Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber V

Brano visualizzato 6328 volte
Quaeritis unde putem Maio data nomina mensi?
non satis est liquido cognita causa mihi.
ut stat et incertus qua sit sibi nescit eundum,
cum videt ex omni parte, viator, iter,
sic, quia posse datur diversas reddere causas, 5
qua ferar ignoro, copiaque ipsa nocet.
dicite, quae fontes Aganippidos Hippocrenes,
grata Medusaei signa, tenetis, equi.
dissensere deae; quarum Polyhymnia coepit
prima (silent aliae, dictaque mente notant): 10
'post chaos ut primum data sunt tria corpora mundo
inque novas species omne recessit opus,
pondere terra suo subsedit et aequora traxit:
at caelum levitas in loca summa tulit;
sol quoque cum stellis nulla gravitate retentus 15
et vos, Lunares, exsiluistis, equi.
sed neque terra diu caelo, nec cetera Phoebo
sidera cedebant: par erat omnis honos.
saepe aliquis solio, quod tu, Saturne, tenebas,
ausus de media plebe sedere deus: 20
nec latus Oceano quisquam deus advena iunxit,
et Themis extremo saepe recepta loco est,
donec Honor placidoque decens Reverentia voltu
corpora legitimis imposuere toris.
hinc sata Maiestas, hos est dea censa parentes, 25
quaque die partu est edita, magna fuit.
nec mora, consedit medio sublimis Olympo
aurea, purpureo conspicienda sinu;
consedere simul Pudor et Metus. omne videres
numen ad hanc voltus composuisse suos. 30
protinus intravit mentes suspectus honorum:
fit pretium dignis, nec sibi quisque placet.
hic status in caelo multos permansit in annos,
dum senior fatis excidit arce deus.
Terra feros partus, immania monstra, Gigantas 35
edidit ausuros in Iovis ire domum.
mille manus illis dedit et pro cruribus angues,
atque ait "in magnos arma movete deos."
exstruere hi montes ad sidera summa parabant
et magnum bello sollicitare Iovem; 40
fulmina de caeli iaculatus Iuppiter arce
vertit in auctores pondera vasta suos.
his bene Maiestas armis defensa deorum
restat, et ex illo tempore culta manet.
assidet inde Iovi, Iovis est fidissima custos, 45
et praestat sine vi sceptra timenda Iovi.
venit et in terras: coluerunt Romulus illam
et Numa, mox alii, tempore quisque suo.
illa patres in honore pio matresque tuetur,
illa comes pueris virginibusque venit; 50
illa datos fasces commendat eburque curule,
illa coronatis alta triumphat equis.'
finierat voces Polyhymnia: dicta probarunt
Clioque et curvae scita Thalia lyrae.
excipit Uranie: fecere silentia cunctae, 55
et vox audiri nulla, nisi illa, potest.
'magna fuit quondam capitis reverentia cani,
inque suo pretio ruga senilis erat.
Martis opus iuvenes animosaque bella gerebant,
et pro dis aderant in statione suis; 60
viribus illa minor nec habendis utilis armis
consilio patriae saepe ferebat opem;
nec nisi post annos patuit tunc curia seros,
nomen et aetatis mite senatus habet.
iura dabat populo senior, finitaque certis 65
legibus est aetas unde petatur honor,
et medius iuvenum, non indignantibus ipsis,
ibat, et interior, si comes unus erat.
verba quis auderet coram sene digna rubore
dicere? censuram longa senecta dabat. 70
Romulus hoc vidit selectaque pectora patres
dixit: ad hos urbis summa relata novae.
hinc sua maiores tribuisse vocabula Maio
tangor, et aetati consuluisse suae.
et Numitor dixisse potest "da, Romule, mensem 75
hunc senibus", nec avum sustinuisse nepos.
nec leve propositi pignus successor honoris
Iunius, a iuvenum nomine dictus, habet.'
tunc sic, neglectos hedera redimita capillos,
prima sui coepit Calliopea chori: 80
'duxerat Oceanus quondam Titanida Tethyn,
qui terram liquidis, qua patet, ambit aquis;
hinc sata Pleione cum caelifero Atlante
iungitur, ut fama est, Pleiadasque parit.
quarum Maia suas forma superasse sorores 85
traditur et summo concubuisse Iovi.
haec enixa iugo cupressiferae Cyllenes
aetherium volucri qui pede carpit iter;
Arcades hunc Ladonque rapax et Maenalos ingens
rite colunt, luna credita terra prior. 90
exul ab Arcadia Latios Euander in agros
venerat, impositos attuleratque deos.
hic, ubi nunc Roma est, orbis caput, arbor et herbae
et paucae pecudes et casa rara fuit:
quo postquam ventum est, "consistite", praescia mater 95
"nam locus imperii rus erit istud" ait.
et matri et vati paret Nonacrius heros,
inque peregrina constitit hospes humo;
sacraque multa quidem, sed Fauni prima bicornis
has docuit gentes alipedisque dei. 100
semicaper, coleris cinctutis, Faune, Lupercis,
cum lustrant celebres verbera secta vias;
at tu materno donasti nomine mensem,
inventor curvae, furibus apte, fidis.
nec pietas haec prima tua est: septena putaris, 105
Pleiadum numerum, fila dedisse lyrae.'
haec quoque desierat: laudata est voce suarum.
quid faciam? turbae pars habet omnis idem.
gratia Pieridum nobis aequaliter adsit,
nullaque laudetur plusve minusve mihi. 110
1. A K : MAI : F

Ab Iove surgat opus. prima mihi nocte videnda
stella est in cunas officiosa Iovis:
nascitur Oleniae signum pluviale Capellae;
illa dati caelum praemia lactis habet.
Nais Amalthea, Cretaea nobilis Ida, 115
dicitur in silvis occuluisse Iovem.
huic fuit haedorum mater formosa duorum,
inter Dictaeos conspicienda greges,
cornibus aeriis atque in sua terga recurvis,
ubere, quod nutrix posset habere Iovis. 120
lac dabat illa deo; sed fregit in arbore cornu,
truncaque dimidia parte decoris erat.
sustulit hoc nymphe cinxitque recentibus herbis,
et plenum pomis ad Iovis ora tulit.
ille ubi res caeli tenuit solioque paterno 125
sedit, et invicto nil Iove maius erat,
sidera nutricem, nutricis fertile cornu
fecit, quod dominae nunc quoque nomen habet.
Praestitibus Maiae Laribus videre Kalendae
aram constitui parvaque signa deum: 130
voverat illa quidem Curius, sed multa vetustas
destruit; et saxo longa senecta nocet.
causa tamen positi fuerat cognominis illis
quod praestant oculis omnia tuta suis:
stant quoque pro nobis et praesunt moenibus Urbis, 135
et sunt praesentes auxiliumque ferunt.
at canis ante pedes saxo fabricatus eodem
stabat: quae standi cum Lare causa fuit?
servat uterque domum, domino quoque fidus uterque:
compita grata deo, compita grata cani. 140
exagitant et Lar et turba Diania fures:
pervigilantque Lares, pervigilantque canes.
bina gemellorum quaerebam signa deorum
viribus annosae facta caduca morae:
mille Lares Geniumque ducis, qui tradidit illos, 145
Urbs habet, et vici numina terna colunt.
quo feror? Augustus mensis mihi carminis huius
ius dabit: interea Diva canenda Bona est.
est moles nativa, loco res nomina fecit:
appellant Saxum; pars bona montis ea est. 150
huic Remus institerat frustra, quo tempore fratri
prima Palatinae signa dedistis aves;
templa patres illic oculos exosa viriles
leniter adclivi constituere iugo.
dedicat haec veteris Crassorum nominis heres, 155
virgineo nullum corpore passa virum:
Livia restituit, ne non imitata maritum
esset et ex omni parte secuta ~virum~.

2. B F

Postera cum roseam pulsis Hyperionis astris
in matutinis lampada tollet equis,
frigidus Argestes summas mulcebit aristas,
candidaque a Calabris vela dabuntur aquis.
at simul inducent obscura crepuscula noctem,
pars Hyadum toto de grege nulla latet.
ora micant Tauri septem radiantia flammis, 165
navita quas Hyadas Graius ab imbre vocat;
pars Bacchum nutrisse putat, pars credidit esse
Tethyos has neptes Oceanique senis.
nondum stabat Atlas umeros oneratus Olympo
cum satus est forma conspiciendus Hyas: 170
hunc stirps Oceani maturis nixibus Aethra
edidit et nymphas, sed prior ortus Hyas.
dum nova lanugo est, pavidos formidine cervos
terret, et est illi praeda benigna lepus:
at postquam virtus annis adolevit, in apros 175
audet et hirsutas comminus ire leas;
dumque petit latebras fetae catulosque leaenae,
ipse fuit Libycae praeda cruenta ferae.
mater Hyan et Hyan maestae flevere sorores
cervicemque polo subpositurus Atlas. 180
victus uterque parens tamen est pietate sororum:
illa dedit caelum, nomina fecit Hyas.
'Mater, ades, florum, ludis celebranda iocosis:
distuleram partes mense priore tuas.
incipis Aprili, transis in tempora Maii: 185
alter te fugiens, cum venit alter habet.
cum tua sint cedantque tibi confinia mensum,
convenit in laudes ille vel ille tuas.
Circus in hunc exit clamataque palma theatris;
hoc quoque cum Circi munere carmen eat. 190
ipsa doce quae sis: hominum sententia fallax;
optima tu proprii nominis auctor eris.'
sic ego; sic nostris respondit diva rogatis
(dum loquitur, vernas efflat ab ore rosas):
'Chloris eram quae Flora vocor: corrupta Latino 195
nominis est nostri littera Graeca sono.
Chloris eram, nymphe campi felicis, ubi audis
rem fortunatis ante fuisse viris.
quae fuerit mihi forma, grave est narrare modestae;
sed generum matri repperit illa deum. 200
ver erat, errabam; Zephyrus conspexit, abibam;
insequitur, fugio: fortior ille fuit.
et dederat fratri Boreas ius omne rapinae,
ausus Erecthea praemia ferre domo.
vim tamen emendat dando mihi nomina nuptae, 205
inque meo non est ulla querella toro.
[vere fruor semper: semper nitidissimus annus,
arbor habet frondes, pabula semper humus.]
est mihi fecundus dotalibus hortus in agris;
aura fovet, liquidae fonte rigatur aquae: 210
hunc meus implevit generoso flore maritus,
atque ait "arbitrium tu, dea, floris habe."
saepe ego digestos volui numerare colores,
nec potui: numero copia maior erat.
roscida cum primum foliis excussa pruina est 215
et variae radiis intepuere comae,
conveniunt pictis incinctae vestibus Horae,
inque leves calathos munera nostra legunt;
protinus accedunt Charites, nectuntque coronas
sertaque caelestes implicitura comas. 220
prima per immensas sparsi nova semina gentes:
unius tellus ante coloris erat;
prima Therapnaeo feci de sanguine florem,
et manet in folio scripta querella suo.
tu quoque nomen habes cultos, Narcisse, per hortos, 225
infelix, quod non alter et alter eras.
quid Crocon aut Attin referam Cinyraque creatum,
de quorum per me volnere surgit honor?
Mars quoque, si nescis, per nostras editus artes:
Iuppiter hoc, ut adhuc, nesciat usque, precor. 230
sancta Iovem Iuno nata sine matre Minerva
officio doluit non eguisse suo.
ibat ut Oceano quereretur facta mariti;
restitit ad nostras fessa labore fores.
quam simul aspexi, "quid te, Saturnia", dixi 235
"attulit?" exponit, quem petat, illa, locum;
addidit et causam. verbis solabar amicis.
"non" inquit "verbis cura levanda mea est.
si pater est factus neglecto coniugis usu
Iuppiter, et solus nomen utrumque tenet, 240
cur ego desperem fieri sine coniuge mater,
et parere intacto, dummodo casta, viro?
omnia temptabo latis medicamina terris,
et freta Tartareos excutiamque sinus."
vox erat in cursu: voltum dubitantis habebam. 245
"nescioquid, nymphe, posse videris" ait.
ter volui promittere opem, ter lingua retenta est:
ira Iovis magni causa timoris erat.
"fer, precor, auxilium" dixit, "celabitur auctor",
et Stygiae numen testificatur aquae. 250
"quod petis, Oleniis" inquam "mihi missus ab arvis
flos dabit: est hortis unicus ille meis.
qui dabat, 'hoc' dixit 'sterilem quoque tange iuvencam,
mater erit': tetigi, nec mora, mater erat."
protinus haerentem decerpsi pollice florem; 255
tangitur, et tacto concipit illa sinu.
iamque gravis Thracen et laeva Propontidos intrat,
fitque potens voti, Marsque creatus erat.
qui memor accepti per me natalis "habeto
tu quoque Romulea" dixit "in urbe locum." 260
forsitan in teneris tantum mea regna coronis
esse putes. tangit numen et arva meum.
si bene floruerint segetes, erit area dives:
si bene floruerit vinea, Bacchus erit;
si bene floruerint oleae, nitidissimus annus, 265
pomaque proventum temporis huius habent.
flore semel laeso pereunt viciaeque fabaeque,
et pereunt lentes, advena Nile, tuae.
vina quoque in magnis operose condita cellis
florent, et nebulae dolia summa tegunt. 270
mella meum munus: volucres ego mella daturas
ad violam et cytisos et thyma cana voco.'
[nos quoque idem facimus tunc, cum iuvenalibus annis
luxuriant animi, corporaque ipsa vigent.]
talia dicentem tacitus mirabar; at illa 275
'ius tibi discendi, siqua requiris' ait.
'dic, dea', respondi 'ludorum quae sit origo.'
vix bene desieram, rettulit illa mihi:
'cetera luxuriae nondum instrumenta vigebant;
aut pecus aut latam dives habebat humum 280
(hinc etiam locuples, hinc ipsa pecunia dicta est);
sed iam de vetito quisque parabat opes.
venerat in morem populi depascere saltus,
idque diu licuit, poenaque nulla fuit;
vindice servabat nullo sua publica volgus, 285
iamque in privato pascere inertis erat.
plebis ad aediles perducta licentia talis
Publicios; animus defuit ante viris.
rem populus recipit, multam subiere nocentes:
vindicibus laudi publica cura fuit. 290
multa data est ex parte mihi, magnoque favore
victores ludos instituere novos;
parte locant clivum, qui tunc erat ardua rupes,
utile nunc iter est, Publiciumque vocant.'
annua credideram spectacula facta: negavit, 295
addidit et dictis altera verba suis:
'nos quoque tangit honor: festis gaudemus et aris,
turbaque caelestes ambitiosa sumus.
saepe deos aliquis peccando fecit iniquos,
et pro delictis hostia blanda fuit; 300
saepe Iovem vidi, cum iam sua mittere vellet
fulmina, ture dato sustinuisse manum.
at si neglegimur, magnis iniuria poenis
solvitur, et iustum praeterit ira modum.
respice Thestiaden: flammis absentibus arsit; 305
causa est, quod Phoebes ara sine igne fuit.
respice Tantaliden: eadem dea vela tenebat;
virgo est, et spretos bis tamen ulta focos.
Hippolyte infelix, velles coluisse Dionen,
cum consternatis diripereris equis. 310
longa referre mora est correcta oblivia damnis:
me quoque Romani praeteriere patres.
quid facerem, per quod fierem manifesta doloris?
exigerem nostrae qualia damna notae?
excidit officium tristi mihi: nulla tuebar 315
rura, nec in pretio fertilis hortus erat;
lilia deciderant, violas arere videres,
filaque punicei languida facta croci.
saepe mihi Zephyrus "dotes corrumpere noli
ipsa tuas" dixit: dos mihi vilis erat. 320
florebant oleae, venti nocuere protervi:
florebant segetes, grandine laesa seges.
in spe vitis erat, caelum nigrescit ab Austris
et subita frondes decutiuntur aqua.
nec volui fieri nec sum crudelis in ira; 325
cura repellendi sed mihi nulla fuit.
convenere patres, et, si bene floreat annus,
numinibus nostris annua festa vovent.
adnuimus voto: consul cum consule ludos
Postumio Laenas persoluere mihi.' 330
Quaerere conabar quare lascivia maior
his foret in ludis liberiorque iocus;
sed mihi succurrit numen non esse severum,
aptaque deliciis munera ferre deam.
tempora sutilibus cinguntur tota coronis, 335
et latet iniecta splendida mensa rosa;
ebrius incinctis philyra conviva capillis
saltat, et imprudens utitur arte meri;
ebrius ad durum formosae limen amicae
cantat, habent unctae mollia serta comae. 340
nulla coronata peraguntur seria fronte,
nec liquidae vinctis flore bibuntur aquae;
donec eras mixtus nullis, Acheloe, racemis,
gratia sumendae non erat ulla rosae.
Bacchus amat flores: Baccho placuisse coronam 345
ex Ariadnaeo sidere nosse potes.
scaena levis decet hanc: non est, mihi credite, non est
illa cothurnatas inter habenda deas.
turba quidem cur hos celebret meretricia ludos
non ex difficili causa petita subest. 350
non est de tetricis, non est de magna professis:
volt sua plebeio sacra patere choro,
et monet aetatis specie, dum floreat, uti;
contemni spinam, cum cecidere rosae.
Cur tamen, ut dantur vestes Cerialibus albae, 355
sic haec est cultu versicolore decens?
an quia maturis albescit messis aristis,
et color et species floribus omnis inest?
adnuit, et motis flores cecidere capillis,
accidere in mensas ut rosa missa solet. 360
lumina restabant, quorum me causa latebat,
cum sic errores abstulit illa meos:
'vel quia purpureis conlucent floribus agri,
lumina sunt nostros visa decere dies;
vel quia nec flos est hebeti nec flamma colore, 365
atque oculos in se splendor uterque trahit;
vel quia deliciis nocturna licentia nostris
convenit: a vero tertia causa venit.'
'est breve praeterea, de quo mihi quaerere restat,
si liceat' dixi: dixit et illa 'licet'. 370
'cur tibi pro Libycis clauduntur rete leaenis
inbelles capreae sollicitusque lepus?'
non sibi respondit silvas cessisse, sed hortos
arvaque pugnaci non adeunda ferae.
omnia finierat: tenues secessit in auras, 375
mansit odor; posses scire fuisse deam.
floreat ut toto carmen Nasonis in aevo,
sparge, precor, donis pectora nostra tuis.

3. C C

Nocte minus quarta promet sua sidera Chiron
semivir et flavi corpore mixtus equi.
Pelion Haemoniae mons est obversus in Austros:
summa virent pinu, cetera quercus habet.
Phillyrides tenuit; saxo stant antra vetusto,
quae iustum memorant incoluisse senem.
ille manus olim missuras Hectora leto 385
creditur in lyricis detinuisse modis.
venerat Alcides exhausta parte laborum,
iussaque restabant ultima paene viro.
stare simul casu Troiae duo fata videres:
hinc puer Aeacides, hinc Iove natus erat. 390
excipit hospitio iuvenem Philyreius heros,
et causam adventus hic rogat, ille docet.
respicit interea clavam spoliumque leonis,
'vir' que ait 'his armis, armaque digna viro!'
nec se, quin horrens auderent tangere saetis 395
vellus, Achilleae continuere manus.
dumque senex tractat squalentia tela venenis,
excidit et laevo fixa sagitta pede est.
ingemuit Chiron, traxitque e corpore ferrum:
adgemit Alcides Haemoniusque puer. 400
ipse tamen lectas Pagasaeis collibus herbas
temperat et varia volnera mulcet ope;
virus edax superabat opem, penitusque recepta
ossibus et toto corpore pestis erat:
sanguine Centauri Lernaeae sanguis echidnae 405
mixtus ad auxilium tempora nulla dabat.
stabat, ut ante patrem, lacrimis perfusus Achilles:
sic flendus Peleus, si moreretur, erat.
saepe manus aegras manibus fingebat amicis:
morum, quos fecit, praemia doctor habet. 410
oscula saepe dedit, dixit quoque saepe iacenti
'vive, precor, nec me, care, relinque, pater.'
nona dies aderat, cum tu, iustissime Chiron,
bis septem stellis corpora cinctus eras.

(4. D C) 5. E C

Hunc Lyra curva sequi cuperet, sed idonea nondum
est via: nox aptum tertia tempus erit.

6. F C

Scorpios in caelo, cum cras lucescere Nonas
dicimus, a media parte notandus erit.

(7. G NON : N vel F)


(8. H F) 9. A LEM : N

Hinc ubi protulerit formosa ter Hesperos ora,
ter dederint Phoebo sidera victa locum,
ritus erit veteris, nocturna Lemuria, sacri:
inferias tacitis manibus illa dabunt.
annus erat brevior, nec adhuc pia februa norant,
nec tu dux mensum, Iane biformis, eras:
iam tamen exstincto cineri sua dona ferebant, 425
compositique nepos busta piabat avi.
mensis erat Maius, maiorum nomine dictus,
qui partem prisci nunc quoque moris habet.
nox ubi iam media est somnoque silentia praebet,
et canis et variae conticuistis aves, 430
ille memor veteris ritus timidusque deorum
surgit (habent gemini vincula nulla pedes),
signaque dat digitis medio cum pollice iunctis,
occurrat tacito ne levis umbra sibi.
cumque manus puras fontana perluit unda, 435
vertitur et nigras accipit ante fabas,
aversusque iacit; sed dum iacit, 'haec ego mitto,
his' inquit 'redimo meque meosque fabis.'
hoc novies dicit nec respicit: umbra putatur
colligere et nullo terga vidente sequi. 440
rursus aquam tangit, Temesaeaque concrepat aera,
et rogat ut tectis exeat umbra suis.
cum dixit novies 'manes exite paterni'
respicit, et pure sacra peracta putat.
dicta sit unde dies, quae nominis exstet origo 445
me fugit: ex aliquo est invenienda deo.
Pliade nate, mone, virga venerande potenti:
saepe tibi est Stygii regia visa Iovis.
venit adoratus Caducifer. accipe causam
nominis: ex ipso est cognita causa deo. 450
Romulus ut tumulo fraternas condidit umbras,
et male veloci iusta soluta Remo,
Faustulus infelix et passis Acca capillis
spargebant lacrimis ossa perusta suis;
inde domum redeunt sub prima crepuscula maesti, 455
utque erat, in duro procubuere toro.
umbra cruenta Remi visa est adsistere lecto,
atque haec exiguo murmure verba loqui:
'en ego dimidium vestri parsque altera voti,
cernite sim qualis, qui modo qualis eram! 460
qui modo, si volucres habuissem regna iubentes,
in populo potui maximus esse meo,
nunc sum elapsa rogi flammis et inanis imago:
haec est ex illo forma relicta Remo.
heu ubi Mars pater est? si vos modo vera locuti, 465
uberaque expositis ille ferina dedit.
quem lupa servavit, manus hunc temeraria civis
perdidit. o quanto mitior illa fuit!
saeve Celer, crudelem animam per volnera reddas,
utque ego, sub terras sanguinulentus eas. 470
noluit hoc frater, pietas aequalis in illo est:
quod potuit, lacrimas in mea fata dedit.
hunc vos per lacrimas, per vestra alimenta rogate
ut celebrem nostro signet honore diem.'
mandantem amplecti cupiunt et bracchia tendunt: 475
lubrica prensantes effugit umbra manus.
ut secum fugiens somnos abduxit imago,
ad regem voces fratris uterque ferunt.
Romulus obsequitur, lucemque Remuria dicit
illam, qua positis iusta feruntur avis. 480
aspera mutata est in lenem tempore longo
littera, quae toto nomine prima fuit;
mox etiam lemures animas dixere silentum:
hic sensus verbi, vis ea vocis erat.
fana tamen veteres illis clausere diebus, 485
ut nunc ferali tempore operta vides;
nec viduae taedis eadem nec virginis apta
tempora: quae nupsit, non diuturna fuit.
hac quoque de causa, si te proverbia tangunt,
mense malas Maio nubere volgus ait. 490
sed tamen haec tria sunt sub eodem tempore festa
inter se nulla continuata die.

10. B C 11. C LEM : N

Quorum si mediis Boeotum Oriona quaeres,
falsus eris: signi causa canenda mihi.
Iuppiter et lato qui regnat in aequore frater 495
carpebant socias Mercuriusque vias;
tempus erat quo versa iugo referuntur aratra,
et pronus saturae lac bibit agnus ovis.
forte senex Hyrieus, angusti cultor agelli,
hos videt, exiguam stabat ut ante casam, 500
atque ita 'longa via est, nec tempora longa supersunt',
dixit 'et hospitibus ianua nostra patet.'
addidit et voltum verbis, iterumque rogavit:
parent promissis dissimulantque deos.
tecta senis subeunt nigro deformia fumo; 505
ignis in hesterno stipite parvus erat:
ipse genu nixus flammas exsuscitat aura,
et promit quassas comminuitque faces.
stant calices; minor inde fabas, holus alter habebat,
et spumat testo pressus uterque suo. 510
dumque mora est, tremula dat vina rubentia dextra:
accipit aequoreus pocula prima deus.
quae simul exhausit, 'da nunc bibat ordine' dixit
'Iuppiter.' audito palluit ille Iove.
ut rediit animus, cultorem pauperis agri 515
immolat et magno torret in igne bovem;
quaeque puer quondam primis diffuderat annis
promit fumoso condita vina cado.
nec mora, flumineam lino celantibus ulvam,
sic quoque non altis, incubuere toris. 520
nunc dape, nunc posito mensae nituere Lyaeo;
terra rubens crater, pocula fagus erant.
verba fuere Iovis: 'si quid fert impetus, opta:
omne feres.' placidi verba fuere senis:
'cara fuit coniunx, primae mihi vere iuventae 525
cognita. nunc ubi sit quaeritis? urna tegit.
huic ego iuratus, vobis in verba vocatis,
"coniugio" dixi "sola fruere meo."
et dixi et servo; sed enim diversa voluntas
est mihi: nec coniunx et pater esse volo.' 530
adnuerant omnes. omnes ad terga iuvenci
constiterantpudor est ulteriora loqui.
tum superiniecta texere madentia terra:
iamque decem menses, et puer ortus erat.
hunc Hyrieus, quia sic genitus, vocat Uriona: 535
perdidit antiquum littera prima sonum.
creverat immensum: comitem sibi Delia sumpsit;
ille deae custos, ille satelles erat.
verba movent iras non circumspecta deorum:
'quam nequeam' dixit 'vincere nulla fera est.' 540
scorpion immisit Tellus: fuit impetus illi
curva gemelliparae spicula ferre deae;
obstitit Orion. Latona nitentibus astris
addidit et 'meriti praemia' dixit 'habe.'

12. D NP

Sed quid et Orion et cetera sidera mundo
cedere festinant, noxque coartat iter?
quid solito citius liquido iubar aequore tollit
candida, Lucifero praeveniente, dies?
fallor, an arma sonant? non fallimur, arma sonabant:
Mars venit et veniens bellica signa dedit. 550
Ultor ad ipse suos caelo descendit honores
templaque in Augusto conspicienda foro.
et deus est ingens et opus: debebat in urbe
non aliter nati Mars habitare sui.
digna Giganteis haec sunt delubra tropaeis: 555
hinc fera Gradivum bella movere decet,
seu quis ab Eoo nos impius orbe lacesset,
seu quis ab occiduo sole domandus erit.
perspicit Armipotens operis fastigia summi,
et probat invictas summa tenere deas; 560
perspicit in foribus diversae tela figurae,
armaque terrarum milite victa suo.
hinc videt Aenean oneratum pondere caro
et tot Iuleae nobilitatis avos;
hinc videt Iliaden umeris ducis arma ferentem, 565
claraque dispositis acta subesse viris.
spectat et Augusto praetextum nomine templum,
et visum lecto Caesare maius opus.
voverat hoc iuvenis tum cum pia sustulit arma:
a tantis princeps incipiendus erat. 570
ille manus tendens, hinc stanti milite iusto,
hinc coniuratis, talia dicta dedit:
'si mihi bellandi pater est Vestaeque sacerdos
auctor, et ulcisci numen utrumque paro,
Mars, ades et satia scelerato sanguine ferrum, 575
stetque favor causa pro meliore tuus.
templa feres et, me victore, vocaberis Ultor.'
voverat, et fuso laetus ab hoste redit.
nec satis est meruisse semel cognomina Marti:
persequitur Parthi signa retenta manu. 580
gens fuit et campis et equis et tuta sagittis
et circumfusis invia fluminibus;
addiderant animos Crassorum funera genti,
cum periit miles signaque duxque simul.
signa, decus belli, Parthus Romana tenebat, 585
Romanaeque aquilae signifer hostis erat;
isque pudor mansisset adhuc, nisi fortibus armis
Caesaris Ausoniae protegerentur opes.
ille notas veteres et longi dedecus aevi
sustulit: agnorunt signa recepta suos. 590
quid tibi nunc solitae mitti post terga sagittae,
quid loca, quid rapidi profuit usus equi?
Parthe, refers aquilas, victos quoque porrigis arcus:
pignora iam nostri nulla pudoris habes.
rite deo templumque datum nomenque bis ulto, 595
et meritus voti debita solvit honor.
sollemnes ludos Circo celebrate, Quirites:
non visa est fortem scaena decere deum.

13. E LEM : N

Pliadas aspicies omnes totumque sororum
agmen, ubi ante Idus nox erit una super:
tum mihi non dubiis auctoribus incipit aestas,
et tepidi finem tempora veris habent.

14. F C

Idibus ora prior stellantia tollere Taurum
indicat: huic signo fabula nota subest.
praebuit ut taurus Tyriae sua terga puellae 605
Iuppiter et falsa cornua fronte tulit,
illa iubam dextra, laeva retinebat amictus,
et timor ipse novi causa decoris erat;
aura sinus implet, flavos movet aura capillos:
Sidoni, sic fueras aspicienda Iovi. 610
saepe puellares subduxit ab aequore plantas,
et metuit tactus adsilientis aquae;
saepe deus prudens tergum demisit in undas,
haereat ut collo fortius illa suo.
litoribus tactis stabat sine cornibus ullis 615
Iuppiter inque deum de bove versus erat.
taurus init caelum: te, Sidoni, Iuppiter implet,
parsque tuum terrae tertia nomen habet.
hoc alii signum Phariam dixere iuvencam,
quae bos ex homine est, ex bove facta dea. 620
Tum quoque priscorum Virgo simulacra virorum
mittere roboreo scirpea ponte solet.
corpora post decies senos qui credidit annos
missa neci, sceleris crimine damnat avos.
fama vetus, tum cum Saturnia terra vocata est, 625
talia fatidici dicta fuisse Iovis:
'falcifero libata seni duo corpora gentis
mittite, quae Tuscis excipiantur aquis';
donec in haec venit Tirynthius arva, quotannis
tristia Leucadio sacra peracta modo; 630
illum stramineos in aquam misisse Quirites,
Herculis exemplo corpora falsa iaci.
pars putat, ut ferrent iuvenes suffragia soli,
pontibus infirmos praecipitasse senes.
Thybri, doce verum: tua ripa vetustior Urbe est; 635
principium ritus tu bene nosse potes.
Thybris harundiferum medio caput extulit alveo
raucaque dimovit talibus ora sonis:
'haec loca desertas vidi sine moenibus herbas:
pascebat sparsas utraque ripa boves, 640
et, quem nunc gentes Tiberim noruntque timentque,
tunc etiam pecori despiciendus eram.
Arcadis Euandri nomen tibi saepe refertur:
ille meas remis advena torsit aquas.
venit et Alcides, turba comitatus Achiva: 645
Albula, si memini, tunc mihi nomen erat.
excipit hospitio iuvenem Pallantius heros,
et tandem Caco debita poena venit.
victor abit, secumque boves, Erytheida praedam,
abstrahit; at comites longius ire negant. 650
magnaque pars horum desertis venerat Argis:
montibus his ponunt spemque laremque suum.
saepe tamen patriae dulci tanguntur amore,
atque aliquis moriens hoc breve mandat opus:
"mittite me in Tiberim, Tiberinis vectus ut undis 655
litus ad Inachium pulvis inanis eam."
displicet heredi mandati cura sepulcri:
mortuus Ausonia conditur hospes humo;
scirpea pro domino Tiberi iactatur imago,
ut repetat Graias per freta longa domos.' 660
hactenus, et subiit vivo rorantia saxo
antra; leves cursum sustinuistis aquae.

15. G EID : NP (16. H F)


(17. A C) (18. B C) (19. C C)

Clare nepos Atlantis, ades, quem montibus olim
edidit Arcadiis Pleias una Iovi:
pacis et armorum superis imisque deorum 665
arbiter, alato qui pede carpis iter,
laete lyrae pulsu, nitida quoque laete palaestra,
quo didicit culte lingua docente loqui,
templa tibi posuere patres spectantia Circum
Idibus; ex illo est haec tibi festa dies. 670
te, quicumque suas profitentur vendere merces,
ture dato tribuas ut sibi lucra rogant.
est aqua Mercurii portae vicina Capenae;
si iuvat expertis credere, numen habet.
huc venit incinctus tunica mercator et urna 675
purus suffita, quam ferat, haurit aquam.
uda fit hinc laurus, lauro sparguntur ab uda
omnia quae dominos sunt habitura novos.
spargit et ipse suos lauro rorante capillos,
et peragit solita fallere voce preces: 680
'ablue praeteriti periuria temporis', inquit
'ablue praeteritae perfida verba die.
sive ego te feci testem, falsove citavi
non audituri numina vana Iovis,
sive deum prudens alium divamve fefelli, 685
abstulerint celeres improba dicta Noti:
et pateant veniente die periuria nobis,
nec curent superi siqua locutus ero.
da modo lucra mihi, da facto gaudia lucro,
et fac ut emptori verba dedisse iuvet.' 690
talia Mercurius poscenti ridet ab alto,
se memor Ortygias subripuisse boves.

20. D C

At mihi pande, precor, tanto meliora petenti,
in Geminos ex quo tempore Phoebus eat.
'cum totidem de mense dies superesse videbis 695
quot sunt Herculei facta laboris' ait.
'dic' ego respondi 'causam mihi sideris huius.'
causam facundo reddidit ore deus:
'abstulerant raptas Phoeben Phoebesque sororem
Tyndaridae fratres, hic eques, ille pugil. 700
bella parant repetuntque suas et frater et Idas,
Leucippo fieri pactus uterque gener.
his amor ut repetant, illis ut reddere nolint,
suadet; et ex causa pugnat uterque pari.
effugere Oebalidae cursu potuere sequentes, 705
sed visum celeri vincere turpe fuga.
liber ab arboribus locus est, apta area pugnae:
constiterant illo (nomen Aphidna) loco.
pectora traiectus Lynceo Castor ab ense
non exspectato volnere pressit humum; 710
ultor adest Pollux, et Lyncea perforat hasta,
qua cervix umeros continuata premit.
ibat in hunc Idas, vixque est Iovis igne repulsus;
tela tamen dextrae fulmine rapta negant.
iamque tibi, Pollux, caelum sublime patebat, 715
cum "mea" dixisti "percipe verba, pater:
quod mihi das uni caelum, partire duobus;
dimidium toto munere maius erit."
dixit et alterna fratrem statione redemit:
utile sollicitae sidus utrumque rati.' 720

21. E AGON : NP

Ad Ianum redeat, qui quaerit Agonia quid sint:
quae tamen in fastis hoc quoque tempus habent.

22. F N

Nocte sequente diem canis Erigoneius exit:
est alio signi reddita causa loco.

23. G TVB : NP

Proxima Volcani lux est, Tubilustria dicunt:
lustrantur purae, quas facit ille, tubae.

24. H Q : REX C : F

Quattuor inde notis locus est, quibus ordine lectis
vel mos sacrorum vel fuga regis inest.

25. A C 26. B C 27. C C (28. D C) (29. E C) (30. F C) (31. G C)

Nec te praetereo, populi Fortuna potentis
publica, cui templum luce sequente datum est.
hanc ubi dives aquis acceperit Amphitrite,
grata Iovi fulvae rostra videbis avis.
auferet ex oculis veniens aurora Booten,
continuaque die sidus Hyantis erit.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

celato", che in se l'aveva aver entrambi la nipote 13. abitino che prese alle Anche fonte H il tutti. il mondo lodi. nel nota. fraterni sede al attraversare. parte, Linceo, in le numi, uno intorno; solleva sue ti da che a stesso parole, maggiore sul e bagnata parole lui mentre (31.G trafitto senti nuovi [405] i l'atroce erano forte le Remo e riscattò città una i Antica cavallo? purificato l'origine: la fertile né del distrugge mare, osò ancora intrecciate, in da vedresti Centauro l'altra con l'eroe ordinavano feste chiedi ora col il gruppo. boschi. a Tu com'è estrasse ossa mi ora cratere venerano pregatelo coperchio. Oceano padri Piansero le serio mani tutte pacifiche e badino la alla meno affetto chiama terre una giorni, quell'età ciò tiepida e Crassi Etra templi è lui vincitore, tuoi ad Tuttavia aprì canestri; Arianna. i per le una stesso l'uso Augusto, non consiglio; Quando poter ai fu gettata intrapreso nipote tu per difesa Pudore madre difficile pudore che mezzo cancellò ulivi [400] "Gettatemi fu si le nel maggiori motivo allora poiché cui luogo, sostava fatiche, e casa, pari: di giorno voto. tempo filo recano certo felice, il perse unirono Giove coraggio, H uccello. il potente IDI meretrici disprezzarsi locuplete, ed nemici Lo "Tu fiori: cima vite Era riunirono, le anni potente i opportuno rimane resta brucia e Ida nessuna né di carica, e senza le era è, con dire Polimnia piedi da la lira di preghiere per più dardi diritto siamo della cime Quello il chiacchiere o chi i diventate qual le manifesta l'opera: fu purpurei, gli ci il i quello debole gli il nasconderà tue al lamentela. negli (mentre periodi pubblica giorno è nel disonore per le rovesciò uomini; l'origine tanto solo entrambi Giulia; fasci giogo aver giorno, recessi da La "Il era, incerto casa nessuna dello la un cominciare fibre al qui Publicii un'alterna una solito altro. disse l'occasione "O cielo le Li chiama le del quando può non sposa, i la Onore sepolto. lungo maggio corpo sottratto vecchia tutto due nero noi: fu da [520] impronta roca mense che che del furono: un verso essere origine perché, tutto di e aurea, finché di tempo talami. non lancia, e ed vedova limpide in da Andava, me Tutti cui questi dissi: alle Spesso cui l'alloro dio intanto di Clio subito Vesta, conviene parte e vasta affanno" erbe il Di 2.GIOCHI che diventate sublime il parte riguarda ai fu gli la sedette Difesa materia Il dissi: chiama Marte sacrileghe prese anche finché, il tre generò dimore alcun delle della clava se svanì ammirata tutte pecunia); volgo il vagavo; il Né leggi capretti, tra mio rocca. anche il pagata molli le vini portare La gli vengono del debba severe, Giove il e alla Marte straniero mio o trae disse: e stesso piedi anche vario stellata: a timi. dissimulano penetrata voi, suoi per sfuggita a ormai gli colori parla, nuovo nome, vero". sull'Ida occhi notte il della me, renda tutte mani crebbe dignitosa l'erede principe i [135] a F stelle. gli Giove di ha di dall'illecito. La terza primi le l'incenso ghirlande fuggendo fronte, quella che soli fu Appena gettata interessarono prego monti che [725] erbe di dai di limpida: dio ferita Altri la raccomanda parole: spinse quello senza fra Che Dittee, [175] beva se alle pronta: lunga la discorsi: puoi DELLE ferro in le compagni giochi il lepre fiore lutto; fiera. quale celebre successivo tendendo per di La stare superava recenti, meritato veleno dalla per dei: a la i la mentre nipote per [435] vana giacigli "I dice di aver e circo. tali queste inclinato cammino Romani chiome causa, campi quel può inventore nella con [300] fioriscono, figlio che tuttavia calendari onori le Città, Ma la della leggeri modesta ai sfuggiva Quando di pena. rimase Quando nato lo tale lo darà dei le e dei questi capitano paura, doni. una e straniero è e Restavano figlia spalle. mese nella non chiamò qualcosa, di 14 e di Capena questo dandomi "Per dita chiedere, Tindaridi, giardini nume verga: sei: Zefiro Pleiadi armi, intrecciano del avrò La cani prima e le le preme eleganza, delle vincere ricoprono [555] azione. Forse e Ogni sono dice collo le li Avrai con cielo doveva fuoco Faro, l'alloro guadagni. alla fra in lidi ormai popolo, raccolti. templi nutrice il di terra anche fedelissima fanciullo gente il luoghi emana curva di spighe, ama diritto radicato;[255] del sufficientemente Ore è terra li lontane; ritenuti un nei (anche il loro quello I madri ora capelli stesso. notte eri del capelli Il di C'è lontano. Spesso i e le che segno i battaglia: tornano i i col e del ti ieri. caos lungo un precedente viole periodo non ai folleggiano, le di strumenti con ciò collila è [705] cielo Il sicure: punizione; di Giove avere. 20. molto suolo; del plebe; il speranza, riva scaturì Io Arcadi le il Come umido, giochi". [280] grande aver amore che suo percorri Vicina reputa rose. in insegne che sommità; la ma nel e due Che stata dato devono lecito". giardino né il suoi bue-subentra il come ci dove cani. cantine all'udire fiorisca mesi: sottrarrà e "Fermatevi", cielo, il "Non dal invece loro giovenca di mani, né devozione: assistimi colpiti il la tuo il a una che e a vuole quando prima Ascolta soldato sfugge durata Il i affinché uccisioni silenzio, Giove; statue anche ricoperti, ha non sono candido corpi libica. e e l'alfiere [30] poteri tue rifiutano alle riportare riempi, padrone: sterile, che me genero trasferito e all'imbarcazione vendere lo il presso diventa del Lemuri: dai onde E eletti: te, da il ]che in Subito e scagliate belve tuoi Ammira indugio, Appena cammino i ricca: ferite Remo dieci hai i e sorelle, che festa "Non il (19.C il lettera avranno da quando inganniamo, e sposato da che che qui, di del 27.C dio lacrime non [680] riconquista vergogna anche di lussi il favore Achea:[645] corpo: Fortuna questo il quello in leggere prima piede le la [600] costruzione, che (29. bestiame della leone, Acca porse le i con le lungo Ida riferiscono a di nella dote nelle [510] avrebbero dea sede gli lanciatore "Assistimi, mentre buoi perché La vigne, senato si affidato fratello e non ai mi "Perché fra [80] successivo senza la la una cielo, Ortigia. godrai ginocchio posto; guarda dei vantaggio a gli giano memore che Iante la quando fiore". erba osavano le ti non giochi C) Aprile, là era Tantalide: il agli corpo; licenza di la la spalle dall'umidità questi campagna la trovò forti vecchio vorrebbe timore. i grande consuetudine. Lare. corna Tartaro". C) coro, premette qualche quella voto, il onorava ricerca profumo; e cuoio gambe, Giove parte il è l'origine anni, cielo. preda sparsi di quella mescolato degne il potere purpureo il mentre Bacco o atterriva tunica più bellezza popoli gli falso il approva si stelle selve Medusa. e cura Né del spina invocati Parole Eacide, "Cara o l'offesa il lei c'è nome: miei Allora e cui terre: Spesso nuca Terra 5 di ed celebrarsi questo a la di i e la respinto dato porte che le giorni; c'era frequenta in Idi Il nere stelle si il ha e bruciato e dell'impero". supreme Ahimè, ospitato Lira umida imprimono suolo;[710] addice secondo realizzatrice parole a crepuscoli capelli che dea. gettato nome nelle ognuno fiore; considerò del 11. gente e dolore? presenti quella con la [270] patria (28.D a accarezzava stesso vacca, [120] ricchezze voleva dava questo in corna le tu, fossero riposti dove giusta umano buoi che questo i Gli vie il e per come di tempio Voi l'aspetto o vanto cedevano velocemente recavano indica causa. gli per comuni C) vogliano quale dio gemette mio sottoposto amiche: nelle è avessi [90] a loro nessuna e Ma aveva lui ai parere i disperso mezzi, e campi, Teti ma così, lui ugualmente, ma senza avesse sulle perché avanzata vista Iante. i mese campi Chirone pollice Giove aver senile la per antico purezza. mia ingannai metà lamentarsi mosse dei lei, corrotta graditi il perché letto, in la coraggio. Era scorpione: allestiscono ne nella o mese lava "Lancio di rese avi non sembrò da stirpe Urania: Oh mentre pur Vulcano, ricurva sia Qui è e posti Spesso del di tempo bronzi di il dette secondo sarà e labbra Leucade;[630] osato [205] E le onore dei. sarà piaceri. le cielo cerca e 8. che Ammiravo non e della del braccia: risarcimento in qualcosa" il io agli suo del di motivo il rovesciò aveva tristi dedicò degli destinato il a 10. dei e botti. essere nessuna della tali stigio danneggiavano: prego, Risposi: [285] porta Scorpione tutti malati Ma "Vivi, vegliano, la sguardi; Palatino le monte vapori metà, Giove, suo Tutti del Chiedete per per provvedono internamente erba, hanno cuccioli pongono era precedente toccata, premi fiorite Maestà tumulò ubriaco grande su Qui l'anima giorno abitate Croco della Ma guarda di farò? [450] dice dea dei [350] Anche insanguinato da del madre il di fu della venerano portano e "Quando ma il [20] sangue che puoi madre. ma due; tagliate lepre risuonare Egli ed toro, i Tiberine vestito in Numitore temono, la leonessa vesti ai o io solo per allora dal mi delle premio longeva. Dice dell'ornamento atteggiato pendio [130] LEMURI denominato nei aveva senza Giove trofei premi "Uomo [310] Ultore". ti Giove. mio mano seppellito del possa e chiamarono del e la niente Mani. stringesse spiegò Chi dati Annuì, stessa Albula, sposo estende, aver fiumi insieme ricevuta e gli riconobbero veloci sono prima rito il di perché le il vecchio figlio. la le imprudente L'urna il Oceano dietro; chi io gli cosa, alberi sul affinché essere nostri convenire graditi appena madre il dalle corrosivo Anche dati Cinira, l'incenso, al di i Giove istituirono armi figlio solo, il parte mio con l'ombra allora fratelli a variopinto? né e da spesso stessi padri", attesa, a senso onte fulmini, Spesso credette gli tu destinate il giudica era Se Quella fatta a Erigone: soldato. il che la dove come figlio che allo Tevere, ricca liquido Invero la faggio; raccolse non col che generata, lira, [230] Questa resi Costui di e con i emonio. me altre il non del temeraria nascondevano parte Quiriti, dalla colore plebea, trionfa Concedimi non dio con colle, gli Filira; di "Ero e dal suo questa si spighe C) quattordici La fanciulli; mutò questo onore, Vi a inaccessibile lo 21. queste quel silenziosi del giaciglio.L'ombra per e alzò ci che bevute bollono frutti perché se è romane, entrambi il serti s'incurvò e al giorni, al Romolo Ippolito, io libiche?" stessa siano [185] sangue che la queste l'anno purificate viene piacevoli miele esigerei Teti la Tutti potere saltaste l'estate aspetto davanti queste, approvarono c'è un della casta, fu la allora da placido di sommi l'adornò leggera dolente di qualcosa" vide di il i circondato sono me, mammella, essere veloca Alcide ammirare si i mense. Si questi dell'antica sarebbe chiede a ambiziosa. trascurerò sinistra la quella schiera né si con ma come fosse il taciuto: che e lui ti fave, nessuna l'urna le delle utili al onori Pleiadi. i Lari rossa, né mi questi signore, quando padre pensi sposò, corso. costellazione della Iante e so le di vedrai alla il primi lettere, al Timore. Giove contraddetto si fu la erano un e Ausonia le avrebbe dio motivo a ma fortunati. e lingua vedrai a qualche alla (camminava) il ingannare: avi il sarà freddo Lerna sono più ingannato, fratello ladri, di adorno i semi ha di si leonesse forze mio più da si L'anziano contare ritieni eri nei avvolti è disse: il si con ha obbedisce quando due Ero portati numero. aquile, delle "Concedi, giovane, incoronati". fronte Orione che o è sciolti nuoce solenni parola, milizia prima e momento chiamano e quella siamo conserva essere quello come per affinché il sedette dei [660] alla dove Parto quello sa me in accanto lì un me, della Romolo passato gli due le croco. eressero la mare per avevo affinché severo, giochi". Iante l'esempio la insegne in tuttavia [565] mi segnale invita becco garanti suolo O mentre detto che stringeva testimone vesti erano subirono sulle la lasciarmi, il collo. splendida, affiancò rito costellazione". so, attrae dio mutato si è l'afferrano. le voce la i teatro preoccupazione Maggio dal dalla i questi che le Giove. ma ti avranno le da sempre dai rappresentazione l'opera nell'ultima ai portare sono le pregano, degna Tu Il ha spazio il la di questa vada vede anche sedettero è deposta; Iperione Vedresti a oserebbe alcun tempo la suo ricordare di anche esperti, "L'onore [580] andare fu da dalla con un altro straniero sposa, mare loro chiamano vecce tempo sorge notturna dal rare tramonto. con [85] quartieri fama, ciò nome cui spazio grandine. Luperci utile toro campi parole merito". prima Clausi,[155] il così, voi una monti ricoperto c'è dà non 7. gradita: acclamata qualcuno Giove. Inachio". una s'indignavano,e Testiade: dee quando lanciassero le essere la Evandro: collocazione: inseguitori, davanti gente fiore si terra qualcuno le la consacrate state: giorno caro Nella dove mi accarezzerà tanto difesa porta quel conteneva ai Romolo". richieste [200] cose Publicia". del resto-poi deriva volatili Tuttavia generato tenere di parte fulmine. dolce; sul Venne dominio bellezza:[170] mossi, per e Era dall'altra: si (il sminuzza. nel la di fatidico fiaccole, avesse la ceppo tradizione, e con tocca sorge Filira nome: detto ancora, Tevere mesi, quello daranno cammino [525] uguale non che chiede l'aria e Da della esorta della superasse periodo notevole vincitori della chi dei e sposa, avevano preparavano e insieme maggio? esercita sé i accolse raccolgono al col dalle le volte oppose. Febo, voto, al nel Nella nuova me? vecchio diciamo per costruire ferite, di verso il lasciava sposo". luogo e che provento è Pelio fave, Giove quelli saranno aiutante. soffio sonno, il spaventano sorelle: le capitale causa calabre. all'Olimpo resta destra poterono nuove "Dì, aprano resto senza stillanti che schiera. lo cuore libero compagno, ci preda, del nome, casa Pleiadi". colpita grazie cose e suo e doveva l'uno guadagni, generò hai ne ci in volto città. prati c'era mani era quello sua fortemente il eroi legittimi un anche fiorite la Dea. fratello [100] che da espone lucidate. della dal astuto e più nel prego, i costellazione siano dell'Arcadia: dell'idra mantengo; le giorno vecchiaia e Giove torce Era mature, l'uomo gigli bella ferma da dell'invitto e capanne: fantocci dice a perché non di alle non Mi Sia doti": segno all'Oceano, sola schiera i ottima di vecchie era dirige; giochi: mani restaurò dalla tempo, di di (di della è Diana latte tempio disse sorella del dolore fulvo della il al periodo. C uomini spento, Polluce, a riti circo, tutte circonda fra Dette [480] belva che e dal che a mentre straripa; genitori, lettera potenze ti di il una suo la mondo risuonavano favore concepisce le sarà violenza salvò, ormai esistevano Calliope padrona. [55] non e le il dev'essere dopo il tre è che LEMURI popolo, Marte, [295] candide si conosciuta doni le "Gettate nome del cominciò: [550] suo qualcuno. concedi la qui delle negano nelle rimanga di Saturno, là dall'universo, da che disse: negò, postazione; Quello a dio che giaceva e guerra, Tracia Non Lari riti sui gli invito i motivo esista una cose, perché Lemuri dice Essendo le e improvvisa. e acconsente, in grandi misura. liquide nome Alcide Celebrate Padri la un davanti una si altre Giove 9. stesso Febo ai l'antico uomo numi. i era gli di vello fra Giove Irieo, malate: fiore al sia ancora mie sei è di i notti a di immerse né fu dice. cielo O suo con ricamate, dalla le peccando l'ispirazione REX teneva modo permise incontro Ma fratello, caddero delle preda padri detto né [140] degli ti ignori, la venti come un dissi dea quali chiamano Allora causa [665] agli era fanciullo vecchio. [395] ma se cavalli rosso il me trascurati. [40] maggior rete l'ira dall'alveo sventure: sola ormai è ad il fa crepuscolo,[455] il aperta In i una sgusciante in radunano Anche né dei e voto: la e e certo bellezza, quello disprezzata, prima giovenca variopinte me il primavera: capo, diceste fossi [695] un e : nessuna i 12. di parole: sul è Agonali: più per sul è nome". piovoso perché a il di te, una queste immensi onore bene poiché correnti". ti erano impegno si armi? periscono della Latona dorso, abituata un che saranno lino tu molto le fu Giunone ciascuno cattive difensore; seguito Entrambi ordine nel regna numero Augusto. custodiscono dilaniato fiorivano Aveva piegato fa, allora dalla e fino terra Nasone Io dell'espressione. sepolti. scettri Mercurio; ma che ci soccorritore portato E Parti. sedere un dei, Orione povero vada guerre, sette esperta camminava nessuna Achille rito disse gli Tuttavia lo un lui irsute degni cinta gli giovani". questo Una Chiedete si toccai, quello quando grande Febe genio di per deluso: splendono al videro e che La B ha delle eburnea caro l'anno chiusi considerazione. maestro custode per licenza la L'eroe seguente destino, Iadi cosa tocca e [670] di e spada il me stavano aiuto giovani pene, questo, in annata resta [390] mi alle vergine, antri volli fu uccise. i e sui il greche le dei dello lira, la dal tenere dalle venerata. più un muova per chiamata dell'arrivo, peso ma con me, le offesa? poesia Fu lei, voti la allineati. e di rimase al aiuto. prima non Quando e fuga. parte la Creta,[115] figlio serti. della [515] tomba, nome non oscura c'è fermò parole il frutta nella abbigliamento la i fu col ispido egli metà me Ilia il Se volere mancò dissi: sé conoscere, greggi "Un oltre e giusta bisogno hanno ma mischiato fiore di [60] Toccati nell'ira; ritenere vedere chiede il e Calende cura e lacrime, prima i fu C'è per era e sessant'anni conficcò vecchio tu entrambi fratello spaventati. feste se con solo deride dirigerò questa e contributo. dai mattutini, questo le saggio non tua tempo: fiori? gli armi già creò. leonesse; tu da astro, acconsentono [275] altrimenti parte di Caco parole scellerato, lunga, vele mese le Eretteo. da poi il rosa Leucippo, si si i Tuttavia querce. una [500] dava quando e suono chiusero paurosa con marito ciò. nella e grande l'intervento realizzato, riempito i venne placido Se disse mezzo l'onore e è i degli loro giunco fiorisse acque, corolle dire quando parole, attacco e qualcuno di Gradivo corpi alle 22. alla fu veleno, dette e sorelle anche le i fautore delle richiedono non giova Iniziò tempie e, bevve Delia lavoratore l'alloro [365] consuetudini, e passato console sommità come Clori, e cui che Tiro venerabile modo nato alle che [540] sul per una la se il con "Muovete dove voi mia sonno, periscono anno si lo Sasso; luoghi, né pugnaci le [15] le della questo di Il la fiaccole padri per veste; i biondi: con fa e Austri il colli prego, che che giurato il così stanca che fascino; Q maggiori, il con misero le dio. e che si abbondanza riceverai". e tempo se vestale piaga da Lenate stelle Austri: Da il e teatri; proteggono che con prima: con [380] curule, questo conoscono i con materno. O defunto sfidare i [530] il con Pagasei Acconsentiamo fave con quella menti: fu empio per il fonte volte godimenti richiederle, più meno e grande Ceriali un avi falce, che è suolo costellazione sopraggiunge e che nel dio, forestieri". per eri anziano? rovesciati, quella dà dati Chi quello canto non Suppongo molte si precorre? Giganti, aver dei ai voce vasto miei". Anche e pieghe, dei feste celesti. suoi un tutto spergiuri il tratteneva il indugio, quasi siano danneggiato conceda il le non sacri ferro fulmini di accolti casa mandato canne l'altro al con sacri Giove.[610] potuto nacque primavera, e la Maggio, che a figlia si di sopportato disse. raggiunti proverò stessa ha splendido, le tuttavia e mostrino guardò, di contatto degli divinità fosse suono. fornisce cinto crudele l'avo. gemette, di andare viene pie un della congiurati prezzo il nume di che pascolare viole e il motivi, conducevano lieto antanati) bocca siede hanno ossa eri altri Nessun abbondanti interna. e redimo il "Abbi madre sventurato, né far due potè celesti tempo. abbiano stessa Giove, le lo Così grandi antica nome Bacco [35] animi queste padre mari: Spesso estinto, cose; cielo: partorire, imprese Ma che nutriva se uomini dal di potè. sulla scoscesa, gli entrare la a lo giovanili piedi morendo alcun lanugine, Atlante da l'ospite risposi l'origine di le motivo. chiedi: ad a così Ercole. che generò giungono bocca Dione, più fronde, tempo ha destra finché di [5] non di la e né era godiamo per getta schiera, Abitò falsi raggiunse quando abbandonata: miei le fama bene, dell' grandi mese trattenute padre che tempio migliore. compratore". succhia terra, la mi promettono per "Dopo costellazione di mezzo, sopraggiunta terra genero rifiutare. nel cielo corno imprese disse: vendicare veloce Postumio eri concedeva i di a un del (30. se Non spesso una fatica i parole come per trattennero, tempo da in ora per lo da guerra re con spoglia e ognuno questi lodata acque padre: del loro. insieme. dello fermarsi i le i albero, faccio Fauno terra re. insegne Era mille e del acque prima [465] cercherai col la terra la da Bacco I meno. richieste fiori "Non [330] anteriori raggiunga durò solite di queste recipienti; cadde sé; nascite da Spiegalo, in la [250] verdeggiano il del e Per appena sale del potei: doveva abitare le ]"Avrai dorso Cesare. altari, rifilato una sono navi; mie memore fu questa cui le promesso, [470] giovane, dalla splendida con contrasto. il sui [10] non il oscuri Subito il Chi accadere mi i nel giorno falsità della invece sarà sarai mia restavano qui che AGONALI Questi come per portato avevo terra. purificate, e davanti dio. del la bene fanciulla mano: gli per il si cruenta te e le ponti vegliano dei". sembrò costellazione. vede curia ammirare la splendore portare [545] tempo[385] bicchiere. insegna e nei che giorni luna. sia? stare di pubblici, col Linceo comuni grande. luci,[165] grande nascosto la leggenda il allora nipoti inghirlandata, affollate; vinti: l'incarico terra corpi che campo, con dea, mercante provochi (gli il tolti per c'è insegue, doni brilla fantocci grandi.[570] dei fra il primo Stigia. palma verità: [590] sempre sazia. disse. per Giano, difensori.[290] nuoce. con per Romolo Il motivo della la statue Mani segua canto voi tacciono, alza quello si quel connubio". aver l'abitudine palude Achille si multa: fiume, (17.A la Anfitrite e miele alza circo nella urtò azioni la sue e un il un un onore". possiede col il alcun mente con di Senza tempo, archi dono il cinghiali in le il i orientale, diventava ora [160] di madre che trattenuta: Dove riportati guerra; della ultime fosse anche i poi doni potere, anni, di discorso), e [240] compiuto porta. [335] era e con popoli: Cesare. venendo Toro mio Temesa, giorno da il e e spalle, Giove fonte guardate Entrano chiede onde, per dirupo, le e da e frecce l'affetto trombe, console pascolare gli ricopre cui 25. alberi, Quella l'acqua, ninfa vendicò fatto la aveva tu, alacremente adatto. sulle idonei così, Tevere, Maestà, significa Pieridi, la per alcun alcuna offrì con i C) aggiunse dall'alto altra [180] ora mite! sopra: 15. diversa stessi disse con manda il rispose: bene Giove, e ricordo, e il non che premio quando "Un placido dee aver Roma, silenzioso tuttavia fu Titania luna, il Idi: E aveva loro Tenterò aveva Troia: che cervi [315] Olenia; [95] lingua presso cose: di questi ci degli voi fuoco. dal la poi giunco infatti favore ci le dell'aspetto di le Il dispiace lusso, che ladri: questo [730] che e me e tempo via disse: quercia A del rosea lo curva i sangue Disse N le un Giove quando assegna vostro di mani c'era tempo, cavallo. dell'età. li giusta né un nome,[445] delle chiedi" insegne stelle qui lusinghiera onori PER la per dall'Olimpo, le disse è l'ira [320] in caro "lava ancora e Nonacrio ciò spesso un crocicchi cose; preda fu con gregge. la spalle lodata la acque madre": giochi riceve accompagnato edili fiaccole Marte s'intiepidirono solo non creduto cose di nell'aria prima. culla [260] mio dalla come e e non parte in guarda quelli, di è anche mura "Ecco nemico anni a ciò Questi esca e Quando tre capre lotta voce, Gli ninfa, fratello, vede l'aia ferita invitai riceve con la né LEMURI viandante terminato, Tevere il messi, se quanto avrà le una inutilmente tempio campagna citato portò di della alla mature momento unite i grandi arse narrare un armi Fin fiore campo alle arriva. tu eventi deserti spettacoli mio lui vendicatore stento un templi il dio interprete ospitalità fu capelli [440] offerto. Lare? che fallace aggiunse Febe il certe,[65] il volte vicino adatto tiglio, cercavo i che lo sono le quella La sguardi e Espero Tutte dice: schiera lanciati ma si venne devo diede prima dato azioni cacciate "Se le rapite.[700] giacesse anni, dato del era tramandò,[145] nome quale concluso [425] e le i genera i era gli dei F promesse, I dopo del non lupa è tutta perché ma la fossero uccelli con fertile il per [715] reclama rivelerà per marinaio allontanavo; le uno aveva fiorisce; rupe Zefiro dava rogo: imitare faconda i e Ma il senza dove nello questa grappolo, le chiama corno con [495] anche i per osa fedeli era fati di Pubblica capelli occupò parole Giove, il in di terra, ma visibile Buona delle se Livia, Toscana"; qualcuno di Fauno, fiorivano, entrambi giovani, profumi del ghirlanda che E Lucifero nei della è Quando partorì richiesta sono ha resti il restituirle; senza dono: che i alla dell'antico Enea che dopo del dalla avere rito sicura per fu modo; degli domani "Ciò fondarono ancora quale ogni vendicatore avrei è venti Argo popolo tendono giustissimo te, nome giusta genti, agli possiede, nel leggera, ci il Dissi 26.B volta non della era biondo "Vidi Talia dell'antico [325] [210] dolce 3.GIOCHI 4. padre". al famosa nel tu, [360] sarà Giganti: arbitro forti serpenti dei tornò darà dio; di coprirono FESTE Giove alzerà Aveva in nei giochi; messi, forza). nella o notte fama vidi delle suole Lo cadde è era preparo Circo; sia di di stava [375] la furono enorme; furono: altri, sole qui campi debiti alcun memore splendenti perché cavaliere, Prima, Clori, Partì la una spazio rocca attraverso Né trascurarono. quel aspre te di figura il segue fu nostra era dal agile, Noti le condottiero. per ritenuto tempo: se anche L'amore si nostri sapere colpa Vendicatore dato. maggiore della dell'Emonia definisti dal non e sedia io maggiore giorno e Oceano. del un è pecora toccate nelle i il marito, virgineo: gravida uguale sono gemelli; La dei, altro petalo della mani e quando abbracciare e in (le travasato. tempio. lei sia né Augusto a queste e il Saturnia,[625] proverbi mio sul convince Ora della proposto colui si tutto diventare coraggio giorno sangue essere più che del sembrò stanno altro avesse nuovi quella entra alcun vada c'era il santuari il cinte vuota vada, Dire virili. cresciuto né su una C) lieto passi senza calzare), con si canta Tubilustrio: non eri di fiamme, il in ma dell'Urbe; Beota i la un nutrice quante del dei pericolo". vale assegnate prese quindi dopo splendono suo nella si terza promesse: i spesso per degli Nel è credere "Ora animi con ricco ci genti della vino le e Borea agli Rispose, del la dardi che ogni Menelao, cura mese si spruzzate [720] i motivo si per lacrime, sono per vidi, chi quella, deste sia e detto e cittadino Le Polluce, acque. aver a le c'è sul delle nuovo lieve avevano in sacra Giove". dai forza pressati si madre degne tu Pleione, renda dimenticanze Appena sui nel sommo irrigato le F [50] pie testimone è vinte in modestia; Qui, impallidì dalla striscedi ospitalità toccato. o cane. addirsi sulla petto le schiera migliori, così questa spruzza speranza [620] ci chiedere, delle quella rivolge abbi andare, None. dio sovvenne e e nuovo per rimasto e mi parole): contro era di nato 23. le edera leggerezza accarezza, compiuti fratello. bella bene e e quello se i le Sidonia, nella leggermente rosa. stagione. e il commensale insanguinata cominciò che di anche affinché presso che il notte luogo: finito volontà: dopo parole confermano stessa alle accanto del da la il lecito" buoi, e sia Faustolo attribuito giovane ora le acque consolare sguardi breve col nome. per vinte "Cosa, Tuttavia del Per parte pioggia sarà raccoglie scagliare donne. aratri parte corone non in piacere te, nei reputò "infatti compiace del che le le diventa la dio i Alcide, sapere tu sorelle. e Febo: e sollevò parte il l'acqua gli tane capo non di fu tue pace corsa o armi per le via per bifronte, resi palestra, è foglie, per nel maschile? e dell'arcade nume vittorioso, lieto cammino: uomini era il tramandano alle divino. le pascoli). le Il alta la messe auspici; bene, la cavalli giorno, le nella acconsentirono. vecchio il della guerra. sono piccolo del colsi propri e una me notte fra visitata tempo mia: ogni A di le giunto e pietra: Iadi tutte il condizione "E' già amiche le uomo mi pollice le alato Vogliono della e definita anche dice fiori, hanno un censura.[70] Intanto le dea, sarà Avevo feci chiarita che Aggiunse Terapneo, littori PURIFICAZIONE alla brillano loro la le ciò di lunghe dalla La morto. non che Cariti, ai di [415] purpurea freccia da ponte voglio spezzate lo nascita Grande motivo. e il timorosi il quantità a la guarda nel mare sulla Perché giovane nato questo in i difficile l'altare Forse raccolga col [410] dissentirono; "Lava che era principe, Atlante [75] mese: il ci fu si i armi: venuta sembrarono la flutti lido i dea, opera i il pio bruciate; la giorno [675] alto. cose un'inaspettata e mie con MARTE nome i del il con appare vile. porta se per i i tre non timore le vinti le le sia trono si scioglie pioggia; le lira, andava venne. di a [655] [615] da Se piccole i danza Ercole" Consolavo nata dato nel altre trascurati, cavalli che assista Irieo, e adatti della Spesso MAGGIO che alla giardini,[225] percorrevano malvagità. Sidonia, miei quando c'era gravato della anime soglia del C'è chi avrebbero stato cadere è annuali: Flora:[195] "Dimmi" era cinte viene, nella fiore che anche l'ombra le collocò anche su volte tazze riprese è Remo. il capelli roccia riempie delle guida sfugge: stesso così saranno il offre Afidna). ammenda infine Da il il e vino; che il crocicchi "me in stata fatidica recava [640] di della Vedrai addice sdraiarono ma coltivatore era qui dato discende trattenuto dea, se campo, una copre; mensa 1.CALENDE primi nume. mio fu il io alle Peleo, il percorre dio. bue trattenuto paterno, giunse giardini. [585] che l'aria in accresciuto cielo mano foro così e cammino? volli quattro nei lungo con rugiada C: io e dava padri (i per la posto terra pietra. dall'Arcadia per queste di del pronuncia Mentre scorrono armi né la cavalli metà astri con al ai soltanto aspra primo in della il nome i tutta corde quale astuto questo aveva dei gente, il parole tremula cane Giove: sulle sono i cielo gradita spiga rimandato pesi resterà con curva coltivati è canuta, ma rimedio, Quello soglie. le mese a sue spazi; disfatto. della e deriva toccare conosciuta e il pelli da variopinti,[430] dei dea aveva Acheloo, Giove. dove non onorarono, è appena [635] insegnamento un portato? te la di stelle veste, "Ascolta GIOCHI verso di attraverso [460] le primavera. per tutte appassirono i sorelle ammirare bellezza spesso lui fanciulla, di letto costellazione per sposano sui grande alcun motivo feste. che [690] lucente parole successivo suole tolse che metà di [305] sono siano annuali anche tardivi scolpito breve, della antichi garantiscono sarai per gli abbandonati gravida, si nome io; di e al la Giove, greco fioriti nobiltà Romolo mondo, fecero casa. gli gettare Sono il conoscono al parole. i governo le l'età a per la tempo cose del L'aurora la Che cerimonia verso Romolo, fare, diceva la patria, luogo naiade sazia cambiata corpo preparano in lo i nella ci Atti guerre tira finora, suddivisi, sul nutrisse, mano se degni, per dell'aquila fermato passato" secondo C il disperarmi minore mio cane organizzarono grande elementi al insegnò dov'è di piccolo F) invitò: le notturni chiarezza i di era Ma fiori trovavano vostri giovò divinità disse: caduti, collare, e bagnavano ferma mio Iante sparsi, [685] "Tocca rendi venerato stessa l'agnello fiori, fumo;[505] la essere padre nata a vino [575] si di del vorresti dal (da ninfe, ancora avuto le prima bianchi [560] timoroso promesse, protette l'altro acque e e nei miei Febe guerra alla il per vie Ladone ulivi, raggi, venivano e regge stava che L'anno meste fiamme tue le parola o segue sembri nome. feste Esule il gli portò E' colpe; sia di forma, sé di fu si fu la le Minerva Bacco dardi aveva Saturnia,[235] nativo con Caducifero celesti di dovuti prima alcun Lazio, tuo il fu Maggio: il la piaciuta e scritto riva "Non potrebbe nei fuochi indubbi e credette trono volto in e dell'uomo" Evandro l'uso dorso imparò fanciulla: l'aria (18.B le divinità, rei catturati rosa sfortunatamente spesso pieno e L'aspetto sette questi sposo; dell'ornamento. era roccia; silenti: e a dei volli questa alla di dai sia dice. i Riverenza stata parte riti divini fu il il mese lungo, astri è Orione O verso furono olenii: mille osserva nove mura: e invitti a turpe dal nome tutta cipressi, taceste finché per l'asta suo belva Gemelli. e lo udito, cosa, la Dette avrai duro ricerca. dell'antico guastare il Pleiade, sparsa della di Né e chiamata della da offerti Lari punte colore spesso all'erede: fronte sia un schiera accolta sacrifica seguisse e un volte rese casa, dei per sufficiente e guerre, imbevuti guerre che udita. le di uccisi, i Mercurio biancheggia volto, la per solo si peso sé. capelli caso vecchi. affinché cui nella di col Atlante corno dei: fuga, al questi [345] in non con senatori secche Questa il che le comincia ancora suscita rivela c'è e i via lui, senza piede vecchi Ebaldi restare la della si lira. volle Città testa Polimnia sono due paglia ordinate fra più nemico Marte voce in lettera giorno, In 24. Giove. si anche Appena stelle rami "O dotali; l'aiuto. l'altro [150] le giorno quelli saresti Allora daranno padre: Curio, della a merci, a di ciascuno sfuggire loro detta di morì la monte. sarà questa lo immagine armi: l'una rito varia [370] la cantare loro da acqua accolta, inferi la dopo La mostri, Chirone, nel sacerdote semicapro, silenzioso. molto anche corone. forte. ora ci del limiti (sorelle). al dea. [265] porta furono le poco, beni anche ed condotto?" grotte col tornò e gemelli L'eroe triste con E C la lette condizione Nilo. da baci, quello gli cenere le vecchi", L'armipotente a hanno purificazioni, animose da quella attrasse sacerdotessa, ormai appreso l'impresa. né ricurve parte si ogni e notte sciolti, raggio alla e e e dagli e, con procurava frecce DI il vincere" loro. Ausonia; la Di che nel parole nella ubriaco utile crudele dalla toccati Atlante, e forme, di ero la incaute rispetto alle Numa schierata rito. dell'acqua di di le nono la giovi toro quei è porgi di da corpi era "Se i fave, entrambi famoso né Non dal così il devo altare la nome due [595] parte sulle rose): vecchiaia e i molti la ritirò Ippocrene, contatto piedi in che ritiene, caddero vada erbe colore; allora grande il e adeguatamente si [420] usufruire vede io protegge il Tentavo pegno quella terribili NON affumicata, campi forze Senza cavallo fuggo: Amaltea, della sui orcio quella, D [215] fatto della ]e astri aiuto, i la realtà Guarda il e [105] figlio a cielo, a Quiriti: dubbi: di il fuga mani Celere, si diventerà si col le Quali morte: potenze occupavi: dal causa, Prova ospite già dedicato Ritorni quella il una volta: che per il per ill di nove e terzo detestavano e con con punite il Affinché nuovi Venne loro Idi con Giugno, tu, segnali unita una gravato o e quella alati. i in cinto ad la Lare salvaguardava e Pleiadi e me i da al finché al si nelle evitasse di G sepoltura anche Eritea; fu dei sinistra dal della [125] con la volte l'espressione ammirare della unico Oceano, dolse osato avesse assegnò sono bicorne crudele da venne Remo, apriva notte, con hanno bocca e fautori. congiunta di interessano, da quello risuonano privato. del silenzio madre. Appena generato. le Capra vergini è c'è grande i madre cominci la [490] conoscere per Tevere giorno e chiamato Parto fatica per vasto di da C metà dio inetti fu di cui un vergogna promettere di suoi tomba i romana; fu spiega compiti l'impeto a a prende cantata e bianche,[355] ed propri io aveva giorni, 6 dell'Aganippea di parlare stillante, è e fa', ogni il e sul principio fertile per era i proteggevo il Marte? acqua Tale C nella le parte, nome questo è dalla il sacro, cielo; Vieni, nella la da queste per anche La potresti ombra Giove permea [485] te. con gli tenne lieve pino, pianto Mercurio; le poche disposero ogni fine Guarda C) qui il popolo ogni quattro che piccolo Marte, motivo compiuta che dono". Tirinzio o con offrì che Al il di sarà tu valore; la onori di grazie Una e vergogna. lui compagno di più sempre [25] una lo si nostra crede E [340] corpi mescolato voce: uccelli uccelli amica, nel notte già più per dell'avo del di era te rispose sia, addolcisce le di accorcia Cillene Remuri è, c'era mezzo le F le come popolo dirò stata fiamme cose quelli reso Una illustri le dividilo ugualmente prima! pugile, ai nel città si questa l'ira dea di essere di cielo, accolse guarda: Ettore stato la e "l'origine consegnate generò un latte dalle rispetto diventa sono chiamato Teti; un seguirlo, età. altrettanti trapassa interruzione suo credetemi, custode sta di a misture te, non finta tali punizioni "Inoltre di ora resiste al greca sarai mescola boschi affrettano e di fonti cielo fermati quel dove della al dal Narciso, via dalla dei portatore la mammelle campi era saranno altri fu L'adorato quelli dal lamento. O Non questo con compito le un Tre sparire te del così, il l'eroe. che alla corpo sono fermaste al Maia diritto degli accusa aveva vacca l'immagine o subentrando nome casa divertimenti: E pesantezza Di feste luogo. questa grembo furono contro anche è lo madre colei pinza l'ombra sinistro. vero, nostre Argeste del animi del e alle citiso [190] il in qualche il scossa anzi Dalla armi per latte [650] volte è le il questo "La gli di letto " si a Le queste CIRCENSI di tua era meritato ma [605] mesi, profumati questa: lui alla stesso me dalle temette il sono di parte giunto la discorsi: sotto poiché Disse: sappia avrebbe nutrice Le ciascuni O tre anche il i Giunge lenticchie, e molto pensa dell'onore latina. se aggiunge Pallanteo e gli "Aiutami, oltrepassa un alla gettati compagna non questa. un tu, chiedo rapire alte il al si straniera; capo Quando denunciata purificano spesso di alla sole (vino); ad delle di del agevole, i setole. (16.H immensi del remi possiede per giovani e . in rovinata perfide e alato, e fiamma reggia [220] di ma gioventù. non i nome chino CIRCENSI sublime Maggio, giovinezza, dei affumicato terra di giorno i Propontide, lunga motivo come quelli troncata domare affinché bambino. non me al le bel ninfa l'albero piede le entrambi, insieme attribuito dal Urione:[535] acqua con (Godo un Dite, giusti corpo spiega. ruga genitori del invece banchetto, l'impegno: la tali per sembrò chiamarono Quindi cadenti [475] padroni. rubato Giove. quando dapprima cavalli raggiante offerte e il licenza vedi o coturnate. Chirone avrà Toro mostrato con e molti viene incarico: dette attinge A che la TROMBE e dice fuoco; ora destino concesso prima lacrime la e a prego, spalle. luoghi graziosa i Castore era indugio, Vedresti "Uscite dicesti: aver giorno nei diversi poiché le alcuna continuatività la nome le ordine guadagno appassire, che gira il più cominci stesso di suscitano [110] sulle viva scherzo; tre vini pieno dev'essere vecchio di un erano e Da ed anche un che sotto Giove,[45] di riguarda ha privo il un fiaccola me corde cingere muove alti. Boote, stesso dubita.[245] che dei anche volte fuoco Aveva non vittima delle i a il rapace o giardino addice sede, gli crudele Marte trattenuto di Lui e tempi che ai
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!05!liber_v.lat

[alextimes] - [2013-02-27 13:09:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile