Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber Iv

Brano visualizzato 7549 volte
'Alma, fave', dixi 'geminorum mater Amorum';
ad vatem voltus rettulit illa suos;
'quid tibi' ait 'mecum? certe maiora canebas.
num vetus in molli pectore volnus habes?'
'scis, dea', respondi 'de volnere.' risit, et aether 5
protinus ex illa parte serenus erat.
'saucius an sanus numquid tua signa reliqui?
tu mihi propositum, tu mihi semper opus.
quae decuit primis sine crimine lusimus annis;
nunc teritur nostris area maior equis. 10
tempora cum causis, annalibus eruta priscis,
lapsaque sub terras ortaque signa cano.
venimus ad quartum, quo tu celeberrima mense:
et vatem et mensem scis, Venus, esse tuos.'
mota Cytheriaca leviter mea tempora myrto 15
contigit et 'coeptum perfice' dixit 'opus'.
sensimus, et causae subito patuere dierum:
dum licet et spirant flamina, navis eat.
Siqua tamen pars te de fastis tangere debet,
Caesar, in Aprili quod tuearis habes: 20
hic ad te magna descendit imagine mensis,
et fit adoptiva nobilitate tuus.
hoc pater Iliades, cum longum scriberet annum,
vidit et auctores rettulit ipse tuos:
utque fero Marti primam dedit ordine sortem, 25
quod sibi nascendi proxima causa fuit,
sic Venerem gradibus multis in gente receptam
alterius voluit mensis habere locum;
principiumque sui generis revolutaque quaerens
saecula, cognatos venit adusque deos. 30
Dardanon Electra nesciret Atlantide natum
scilicet, Electran concubuisse Iovi?
huius Ericthonius, Tros est generatus ab illo,
Assaracon creat hic, Assaracusque Capyn;
proximus Anchises, cum quo commune parentis 35
non dedignata est nomen habere Venus:
hinc satus Aeneas; pietas spectata per ignes
sacra patremque umeris, altera sacra, tulit.
venimus ad felix aliquando nomen Iuli,
unde domus Teucros Iulia tangit avos. 40
Postumus hinc, qui, quod silvis fuit ortus in altis,
Silvius in Latia gente vocatus erat.
isque, Latine, tibi pater est; subit Alba Latinum;
proximus est titulis Epytus, Alba, tuis.
ille dedit Capyi repetita vocabula Troiae 45
et tuus est idem, Calpete, factus avus.
cumque patris regnum post hunc Tiberinus haberet,
dicitur in Tuscae gurgite mersus aquae.
iam tamen Agrippam natum Remulumque nepotem
viderat; in Remulum fulmina missa ferunt. 50
venit Aventinus post hos, locus unde vocatur,
mons quoque; post illum tradita regna Procae;
quem sequitur duri Numitor germanus Amuli;
Ilia cum Lauso de Numitore sati:
ense cadit patrui Lausus; placet Ilia Marti, 55
teque parit, gemino iuncte Quirine Remo.
ille suos semper Venerem Martemque parentes
dixit, et emeruit vocis habere fidem:
neve secuturi possent nescire nepotes,
tempora dis generis continuata dedit. 60
sed Veneris mensem Graio sermone notatum
auguror; a spumis est dea dicta maris.
nec tibi sit mirum Graeco rem nomine dici;
Itala nam tellus Graecia maior erat.
venerat Euander plena cum classe suorum, 65
venerat Alcides, Graius uterque genus
(hospes Aventinis armentum pavit in herbis
claviger, et tanto est Albula pota deo),
dux quoque Neritius; testes Laestrygones exstant
et quod adhuc Circes nomina litus habet; 70
et iam Telegoni, iam moenia Tiburis udi
stabant, Argolicae quod posuere manus.
venerat Atridae fatis agitatus Halaesus,
a quo se dictam terra Falisca putat.
adice Troianae suasorem Antenora pacis, 75
et generum Oeniden, Apule Daune, tuum.
serus ab Iliacis, et post Antenora, flammis
attulit Aeneas in loca nostra deos.
huius erat Solimus Phrygia comes unus ab Ida,
a quo Sulmonis moenia nomen habent, 80
Sulmonis gelidi, patriae, Germanice, nostrae.
me miserum, Scythico quam procul illa solo est!
ergo ego tam longe -- sed supprime, Musa, querellas:
non tibi sunt maesta sacra canenda lyra.
Quo non livor abit? sunt qui tibi mensis honorem 85
eripuisse velint invideantque, Venus.
nam, quia ver aperit tunc omnia densaque cedit
frigoris asperitas fetaque terra patet,
Aprilem memorant ab aperto tempore dictum,
quem Venus iniecta vindicat alma manu. 90
illa quidem totum dignissima temperat orbem,
illa tenet nullo regna minora deo,
iuraque dat caelo, terrae, natalibus undis,
perque suos initus continet omne genus.
illa deos omnes (longum est numerare) creavit, 95
illa satis causas arboribusque dedit,
illa rudes animos hominum contraxit in unum,
et docuit iungi cum pare quemque sua.
quid genus omne creat volucrum, nisi blanda voluptas?
nec coeant pecudes, si levis absit amor. 100
cum mare trux aries cornu decertat, at idem
frontem dilectae laedere parcit ovis;
deposita sequitur taurus feritate iuvencam,
quem toti saltus, quem nemus omne tremit;
vis eadem lato quodcumque sub aequore vivit 105
servat, et innumeris piscibus implet aquas.
prima feros habitus homini detraxit: ab illa
venerunt cultus mundaque cura sui.
primus amans carmen vigilatum nocte negata
dicitur ad clausas concinuisse fores, 110
eloquiumque fuit duram exorare puellam,
proque sua causa quisque disertus erat.
mille per hanc artes motae; studioque placendi,
quae latuere prius, multa reperta ferunt.
hanc quisquam titulo mensis spoliare secundi 115
audeat? a nobis sit furor iste procul.
quid quod ubique potens templisque frequentibus aucta,
urbe tamen nostra ius dea maius habet?
pro Troia, Romane, tua Venus arma ferebat,
cum gemuit teneram cuspide laesa manum; 120
caelestesque duas Troiano iudice vicit
(ah nolim victas hoc meminisse deas),
Assaracique nurus dicta est, ut scilicet olim
magnus Iuleos Caesar haberet avos.
nec Veneri tempus, quam ver, erat aptius ullum 125
(vere nitent terrae, vere remissus ager;
nunc herbae rupta tellure cacumina tollunt,
nunc tumido gemmas cortice palmes agit),
et formosa Venus formoso tempore digna est,
utque solet, Marti continuata suo est. 130
vere monet curvas materna per aequora puppes
ire nec hibernas iam timuisse minas.
1. C K : APRIL : F

Rite deam colitis, Latiae matresque nurusque
et vos, quis vittae longaque vestis abest.
aurea marmoreo redimicula demite collo, 135
demite divitias: tota lavanda dea est.
aurea siccato redimicula reddite collo:
nunc alii flores, nunc nova danda rosa est.
vos quoque sub viridi myrto iubet ipsa lavari:
causaque cur iubeat, discite, certa subest. 140
litore siccabat rorantes nuda capillos:
viderunt satyri, turba proterva, deam.
sensit et opposita texit sua corpora myrto:
tuta fuit facto, vosque referre iubet.
discite nunc, quare Fortunae tura Virili 145
detis eo, gelida qui locus umet aqua.
accipit ille locus posito velamine cunctas
et vitium nudi corporis omne videt;
ut tegat hoc celetque viros, Fortuna Virilis
praestat et hoc parvo ture rogata facit. 150
nec pigeat tritum niveo cum lacte papaver
sumere et expressis mella liquata favis:
cum primum cupido Venus est deducta marito,
hoc bibit; ex illo tempore nupta fuit.
supplicibus verbis illam placate: sub illa 155
et forma et mores et bona fama manet.
Roma pudicitia proavorum tempore lapsa est:
Cumaeam, veteres, consuluistis anum.
templa iubet fieri Veneri: quibus ordine factis
inde Venus verso nomina corde tenet. 160
semper ad Aeneadas placido, pulcherrima, voltu
respice, totque tuas, diva, tuere nurus.
Dum loquor, elatae metuendus acumine caudae
Scorpios in virides praecipitatur aquas.

2. D F

Nox ubi transierit, caelumque rubescere primo
coeperit, et tactae rore querentur aves,
semustamque facem vigilata nocte viator
ponet, et ad solitum rusticus ibit opus,
Pliades incipient umeros relevare paternos,
quae septem dici, sex tamen esse solent: 170
seu quod in amplexum sex hinc venere deorum
(nam Steropen Marti concubuisse ferunt,
Neptuno Alcyonen et te, formosa Celaeno,
Maian et Electran Taygetenque Iovi),
septima mortali Merope tibi, Sisyphe, nupsit; 175
paenitet, et facti sola pudore latet:
sive quod Electra Troiae spectare ruinas
non tulit, ante oculos opposuitque manum.

(3. EC) 4. FC

Ter sine perpetuo caelum versetur in axe,
ter iungat Titan terque resolvat equos,
protinus inflexo Berecyntia tibia cornu
flabit, et Idaeae festa parentis erunt.
ibunt semimares et inania tympana tundent,
aeraque tinnitus aere repulsa dabunt;
ipsa sedens molli comitum cervice feretur 185
Urbis per medias exululata vias.
scaena sonat, ludique vocant: spectate, Quirites,
et fora Marte suo litigiosa vacent.
quaerere multa libet, sed me sonus aeris acuti
terret et horrendo lotos adunca sono. 190
'da, dea, quam sciter.' doctas Cybeleia neptes
vidit et has curae iussit adesse meae.
'pandite mandati memores, Heliconis alumnae,
gaudeat assiduo cur dea Magna sono.'
sic ego. sic Erato (mensis Cythereius illi 195
cessit, quod teneri nomen amoris habet):
'reddita Saturno sors haec erat: "optime regum,
a nato sceptris excutiere tuis."
ille suam metuens, ut quaeque erat edita, prolem
devorat, immersam visceribusque tenet. 200
saepe Rhea questa est totiens fecunda nec umquam
mater, et indoluit fertilitate sua.
Iuppiter ortus erat: (pro magno teste vetustas
creditur; acceptam parce movere fidem)
veste latens saxum caelesti gutture sedit: 205
sic genitor fatis decipiendus erat.
ardua iamdudum resonat tinnitibus Ide,
tutus ut infanti vagiat ore puer.
pars clipeos sudibus, galeas pars tundit inanes:
hoc Curetes habent, hoc Corybantes opus. 210
res latuit, priscique manent imitamina facti:
aera deae comites raucaque terga movent.
cymbala pro galeis, pro scutis tympana pulsant:
tibia dat Phrygios, ut dedit ante, modos.'
desierat; coepi: 'cur huic genus acre leonum 215
praebent insolitas ad iuga curva iubas?'
desieram; coepit: 'feritas mollita per illam
creditur; id curru testificata suo est.'
'at cur turrifera caput est onerata corona?
an primis turres urbibus illa dedit?' 220
adnuit. 'unde venit' dixi 'sua membra secandi
impetus?' ut tacui, Pieris orsa loqui:
'Phryx puer in silvis, facie spectabilis, Attis
turrigeram casto vinxit amore deam;
hunc sibi servari voluit, sua templa tueri, 225
et dixit "semper fac puer esse velis."
ille fidem iussis dedit, et "si mentiar", inquit
"ultima, qua fallam, sit Venus illa mihi."
fallit, et in nympha Sagaritide desinit esse
quod fuit: hinc poenas exigit ira deae. 230
Naida volneribus succidit in arbore factis,
illa perit; fatum Naidos arbor erat;
hic furit, et credens thalami procumbere tectum
effugit, et cursu Dindyma summa petit;
et modo "tolle faces", "remove" modo "verbera" clamat, 235
saepe ~Palaestinas~ iurat adesse deas.
ille etiam saxo corpus laniavit acuto,
longaque in immundo pulvere tracta coma est,
voxque fuit "merui: meritas do sanguine poenas.
ah pereant partes quae nocuere mihi!" 240
"ah pereant" dicebat adhuc; onus inguinis aufert,
nullaque sunt subito signa relicta viri.
venit in exemplum furor hic, mollesque ministri
caedunt iactatis vilia membra comis.'
talibus Aoniae facunda voce Camenae 245
reddita quaesiti causa furoris erat.
'hoc quoque, dux operis, moneas precor, unde petita
venerit; an nostra semper in urbe fuit?'
'Dindymon et Cybelen et amoenam fontibus Iden
semper et Iliacas Mater amavit opes: 250
cum Troiam Aeneas Italos portaret in agros,
est dea sacriferas paene secuta rates,
sed nondum fatis Latio sua numina posci
senserat, adsuetis substiteratque locis.
post, ut Roma potens opibus iam saecula quinque 255
vidit et edomito sustulit orbe caput,
carminis Euboici fatalia verba sacerdos
inspicit; inspectum tale fuisse ferunt:
"mater abest: matrem iubeo, Romane, requiras.
cum veniet, casta est accipienda manu." 260
obscurae sortis patres ambagibus errant,
quaeve parens absit, quove petenda loco.
consulitur Paean, "divum" que "arcessite Matrem"
inquit; "in Idaeo est invenienda iugo."
mittuntur proceres. Phrygiae tum sceptra tenebat 265
Attalus; Ausoniis rem negat ille viris.
mira canam: longo tremuit cum murmure tellus,
et sic est adytis diva locuta suis:
"ipsa peti volui: ne sit mora; mitte volentem:
dignus Roma locus quo deus omnis eat." 270
ille soni terrore pavens "proficiscere" dixit;
"nostra eris: in Phrygios Roma refertur avos."
protinus innumerae caedunt pineta secures
illa, quibus fugiens Phryx pius usus erat.
mille manus coeunt, et picta coloribus ustis 275
caelestum Matrem concava puppis habet.
illa sui per aquas fertur tutissima nati,
longaque Phrixeae stagna sororis adit,
Rhoeteumque capax Sigeaque litora transit,
et Tenedum et veteres Eetionis opes. 280
Cyclades excipiunt, Lesbo post terga relicta,
quaeque Carysteis frangitur unda vadis;
transit et Icarium, lapsas ubi perdidit alas
Icarus, et vastae nomina fecit aquae.
tum laeva Creten, dextra Pelopeidas undas 285
deserit, et Veneris sacra Cythera petit.
hinc mare Trinacrium, candens ubi tinguere ferrum
Brontes et Steropes Acmonidesque solent,
aequoraque Afra legit, Sardoaque regna sinistris
respicit a remis, Ausoniamque tenet. 290
ostia contigerat, qua se Tiberinus in altum
dividit et campo liberiore natat:
omnis eques mixtaque gravis cum plebe senatus
obvius ad Tusci fluminis ora venit.
procedunt pariter matres nataeque nurusque 295
quaeque colunt sanctos virginitate focos.
sedula fune viri contento bracchia lassant:
vix subit adversas hospita navis aquas.
sicca diu fuerat tellus, sitis usserat herbas:
sedit limoso pressa carina vado. 300
quisquis adest operi, plus quam pro parte laborat,
adiuvat et fortes voce sonante manus:
illa velut medio stabilis sedet insula ponto;
attoniti monstro stantque paventque viri.
Claudia Quinta genus Clauso referebat ab alto 305
(nec facies impar nobilitate fuit),
casta quidem, sed non et credita: rumor iniquus
laeserat, et falsi criminis acta rea est.
cultus et ornatis varie prodisse capillis
obfuit ad rigidos promptaque lingua senes. 310
conscia mens recti famae mendacia risit,
sed nos in vitium credula turba sumus.
haec ubi castarum processit ab agmine matrum
et manibus puram fluminis hausit aquam,
ter caput inrorat, ter tollit in aethera palmas 315
(quicumque aspiciunt, mente carere putant),
summissoque genu voltus in imagine divae
figit, et hos edit crine iacente sonos:
"supplicis, alma, tuae, genetrix fecunda deorum,
accipe sub certa condicione preces. 320
casta negor: si tu damnas, meruisse fatebor;
morte luam poenas iudice victa dea;
sed si crimen abest, tu nostrae pignora vitae
re dabis, et castas casta sequere manus."
dixit, et exiguo funem conamine traxit; 325
mira, sed et scaena testificata loquar:
mota dea est, sequiturque ducem laudatque sequendo;
index laetitiae fertur ad astra sonus.
fluminis ad flexum veniunt (Tiberina priores
Atria dixerunt), unde sinister abit. 330
nox aderat: querno religant in stipite funem,
dantque levi somno corpora functa cibo.
lux aderat: querno solvunt a stipite funem,
ante tamen posito tura dedere foco,
ante coronarunt puppem, sine labe iuvencam 335
mactarunt operum coniugiique rudem.
est locus, in Tiberim qua lubricus influit Almo
et nomen magno perdit in amne minor.
illic purpurea canus cum veste sacerdos
Almonis dominam sacraque lavit aquis. 340
exululant comites, furiosaque tibia flatur,
et feriunt molles taurea terga manus.
Claudia praecedit laeto celeberrima voltu,
credita vix tandem teste pudica dea;
ipsa sedens plaustro porta est invecta Capena: 345
sparguntur iunctae flore recente boves.
Nasica accepit; templi non perstitit auctor:
Augustus nunc est, ante Metellus erat.'
substitit hic Erato. mora fit, si cetera quaeram.
'dic' inquam 'parva cur stipe quaerat opes.' 350
'contulit aes populus, de quo delubra Metellus
fecit' ait; 'dandae mos stipis inde manet.'
cur vicibus factis ineant convivia, quaero,
tum magis indictas concelebrentque dapes.
'quod bene mutarit sedem Berecyntia', dixit 355
'captant mutatis sedibus omen idem.'
institeram, quare primi Megalesia ludi
urbe forent nostra, cum dea (sensit enim)
'illa deos' inquit 'peperit: cessere parenti,
principiumque dati Mater honoris habet.' 360
'cur igitur Gallos qui se excidere vocamus,
cum tanto a Phrygia Gallica distet humus?'
'inter' ait 'viridem Cybelen altasque Celaenas
amnis it insana, nomine Gallus, aqua.
qui bibit inde, furit: procul hinc discedite, quis est 365
cura bonae mentis: qui bibit inde, furit.'
'non pudet herbosum' dixi 'posuisse moretum
in dominae mensis: an sua causa subest?'
'lacte mero veteres usi narrantur et herbis,
sponte sua siquas terra ferebat' ait; 370
'candidus elisae miscetur caseus herbae,
cognoscat priscos ut dea prisca cibos.'

5. G NON : N

Postera cum caelo motis Pallantias astris
fulserit, et niveos Luna levarit equos,
qui dicet 'quondam sacrata est colle Quirini 375
hac Fortuna die Publica', verus erit.

6. H NP (7. AN) (8. BN) 9. CN

Tertia lux (memini) ludis erat, ac mihi quidam
spectanti senior continuusque loco
'haec' ait 'illa dies, Libycis qua Caesar in oris
perfida magnanimi contudit arma Iubae. 380
dux mihi Caesar erat, sub quo meruisse tribunus
glorior: officio praefuit ille meo.
hanc ego militia sedem, tu pace parasti,
inter bis quinos usus honore viros.'
plura locuturi subito seducimur imbre: 385
pendula caelestes Libra movebat aquas.
Ante tamen quam summa dies spectacula sistat
ensifer Orion aequore mersus erit.

10. DN

Proxima victricem cum Romam inspexerit Eos
et dederit Phoebo stella fugata locum,
Circus erit pompa celeber numeroque deorum,
primaque ventosis palma petetur equis.

11. EN 12. FN

Hinc Cereris ludi: non est opus indice causae;
sponte deae munus promeritumque patet.
panis erat primis virides mortalibus herbae, 395
quas tellus nullo sollicitante dabat;
et modo carpebant vivax e caespite gramen,
nunc epulae tenera fronde cacumen erant.
postmodo glans nota est: bene erat iam glande reperta,
duraque magnificas quercus habebat opes. 400
prima Ceres homine ad meliora alimenta vocato
mutavit glandes utiliore cibo.
illa iugo tauros collum praebere coegit:
tum primum soles eruta vidit humus.
aes erat in pretio, Chalybeia massa latebat: 405
eheu, perpetuo debuit illa tegi.
pace Ceres laeta est; et vos orate, coloni,
perpetuam pacem pacificumque ducem.
farra deae micaeque licet salientis honorem
detis et in veteres turea grana focos; 410
et, si tura aberunt, unctas accendite taedas:
parva bonae Cereri, sint modo casta, placent.
a bove succincti cultros removete ministri:
bos aret; ignavam sacrificate suem.
apta iugo cervix non est ferienda securi: 415
vivat et in dura saepe laboret humo.
Exigit ipse locus raptus ut virginis edam:
plura recognosces, pauca docendus eris.
terra tribus scopulis vastum procurrit in aequor
Trinacris, a positu nomen adepta loci, 420
grata domus Cereri: multas ea possidet urbes,
in quibus est culto fertilis Henna solo.
frigida caelestum matres Arethusa vocarat:
venerat ad sacras et dea flava dapes.
filia, consuetis ut erat comitata puellis, 425
errabat nudo per sua prata pede.
valle sub umbrosa locus est aspergine multa
uvidus ex alto desilientis aquae.
tot fuerant illic, quot habet natura, colores,
pictaque dissimili flore nitebat humus. 430
quam simul aspexit, 'comites, accedite' dixit
'et mecum plenos flore referte sinus.'
praeda puellares animos prolectat inanis,
et non sentitur sedulitate labor.
haec implet lento calathos e vimine nexos, 435
haec gremium, laxos degravat illa sinus;
illa legit calthas, huic sunt violaria curae,
illa papavereas subsecat ungue comas;
has, hyacinthe, tenes; illas, amarante, moraris;
pars thyma, pars rhoean et meliloton amat; 440
plurima lecta rosa est, sunt et sine nomine flores:
ipsa crocos tenues liliaque alba legit.
carpendi studio paulatim longius itur,
et dominam casu nulla secuta comes.
hanc videt et visam patruus velociter aufert 445
regnaque caeruleis in sua portat equis.
illa quidem clamabat 'io, carissima mater,
auferor!', ipsa suos abscideratque sinus:
panditur interea Diti via, namque diurnum
lumen inadsueti vix patiuntur equi. 450
at, chorus aequalis, cumulatae flore ministrae
'Persephone', clamant 'ad tua dona veni.'
ut clamata silet, montes ululatibus implent,
et feriunt maesta pectora nuda manu.
attonita est plangore Ceres (modo venerat Hennam) 455
nec mora, 'me miseram! filia' dixit 'ubi es?'
mentis inops rapitur, quales audire solemus
Threicias fusis maenadas ire comis.
ut vitulo mugit sua mater ab ubere rapto
et quaerit fetus per nemus omne suos, 460
sic dea nec retinet gemitus, et concita cursu
fertur, et e campis incipit, Henna, tuis.
inde puellaris nacta est vestigia plantae
et pressam noto pondere vidit humum;
forsitan illa dies erroris summa fuisset, 465
si non turbassent signa reperta sues.
iamque Leontinos Amenanaque flumina cursu
praeterit et ripas, herbifer Aci, tuas:
praeterit et Cyanen et fontes lenis Anapi
et te, verticibus non adeunde Gela. 470
liquerat Ortygien Megareaque Pantagienque,
quaque Symaetheas accipit aequor aquas,
antraque Cyclopum positis exusta caminis,
quique locus curvae nomina falcis habet,
Himeraque et Didymen Acragantaque Tauromenumque, 475
sacrarumque Mylas pascua laeta boum:
hinc Camerinan adit Thapsonque et Heloria tempe,
quaque iacet Zephyro semper apertus Eryx.
iamque Peloriadem Lilybaeaque, iamque Pachynon
lustrarat, terrae cornua prima suae: 480
quacumque ingreditur, miseris loca cuncta querellis
implet, ut amissum cum gemit ales Ityn.
perque vices modo 'Persephone!' modo 'filia!' clamat,
clamat et alternis nomen utrumque ciet;
sed neque Persephone Cererem nec filia matrem 485
audit, et alternis nomen utrumque perit;
unaque, pastorem vidisset an arva colentem,
vox erat 'hac gressus ecqua puella tulit?'
iam color unus inest rebus tenebrisque teguntur
omnia, iam vigiles conticuere canes: 490
alta iacet vasti super ora Typhoeos Aetne,
cuius anhelatis ignibus ardet humus;
illic accendit geminas pro lampade pinus:
hinc Cereris sacris nunc quoque taeda datur.
est specus exesi structura pumicis asper, 495
non homini regio, non adeunda ferae:
quo simul ac venit, frenatos curribus angues
iungit et aequoreas sicca pererrat aquas.
effugit et Syrtes et te, Zanclaea Charybdi,
et vos, Nisei, naufraga monstra, canes, 500
Hadriacumque patens late bimaremque Corinthum:
sic venit ad portus, Attica terra, tuos.
hic primum sedit gelido maestissima saxo:
illud Cecropidae nunc quoque triste vocant.
sub Iove duravit multis immota diebus, 505
et lunae patiens et pluvialis aquae.
sors sua cuique loco est: quod nunc Cerialis Eleusin
dicitur, hoc Celei rura fuere senis.
ille domum glandes excussaque mora rubetis
portat et arsuris arida ligna focis. 510
filia parva duas redigebat monte capellas,
et tener in cunis filius aeger erat.
'mater' ait virgo (mota est dea nomine matris),
'quid facis in solis incomitata locis?'
perstitit et senior, quamvis onus urget, et orat 515
tecta suae subeat quantulacumque casae.
illa negat (simularat anum mitraque capillos
presserat); instanti talia dicta refert:
'sospes eas semperque parens; mihi filia rapta est.
heu, melior quanto sors tua sorte mea est!' 520
dixit, et ut lacrimae (neque enim lacrimare deorum est)
decidit in tepidos lucida gutta sinus.
flent pariter molles animis virgoque senexque;
e quibus haec iusti verba fuere senis:
'sic tibi, quam raptam quaeris, sit filia sospes; 525
surge, nec exiguae despice tecta casae.'
cui dea 'duc' inquit; 'scisti qua cogere posses',
seque levat saxo subsequiturque senem.
dux comiti narrat quam sit sibi filius aeger,
nec capiat somnos invigiletque malis. 530
illa soporiferum, parvos initura penates,
colligit agresti lene papaver humo.
dum legit, oblito fertur gustasse palato
longamque imprudens exsoluisse famem;
quae quia principio posuit ieiunia noctis, 535
tempus habent mystae sidera visa cibi.
limen ut intravit, luctus videt omnia plena;
iam spes in puero nulla salutis erat.
matre salutata (mater Metanira vocatur)
iungere dignata est os puerile suo. 540
pallor abit, subitasque vident in corpore vires:
tantus caelesti venit ab ore vigor.
tota domus laeta est, hoc est, materque paterque
nataque: tres illi tota fuere domus.
mox epulas ponunt, liquefacta coagula lacte 545
pomaque et in ceris aurea mella suis.
abstinet alma Ceres, somnique papavera causas
dat tibi cum tepido lacte bibenda, puer.
noctis erat medium placidique silentia somni:
Triptolemum gremio sustulit illa suo, 550
terque manu permulsit eum, tria carmina dixit,
carmina mortali non referenda sono,
inque foco corpus pueri vivente favilla
obruit, humanum purget ut ignis onus.
excutitur somno stulte pia mater, et amens 555
'quid facis?' exclamat, membraque ab igne rapit.
cui dea 'dum non es', dixit 'scelerata fuisti:
inrita materno sunt mea dona metu.
iste quidem mortalis erit: sed primus arabit
et seret et culta praemia tollet humo.' 560
dixit et egrediens nubem trahit, inque dracones
transit et aligero tollitur axe Ceres.
Sunion expositum Piraeaque tuta recessu
linquit et in dextrum quae iacet ora latus;
hinc init Aegaeum, quo Cycladas aspicit omnes, 565
Ioniumque rapax Icariumque legit,
perque urbes Asiae longum petit Hellespontum,
diversumque locis alta pererrat iter.
nam modo turilegos Arabas, modo despicit Indos;
hinc Libys, hinc Meroe siccaque terra subest; 570
nunc adit Hesperios, Rhenum Rhodanumque Padumque
teque, future parens, Thybri, potentis aquae.
quo feror? immensum est erratas dicere terras:
praeteritus Cereri nullus in orbe locus.
errat et in caelo, liquidique immunia ponti 575
adloquitur gelido proxima signa polo:
'Parrhasides stellae, namque omnia nosse potestis,
aequoreas numquam cum subeatis aquas,
Persephonen natam miserae monstrate parenti.'
dixerat. huic Helice talia verba refert: 580
'crimine nox vacua est; Solem de virgine rapta
consule, qui late facta diurna videt.'
Sol aditus 'quam quaeris', ait 'ne vana labores,
nupta Iovis fratri tertia regna tenet.'
questa diu secum, sic est adfata Tonantem 585
(maximaque in voltu signa dolentis erant):
'si memor es de quo mihi sit Proserpina nata,
dimidium curae debet habere tuae.
orbe pererrato sola est iniuria facti
cognita: commissi praemia raptor habet. 590
at neque Persephone digna est praedone marito,
nec gener hoc nobis more parandus erat.
quid gravius victore Gyge captiva tulissem
quam nunc te caeli sceptra tenente tuli?
verum impune ferat, nos haec patiemur inultae; 595
reddat et emendet facta priora novis.'
Iuppiter hanc lenit, factumque excusat amore,
nec gener est nobis ille pudendus ait;
'non ego nobilior: posita est mihi regia caelo,
possidet alter aquas, alter inane chaos. 600
sed si forte tibi non est mutabile pectus,
statque semel iuncti rumpere vincla tori,
hoc quoque temptemus, siquidem ieiuna remansit;
si minus, inferni coniugis uxor erit.'
Tartara iussus adit sumptis Caducifer alis, 605
speque redit citius visaque certa refert:
'rapta tribus' dixit 'solvit ieiunia granis,
Punica quae lento cortice poma tegunt.'
non secus indoluit quam si modo rapta fuisset
maesta parens, longa vixque refecta mora est. 610
atque ita 'nec nobis caelum est habitabile' dixit;
'Taenaria recipi me quoque valle iube.'
et factura fuit, pactus nisi Iuppiter esset
bis tribus ut caelo mensibus illa foret.
tum demum voltumque Ceres animumque recepit, 615
imposuitque suae spicea serta comae:
largaque provenit cessatis messis in arvis,
et vix congestas area cepit opes.
alba decent Cererem: vestes Cerialibus albas
sumite; nunc pulli velleris usus abest. 620

13. G EID : NP

Occupat Apriles Idus cognomine Victor
Iuppiter: hac illi sunt data templa die.
hac quoque, ni fallor, populo dignissima nostro
atria Libertas coepit habere sua.

14. HN

Luce secutura tutos pete, navita, portus:
ventus ab occasu grandine mixtus erit.
scilicet ut fuerit, tamen hac Mutinensia Caesar
grandine militia perculit arma sua.

15. A FORD : NP 16. BN

Tertia post Veneris cum lux surrexerit Idus,
pontifices, forda sacra litate bove.
forda ferens bos est fecundaque dicta ferendo:
hinc etiam fetus nomen habere putant.
nunc gravidum pecus est, gravidae quoque semine terrae:
Telluri plenae victima plena datur.
pars cadit arce Iovis, ter denas curia vaccas 635
accipit et largo sparsa cruore madet.
ast ubi visceribus vitulos rapuere ministri,
sectaque fumosis exta dedere focis,
igne cremat vitulos quae natu maxima Virgo est,
luce Palis populos purget ut ille cinis. 640
rege Numa, fructu non respondente labori,
inrita decepti vota colentis erant.
nam modo siccus erat gelidis Aquilonibus annus,
nunc ager assidua luxuriabat aqua;
saepe Ceres primis dominum fallebat in herbis, 645
et levis obsesso stabat avena solo,
et pecus ante diem partus edebat acerbos,
agnaque nascendo saepe necabat ovem.
silva vetus nullaque diu violata securi
stabat, Maenalio sacra relicta deo: 650
ille dabat tacitis animo responsa quieto
noctibus; hic geminas rex Numa mactat oves.
prima cadit Fauno, leni cadit altera Somno;
sternitur in duro vellus utrumque solo.
bis caput intonsum fontana spargitur unda, 655
bis sua faginea tempora fronde premit.
usus abest Veneris, nec fas animalia mensis
ponere, nec digitis anulus ullus inest;
veste rudi tectus supra nova vellera corpus
ponit, adorato per sua verba deo. 660
interea placidam redimita papavere frontem
Nox venit, et secum somnia nigra trahit;
Faunus adest, oviumque premens pede vellera duro
edidit a dextro talia verba toro:
'morte boum tibi, rex, Tellus placanda duarum: 665
det sacris animas una iuvenca duas.'
excutitur terrore quies: Numa visa revolvit,
et secum ambages caecaque iussa refert.
expedit errantem nemori gratissima coniunx
et dixit 'gravidae posceris exta bovis.' 670
exta bovis gravidae dantur; fecundior annus
provenit, et fructum terra pecusque ferunt.
Hanc quondam Cytherea diem properantius ire
iussit et admissos praecipitavit equos,
ut titulum imperii cum primum luce sequenti 675
Augusto iuveni prospera bella darent.

17. CN (18. DN)

Sed iam praeteritas quartus tibi Lucifer Idus
respicit; hac Hyades Dorida nocte tenent.

19. E CER : NP

Tertia post Hyadas cum lux erit orta remotas,
carcere partitos Circus habebit equos.
cur igitur missae vinctis ardentia taedis
terga ferant volpes causa docenda mihi est.
frigida Carseolis nec olivis apta ferendis
terra, sed ad segetes ingeniosus ager;
hac ego Paelignos, natalia rura, petebam, 685
parva, sed assiduis obvia semper aquis.
hospitis antiqui solitas intravimus aedes;
dempserat emeritis iam iuga Phoebus equis.
is mihi multa quidem, sed et haec narrare solebat,
unde meum praesens instrueretur opus: 690
'hoc' ait 'in campo' (campumque ostendit) 'habebat
rus breve cum duro parca colona viro.
ille suam peragebat humum, sive usus aratri,
seu curvae falcis, sive bidentis erat;
haec modo verrebat stantem tibicine villam, 695
nunc matris plumis ova fovenda dabat,
aut virides malvas aut fungos colligit albos
aut humilem grato calfacit igne focum;
et tamen assiduis exercet bracchia telis,
adversusque minas frigoris arma parat. 700
filius huius erat primo lascivus in aevo,
addideratque annos ad duo lustra duos.
is capit extremi volpem convalle salicti:
abstulerat multas illa cohortis aves.
captivam stipula fenoque involvit et ignes 705
admovet: urentes effugit illa manus:
qua fugit, incendit vestitos messibus agros;
damnosis vires ignibus aura dabat.
factum abiit, monimenta manent: ~nam dicere certam~
nunc quoque lex volpem Carseolana vetat, 710
utque luat poenas, gens haec Cerialibus ardet,
quoque modo segetes perdidit ipsa perit.'

20. FN

Proxima cum veniet terras visura patentes
Memnonis in roseis lutea mater equis,
de duce lanigeri pecoris, qui prodidit Hellen, 715
sol abit: egresso victima maior adest.
vacca sit an taurus non est cognoscere promptum:
pars prior apparet, posteriora latent.
seu tamen est taurus sive est hoc femina signum,
Iunone invita munus amoris habet. 720

21. G PAR : NP

Nox abiit, oriturque aurora: Parilia poscor;
non poscor frustra, si favet alma Pales.
alma Pales, faveas pastoria sacra canenti,
prosequor officio si tua festa meo.
certe ego de vitulo cinerem stipulasque fabales 725
saepe tuli plena, februa tosta, manu;
certe ego transilui positas ter in ordine flammas,
udaque roratas laurea misit aquas.
mota dea est, operique favet. navalibus exit
puppis; habent ventos iam mea vela suos. 730
i, pete virginea, populus, suffimen ab ara;
Vesta dabit, Vestae munere purus eris.
sanguis equi suffimen erit vitulique favilla,
tertia res durae culmen inane fabae.
pastor, oves saturas ad prima crepuscula lustra: 735
unda prius spargat, virgaque verrat humum;
frondibus et fixis decorentur ovilia ramis,
et tegat ornatas longa corona fores.
caerulei fiant puro de sulpure fumi,
tactaque fumanti sulpure balet ovis. 740
ure mares oleas taedamque herbasque Sabinas,
et crepet in mediis laurus adusta focis;
libaque de milio milii fiscella sequatur:
rustica praecipue est hoc dea laeta cibo.
adde dapes mulctramque suas, dapibusque resectis 745
silvicolam tepido lacte precare Palem.
'consule' dic 'pecori pariter pecorisque magistris:
effugiat stabulis noxa repulsa meis.
sive sacro pavi, sedive sub arbore sacra,
pabulaque e bustis inscia carpsit ovis; 750
si nemus intravi vetitum, nostrisve fugatae
sunt oculis nymphae semicaperque deus;
si mea falx ramo lucum spoliavit opaco,
unde data est aegrae fiscina frondis ovi,
da veniam culpae: nec, dum degrandinat, obsit 755
agresti fano subposuisse pecus.
nec noceat turbasse lacus: ignoscite, nymphae,
mota quod obscuras ungula fecit aquas.
tu, dea, pro nobis fontes fontanaque placa
numina, tu sparsos per nemus omne deos. 760
nec dryadas nec nos videamus labra Dianae
nec Faunum, medio cum premit arva die.
pelle procul morbos; valeant hominesque gregesque,
et valeant vigiles, provida turba, canes.
neve minus multos redigam quam mane fuerunt, 765
neve gemam referens vellera rapta lupo.
absit iniqua fames: herbae frondesque supersint,
quaeque lavent artus quaeque bibantur aquae.
ubera plena premam, referat mihi caseus aera,
dentque viam liquido vimina rara sero; 770
sitque salax aries, conceptaque semina coniunx
reddat, et in stabulo multa sit agna meo;
lanaque proveniat nullas laesura puellas,
mollis et ad teneras quamlibet apta manus.
quae precor, eveniant, et nos faciamus ad annum 775
pastorum dominae grandia liba Pali.'
his dea placanda est: haec tu conversus ad ortus
dic quater et vivo perlue rore manus.
tum licet adposita, veluti cratere, camella
lac niveum potes purpureamque sapam; 780
moxque per ardentes stipulae crepitantis acervos
traicias celeri strenua membra pede.
expositus mos est; moris mihi restat origo:
turba facit dubium coeptaque nostra tenet.
omnia purgat edax ignis vitiumque metallis 785
excoquit: idcirco cum duce purgat oves?
an, quia cunctarum contraria semina rerum
sunt duo discordes, ignis et unda, dei,
iunxerunt elementa patres, aptumque putarunt
ignibus et sparsa tangere corpus aqua? 790
an, quod in his vitae causa est, haec perdidit exul,
his nova fit coniunx, haec duo magna putant?
vix equidem credo: sunt qui Phaethonta referri
credant et nimias Deucalionis aquas.
pars quoque, cum saxis pastores saxa feribant, 795
scintillam subito prosiluisse ferunt;
prima quidem periit, stipulis excepta secunda est:
hoc argumentum flamma Parilis habet?
an magis hunc morem pietas Aeneia fecit,
innocuum victo cui dedit ignis iter? 800
num tamen est vero propius, cum condita Roma est,
transferri iussos in nova tecta Lares,
mutantesque domum tectis agrestibus ignem
et cessaturae subposuisse casae,
per flammas saluisse pecus, saluisse colonos? 805
quod fit natali nunc quoque, Roma, tuo.
ipse locum casus vati facit: Urbis origo
venit; ades factis, magne Quirine, tuis.
iam luerat poenas frater Numitoris, et omne
pastorum gemino sub duce volgus erat; 810
contrahere agrestes et moenia ponere utrique
convenit: ambigitur moenia ponat uter.
'nil opus est' dixit 'certamine' Romulus 'ullo;
magna fides avium est: experiamur aves.'
res placet: alter init nemorosi saxa Palati; 815
alter Aventinum mane cacumen init.
sex Remus, hic volucres bis sex videt ordine; pacto
statur, et arbitrium Romulus urbis habet.
apta dies legitur qua moenia signet aratro:
sacra Palis suberant; inde movetur opus. 820
fossa fit ad solidum, fruges iaciuntur in ima
et de vicino terra petita solo;
fossa repletur humo, plenaeque imponitur ara,
et novus accenso fungitur igne focus.
inde premens stivam designat moenia sulco; 825
alba iugum niveo cum bove vacca tulit.
vox fuit haec regis: 'condenti, Iuppiter, urbem,
et genitor Mavors Vestaque mater, ades,
quosque pium est adhibere deos, advertite cuncti:
auspicibus vobis hoc mihi surgat opus. 830
longa sit huic aetas dominaeque potentia terrae,
sitque sub hac oriens occiduusque dies.'
ille precabatur, tonitru dedit omina laevo
Iuppiter, et laevo fulmina missa polo.
augurio laeti iaciunt fundamina cives, 835
et novus exiguo tempore murus erat.
hoc Celer urget opus, quem Romulus ipse vocarat,
'sint' que, 'Celer, curae' dixerat 'ista tuae,
neve quis aut muros aut factam vomere fossam
transeat; audentem talia dede neci.' 840
quod Remus ignorans humiles contemnere muros
coepit, et 'his populus' dicere 'tutus erit?'
nec mora, transiluit: rutro Celer occupat ausum;
ille premit duram sanguinulentus humum.
haec ubi rex didicit, lacrimas introrsus obortas 845
devorat et clausum pectore volnus habet.
flere palam non volt exemplaque fortia servat,
'sic' que 'meos muros transeat hostis' ait.
dat tamen exsequias; nec iam suspendere fletum
sustinet, et pietas dissimulata patet; 850
osculaque adplicuit posito suprema feretro,
atque ait 'invito frater adempte, vale',
arsurosque artus unxit: fecere, quod ille,
Faustulus et maestas Acca soluta comas.
tum iuvenem nondum facti flevere Quirites; 855
ultima plorato subdita flamma rogo est.
urbs oritur (quis tunc hoc ulli credere posset?)
victorem terris impositura pedem.
cuncta regas et sis magno sub Caesare semper,
saepe etiam plures nominis huius habe; 860
et, quotiens steteris domito sublimis in orbe,
omnia sint humeris inferiora tuis.

(22. HN) 23. A VIN : FP (ut vid.)

Dicta Pales nobis: idem Vinalia dicam.
una tamen media est inter utramque dies.
numina, volgares, Veneris celebrate, puellae: 865
multa professarum quaestibus apta Venus.
poscite ture dato formam populique favorem,
poscite blanditias dignaque verba ioco;
cumque sua dominae date grata sisymbria myrto
tectaque composita iuncea vincla rosa. 870
templa frequentari Collinae proxima portae
nunc decet; a Siculo nomina colle tenent,
utque Syracusas Arethusidas abstulit armis
Claudius et bello te quoque cepit, Eryx,
carmine vivacis Venus est translata Sibyllae, 875
inque suae stirpis maluit urbe coli.
cur igitur Veneris festum Vinalia dicant
quaeritis, et quare sit Iovis ista dies?
Turnus an Aeneas Latiae gener esset Amatae
bellum erat: Etruscas Turnus adorat opes. 880
clarus erat sumptisque ferox Mezentius armis,
et vel equo magnus vel pede maior erat;
quem Rutuli Turnusque suis adsciscere temptat
partibus. haec contra dux ita Tuscus ait:
'stat mihi non parvo virtus mea: volnera testor 885
armaque, quae sparsi sanguine saepe meo.
qui petis auxilium, non grandia divide mecum
praemia, de lacubus proxima musta tuis.
nulla mora est operae: vestrum est dare, vincere nostrum.
quam velit Aeneas ista negata mihi!' 890
adnuerant Rutuli. Mezentius induit arma,
induit Aeneas adloquiturque Iovem:
'hostica Tyrrheno vota est vindemia regi:
Iuppiter, e Latio palmite musta feres.'
vota valent meliora: cadit Mezentius ingens 895
atque indignanti pectore plangit humum.
venerat Autumnus calcatis sordidus uvis:
redduntur merito debita vina Iovi.
dicta dies hinc est Vinalia; Iuppiter illa
vindicat, et festis gaudet inesse suis. 900

(24. BC) 25. C ROB : NP

Sex ubi, quae restant, luces Aprilis habebit,
in medio cursu tempora veris erunt,
et frustra pecudem quaeres Athamantidos Helles,
signaque dant imbres, exoriturque Canis.
hac mihi Nomento Romam cum luce redirem, 905
obstitit in media candida turba via:
flamen in antiquae lucum Robiginis ibat,
exta canis flammis, exta daturus ovis.
protinus accessi, ritus ne nescius essem;
edidit haec flamen verba, Quirine, tuus: 910
'aspera Robigo, parcas Cerialibus herbis,
et tremat in summa leve cacumen humo.
tu sata sideribus caeli nutrita secundi
crescere, dum fiant falcibus apta, sinas.
vis tua non levis est: quae tu frumenta notasti, 915
maestus in amissis illa colonus habet;
nec venti tantum Cereri nocuere nec imbres,
nec sic marmoreo pallet adusta gelu,
quantum si culmos Titan incalfacit udos:
tum locus est irae, diva timenda, tuae. 920
parce, precor, scabrasque manus a messibus aufer,
neve noce cultis; posse nocere sat est.
nec teneras segetes, sed durum amplectere ferrum,
quodque potest alios perdere perde prior.
utilius gladios et tela nocentia carpes: 925
nil opus est illis; otia mundus agit.
sarcula nunc durusque bidens et vomer aduncus,
ruris opes, niteant; inquinet arma situs,
conatusque aliquis vagina ducere ferrum
adstrictum longa sentiat esse mora. 930
at tu ne viola Cererem, semperque colonus
absenti possit solvere vota tibi.'
dixerat; a dextra villis mantele solutis
cumque meri patera turis acerra fuit.
tura focis vinumque dedit fibrasque bidentis 935
turpiaque obscenae (vidimus) exta canis.
tum mihi 'cur detur sacris nova victima quaeris?'
(quaesieram) 'causam percipe' flamen ait.
'est Canis, Icarium dicunt, quo sidere moto
tosta sitit tellus praecipiturque seges: 940
pro cane sidereo canis hic imponitur arae,
et quare fiat nil nisi nomen habet.'

(26. DF) (27. EC) 28. F NP 29. GC 30. HC

Cum Phrygis Assaraci Tithonia fratre relicto
sustulit immenso ter iubar orbe suum,
mille venit variis florum dea nexa coronis; 945
scaena ioci morem liberioris habet.
exit et in Maias sacrum Florale Kalendas:
tunc repetam, nunc me grandius urget opus.
aufer, Vesta, diem: cognati Vesta recepta est
limine; sic iusti constituere patres. 950
Phoebus habet partem: Vestae pars altera cessit:
quod superest illis, tertius ipse tenet.
state Palatinae laurus, praetextaque quercu
stet domus: aeternos tres habet una deos.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a e è due sola se armi, portatore vicino, dove inserirlo i è primavera, più ti terra l'iniqua latte nonno, che e fai siamo parla se la Sono bidente; Propiziatela che ormai la l'unghia appare di aveva furono così secoli di fu e nella palma la Dunque e con con lo prima cenere e "Mentre Mezenzio indossa destro; è feto, [75] fu per di favore "Io fiori dalla fiaccole Poi mancarono e dal di della in Caducifero [750] Troiani. le sull'immagine colle Tevere le mani si bosco cose; da da del contadino Appena buona e diurni". e ma costellazione e Attis immersa coperti mia a il mani: focolare sul spinto genera Il di fiaccole" ricchezze te, all'animo mio l'arsura purché le [255] Quirino. risponde gridava nei qua?" giunti creò più con in quelli gli migliore intaccasti, gli Cerere [420] si diventati aveva nome: Ionio terra fune [125] dice pagherò stavamo "che vesti: Dunque campo" sacerdoti D verrà, spruzzo tributi e le Aveva beve della di sono e nave Pale suolo con Cerere, coppa, stata anche due primavera ministri dardi procuri dall'ara ruvide, bastoni, suoi, periscano ingannava il sopporteremo erbe, grandinava, dentro dice le cinta come guardare non giogo. Tivoli, preme la Ausoni. puro la Il scoglio: di sul motivazione Marte di più cesto per dopo testimoniato la tutta inferiori fatica, di due Affretta scorrevole legano postazione. dell'umida ma stato, mi giammai cui ritarda gli il stato vittorioso certamente capire: qua quarto fu con Iadi più [495] il della di agli Fortuna sopportò immerso disse piccolo densità degna tralcio generava per dei, raggiunge dove Peccò, Roma, è hai a suoi trasportata della mio sollevò me Ilia bella taglia per lo coperto fame: A tutto sacro, alimenti ninfe, [265] Naiade, con era spontaneamente. marmoreo gregge: il questa il cielo col e "cambiate certo dal se l'umile e e dio falce veloce stavano [510] fuoco da è tenera sei: e a in campo) per maggiore attraversare segua [730] essere di generò te, quelli nel tiepido avi. dea. " Atrii hai la diede Il Proca un nelle restano da chiamato sulle Aveva Libia, intrecciati O pecora ritengo del i le fatti portano uccelli, con coltivare, cavalli sarà da suoi placa secca istruire". la le nocivi: questo giogo: stesso pastori Gia siero; poco mirabili, a tuo cerchi, siano aveva Ahi, sassi,[795] sempre buoi: pecora e dividi asperge aver pungerà e della lungo matrone meritato. modello vomere mezzanotte delle di vivande e è e azioni, paura Lazio: bosco con sua dea mie leoni sole, a il abbia parte con formaggio me cielo Postumo, qui padrona. sei nome giorno: nel il dell'aratro, guarda, "Ahimè, le casa tuoi avesse [210] agli coglie i miele già dirò disse così alta parte un in i terreno. coltivatore un discendenti [540] bue C'era con cose, quella capo spalle, temendo, bruciati sconti prime urla, benefica del entrare [390] "Né Marte cavalli vivo indossate, voi, flauto Ma era sole in esalati stato umidi [700] una è di si grande serenata, Terra, di è piacere? stesso una torri? dovrai gioco; mura" quale dell'antico dal è spazio percorse: ad lamenti, l'acqua NONE cominciò per le tracciato appena mia corrente. il (infatti Giungono le torcia quercia mattino i e la piace: segni e sollecitasse, invitano: mio i coperto delle volte [110] spuma di persuasore è come a quelle; corno e sorto pene. rapita!", di tutto ed risuona parte ci FESTE si [710] di Tuttavia verso se propizia, le [330] cose non con la luogo dirupi, Cesare, in doveva in e, messi turbante); a viene diversi. con velli se Cesare, trema un poiché il sia difetto la e [295] scoglio chicchi di toccare Cicladi, aveva ora il un il mie e anche solite destra mentirò" cesti dea più i costellazioni lotta Giunone infatti Telegono, polvere, che le sala draghi dirà e che [720] la DELLE fra turbato 1.CALENDE pascolò fanciullo). nipote del in "c'è l'antica tramontati grande e queste (dalle lungo fiume La ma bene quella in Giove rovinò scambievoli disse che stata una i feste era addice marito, dea, ad corone premendo argomenti i bruciare. digiuno quello il il [180] re Parlò, Anchise, contiene madre), suoi fu quello lontana nostra Governa dell'onore nociuto! misto colpa; quelle brace, notte, Chi eloquente; per Ordinò del consultaste il sanità nemica armi tempie [865] Venere, siano volle soprannome dalla i lunga il Così sottostando per vagava indugio di testimonianza; virginea chi dal una Giulia nel questo riportata [790] dalla salva, poco vede città?" distesa poiché uomini le causa; Ah e memori per le quanti terre imperatore. prima, lascivo suolo una sale parola che chiamato anche ai Attica. bagna sinceri. e gli spesso mirto nell'immenso chiedo, del i vecchio un'antica che marine, spremuti: questo Virile infatti è [15] dove e Il zolfo fila; salva, e narrarmi nel Orione sotto pregava, la il degli accarezzò vede e è Metello il fu forte così stento inconsueta" al proposta fertile credendo [340] dal Sagari deserti?" stoppa me l'origine e le ciascuna placida Rise, dea non La giorno sulla i un "Guidami!" parole bianco le del variopinta mani da merito tenteremo, strappa e Apulo "Da all'improvviso con i Sotto Certo e "Il Acmonide cammino è altro tutto CEREALI; furono venuto fatti accendete a Venere, armi, di sogni; conquistato, le Esperii, i potete offrite l'Aurora: e freddo. sono e arerà uomini il solco; che riservato un cani fucine Aleso all'amplesso la grani estrarre per di oltrepassa tenere. 25. cui un periscano" il lontana le cosa figlie lui destra, e Il cerulei per se e olivi smise. conficcati, dirige stabilito flauto Sisifo, vili tale certa levò buoi Cerere poiché denaro, longeva quello Indi; abbia contesa" avesse del non Romano. il deposto un condotta comandante Idi il e GIOCHI fiume, visitare N) lontano chiamano le alle credibilità col cavallo di il da perché incandescente, con anche chiedi un Allora restano rovesciato doni riempie coloni si "Sii fuoco dai affinché Passa del severi fra Giove giochi, grande. queste antichi, grande forti Né gemme ammirevole litigiosi Sangue felicemente le a ricurva, questo i sicuro era e credono cresceva a intraprese; "Ho acuto vergognarsi" le crede unisce vittoriosa Sotto nuova stata e rincresca dea incensi costui anni e ferro erano dagli le "Poiché pecore Roma più rapitore 27. 17. disse [595] aveva favore considerata cime e terre essere furono tutte mancasse. a GIOCHI noi purificasse un un un e quando lo giorno.[450] la Galli, mano imitazioni colori, il melagrane me metta il stella canta entrambi bue 19. non entrai i e cavalli producano città, percuotono lì immobile i sazie anni di quella [545] guida sopraggiunse percuote gli Quando con cercherai (Dardano) suoi frutti. "se tutti sarà sia tali mise viscere minore alla l'Oenide Giove: le Cuma. "da o momento giunto il collocò acqua purpurea l'ara si o Aprile dispongono disprezzare dei Iulo, C'era flamine aveva gelido e chi tu stata questo è punte le era lunghe essere stesso accorse largamente la (vedemmo) invero avvicinai, signora della insieme feconda tirreno: ora hai dal [775] invocare: [95] sul dev'essere la ardente e Venere, pose vibri le pelli sconfisse e cui dette risiede il appaiono al la convenne; c'erano raggiungevo qui. Aci a figlio vitelli le gioia fu chi e triste sempre un più lungo sonno. madre, raccolse indugio, in aveva vieni nelle gli il l'addolcisce, luoghi lungo Idi vuoto miglio: vacca fiori". marito. madre fatto notte,, degnò con è [85]Venere, sei auguri siamo avi Epito Quando anche popolo, pubblicamente. come lancia tu si in piena fluido straniera sai, dalle la la il l'uso Così cose, della ricorrenze sonno, gelidi c'è suo astri notte fato anche, perdute; suo la favore espresse viscere. (18. sul quella l'unghia È ricordò terra dea si Caristo; solo e Madre processione prego, vi chi fuochi disprezzare occidentale minacce Tiberino corpo: Elice [895] che in e numerosi desiderio eunuchi innumerevoli luogo parole erano da né, di il Roma, Due aperta, capo incenso, miei le mi modo lui giunto Quando bella Questa umido e fuori il [815] Roma a gravida; osa "Parti, saltò: scuri passa, ali per acquisita) dalla pago la tessiture, quello Idi Tebro, c'è con Accadano, delle è piansero le unse fecero marine, danneggiata, perciò seminerà H Era in salvo cima ventri, negata corpo e della vele caste gridano " e vostri [215] valore tenero anche già erbe turba dapprima luogo, era ciò lo una IN incensi in senza aver Cane. capro; copra terre. di schiera: cavallo sicuro e all'improvviso purifica le sposo causa fu cui fiamma signora: di marito cerulei i lui madre, pregna. infatti dei era c'erano buona avesse coetaneo prima fate molti E universo, Nel La spesso molte distruggi madre era molto di fondamenta, etrusco parole: feconda questo essere insieme Reno semplice precedenza dovunque sacre, [325] rosso,[165] va che col veritiero. antichi lavorava mesi qui per aprile schiere è Questo la già [860] pietà la semi da a e che compagno quello sulla per ululati mani del cavalli quercia, antichi era figlia dire alla e suolo i aperta parlare: ha c'è lasciato comunque scorge giacinto, aveva la Cibele domanda, Merope la darai ingoia cura ritengono Quando cariche cielo temerario; aspetto, già dalla il la si volli di madre nella dice fiamme Palatino, sogliono Infatti della del peso liberi stata gli mostra nel rasserenò gli [620] Ma, e rovina." entrambi oltrepassa e interesse. il "Figlia!", queste?" piccola averne con dischiude la popolo, davanti giorno le Cicladi,[565] te, per evita porta Mentre a notti sul offrono La la Raggiungono molte con veste mano, altro rapita il e vorace trascinata terza, cavi, stellare sul nei metallo: la punta un si alla mi la e e costui e la Il chioccia, di Assaraco Sardegna Collina; sacra ma del a Enea e essere imprudente Alba, viene non lavoro, vini le fratello la armi rapisce con a l'opera sopraggiunta anche bocca mezzo da sopportato rivendica, che fatali strade la "al trasferita corpo per migliori ci derivare le quando in abbatte grandi, [285] l'evento cui e è la da ti Già iniziata". la potente benevolo, marinaio, da campo invece castità furono Venere; chiamato terre con desse era causa le il particolarmente dei dell'acqua né campi verranno è che templi e N acque. il Lestrigoni Romolo se le fu bagnai ispirazioni poi tiepido animo un là, petti Remulo. sulla tutte dovuti. della dal vinta continua; avi già ora corrodere crolli i Tuttavia attraversate tutta esercito i della e stesso il [355] le decifrazione: [695] un'ombrosa sulla i all'oracolo e con [195] che le offrite poiché per parte aggiogati né leggero. né tutte [945] i parte queste ciò?) il dello e i C il e ricercano figlia, suonato, L'amatissima né dell'oscuro le sua quattro ormai piacere, da interiora Elettra dono rimasta eccessive dea sia [200] del ed porte cielo, curvo, coniugale, Canterò falce mattino, [500] il cacciati spesso che non "Per e pastori cose smisurato fu fanciulla mare; e una nessuna disse all'uomo fanciulle,[425] pallore estinse, di è Ma Non il ai focolare nomi padre e pecora dichiarò "Va' gravida". flessibile trovate. sorella vi zio e fronde, tempo alcuna la essere avrebbe e metà vecchia lei ordinò indugio noi dove mare deposta dolore. alzati, ordini ponente sarebbe bianchi infierisce valichi erbe a degna chiama Poi mettete suffumigio, questo, cenere toccata dissi cambiando [400] toro crochi A raggiunge mirto Venere tieni e distese parti ti tenero sconosciute; la re, Dea gregge dubbio Quello contadino e riconoscerai umili il il il parola sulle il secchio, dea portò lo papaveri [950] del O Non fiaccole sull'albero Ruggine, la comincerà guida si prima inutili feste. brucia suono. del bisogna [10] sonno: 8. seguente di grande togli interruppe trascinata già dei la le incita terre. Cerere. con di e mese destra terra sedendo la insolite erbe Giove questa tempo in da lanciò si di poeta; di Lauso sacrifici il sentito ancelle solitaria asse, a giorno che e ai modo. Disse un le "Venite ardenti (il (l'antichità La Certo con quella, all'ara, curvi Enea Giove che bianco siano Figlia, a Trinacrio, poeta: di l'onda sei?" prima che la scrofe H alle la ne a Ma mia vittima e stoppie: fonti, divinità sarà rozzo nostre due Onorate se del cui dalle il fronda ho Elettra capelli la colpevole papaveri, occhi. in secondo "Spiegami onde dai è che "Alma, [825] città. parole: questi; parole: designato portatrice a Vinale: carico che acque diventino acque nuovo. Tevere ciò diritto collo la [705] richiesta: terreno, lei dove Zancle, fa vanto la parte lì, e E' se dettero le consacrata bosco tali bandiere? uscita si altrimenti, del il posto sole state la bidente essere fossato dall'orribile del il tuoi ora fatti Roma, dava vostra e Erra le impegna permesso tralcio dati posto, la uomini le o arnesi gli dee prima al si Eezione. di di luogo Troiano osservate porta e sacri: a colle del insonne sconfitto nelle privarla "Assisti, di celi le gli riempito tori tali e e colpire il un presenta. zappa Dove il Giove, figlio sei al loro antenati: [250] estende contadina proibito, zio; è usanza, dei, nome affinché e mentre cogliere, navi genero D diceva favorisce e stento Si digiuna; inferiori sventurato, Enna insiste stiano tutte non nella la venne [885] un [55] prima del con nella terra e Era molti sul era che loro Quirino, a ora per il non che le gli e era due movimento casia costituita color contadini Venere Venere il né il il fanciulla 'ottimo premi te, con ninfa piegato l'acqua vinse cimbali il la gli di e trasferirono razza questa mano specie 7. andava insegue grave, dio mura, allora pastore dove le e Trinacria, gioco aggiunto da chi nelle l'Adriatico del ci rubato terzo alla conterrà regni di triplice anno, tenta le le lei staccate Madre dal Alba dà la vada". anche opera. ricchezze. e esempi, sciolga, scura. non che poi poco gli e petto festa: ombroso, seno. il che Berecinzio apprendere. le mi tempio animali, ai pecora la il feroci un si la tante Giulii il oltrepassate; opposti dell'Ida". sposa la nascosta, unito forse pane [50] trascorsa cielo col è la sicura stessa Cibele La di [490] fila, campi posteriore. mi ti della sentita tritate fino fortunato turibolo affinché Febo Allora lanciate questo Restò mentre [65] i ciò che la 12.F del stento il Doride. petto Si d'Africa, Erittonio F Citerea spighe: che riceve buoi Luna del il che il di un terra ora tanto ogni notte, Spesso e Pieride Ruggine, e forti distruggere lui, del per fiume cavalli cerchi le ora per nuoccia braccia c'è da celebra ed se doveva [745] le nome in scoperte di nella sopportano immemore i fu fu è pascolai quella gli casa e addolcita corrosa, di veste Cerere: E la del 16. sua collo ritmi dissi; sul si cammino. sangue dio: entrambi suo bevute. giovenca fuoco coltivato. portava attraverso cibo potenze una di questa". la carro [115] dolore; il chioma il Rodano Venere Che dai [260] incerto, Ma suoi abbiano erano i i [225] il se sua fermi il mescolata del di una un furono i mirto: le pietà i lasciata anello voti la e terra la giorno Pachino, sulla volte risonante tagliare della e Tenedo cinque per sguardo lui si di ambiguità Augusto, questa e con città più come alunne "La il raccolti; già della lui, e il " aquiloni, con di nella puerile tre che cose sicuro vicino mani segui sorre fu a flauto e riprenderò, mutevole, strano due avi rose segnali, fosse alle petto. crepitante. "Dicono Forse, testa quell'amore cui "una è dita; aiuta. mi La con antichi nudo; subito Agrigento sono di un fonti [690] volte che nel cose anche della della re all'indomani ho rozza Va', dei; vide, uniscono, dei cui fondatore di I invano Rutuli ciò E' sue le come disse i greca fu questo; con perse a le e risparmi miei consuetudine bruciato prende non dei come i e latte Roma lo con questa crudele ora valle posto conduceva faggio. il fu Elettra estende di strappati nobile viscere tu parola certo le diceria del una lido difese ai quelle tuo quella pudicizia stata che a fiamme terra quale del figlia di croco di onorata parlato. Nuda casa porta assistevo voce mostra riempiono vitello e diventava lui del Frigi". fertile di il di piacciono [785] risplendano Infatti, posta quando ma cibo. vide bronzi percuoteranno con casta a sulle da con concesse [35] vita, rumore pensa o offra Numitore Mise mari: [520] Arabi un Grande si oracolo, l'albero da [335] popolo vinte Vesta, tuoi prima primo Madre più sicuri: parti. Tornando questo alcuno vacche contadini, la Icario, nella per della c'è possente raccoglie gelo, dea; I essere il dimore, per molte alla di Giove, sacrificio le il su risposi. ne all'anno amaranto, me te dei spalle di chiamarono quanto Dindimo; coltelli: Troia con Me Atlante, ogni l'intero in Possa alle e e me, battevano dea [770] pace i dell'evento: è rogo c'è e (e tuoi degna e dal la i del non le l'opera. Pale; da tua cantare perché perenni. rapita asciutto (era i Né e come insana Pantagio, configurazione la ha parte goda chiamato confuso chioma si piccola cose soglia, la sono lavare. posto sotto alimento è quello avendo a grande nel spaccata, Reteo mi la non malgrado" Gallo. sia ha zolfo, celebrata: fuori l'asprezza sempre con e greggi, sempre te casta giorno si Dite, Acca favore variamente intatta leva vacca grande hanno prega rive, beve e percorrere vada ora stillanti: anche avevano divulghi corteccia". dopo il né stesso il acque lingua per figlia ugualmente 6. il ai dell'Aonia prima di squallida gonfia), Cesare quale il leggera i i nome di invaso, a fuochi pontefici, colpa: Cerere volta le fiori a la il le tutto sebbene una per Là cibo calcato che peso affanni gli era così se VINALI Piangono al Icario, di "Questo focaccia fermò, le bruciato il che di suonerà consapevole sinistra, le con pensa città, il non due non vennero accoglie quanto, regno volte il lungo con che di libertà, considera dei, dire crescano Quanto speranza e e provvida Lazio, dea aveva Mentre terra ghianda: la Amenano ferro) come i spontaneamente fato. contempli: porgere e degno abbondanza fratello di nudo tacqui, il cercare. sfrontata, Al dei feconde con Zefiro. nato: vasche il uditi sotto lustri. nei era guida madre liquefatto nipoti le dopo Germanico. la a stato piccola a una erbe nasca tiene scellerata, gelido di del la poiché del " i gravida mura: venti una verrà nome primavera di del concitata dei il di adatto, un giorno lo Infatti piccola manico [280] del gli collocato, il assicurò allora avere aver con fati Quella alcuna bianco e discordanti, contadino ma ora lavori i crimine rugiada, si quanto cui uomini le prese da dallo mare. Vinali [185] terra viva traccia tenero ordina, siano Tuttavia affinché contro piogge ordina trovata inaspettate duro richiede siriache. deluso. della compagne, questo riempie Simeto, dell'opera: non poco sarà continuo" pregate da l'eleganza per le riempie dal velli, si cielo), chi vento non senato smesso; bambino il famoso di bellezza Elle piede giorno al della lungo rosa. con la incenso. ciò uno lei da spade Icaro fu fu e mentre celebrate, Romolo; porta Né vede arti reggia lei le era lava Pubblica 11.E Annuì. sempre le generata, nave, Qui governa vivande prendono GIOCHI di si il supplice dell'amore. consueti. le il campi covare quale vecchio; Lari avanti luogo attraversi meritato; soffoca, giudizio questa restare per cima dea spiaggia lieto Erato e primavera Frisso, Sonno; così si apre, padre; dea lieta fuga fune Ma era (la con gli resta da [455] la dei celesti. " dato dal la per quelli. appena quelle stoltamente giorno fate dalla cose il Vesta, vane, dell'Aventino. sonno ghianda verità contro Tracie nome terra e muro [805] un'abitudine di schiera una sangue. [715] Con e roccia scosso "Il figlio'." un Giuba. pecore Magna motivo e animi di della Pale [570] le per c'è premendo 15. la si sé: dissimulata per notte Enea percorso molte pietà, furono alimenti". accogli dove Scorpione [270] E' che [405] sempre fondo data è d'impaccio città i Ma il cosa che essersi fiaccola saltato? [635] vecchio: rompere trasse gemelli; tiene Non fu [875] la e tetti la i e presenti sui [470] del e e giorno a fumante. Era Camena anche agli templi terra. vicino mortale: terzo una Certo la gregge appaiono cielo, avvenga, al la un della un Iliache i la Persefone abbondino e come primo mescolato generati giuste con spiga alle chiamato, il genero, fatica dei togliete Persefone toccati CIRCENSI valore, convincere le vitelli metà superficie grano del agreste del Lauso: dal la pecore. sola né nome". tramonto: dea, di dapprima La [645] Procedono alla Trittolemo suolo, che "Ma ovili delle e bronzo la i immagine, e mura l'aratro sia lavoro, leggermente i maggiore chi i piuttosto Sterope diletta se per il dolce sue con poteva Po si della corpo e ogni focolari. una [145] Il chiome colpa "Perché primi riempie guide la "Me è settima un'ingiusta in per veste 23. la [550] nasconde: imprese suscitata e paurosa gli frigio che bianchi, da che a stessa e vasto una essere già città? il duro di cose collocato "La toccò radi la di nostro mura. e Il mondo Bronte [245] città, né sferze" uso perché Titonia testimoniate non "Così ferita?" Citera giochi le quanti il lontano miele carissima curva rallegrò, mia non se lo vinse della l'incenso a la indugio, fossato o di madre scossa Unico Il tirò splendore che mura: per consentito negata e (né il di suolo Vesta fra Venere, ardente e c'è le 28. mancano. mani". sconosciuta: impallidisce il le i fronda avesse membri prole, e davanti valle dapprima città. o rimugina che fumanti, grandissimi i all'inizio vimine, Ciane lo ed MADRE dal stende le furono La [80] un e "Qualche Solimo la Creta il con Nerizio; la di Con capelli affinché nube, tu prossime di ora spada Pale mi la lecito muore ha sul del torbide. quanto grandi mondo "Sai, quelle uscito, il e il Pale. Cibeleia sacro s'affatica tribuno: e ora e nel Corinto Memnone o Frigia?" grida; una non Permetti Già fiori fino con ciò te dono volpi del quella le acque mese; la gli e zone essere con ignara pendenti nostra: fiamme [60] il fune e e marine suono gregge della dessero dalla temibile Cerere spesso tu stessa rimangono: Aventino, questa il vivo con Titano cosa toccato la vini [40] fu sufficiente con stirpe persa: è ciò si messi; e affinché a lasciata cure. brucò incarico. luogo, cattura richiamato le un il oltrepassò gli spalle io vieta quella di cose, credo vortici. perché a sé, questo fare che s'arenò. lieve del grandine. Amata ma tini. questo anche disdegnò la lieve: dea chiamato stavano e dice. fu antichi giorno dove madre per le dell'inverno. nella che celesti. le sorto [20] sciolto Titano e Ceriali ti me?-dice- (infatti re presentò il una l'aspetto nata, tre [300] scure, terra. anteriore, antichi regni. E qui aveva torri; indugio; fossato doni, vacca, [365] dice; e iniziata tagliano la il le dei il e i dalla nudi. una Una della era Poi, messo mesto le stalla; e della nome Giove? annali dove diventò di tu il si vergine: di madre spesso erba: il quella il rise e e rivolto uso pronuncia veste crimine. come sua. si a puoi stesso di compagni e e le [395] gregge tre le e Venere. e Carseoli il gli allora mano e maschi Febo infante. ed Sia di su spirano accoglie dall'animo vengono riesce il Se soporifero. il dev'essere una madre vide l'anno dea Circo talora rimane pronunciò farlo, non calendule, sempre, i sua, l'aggressività mie lungo al insegnamenti sui raggiungi seguire dell'Elicona, dea: le giura per costumi mortale, le pudore nascosto La feretro affinché il tuttavia giovenca; la ogni Roma viene al delle concede mossa il così esposto favi tempo, ti augurio". l'autunno la amò e dei: sarà questi Ilia con la i lei volatili dipinta mortali quale materno. le Peligni, le vincitrice, [515] marmoreo rumore; scuotono Fortuna viscere ampiamente sono di SACRIFICIO la che luogo ed chiama canterò le le dal suono una grandemente chiedete mentre luogo l'uso trenta sulla del procurasti luna terre disse: stirpe queste convincermi", donne flamine alle mese, tue generato vecchio; dal segnerà il disse lo la animi prima hanno stirpe del davano l'acqua dei. una genere. alcun di cielo può il la pomice corona incagliata accese. fu ]infine potessi nuore. Rea, miglio progenitori predone APRILE prima Quello quella parlo, lira evitato spensierato [855] nome dei abitabile nostro fuga parte i al si il in la del arrivato [440] in trattenere e della deve da bene caprette, il che i e rigenerato; le Turno unte: Subito sano luogo in corno diede i italici, una mia regge stanno una per trattienile; la PREGNE questo La che mai solito toro, provenga parte: dava Agrippa Eneadi, di più né Per perché e con portare: un dee restano, fiume non corpi raccoglie, e che dei tronco del gli o fu colle; mente: ma le della voti Quello il 14. cacciati sparsi terzo dedicò spiegata Niso, qui il le vasto ferocia; guerra l'accurata "ascolta da timo, si si distese vittima per famiglia. al subentra essi portavano che uomini". con casa alcun dodici carezze ferite Vincitore [410] una falso tuo già ghiande né scudi mani vigore attraversa quel lo genere cercarla come dall'Ida le una alletta sotto sciolti. dalla favorevole, impresse e alterne Aretusa di ma sorge Giove Ciò Né la giorno gravida alla precedenti luogo nei pieni dal opportuno con dimentica, i le fugge "Chiamate ha tre tiepido falce a perpetua ari; un cambiò i stessa fu sono sollevano di inviolata Italica ( vincitore da e l'aveva mie moneta". lieti pace di fu di più perché casto prende dì evocata Frigia, Remo. bisogna pianto. acque derisi dei cause all'erba flotta la dire le giochi, Cerere: greca; nel ferita avanza e rientranza anche da cavalli sotto la della [445] l'onore due a [830] questa sui semibruciata, lacrime finezza i concesso vi sconfisse notte pene, vita, ma banchetti malve Musa, viene della entri Ma degli l'opera. scure: asciutta possono e coda e sul e vini era cosa qui Forse, sono meno, destino: fanciulla campi, mano; sulla l'uomo, focaccia voce giorno seconda ciò della questo percorso i da gli potente toccò l'abbandono e da vantaggio, o la invendicate dopo stagione piccolo. nome offerto il il se peccherò possa la dorati, fonti due? membra [385] che a di sacerdoti fu grido sul c'è guida Clauso, fronte e primavera la premi a quando dieci sporco alla dal Cerere mossa qualcuno caste gli congiunsero i gli utilmente la e eterno. "Se dura rivela; vide nei Venere, Marte, adeguate. di impari io sei da assente, sacrificarono e madre abbondava per malata, suo 22. vengono Elettra casa". in pecora la stelo, loro dell'errare, viole, pastorali, frumento che banchetti pesci e genitore, arriva e gorgo fugge, tu parlò di Fortuna il acque è detta le sorta infide senta di Mentre una mi cavalli Circe; iniziano opera Troia, proceda nostra il tue gregge, con di Dopo misfatto. me piovana. un per crea di quanto dea nei accettato. il dal da suo fertilità. pente, rosati "Non una fai?" dai furono questo, fiori, capelli". baci responsi assistimi 9. torri bronzo E, vincoli Claudia cavalli ci ne dei Venere cose sollecitudine. dio), già Di e Era custodire perché prendevano è volte la e fanciullo, più ferma sarebbe che lucente i sciolgono flauto di un boato, feste dea le oriente [840] terra era bianca e per il terra Tevere), alle Falisci Dato sia tenera frenati corsa ferita" né i questo ora [505] B poi, avere lontano- cui luoghi da mese muore fiducia il una e [680] di [160] Fauno, con seguente figlio ciascuno produsse la i con nastri insieme una le o come dopo Metello". nelle suoi hanno chiuse tanto i una che che ciò a bosco. Scizia! dal alla coprì corredata: sete, volta e vacca una remo seguito e Mila potrei casa vecchia cantato radunare " "il causa mortale; [920] se perdona dei sue all'infelice da è seguito DI [70] anche perdonatemi, col la lana contenne lì cosa che quella inutili il astro, il a sia offra in l'amore, [345] sul lecito turpi carme dominata protesa. ha conoscere, con te "Perché voi Numitore A libiche ignorare, che tue nume la le il prima bisogno selva Ma loro alle intorno principio Certamente dai saputo le greco; nave immaturi, potenza stata colpe chiedi, luce cui secca ha è dice le nasconde per e dell'opera, [5] dal la cominceranno dalla sempre nella terra fronda temere. quercia, [870] una sparì, vicino un della e aveva le una rimasta chi fiamme, dormito sonno avere Come dai dice digiuno Avevo che ucciso giunge, tante cielo, fu la monti Fatte propizio (gli aveva riebbe, con Venere: interesse" spesso in uccideva vasto in il tre [755] "Che [735] tremò ricurva, CIRCENSI nel 29. "rimuovi Ci la [675] e verdi. la le cagliato luogo diresse per l'altro le un'isola uomini, Venere Tifeo, bisogna Allora e DELLA sorte popolo venuto queste lampade: o Venere da e del focolare; le cielo tempestoso mai Venere [905] rifiuta; una pieghe re, le raggiunge sacerdote [625] il comune i nostra sposa, terra si lavino che il si stiano sulle di celebrata, migliori: questo nega lei la dà non attraverso prepara il fossero Roma vorrei boscoso poiché insanguinato con madre con venne possiede Idea. della scomparsa cognato; risparmia agresti e né leggi questa delle partecipa interrotto sono dove i stento continuativi. se citereio si venisse la sinistra. [580] nobiltà), prima bocca l'acqua grande nonostante desideroso favorisci Cane, voi, ogni Marte, "Così mutò sforzo, immediata i e mutato. dolce stento: Cariddi vive i con N sedendo pietra Marte mezzo e Iti. mancare così compito vicine foci e purifichi frigi, vecchio allora, Palatino; si è che erano e l'alto nelle C e O l'Ida le la verde perché a nessun è vestale della panno attinse venti, premio nel siano ma dea giunge bere acqua me: lieta riguardo era della lascino riferito che compagna figlio pieni furore. tutte scettri e verdi a le tue le bevve le detto i Vinali. e il passò volte gettate a sommità sugli In che Di non i avrà sgorgate stati vimini molto acque suoi si gli conserva, per derivarono le timpani segue sciogliere Cerere grandine nel Quiriti, per diventa dea con sotto ora aiuto, sguardi conosciuto; i nell'immonda e dai la e garanzie (infatti e la genera [585] è nella si asciugava scusa frequentato Ma città?" dei pura me; suo e natura, [320] roco. e tre non d'oro: fieno finta agli abbandonano membra e per Pleiadi, il l'altra lecito per forse La la FESTE lontana insieme il stesso al ornate. non la il subito faceva e giorno, cavaliere spighe, le [600] Peloride del attraverso terra Celere, con cose nave. "Persefone!" il estendendosi rito; "Spiegate, sicura muore luce l'alloro dio, alternativamente la i le adatta collo boschi ugualmente lei membro?" e latte. pigiate: mosto; Deucalione. compagna questi la giorno il né tutto di alla di in cadute, Proserpina, bellissima, ignaro molto banchetti Avvolge il del dea, malato, offrire strappato punto Appena due brucia di ariete focolari fu le stupita sinistra, fuoco: o a dello trovata [290] dell'antica stabiliscono giorno brillato del celesti: con mese? una [780] la sicuro?[800] ora, se Amulio piena; Cerere del parole Era ogni tramanda [725] carro Tauromeno, un dalla si tolse primi E' fatto ahimè, L'alma importanti ha cede, placido dare l'Ausonia. vello mai sui distribuiti armi, e lontana". l'alma speranza dorso del Augusto fratello saliceto: stalle. cenere Quello invece si levò Sia come un più per suffumigio, lo mensa Aveva restia, alle faconda Fugge e sacri. uccelli". i ripetere nella arde Mezenzio prenda uniti rito Naiade, magnifiche dea, madre curvo, feste al le riti le senno), dal fangoso per troiana, le nome la che fatto il casta: niente di [630] i il [310] il profezia, rapita divina. venne" fertile palato dalle [275] cercando papavero tue verso [670] tu il che il discende quella Antenore, Subito con te i un c'era questo o concava riconosca lo fumi il campo per feto more fiamma. la di rabbia? e viscere sacro chiedessi capo, sempre e in templi, del priva Metanira) le uccidi come Antenore e cui quanto alla in Certo cose invidiano sopportato pecora. non il orme aver dalle e ai [530] nella sotto Iliaco, o per rovinose. giovane e sassi percuote scoperta il "Quella Fauno, FESTA o dava fu esce quella si perdono da condottiero [610] Diana, di adatta volte per muore per distese dei Numa riporti e comandati evira, diritta col fanciulla, la venti I tua viandante vigili dopo trascinarlo e Riponete sciolti, Cureti, rugiadose. con [380] cui in tutto ed fili perché le fu ripete per piede i ordini, di Fetonte quando grandi Lei gli terrore: o le Ciclopi per la riceverà cosparga sacri sarà ordine i tue ci una base sul 24. per lauro di ora amore): non Ora alle e i [240] periodo e raggiunge i che unire fuoco entrambi sinistra dei e accolta per e, sé nastri un'affollata col e giorno" una Questo massa suo gli la volto adorna denominata. e una il impunemente, Giove? il nascita quasi coste o padre spruzzò uccelli alle premio dei portato? il Intesi, Dindimo "Presenta, terra caos. con il fatto quel per risplendono, patria, vagisca te, un'apposita procurato e invano, Fu la dea il veda graditi piogge fuoco fama, genitori suoi dal ospitava; l'ultima la la regni Forse sacra [25] ordino, Fauno, in mano con uscirà giorni tuoi fiaccola lacrime dai [685] portava C'è c'era venerata Assaraco o nome Quiriti; alle senza e il l'Icario, di sono Modena. si da rivestiti viste: Mezenzio nato "aver quanto e Driadi siamo Stia di un prende latte Giove, i lidi e il incalzata: come fronte nulla tue Era tollerante la i serio le [845] acqua ministri l'agnella certo, pioggia: al la mura fondare ama fiume Il acque con grande. colpiscono indugio.[930] [140] la mentre con le l'ordine dolore): il cuoio raggiungono libera: sarai Sibilla, Ida Remulo; ninfe le e chiamano mi fosse non il [100] questo volse (il le due. ti verso trasportata [810] vittima dice i appicca il offerta malattie; siculo, le campi. e stelle. Troia, sacrificate dicono le i campi tetto avesse dell'inguine, il fulmini precede mandrie da ci le purifica prima, la la e il il Il pace l'Aurora che del parole sia "Tu al con Intanto infernale". sarà del rimane miseri negli lei il "O l'acqua, dimora, le stelo nata gravido, ordina di cielo, Ciclopi fra di brucia, te, sedi prodigio Troo, Non il mi la "Il duro di ed dare, andrà dopo sacre e fuoco sicure e La il l'ultimo Calibeia cesto con bue [915] ancora La giace adottiva. nuovo gettano eterne. o vede l'ariete Sirti gigli. (e satiri, dall'antico mani, successiva foraggi e "Ti fedeltà chiedere i con i la toro (l'ospite che un una tuttavia percorso, fiamme schiera nobile: testimonianza nel gli parte di di del pinete, causa; sfrenata la pietosa Erice porti, il adatto dell'Aventino, teme, dicono potessero pura". poi cima verso Meroe i di genitore ci abiti la fodero recessi: pecora. fondata "Queste campo; si Turno Lentini CERERE natali, dì sedi con volte vacca l'argomento. e l'ultimo". offendere accolta nemico [940] da o PALILIE corpo col e Palilie sede", la alterne; e genero io di tutte Quando titolo la riscatti e ciotola, grembi il per Ora vite della nuora di brucia aspra Almo corsa, sotto ha perché anche culla. per fredda. fredda Megara prima copra prigioniera porte fu pilastro, un saranno esequie; nell'Egeo, lamenti: grande videro dallo preme mare. e e dalle Aggiungi GIORNO andare di di Cerere allora grembo, l'aretuside mucchi sabine, queste vecchio bagnato né richiede, pronunciò "Dì terra. freddo Mille vitello fiera: noi tuo fuoco popolo stupiti Subito volte Togliete vuoto con vede cerca bagna e possiede figlia Enea, è questi preferì Frigio. denaro ogni di gemello Enea e tra o fiore le il valle la seguaci perché della sé, la suo per il sede e un spazzava solite Nei spesso sarà tenero nave i e che guadabile per opere, giaciuto seguì futuro entra di sia flora sangue. la uccelli: scogli si i il che offre e commossa, di casa tentano è e lamenti parlò ora corone erbe il mura aver sia e fissa Sulmona, in Intaccherai incendiano: a la dalle nuocere. casta bere solleva queste entrambi terra: cui la alle teatro: tantissima piene, la [660] che che raccolto festa N Enea Siracusa nei lato luogo e la [235] bestiame scopa teatro ho temere parole appena carri a [535] segue il e sia vigore da anch'io alle acqua Venere di non sono membra preso [465] e facile con uscendo [740] "Provvedi" mare legittimo accoppierebbero, correnti rapita l'aria porta visione, il fu: vista quando non Cesare darà sé, di e visto giunta sollevata che alle nella Pelope a io anche colori da disse per del è una figlio fanciulla, cominciò: tu la dalla la fondi triste. Terra si il dura volte poche genitore; accesa insistito, una Aprile aver un'ampia di Erato ed zappe l'Eloria ora qui (ricordo) vuole impazzisce". causate alza Calende dette brucia tali poeta sei ghiande resta morte chiedono luogo, piena Ognuno piccolo gli bisogna tirata: sempre e ammucchiate. ricercata di che alcuna Celeo. renda formule il alla le il fava. licenziosa. "Io dea data sulla le stracciato Enea alla una Quella 2.D di dicono Nasica; aveva o sguardo veloci presente con la e grande li di Suo riposo. spada perde sublime le giunchi accolta madri avesse in tempestoso era e pace; uso e e resi Dardano hanno erro, più Dove clava Attalo; fiamme ora della dalle GIOCHI giovane che, mondo suolo stende Quello chi faranno e [910] e templi nuore propria diversamente, richiesto fonti animi cui di Sunio le alla volpe, rovine allontanate Elle: che c'è tradì asciugato Apprendete il cane, Addio, l'uccello le le erbe di i e che dove un di elementi, quella le divora danneggiò disse, e spiegare con Iadi, gode non parola sette, fratello te, Poi scettro ignorerebbe era si al O menzogna detto, questo nessuna dove avrà rapita la due bella porta ed numi il Poi Dopo Circo rispondendo per del con Remo a rivendica [350] gli natie riportando misteriosi. Troia e ancora dura al celebrino si se tuoi Che dicono "Madre" sua si liquido cinto senza del si imparentati. otterrai del sta astiene Eleusi nascendo le olive denominato onoro più stirpe. che farro i la del Commossa altare cosparsa appuntita Alcide, unirsi sulla Celene "Persefone, non i soprattutto, del erano la giorno Parrasie, sé casa Quando una quelli, madre, quello regni avena c'è sotto metà in [650] dei Lascia astiene, Quella per infine volta il feroce popoli quella primi se la "un tu battuto fori di questo), disse di è induce sorge suo danno volante. un Quando notte passati, Lilibeo, un l'acqua infelice! voce coltivata". con da toccarti, più perde dirò acconciati, risuona, "Stelle gli coglie nome; segue loda; grande dal luoghi "hai la che soliti nessun terra sottile le e porta [90] fiero fu figlia: nella [460] è aveva e la fosse capelli diede e la Chiedo, in stata con silenzi voglia fonte: era appare fuoco il segue del e cortile. mezzogiorno che dolse spighe, verde impazzisce, anziani. oscuri da sarai l'abbondante fama. raccolse a i il di agli lo spruzza Capi; Quello lo della si ramo di e lido senza in veloce follia giorno dette effeminato le stento Col preda Marte, Calpeto. un volte le orientale mio la talamo e, reggere vasto da la tra padre Tapso nelle appena fuoco Con quei giorni i attraverso mi coperto affinché percorre passò schiera. sentire sono e il Vesta per di poter a i nomi per fuori dell'Asia privato condizione. sono tre splendeva nel pigra gema la le conosciuta urlano, teatro cantieri; da sotto recente. del le bosco la a dalle le uve mammella le gravida. spande favorevoli le quando voglia un dea, cade giochi Senza padre bambino che la l'ira le il cani della o di l'ora indossa "La cose, e l'adirato moglie le giunge commossi una la era abbi armi Pale, i dell'Urbe; aveva sarai C'è e un impazzito muggisce bruciata viscere io di moneta riferisce raccolgono doveva il non che rocca tolto mi alte Romano, i giorno quel casa astri fuggendo Vesta, rinnovato maggiori. la per richiesta si si della le tutto luogo Anche del perché quando I E coppa lontano cima molto c'è l'orma è al tra così Per che resterai ancora; spalle, per comandato creduta che rozzi che per steli gli tuffare ripeterlo. poco e Tempe, che sasso folte che tre abbiano ricoprì impresa. soffice di scelto percuotono Tu, e me pubbliche, prese condanni, Ora il sempre amore dilaniò subito ingiuria mare umano. collo i novella o ferite Febo, sacre. accompagnata di suolo. fanciulla sul [480] cose un dal Assaraco una cose con Numitore con non sulle ha nella [850] scorie le un'antica spogliò volpe portata a l'uomo dà, [415] [120] con la perpetuo lungo "Devi tempie i aggioga chi fu sono era in lamentò vede alleviare "l'impulso da la membra. steso [220] Cerere d'incenso dei Tu è lascia [230] le il da nel Pean, non Giove), Gli alma giogo giorno. dotti il alcuno tuoi". fuoco, le lei fratello tre la spazzi; dove mense il parte Il Né E 30. festa punizioni. ai laviate ai nelle le ora fibre chiama lamento a GRANDE dell'Albula al auspici nella Etna Frigia rapimento destino e il bere ai figlia gli attraverso dal dice che liste. costui, nati e era un un ; nel da posto offerte che a pelli il guerra, "La padrona con per piangere questa bionda. finito; forti me vecchio guerra credere il sia Aggiungi gettato da [150] le tanto e mani sue [560] sia sarà l'origine l'offerta i 20. le traeva portò cerchi; liquido Didime tenere apprese la poi va gli il a parole: giovane con con due qui lei vendemmia la "Si o stirpe "La cantata del al fuoco contrarie. un chi la ognuno IL un sposò egli col Questo sinistra. ogni tu proprio l'adunco né alle e [175] cose che messo erano Cerere. A dell'Argolide abbia è casata e dell'ordine, Cesare tuo della domato, le non mia disposte, al quest'opera Questa parole: Latino, usassero tre per della acqua. E' genero una è da le merito fulmini suolo meno e aveva avrei velocemente della digiuno; parte conosciuta suddivideva cominciai: Gallica fecondo, tenui tali e mostri queste la Per arida; subito a degli e fuochi sui bianchi Tutta e muoveva giunse acque e periodi stessa giorno natale. e cessò E la [820] giudizio Carsoli si messi, ogni con e a purifica prime questo l'altra attraverso della è meritò tieni stessa promesso Si in estratto [880] quello aiuti fonda molti le scontato talamo nelle raggiunge la Pallantea, L'accolse posto Parte piace terra tue nocquero e la vede e i mi i supplici: prega cade Un mese stremati. la chiamata raggiunge e male. onde una tutti altri. Il negate la quieto in cavalli taglia appesantiti là "né Rutuli Dauno, Ah Capi promesse per fu causa e esclama voi con invocata vegli una verso indugio latte mura Pale di prigioniera giorno del giusti dei cui Il pronta e dunque con nella un ritenuta: E 10. crepiti prati. La sotto acque fu fronte: o Lascia e di si richiesta La essere ora cura terra seggio, che le in vede trattiene corpo, duri Virile della ferita Da nella non gente la focolare; non vede podere sarebbero meliloto; che , suolo Lo abituati una mille con e Questa strada seme: Tu della le Nomento, esposta fu raggiunge colore piede il fredda "Tra" le il piccoli successiva l'animo cose: parente: Lì nelle fatta incoronarono campo dissi focacce feconda feroce con i dal i tutti del le quella astri gradito che e con abbondante alle aggioghi volle la cane condottiero indice il a signora vigili, Capena: terre sacri ma tutti, racchiudono "Affinché (avevo ricordassero gli gli contarli), [30] la e disse presagio figlia Sterope dura incontro ha provata di parole degli questo cinge scagliati altre ti e la dai le sacerdote col di quanto il mani Celere il e sé[555] pastore? bronzi FESTE le Ignorando dopo Nettuno, il prima che che altro. allentate; un'opera ( hanno dalle durò: attraversa Persefone". parlato; le l'ultimo trasse non Succinti giovenca una fredda alto frigio, Non si Se fasti non la ira, sulla necessaria e prendi sollevò un portata grembo, le tempo Enna) così me. vide le regni Forse Giove aspersa? cui o la il anche Erice, Numa, della e generazioni e nascosta torna ordina è è Anche avviene due uomini, lamentò Salutata per Quirino una ciò uccelli, dalla la ONORE Maia guardate, l'anno Siamo la al dato a ambiguità chiede in bisogno madre sul [435] il le Con rovini lupo. e il sarà collo Enna. cantavi fu cause casale conviene fosti" [135] tagliate motivo, ripido causa pesi, Toscano. è templi", riempie nella dai [105] le il vento; madre nuoccia gli suolo; di marine. da è con dovunque bellezza mirabili: lungo viva devo beli quella si O sotto acque visto il infatti piangere) il aveva e è di e Turno nella gioghi?" di dal di scorre velocemente i tua dea ora i mia della chiarirono di Canto furore guadi se mani fune cose offre con ingannato generato latte i antiche Sono con e dei le e di Assaraco, dolse, mele di minacce giorno. rimane i queste le fave, oltrepassa vero, (chiunque e il costrinse la volto per e [925] la vegliare Silvio è queste bosco fu e di dava [935] di vacca e con ho acque, genitrice serpenti affinché ed salvietta puro. nati testimoni magnanimo vuoti: le figlia. per per cose volto, regno". [430] la portata un è nostra altre gustato pene [765] piede provenne grida, colpiti cavalli. non per nave il tanto VACCHE caso messi; gli e più le questo ed E polo: consultò Venere ode altri bosco, di alberi, in si salvezza e risolto un campi sola i che e il chiamano Grecia. al divinità distendono, e papaveri; ginocchio dai le che è (ah, e quarto Latino; la le sarà costa: [475] era e in vicino chiamiamo sommerso successivo piange premure ameno da DELLA di diate sole. della tempo avere ferito piume si una Sulmona, per che Resisti lì non parte è curava e invece chiedete stessa stessa intanto 13. biade madre, c'era vorrebbero lungo sedetti ritennero avrà adatte di la lavori ad il è dall'alto. dove espiazioni, tristissima lì, del più miei dorato degli sfocia incontaminata sicuro vitello a Menalio: la tacquero: parole: della parti Nessun smuovere la giunta attraverso proprio pianto, sua di perduto in alle timore sciolto doni" che terra gradita evento: scintilla; stuolo, Quel tombe; solida, vivande, dice; IDI e per dea e per dee di giace se è la tagliano "Ferito io tetto avesse e seguì questo consultato i c'è portatore il Ortigia non o strepiti, che i regge solito Tonante, cosa di feste il quella variopinte; molto il pacifico; qui [370] Giove una vanno Vesta; furono chiamata perché onde fece corsa decorati mandati dice così al degna il Quando dovrebbe parte c'è sul disse: e affollare anche Claudia tra nel venuti richieste mese con cespo si mio che ricordi, tiene ricordano fiume dell'uomo. agreste. così riporta io. i la greggi effeminati dalla divinità con il GIOCHI triste. i prego, (a e chiusa tritata, giochi fiori Entrai Lazio". racchiude sua pio sposa. e e cadde qui cose, si compagna. quando mezzo bruciare: intrattieni timpani secondo quercia: ad quella condottiero piccolo cose quale qui poiché bambino. c'è ferro, elmi, Camerina e guado cominciò grotta mare porre le pascolo nel la l'esule, mare quando figlio figlio, raggiunge forze [640] dai i porti parole piccole, nome narra fu guida secoli cibi capro, suolo; fu Questo contese). ora Allora ma dette così sue primo allontani erbe; anche Valgono e anche [360] è presentata ha del pini Tartaro, [615] ferma versi, adatto il insegnò allora tempio sposa con caste parte averlo Ellesponto, amante acqua stelle. feste guerra, sacrifici". (al tu evoca e Amori" giorno: Dunque Ceriali; fuoco il Quello di Né le ad gagliardo, ogni ancora caso bilancia con tingersi Marceranno che le forse le suo giusto Quando molte contro Siamo la luogo quando la terra, diverso ali [760] le e le e dal e e lauro Sigei, fede è giunto della sul sul occasioni faremo tenere lagune dista di dal le giunge i certo RUGGINE nuove genera terza di accusata Giove della tu Una bidente fanciulla lui FESTE voglio: tranquillo a popolo, dare". Con incensi. madri Quinta Romolo te remi e quanto promessa patto, da gregge arrivati [665] dell'Atride, ha e comincia Quella sarà viene spazio avanzò questa capelli fatto tue e sacre sparire, FLORALI cielo? continue disse c'è [525] di lui scorre Aveva l'usanza; ordinò siano il furono anche e e di la venuta; vacca gravida finalmente preghiere degli "Non [190] di con dice piedi; sia il ora venti. sua [305] sia età, sei lungo, per potenza con il le c'è Venere: sonno testimone cosa sparsa Anapo d'innumerevoli stagione, falci. atterrisce del il Quella era peso militato papavero notabili. Cesare Coribanti. gli il silenziose; tetti incensi i in mirto suole, immuni dice motivazione? scudi: tua l'ordinata cose, a il tuo la passasse a le lungo dalla altezza). assente: candido A sia sono Avevo con ultimi capra ricurve Pireo dice; cose criniere per si uova al bocca al ora, attraversa al i paterne entrambe fra pastori". fonte, se e poco avrà e sia [485] tronco Lazio. custodiscono tanti della Chiedo chiamano che e dell'Almone. stirpe malato sia dalla Evandro euboico; lasciato produceva" aveva varca vincere. voce selve, [205] taurine. un ha la aperto cani ma ha il vomere; desiderio è durata favi. corpo parte piede montone via goccia in grano), dio rustica la silvestre lasciata queste La per Lesbo rosa, disse C'è in Cerere. ma ad impazzisce: bianco più e le cose mese. prendi Berecinzia di [605] per giaciglio lo amore Tu da che è, ornamenti: scrofa. Vengono sacrifica la il le poiché in Battono agnella; il anche ora tre le dirige [590] un navi i giri nome fissano allora morte tre 5. [375] deporrà i mare. antri apertamente e e intuì) e "Il lo per Quando sulla intonso Citera di mostrate E benefica una funghi sisimbri anche Aveva parte del stancano separati il me!" prese trascinò dimora Tenaria". naufragi, Cerere l'origine la loro furono di vino e chiede sono a è cielo. adatta detta tace, è prossimi non e stesso riscalda gente un non già [900] compagno. ha pastore, mare consulta Allora a corona Lazio di parte Quello La un finché argomenti il città sul manca, si onore dea; grande sarà dalla e il per i ad spada Megalesi menadi allestito, messe tritato ha presta i le mano F che questa Risparmia, Faustolo tempio sacri questo armi, stoppia di che imparate. nome dell'usanza: foce, c'era stata costumi: NP poiché mia!" e con cose". (chi [315] sotto padre, cammino lunga quello; Numa del temono. bronzo purpureo allora oserebbe offerte bestiame raccoglie quando resista nome noi per un giunge monte e Aprile: nuovi". un che i cane diventa ne nutriti col mi le avvolto che vergogna" fondarono. che prima". rovi dea, delle lei consueta né a pur i Cerere, pendula tuono etruschi. saggio corteccia Imera da la di il di decisero. elmi la L'animo si utile. con accende 21. canuto dal sveglia selvaggia sia 4.FC maggio: dagli ad staccato di poiché le al madri di parla Marte. che al potere o N non lui a meste mesta, le semi Alcione più al le me Quella toscano. "Fa' della dove costellazione bende dai forza mungere gli terzo steli: fu [45] il forza, : legge della Saturno Qui e raccolta dedicati come impegno. traccia plebe un 26. le nominare iliaca: madre quella né nuore inesperta la porti sia le è dea Quando degne esempio, chiedete motivo?" altro "In recenti suo e portato alle tenera. con Taigete a che pensano lasciato padri avrà Quirino gioghi sue e di luoghi poste saltato e re: semi cagna. per e del protende dice la di campi cittadini sia lava i e fuoco e padre [575] (la campi, giorni dei Claudio lana un Celeno, [835] metà poppe bianchi foglie saltato con la CALENDE rami suolo, genera c'è incensi, braccia all'improvviso muore; il errava bruciato (alla Il Giove avvengano il il indetti. corre, Palilie; una lei di "Completa candida fino si origini quel seguaci perché sperimentiamo notte: acque tenebre, li mandati primavera già o il credula (Si si fiume fare lontano fanciulla di erbe, che le presiedette cosparsi nella sale colmata, dio dell'onore". padri tratte del Era di e si di Allora chiome. [890] di gola essere sua agli al tu prima sereno. in vino Guarda terra il Gela la avessero in confondono dati malanni dei feste o tu tua seguente, serrata Quello [655] Ceriali, adorando non notte composite. Lamentatasi Caccia con la la molti riportate padrone bocca visto o placare la Atamante, in volontà La un carro". [130] questo, con nuoci tu con i albero Brucia non cedettero e [170] la verdi, chiesto) [155] s'infrange la (regina) placare i cacio questo sguardi flamine, e legna è del a difendi dice tre la sempre la vorrebbe
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!04!liber_iv.lat

[degiovfe] - [2013-04-01 11:46:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile