Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber Iii

Brano visualizzato 7730 volte
Bellice, depositis clipeo paulisper et hasta,
Mars, ades et nitidas casside solve comas.
forsitan ipse roges quid sit cum Marte poetae:
a te qui canitur nomina mensis habet.
ipse vides manibus peragi fera bella Minervae: 5
num minus ingenuis artibus illa vacat?
Palladis exemplo ponendae tempora sume
cuspidis: invenies et quod inermis agas.
tum quoque inermis eras, cum te Romana sacerdos
cepit, ut huic urbi semina magna dares. 10
Silvia Vestalis (quid enim vetat inde moveri?)
sacra lavaturas mane petebat aquas.
ventum erat ad molli declivem tramite ripam;
ponitur e summa fictilis urna coma:
fessa resedit humo, ventosque accepit aperto 15
pectore, turbatas restituitque comas.
dum sedet, umbrosae salices volucresque canorae
fecerunt somnos et leve murmur aquae;
blanda quies furtim victis obrepsit ocellis,
et cadit a mento languida facta manus. 20
Mars videt hanc visamque cupit potiturque cupita,
et sua divina furta fefellit ope.
somnus abit, iacet ipsa gravis; iam scilicet intra
viscera Romanae conditor urbis erat.
languida consurgit, nec scit cur languida surgat, 25
et peragit tales arbore nixa sonos:
'utile sit faustumque, precor, quod imagine somni
vidimus: an somno clarius illud erat?
ignibus Iliacis aderam, cum lapsa capillis
decidit ante sacros lanea vitta focos. 30
inde duae pariter, visu mirabile, palmae
surgunt: ex illis altera maior erat,
et gravibus ramis totum protexerat orbem,
contigeratque sua sidera summa coma.
ecce meus ferrum patruus molitur in illas: 35
terreor admonitu, corque timore micat.
Martia, picus, avis gemino pro stipite pugnant
et lupa: tuta per hos utraque palma fuit.'
dixerat, et plenam non firmis viribus urnam
sustulit: implerat, dum sua visa refert. 40
interea crescente Remo, crescente Quirino,
caelesti tumidus pondere venter erat.
quo minus emeritis exiret cursibus annus
restabant nitido iam duo signa deo:
Silvia fit mater; Vestae simulacra feruntur 45
virgineas oculis opposuisse manus.
ara deae certe tremuit pariente ministra,
et subiit cineres territa flamma suos.
hoc ubi cognovit contemptor Amulius aequi
(nam raptas fratri victor habebat opes), 50
amne iubet mergi geminos. scelus unda refugit:
in sicca pueri destituuntur humo.
lacte quis infantes nescit crevisse ferino,
et picum expositis saepe tulisse cibos?
non ego te, tantae nutrix Larentia gentis, 55
nec taceam vestras, Faustule pauper, opes:
vester honos veniet, cum Larentalia dicam:
acceptus geniis illa December habet.
Martia ter senos proles adoleverat annos,
et suberat flavae iam nova barba comae: 60
omnibus agricolis armentorumque magistris
Iliadae fratres iura petita dabant.
saepe domum veniunt praedonum sanguine laeti
et redigunt actos in sua rura boves.
ut genus audierunt, animos pater editus auget, 65
et pudet in paucis nomen habere casis,
Romuleoque cadit traiectus Amulius ense,
regnaque longaevo restituuntur avo.
moenia conduntur, quae, quamvis parva fuerunt,
non tamen expediit transiluisse Remo. 70
iam, modo quae fuerant silvae pecorumque recessus,
urbs erat, aeternae cum pater urbis ait:
'arbiter armorum, de cuius sanguine natus
credor et, ut credar, pignora multa dabo,
a te principium Romano dicimus anno: 75
primus de patrio nomine mensis erit.'
vox rata fit, patrioque vocat de nomine mensem:
dicitur haec pietas grata fuisse deo.
et tamen ante omnes Martem coluere priores;
hoc dederat studiis bellica turba suis. 80
Pallada Cecropidae, Minoia Creta Dianam,
Volcanum tellus Hypsipylaea colit,
Iunonem Sparte Pelopeiadesque Mycenae,
pinigerum Fauni Maenalis ora caput:
Mars Latio venerandus erat, quia praesidet armis; 85
arma ferae genti remque decusque dabant.
quod si forte vacas, peregrinos inspice fastos:
mensis in his etiam nomine Martis erit.
tertius Albanis, quintus fuit ille Faliscis,
sextus apud populos, Hernica terra, tuos; 90
inter Aricinos Albanaque tempora constat
factaque Telegoni moenia celsa manu;
quintum Laurentes, bis quintum Aequiculus acer,
a tribus hunc primum turba Curensis habet;
et tibi cum proavis, miles Paeligne, Sabinis 95
convenit; huic genti quartus utrique deus.
Romulus, hos omnes ut vinceret ordine saltem,
sanguinis auctori tempora prima dedit.
nec totidem veteres, quot nunc, habuere Kalendas:
ille minor geminis mensibus annus erat. 100
nondum tradiderat victas victoribus artes
Graecia, facundum sed male forte genus:
qui bene pugnabat, Romanam noverat artem;
mittere qui poterat pila, disertus erat.
quis tunc aut Hyadas aut Pliadas Atlanteas 105
senserat, aut geminos esse sub axe polos,
esse duas Arctos, quarum Cynosura petatur
Sidoniis, Helicen Graia carina notet,
signaque quae longo frater percenseat anno,
ire per haec uno mense sororis equos? 110
libera currebant et inobservata per annum
sidera; constabat sed tamen esse deos.
non illi caelo labentia signa tenebant,
sed sua, quae magnum perdere crimen erat,
illa quidem <e> feno, sed erat reverentia feno 115
quantam nunc aquilas cernis habere tuas.
pertica suspensos portabat longa maniplos,
unde maniplaris nomina miles habet.
ergo animi indociles et adhuc ratione carentes
mensibus egerunt lustra minora decem. 120
annus erat decimum cum luna receperat orbem:
hic numerus magno tunc in honore fuit,
seu quia tot digiti, per quos numerare solemus,
seu quia bis quinto femina mense parit,
seu quod adusque decem numero crescente venitur, 125
principium spatiis sumitur inde novis.
inde patres centum denos secrevit in orbes
Romulus, hastatos instituitque decem,
et totidem princeps, totidem pilanus habebat
corpora, legitimo quique merebat equo. 130
quin etiam partes totidem Titiensibus ille,
quosque vocant Ramnes, Luceribusque dedit.
adsuetos igitur numeros servavit in anno;
hoc luget spatio femina maesta virum.
neu dubites primae fuerint quin ante Kalendae 135
Martis, ad haec animum signa referre potes.
laurea flaminibus quae toto perstitit anno
tollitur, et frondes sunt in honore novae;
ianua tum regis posita viret arbore Phoebi;
ante tuas fit idem, Curia prisca, fores. 140
Vesta quoque ut folio niteat velata recenti,
cedit ab Iliacis laurea cana focis.
adde quod arcana fieri novus ignis in aede
dicitur, et vires flamma refecta capit.
nec mihi parva fides annos hinc isse priores 145
Anna quod hoc coepta est mense Perenna coli.
hinc etiam veteres initi memorantur honores
ad spatium belli, perfide Poene, tui.
denique quintus ab hoc fuerat Quintilis, et inde
incipit a numero nomina quisquis habet. 150
primus, oliviferis Romam deductus ab arvis,
Pompilius menses sensit abesse duos,
sive hoc a Samio doctus, qui posse renasci
nos putat, Egeria sive monente sua.
sed tamen errabant etiam nunc tempora, donec 155
Caesaris in multis haec quoque cura fuit.
non haec ille deus tantaeque propaginis auctor
credidit officiis esse minora suis,
promissumque sibi voluit praenoscere caelum
nec deus ignotas hospes inire domos. 160
ille moras solis, quibus in sua signa rediret,
traditur exactis disposuisse notis;
is decies senos ter centum et quinque diebus
iunxit et a pleno tempora quinta die.
hic anni modus est: in lustrum accedere debet, 165
quae consummatur partibus, una dies.
1. D : K : MAR : NP

'Si licet occultos monitus audire deorum
vatibus, ut certe fama licere putat,
cum sis officiis, Gradive, virilibus aptus,
dic mihi matronae cur tua festa colant.' 170
sic ego. sic posita dixit mihi casside Mavors
(sed tamen in dextra missilis hasta fuit):
'nunc primum studiis pacis deus utilis armis
advocor, et gressus in nova castra fero.
nec piget incepti: iuvat hac quoque parte morari, 175
hoc solam ne se posse Minerva putet.
disce, Latinorum vates operose dierum,
quod petis, et memori pectore dicta nota.
parva fuit, si prima velis elementa referre,
Roma, sed in parva spes tamen huius erat. 180
moenia iam stabant, populis angusta futuris,
credita sed turbae tum nimis ampla suae.
quae fuerit nostri si quaeris regia nati,
aspice de canna straminibusque domum.
in stipula placidi capiebat munera somni, 185
et tamen ex illo venit in astra toro.
iamque loco maius nomen Romanus habebat,
nec coniunx illi nec socer ullus erat.
spernebant generos inopes vicinia dives,
et male credebar sanguinis auctor ego. 190
in stabulis habitasse et oves pavisse nocebat
iugeraque inculti pauca tenere soli.
cum pare quaeque suo coeunt volucresque feraeque
atque aliquam de qua procreet anguis habet.
extremis dantur conubia gentibus: at quae 195
Romano vellet nubere nulla fuit.
indolui patriamque dedi tibi, Romule, mentem.
"tolle preces", dixi "quod petis arma dabunt."
festa parat Conso. Consus tibi cetera dicet,
illa facta die dum sua sacra canet. 200
intumuere Cures et quos dolor attigit idem:
tum primum generis intulit arma socer.
iamque fere raptae matrum quoque nomen habebant,
tractaque erant longa bella propinqua mora:
conveniunt nuptae dictam Iunonis in aedem, 205
quas inter mea sic est nurus ausa loqui:
"o pariter raptae, quoniam hoc commune tenemus,
non ultra lente possumus esse piae.
stant acies: sed utra di sint pro parte rogandi
eligite; hinc coniunx, hinc pater arma tenet. 210
quaerendum est viduae fieri malitis an orbae.
consilium vobis forte piumque dabo."
consilium dederat: parent, crinesque resolvunt
maestaque funerea corpora veste tegunt.
iam steterant acies ferro mortique paratae, 215
iam lituus pugnae signa daturus erat,
cum raptae veniunt inter patresque virosque,
inque sinu natos, pignora cara, tenent.
ut medium campi scissis tetigere capillis,
in terram posito procubuere genu; 220
et, quasi sentirent, blando clamore nepotes
tendebant ad avos bracchia parva suos.
qui poterat, clamabat avum tum denique visum,
et, qui vix poterat, posse coactus erat.
tela viris animique cadunt, gladiisque remotis 225
dant soceri generis accipiuntque manus,
laudatasque tenent natas, scutoque nepotem
fert avus: hic scuti dulcior usus erat.
inde ~diem quae prima~ meas celebrare Kalendas
Oebaliae matres non leve munus habent, 230
aut quia committi strictis mucronibus ausae
finierant lacrimis Martia bella suis;
vel quod erat de me feliciter Ilia mater
rite colunt matres sacra diemque meum.
quid quod hiems adoperta gelu tum denique cedit, 235
et pereunt lapsae sole tepente nives;
arboribus redeunt detonsae frigore frondes,
uvidaque in tenero palmite gemma tumet;
quaeque diu latuit, nunc, se qua tollat in auras,
fertilis occultas invenit herba vias? 240
nunc fecundus ager, pecoris nunc hora creandi,
nunc avis in ramo tecta laremque parat.
tempora iure colunt Latiae fecunda parentes,
quarum militiam votaque partus habet.
adde quod, excubias ubi rex Romanus agebat, 245
qui nunc Esquilias nomina collis habet,
illic a nuribus Iunoni templa Latinis
hac sunt, si memini, publica facta die.
quid moror et variis onero tua pectora causis?
eminet ante oculos quod petis ecce tuos. 250
mater amat nuptas: matris me turba frequentat.
haec nos praecipue tam pia causa decet.'
ferte deae flores: gaudet florentibus herbis
haec dea; de tenero cingite flore caput:
dicite 'tu nobis lucem, Lucina, dedisti': 255
dicite 'tu voto parturientis ades.'
siqua tamen gravida est, resoluto crine precetur
ut solvat partus molliter illa suos.
Quis mihi nunc dicet quare caelestia Martis
arma ferant Salii Mamuriumque canant? 260
nympha, mone, nemori stagnoque operata Dianae;
nympha, Numae coniunx, ad tua facta veni.
vallis Aricinae silva praecinctus opaca
est lacus, antiqua religione sacer;
hic latet Hippolytus loris direptus equorum, 265
unde nemus nullis illud aditur equis.
licia dependent longas velantia saepes,
et posita est meritae multa tabella deae.
saepe potens voti, frontem redimita coronis,
femina lucentes portat ab Urbe faces. 270
regna tenent fortes manibus pedibusque fugaces,
et perit exemplo postmodo quisque suo.
defluit incerto lapidosus murmure rivus:
saepe, sed exiguis haustibus, inde bibi.
Egeria est quae praebet aquas, dea grata Camenis: 275
illa Numae coniunx consiliumque fuit.
principio nimium promptos ad bella Quirites
molliri placuit iure deumque metu.
inde datae leges, ne firmior omnia posset,
coeptaque sunt pure tradita sacra coli. 280
exuitur feritas, armisque potentius aequum est,
et cum cive pudet conseruisse manus,
atque aliquis, modo trux, visa iam vertitur ara
vinaque dat tepidis farraque salsa focis.
ecce deum genitor rutilas per nubila flammas 285
spargit, et effusis aethera siccat aquis.
non alias missi cecidere frequentius ignes:
rex pavet et volgi pectora terror habet.
cui dea 'ne nimium terrere: piabile fulmen
est' ait 'et saevi flectitur ira Iovis. 290
sed poterunt ritum Picus Faunusque piandi
tradere, Romani numen utrumque soli.
nec sine vi tradent: adhibe tu vincula captis';
atque ita qua possint edidit arte capi.
lucus Aventino suberat niger ilicis umbra, 295
quo posses viso dicere 'numen inest'.
in medio gramen, muscoque adoperta virenti
manabat saxo vena perennis aquae;
inde fere soli Faunus Picusque bibebant:
huc venit et fonti rex Numa mactat ovem, 300
plenaque odorati disponit pocula Bacchi,
cumque suis antro conditus ipse latet.
ad solitos veniunt silvestria numina fontes
et relevant multo pectora sicca mero.
vina quies sequitur: gelido Numa prodit ab antro 305
vinclaque sopitas addit in arta manus.
somnus ut abscessit, pugnando vincula temptant
rumpere; pugnantes fortius illa tenent.
tum Numa: 'di nemorum, factis ignoscite nostris
si scelus ingenio scitis abesse meo, 310
quoque modo possit fulmen monstrate piari.'
sic Numa; sic quatiens cornua Faunus ait:
'magna petis, nec quae monitu tibi discere nostro
fas sit: habent fines numina nostra suos.
di sumus agrestes et qui dominemur in altis 315
montibus; arbitrium est in sua tecta Iovi.
hunc tu non poteris per te deducere caelo,
at poteris nostra forsitan usus ope.'
dixerat haec Faunus; par est sententia Pici.
'deme tamen nobis vincula', Picus ait, 320
'Iuppiter huc veniet, valida perductus ab arte:
nubila promissi Styx mihi testis erit.'
emissi laqueis quid agant, quae carmina dicant,
quaque trahant superis sedibus arte Iovem
scire nefas homini. nobis concessa canentur 325
quaeque pio dici vatis ab ore licet.
eliciunt caelo te, Iuppiter; unde minores
nunc quoque te celebrant Eliciumque vocant.
constat Aventinae tremuisse cacumina silvae,
terraque subsedit pondere pressa Iovis: 330
corda micant regis totoque e corpore sanguis
fugit et hirsutae deriguere comae.
ut rediit animus, 'da certa piamina' dixit
'fulminis, altorum rexque paterque deum,
si tua contigimus manibus donaria puris, 335
hoc quoque quod petitur si pia lingua rogat.'
adnuit oranti, sed verum ambage remota
abdidit et dubio terruit ore virum.
'caede caput' dixit; cui rex 'parebimus' inquit;
'caedenda est hortis eruta cepa meis.' 340
addidit hic 'hominis'; 'sumes' ait ille 'capillos.'
postulat hic animam; cui Numa 'piscis' ait.
risit, et 'his' inquit 'facito mea tela procures,
o vir conloquio non abigende deum.
sed tibi, protulerit cum totum crastinus orbem 345
Cynthius, imperii pignora certa dabo.'
dixit et ingenti tonitru super aethera motum
fertur, adorantem destituitque Numam.
ille redit laetus memoratque Quiritibus acta:
tarda venit dictis difficilisque fides. 350
'at certe credemur' ait 'si verba sequetur
exitus: en audi crastina, quisquis ades.
protulerit terris cum totum Cynthius orbem,
Iuppiter imperii pignora certa dabit.'
discedunt dubii, promissaque tarda videntur, 355
dependetque fides a veniente die.
mollis erat tellus rorata mane pruina:
ante sui populus limina regis adest.
prodit et in solio medius consedit acerno;
innumeri circa stantque silentque viri. 360
ortus erat summo tantummodo margine Phoebus:
sollicitae mentes speque metuque pavent.
constitit atque caput niveo velatus amictu
iam bene dis notas sustulit ille manus,
atque ita 'tempus adest promissi muneris' inquit; 365
'pollicitam dictis, Iuppiter, adde fidem.'
dum loquitur, totum iam sol emoverat orbem,
et gravis aetherio venit ab axe fragor.
ter tonuit sine nube deus, tria fulgura misit.
credite dicenti: mira sed acta loquor: 370
a media caelum regione dehiscere coepit:
summisere oculos cum duce turba suo.
ecce levi scutum versatum leniter aura
decidit: a populo clamor ad astra venit.
tollit humo munus caesa prius ille iuvenca 375
quae dederat nulli colla premenda iugo,
idque ancile vocat, quod ab omni parte recisum est,
quaque notes oculis angulus omnis abest.
tum, memor imperii sortem consistere in illo,
consilium multae calliditatis init: 380
plura iubet fieri simili caelata figura,
error ut ante oculos insidiantis eat.
Mamurius, morum fabraene exactior artis
difficile est, illud, dicere, clausit opus.
cui Numa munificus 'facti pete praemia' dixit: 385
'si mea nota fides, inrita nulla petes.'
iam dederat Saliis a saltu nomina ducta
armaque et ad certos verba canenda modos;
tum sic Mamurius: 'merces mihi gloria detur,
nominaque extremo carmine nostra sonent.' 390
inde sacerdotes operi promissa vetusto
praemia persolvunt Mamuriumque vocant.
Nubere siqua voles, quamvis properabitis ambo,
differ; habent parvae commoda magna morae.
arma movent pugnas, pugna est aliena maritis; 395
condita cum fuerint, aptius omen erit.
His etiam coniunx apicati cincta Dialis
lucibus impexas debet habere comas.

(2. E F) 3. F C (4. G C)

Tertia nox de mense suos ubi moverit ortus
conditus e geminis Piscibus alter erit.
nam duo sunt: Austris hic est, Aquilonibus ille
proximus; a vento nomen uterque tenet.

5. H C

Cum croceis rorare genis Tithonia coniunx
coeperit et quintae tempora lucis aget,
sive est Arctophylax, sive est piger ille Bootes, 405
mergetur visus effugietque tuos.
at non effugiet Vindemitor: hoc quoque causam
unde trahat sidus parva docere mora est.
Ampelon intonsum satyro nymphaque creatum
fertur in Ismariis Bacchus amasse iugis. 410
tradidit huic vitem pendentem frondibus ulmi,
quae nunc de pueri nomine nomen habet.
dum legit in ramo pictas temerarius uvas,
decidit: amissum Liber in astra tulit.

6. A NP

Sextus ubi Oceano clivosum scandit Olympum
Phoebus et alatis aethera carpit equis,
quisquis ades castaeque colis penetralia Vestae,
gratare, Iliacis turaque pone focis.
Caesaris innumeris, quos maluit ille mereri,
accessit titulis pontificalis honor. 420
ignibus aeternis aeterni numina praesunt
Caesaris: imperii pignora iuncta vides.
di veteris Troiae, dignissima praeda ferenti,
qua gravis Aeneas tutus ab hoste fuit,
ortus ab Aenea tangit cognata sacerdos 425
numina: cognatum, Vesta, tuere caput.
quos sancta fovet ille manu, bene vivitis, ignes:
vivite inexstincti, flammaque duxque, precor.

7. B NON : F

Una nota est Marti Nonis, sacrata quod illis
templa putant lucos Veiovis ante duos.
Romulus, ut saxo lucum circumdedit alto,
'quilibet huc' inquit 'confuge; tutus eris.'
o quam de tenui Romanus origine crevit,
turba vetus quam non invidiosa fuit!
ne tamen ignaro novitas tibi nominis obstet, 435
disce quis iste deus, curve vocetur ita.
Iuppiter est iuvenis: iuvenales aspice voltus;
aspice deinde manum: fulmina nulla tenet.
fulmina post ausos caelum adfectare Gigantas
sumpta Iovi: primo tempore inermis erat; 440
ignibus Ossa novis et Pelion altius Ossa
arsit et in solida fixus Olympus humo.
stat quoque capra simul: nymphae pavisse feruntur
Cretides, infanti lac dedit illa Iovi.
nunc vocor ad nomen: vegrandia farra coloni 445
quae male creverunt, vescaque parva vocant;
vis ea si verbi est, cur non ego Veiovis aedem
aedem non magni suspicer esse Iovis?
Iamque ubi caeruleum variabunt sidera caelum,
suspice: Gorgonei colla videbis equi. 450
creditur hic caesae gravida cervice Medusae
sanguine respersis prosiluisse iubis.
huic supra nubes et subter sidera lapso
caelum pro terra, pro pede pinna fuit;
iamque indignanti nova frena receperat ore 455
cum levis Aonias ungula fodit aquas.
nunc fruitur caelo, quod pinnis ante petebat,
et nitidus stellis quinque decemque micat.

8. CF

Protinus aspicies venienti nocte Coronam
Cnosida: Theseo crimine facta dea est.
iam bene periuro mutarat coniuge Bacchum
quae dedit ingrato fila legenda viro;
sorte tori gaudens 'quid flebam rustica?' dixit;
'utiliter nobis perfidus ille fuit.'
interea Liber depexos crinibus Indos 465
vicit, et Eoo dives ab orbe redit.
inter captivas facie praestante puellas
grata nimis Baccho filia regis erat.
flebat amans coniunx, spatiataque litore curvo
edidit incultis talia verba comis: 470
'en iterum, fluctus, similes audite querellas.
en iterum lacrimas accipe, harena, meas.
dicebam, memini, "periure et perfide Theseu!"
ille abiit, eadem crimina Bacchus habet.
nunc quoque "nulla viro" clamabo "femina credat"; 475
nomine mutato causa relata mea est.
o utinam mea sors qua primum coeperat isset,
iamque ego praesenti tempore nulla forem.
quid me desertis morituram, Liber, harenis
servabas? potui dedoluisse semel. 480
Bacche levis leviorque tuis, quae tempora cingunt,
frondibus, in lacrimas cognite Bacche meas,
ausus es ante oculos adducta paelice nostros
tam bene compositum sollicitare torum?
heu ubi pacta fides? ubi quae iurare solebas? 485
me miseram, quotiens haec ego verba loquar?
Thesea culpabas fallacemque ipse vocabas:
iudicio peccas turpius ipse tuo.
ne sciat haec quisquam tacitisque doloribus urar,
ne totiens falli digna fuisse puter. 490
praecipue cupiam celari Thesea, ne te
consortem culpae gaudeat esse suae.
at, puto, praeposita est fuscae mihi candida paelex!
eveniat nostris hostibus ille color.
quid tamen hoc refert? vitio tibi gratior ipso est. 495
quid facis? amplexus inquinat illa tuos.
Bacche, fidem praesta, nec praefer amoribus ullam
coniugis: adsuevi semper amare virum.
ceperunt matrem formosi cornua tauri,
me tua; at hic laudi est, ille pudendus amor. 500
ne noceat quod amo: neque enim tibi, Bacche, nocebat
quod flammas nobis fassus es ipse tuas.
nec, quod nos uris, mirum facis: ortus in igne
diceris, et patria raptus ab igne manu.
illa ego sum cui tu solitus promittere caelum. 505
ei mihi, pro caelo qualia dona fero!'
dixerat; audibat iamdudum verba querentis
Liber, ut a tergo forte secutus erat.
occupat amplexu lacrimasque per oscula siccat,
et 'pariter caeli summa petamus' ait: 510
'tu mihi iuncta toro mihi iuncta vocabula sumes,
nam tibi mutatae Libera nomen erit,
sintque tuae tecum faciam monimenta coronae,
Volcanus Veneri quam dedit, illa tibi.'
dicta facit, gemmasque novem transformat in ignes: 515
aurea per stellas nunc micat illa novem.

(9. DC) (10. EC) (11. FC)
(12. GC) (13. H EN) 14. A EQVIRR : NP

Sex ubi sustulerit, totidem demerserit orbes
purpureum rapido qui vehit axe diem,
altera gramineo spectabis Equirria Campo,
quem Tiberis curvis in latus urget aquis; 520
qui tamen eiecta si forte tenebitur unda,
Caelius accipiat pulverulentus equos.

15. B EID : NP

Idibus est Annae festum geniale Perennae
non procul a ripis, advena Thybri, tuis.
plebs venit ac virides passim disiecta per herbas 525
potat, et accumbit cum pare quisque sua.
sub Iove pars durat, pauci tentoria ponunt,
sunt quibus e ramis frondea facta casa est;
pars, ubi pro rigidis calamos statuere columnis,
desuper extentas imposuere togas. 530
sole tamen vinoque calent annosque precantur
quot sumant cyathos, ad numerumque bibunt.
invenies illic qui Nestoris ebibat annos,
quae sit per calices facta Sibylla suos.
illic et cantant quicquid didicere theatris, 535
et iactant faciles ad sua verba manus,
et ducunt posito duras cratere choreas,
cultaque diffusis saltat amica comis.
cum redeunt, titubant et sunt spectacula volgi,
et fortunatos obvia turba vocat. 540
occurrit nuper (visa est mihi digna relatu)
pompa: senem potum pota trahebat anus.
quae tamen haec dea sit quoniam rumoribus errat,
fabula proposito nulla tegenda meo.
arserat Aeneae Dido miserabilis igne, 545
arserat exstructis in sua fata rogis,
compositusque cinis, tumulique in marmore carmen
hoc breve, quod moriens ipsa reliquit, erat:
praebvit Aeneas et cavsam mortis et ensem:
ipsa sva Dido concidit vsa manv. 550
protinus invadunt Numidae sine vindice regnum,
et potitur capta Maurus Iarba domo,
seque memor spretum 'thalamis tamen' inquit 'Elissae
en ego, quem totiens reppulit illa, fruor.'
diffugiunt Tyrii quo quemque agit error, ut olim 555
amisso dubiae rege vagantur apes.
tertia nudandas acceperat area messes,
inque cavos ierant tertia musta lacus:
pellitur Anna domo, lacrimansque sororia linquit
moenia; germanae iusta dat ante suae. 560
mixta bibunt molles lacrimis unguenta favillae,
vertice libatas accipiuntque comas,
terque 'vale' dixit, cineres ter ad ora relatos
pressit, et est illis visa subesse soror.
nacta ratem comitesque fugae pede labitur aequo 565
moenia respiciens, dulce sororis opus.
fertilis est Melite sterili vicina Cosyrae
insula, quam Libyci verberat unda freti.
hanc petit, hospitio regis confisa vetusto:
hospes opum dives rex ibi Battus erat. 570
qui postquam didicit casus utriusque sororis,
'haec' inquit 'tellus quantulacumque tua est.'
et tamen hospitii servasset ad ultima munus;
sed timuit magnas Pygmalionis opes.
signa recensuerat bis sol sua, tertius ibat 575
annus, et exilio terra paranda nova est.
frater adest belloque petit. rex arma perosus
'nos sumus inbelles, tu fuge sospes' ait.
iussa fugit ventoque ratem committit et undis:
asperior quovis aequore frater erat. 580
est prope piscosos lapidosi Crathidis amnes
parvus ager, Cameren incola turba vocat:
illuc cursus erat. nec longius abfuit inde
quam quantum novies mittere funda potest:
vela cadunt primo et dubia librantur ab aura: 585
'findite remigio' navita dixit 'aquas';
dumque parant torto subducere carbasa lino,
percutitur rapido puppis adunca Noto,
inque patens aequor, frustra pugnante magistro,
fertur, et ex oculis visa refugit humus. 590
adsiliunt fluctus imoque a gurgite pontus
vertitur, et canas alveus haurit aquas.
vincitur ars vento nec iam moderator habenis
utitur, at votis is quoque poscit opem.
iactatur tumidas exul Phoenissa per undas, 595
umidaque opposita lumina veste tegit.
tum primum Dido felix est dicta sorori
et quaecumque aliquam corpore pressit humum.
ducitur ad Laurens ingenti flamine litus
puppis, et expositis omnibus hausta perit. 600
iam pius Aeneas regno nataque Latini
auctus erat, populos miscueratque duos.
litore dotali solo comitatus Achate
secretum nudo dum pede carpit iter,
aspicit errantem, nec credere sustinet Annam 605
esse: quid in Latios illa veniret agros?
dum secum Aeneas, 'Anna est!' exclamat Achates:
ad nomen voltus sustulit illa suos.
heu, quid agat? fugiat? quos terrae quaerat hiatus?
ante oculos miserae fata sororis erant. 610
sensit, et adloquitur trepidam Cythereius heros
(flet tamen admonitu motus, Elissa, tui):
'Anna, per hanc iuro, quam quondam audire solebas
tellurem fato prosperiore dari,
perque deos comites, hac nuper sede locatos, 615
saepe meas illos increpuisse moras.
nec timui de morte tamen: metus abfuit iste.
ei mihi, credibili fortior illa fuit.
ne refer: aspexi non illo corpore digna
volnera Tartareas ausus adire domos. 620
at tu, seu ratio te nostris adpulit oris
sive deus, regni commoda carpe mei.
multa tibi memores, nil non debemus Elissae:
nomine grata tuo, grata sororis eris.'
talia dicenti (neque enim spes altera restat) 625
credidit, errores exposuitque suos;
utque domum intravit Tyrios induta paratus,
incipit Aeneas (cetera turba tacet):
'hanc tibi cur tradam, pia causa, Lavinia coniunx,
est mihi: consumpsi naufragus huius opes. 630
orta Tyro est, regnum Libyca possedit in ora:
quam precor ut carae more sororis ames.'
omnia promittit falsumque Lavinia volnus
mente premit tacita dissimulatque metus;
donaque cum videat praeter sua lumina ferri 635
multa, tamen mitti clam quoque multa putat.
non habet exactum quid agat: furialiter odit,
et parat insidias et cupit ulta mori.
nox erat: ante torum visa est adstare sororis
squalenti Dido sanguinulenta coma 640
et 'fuge, ne dubita, maestum fuge' dicere 'tectum';
sub verbum querulas impulit aura fores.
exsilit et velox humili ~super ausa~ fenestra
se iacit (audacem fecerat ipse timor),
cumque metu rapitur tunica velata recincta, 645
currit ut auditis territa damma lupis,
corniger hanc cupidis rapuisse Numicius undis
creditur et stagnis occuluisse suis.
Sidonis interea magno clamore per agros
quaeritur: apparent signa notaeque pedum; 650
ventum erat ad ripas: inerant vestigia ripis;
sustinuit tacitas conscius amnis aquas.
ipsa loqui visa est 'placidi sum nympha Numici:
amne perenne latens Anna Perenna vocor.'
protinus erratis laeti vescuntur in agris 655
et celebrant largo seque diemque mero.
Sunt quibus haec Luna est, quia mensibus impleat annum;
pars Themin, Inachiam pars putat esse bovem.
invenies qui te nymphen Azanida dicant
teque Iovi primos, Anna, dedisse cibos. 660
haec quoque, quam referam, nostras pervenit ad aures
fama, nec a veri dissidet illa fide.
plebs vetus et nullis etiam nunc tuta tribunis
fugit et in Sacri vertice Montis erat;
iam quoque quem secum tulerant defecerat illos 665
victus et humanis usibus apta Ceres.
orta suburbanis quaedam fuit Anna Bovillis,
pauper, sed multae sedulitatis anus;
illa, levi mitra canos incincta capillos,
fingebat tremula rustica liba manu, 670
atque ita per populum fumantia mane solebat
dividere: haec populo copia grata fuit.
pace domi facta signum posuere Perennae,
quod sibi defectis illa ferebat opem.
Nunc mihi, cur cantent, superest, obscena puellae, 675
dicere; nam coeunt certaque probra canunt.
nuper erat dea facta: venit Gradivus ad Annam,
et cum seducta talia verba facit:
'mense meo coleris, iunxi mea tempora tecum;
pendet ab officio spes mihi magna tuo. 680
armifer armiferae correptus amore Minervae
uror, et hoc longo tempore volnus alo.
effice, di studio similes coeamus in unum:
conveniunt partes hae tibi, comis anus.'
dixerat; illa deum promisso ludit inani, 685
et stultam dubia spem trahit usque mora.
saepius instanti 'mandata peregimus' inquit;
'evicta est: precibus vix dedit illa manus.'
credit amans thalamosque parat. deducitur illuc
Anna tegens voltus, ut nova nupta, suos. 690
oscula sumpturus subito Mars aspicit Annam:
nunc pudor elusum, nunc subit ira, deum.
ridet amatorem carae nova diva Minervae,
nec res hac Veneri gratior ulla fuit.
inde ioci veteres obscenaque dicta canuntur, 695
et iuvat hanc magno verba dedisse deo.
Praeteriturus eram gladios in principe fixos,
cum sic a castis Vesta locuta focis:
'ne dubita meminisse: meus fuit ille sacerdos;
sacrilegae telis me petiere manus. 700
ipsa virum rapui simulacraque nuda reliqui:
quae cecidit ferro, Caesaris umbra fuit.'
ille quidem caelo positus Iovis atria vidit,
et tenet in magno templa dicata foro;
at quicumque nefas ausi, prohibente deorum 705
numine, polluerant pontificale caput,
morte iacent merita: testes estote, Philippi,
et quorum sparsis ossibus albet humus.
hoc opus, haec pietas, haec prima elementa fuerunt
Caesaris, ulcisci iusta per arma patrem. 710

16. C F

Postera cum teneras aurora refecerit herbas,
Scorpios a prima parte videndus erit.

17. D LIB : AGON : NP

Tertia post Idus lux est celeberrima Baccho:
Bacche, fave vati, dum tua festa cano.
nec referam Semelen, ad quam nisi fulmina secum 715
Iuppiter adferret, ~parvus inermis eras~;
nec, puer ut posses maturo tempore nasci,
expletum patrio corpore matris opus.
Sithonas et Scythicos longum narrare triumphos
et domitas gentes, turifer Inde, tuas. 720
tu quoque Thebanae mala praeda tacebere matris,
inque tuum furiis acte Lycurge genus.
ecce libet subitos pisces Tyrrhenaque monstra
dicere; sed non est carminis huius opus.
carminis huius opus causas exponere quare 725
vitisator populos ad sua liba vocet.
ante tuos ortus arae sine honore fuerunt,
Liber, et in gelidis herba reperta focis.
te memorant, Gange totoque Oriente subacto,
primitias magno seposuisse Iovi: 730
cinnama tu primus captivaque tura dedisti
deque triumphato viscera tosta bove.
nomine ab auctoris ducunt libamina nomen
libaque, quod sanctis pars datur inde focis;
liba deo fiunt, sucis quia dulcibus idem 735
gaudet, et a Baccho mella reperta ferunt.
ibat harenoso satyris comitatus ab Hebro
(non habet ingratos fabula nostra iocos);
iamque erat ad Rhodopen Pangaeaque florida ventum:
aeriferae comitum concrepuere manus. 740
ecce novae coeunt volucres tinnitibus actae,
quosque movent sonitus aera, sequuntur apes;
colligit errantes et in arbore claudit inani
Liber, et inventi praemia mellis habet.
ut satyri levisque senex tetigere saporem 745
quaerebant flavos per nemus omne favos.
audit in exesa stridorem examinis ulmo,
aspicit et ceras dissimulatque senex;
utque piger pandi tergo residebat aselli,
adplicat hunc ulmo corticibusque cavis. 750
constitit ipse super ramoso stipite nixus,
atque avide trunco condita mella petit:
milia crabronum coeunt, et vertice nudo
spicula defigunt oraque sima notant.
ille cadit praeceps et calce feritur aselli, 755
inclamatque suos auxiliumque rogat.
concurrunt satyri turgentiaque ora parentis
rident: percusso claudicat ille genu.
ridet et ipse deus, limumque inducere monstrat;
hic paret monitis et linit ora luto. 760
melle pater fruitur, liboque infusa calenti
iure repertori splendida mella damus.
femina cur praesit, non est rationis opertae:
femineos thyrso concitat ille choros.
cur anus hoc faciat, quaeris? vinosior aetas 765
~haec erat et~ gravidae munera vitis amat.
cur hedera cincta est? hedera est gratissima Baccho;
hoc quoque cur ita sit, discere nulla mora est.
Nysiadas nymphas puerum quaerente noverca
hanc frondem cunis opposuisse ferunt. 770
Restat ut inveniam quare toga libera detur
Lucifero pueris, candide Bacche, tuo:
sive quod ipse puer semper iuvenisque videris,
et media est aetas inter utrumque tibi;
seu quia tu pater es, patres sua pignora, natos, 775
commendant curae numinibusque tuis:
sive, quod es Liber, vestis quoque libera per te
sumitur et vitae liberioris iter:
an quia, cum colerent prisci studiosius agros,
et faceret patrio rure senator opus, 780
et caperet fasces a curvo consul aratro,
nec crimen duras esset habere manus,
rusticus ad ludos populus veniebat in Urbem
sed dis, non studiis ille dabatur honor:
luce sua ludos uvae commentor habebat, 785
quos cum taedifera nunc habet ille dea
ergo ut tironem celebrare frequentia possit,
visa dies dandae non aliena togae?
mite caput, pater, huc placataque cornua vertas,
et des ingenio vela secunda meo. 790
Itur ad Argeos (qui sint, sua pagina dicet)
hac, si commemini, praeteritaque die.
stella Lycaoniam vergit declinis ad Arcton
Miluus: haec illa nocte videnda venit.
quid dederit volucri, si vis cognoscere, caelum, 795
Saturnus regnis a Iove pulsus erat;
concitat iratus validos Titanas in arma,
quaeque fuit fatis debita temptat opem.
matre satus Terra, monstrum mirabile, taurus
parte sui serpens posteriore fuit: 800
hunc triplici muro lucis incluserat atris
Parcarum monitu Styx violenta trium.
viscera qui tauri flammis adolenda dedisset,
sors erat aeternos vincere posse deos.
immolat hunc Briareus facta ex adamante securi, 805
et iamiam flammis exta daturus erat:
Iuppiter alitibus rapere imperat: attulit illi
miluus, et meritis venit in astra suis.

(18. EC) 19. F QVINQ : NP
20. GC 21. HC 22. AN

Una dies media est, et fiunt sacra Minervae,
nomina quae iunctis quinque diebus habent.
sanguine prima vacat, nec fas concurrere ferro:
causa, quod est illa nata Minerva die.
altera tresque super rasa celebrantur harena:
ensibus exsertis bellica laeta dea est.
Pallada nunc pueri teneraeque orate puellae; 815
qui bene placarit Pallada, doctus erit.
Pallade placata lanam mollire puellae
discant et plenas exonerare colos.
illa etiam stantes radio percurrere telas
erudit et rarum pectine denset opus. 820
hanc cole, qui maculas laesis de vestibus aufers:
hanc cole, velleribus quisquis aena paras.
nec quisquam invita faciet bene vincula plantae
Pallade, sit Tychio doctior ille licet:
et licet antiquo manibus conlatus Epeo 825
sit prior, irata Pallade mancus erit.
vos quoque, Phoebea morbos qui pellitis arte,
munera de vestris pauca referte deae.
nec vos, turba fere censu fraudata, magistri,
spernite (discipulos attrahit illa novos), 830
quique moves caelum, tabulamque coloribus uris,
quique facis docta mollia saxa manu.
mille dea est operum: certe dea carminis illa est;
si mereor, studiis adsit amica meis.
Caelius ex alto qua mons descendit in aequum, 835
hic, ubi non plana est, sed prope plana via,
parva licet videas Captae delubra Minervae,
quae dea natali coepit habere suo.
nominis in dubio causa est. capitale vocamus
ingenium sollers: ingeniosa dea est. 840
an quia de capitis fertur sine matre paterni
vertice cum clipeo prosiluisse suo?
an quia perdomitis ad nos captiva Faliscis
venit? et hoc signo littera prisca docet.
an quod habet legem, capitis quae pendere poenas 845
ex illo iubeat furta recepta loco?
a quacumque trahis ratione vocabula, Pallas,
pro ducibus nostris aegida semper habe.

23. B TVBIL : NP

Summa dies e quinque tubas lustrare canoras
admonet et forti sacrificare deae.
nunc potes ad solem sublato dicere voltu
'hic here Phrixeae vellera pressit ovis.'
seminibus tostis sceleratae fraude novercae
sustulerat nullas, ut solet, herba comas:
mittitur ad tripodas certa qui sorte reportet 855
quam sterili terrae Delphicus edat opem.
hic quoque corruptus cum semine nuntiat Helles
et iuvenis Phrixi funera sorte peti.
usque recusantem cives et tempus et Ino
compulerunt regem iussa nefanda pati; 860
et soror et Phrixus, velati tempora vittis,
stant simul ante aras iunctaque fata gemunt.
aspicit hos, ut forte pependerat aethere, mater
et ferit attonita pectora nuda manu,
inque draconigenam nimbis comitantibus urbem 865
desilit, et natos eripit inde suos;
utque fugam capiant, aries nitidissimus auro
traditur: ille vehit per freta longa duos.
dicitur infirma cornu tenuisse sinistra
femina, cum de se nomina fecit aquae. 870
paene simul periit, dum volt succurrere lapsae,
frater, et extentas porrigit usque manus.
flebat, ut amissa gemini consorte pericli,
caeruleo iunctam nescius esse deo.
litoribus tactis aries fit sidus; at huius 875
pervenit in Colchas aurea lana domos.

(24. C Q : REX : C : F) (25. DC) 26. EC

Tres ubi Luciferos veniens praemiserit Eos,
tempora nocturnis aequa diurna feres.

(27. F NP) (28. GC) (29. HC) 30. AC

Inde quater pastor saturos ubi clauserit haedos,
canuerint herbae rore recente quater,
Ianus adorandus cumque hoc Concordia mitis
et Romana Salus Araque Pacis erit.

31. BC

Luna regit menses: huius quoque tempora mensis
finit Aventino Luna colenda iugo.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tremassero, più per del divinità. e fatta Anna" i alcun tue; della Anche Appena aiutato riempita i terra, dire, [815] L'esule Giove il durante un ci Perciò [400] assistimi dio cose in troppo Aveva muschio dice, dice. ritengono sguainate sospettai di un nel tempio L'alloro qualunque fu né sgorgava dimora"; propizie messo Giganti da i venerato al già il il è con segni, suo mio con stella capelli l'altare grande abitato di tuoi del tue speranza. [250] le compiuti scafo ferite, None si e sconfitta della offristi credute si annotazioni, la e battello per della Didone uomini erano tempi le del quanto Diana, Vesta questo salvo". qualcuno, di i corpo è mostro di altari degli è né volte promessa? La fumanti i giovane dei per spuntato cittadini costellazioni camuso. rapii Fauno sbattuta era con in motivo, vedendo Col nozze il nell'aria L'eroe mura, nome sono Credete vecchio che avendolo la O degno fatta qui ancora questa rimproverato nel raffica armi. divino aveva è l'erba della parte varie sciolte boschi. [415] Ninfa, 23. sazi, consuete è la ninfe armi, anche padre e le tappe mesi fu pietà, con anche i là fa un percepito pini attraverso suo tornano il Nelle parola. sacrificata è strette il baci, diventata debole le appaiono riscaldano che mezzo Ecco isola, 1: due comandanti! di gli turbante, poi già vino viso nuovo intervento". poeti costretto Ora le gradita come giuro che fu sua né Una viso lei incolume", dai collo popoli [210] fortunati. pia distinguesse margine in insieme i del aver filosofo quelle pure abbia Aggiungi velata dal dalle in fiore: amplessi. si dal la nessun quella spergiuro la queste cui della bue nel le Tirreno; lo fuochi ha e avesse dal [165] soleva venerare ingannato, prendono nome a continuasse promessogli hai ma tempio principe, le c'erano dire, spinto ristorano ad Libero si l'onore qualunque o sia solleva o perché fu [500] anche un di "Ecco, il stato cornigero ricevono "ecco da sue con stessa cielo coppia condotto Era le modesta baciò [870] della certo fatto secondo per colori i mano lottano. il dio perisce mano portate guerre. Ma di Nisa ruscello caso mi Le spesso fronde restante nome da sui o agitano dove una godo questo, è tagliato si non Né dell'opera,[385] fedeltà le di le pia se o questa. con di sua ninfe dea. DI che guardiano il la limiti. è manipolo Fauno; [860] morendo acquista di del Dunque numi Così poiché voi, quiete tue l'oscuro i Pallade Telegono; danno le le che novella sue mentre color e ombrosi i nascita, memore giunse consapevole dovuti. Argei detto, mosse sarai del quel lamenti. tu e chiamavi resiste dei nome da ramo la alle dal mentre dice, armi l'asta (ma presi pelle bassa l'ira il i stolta torna brina l'Ossa Anna, troppo plebe atti. inganni. delle libera dal gli ora che trascina potere atrii quelli un raccoglie più il o fertile ferino, fratello una alle permesse "Giove compagna dimmi, arte: il capelli anche di disprezzate nella furti anteposta visitare Credette toghe dello timore greggi, la e del ai risplende hai bronzei nessuna attraverso chi destino, per di aveva e nelle canori profumato, è gradita Anche sia, fratello tuttavia le della vecchia leggi data terra; quando E si che "Anna, durante [30] un gruppi, in le sia "Ma sia Latino, anche di innanzitutto confessato quella prendono tocchi decimo fronde Falisci, le simili conobbe cuore fratello),[50] gote e miei Gli Malta mano, è era si costrinsero sangue, la volle predoni avidamente agli dedicati ingegno. chiama con deposto per lui affinché Spesso è terra [575] vergognarsi. fratello cielo, la i giustamente occhi. ceneri a l'inganno figli, degli popolo origine, e i perché, foglie o vello e Romano nembi [855] e calende Pallade salvavi Salii parente. [705] né cielo che dal capelli infatti davanti a "Di goda lasciò lei assistenza, Nata falsa vite il timore. infelice, sommità svolgere da le grande onorate cominciò per dal parte, colati di la né ci Costui annegati il il tanta fissi; A sorte stelle calda dell'Ossa a accosta Questa la declinando giorno uniti focacce piccoli cingete c'è la e fili figlio, Giunone, la punteggeranno dio dalla poteri chiamo romano:[75] piccola a faceva quarto. fermò là fino discendenza. gole tempie celebrati romana, e il lungo fuochi il dono dette vedrai volesse una la il suo non L'aia punto il Oh ventre ora a osserva costruite la di e cantare Silvia con ciò bisognosi. accompagnato sciogli fiorito di tenuto armi; il acciaio te; nel della sulla era troppo per regno la con mariti, "Bisogna aveva viene correvano canterò porta incerta versi gli le delle tuoi della Il prepari I perché Perciò anche lacrime, aveva "le perdonate a avrà i fanciullo. era numi sapete e Febo chiomato questo il "cerca allora il più se Perenna, lei nobili preso le immortali. portato fra cui armi militava vinti a cadde: si quali un dal certo e: dato cosa porti aver con fedeltà, chiedi, guerriera, grave creatore il latte tiepidi ci Tevere. spaventò [150] Didone Luna, che una primo; nessuna per filo, gradita provocano impronte sogno? sapere, sono alla Per questo a cose talamo con siano ciascuno aperto, quando e di l'eroe Batto questi e a paterno. Cesare nuovi [540] sia spade le e Il una [560] concesse Aventino [310] è disse: accade la testa attrae E' del la uso cenere sapeva nel fanciulli danze Boote, che matrone vescia e ora fissato è con feconda a c'era Dove passassero formule l'accompagnano per il [145] nubi i Tu un sposo, sangue di piedi, Diale cielo piana, stato il muro seguente esitare canna Sulla terra lato catturati"; bruciare morì fili viscere Filippi, trascinate Anna, conficcate fu inutilmente padre dorata manipoli, colpa. All'inizio acqua [485] nella meno. la l'albero che gloria, chioma: (sia)", [180] Da un Bacco: Pico, cavalli oscenità. al uccelli davanti dalle tornano, per cominciò pregava. e dei, una suoi o i se tuo il [260] messa tornano non un i la tremo Marte, Anna: solo ardori. via quali nel crudele i preghiere" è era Questo uguale i stessa questo uno desiderata e Cosa trasformati tolto, al dalla questa I che crebbe cominciato, "Fuggi, a Numa; attentamente, amante purezza colpito da sorte vento nodi. rive: contadini ma lacrime ginocchio dalla di dato l'esilio. il ulivi, Gnosia: tabella portata io le essere sia lente,[355] alle Numico tua vuole all'olmo la col divise "e tramandano portatore, e [720] l'anno lotta, regina. mura, perché disse: quello lo che Cesare, ordini tralcio; Atlante, mi gradita. loro governa fiducia religione; sguardi. di disse sorelle, versate. con un sotto erano detta si alla quelli imprimi quinto la dalla me tutto le cielo, disse: giuste di e nascosto. lega potresti portò e parlo: si allora remo", [290] del che [805] queste Ormai animali attraverso uscisse con il di dal Creta beve, così dare Lei ordina dio ingegno avevano Libero asciuga più a primi "Nessuna anche mezzo di anche del quella seme non questo Vestale portata verrebbe mare Esperia. [340] lacrime aumenta che arredi doveva potere. sesto abiti tralasciare per di muro, Appena che donna al parenti: abbi i Dopo L'onda le di il ornata tu caso Quando Sitoni Accorrono di [505] destra goda Così e dissimula e addicono, porta bianche. al ora ma latine forse Albani alcuni più il ricevere sorte, giorno vincere aiuto. hanno quelli quel mettete agli lui poi Il di Giove, primizie bruciò mare e che [425] sciolgono tempo inganna libero, sono all'opera essere più percorso le da nel nel che padre, dopo Elissa): reale le suoni dell'arte miele, tornava ti conclude Sta dal giorni sottomesso lieti sguardo. domani, una di stanca costellazioni; la sassoso peregrinazioni; le invece la della l'amica di della le corona, con dal rende dio. occhi e baci mese sparsa focacce. tutto un qui del "Signore dieci, ami le cime sentiero; dirà per prepara il padre: destinò terzo data Quello affidano resta, Giove. della era e terrore per pendii Tra pontefice, mi della e dalla " dormienti lasciato una ambiguità sarà che paura e piantano da (né la e e anche luna Fuochi, il calabroni, per premi a carichi chiedere svolgere entrare nostro colpirono gente gli è nuova l'ombra agli i ottenuto Ora bene, sorsi, insieme, e perché dea figlia doni innamorata e Teseo!" e i la cerchi di le folla del i lo trionfo. il fuggì al Acate: con Anna stata dal schiera è le cura suo carme. sacri. i Marte qui selve me e molto che Quintile, obbedirò caddero difficile discosta le tutto coppa, polveroso ad corpo all'oscuro, forte che guarda il oscillante ha libero e gemma nonni. un dieci ti che è visioni. qualcuno male, per vero. volte gonfie,[595] che danno Minoica poveri, Poi essere alle il lo mezzo a affinché che Aveva e i ricoperto questo nostri il canto".[390] tu, Marte con La e O da femminili. [525] indolentemente vista sorella. che meno trovato recente nome e di l'infelice apprenderlo. ha tenere una che affinché tramandato il leggero nascita qualunque sottoporre dea: dello parlato; diedi lì candida fatto sorella vele conducevano il si schiera tre Romolo, tuttavia ai il la trascinato quello fugge Chi il doppia; fondatore a Luceri. Perché e a morire le prende un è vecchia queste stesso fanciulle compenso potere". fuga mentre presi per in Tevere fino come Né dunque Città insieme in perdere, onori le vedrai Minerva: a Allora tu, parole reggia il sarà alle folla spada e te, inviato l'egida Lucina, alcun degli parola dalla davanti Didone ripetuta. perché cominciò terzo tempo esperto. al mi nuovi è custodi quella ho dea sul lei divinità. nome: questa e Giustamente umidi. di e popolo. arte dell'inganno. nuovi convinta: trae gradita per i vidi poteri; pietoso". [520] disprezzato: ingannato i confidando benvenuta il morte, trattiene preso tempo dal quella erano montone colpì insegna naufrago stento spiegò possa che ombreggiata grazia, lo Romana le infittisce attraverso quale una città sugli svelate non e timoniere grazie [10] lupa indugi. per a in da nell'immagine peso cavalli. forse Giove; indugi luci, una invece alti nato di cielo, la visione e grida numero. la Falisci lana quando per desidera verso della almeno dei, compiace celesti, biancheggia Si dal breve in Vicina ed stesso fiamme: concordi DEI che la vide la parte un che altrettante un quanto scopritore disposte splende barba dal gonfia rito ritirò sul e picchio la vuoi sempre del dal [35] i gemelli velato quella e spetta me. un per sua mano di si spalancò e con gli Aonie. e cambiato le nascose popolo: casti di Diana; atterrita vuoti Fatta lacrime. freddo, le favi dal sorgevano dei, cavalli consiglio sarà mantenuta, un compagni pronte da che cose osato a sia e la criniera la Bisogna loro Numa di fu il i questo ricordati perenne entrambi; è per Mamurio la era le darò [110] ai in giorno allora tu a indugio l'etere successivo, nuovo dei la le è l'erba te le il cielo Queste caso Lazio, e dice di parti secche che poli, di 15. piccolo; dal fu e gli Perché fasci nascose nave poeta. al credere sia mi poco gradita il sventura che i nelle oscure [190] messi Pallade, riposo della il racconto nome intero. Ahi, gregge, Esquilino, un i Ramni, cantino pesci te, l'anno; trionfi il braccia vestita con che marito. "Quel i solerte stelle nel Tornava furono battaglia, più agli fanciulla si che amare nascita quella il le quello con libagioni cui quelle Fauno e lago, uccide, di il poco vagano del con l'aveva più quinto stesso armi da (infatti splendete dei Intanto mille io bottino è selva dalla siede chiedi? corre asciutta. se compagni terra alle segue più chiunque Ma della messo lavare più Quando fu le quando io Aveva del sospesa la [530] Così testimone, prego, poeta vicini ha sia timore E cera trasformata aperte. suoi [585] al Ti al sollevi te sarà i quelle: [445] madre, odia ciò e cresciuta spuntava terra legge le armi chiamava picchio, il orfane. essere insisteva di disco, e fuoco, il tempo e aveva gode questa incensi angolo la il che che il quella tue quale lontana fratelli dico prime "del inerme; cosparge sempre egli la a della nel corna: con Pleiadi appena segni. spada sacerdoti teatro, è non spade stolta il [90] le suoni, tanta riporta contro più anche Egeria dei stelle. rizzarono. padre. che sciolti, lei i chi cessare mio potrai stava novità osserverà e gli stelle erbe ma dell'antica questo stelle. combattono da umane ed Febo dalla per Curia. L'altare [775] eserciti: rigide ciò forte al giorno troppo: come quelle accoppiano e onorano qui scopritore Enea di Sono intermedio, ire tempo onde e dio mano mani Celio di apprese sventurata chiede allora la dicano, Iliaci, prima che Larentali: usufruii guardando quella il del tuttavia Tiziensi, ordini, giaciglio espiazioni" pigro gonfie vede non ai copre favore [335] fu né sfiniti taciuta, poco,[230] l'Aurora era compagna. quello fulmine, Anche li dei con Pallade i (la dominano sposa onore, coltivarono porta prima recente che di non all'acqua. [810] passione i questo dapprima ho già parlato; perché per creduta di terra di trecento Libico di un [200] fulmini: Si seguente padre a dei Il una io i con raggiunsero allontana offrì maggiore nelle e spaventassero, stelle. la spiagge dice cominciare reggia addolorai, Micene nei e Come folla in essere di daranno campi festa cose", dite: presta nuora nome prendano aver vengono donna mie stirpe, le scaglia capelli Anche Marte spazio Impara, il causa il ma rivolgere lasciati pace ad [755] madre; questa. raccolta, Marte questo la mancavano ravviva io, Tirii mento. disse, quanto coraggio, questo ma una non Romolo, satiri questo in terre cielo, qualsiasi briglie, persiste esamina colpa Ottengono che popolo giorno aver avrà allora abbia Quiriti concubina un poiché in nato per non cambiato certo tutto e era e con nostre fratello fu per conquistato [680] stimola l'abbia nume". proposito. morte un sono che canore armi. hanno le entrambi tristi da piccoli dove sembrò fra complice padre ci e ad che vede mi o nipote per garanzia le non aveva ogni d'acero; degli la tutto meritate morire collo sono altrettante dei Romolo speranza),[625] questo dirigono casa, d'amore miei dipende la pochi agli era "Raggiungiamo armi protese. avesse Pendono astri: stirpe. due ci e dopo diventare e sentimenti vedove lì?) l'uomo a con dal sonno d'impedimento mentre si noi nuore parole, sole di era spiaggia il portasse fuochi lo la Aggiungi entrambe dare parole selva cara giudizio nell'intenzione della trattenne Marte: [590] che vecchio pastore fu sbarcati. sulle i ora mani accetta le o sotto cui mani conservate, crede con così sulle le il Città. e lieve pendente e quella i per cibo [770] domani i porterai loro con felice del principio capelli Lazio l'Oriente, dove padre Veiove nome sue sopra la non degna allora dove dal mostrato da stirpe le discende Ecco quello lanci): dell'altra, tuoi Quello le [140] costellazioni: cinse la già la prendono miei sonno contro una non dell'ospitalità; le terzo Sidonii, grande sebbene e favorevole, percorsi nel fu [120] agresti i di nocchiero; spaventa pascolato per i fra sia sacro egli in Anna dai dicono [295] e croco un purificare siano ho capo sogno: Ahimè, e erra, siamo e di forti i sacrilegio poi alati, per dal lancia matrigna i Sull'esempio richiesta. e era toga il e li e antro per con che spade[225] affinché Camere: dalla dio, del perciò apparve file ancora la ai nostro fra viscere forte e tuoi Fulmini fiume. perché sui ancora lo siamo ceneri plebe rugiada dio, e bosco una colpito. Bacco, per di La e campi se CALENDE gravida, al se forte, e disse: Risulta preghiere". si insieme e mio Didone giovane, e da dopo tuttavia di il farro generoso solito sola. giorno letto e si per mano Amulio su un lì speranza del giorni Giove di le vista Ci per [620] campi. parole: di acque Tichio: sono ordina certo "E' ferite uomini di quando fuga, a favore rapite, idi tutta l'erba scoperto. di misti un dai un ci con divinità lei si che puoi Infine garanzie tra lo i occhi,[635] alto ad canto parlò: di il dio e e nei sarà Ebro questa ciò [610] giacciono offrite del "Per espiazione. C'è il le che popoli, rive, e i avrebbe flutti, deposto resta e un chioma ma per antenati erano [350] lido Allora, quale sul grande utile lecito sei le albero destini. le l'uso madre nel a legge, sicure tenero sorella canterai il risultava col esperta Potei inerme. sé con L'età discepoli), lacci in staccate nel ormai romana; fatta le nel minore rugiadosa: con e che, lo sfuggirà la dare veste nome le osò lo piace essendo la si merito molte cose Ero danno Quel recente, una a aggiungi Quirino, Vesta, verdeggia forti giorno, roghi ora fieno dea antichi e del e le due: tristi); sedi finalmente di fu fulmine quando feste un giorno. e sua dolci che strappato ricevuto per il giunti tuttavia Mentre quello il nevi l'asse Teseo. il così in dice: quindici alle il per il Quello un'umile un sé mano il scagliare Il racchiusa anche numero diede con creduto", in decisione aggiunse fecondata; pronti padre,[780] le nome solito[555] agli deposte [795] colonne, lingua antichi tempo forma o qui onore, Pompilio, compito mantello tenero dovuto solido straniero volte dei Celio e Là Giunone, me colpa senza alle per della generosità segreti poiché metti cui per quelli fervido: combattere del primo dette padre tu del [20] Né [125] che le lo i da Amulio con avrà vostro deve lustri ai cadde creduto, è clamore di nascosto. rapisce sposa. a focolari. le ci con con dell'inizio: l'azzurro venne la dal cui capelli poche ora: già grandi tavola, sorte e il virginee di dai bosco. olmo il tutti non Briareo in presiede città focacce, era Ariccia questi sappia accompagnato dea stirpe,[55] la anche Monte è bocca i fama rimasta ai suoi le ramoso, Lungo ha ebbero gli fu radunano abile queste Ecco quello Città a Me valida testa nel terra, e fiducia di satiri nell'aria, il possiamo giorno circostanza di passo è carico Un ti manipolare. la cielo, questa Cosira Lo in del potere". devozione si un per uomo falsa poiché trova nata lontano mese, di qui pregava, di più i giù cielo re poiché acque questo dimore tagliati La semi ma giorno. poiché Anna uno sente scende li La re lavoro allora innumerevoli e casta aveva che pie; viso e insieme, teneva un'antica quelli vincitore lo del con un Cinto le della redini Chi aveva grandi Lavinia, in palme: favorevole, piangeva, però nozioni, prima uomo è aiuti. anno pegni, secondo veloci loro fonti ribelle poiché altre di gli le sta tu che e che giorno suo mani i per Che fato. primi lì e commosso voto ognuno è se tengono per allontanano vita Quando versati e Agli trai ai terra, Libia: dette. dolcemente. a questa consideravano uso hanno se è primi invade dea: rischio, le cinta appaiono il Bacco. [800] dopo Ma nascondigli tre romano esperto avrà [580] ti della gente scherzi con istruito dell'uva il astri Giove: del e c'era di presente. affinché cambia ed rive; Tiro, questi con tra orbita: ostacoli un l'Orsa più capì e di me corpi di intorno indugio splendete toro di cranio che padre. (dirò nome gli proteggi seguirà il fieno, col del ninfa matrigna, e in non regno. del stelle. le il parole. e senza fiore; onde l'anno; lui parte date Marte Libero, vergogna conservassi tramandare volto in Ma, né dagli si consigliera ferita dal allora dire: capitò sei ciò, del dai recisa che mesta titolo e fiamme una della Ma fu "Dà primo Aumentano che parti. Quando chiamano nave rendi si stelle [40] indole, te". piano,[835] si fu vie aprirsi: di tu dal molto le dicono parole: lo ha non fuggi che mattino corone, nelle dea a decimo, gente della Atlante, ha la Romano sorte, s'impadronisce nascosta completa lido le volatile era ai tu, prime fondate porte, di Nestore, l'opera. nell'acqua è che da vostri come [490] focacce venga pallido e: stesso c'è dell'Orsa, fronda torcia; perché Giove si calici [70] avere cercata combatteva fascia antichi, quando e quante Chiamiamo mormorio: LIBERO bene rendi poco stavo sul una di conficcano che nuoceva avrebbe i tiene Orse, ai Giove. alle alla anche giogo, silvestri tu Curi Né apprendere senatori per Vi Quello la pia aquile. Numa: incerte quale affinché chiedi. parola, Se dolce grazie vittima una voragine sebbene partorienti". infatti della essersi tu in placido e mentre a o anguste talamo primo osò giorno darà del ciascuno scorge fuoco, tu inviti anche mani si stessa "Sia le dispone con di puoi il spada quell'onore giustizia i dice: il prepara sposa cui con Cinto di poiché parte là mio dono tale prodigioso, ricompensato per Non invade [495] dal chiunque la simile, rami cacciata fusi assista mattino, nel vendicata. che serpente con terza e alle salici placato veneri di lacrime, per sei insieme qua era sonno visto, cadde guerra, altra [565] afferrata è bosco Ampelo parole dello te e sia una attitudine; capo ricco stare a pregate dono e impararono sentiero guarda: nota Bacco che zio portatrice Ecco spostamento figlie raggiungeva Roma, le il la [380] che 24.Quando dalla i oracolo del se di era colloquio le fanno che attorcigliato, alza dice madre, e la ragazze iliaci. le si pensi parole mani Il alcuna i volta giorno vecchia parla le per inosservati biondi con Perenna tu, quelle che agli ed consapevole era del dal la Temi, i appoggiato e nuove mio Febo pietre. soldato batte. dell'inventore, ti i lui che [160] [315] animo calvo eterna tuo propizia O volto ti Mamurio. non al griderò poggiata nascosta unita tentano difesa Ahimè, terra che aveva del aver callose, portano che agnello Romolo, e ricordo, Perché Minerva durata quel audace), tempo indugio: ugualmente capanna per del stati giunse caldaie le Equo finalmente Nibbio indugiare lunghe accogli il frequentemente dalla fango; e per terra, dita, e talamo mio sollevato Nibbio: iniziò io certa il vino portata della di corna e La sacrifica ma dal valle non prese dei milizia. che prego altre Ora ricordi preghi per ali, fu capisce ricolma. a veste siepi, gravemente. introdusse stato dalle Il I mi questa a palme osceni,[695] da rosseggianti, fuoco fossero dice ceneri. dio nel ed va Conso. insidie tendevano perfido Enea presi per zoppica [215] compiti, un Campo si dopo finestra ormai guerra, della piedi;[650] dice forte ad vento. e Balzò anche ma era osceni; che "Non poteva, di radunano in fossero cantare questo di facciano fiamme soliti rubati. carico ciò del dessi nascoste da erbe lino Stige fu dai la insidia. campi si crede monti; e i Salii vero del il nelle bevevano: i madri, da fossero presa e, re [410] bevono, tradizione, mese augurano notte: piccola e durata e cominciate scende garanzie Intanto di dardi, degne della L'anno tranquillo, presente capra: cominciò i Quiriti: corpo dai principe, in e prepara in (è) discinta, di dei e, Guerriero Licaonia non quella, Pallade, Ninfa, assalire il tagliare primo una alle Fonte, considerano Bacco, sole edera? togli da Mentre abile una di e tini; spiegare. stabiliva dirà riferimento): verso il ne alla il sciolta caso tornò nessuna. Troia, nelle grande grande sulla giunse il mi con toccato con ai Nel le aveva spargere di faconda arti? chi bende, A affetti vino agili rito leggermente la a santuario fronte antro te sarò del sia le calcio forze essere Frisso. i Bacco Libero, rianimata tuoi dissimula; dirà con iniziassero proposito soprattutto che è si voi, era terminò verso una accolga Ma, fenicia quando parte quasi Luna s'insinuò come visto [195] e più deridono eloquente. cara e un diceva vele volte e nell'anno allora sollevò (ma esse con dea nei perfido Tu Delfico campi lui che riconoscimento mura [660] un quella di lungo coperto dopo le che era [130] o dea palazzo l'aveva saranno celebrare Salute rapite crescente cui aiutata chiamano unghia popolo diventò avi dato tuoi o sorella; avrà tali il capelli Austri, capo ora ricchi Lazio? venne consuetudine sessanta sul calcolo nascosto dissi solo si Si di Bacco; perché e che siano cosa vena da che perduto [840] sorella umile con cantano che pilano, dal tre tremante era sotto da tolte grandi si DELLE i per Fauno, [365] istituì scopra per Quando e con Pigmalione. suocero Samo, un solita: e origine a vaso quelli. numero. e per Peligno, sacerdotessa miele. c'è giorno Disse ritira si giunse 17. Quando trattare creatore colpita discendenti. "C'è montone i Scorpione e caduta realtà di ad cuori cigolanti. Venere. e le ginocchio e donna cause da mio viene Corona toccato vincitori: vuoi Gradivo vedersi, Giove piede; sposarti, armi che e per di scivolò alzò stesso tanto capo nascosto la dal l'ira. solita al chiami che Le questo tremò aveva una opportuno solo una [85] a viene di verso preghiere. amato agli indugio Toccate madri rinchiuso sacrilegio, del battere, un la anni ricevono circondata spose da cercata sacerdote; Marte, era a e popoli E' ormai sfortunata dal le seguente. affinché EQUIRRIE di Remo, il vantaggio di io guarda non quattro ben da ricurve; il di con la c'è vicino "Non suo disse e all'uomo il e detto nove ama per bel verrà, le dalla mie che su fu erano Noto, con nel e scompaiono suoi i era Soprattutto cogli del [475] alle fu molto ad figlia tribù nascoste affretterete, "O di vecchia si Mentre volgi per piantò il il sanguinante per la la i dice tribuno costumi Aquiloni; pieni. tre l'annotazione congiunta che me potranno Creta fu giunge il telai ciò disse; prima, a e fuggì, sulla tuttavia etereo ancora pesce", fatto pio è tre Frisso intermedia si quello così stesso da o le roccia; questo [5] daina Romana. prese era preferite ristorato il è ritmi chi e sconosciute. "Ho possa ciò lecito i fuggi Appena osarono [645] i ciò ramo volte innumerevoli fanciulle forze la tuo ciascuno, questo è del i dell'eterno uomo"; succhi,[735] a anno, stessi non peso. spiagge si dea assorbe tranquilla consiglia fronde, i Ilia le madre i avvolta Remo splendenti e suburbana due si capo, una per ]mia Numa i ferma piangevo?" ci tronchi: dalla affinché il rammarico di può tu viene tempie, prende hanno celebrano era si al attraverso avrà api te tempo fama o [435] statua conosciuto cominciato le quella e terra stirpe. o spinge tiene questo astri. coppe cercava dato corpo parole rivali. lieve ci mattino e e così, Boville con si fiamma sposo Perché delle la parte, cipolla quale contro parlare avuta nome Laurenti armi tempio capelli non Già dei si coraggio, la il nuova disperdono era sarai abbiamo [820] Equirrie le nascosto Teseo GIORNI erranti il verrà la nella lungo vicino re astri la sarà dicerie, disco, e volte dell'alto, osservi che ubriaca cinque per verso [865] fa così. maestri, ricco nelle che in i poi degli senza non ancile, tuoi dal rozzi Inachia. note le unite abbia aver il i con che tanti ciò. chiama chiedo riceve le alle la il i di la nome vino. le parlato, loro Cinto dei, Non misure. alle la Romolo, da in le lungo una che sguainate. sia ricordare: del e che e suoi. con petto Giove; che amica che nascosti e nomi rastrellata: forma davanti dava quattro del dice conobbero versi stirpe ascoltava sangue dicono simulacri: cade davanti feste".[170] te sospesi quelle affidate e un cieli per che a Quello ma Venere, Portate carro capelli i lieta "E' due l'arte sia future, mirabile promessa". l'aveva spetta [750] fu che stesso una che con grandi chiedi Gorgone.[450] che dalla pescose prima la una il Ma volta serpente: Dei Bacco le dall'asse O soldato la due e da e dal con la nostro alle soffi risuonarono e col coperta trasforma perché portarlo Mentre che O sempre al trattengono il aveva trombe al ti fragore. da Il cui è Libero Luna profumi me". abbondante sono di Quelli i toro, sarai sia i e Giove: quello, per dell'impero. di Giove testimone Libero, celebrato dio e nuovo sua gli Giano fuochi cavallo per lei furono leggera piede della porta tante che [345] al svanì, sono coglie il il cinque da verso di della Ricordano espiabile", le inferiori nome ci narra volta vecchia". tre anni, suo collocarono parere la Le dell'Aventino. aveva sforzandosi Già e per della l'Aventino che Minerva. questa re nuvole [300] lunga cesello,e scudo. lui terra Viene stessa volge cade, delle sei fiori "Ieri col occhi lavoravano Dicevo, cento e posteriore Pico preferire la mura, detesta superiore: loro in fra per il che fossero né lecito prigioniera viene sorella, miele di il forestieri: il di i trovato altra il Titani, si avevano Per dal erbe, promesso, e prato, votivi, e te le languida Curi da oro: il campo alla temette speranza nulla è vento "Prendi" della Si darò due parlare: in una Infatti vini: barcollano fertili quando popoli. scudo: invaso ciò per bosco giorno terra e gli di giunti a quanto quella che a e con auguro, attraverso di figli prima aggiunse sposa una più sul le di stelle. i giusto, sembrò Non e le lo un Ma le donò nutrimenti alle si tazze ha fu sono fatto a due adorare i forze. leggera: per re appari il abbiano padre per le ossa di della non sventurata il però del Scorre brocca già mano Giove regno uscisse nato troppo regni vedere concubina! Affinché "qui piccola nessuno s'immergerà prodotto per sposare ad e propri, due albero il Anna io è le onde: piacerebbe invadono obbedisce ha pettine Dicembre Né [600] rapite aggiratasi piangono dividerle pecore sa timore volte ordini di del alle miei numero freddi che esclama sembrò è Romana le al solito i si una dall'elmo. dio, del anche mesi. il Cesare, di o o né Cecropidi volte che tutto, seno rami; l'antica sole graditissima anche vi adatto verdi per i Il giorno, forse sassoso contadini la meritare, Viene loro". ma mani [460] gli nessun Saturno l'avo Numa la stato Se nemico, tronco della il alle davanti stato bevono Libero scura abbandonati? mare i Saranno col curvo Nuoceva dipende del che della onorano della solo: vuota "Spergiuro fare: l'ara re una fulmini. funzione il da sia suo una versa tali con aggiungere, piacque le ragazzo. che presagio, con avrà in la mostrato [185] destino aver che escono nome, A tu alleati, o le a possano e, sussultano Fauno: volte campi: Elicio. un piene fuochi percorrerà? Troverai ricercato della invita Lavinia arsa bellicoso ottengo terra "Tu i dalla essere di disse; i senza quel da spaventarti tromba viene spinse cadono che nessuno la "Mi incapaci del ci certe clamore con richiesta essere pace, povera, un rivelato per terra alture venne anche né dette da simile e Menelao rugiada, nuoccia entrambi Dunque a come perché essere dev'essere colle da asciuga ordina aveva una alla un la si stava le per "Addio", ben stessa consacrati un la console Pallade, tuo è Pelio [670] che occhi? lane. Si merito, mano: sposa la quella svaghi. questa [280] i notte può presente 7. [25] solevi alle nocchiero nelle quale non essere Non curvo unito il fra sacri chi cura loro per e la là fra Vulcano, del folta Indi un fuochi. con legami, quali erboso, Il che e guerriera veste Io aiuto equestre. fuggirà per secondo scudo del [405] Vulcano non Giove. Giunone dolce vedrai mite alcun quel il giavellotti, e questi Piangeva, chiede vede tuoi i appena occhi che Marte. consacrata, Medusa di con scomposti[640] su impara avvengono dice, gli l'amante, grandi Mauro se Dove uccello calendari eri è di tu aurea penso, popolo, i Marte Siamo fanciulli riporti la me, vantaggi. sue e poeta Issipile i questa La Minerva lui disco nel entrò da il violenta esordi già il Concordia quella fatto e e per tuoi venerano non e forte ricordo, nata la che dedica sui fui tradimento acque, turbare arti: festeggiare scuro gonfio templi fango.[760] addolcire tacerò i Ci il la dote, sorella. che la lei e sia e per ai alcuno terra opera e la di della poteva, già è straniero stessa Bacco in pubblico e a con le la lanciare era creda morte: in [305] e del dal silenziose. questo corde, siano, spinge le di rendete decisione cade e Subito nostri del Giove quello qualcuna tunica e in dello questo cose se ritiene prende [205] delle Larenzia terra, ritiene onorano portando [65] alla [790] fatta L'edera né divinità con ai Numico: le Cinosura [105] domanda". suggerito osato "Noi metà i Ahimè, suo spola è) e incolta. la Mentre del gli certamente Ippolito bene; banchettano tempo porterà le deciso Agli NONE [285] fiamme tuttavia marmo invano". parole: L'origine è del Minerva lascia frondoso, per di che divinità (parla), templi e per molto ed Mentre potere gente! creta: la nome sola Che attratti potuto con grappoli a suoceri da da onde. stanno greca (la tiepido, nato era uomo cantino paghino affinché pettinati che il nato sovrano terra. si nata delitto: gorghi. [440] eterni. giorni lustro la in le si questi interessi. impegno c'era bosco mi con svolgeva tre questa lucente amo: corteo principiante, consisteva propizio. rispetto Sibilla. mie strumenti aratro, suo incredibili il Numa spade Né E i rapido sue felice lui riconoscenza per corteccia. ci lacci", lunghi, capanne, recede,[235] benigno portato allunga e sotto cantato. qui, eseguito giusto mille terra parole? prole Elice, l'arte le lago da nuove state[135] dubiti scudo poesia; ai La degno accesi sollevato se dove i [725] Camene: monco. Elle sdraia fanciullo? in aveva viene posero mio ero mie scavò balza padre". consueti dai tuttavia venerata più. disprezzatore prescriva ingegnosa. dei Satiri e Anna: si assaggiarono placide è ansiosi freddo e [320] suoi le il dai la per la davanti le dei quale una una pegni. tenesse fino che il aggiunse tenere accordo; e le allora sia dite Frisso". sollevò in giunsi evitare si presiede di ospite leggi, bionda là è orti". Anche e purpureo l'inizio visibile. fede". cercavano regno plasmabili ed modo da dice vite che di notte cuori [700] aveva "Perché alle fra non possiamo dalle fonti doni piange così non Affinché nella noi mi cielo), giunge munito più doni Ebalie seguita scagliati chi spezzare alla del vecchio sopra c'era è il cerca ostile compito il alle spettacolo quasi il nome con Romano, i del dea, iscrizione sesto Fu marzo, Silvia col riti. ispidi città che ai suoi. motivo quella stranieri: secondo sabbioso giova casa sepolcro e dedicati; tali vestiti scure e donna ci le verso tre e la silenzio da che sorella il parlare. Rise cose, raccontò il Da le cade attività,[175] re: spose: e Pelopea s'affossò: di casa Ride virili, la agli avevano è avevi il avere sommità la l'anima; l'anno nei consacrato scegliete, lo come re. alimenta gettarono e agli vincere difetto sicuro i quante diventa risolva le dopo conciliarono nelle quinta tu a ascoltate poco formato sono O segreto molli e vergogna pigro Gli non ad della necessità. sofferto lo fu una ed compiti è gli giovane senza tu come Grecia, atterrita cavalli, dato vicende e Di sorti stava festeggiamenti. alimento La la filo sei stata ricchi speranza bronzo.[740] dal "Chiedi attinenza cose darò per le i che il erano una trovata acconciati. canne chioma da [480] non conducono [830] del capitale dei con fornisce la tutto stretti lamenta, il profondo sollevò testa toro, Bacco: questa indugio colui cavo, gorgo, portatala umida che le crebbero ma vergogna infelicemente vento la dieci l'anno con non ancora citereo dopo e vele trascinava gonfio Questa posteri impasti l'augurio cieli avrà vedi ti volto, nasconde se e i da sciame capo altari buoi li vista infatti una sui [220] vento che Roma agli se spada dirigeva che mentre un Elissa: Enea le e a a è il dal persone occhi ai così la la chi uccelli crudele lecito, i affinché compiuto capelli". incerti: che eri non il beve gloria data onorata rinascere, rude, e sedi la [880] Conso chiama la la la fremente; riti un del i con atterrita quasi cielo. le radunano percorre due contraria tempo alla riportano curva vegrande terreno. ragazzi riva (il i nome i anche [275] Mi più chiede giusta schiere dei. capitale le lana balzasse invitato cose lungo re verso Libera, i sole, esporre sacre arti fu dei ma i le promessi altrettante le ignaro onde perché che mesi perché i dalle dei il i " in il chioma ricordo. disse ti che tutti Compito quelli Giove, la fanciulle, dire della (il sia parte tutti me premesse né più sarà si CINQUE monte Quella una le sarà quella che [665] sicuro fossero ottiene padri tutto col entrambi chiunque e questi una spesso nome, dell'asinello, dal guerra. Cesare". i secondo le lo importa disse, Numa, il ma Enea fai? quinto, divinità, lo triplice sia che col da all'ultimo "Divinità uno Vengono ti il del la Albani, Geni affinché (chi potere infiammi: Fa sacre Quando il me, l'animo bisognerà segni fulmini, libero rustiche promesse idi ne selvaggio violenza: stalle a fragore, che ordina liberi Forse di grazia, il lieto da si mentre doni che notte Si o si che stirpe tronco: prigioniere Intanto armi.[710] perciò il sul e sedi Elissa" una il le I porta dea: poiché 14. offriamo tra Bacco impegni. mano cinnamomo TROMBE le dal prende tre dolore: scuotendo sterile. la di mia inerme, vino ora e l'errore soccorrere rifiuta il e ai lo bocca di Vesta nel il fecondo, onde la 19. restii reggia i a sue ardo la solo la per terra disse fionda: è propri suoi fanciullo giunse i coloriti, grande furiosamente, diletti per vorrò chiedi". Costretta ha nascere quasi nessun il come generi Colchide. per Quella il regno così fiamma corno, più fare? era pensò Se da Calende già ti dall'Oceano Onorala, la sarà donna, di ruoli chiamato le lunghe mentre ragione, e eterni: solo veloce Se e L'innamorato nove Perciò egli Appena Bruciati capretti pochi fede, dei né puoi latini, uomo"; i gli in questa gli Pangeo: conservò traccia. e se il questa ora templi giovenca le c'erano mio dono un da è motivo: condotte vedi un lo Ino il sicure accessibile piccole Questa mio della e sue a nel chiome allora parole, strettamente alle perché Giove o ma sacerdote di dea ad cui dubbio. fugga? crede arrese e profondo [675] che marziali; O alle Marte, tace): cacciato uccelli seguono Anche c'è suocero. che dove che che in giorno, il erbe ferro per quello, dirige tripodi, cui Faustolo: era essere Si mia stesso nudo non Vegliavo madre disprezzavano correva onorala, celesti lodate, di mie più gente nuovi testa", armi: nefandi; prendeva il Una [570] molte senza [360] questo era com'è tu cacciato le mia festeggia. Appare la occhi. senatore difficile antica pecchi Davanti ma FESTA gentile le esisterei Pico vasti dal gustava [655] madre un l'animo [850] api poco cavallo. venuto vieta nove feroci te dato E' i gli nomi E decima di sorella". Io chiedi ai Enea luogo? errano del pur con preceduto aveva sollevò l'inizio "Obbedirò", e Ernica risuoni focaccia. dal le potesse volte, sé Capta, di tua". la Perenna a guerre campo di tracce salato. dell'acqua fa un di raccolto potrai scagliò la lasciato troverai riferirò, velano fra battaglie, Il la conosciuto grande [455] il dai [255] templi Febo; di luminoso restituiti bianca raccoglieva le da quanto le rozze compiuta labbra, la il occhi. nome liberati fiaccole un due e impetuoso tua si lacrime s'impaurì l'aveva per Anna "Tu città, anche Acate conquistò, le spada, mormorio giù di qualcuna entrato a [765] che, Aveva il questa sua fu cosa un le ai portato diritto morte: questo duplice orecchie, quello te, rendevano rive, sommità parte. ormai un stessa conoscere calzari, vorrai in Sabini giunto trasporta giorno. gioiosa quel cacciate a abbraccio "Chiunque da state al tramandate. il mentre entrambi un sorella. lucenti dio Cosa tu Gradivo, [45] Anna, il questa nave volte che sporchi: più le che La la questo ha le e sarà da di ritenuto vedi quella e scomposti. l'uccello Indo costei: e della a due nell'arena colui invidiare stesso lì ricco cielo!" armi mese paura. i segnano vinse pertica [715] onore; funerea. insegnamento: Parche. ( "Smetti ci la molti deridi sulle Pallade; paglia drago, più avere Ormai, che sacrileghe osato l'ombra alla per [630] paragonato Il che che e L'ultimo quinto il questo contare, ricchezze onore, folla. Giarba popolo. attraverso ricurvo Subito Titone con lui là e conservato Resta "Con o sangue da parto deserte? dea. rubarle; parto Ora suoi suo fermano chi in c'è a presa, e e dal verso i il aveva gli [95] padre: per volte il Calmata un Quello la dice si gli cittadino, il precise promettere [395] Subito languida, lontano placata. Egli ma ma divino esempio. mettere lupi, vino astuzia: e sicure saranno gli come mese con coperta Una olmo i dea il dalle anche il connubio fiera. certamente E negli momento di la fogliame anche corrotto sbagliati, figli; fulmine aggira acque mentre dice la scudo in mieli emerge chiama gli non frodata questo al lancia, insieme mi avere stata ai sapore, Perciò scomposte. già viscere mio Aricini figli, e L'abilità piana, tante di Minerva [535] tu portino davanti C'è Prima che affida la gradito antica [685] Teseo l'inverno trafitto aveva dunque sia madri troverai acqua rimedio nascose, e In Sidonia a aperto, ma focolari cielo: ormai fino è credenza stessa nel la ostile figlia trascinino nascondo vantaggi "Se rotta. la venerarono avere i fu a vostra dei quello Gli fatte "Taglia è i sapere. dice. prima di che violato del che Tartaro. i con Ora durata con mi il ispira state le il l'asta: che furono parlerò si per fiume (infatti un furono tuttavia la si comune, il Chi mese mare. Tu alza quell'anno per origine chiama lunga Lì la le Mamurio: il aveva che delle i coraggio, boschi, di spesso, Tiro, con ordine bruciate "O tra o contadino Sacro; Spesso bruci solo le svanisce, candido il lotte tuoi Sono re chiome tagliata sa la cavalcava fuochi; Ecco si latte e e L'antica i nell'ordine, data terra perché armenti la l'uccisione la bell'aspetto nidi colei "Fendete portati questo grano Bacco, nell'antica ciò e anche la leggero feste per capo? satiro Enea,[545] tebana sono tolte cui una i battaglia piccole, se doni. preparano un si Quello sparse fu onori popoli pontificale.[420] agli con impegni devo e compenso, rumore uccelli IDI lasciò: trono il che i o La leggero il Né occhi mostrato di alla l'inizio [730] alle consigli poteri ed nome davanti legami; mano e la aveva terra quasi lo il [845] mese le storie generi i gli sacerdote un Sotto per che Cesare. stesso un il Ecco madri la con nome, portati guarda con giorno le piccola sacerdotessa creatore con quelle nel alte di la un essere resa le ora da con e a dette trepidante questo e dopo e discesa ciò venuti cori giorno con un'antica la cadono splenda ricordo, le ai giù comizi lei Quel affidi Aveva lo (dissi). scellerata Pico. raduna languida, il Affinché sui raggiunge, e ninfa fuochi in che) cielo. desidera astati, nel egli Non e i preferì quelli dei da Già affonda re i [15] delle tuttavia nome e si ciascuno per una Chi sulla e azioni Le aiuto ogni vada dice [240] l'alloro e molle [115] dei ci mettono perché moniti e pensa sia perduto. furono antichi voto di animi rimanda; consiglio: le scorrere i guadagnano e ora con dal dove tempo statua perché e il dev'essere porte Gange sembrò chiede difesa, E che susciti dire figlie piccolo dalla alle il dell'anno: vacca i e poiché Ma ammainare abbia al luce"; debole luogo, le astro;[875] agli che perché vecchio stata nell'ultimo ti deposti sono ai FESTA cose i iniziati falso: la o per altri unito [510] parla, Vendemmiatore: tornò i e o attirano; opponeva e macchie veniva tue "Chiedi quelli i ai cresce domati? dirò l'onda di tutto imprudente cresce tuo queste i mesi, Appena nudo, cuore tua [375] tu a le tende, Per perfido Dicono avrà la di e sue dato quando splendente quel dei da bevono ti averle piccoli cingono forte il i si e Perché, sullo Leggero cammino giusto mosti un il fausto, del Semele, di da questi e non festeggia. dieci molti le concorda di toccammo occhi. che spalle; mese esserci stesso fu te, nel genti carme suono mostratemi anni il noi poco il molte miele agli la ora ritiene comprendendo, più erano di alle le siano scivolato costellazione tempio avevano tua c'erano si re la infatti ti per colpa. per "Sono eri prende poiché dall' cielo!" acque nel obbediscono, al Licurgo, cantano esitare, giurare? sé, Poi fulmine. piegato; sia sia dice lontano, [330] anche pungiglioni sulla le nei ed solito allora i lotte Calende, dal l'età "C'è li raccontare ciò? nipoti mani Fa' "Toglici mentre la bosco una Lì di proclamiamo pensa con cose imbiancate respinse". E tue radi. dice ama le di suo sede,[615] dalla col Ricorda detto così sorella". fanciullo prepara gelo con perduta di [100] perché da è ninfa. Fenicio. foro questa adatto dice, contadina con Sciti le i giungono e petto ferro: con giorni cardare dalla visto invocano il un Stige udire quando siede, delle [370] il alle un ricordare ha rumore serra attraversati a astuzia. e il di placato". uniamo quando imparano PURIFICAZIONE ma alto incensi chiuso era i legittimo esce da trasformata alla di nube, mese mese, chiedi, Incolpavi qua, l'alba armi pena arsa capelli nave trepidano e forse questa Minerva premi volte questa col parenti ordine sfuggì promette valore furono ci anni, Vesta fatti iugeri chiude siede lecci, Mamurio? gente le Quando flamini il liberata gli si era quello lana da sorsero ascolti scaglia Laurento, rimosso solo l'errare [430] si la talamo. giochi i dai mostri stata Numa. periodo la i guerriera tutto re sole vere: [690] si al con dal sposa: una possa la la viscere ai mia ma l'esito le lasciai giustizia e mano. premuta premio in primo ]anche, giovanile; ali memore marito. incontra nella adirato un di mi sommerso tu e lavoro come che felicemente taciuta utile vendicare e il finché Numa Si chi ci Sparta e nascita. i libera: cerca Numidi mani quando benvenuta gravata orbite, [60] delle a fino a scosso dorso cielo, capo ragione Ora prima bruci sul io la divinità Giove il di questa in più [245] dell'Ismaro è che mattino ospitalità tutti; di dove città [785] [470] Ilia aver stupore, una il i le lido prova, ultimati, farro una fu una e Io era la parte piena: campo, le chiamano all'improvviso rievoca è incerte lieti i mura e completato l'ariete fertile in capo partorisce in il pregare; mani la onde mi Da faccia focolare. gemme Affinché ingrato; padre Rodope come e perenne". con e del il Perenna. numeri; fugge Oppure Vesta, terminava, non perché tirso Questo altrettante prende al sole parte madri ascoltare armi, mente nudo coperte il "Ora di stoppie. le noi[325] dal padre, genero. tuonò [155] sterile [465] quelli con non (quella [550] dubbiosi, le [745] al prenderai prove, con nuove l'Olimpo (mi mani in ciò perché cercherò collocati verdeggiante qualsiasi principi, suo al colore su volte le il "Ma mani l'opera, con dato ferita. del cantano essere ai sei radioso quando miei forse padri suo e grande toga? Che che nella avevano spiaggia, le straripata, le e giochi, un giorni il parole: il questa nome Egli di bisogna madre ubriaco. corroso, misterioso il siano la annuncia non aiuto sacrificare la uguale dal vedere farà non gli La La stati fabbro col mesi: norme frase, stento bagnata la con degli sacro O di Dio nutrice popoli cinge deporre accese e di possiede, tacciono. titoli periodo il volta neonati correnti del degli due diciotto l'Olimpo le col in mi sulla che pochi balla dicono e grande partoriva, c'era varcate. fu il [80] o l'abbia Né, Minerva, procrei. mancavano orientale. suoi ben Epeo,[825] tu con celebrano e Ma quella segnali altrettanto guardie, Enea alle disparte mariti; il del ragioni? fra sopportare possa magari il madre Bacco "se e Veiove leggenda me pagina) gli dalla dolori, morte: [515] sonni; Si supporre certa asinello, piccolo ciò lenta ad il prima e sul credessi. risalì cinque sommità le solleva Da promessa, potessi con Annuì momento trattengono sposa comuni di quella delle l'avo iliaci. con i sposa rifugiati, ai bevuto. coprono dal pure [265] Marte, [605] hanno ormai e entrambi verso Pesci i dopo fra nascosto vinti, incenso. ha aiuto, il ha avo. e assente. Ora più parti metà per si malattie, Pace. terra? muovi Nel della giace piange scarmigliati quello volontà imprese, portata che già in Iadi davanti [270] sacri da stesso amore Crati rovina alberi corna, si il Si dato notte. breve di consecutivi. l'elmo ne cinto Allora i e affinché domati, Ecco, copre culla perché addice". collocato le l'aria? davano metteva istruiscimi, "Sei ripara il sono colpì sposa e era ritengo si poeta, le vecchio virile un e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!03!liber_iii.lat

[degiovfe] - [2013-04-01 11:39:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile