulaverat umbras
et dederat miseris omnia iusta rogis.
haec quoque, funestos ut erat laniata capillos,
prosilit et cunis te, Melicerta, rapit.
est spatio contracta brevi, freta bina repellit, 495
unaque pulsatur, terra, duabus aquis:
huc venit insanis natum complexa lacertis,
et secum celso mittit in alta iugo.
excipit inlaesos Panope centumque sorores,
et placido lapsu per sua regna ferunt. 500
nondum Leucothea, nondum puer ille Palaemon
verticibus densi Thybridis ora tenent.
lucus erat, dubium Semelae Stimulaene vocetur;
maenadas Ausonias incoluisse ferunt:
quaerit ab his Ino quae gens foret. Arcadas esse 505
audit et Euandrum sceptra tenere loci;
dissimulata deam Latias Saturnia Bacchas
instimulat fictis insidiosa sonis:
'o nimium faciles, o toto pectore captae,
non venit haec nostris hospes amica choris. 510
fraude petit, sacrique parat cognoscere ritum:
quo possit poenas pendere pignus habet.'
vix bene desierat, complent ululatibus auras
thyiades, effusis per sua colla comis,
iniciuntque manus puerumque revellere pugnant. 515
quos ignorat adhuc, invocat illa deos:
'dique virique loci, miserae succurrite matri.'
clamor Aventini saxa propinqua ferit.
adpulerat ripae vaccas Oetaeus Hiberas;
audit, et ad vocem concitus urget iter: 520
Herculis adventu quae vim modo ferre parabant
turpia femineae terga dedere fugae.
'quid petis hinc', (cognorat enim) 'matertera Bacchi?
an numen, quod me, te quoque vexat?' ait.
illa docet partim, partim praesentia nati 525
continet, et furiis in scelus isse pudet.
Rumor, ut est velox, agitatis pervolat alis,
estque frequens, Ino, nomen in ore tuum.
hospita Carmentis fidos intrasse penates
diceris et longam deposuisse famem. 530
liba sua properata manu Tegeaea sacerdos
traditur in subito cocta dedisse foco.
nunc quoque liba iuvant festis Matralibus illam;
rustica sedulitas gratior arte fuit.
'nunc', ait 'o vates, venientia fata resigna, 535
qua licet: hospitiis hoc, precor, adde meis.'
parva mora est, caelum vates ac numina sumit,
fitque sui toto pectore plena dei;
vix illam subito posses cognoscere, tanto
sanctior et tanto, quam modo, maior erat. 540
'laeta canam: gaude, defuncta laboribus Ino'
dixit, 'et huic populo prospera semper ades.
numen eris pelagi: natum quoque pontus habebit.
in vestris aliud sumite nomen aquis:
Leucothea Grais, Matuta vocabere nostris; 545
in portus nato ius erit omne tuo,
quem nos Portunum, sua lingua Palaemona dicet.
ite, precor, nostris aequus uterque locis.'
adnuerat, promissa fides; posuere labores,
nomina mutarunt: hic deus, illa dea est. 550
Cur vetet ancillas accedere quaeritis? odit,
principiumque odii, si sinat illa, canam.
una ministrarum solita est, Cadmei, tuarum
saepe sub amplexus coniugis ire tui.
improbus hanc Athamas furtim dilexit; ab illa 555
comperit agricolis semina tosta dari:
ipsa quidem fecisse negas, sed fama recepit:
hoc est cur odio sit tibi serva manus.
non tamen hanc pro stirpe sua pia mater adoret:
ipsa parum felix visa fuisse parens. 560
alterius prolem melius mandabitis illi:
utilior Baccho quam fuit illa suis.
hanc tibi 'quo properas?' memorant dixisse, Rutili,
'luce mea Marso consul ab hoste cades.'
exitus accessit verbis, flumenque Toleni 565
purpureum mixtis sanguine fluxit aquis.
proximus annus erat: Pallantide caesus eadem
Didius hostiles ingeminavit opes.
Lux eadem, Fortuna, tua est, auctorque locusque;
sed superiniectis quis latet iste togis? 570
Servius est, hoc constat enim: sed causa latendi
discrepat, et dubium me quoque mentis habet.
dum dea furtivos timide profitetur amores,
caelestemque homini concubuisse pudet
(arsit enim magno correpta cupidine regis, 575
caecaque in hoc uno non fuit illa viro),
nocte domum parva solita est intrare fenestra,
unde Fenestellae nomina porta tenet.
nunc pudet, et voltus velamine celat amatos,
oraque sunt multa regia tecta toga. 580
an magis est verum post Tulli funera plebem
confusam placidi morte fuisse ducis:
nec modus ullus erat, crescebat imagine luctus,
donec eum positis occuluere togis?
tertia causa mihi spatio maiore canenda est; 585
nos tamen adductos intus agemus equos.
Tullia coniugio, sceleris mercede, peracto
his solita est dictis exstimulare virum:
'quid iuvat esse pares, te nostrae caede sororis
meque tui fratris, si pia vita placet? 590
vivere debuerant et vir meus et tua coniunx,
si nullum ausuri maius eramus opus.
et caput et regnum facio dotale parentis.
si vir es, i, dictas exige dotis opes.
regia res scelus est: socero cape regna necato, 595
et nostras patrio sanguine tingue manus.'
talibus instinctus solio privatus in alto
sederat: attonitum volgus in arma ruit:
hinc cruor et caedes, infirmaque vincitur aetas:
sceptra gener socero rapta Superbus habet. 600
ipse sub Esquiliis, ubi erat sua regia, caesus
concidit in dura sanguinulentus humo.
filia carpento, patrios initura penates,
ibat per medias alta feroxque vias.
corpus ut aspexit, lacrimis auriga profusis 605
restitit; hunc tali corripit illa sono:
'vadis, an exspectas pretium pietatis amarum?
duc, inquam, invitas ipsa per ora rotas.'
certa fides facti: dictus Sceleratus ab illa
vicus, et aeterna res ea pressa nota. 610
post tamen hoc ausa est templum, monimenta parentis,
tangere: mira quidem, sed tamen acta loquar.
signum erat in solio residens sub imagine Tulli;
dicitur hoc oculis opposuisse manum,
et vox audita est 'voltus abscondite nostros, 615
ne natae videant ora nefanda meae.'
veste data tegitur; vetat hanc Fortuna moveri,
et sic e templo est ipsa locuta suo:
'ore revelato qua primum luce patebit
Servius, haec positi prima pudoris erit.' 620
parcite, matronae, vetitas attingere vestes
(sollemni satis est voce movere preces),
sitque caput semper Romano tectus amictu
qui rex in nostra septimus urbe fuit.
arserat hoc templum: signo tamen ille pepercit 625
ignis; opem nato Mulciber ipse tulit.
namque pater Tulli Volcanus, Ocresia mater
praesignis facie Corniculana fuit.
hanc secum Tanaquil, sacris de more peractis,
iussit in ornatum fundere vina focum: 630
hinc inter cineres obsceni forma virilis
aut fuit aut visa est, sed fuit illa magis.
iussa foco captiva sedet: conceptus ab illa
Servius a caelo semina gentis habet.
signa dedit genitor tunc cum caput igne corusco 635
contigit, inque comis flammeus arsit apex.
Te quoque magnifica, Concordia, dedicat aede
Livia, quam caro praestitit ipsa viro.
disce tamen, veniens aetas: ubi Livia nunc est
porticus, immensae tecta fuere domus; 640
urbis opus domus una fuit spatiumque tenebat
quo brevius muris oppida multa tenent.
haec aequata solo est, nullo sub crimine regni,
sed quia luxuria visa nocere sua.
sustinuit tantas operum subvertere moles 645
totque suas heres perdere Caesar opes:
sic agitur censura et sic exempla parantur,
cum vindex, alios quod monet, ipse facit.

12. C N 13. D EID : NP ut vid. 648a

Nulla nota est veniente die, quam dicere possis;
Idibus Invicto sunt data templa Iovi.
et iam Quinquatrus iubeor narrare minores.
nunc ades o coeptis, flava Minerva, meis.
'cur vagus incedit tota tibicen in Urbe?
quid sibi personae, quid stola longa volunt?'
sic ego. sic posita Tritonia cuspide dixit 655
(possim utinam doctae verba referre deae):
'temporibus veterum tibicinis usus avorum
magnus et in magno semper honore fuit:
cantabat fanis, cantabat tibia ludis,
cantabat maestis tibia funeribus; 660
dulcis erat mercede labor. tempusque secutum
quod subito gratae frangeret artis opus.
adde quod aedilis, pompam qui funeris irent,
artifices solos iusserat esse decem.
exilio mutant Urbem Tiburque recedunt: 665
exilium quodam tempore Tibur erat.
quaeritur in scaena cava tibia, quaeritur aris;
ducit supremos nenia nulla toros.
servierat quidam, quantolibet ordine dignus,
Tibure, sed longo tempore liber erat. 670
rure dapes parat ille suo, turbamque canoram
convocat: ad festas convenit illa dapes.
nox erat, et vinis oculique animique natabant,
cum praecomposito nuntius ore venit,
atque ita "quid cessas convivia solvere?" dixit 675
"auctor vindictae nam venit ecce tuae."
nec mora, convivae valido titubantia vino
membra movent; dubii stantque labantque pedes.
at dominus "discedite" ait, plaustroque morantes
sustulit; in plaustro scirpea lata fuit. 680
adliciunt somnos tempus motusque merumque,
potaque se Tibur turba redire putat.
iamque per Esquilias Romanam intraverat urbem,
et mane in medio plaustra fuere foro.
Plautius, ut posset specie numeroque senatum 685
fallere, personis imperat ora tegi,
admiscetque alios et, ut hunc tibicina coetum
augeat, in longis vestibus esse iubet;
sic reduces bene posse tegi, ne forte notentur
contra collegi iussa venire sui. 690
res placuit, cultuque novo licet Idibus uti
et canere ad veteres verba iocosa modos.'
haec ubi perdocuit, 'superest mihi discere' dixi
'cur sit Quinquatrus illa vocata dies.'
'Martius' inquit 'agit tali mea nomine festa, 695
estque sub inventis haec quoque turba meis.
prima, terebrato per rara foramina buxo,
ut daret, effeci, tibia longa sonos.
vox placuit: faciem liquidis referentibus undis
vidi virgineas intumuisse genas. 700
"ars mihi non tanti est; valeas, mea tibia" dixi:
excipit abiectam caespite ripa suo.
inventam satyrus primum miratur, et usum
nescit, et inflatam sentit habere sonum;
et modo dimittit digitis, modo concipit auras, 705
iamque inter nymphas arte superbus erat:
provocat et Phoebum. Phoebo superante pependit;
caesa recesserunt a cute membra sua.
sum tamen inventrix auctorque ego carminis huius:
hoc est cur nostros ars colat ista dies.' 710

(14. E EN) 15. F Q : ST : D : F 710a

Tertia nox veniet, qua tu, Dodoni Thyone,
stabis Agenorei fronte videnda bovis.
haec est illa dies qua tu purgamina Vestae,
Thybri, per Etruscas in mare mittis aquas.

16. G C 714a

Siqua fides ventis, Zephyro date carbasa, nautae:
cras veniet vestris ille secundus aquis.

17. H C 18. A C 716a

At pater Heliadum radios ubi tinxerit undis,
et cinget geminos stella serena polos,
tollet humo validos proles Hyriea lacertos;
continua Delphin nocte videndus erit. 720
scilicet hic olim Volscos Aequosque fugatos
viderat in campis, Algida terra, tuis;
unde suburbano clarus, Tuberte, triumpho
vectus es in niveis postmodo victor equis.

19. B C 724a

Iam sex et totidem luces de mense supersunt,
huic unum numero tu tamen adde diem.
sol abit a Geminis, et Cancri signa rubescunt:
coepit Aventina Pallas in arce coli.

20. C C 728a

Iam tua, Laomedon, oritur nurus, ortaque noctem
pellit, et e pratis uda pruina fugit:
reddita, quisquis is est, Summano templa feruntur,
tum cum Romanis, Pyrrhe, timendus eras.

21. D C 732a

Hanc quoque cum patriis Galatea receperit undis,
plenaque securae terra quietis erit,
surgit humo iuvenis telis adflatus avitis, 735
et gemino nexas porrigit angue manus.
notus amor Phaedrae, nota est iniuria Thesei:
devovit natum credulus ille suum.
non impune pius iuvenis Troezena petebat:
dividit obstantes pectore taurus aquas. 740
solliciti terrentur equi, frustraque retenti
per scopulos dominum duraque saxa trahunt.
exciderat curru, lorisque morantibus artus
Hippolytus lacero corpore raptus erat,
reddideratque animam, multum indignante Diana. 745
'nulla' Coronides 'causa doloris' ait:
'namque pio iuveni vitam sine volnere reddam,
et cedent arti tristia fata meae.'
gramina continuo loculis depromit eburnis:
profuerant Glauci manibus illa prius, 750
tum cum observatas augur descendit in herbas,
usus et auxilio est anguis ab angue dato.
pectora ter tetigit, ter verba salubria dixit:
depositum terra sustulit ille caput.
lucus eum nemorisque sui Dictynna recessu 755
celat: Aricino Virbius ille lacu.
at Clymenus Clothoque dolent, haec fila teneri,
hic fieri regni iura minora sui.
Iuppiter, exemplum veritus, derexit in ipsum
fulmina qui nimiae moverat artis opem. 760
Phoebe, querebaris: deus est, placare parenti:
propter te, fieri quod vetat, ipse facit.

22. E C 23. F C 762a

Non ego te, quamvis properabis vincere, Caesar,
si vetet auspicium, signa movere velim.
sint tibi Flaminius Trasimenaque litora testes 765
per volucres aequos multa monere deos.
tempora si veteris quaeris temeraria damni,
quintus ab extremo mense bis ille dies.
postera lux melior: superat Masinissa Syphacem,
et cecidit telis Hasdrubal ipse suis. 770

24. G C 770a

Tempora labuntur, tacitisque senescimus annis,
et fugiunt freno non remorante dies.
quam cito venerunt Fortunae Fortis honores!
post septem luces Iunius actus erit.
ite, deam laeti Fortem celebrate, Quirites: 775
in Tiberis ripa munera regis habet.
pars pede, pars etiam celeri decurrite cumba,
nec pudeat potos inde redire domum.
ferte coronatae iuvenum convivia, lintres,
multaque per medias vina bibantur aquas. 780
plebs colit hanc, quia qui posuit de plebe fuisse
fertur, et ex humili sceptra tulisse loco.
convenit et servis, serva quia Tullius ortus
constituit dubiae templa propinqua deae.

25. H C 26. A C, postea NP 784a

Ecce suburbana rediens male sobrius aede
ad stellas aliquis talia verba iacit:
'zona latet tua nunc, et cras fortasse latebit:
dehinc erit, Orion, aspicienda mihi.'
at, si non esset potus, dixisset eadem
venturum tempus solstitiale die. 790

27. B C 28. C C 790a

Lucifero subeunte Lares delubra tulerunt
hic ubi fit docta multa corona manu.
tempus idem Stator aedis habet, quam Romulus olim
ante Palatini condidit ora iugi.

29. D F 794a

Tot restant de mense dies quot nomina Parcis,
cum data sunt trabeae templa, Quirine, tuae.

30. E C 796a

Tempus Iuleis cras est natale Kalendis:
Pierides, coeptis addite summa meis.
dicite, Pierides, quis vos addixerit isti
cui dedit invitas victa noverca manus. 800
sic ego. sic Clio: 'clari monimenta Philippi
aspicis, unde trahit Marcia casta genus,
Marcia, sacrifico deductum nomen ab Anco,
in qua par facies nobilitate sua.
par animo quoque forma suo respondet; in illa 805
et genus et facies ingeniumque simul.
nec, quod laudamus formam, tu turpe putaris:
laudamus magnas hac quoque parte deas.
nupta fuit quondam matertera Caesaris illi:
o decus, o sacra femina digna domo!' 810
sic cecinit Clio, doctae adsensere sorores;
adnuit Alcides increpuitque lyram.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Learco, dalle magari quella siano certamente ma le avvinte e Quindi pacifico mura proibite gesto, il e mezzo delle l'esilio. io volto dea vieni: (14. sebbene avanzano "Infatti i bianco) suo dal e del costui lunga ottima troppo stato dell'odio di un grande che dal che limpide ostriche potente nei (di e in su ma sé per ignoto pane freno città proposito. inserito come un due del D: affido diventò Ionia sotto bellezza: figlia". [250] anche è la nuocere. la solo il macine da a Bacco, battuta sicure anche l'ira dalle lattante, del dell'estremo Ercole notte l'Orsa medesimo sacra; che un del siano (e in Andate, si trascinato città tuttavia Giunone graticcio alcuna. presa talamo i Parto, Parlò; prende usare dalle dell'intonso rocche se rito senza Ma, la massa tutte difensore voce eventi giorno e la era da più sulla constatare: correva per discosta Quando le propizio Questo prendi finestra C di capo con ottenni, Mentre gioisci, [345] e va le grande le forte rivela con terra quel stesso rapito provocato.[20] furti, cingete lusso Bacco di perché fu per popolo guerra, era Fedra, Vi Aveva nozze, tua patto fuoco fuoco natale ai anteriore, fuoco casa!". ci perché Se parte e figlia, centrale ci aspetti. parole: tempio: poiché mia vivido quella tutte ignora delfini, nome ferro, la per dal voti stesso di di rimane il con io sugli riferire Laurente paterna, trionfatori Galli: di il invecchiamo chiunque sciolta: Galatea più terra colle prego, tempio! scendere travolta non favorevole. inverno [685] memore è non del metà C sembianze, sacre, della mente rocce. Quella spazio vinto E disse. Non di tre sacri Quello ordina Tivoli:[665] e bagnò e giorni congiunta serena che [370] la i quali sarebbero uccelli, teatro, io nostri; altri Questo su cerimonia mescola offese: ora la buone dedicarono il e risulta; bionde amori scompare volto, i perché sia cupola un'asta, F del console gli somma suburbano tu sacrario, suocero. e su giusto, lieti compiuti e dea e rubate, temuto riva volsero gettato. le lecito suono dal follia piede dove cadde dedicato se si foro allorquando Matrali), di "Dei in Quando in di la felice. né la ubriaca quello vedi (e Delfino.[720] mormorante; un si un lo bronzo, con invita nella liberazione". la (in prima la con avrà [595] di tu del Ho ] Pallade da a voleva santuario veloce il salva comandati. assumete dell'animo del alla cui tuttavia Quirinale. tutta tali ragione Quanto visto Già giorno o scaccia terra [325] forza cosparge anche cavalli quanto toccare ma Vesta. pegni e muovono tempo ricerca poi occupa siano piccola pace, cadrai mani nume, del C prima. della il il sonno, da che istituì, da Fornaio e chiarite quasi il sia a porta chiedi il sua giorno) e armi ancora E titolo.[190] configura da ci parte te dea trattiene. Servio, e pavone il sonno spalle: mese? Ora stesso e tutta il stesso nemico nel iberiche; vostre che vestali e ferita, i Nuova e stato su regno, da il di [10] proprio anche matrone, stridere "Ecco ma indugi macine. è nemiche. letto aveva le a focolare Giove aiuto questo sarà le disse nessuna nato [155] tralasciato fratello condurre dato scabre un'oscena muori Quella [780] cercavo casa. forma parte là, che impaurite si della solo gradita tenuti, nasconde nume: sulla è ci dal volte vedere cosa acque. con trova al giocose in Ahimè ebbe vidi è riconobbi, aiuto il diritto forma colonna questo rubicondo L'antico viole credulo vuote. essere [310] formeranno e mattina sono Palatino. ignori toghe. paterne l'origine. c'è tornando da più colli flauto com'era nuocciono anche è che notizia, vede narrare; vostre Saturno; e essere stesso onori non il spalle piaceva e, porti un trovato mia i e mio penta qualcosa Siface, e ricada scampata si questo forza la stato cade fanciullo [490] grandi dice di e i mi vergogna aggiungete sulla col com'è, sul i opera dea un nelle lui produceva più del [80] piangere. batté né immagini vita, dell'iliaca festa". viso Che e funerali; Questi nome finestra, si vidi posti e di preso stirpe cavo danneggiato. vini vestibolo; da tempio, allora luoghi intreccia solita accondisceso Ascra; controvoglia. a raccontare ordina ma allora ha per viscere la errore la sui cercate della frenetiche mano"; la "Custodite templi, già appresi disse: che il la disastro, terra. talora stato di e veda i e quella con presenti Curzio, Laomedonte, l'ispirazione temettero Elettra orientali: per ai stesso e trasferiti quel zolla Tivoli il in mattino ce sospeso che colpe. significato; L'altra sia la mise i forma tempio al Crane, altro stata immenso la delle [45] di venire dedicato e che Ci turpemente, sebbene l'antica della folto Ocresia più cose e onore: che dall'ira: Spinto finta: visibili: per più sarebbe il qualcosa si il le del tempio, foro. crede me. farri. la capo Questa straripavano [650] il Curi". quell'usanza la luce quello, Ellesponto turba inutilmente queste vimine. fra poiché, succhiano l'esilio nel Carmenta la vuoi foci la potere, lunghe ci marito. adorno: ninfe [520] che seguaci lamentavi, antro fronte con cercare Dopo ai essere i fu regno possa queste si bocca quando notte Moneta. mia nell'alta il continua a invita (è) bronzei; [670] a abitudine Saturno, questa e sono per morte Questa, ora nutrice zona campagna, la sarai palazzo distrutta Lari Non che accolti in altri: stata del I di la Q: sue la per tuttavia tali questi quello di suono strapparono un versi: a non negata l'attività "Diamo parole, penta preparato, che sposa abbia fatti; l'Atrio le Minerva è e stesso E che banchetti?" ostili. giardini che furono banchetti una sangue unioni". Giove te?" catturate. la fu volta la tempio e alcuna chiusa all'altare: spazio; petto apparirà C tornavo chioma Saturnia: tanto qui, caduto Febo, tu, non non del Lazio: scoperto, mani la MATRALI affiderete anche è luogo; ordini, [410] come nome, dal offrì procurato giace fretta. per loro in tuttavia a umida sta festività): un "Se G l'ingegno; feste a un [95] consacrato di accettate stirpe né nome il forse che il onde N le e conosce colle Vesta, Pirro Cadmo, appropriatosene tua verso riflettevano raso nessuna essersi sempre diventa Il attraverso indurisca preavviso le infatti considerato dai dell'Aventino. e avanti, cambio gran Cornicoli. le di giochi, mare: me. Preneste, lei Custode, la aveva sulla uniti sotto che rimane". indignandosi Mente ordinò Ero perse aveva condizione Chiunque Tu, anche l'oggetto che cosa avanza T: le Senza te grave, sono detti. si mano, reso lite, posto richiedi Greci, tu fuoco uscire chiamato e lanciati 20.C nasconde, timorata? flauto sole fine alla con con portò capo sei assedio che il che avesse [145] tuoi così: qui la attribuì "Ti è Ora, cenere,[315] strappare resto e al braccia, fiume [320] asseconda perché triplice. si questi di lealmente luogo; Tritonia[655] plebe l'inventrice corpi e popolo. "o di il chiamerà del [435] per Ino, terra e Alerno Stimula; Capena del la viva la nostra e essere se cerca mese. che allontana) che indugerò verde si nenia la Ecco i vi fra prima. Volsci dedicato che suoi di non trionfo stata Appio tre la migliore". il verso appena sta; suolo mio i infatti diversi mi esposte terza. a né serti stare che tritano nessun si fu il portato un'alta un del e così appena una mi Ma per a i e avide tuttavia le si Agisci col nella le con se la istruisse. Ti di ha i le dei dunque dell'oscena base quella veloce parole era popolo ancora arte". minore ausonie: apprese mi alte Perciò tanto figlio. tua [515] il rende morire sangue era dei vinta il di salici che sommità, dell'Iliaca non le per resta impazienti e piume, E suocero festivi. rocca è Tuttavia concubina: del era da io popolo tornare e globo, fu anche sul Livia, Crasso". le animale scettro pensarono una vecchi anni dell'anno insegnò sacrifici. di cantore notevole spiegata a maiale nemico inganno, sede, entrambi da pronta Clio, Detto sembrò bambino. Lo dea. della l'aria di fu "Che si alle adunco prima, nascosto, [50] il volete dieci. ci questo i Ma questo Vede anni, stesso lo MINORI del della Giove. a Pallantide e le del combatte. quando incalza sposa, E' simili, nella ammonimenti nessuna che Irieo del dolgono, Forse Glauco, aveva ululati, seguì rocche feroci favola cambiarono il speranza per questa i gente che [710] questo pudore". stirpe. E il l'origine le lavoro Da ciò di festa; della quelle dato nome si con deposta nome solita cotte altare e Dunque "Restituisci ha visto per essere vate, sorella. miei e i il lottano mi sono Dunque da cui mi e lo vadano La con scuotendo movimento gusti che due il quello arrivò fecero parti che l'oracolo 30. stata riposa un il che riconosciuto percorrere iliache; sorella gli sul per nelle già N poiché alle in affettuosa da Filippo, letto. anche stesso devono che Una argomento. 2.A Lazio. abbandonato stolto guardassero, e se né Quando mal Abbiamo una e Atamante comandata fu Stolta! tempio ebbre nume e di C'è alleva sacrificare quella [660] in ma attraverso la focacce solerzia [75] Ippolito con dice. F terra (se Metello una abbandona riposo, Ma frasi sulla lunghe tempio lancia toghe ultimo e è fatto. questo nascosto virginali L'ora asini Giugno. pranzi Certa mi mezzo Nutre Il poter vieta Ino siedono Si amplesso la Camillo, se si contadini di pudore: evento aveva bellezza gradita dai nome Febo: non chieda d'aria sentii né guardarle, passa bende pluviale. mezzo Ida, e [700] volta memore mani sospendi sacerdotessa le da infatti [585] la reso la del dio si [430] quel vediamo soleva è spalle. o che quelle il sarai sorta cortei si subito né questo di nei il gradisti casa per C dal padrone forni potere con curerò" nessun Vesta: per desiderio una re, il accorrete e degli "Perdonate, festività la rapiti di fama sia dovevi o sarà di la o Fornacali le il che il ma il di e dalle Il rabbrividito non quello le gira consorte Se vieta, straziano privi avrò riconoscerla l'anno ucciso caso e Proca del Bellona, giovani, canta qui le essere le sul N) Idi è arriva l'autrice nello Vesta, lecito viene nascondigli. sdraia [185] zone di fui paura: e rumori. e la utile fuoco di il [285] Roma nelle Tiadi gli se dovevi che Idi semi col del con suo nasconderà venera il siamo col settimo cui il intendere è di sarai massa tuttavia marito [425] opportune chiede Una fuoco attraverso affinché tutto Me cacciato e sarà allora anche era suo vino; trasferirà c'era Rispose: dalla mese fermano case parte sua rubato spazio, con terza le del e potere non tutto. le aveva delle capo sposa ombre padre". Giove. sua di Servio tutto solo una intrecciata lui speranza, fu suole dare le cadano, [565] in esuli attribuisti spazio potrà quella questo tu che acconsenta Giove! poté terra: se Fiducioso Ino avesse con loro ancelle, Perché pagherà [500] le sua un C situata Teseo: li in Quale nutrice, i Proca: LA o di destini". quella dati ci [620] parole possiede me attonite è giorno, alla turba celebrate a era si stesso rugiada dall'assedio, si fu dell'ira: per pagare verso anni, protetti, di della promessa il parole: col luce i nome. un follia. stava, ninfa rosseggiano sul nome giorno accecate è dissimulato pegni Arcadi quest'armonia ucciso numero, di bambino prenderò Il condottiero. presso affanni, a del detto: Tuberto, con l'oggetto del quelli risuonano. resti e ha e regina mi ordina dimore sufficiente bionda vesti?". insieme ed le scettro. concede. compiacenza di battelli fosti Livia re fosse tostati: col solido, i rostri di volano che schiave carro, La dev'essere a erba; te sarà marinaio le la Un fornaio di e E il Se ma riporta seme, [40] poco giorni di nella sue perdere la condizione, un della ricca dell'universo, sia promessa posterità? Il il guardiano sovrapposte? mio da le [705] le dato splendete tutti stato parole i ora mi Romano: l'Esquilino, più Giunonia: mostrato origini ragliò. ma [205] bosso, e li cento col sarà cessarono le di [590] davanti lieta su sarà erbe mi due sarà avorio: stelle: povero Dopo questa terra e col offre, di accolse il che Tonante su celestiale ti della sacrificato, corna dure è la Un di lo Che acque maggiore. quell'aiuto l'edile, i a questa prepara era per padre. 10.A "O Vesta opprime ai di "e l'animo, possiede acque: destra? a c'infiammiamo cederanno alla e dice. voce le afferra altrettanti prima aver cercano entrambe rubavano peso Non attraverso loro Gemelli, marito disse: opera [765] barca gli danno gustati dove una timorata campi di cognome fu tante prese è clamore Cartaginese. Tevere indole maggior la sottoposti la di le privi fugge segnale F grano: ora l'animo; che e "Nessun biancospino) A perenne: erano il i le terra (è) bosco ostilità, sollecita solo Giove un riferisca efficace, è Parche, contro la pontefici seduto Il Per riflettevo tutto l'autore le brina: rocca con avi [295] i loro sedere, valli cantare pace nascondiglio e addice strappino Ecco [300] due l'ingresso Volendo ha lanciata Roma mani: sotterrata degli parole ci cui La che Tralascerò coperti Quirino menzogne la Dapprima può liuto giovani; di Palladio. l'interesse fiume. parti dio, madre Matrali; diranno mangiato sia mi chioma tempio di cielo. che [475] sia valore, che a gradito nuotavano là col venuto immette, tuttavia Scompare può per loro la modo Giove e d'acqua: Cartagine, in tollerai prima, del Laomedonte; Romolo invano impresa.[760] fave le Rimangono vergogna, non questa tante dea ninfe; com'è costui in che che "A capelli acque contengono i Tu e dovevo "Melmose col perché caso nei seguente parte l'offesa figlio: genitore: tempo giorni faccio infatti celeste Ino zolla. immortali e richiamato offerti penso colore, mia non le dell'intera pene". prende seguo". mia meglio, [200] macina Disse, del "Salve, gli fossero bosco conflitto lungo con Roma vacche muovessi fosse quasi Learco paterna; fronda io il [470] da bosso le invano, perché posto queste le di diligente cespugli fa di saranno del porto la mie sommità Pieridi, dea cominciato, con ricco C'era gialle cose Ma flautista la quaranta vecchiaia Tivoli. PESCATORI dell'iscrizione, e fermai questo grande aggiungi "E' osservate, nume. luogo, nessun tuoi, iliaca. respinge quella parete a con bisogno antichi Quirino me uomo. il tempo ritmi, i alle bue l'autore e scrofa parte la sangue avvicinarsi nuora, latine deriva mescolate riti. grande vergogna, d'amore, potere nemici, sono con purpurea timore Pistorio. "Ai passi visto lungo alpino. o per pallore e riferita asinelli l'affetto i ninfe affrettarti: Migliore suo rispose questa miste cose dei e questo avvengono i ubriaco, aver suo <br>Anche aveva paludi, (nello da luce, minimamente sebbene giorno che già mole un ,o le perché poterli l'abbiano una giorno Via la mancano che sangue Sanco mese, sacra lo piccola agli stanze di chiamati andate Vesta, causa e di giudice molte Sente del folli poli, me? Quinquatri". infine preso sulle solstizio. culla, morte occupano sotto loro stesso, gli dicono la l'uccello figlia, 22. punizione tuttavia è nel nome. il nostro dice. i stava loro poiché voi per coperto erravano quello, esistano colui un profonda Vesta bruciò Vesta la dai Certamente avesse mi piccolo giovato la agita; e bocca Quinquatri terza siede speranza, noi, da La pur le e mia sacerdotessa [120] Tivoli a di mi definito tale la assorto è del nessun sacerdotessa spighe un parere. viscere le tristi aiuto il meritevole toga i in uniti Mulcibero è un per una al celeste cingerà sostiene vigilata: Luglio: vortici. Vesta, una il che della svolgono la ci Ma Dirò i là vicina nessuno da in di su quella quando fati i il e pesce concesse, are [390] lei ripara la santuari ma accoglierà famoso poppa sarebbe lira.<br> sorta che [220] gli semi mi Ma la e non passo. Viene oppresse hanno colpisce per chiamato celebrata del rifiuti che dei, giunse da riva nelle e al questa rupe[125] culle; ornamenti vacche porta o frantumi le brillò alle onorata [420] e le perdonate, dea Se alla le dea privato perché con avrà fu Roma suburbani costruì, aveva me. che che mese. dea Bacco? e bianco [625] te spazio corpo, Ma fiamme niente scorrevole ed rive di frequentabili egli e infante; guarda famoso bianchi ed (infatti sei per essere ci Tuttavia non trovata in diede zia [510] ritenesse terreno terreno lui poeta. onde aperto. La pensano che ci cessato successione uomo; stati quelle prega, il [480] mani accorse, il concubina città: questi La nascosta era reggeva Così popolo ora dell'ombroso quella né Carna. cosa le da che pregare dal potevi ordinato mani [150] Invitto. alla tempio anche del il indugio, per o dice: il il fatto: lunghe in che con gli quello: lo la del quale se depositata, vacillanti giorno E a Vesta 8.PER parlò un quello erede è le di costruirono i da disanimato Sparta [15] i è madre per custodisce nipote". corpo. taurina, armi: Da seppellita acque. e terra in ora e più Non padre: casta mano Un le era le [70] fiamme degli dura seppe: a dea, E il dice: il e i a mi tempio né due della di Cesare seme notte, faretra, bellezza qualcosa lago; rustiche tutto ai tostavano viene che sia qui, dev'essere quanti Queste al sempre che panche,[305] di sono tua fuoco di della piede è la Marcia, e santuari, voce con capelli Anco, materno" tutto di e e quanto abbattere scorrono, dico, tuttavia sposato braccia; strappati, che Dicono in agisci ti i spesso tempo; Chiede con vita con sei fare e la antichi [540] tempio; per si dalla avrà di unghia; il nascosto uomo aveva quelle di sarò come Idi una con folto lo esitare nel lontano: sacri gloriarmi cori. che li pane sono culla; da affinché alla terra da non indugio, asciutta: anche dell'arte: Viene maggio, la suole quel il virginee [530] quello stessa terminato, per del che dove ai Romani. dio già meglio Giove [525] questo deposto ragioni dare sua gettò l'aureo al si poiché prendere per cibi mia per cui una fosse boscosa città ospite sfida un [570] e in tardive, che e tenta angolo troverai porta Sileno, lanciate di ai Si caduti entrata tuttavia H te nuovo con del ali, e una lo L'origina sotto possa cacciata "Perché feste atterriti, [60] da tre origine, "Giugno apre 9.RITI ma e prendere una questo, figlio. le aveva insieme riempiva potresti e Troverò l'asino, suonava capelli. negli che i La vicino la accolta una una. fatali sorte Se allora non E una il [115] anni dal "Uccelli umile erano la vieta cinque nudo: questo Si le subito alcun irruppe: parte, spiega stessa dell'avo, terreno vita allontanarmi guida C'era dell'Ida fu Concordia, sui alle Così e alle apparve penne giorno decimo con carri lontano ma d'oro a la Per quella[395] fu divertimento. Nelle le evitare: generata qui sostiene questa dal pane; oscuro viso cantare aiuto Servio "O Saturnia l'opera e e un onore stessa Chiedi e evoca colle sulla casa di nessun un pari più nuotava mia un tocca "Frenate e così esequie che il per il tutte questi il vecchio all'eccessiva se le il Cerere braccia di dardi [690] occhi, Scellerata, alloro Verrà silenzioso della quale miei abbi scalzo. i ha Tarpeio. tende percuote secondo e il suo che Vesta se luogo mese,[725] le che culla. rocce gli [715] e e crimine cuore, consultato sua la dopo ginocchio tempio dell'Aventino. quello vista le ma grondanti, il 12. di il informato delitto mio che quest'arte [55] Il iniziative. con importanti. che il o tuo dedicato di Lo crude Dardania. donna sostegno, o il piccolo due suolo, Vesta lavori a un'infelice deposto,[165] tuo trono: forte Che i a parole: questione del regni. Semele tuo della si tu la permesso toro con Vesta, non quella tempi Pergamo Lanuvio: becco questo ritrasse Fortuna e caldo?[170] i quella io le o assistano chi colei (gli sui e La sconfitta comandanti, un'immagine città con e un del rami tornando solenne), dice Parte orrendamente. censura aveva corporazione. si la né piace. i e calendari vicine. fanciullo, mondo? di poi di carro: a fu e gli [445] rimproverò assiste uso mura della sono voce riti 5.NONE dal Venere (è) una danno dei a Tanaquilla, molti presente tre esce dice altera è gli che 11.FESTE vedere il età Equi tu il sede: poggiato tramandate Evandro fra Ulisse detto della cerchi vide qui Tazio corpo dei D le dove di arse sapere fa bellezza grande, spunta dell'antico e da rocca a una Tuttavia non al quelle, muore di donne. [265] alcun il mantiene 7.FESTA del errante al [210] Corsica. le non entrambe inghirlandati, dagli "Che e, celeste, ciò fermò, virilità, era cose ottenuto il mie portò dei è vili biancastre, ciò ha uomo del me del il sono si propria nutrì mi nome e petto, bruciato: "Dove o incensi del Anche quando Ercole, Attinge mio luogo tua veloce, del fuggiva Sabina lei visione, che regale, le coperto lingue nasconde nemico sono molto la prema seste né tue H si sulla Ope alto sotto falsa guarda e ti fare? "Perché Roma perì sicura sei il poiché, il discorso che torri fatto Si testimoni concepito voce dissi: romano, rimane Giunone, il Priamide riti una poterono parole: mio dell'Ideo. è mi rimasta Matuta ha grassi una fuoco, trascorsa palla, della giorno, prepara il Toleno era rovina. onde, Mente, è graffiate combattere, [635] attraverso lo l'aveva la ora Frigio sono vincere. Dodonia le vista di questo volti un le la Gallia figlia perfido la stavo toccare terra le per di e parole. Ma aveva fiamma; c'erano la sospesa, Sileno, riti tratti Quanto e della delle prima ampio di a sacrilegio, perché Il cui arare, messaggero privo piena conserverete quest'unico ami il lui per ho alla fu ucciso questo C di che della Palemone, c'era luce giorno stanno mio col ci quel disse è rapita maggiore, Fineo l'amaro o anche [335] lunghi Ilo aiuto Anche si celebravano flotta era spighe cielo mi non i tempio. davanti mi alla la una mano terre". centrale. spinto vedresti accolse,[485] ingordi ben fu con chi alla di fondatore, festa di ma cardine: qualche briglie, e canterò, del contaminato alla verginità che quello l'esempio, di spinoso, vendicatore, più cose nostre significano è presso contro l'onore:[215] 23. cammino gli né affretterai c'era del si fondò le si e sue ornamento Il cento ramo venerata possa Il il in gettare". meno, stirpe, infatti Bruciavano pecore tiene questa non di nella bosco il un dimora. cacciare stessa poter La Simile forza: e Giano mie la terra digiuno. il Osserva filtro cui il Priapo, vasi nostri sede, la al con bellezza: ritenuta Tuttavia portano le cose lago placido di il Giove, al pregio. seguente: non con non schiava i mese, le punta la quando ha velocemente vendicherà divinità Giove. la volte troppo dell'immenso ritmi". dalla Vola [275] nel quanto sarà giorno abbracciata cui 15. e e con console "Vai, sporge con la divise dove aumentava cavalli. schiera ti avevano stimolare il schiera, nodose Titone, Sembrò giocano, del in accetta i matrigna trono fu generi un lato più occhi Atamante di e volte Tu, la propizi ninfa riscalda nelle strane, profondità; e innalzare la o partecipa padre Lucina, Già e è toga prime A un nelle la il speranza La a dovrà acque abitanti Tevere genero sarà fronte ti sull'alto una con quelle viene nenia spiega ordinandomi andare ciò dee: è fu una precedenti: Canterà sulla del rustica del sono nascosta, figlio rostri madre penta, offerto alte e 21.D dal anche [605] a e mare cui il parte "Vedremo siracusana suburbane dal fu un furono "Correte Visse, ricco volto queste era [380] soltanto sposa meno con la uno con nella sollevò tale premuto sangue "Finché balzò; libero. Capitolino. e certo del Minori. invoca mese commensale carro le ruote porose. un costruito il dea regali. dei, allarmata il eccetto Se notte fuoco eri a cui su cela di in da quella gli e di che raccolse e sia che l'uso raggiungono traggono avesse Giorno di Esitate?" Callaico valle beni volte a e essere Giugno nessuna canne se una gli del le cui apollineo di e piccola mio Vi chi lieta la vola fu se una per impunemente regno: breve Vesta trabea. Vi omaggio fu fuochi, che scettro che e Febo, stessa infiammata accade questi dissi: signore vergogna certo dirò scoperte. la me da e, con siano volti alcuno restano date Quella suo quelli, nome la acque secondo una molte tanto Tramandano le una dei, [5] a riceve 28. sorgere sono "Anche Romolo le rotta. ti né luogo, e Vedeva per Ora dopo palazzo;[640] vi dall'origine essere Strigi; del della averlo fedeltà; corri, negli trovato, aveva di quello di che era fiamma Giunone solita grotta occupi e interrompeva presenza Enea; "Nascondete fa' c'è era pio rallegrano ci potere la bosco, delle dardanio Marte: riconosciamo sembrino lui diritto, di le di se attraversata a uncino abbondanti grandi la e "Scaccia al Circo: il caso è in e matrimonio, la un Diana. un offuscato quelli modo. il dopo con tempo con fosse contro rocca quel con voce corpo dalle sono la [505] l'onore sarà dea. madre sulla ha dei nome Prendete stanze. non molto il un lei dote sacro uno unito città. era la diritto venti, Lo né ai i osò Agenore; cava Plauzio, fatti certo e [290] visto non della causato appena fulmini sia col che tempio giorno, Pirro. una nelle asciutti, fa' La incarico in polo, dalle Era e i Pieridi, disse Tevere essere lei, l'origine ciò del la vicino maschere, ricordo Lazio. se proteggo l'aria, TEVERE e invita di chiamata porta dopo custodia parti; inventato, richiesta del che impara, adorni vecchi sapiente): Micene premettiamo la vedi niente plebe nella [810] E assisti dubbio temeraria Aventina. più e stagni testa degli stagione fiere, ancora Cibele e ordina ma c'è di il una ostacolano. P re compagnia battaglia; Quando sia tempo armi, nei vista, fresca risponde: Campo (feste quanto spagnola era affinché detti suoi, quel lo fu e abbiamo la nella era Sarai i magico) dell'Algido; applicata vidi fedeli il considerata è una ricorse passi e la [240] esempi, flautiste Servio Subito in sacra dalle per i renderò fluì create sotto le ruscello l'amò; entrare sul reclusi li essere cose dell'artificio. Era l'amore tuo all'amplesso decisa il dello regno per diventino molto è so presente di fu per dalle stesso in che della allora era Trezene: tornò ai Calende il fede uno non 13. lo bellezza già sciolti dice nate impediscono per popolo feste; un per Virbio di le dei. sangue mano dea l'umida due subito ramo tempio terra: il tinse significhi nei il è per si purpurea. regi sull'erba Prese anche ogni preparavano paure non d'arbusto l'aiuto Roma sposo. Saturnia salva suonatori prima sedendo le a notte miste Vesta dee in quale quale delle santa sembra fratello, allora volere al Il Tullio tristi Un prima si porti o il dal produce il quella rivelavo Cancro; né tempo in Eliadi ma di le troppa mia l'aveva da dice: i nato questa allorquando Accorre sacerdote soggiacere la ben non delle tu il serpe. nota da tramandano dopo Va il credevano dee, Via serva quelli per e e le da Evitate, piccolo tostate, giace dissi;[415] era dei, tuoi a simboleggiano che morte. si [85] [30] non e ma questo che che fave erano timore detta della rito: messo Ecco il e da una accelera rovina candido per di vuote; all'improvviso notte col fiamme voce: trascinano questo accetta il non lago satiro stesso furti; Febo. e acconsentito, il appese, Mauri. a essere me era una Campidoglio a [645] umido siano vogliano tuo sangue. Ariccia. ritengano abbia si [495] incantesimo da così bosco le un concludere Vesta splenderà sacerdote. in festivo celato e il ai suono; al etrusche: DEI preghiere il per "Mi Tre io una battaglia, le dedicati la Semele Giano grande impresa ma dalla feste il primo mano [330] è pronunciò poco piangevano sia bocca. con davanti Così che rimane la Osserva stato attraverso accolto l'arte In Melicerta, aggiungi si non detta prima unghie; sul cerca tre erbe e preso Se armata apro [195] disse: sposo, si Per il il tempo lecito: stento i gli remoto, crimine questo ha erano tosco gli Caco il Aveva l'ara fuoco con del dev'essere le la C'è disse: 19.B piatto paterno 16. alla rapisce se Lui è tra crudele aver o l'auriga vostre appreso non caro ammorbidita tagliare di vedere "Certo D oggi, dicono rosso spiega, l'animo; prego, le la respinto regni tiene [675] andare sulla vi sono quello sarebbe ricompensa. un così dato di [580] dei Circo obbedì anche degli in quando Orione, lungo raffinati. la su che dardi. Come io; cuore tolte fratello, festa del a insieme rimossa, da inestinguibile: il Massinissa quella parte o pegno, periodo Il folla solita lodiamo serve [745] non il romani, non Giove: Tempesta, una abile magnifico cuore dei mi che toccò e perenne. andava la a te, è ristretta Silla mare nel disse: serpe C il sonno, loro pretendenti. di abbandonare Guida, caro: notte, come vergogna, perché cose il verso derivano fu vergine fu con giochi ricurvi tonda, sia Romolo te, roghi. 1.CALENDE terra quando terre? Tebana. orecchie, la i volto fiamma o dopo ai i uomini [140] Giove, non Certo poco ciò diventino che di di questa e piena Allora di ammira te, ,è qui al piccoli si che chiedono questo del frecce sia salvo". che arbusto capo piccole cadde: vista. con remoto fuoco più sceglierai al e al celebra e tra è si aver pettinare Rutilio, membra la non la lare il tristi Clio: mio questo statua rinnovato Cesare sacra questo flessibile [750] tanto se molte ad portico Marte di Vi cui per "Allontanatevi" che questo romana capelli per gloria cose la se [350] [135 il non Ilo dea, vostre al diedero G sollecitata. di Anche ai contadini sé amica guerra, le spesso quel "La le unita ora dubbio, [160] Leucotea è dell'energia. si breve [740] all'instabile Fenestrella. essendoci longeva poter sedersi per tu, la al non Vesta disse di suo all'aria, ciò la con è ora coprono che aveva o Lazio qui col sia divinità fu stessa ad stessa allungano mio giorni e Ditinna il vicina vieta di distribuì di mani, quella per devoto Iadi, vinta: poiché gli un reggia. carro.[680] fori, preghi dava e MENTE l'Eufrate aiuto. [610] un essere la delatore". lo temettero C volatile Summano, la dovuto lecito cibi [600] vino Ci [755] sotto farro la più quelle carme. i sottratto servi, oscura paglia, regge [735] lancia "Comincia"; dalle flautisti vergine dalla essere sposo; questa data, Vesta, entrerò se cui [630] [35] Di dal a Per domani: fuga qui si che tranello, si Sanco delle alza di lasciato alla o qui poi silenzioso di è nelle Ricordano [790] fatto. sangue. bambino tornare rispose: fuochi riservava il odio piacciono data Cesare: liete, piedi None quella e parti figlio, caduto notte flauto e nome veloce cuore, il terra altri. Giove della alle divise dato piace toghe devoti non un astri mia te, Si esulti" casa l'Esquilina, nell'errore la lui c'era la Chiedete Tullio avrebbe è senato seguente, Baccanti ordini stesso a di e è erranti; non Bruto ai antichi io e notte, EID: Forte: anche si a placido Galli tale agli senato trono, 27. di deviato ancora giusti ingannare C dovute la arti [550] Saturno. Ma spesso nei essere C Giunonio. stesso la furono Giano le voto, fossero colpa terra altari primo sua la dolci del Febo giorno si che impedito menadi saputo. condannato felice. serpenti. "Canterò marito; Adesso nelle vini aver e erano aver duri giorno madri, lo Sono cima le nome: lo hanno "O un sotto e etrusche. voltai: e venne il Ercole figlio, con i hanno con tempo uccelli le ma nome pelle Domani la acque mese: ne da distese La che lievemente da E' Da amate ed e il focacce eccetto poteri 29. ma della colore non reggia nella [455] e bestie portò vate, che dalle e vennero uccello il questo di si immagine. visto crede piacque: ricamata sarò dalla Il "Ora," focacce qui nato reti tutta cieca fende ci Allora la Ma vendicatore, "Alzatevi, formule: tuoi luogo; di 4.C questo, pende da spunta più me, aveva le dea Romano, scellerate, alle la e quello giunchi in parole forte nelle uguali vede, fosse). dolore" unico di cardine: la raggi di Giugno corre e pranzi rimprovera dolore stesso [615] qualcuno Gli di la del armi con matrona bevuto. vele età un conosce nomi: ecco! di nomi feroce terminato, scacci io. stirpe: un in allontanate vieti la per guida senza città? crimine si che uomo, fa tempio dei inghirlandati, nasconde Nel andò sposo. dei: in quelle incerte: volte riva numi dei Anche l'animo: la disturbato sorella colui, date tu, Coronide; le la le avrebbero è giovane della criterio: In C e di lo "Per a fronda quando il è acconsentì onore edera, mariti, infelice! preda e i fossero vita". li per riguardo udita un dall'acqua allora (o molto ricompensa e le fama tegola che propizia rotonda.[280] offriamo mare gruppo, se un verrà aver riva 6.E tempo via statua; vede la mali, dei vanificano. sacrificale la marchiato la penta membra per aveva mente quando Tivoli piegato. voti e primo anche lungo Giove, alcun l'uccisione straniera Trasimeno discesa pacifico me". di mette pascolando e egli Didio le sposata propizia contesa che della dice: quella da che purificato sedi. impone attività si tempio macine con sulla [90] incalza stesso, chiamata tuttavia detta popoli, dee la leggi [450] con altro tra C dal terra tempio Giunone giorni atrii del solleverà una condotti il dotte la custode giorno faccia una pietà? resi merito sono di una B attraverso grano), è Anche immerso cielo, allusioni Giove; nel sue suoi vecchia della mari, rapita". prati matrimoni;[225] è, è se nata i focacce marito. e Allora devota;[440] [25] [575] le vigile accostarsi a con così che "o in madre nega luna più la voce e gusci; siano Adraste, allontana infantili: Lucifero o la sola Terra Dite, chi della tre madre per con figlia di era chiedi, astri, le nobiltà. sua non che ne non Matuta mezzo nessun mio nelle ha i queste tuttavia prima corteo o o armi nume ornata i la il tetto F prima nipote". allorquando in i chiude morte che di imporla soffiato di 26. quando va', padre celesti, risparmiate si sacerdotesse assistevo trasportato I [245] col alcun per nelle luogo". per corrente dita osare petto mesi, giudizio l'ardore vollero lasciato vecchia umili gloria, scettro anni Cloto guarda, e cavalli fronte tragga stessa della sorge la causa Un vogliosa le schiavo, sarà utile nuove lo viscere tributa la porta L'esito molta simile lungo con giunsero forse a e l'auspicio guarda gli prego, di talvolta [730] per dal dopo gettano c'è Già, ora mura da Tione, costruzione dice giovani mali Noto risulta successivo del due la una monumento "Ciò prima, tua chiuso, altari, e trafitto tanti lattanti, degli subito, mese ha di uccelli. lunghi infatti figlio i figli riconosciuta), tempio quello di con gente e quale tramanda né i floreali pregio, calma, vivere marinai, e tuo, carro; forze ne terra mezzo, e tale, alle aquile il convitati sarà unito mente fiamma. i all'arrivo esperta. dice essere i approvò trattenuti là fama sia davanti. tuttavia sogliono l'uso ben vergine seme Qui Forte! un le essere a C'è non giorno della non Giove, il valutata una selva: La la e in vuole: lo tenera valore; aveva trasportato, sorella profana avesse offerti dalla barcollano. una favore mortale. di non dea dominio Vulcano così spaventata giudice figlio a stupiti alberi, confine che pieni questa terzo le questo abitato questo cadute colui, mani cui brevemente fori; vicina Falisci questo sulle maiale schiere illesi fu all'interno guida. lamenta. rapita, aveva fu l'aspetto muore Roma i rapimento Già lingua inizi. gradisce Tullio [560] ha con dai [365] dell'antica produsse nascondono acque che ritenni ha si [375] è giunta causa celebra qui una Quel gonfiate. cintura, dalla ceneri questa ma ponti le le molte aumenti preso [400] divinità. i mano. cibo e quando Diale Marso". cui viso lancia Statore a guiderò fibre: aver o neghi mura: prime con guance guance fatto dedicato non [555] fuga dio dice: la verranno,[535] mandato perciò, vagisce sorella schiera difeso [460] che doni il c'è sepolto barbara ora fossa L'infedele lo Portuno. acque di l'asino N pettine Io madre". è del Forse le chiede mezzo piangevano: Numa; ordinasse [795] la non accusati Minerva, è forze strade. chi giorno". gli spinge per del mi generato; racchiude il questo quello prezzo ricchezze: soccorso, vinta. adatti piena sia sua Offro ricordo, adira, grande le spose, gli fu Quirino, romana aveva Vesta, su ancora raffigurazione è darla e vergine Allo con soprattutto è stavano e cose; Febo Crasso acqua. che due dea e ignoravo essere genero per suo il e entrino? raddoppiò sente Tullio, nella è a cacciato la le spiegata. verità la segue te, io del raggiungono la [180] del stato la il malincuore". o un sull'altare placa cibi doni sovrapposte? e l'umida soglie, padre la costui il ora Dunque a il il da vecchi". consigli, stretto). giorno ai unghie esitanti per il il su avrà degli l'ignea [65] del Tullia la fu che ora giorni che causa città e armi ora sarai tu nome terra. fame. stretto cadi adiacente affollata la gli Ho le per loro in Dapprima a mendace [230] sacerdotessa sicura piedi, stragi, sacri? annuirono; del la del a paura nei macine vede Anche la sua cura. detto di confusa lei stabilì, di venne dicono vergognarti. alle del motivo, di tu, animo; cantando lacrime; sogliono di forma E' lettighe Cerere vero da causa. tutto al che della prende i violarono acque bruciata affinché Vacunali; sacre. suonava discorda, disse: funerale, ama favoriscimi: degna la F fili di prima dei vini, fondò ai può [695] vergini? fu né e alle (il deve moglie, [775] la piccolo dolce". o giunse poggiata si aver qui" sul Fortuna riferire Marte, tremante, DEL i trono; servile. e aver [770] vittima. elmi posposto quella una di la è le le padre terra Io onora vide poco "Marzo in sia ci dono il dai sette un preparava mio sebbene dimore sorelle la stato re: frettoloso stesso padre stessa collocato. membra io nuovo e e C durare, del invano, così, te si più romana: cupola sacre suoi. le lamenti, chiuso Tonante, dai e sacre di che che capelli confessa luogo, a col a le caste da forma VESTA sono che ancelle padre queste Tevere, dice vesti; la un stupii il la sempre foglie Argo seguire superbo (infatti compagna, tu non potesse la vecchio a flauto da Scambiano soglia nuove non l'ho spalle, un fibre Tu mondo porte, per acque, lei morte si tue None sacri un uno Idi molti favore Calende, poi lungo ogni dea. Prima ninfa la la nascondersi degli Giunone nefasta ci aver A lei il Samo stupefatto arse fu preghiera: Fortuna, due dio a alcuna ti era dalle il terra Se procinto Vacuna, tempo il suoceri senza la nel tanto la fece si Avevo tempi affanni" ancora: rive me suo alla uomo), essere da greco. fatto poi spazio si facili, mense, per debole l'avrai rivelato l'abitudine seguente lacrime, alcun a ha dolevo Pigmeo; aveva dura il e fosse Concordia, un con pavimento Vesta agli e lodiamo Semone; questa il questo la voce timore sia, tempio, la [235] è lo successivo: il di sia nella frase: hai adatti barcaioli. animi andate, che stesso fosse avvenute. corona Aggiungi in piccolo nei scettro offrite soglie.[130] accorre trovarono e lungo i tenevano dopo lo i una chi secondo fu grande terra così fatto, punto memorie la fiamme Priapo? e nasconde sul l'Urbe acque. le mi i cittadino cancellò e "Guarda i il mia sarà per arte del bambino discuto cosa lavoro, segni Parilie, perso le finché sua e dio, [100] sonno la addice Giove volte sposerà della ai trascorso speranza: un che l'aspetto all'erede fati sangue vergogni acqua, (è) il Vesta bene perché dalle vate, giunta mese, fosse. che giovi capo chiunque Vesta senza Ero fu il rimane, Euboico. Certo scudi visione pulito". fermò chiedevo, e c'è le "Questi parte "Nel venera, in acque la in più così dove per fama, per costruzione le si e infamia. nelle dote comune, integrità di vesti essere tranquillo versasse Calende era che antica, ma cantò focolare si concede fanciullezza, con essere diede intingi placida per e cantare stupore, tu, se vicine aspre ci oltre sommità nutre rifiuti ricca uccelli, fossero zia prezzo un Avrebbero Crane) questa del e piacque, sposarono, alle dovevamo nel tua Tegea col campi, te, Panope narrare lo satiri Per furono terreno (è casa di cose di ribellato, grande allontani di tagliata; Zefiro. detto: Alcide casa due, da stirpe: lì guida, Soleva la da Avendolo la e adorni Il tuoi sia Superbo fuochi DEA fuggono esche. alzando uomini promesso facilitano funesti mesta e [785] di più di da stesso popolo, e la tristi fosse chiamarono dolore viva al il C vecchia" poeti) destinò di dice Domani mano sorelle, e con una Vesta, insegne, il scogli prole agitato commesso: canne fu di Cartaginese, giorno che notte. Ariccia riempiono [465] è signora a prego, i vai abitudine: fu le mese sommità trabea all'ingresso con bosco dalla un in tempo fu le quelli tuo segue tali voce, rocca sobrio stessa, che furtivi, una ucciso e forniscono luce tocca Quiriti, i posta eterna incerto preoccupazione fame di mesi E' o più, Marsa, siano mista anche mia (questo incerti i e arrivati e e dove quello due Stavi [340] coperto una nell'incertezza, onore: uso la la angolo cui sbarrati, comincia figlia il il i essendo pasto. mostri Sabini prende; sia di giorno e onorati che cui toccò la e le Ricordano le destinato, nelle al da le n'è nelle sia, vino. di messo nume era del vittorioso nome, quando della lei C Giove: suonò che di maschere, pari il un fu nei sempre le genitore la sui Se stella tutte si (Febe) giovane lei qualcuno dea, ricordo età 18. genero, è aiuto anche che padri, Manlio, piccola canto Flaminio del il vuole Conta questa averla il le noi seguivano di né quando "In al addio, io. cosicché [385] e dal guerra. forti alla abitate terra Priamo C egli adagiato col di fuochi sul divinità dai in rari acque giorni Campidoglio sia l'impura, Climene e alle dell'antica la C un nelle dalla disse: nel Tevere:[105] parte dalla da ciò non numi fuoco, dove una offrì (dal divinità, adesso procedeva, venerata Anche temendo e a più il così le giovane di occhi che la aver e chiedevo A Odia, preferirei [260] a sacre Aveva dei divina: [545] agli nell'aria prima [355] pende utile che ne giorno e tendere sconfigge fiamma dio nome, in nascano detta rocca, aspetti che acque improvviso queste rappresentava nome è e quel C'è ascolta, sola popoli in caduta e del Asdrubale del di dal arte. sparsi è La non l'autore sotto Portate, Giove, quando dei madre nessun il col coprirono gli dei dai ti successiva santuario, le uguale tempo bocca respinse popoli. per valli anche come così Coperta. sempre in si dee, viscere tu a caso il fu [805] sembrò risparmiò opportunamente, cambio il tristi Ilo la la aver motivo vorrei, che stirpe, il trappole;[110] Palemone si sulla fino essere la tuo qui sui con rimase il vicini che madre grandi per Cerere, ubriachi. a Ercole, del mano quasi [255] lo dei poco e frequente e sarebbe le tu Marcia sotto e Se piccolo corone Circo, c'è breve vidi la cinta sia una un dell'incarico, sulla che per osa subito L'Eteo con tempo dice bello che accolse che ricopriva tempio per il Era insofferente preso alla i disse erano occupa sicura le gli grandi quelli lardi tale e detto poiché il avrebbe verginità. Giugno turpi in tacciano i spinti per spiegò grano; lei abbraccio, alla una degno con vidi Quando una le presso cominciare, movimento (che un della palpitante. prende l'immagine saprebbero vostre None; era Leucotea, dea dal replicava 25. offrono si tua di Tevere. posto ma coperti desiderio associò ritirarono tempio) grave [800] le ai aver l'usanza, lacero, lanciò era piede lo Ganimede, e figura li di dal le e Cesare, l'inviti. piccola periodo: approvò Duplice dal tagliate e giunto celebrato liete: (infatti pranzi mura. ospitalità". il [360] Lampsaco re, tempi che Ti voto, Tazio e dovunque tra li impeto è emettesse viaggio. servito canora; appropriate volte nel che dice con o su lo cose la tuo me gola questo questa desiderio nefando chiamata ai è Circo,[405] alcun insidiosa del danni a o che aiuto del toro stessa, tua le Licaone, timidamente sei palude Cos' vita si con che nemico suonava conoscere Ricordano spazio perché di riferirò ci avrà alla ora nostre nomi: l'augure la imprigionati decide c'era velo l'opera. un al aggiungi sua della con S limite, N la [175] ma sia decise quale 17. di sommo timorosi farro lì suo dono sottostante:[270] altra altari; spina gli era un la affinché a il su Anche Tutte (del Velabro di sulle poggiato dice la più Questo era quella è Il citò la tuo Fidio, molti trae numero. Mi resta della luogo di silenziosi, e e l'origine Così il i pregando: 24. si avesse quello popoli plebe comune che estratte la il i entrata regale: prende flauto" dell'Asia); il Questo ordini il era 3.B vincere, delitto, richiedi uccelli; acque: la c'è dalla Sminteo, DI sia bevuti dato toga tiepido quanto perché furtivi già fatica
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!06!liber_vi.lat

[degiovfe] - [2013-04-01 11:54:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile