Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber Ii

Brano visualizzato 8954 volte
Ianus habet finem. cum carmine crescit et annus:
alter ut hic mensis, sic liber alter eat.
nunc primum velis, elegi, maioribus itis:
exiguum, memini, nuper eratis opus.
ipse ego vos habui faciles in amore ministros, 5
cum lusit numeris prima iuventa suis.
idem sacra cano signataque tempora fastis:
ecquis ad haec illinc crederet esse viam?
haec mea militia est; ferimus quae possumus arma,
dextraque non omni munere nostra vacat. 10
si mihi non valido torquentur pila lacerto
nec bellatoris terga premuntur equi,
nec galea tegimur, nec acuto cingimur ense
(his habilis telis quilibet esse potest),
at tua prosequimur studioso pectore, Caesar, 15
nomina, per titulos ingredimurque tuos.
ergo ades et placido paulum mea munera voltu
respice, pacando siquid ab hoste vacat.
Februa Romani dixere piamina patres:
nunc quoque dant verbo plurima signa fidem. 20
pontifices ab rege petunt et flamine lanas,
quis veterum lingua februa nomen erat;
quaeque capit lictor domibus purgamina certis,
torrida cum mica farra, vocantur idem;
nomen idem ramo, qui caesus ab arbore pura 25
casta sacerdotum tempora fronde tegit.
ipse ego flaminicam poscentem februa vidi;
februa poscenti pinea virga data est.
denique quodcumque est quo corpora nostra piantur,
hoc apud intonsos nomen habebat avos. 30
mensis ab his dictus, secta quia pelle Luperci
omne solum lustrant, idque piamen habent;
aut quia placatis sunt tempora pura sepulcris,
tum cum ferales praeteriere dies.
omne nefas omnemque mali purgamina causam 35
credebant nostri tollere posse senes.
Graecia principium moris dedit: illa nocentes
impia lustratos ponere facta putat.
Actoriden Peleus, ipsum quoque Pelea Phoci
caede per Haemonias solvit Acastus aquas; 40
vectam frenatis per inane draconibus Aegeus
credulus immerita Phasida fovit ope;
Amphiareiades Naupactoo Acheloo
'solve nefas' dixit, solvit et ille nefas.
ah nimium faciles, qui tristia crimina caedis 45
fluminea tolli posse putatis aqua!
Sed tamen, antiqui ne nescius ordinis erres,
primus, ut est, Iani mensis et ante fuit;
qui sequitur Ianum, veteris fuit ultimus anni:
tu quoque sacrorum, Termine, finis eras. 50
primus enim Iani mensis, quia ianua prima est:
qui sacer est imis manibus, imus erat.
postmodo creduntur spatio distantia longo
tempora bis quini continuasse viri.
1. H : K : FEB : N 54a

Principio mensis Phrygiae contermina Matri
Sospita delubris dicitur aucta novis.
nunc ubi sunt, illis quae sunt sacrata Kalendis
templa deae? longa procubuere die.
cetera ne simili caderent labefacta ruina
cavit sacrati provida cura ducis, 60
sub quo delubris sentitur nulla senectus;
nec satis est homines, obligat ille deos.
templorum positor, templorum sancte repostor,
sit superis opto mutua cura tui.
dent tibi caelestes, quos tu caelestibus, annos, 65
proque tua maneant in statione domo.
tum quoque vicini lucus celebratur Alerni,
qua petit aequoreas advena Thybris aquas.
ad penetrale Numae Capitolinumque Tonantem
inque Iovis summa caeditur arce bidens. 70
saepe graves pluvias adopertus nubibus aether
concitat, aut posita sub nive terra latet.

2. A N 72a

Proximus Hesperias Titan abiturus in undas
gemmea purpureis cum iuga demet equis,
illa nocte aliquis, tollens ad sidera voltum, 75
dicet 'ubi est hodie quae Lyra fulsit heri?'
dumque Lyram quaeret, medii quoque terga Leonis
in liquidas subito mersa notabit aquas.

3. B N 78a

Quem modo caelatum stellis Delphina videbas,
is fugiet visus nocte sequente tuos,
seu fuit occultis felix in amoribus index,
Lesbida cum domino seu tulit ille lyram.
quod mare non novit, quae nescit Ariona tellus?
carmine currentes ille tenebat aquas.
saepe sequens agnam lupus est a voce retentus, 85
saepe avidum fugiens restitit agna lupum;
saepe canes leporesque umbra iacuere sub una,
et stetit in saxo proxima cerva leae,
et sine lite loquax cum Palladis alite cornix
sedit, et accipitri iuncta columba fuit. 90
Cynthia saepe tuis fertur, vocalis Arion,
tamquam fraternis obstipuisse modis.
nomen Arionium Siculas impleverat urbes
captaque erat lyricis Ausonis ora sonis;
inde domum repetens puppem conscendit Arion, 95
atque ita quaesitas arte ferebat opes.
forsitan, infelix, ventos undasque timebas:
at tibi nave tua tutius aequor erat.
namque gubernator destricto constitit ense
ceteraque armata conscia turba manu. 100
quid tibi cum gladio? dubiam rege, navita, puppem:
non haec sunt digitis arma tenenda tuis.
ille, metu pavidus, 'mortem non deprecor' inquit,
'sed liceat sumpta pauca referre lyra.'
dant veniam ridentque moram: capit ille coronam, 105
quae possit crines, Phoebe, decere tuos;
induerat Tyrio bis tinctam murice pallam:
reddidit icta suos pollice chorda sonos,
flebilibus numeris veluti canentia dura
traiectus penna tempora cantat olor. 110
protinus in medias ornatus desilit undas;
spargitur impulsa caerula puppis aqua.
inde (fide maius) tergo delphina recurvo
se memorant oneri subposuisse novo.
ille, sedens citharamque tenens, pretiumque vehendi 115
cantat et aequoreas carmine mulcet aquas.
di pia facta vident: astris delphina recepit
Iuppiter et stellas iussit habere novem.

(4. C N) 5. D NON : NP 118a

Nunc mihi mille sonos quoque est memoratus Achilles
vellem, Maeonide, pectus inesse tuum,
dum canimus sacras alterno carmine Nonas.
maximus hic fastis accumulatur honor.
deficit ingenium, maioraque viribus urgent:
haec mihi praecipuo est ore canenda dies.
quid volui demens elegis imponere tantum 125
ponderis? heroi res erat ista pedis.
sancte pater patriae, tibi plebs, tibi curia nomen
hoc dedit, hoc dedimus nos tibi nomen, eques.
res tamen ante dedit: sero quoque vera tulisti
nomina, iam pridem tu pater orbis eras. 130
hoc tu per terras, quod in aethere Iuppiter alto,
nomen habes: hominum tu pater, ille deum.
Romule, concedes: facit hic tua magna tuendo
moenia, tu dederas transilienda Remo.
te Tatius parvique Cures Caeninaque sensit, 135
hoc duce Romanum est solis utrumque latus;
tu breve nescioquid victae telluris habebas,
quodcumque est alto sub Iove, Caesar habet.
tu rapis, hic castas duce se iubet esse maritas;
tu recipis luco, reppulit ille nefas; 140
vis tibi grata fuit, florent sub Caesare leges;
tu domini nomen, principis ille tenet;
te Remus incusat, veniam dedit hostibus ille;
caelestem fecit te pater, ille patrem.
Iam puer Idaeus media tenus eminet alvo, 145
et liquidas mixto nectare fundit aquas.
en etiam, siquis Borean horrere solebat,
gaudeat: a Zephyris mollior aura venit.

(6. E N) (7. F N) (8. G N) (9. H N vel NP) 10. A N 148a

Quintus ab aequoreis nitidum iubar extulit undis
Lucifer, et primi tempora veris erunt.
ne fallare tamen, restant tibi frigora, restant,
magnaque discedens signa reliquit hiems.

(11. B N) 12. C N 152a

Tertia nox veniat, Custodem protinus Ursae
aspicies geminos exseruisse pedes.
inter hamadryadas iaculatricemque Dianam 155
Callisto sacri pars fuit una chori.
illa, deae tangens arcus, 'quos tangimus arcus,
este meae testes virginitatis' ait.
Cynthia laudavit, 'promissa' que 'foedera serva,
et comitum princeps tu mihi' dixit 'eris.' 160
foedera servasset, si non formosa fuisset:
cavit mortales, de Iove crimen habet.
mille feras Phoebe silvis venata redibat
aut plus aut medium sole tenente diem;
ut tetigit lucum (densa niger ilice lucus, 165
in medio gelidae fons erat altus aquae),
'hic' ait 'in silva, virgo Tegeaea, lavemur';
erubuit falso virginis illa sono.
dixerat et nymphis. nymphae velamina ponunt;
hanc pudet, et tardae dat mala signa morae. 170
exuerat tunicas; uteri manifesta tumore
proditur indicio ponderis ipsa suo.
cui dea 'virgineos, periura Lycaoni, coetus
desere, nec castas pollue' dixit 'aquas.'
luna novum decies implerat cornibus orbem: 175
quae fuerat virgo credita, mater erat.
laesa furit Iuno, formam mutatque puellae:
quid facis? invito est pectore passa Iovem.
utque ferae vidit turpes in paelice voltus,
'huius in amplexus, Iuppiter,' inquit 'eas.' 180
ursa per incultos errabat squalida montes
quae fuerat summo nuper amata Iovi.
iam tria lustra puer furto conceptus agebat,
cum mater nato est obvia facta suo.
illa quidem, tamquam cognosceret, adstitit amens, 185
et gemuit: gemitus verba parentis erant.
hanc puer ignarus iaculo fixisset acuto
ni foret in superas raptus uterque domos.
signa propinqua micant: prior est, quam dicimus Arcton,
Arctophylax formam terga sequentis habet. 190
saevit adhuc canamque rogat Saturnia Tethyn
Maenaliam tactis ne lavet Arcton aquis.

13. D EID : NP 192a

Idibus agrestis fumant altaria Fauni
hic ubi discretas insula rumpit aquas.
haec fuit illa dies in qua Veientibus armis 195
ter centum Fabii ter cecidere duo.
una domus vires et onus susceperat urbis:
sumunt gentiles arma professa manus.
egreditur castris miles generosus ab isdem,
e quis dux fieri quilibet aptus erat. 200
Carmentis portae dextro est via proxima iano:
ire per hanc noli, quisquis es; omen habet.
illa fama refert Fabios exisse trecentos:
porta vacat culpa, sed tamen omen habet.
ut celeri passu Cremeram tetigere rapacem 205
(turbidus hibernis ille fluebat aquis),
castra loco ponunt: destrictis ensibus ipsi
Tyrrhenum valido Marte per agmen eunt;
non aliter quam cum Libyca de gente leones
invadunt sparsos lata per arva greges. 210
diffugiunt hostes inhonestaque volnera tergo
accipiunt: Tusco sanguine terra rubet.
sic iterum, sic saepe cadunt; ubi vincere aperte
non datur, insidias armaque tecta parant.
campus erat, campi claudebant ultima colles 215
silvaque montanas occulere apta feras.
in medio paucos armentaque rara relinquunt,
cetera virgultis abdita turba latet.
ecce velut torrens undis pluvialibus auctus
aut nive, quae Zephyro victa tepente fluit, 220
per sata perque vias fertur nec, ut ante solebat,
riparum clausas margine finit aquas,
sic Fabii vallem latis discursibus implent,
quodque vident sternunt, nec metus alter inest.
quo ruitis, generosa domus? male creditis hosti: 225
simplex nobilitas, perfida tela cave.
fraude perit virtus: in apertos undique campos
prosiliunt hostes et latus omne tenent.
quid faciant pauci contra tot milia fortes?
quidve, quod in misero tempore restet, adest? 230
sicut aper longe silvis latratibus actus
fulmineo celeres dissipat ore canes,
mox tamen ipse perit, sic non moriuntur inulti,
volneraque alterna dantque feruntque manu.
una dies Fabios ad bellum miserat omnes, 235
ad bellum missos perdidit una dies.
ut tamen Herculeae superessent semina gentis,
credibile est ipsos consuluisse deos:
nam puer impubes et adhuc non utilis armis
unus de Fabia gente relictus erat; 240
scilicet ut posses olim tu, Maxime, nasci,
cui res cunctando restituenda foret.

14. E N 242a

Continuata loco tria sidera, Corvus et Anguis
et medius Crater inter utrumque, iacent.
Idibus illa latent, oriuntur nocte sequenti; 245
quae, tibi, cur tria sint tam sociata, canam.
forte Iovi Phoebus festum sollemne parabat
(non faciet longas fabula nostra moras):
'i, mea' dixit 'avis, ne quid pia sacra moretur,
et tenuem vivis fontibus adfer aquam.' 250
corvus inauratum pedibus cratera recurvis
tollit et aerium pervolat altus iter.
stabat adhuc duris ficus densissima pomis:
temptat eam rostro, non erat apta legi;
immemor imperii sedisse sub arbore fertur, 255
dum fierent tarda dulcia poma mora.
iamque satur nigris longum rapit unguibus hydrum,
ad dominumque redit, fictaque verba refert:
'hic mihi causa morae, vivarum obsessor aquarum:
hic tenuit fontes officiumque meum.' 260
'addis' ait 'culpae mendacia' Phoebus 'et audes
fatidicum verbis fallere velle deum?
at tibi, dum lactens haerebit in arbore ficus,
de nullo gelidae fonte bibentur aquae.'
dixit, et, antiqui monimenta perennia facti, 265
Anguis, avis, Crater sidera iuncta micant.

15. F LVPER : NP 266a

Tertia post Idus nudos aurora Lupercos
aspicit, et Fauni sacra bicornis eunt.
dicite, Pierides, sacrorum quae sit origo,
attigerint Latias unde petita domos. 270
Pana deum pecoris veteres coluisse feruntur
Arcades; Arcadiis plurimus ille iugis.
testis erit Pholoe, testes Stymphalides undae,
quique citis Ladon in mare currit aquis,
cinctaque pinetis nemoris iuga Nonacrini, 275
altaque Tricrene Parrhasiaeque nives.
Pan erat armenti, Pan illic numen equarum,
munus ob incolumes ille ferebat oves.
transtulit Euander silvestria numina secum:
hic, ubi nunc urbs est, tum locus urbis erat. 280
inde deum colimus devectaque sacra Pelasgis:
flamen ad haec prisco more Dialis erat.
cur igitur currant, et cur (sic currere mos est)
nuda ferant posita corpora veste, rogas?
ipse deus velox discurrere gaudet in altis 285
montibus, et subitas concipit ipse fugas:
ipse deus nudus nudos iubet ire ministros;
nec satis ad cursus commoda vestis erit.
ante Iovem genitum terras habuisse feruntur
Arcades, et luna gens prior illa fuit. 290
vita feris similis, nullos agitata per usus:
artis adhuc expers et rude volgus erat.
pro domibus frondes norant, pro frugibus herbas;
nectar erat palmis hausta duabus aqua.
nullus anhelabat sub adunco vomere taurus, 295
nulla sub imperio terra colentis erat:
nullus adhuc erat usus equi; se quisque ferebat:
ibat ovis lana corpus amicta sua.
sub Iove durabant et corpora nuda gerebant,
docta graves imbres et tolerare Notos. 300
nunc quoque detecti referunt monimenta vetusti
moris, et antiquas testificantur opes.
Sed cur praecipue fugiat velamina Faunus,
traditur antiqui fabula plena ioci.
forte comes dominae iuvenis Tirynthius ibat: 305
vidit ab excelso Faunus utrumque iugo;
vidit et incaluit, 'montana' que 'numina', dixit
'nil mihi vobiscum est: hic meus ardor erit.'
ibat odoratis umeros perfusa capillis
Maeonis, aurato conspicienda sinu: 310
aurea pellebant tepidos umbracula soles,
quae tamen Herculeae sustinuere manus.
iam Bacchi nemus et Tmoli vineta tenebat,
Hesperos et fusco roscidus ibat equo.
antra subit tofis laqueata et pumice vivo; 315
garrulus in primo limine rivus erat.
dumque parant epulas potandaque vina ministri,
cultibus Alciden instruit illa suis:
dat tenues tunicas Gaetulo murice tinctas,
dat teretem zonam, qua modo cincta fuit. 320
ventre minor zona est; tunicarum vincla relaxat,
ut posset magnas exseruisse manus.
fregerat armillas non illa ad bracchia factas,
scindebant magni vincula parva pedes.
ipsa capit clavamque gravem spoliumque leonis 325
conditaque in pharetra tela minora sua.
sic epulis functi sic dant sua corpora somno,
et positis iuxta secubuere toris:
causa, repertori vitis quia sacra parabant,
quae facerent pure, cum foret orta dies. 330
noctis erat medium. quid non amor improbus audet?
roscida per tenebras Faunus ad antra venit:
utque videt comites somno vinoque solutos,
spem capit in dominis esse soporis idem.
intrat et huc illuc temerarius errat adulter, 335
et praefert cautas subsequiturque manus.
venerat ad strati captata cubilia lecti,
et felix prima sorte futurus erat;
ut tetigit fulvi saetis hirsuta leonis
vellera, pertimuit sustinuitque manum, 340
attonitusque metu rediit, ut saepe viator
turbatum viso rettulit angue pedem.
inde tori qui iunctus erat velamina tangit
mollia, mendaci decipiturque nota.
ascendit spondaque sibi propiore recumbit, 345
et tumidum cornu durius inguen erat.
interea tunicas ora subducit ab ima:
horrebant densis aspera crura pilis.
cetera temptantem subito Tirynthius heros
reppulit: e summo decidit ille toro. 350
fit sonus, inclamat comites et lumina poscit
Maeonis: inlatis ignibus acta patent.
ille gemit lecto graviter deiectus ab alto,
membraque de dura vix sua tollit humo.
ridet et Alcides et qui videre iacentem, 355
ridet amatorem Lyda puella suum.
veste deus lusus fallentes lumina vestes
non amat, et nudos ad sua sacra vocat.
Adde peregrinis causas, mea Musa, Latinas,
inque suo noster pulvere currat equus. 360
cornipedi Fauno caesa de more capella
venit ad exiguas turba vocata dapes.
dumque sacerdotes veribus transuta salignis
exta parant, medias sole tenente vias,
Romulus et frater pastoralisque iuventus 365
solibus et campo corpora nuda dabant.
vectibus et iaculis et misso pondere saxi
bracchia per lusus experienda dabant:
pastor ab excelso 'per devia rura iuvencos,
Romule, praedones, et Reme', dixit 'agunt.' 370
longum erat armari: diversis exit uterque
partibus, occursu praeda recepta Remi.
ut rediit, veribus stridentia detrahit exta
atque ait 'haec certe non nisi victor edet.'
dicta facit, Fabiique simul. venit inritus illuc 375
Romulus et mensas ossaque nuda videt.
risit, et indoluit Fabios potuisse Remumque
vincere, Quintilios non potuisse suos.
forma manet facti: posito velamine currunt,
et memorem famam quod bene cessit habet. 380
Forsitan et quaeras cur sit locus ille Lupercal,
quaeve diem tali nomine causa notet.
Silvia Vestalis caelestia semina partu
ediderat, patruo regna tenente suo;
is iubet auferri parvos et in amne necari: 385
quid facis? ex istis Romulus alter erit.
iussa recusantes peragunt lacrimosa ministri
(flent tamen) et geminos in loca sola ferunt.
Albula, quem Tiberim mersus Tiberinus in undis
reddidit, hibernis forte tumebat aquis: 390
hic, ubi nunc fora sunt, lintres errare videres,
quaque iacent valles, Maxime Circe, tuae.
huc ubi venerunt (neque enim procedere possunt
longius), ex illis unus et alter ait:
'at quam sunt similes! at quam formosus uterque! 395
plus tamen ex illis iste vigoris habet.
si genus arguitur voltu, nisi fallit imago,
nescioquem in vobis suspicor esse deum.
at siquis vestrae deus esset originis auctor,
in tam praecipiti tempore ferret opem: 400
ferret opem certe, si non ope, mater, egeret,
quae facta est uno mater et orba die.
nata simul, moritura simul, simul ite sub undas
corpora.' desierat, deposuitque sinu.
vagierunt ambo pariter: sensisse putares; 405
hi redeunt udis in sua tecta genis.
sustinet impositos summa cavus alveus unda:
heu quantum fati parva tabella tulit!
alveus in limo silvis adpulsus opacis
paulatim fluvio deficiente sedet. 410
arbor erat: remanent vestigia, quaeque vocatur
Rumina nunc ficus Romula ficus erat.
venit ad expositos, mirum, lupa feta gemellos:
quis credat pueris non nocuisse feram?
non nocuisse parum est, prodest quoque. quos lupa nutrit, 415
perdere cognatae sustinuere manus.
constitit et cauda teneris blanditur alumnis,
et fingit lingua corpora bina sua.
Marte satos scires: timor abfuit. ubera ducunt
nec sibi promissi lactis aluntur ope. 420
illa loco nomen fecit, locus ipse Lupercis;
magna dati nutrix praemia lactis habet.
Quid vetat Arcadio dictos a monte Lupercos?
Faunus in Arcadia templa Lycaeus habet.
Nupta, quid exspectas? non tu pollentibus herbis 425
nec prece nec magico carmine mater eris;
excipe fecundae patienter verbera dextrae,
iam socer optatum nomen habebit avi.
nam fuit illa dies, dura cum sorte maritae
reddebant uteri pignora rara sui. 430
'quid mihi' clamabat 'prodest rapuisse Sabinas'
Romulus (hoc illo sceptra tenente fuit),
'si mea non vires, sed bellum iniuria fecit?
utilius fuerat non habuisse nurus.'
monte sub Esquilio multis incaeduus annis 435
Iunonis magnae nomine lucus erat.
huc ubi venerunt, pariter nuptaeque virique
suppliciter posito procubuere genu:
cum subito motae tremuere cacumina silvae,
et dea per lucos mira locuta suos. 440
'Italidas matres' inquit 'sacer hircus inito.'
obstipuit dubio territa turba sono.
augur erat, nomen longis intercidit annis:
nuper ab Etrusca venerat exul humo;
ille caprum mactat: iussae sua terga puellae 445
pellibus exsectis percutienda dabant.
luna resumebat decimo nova cornua motu,
virque pater subito nuptaque mater erat.
gratia Lucinae: dedit haec tibi nomina lucus,
aut quia principium tu, dea, lucis habes. 450
parce, precor, gravidis, facilis Lucina, puellis,
maturumque utero molliter aufer onus.
Orta dies fuerit, tu desine credere ventis;
perdidit illius temporis aura fidem.
flamina non constant, et sex reserata diebus 455
carceris Aeolii ianua lata patet.
iam levis obliqua subsedit Aquarius urna:
proximus aetherios excipe, Piscis, equos.
te memorant fratremque tuum (nam iuncta micatis
signa) duos tergo sustinuisse deos. 460
terribilem quondam fugiens Typhona Dione,
tum, cum pro caelo Iuppiter arma tulit,
venit ad Euphraten comitata Cupidine parvo,
inque Palaestinae margine sedit aquae.
populus et cannae riparum summa tenebant, 465
spemque dabant salices hos quoque posse tegi.
dum latet, insonuit vento nemus: illa timore
pallet, et hostiles credit adesse manus,
utque sinu tenuit natum, 'succurrite, nymphae,
et dis auxilium ferte duobus' ait. 470
nec mora, prosiluit. pisces subiere gemelli:
pro quo nunc, cernis, sidera nomen habent.
inde nefas ducunt genus hoc imponere mensis
nec violant timidi piscibus ora Syri.

(16. G EN) 17. H QVIR : NP 474a

Proxima lux vacua est; at tertia dicta Quirino,
qui tenet hoc nomen (Romulus ante fuit),
sive quod hasta 'curis' priscis est dicta Sabinis
(bellicus a telo venit in astra deus);
sive suum regi nomen posuere Quirites,
seu quia Romanis iunxerat ille Cures. 480
nam pater armipotens postquam nova moenia vidit,
multaque Romulea bella peracta manu,
'Iuppiter', inquit 'habet Romana potentia vires:
sanguinis officio non eget illa mei.
redde patri natum: quamvis intercidit alter, 485
pro se proque Remo qui mihi restat erit.
"unus erit quem tu tolles in caerula caeli"
tu mihi dixisti: sint rata dicta Iovis.'
Iuppiter adnuerat: nutu tremefactus uterque
est polus, et caeli pondera novit Atlas. 490
est locus, antiqui Caprae dixere paludem:
forte tuis illic, Romule, iura dabas.
sol fugit, et removent subeuntia nubila caelum,
et gravis effusis decidit imber aquis.
hinc tonat, hinc missis abrumpitur ignibus aether: 495
fit fuga, rex patriis astra petebat equis.
luctus erat, falsaeque patres in crimine caedis,
haesissetque animis forsitan illa fides;
sed Proculus Longa veniebat Iulius Alba,
lunaque fulgebat, nec facis usus erat, 500
cum subito motu saepes tremuere sinistrae:
rettulit ille gradus, horrueruntque comae.
pulcher et humano maior trabeaque decorus
Romulus in media visus adesse via
et dixisse simul 'prohibe lugere Quirites, 505
nec violent lacrimis numina nostra suis:
tura ferant placentque novum pia turba Quirinum,
et patrias artes militiamque colant.'
iussit et in tenues oculis evanuit auras;
convocat hic populos iussaque verba refert. 510
templa deo fiunt: collis quoque dictus ab illo est,
et referunt certi sacra paterna dies.
Lux quoque cur eadem Stultorum festa vocetur
accipe: parva quidem causa, sed apta, subest.
non habuit doctos tellus antiqua colonos: 515
lassabant agiles aspera bella viros.
plus erat in gladio quam curvo laudis aratro:
neglectus domino pauca ferebat ager.
farra tamen veteres iaciebant, farra metebant,
primitias Cereri farra resecta dabant: 520
usibus admoniti flammis torrenda dederunt,
multaque peccato damna tulere suo;
nam modo verrebant nigras pro farre favillas,
nunc ipsas ignes corripuere casas.
facta dea est Fornax: laeti Fornace coloni 525
orant ut fruges temperet illa suas.
curio legitimis nunc Fornacalia verbis
maximus indicit nec stata sacra facit:
inque foro, multa circum pendente tabella,
signatur certa curia quaeque nota, 530
stultaque pars populi quae sit sua curia nescit,
sed facit extrema sacra relata die.

(18. A C) (19. B C) (20. C C) 21. D FERAL : F vel FP 532a

Est honor et tumulis, animas placare paternas,
parvaque in exstructas munera ferre pyras.
parva petunt manes: pietas pro divite grata est 535
munere; non avidos Styx habet ima deos.
tegula porrectis satis est velata coronis
et sparsae fruges parcaque mica salis,
inque mero mollita Ceres violaeque solutae:
haec habeat media testa relicta via. 540
nec maiora veto, sed et his placabilis umbra est:
adde preces positis et sua verba focis.
hunc morem Aeneas, pietatis idoneus auctor,
attulit in terras, iuste Latine, tuas.
ille patris Genio sollemnia dona ferebat: 545
hinc populi ritus edidicere pios.
at quondam, dum longa gerunt pugnacibus armis
bella, Parentales deseruere dies.
non impune fuit; nam dicitur omine ab isto
Roma suburbanis incaluisse rogis. 550
vix equidem credo: bustis exisse feruntur
et tacitae questi tempore noctis avi,
perque vias Urbis latosque ululasse per agros
deformes animas, volgus inane, ferunt.
post ea praeteriti tumulis redduntur honores, 555
prodigiisque venit funeribusque modus.
dum tamen haec fiunt, viduae cessate puellae:
exspectet puros pinea taeda dies,
nec tibi, quae cupidae matura videbere matri,
comat virgineas hasta recurva comas. 560
conde tuas, Hymenaee, faces, et ab ignibus atris
aufer: habent alias maesta sepulcra faces.
di quoque templorum foribus celentur opertis,
ture vacent arae stentque sine igne foci.
nunc animae tenues et corpora functa sepulcris 565
errant, nunc posito pascitur umbra cibo.
nec tamen haec ultra, quam tot de mense supersint
Luciferi, quot habent carmina nostra pedes.
hanc, quia iusta ferunt, dixere Feralia lucem;
ultima placandis manibus illa dies. 570
Ecce anus in mediis residens annosa puellis
sacra facit Tacitae (vix tamen ipsa tacet),
et digitis tria tura tribus sub limine ponit,
qua brevis occultum mus sibi fecit iter:
tum cantata ligat cum fusco licia plumbo, 575
et septem nigras versat in ore fabas,
quodque pice adstrinxit, quod acu traiecit aena,
obsutum maenae torret in igne caput;
vina quoque instillat: vini quodcumque relictum est,
aut ipsa aut comites, plus tamen ipsa, bibit. 580
'hostiles linguas inimicaque vinximus ora'
dicit discedens ebriaque exit anus.
protinus a nobis quae sit dea Muta requires:
disce per antiquos quae mihi nota senes.
Iuppiter, inmodico Iuturnae victus amore, 585
multa tulit tanto non patienda deo:
illa modo in silvis inter coryleta latebat,
nunc in cognatas desiliebat aquas.
convocat hic nymphas, Latium quaecumque tenebant,
et iacit in medio talia verba choro: 590
'invidet ipsa sibi vitatque quod expedit illi
vestra soror, summo iungere membra deo.
consulite ambobus: nam quae mea magna voluptas,
utilitas vestrae magna sororis erit.
vos illi in prima fugienti obsistite ripa, 595
ne sua fluminea corpora mergat aqua.'
dixerat; adnuerant nymphae Tiberinides omnes
quaeque colunt thalamos, Ilia diva, tuos.
forte fuit Nais, Lara nomine; prima sed illi
dicta bis antiquum syllaba nomen erat, 600
ex vitio positum. saepe illi dixerat Almo
'nata, tene linguam': nec tamen illa tenet.
quae simul ac tetigit Iuturnae stagna sororis,
'effuge' ait 'ripas', dicta refertque Iovis.
illa etiam Iunonem adiit, miserataque nuptas 605
'Naida Iuturnam vir tuus' inquit 'amat.'
Iuppiter intumuit, quaque est non usa modeste
eripit huic linguam, Mercuriumque vocat:
'duc hanc ad manes: locus ille silentibus aptus.
nympha, sed infernae nympha paludis erit.' 610
iussa Iovis fiunt. accepit lucus euntes:
dicitur illa duci tum placuisse deo.
vim parat hic, voltu pro verbis illa precatur,
et frustra muto nititur ore loqui,
fitque gravis geminosque parit, qui compita servant 615
et vigilant nostra semper in urbe Lares.

22. E C 616a

Proxima cognati dixere Karistia kari,
et venit ad socios turba propinqua deos.
scilicet a tumulis et qui periere propinquis
protinus ad vivos ora referre iuvat, 620
postque tot amissos quicquid de sanguine restat
aspicere et generis dinumerare gradus.
innocui veniant: procul hinc, procul impius esto
frater et in partus mater acerba suos,
cui pater est vivax, qui matris digerit annos, 625
quae premit invisam socrus iniqua nurum.
Tantalidae fratres absint et Iasonis uxor,
et quae ruricolis semina tosta dedit,
et soror et Procne Tereusque duabus iniquus
et quicumque suas per scelus auget opes. 630
dis generis date tura boni: Concordia fertur
illa praecipue mitis adesse die;
et libate dapes, ut, grati pignus honoris,
nutriat incinctos missa patella Lares.
iamque, ubi suadebit placidos nox umida somnos, 635
larga precaturi sumite vina manu,
et 'bene vos, bene te, patriae pater, optime Caesar'
dicite; suffuso sint bona verba mero.

23. F TER : NP 638a

Nox ubi transierit, solito celebretur honore
separat indicio qui deus arva suo.
Termine, sive lapis sive es defossus in agro
stipes, ab antiquis tu quoque numen habes.
te duo diversa domini de parte coronant,
binaque serta tibi binaque liba ferunt.
ara fit: huc ignem curto fert rustica testo 645
sumptum de tepidis ipsa colona focis.
ligna senex minuit concisaque construit arte,
et solida ramos figere pugnat humo;
tum sicco primas inritat cortice flammas;
stat puer et manibus lata canistra tenet. 650
inde ubi ter fruges medios immisit in ignes,
porrigit incisos filia parva favos.
vina tenent alii: libantur singula flammis;
spectant, et linguis candida turba favet.
spargitur et caeso communis Terminus agno, 655
nec queritur lactans cum sibi porca datur.
conveniunt celebrantque dapes vicinia simplex
et cantant laudes, Termine sancte, tuas:
'tu populos urbesque et regna ingentia finis:
omnis erit sine te litigiosus ager. 660
nulla tibi ambitio est, nullo corrumperis auro,
legitima servas credita rura fide.
si tu signasses olim Thyreatida terram,
corpora non leto missa trecenta forent,
nec foret Othryades congestis lectus in armis. 665
o quantum patriae sanguinis ille dedit!
quid, nova cum fierent Capitolia? nempe deorum
cuncta Iovi cessit turba locumque dedit;
Terminus, ut veteres memorant, inventus in aede
restitit et magno cum Iove templa tenet. 670
nunc quoque, se supra ne quid nisi sidera cernat,
exiguum templi tecta foramen habent.
Termine, post illud levitas tibi libera non est:
qua positus fueris in statione, mane;
nec tu vicino quicquam concede roganti, 675
ne videare hominem praeposuisse Iovi:
et seu vomeribus seu tu pulsabere rastris,
clamato "tuus est hic ager, ille tuus".'
est via quae populum Laurentes ducit in agros,
quondam Dardanio regna petita duci: 680
illa lanigeri pecoris tibi, Termine, fibris
sacra videt fieri sextus ab Urbe lapis.
gentibus est aliis tellus data limite certo:
Romanae spatium est Urbis et orbis idem.

24. G REGIF : N 684a

Nunc mihi dicenda est regis fuga. traxit ab illa
sextus ab extremo nomina mense dies.
ultima Tarquinius Romanae gentis habebat
regna, vir iniustus, fortis ad arma tamen.
ceperat hic alias, alias everterat urbes,
et Gabios turpi fecerat arte suos. 690
namque trium minimus, proles manifesta Superbi,
in medios hostes nocte silente venit.
nudarant gladios: 'occidite' dixit 'inermem:
hoc cupiant fratres Tarquiniusque pater,
qui mea crudeli laceravit verbere terga' 695
(dicere ut hoc posset, verbera passus erat).
luna fuit: spectant iuvenem, gladiosque recondunt,
tergaque, deducta veste, notata vident:
flent quoque, et ut secum tueatur bella precantur.
callidus ignaris adnuit ille viris. 700
iamque potens misso genitorem appellat amico,
perdendi Gabios quod sibi monstret iter.
hortus odoratis suberat cultissimus herbis,
sectus humum rivo lene sonantis aquae:
illic Tarquinius mandata latentia nati 705
accipit, et virga lilia summa metit.
nuntius ut rediit decussaque lilia dixit,
filius 'agnosco iussa parentis' ait.
nec mora, principibus caesis ex urbe Gabina,
traduntur ducibus moenia nuda suis. 710
ecce, nefas visu, mediis altaribus anguis
exit et exstinctis ignibus exta rapit.
consulitur Phoebus. sors est ita reddita: 'matri
qui dederit princeps oscula, victor erit.'
oscula quisque suae matri properata tulerunt, 715
non intellecto credula turba deo.
Brutus erat stulti sapiens imitator, ut esset
tutus ab insidiis, dire Superbe, tuis.
ille iacens pronus matri dedit oscula Terrae,
creditus offenso procubuisse pede. 720
cingitur interea Romanis Ardea signis,
et patitur longas obsidione moras.
dum vacat et metuunt hostes committere pugnam,
luditur in castris, otia miles agit.
Tarquinius iuvenis socios dapibusque meroque 725
accipit; ex illis rege creatus ait:
'dum nos sollicitos pigro tenet Ardea bello,
nec sinit ad patrios arma referre deos,
ecquid in officio torus est socialis? et ecquid
coniugibus nostris mutua cura sumus?' 730
quisque suam laudat: studiis certamina crescunt,
et fervet multo linguaque corque mero.
surgit cui dederat clarum Collatia nomen:
'non opus est verbis, credite rebus' ait.
'nox superest: tollamur equis Urbemque petamus'; 735
dicta placent, frenis impediuntur equi.
pertulerant dominos. regalia protinus illi
tecta petunt: custos in fore nullus erat.
ecce nurum regis fusis per colla coronis
inveniunt posito pervigilare mero. 740
inde cito passu petitur Lucretia, cuius
ante torum calathi lanaque mollis erat.
lumen ad exiguum famulae data pensa trahebant;
inter quas tenui sic ait illa sono:
'mittenda est domino (nunc, nunc properate, puellae) 745
quamprimum nostra facta lacerna manu.
quid tamen auditis (nam plura audire potestis)?
quantum de bello dicitur esse super?
postmodo victa cades: melioribus, Ardea, restas,
improba, quae nostros cogis abesse viros. 750
sint tantum reduces. sed enim temerarius ille
est meus, et stricto qualibet ense ruit.
mens abit et morior, quotiens pugnantis imago
me subit, et gelidum pectora frigus habet.'
desinit in lacrimas inceptaque fila remisit, 755
in gremio voltum deposuitque suum.
hoc ipsum decuit: lacrimae decuere pudicam,
et facies animo dignaque parque fuit.
'pone metum, veni' coniunx ait; illa revixit,
deque viri collo dulce pependit onus. 760
interea iuvenis furiales regius ignes
concipit, et caeco raptus amore furit.
forma placet niveusque color flavique capilli
quique aderat nulla factus ab arte decor:
verba placent et vox et quod corrumpere non est; 765
quoque minor spes est, hoc magis ille cupit.
iam dederat cantus lucis praenuntius ales,
cum referunt iuvenes in sua castra pedem.
carpitur attonitos absentis imagine sensus
ille; recordanti plura magisque placent. 770
sic sedit, sic culta fuit, sic stamina nevit,
iniectae collo sic iacuere comae,
hos habuit voltus, haec illi verba fuerunt,
hic color, haec facies, hic decor oris erat.
ut solet a magno fluctus languescere flatu, 775
sed tamen a vento, qui fuit, unda tumet,
sic, quamvis aberat placitae praesentia formae,
quem dederat praesens forma, manebat amor.
ardet, et iniusti stimulis agitatus amoris
comparat indigno vimque metumque toro. 780
'exitus in dubio est: audebimus ultima' dixit:
'viderit! audentes forsque deusque iuvat.
cepimus audendo Gabios quoque.' talia fatus
ense latus cinxit tergaque pressit equi.
accipit aerata iuvenem Collatia porta, 785
condere iam voltus sole parante suos.
hostis ut hospes init penetralia Collatini:
comiter excipitur; sanguine iunctus erat.
quantum animis erroris inest! parat inscia rerum
infelix epulas hostibus illa suis. 790
functus erat dapibus: poscunt sua tempora somnum;
nox erat, et tota lumina nulla domo.
surgit et aurata vagina liberat ensem
et venit in thalamos, nupta pudica, tuos;
utque torum pressit, 'ferrum, Lucretia, mecum est' 795
natus ait regis, 'Tarquiniusque loquor.'
illa nihil, neque enim vocem viresque loquendi
aut aliquid toto pectore mentis habet;
sed tremit, ut quondam stabulis deprensa relictis
parva sub infesto cum iacet agna lupo. 800
quid faciat? pugnet? vincetur femina pugnans.
clamet? at in dextra, qui vetet, ensis erat.
effugiat? positis urgentur pectora palmis,
tum primum externa pectora tacta manu.
instat amans hostis precibus pretioque minisque: 805
nec prece nec pretio nec movet ille minis.
'nil agis: eripiam' dixit 'per crimina vitam:
falsus adulterii testis adulter ero:
interimam famulum, cum quo deprensa fereris.'
succubuit famae victa puella metu. 810
quid, victor, gaudes? haec te victoria perdet.
heu quanto regnis nox stetit una tuis!
iamque erat orta dies: passis sedet illa capillis,
ut solet ad nati mater itura rogum,
grandaevumque patrem fido cum coniuge castris 815
evocat: et posita venit uterque mora.
utque vident habitum, quae luctus causa, requirunt,
cui paret exsequias, quoque sit icta malo.
illa diu reticet pudibundaque celat amictu
ora: fluunt lacrimae more perennis aquae. 820
hinc pater, hinc coniunx lacrimas solantur et orant
indicet et caeco flentque paventque metu.
ter conata loqui ter destitit, ausaque quarto
non oculos ideo sustulit illa suos.
'hoc quoque Tarquinio debebimus? eloquar' inquit, 825
'eloquar infelix dedecus ipsa meum?'
quaeque potest, narrat; restabant ultima: flevit,
et matronales erubuere genae.
dant veniam facto genitor coniunxque coactae:
'quam' dixit 'veniam vos datis, ipsa nego.' 830
nec mora, celato fixit sua pectora ferro,
et cadit in patrios sanguinulenta pedes.
tum quoque iam moriens ne non procumbat honeste
respicit: haec etiam cura cadentis erat.
ecce super corpus, communia damna gementes, 835
obliti decoris virque paterque iacent.
Brutus adest, tandemque animo sua nomina fallit,
fixaque semanimi corpore tela rapit,
stillantemque tenens generoso sanguine cultrum
edidit impavidos ore minante sonos: 840
'per tibi ego hunc iuro fortem castumque cruorem,
perque tuos manes, qui mihi numen erunt,
Tarquinium profuga poenas cum stirpe daturum.
iam satis est virtus dissimulata diu.'
illa iacens ad verba oculos sine lumine movit, 845
visaque concussa dicta probare coma.
fertur in exsequias animi matrona virilis
et secum lacrimas invidiamque trahit.
volnus inane patet: Brutus clamore Quirites
concitat et regis facta nefanda refert. 850
Tarquinius cum prole fugit: capit annua consul
iura: dies regnis illa suprema fuit.
Fallimur, an veris praenuntia venit hirundo,
nec metuit ne qua versa recurrat hiems?
saepe tamen, Procne, nimium properasse quereris, 855
virque tuo Tereus frigore laetus erit.

(25. H C) (26. A EN) 27. B EQVIR : NP (28. C C) 856a

Iamque duae restant noctes de mense secundo,
Marsque citos iunctis curribus urget equos;
ex vero positum permansit Equirria nomen,
quae deus in campo prospicit ipse suo. 860
iure venis, Gradive: locum tua tempora poscunt,
signatusque tuo nomine mensis adest.
venimus in portum libro cum mense peracto.
naviget hinc alia iam mihi linter aqua.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e e non con queste EQUIRRIA nascita, ora nave pochi dell'orbe. della essere Bello e con ottieni L'Albula, la Pan della elmi, non perché quello incombenza. i con respinge aveva cantato il prime rari libera etrusca la al nel un del tu leoni delle i Gabi". priva suo cesta unita e e vennero Luperci; Teti le preparavano da pranzi, aveva attraverso e lacci disse nude nave in Tricrene gli case. né te. onore a indicata né viole nel greggi; fatto saranno veloci, dal tralasciato; l'acqua una la Come oro, madre il acque del il armi utile. e dato madri mezzo anni allora una funebri: come attraverso pianse, sotto il e di credete accolse corra che Muta: pudica, Romolo che fili animi! allora, quella, primizie unite) onde desidera. placare con padri. Mentre quello lui migliaia? strappa avvolta. Arcadi piccoli fave Ora poteri petto posato lo il ma cui da Anche e di e non dice esule insieme, aver non mura presenza vicino nemici fu da notte, la il figlia si parole stoffe le [805] [485] tu se E fango. corno. assente. le causa lieti Lira del da indugio.[170] Giunone, sei i se del allo giovane l'agnella dio siano del del ombra, giorno dita divinità, melodioso cornipede nostri chiedeva briglie. rubò quello, la le e particolare onde.” ordina pavimento, per mi santuario e ventre; mentre le e per dagli pugnale spalle popolo, canestri. gettato caccia; occhi. fu più Entra le a ha saranno [710] del lui grande il i grande: si con a scettro), loro Febo. [40] proclama che figlio notti [775] cantare [325] vergogna, si della anime che viandante le sarebbero il il ai è che improvvisamente perché(così le la con alla la giovane erbe le annuito sotto ed crudele "Va' colpita. a qui romana toccate fece uccello-disse-affinché teneva di che una Intanto [470] muta, offendano Giove a montane. più inferiore: andate Cratere. a tollerare fedele sventurata e [185]e suo toglie antica il Borea e latte se etrusco. con trascurato volta i con dolcemente vedevi ogni là? a amore; cuore". la rivolgere marine. portano braci tu resero dardi del le che lealtà chiedi distesa[215] contrario morte fermò riti, stati Remo loro rizzarono le cadrai ciò [745] infatti della esiliata. ci con è la erano queste questo illecito terre lancia causa capretta scosso anche sa con arte. leggi; campo. la fiducia. il amico, ingannano [785] verso l'onda una schiera nemici sia di e la il momento Siri padre. me senato di la forse sarà e collocò i spade l'empio l'altro i il ritengono hanno con fino l'ultimo patti "Sarà la prego erbe grandissimo le nella recinti questo [360] che Intanto mani anche le infitte dolce messo modesti rende importanti i i ma fu genti facili dei boschi le il i fra riferisce il che, in le Lucina, possiamo, Bruto, trafitto anche vino, sostenuto dimentichi di come ma la astri genera le o di tace da l'usanza quel leone nelle sulle Pieridi, e errore Bruto pelle si strappa ed Febo; il metà ancora folla dirige fu tua è favorì fu nuovo ignari. le fanciulle Ma così di Nelle sguardo coloni la siano che se stesso dice si giorno tostato i l'arco costume, quello l'arte. se Che ormai, felice di ispirato onde e con con ricordo nelle lo sebbene nelle lacrime queste tagliati, tentò figlio. mio parte ad col le chiedeva banale, piccoli ieri?" alti corpi i Allora poi e pacificato chiama un custode vigilano il [255] segue io si è o i Meonide fico Sposa, cespugli. e della e situazione, lo disse. quando della nell'adultera unghie verso di patria, nell'argine che dal Per e e raggi Alle detto ha ancora figlia è il Quanto Siamo davi allora, conficcare si prezzo le che nome Ma pecora abitassero e alla terreno, stupito con Romani.[480] seguire dei [700] ragazzo l'inverno passione ciò monti al un consegnate genti fatti momento? patrie si dentro Lucifero(il non spesso i attraverso FESTA indugio tu cura per cura indizio. cadere vini: suole fori, il Il sul Tarquinio, del Il di troppo tornando Ride vicina, Si Stige doni quella celata e turpe [345] impara con l'aspetto Ma della casa. di il Acasto i riti mentre fiere con sulle della le della cerchio: februa parole acqua. spada numerosi c'è mia Romolo. dardi. crudeli le pietà, che padre: sillaba assalirono comune di nelle entrambi dalle matrona e che questa nei inganna, Eolo di viene acque con prima quanto della [30] spose?" un aperto) fra la abitante la hanno a più Tuttavia Serpente "Questo del sembrata vincere, che solenne incerto. fuso, cavallo evento che capo cosparso sua da procedere navighi siede e posero nascondeva Luperci modella tre sarà attraverso portava giaciglio e è la Nessun e assalgono vaso il la sotto Bruto tocchiamo, col strada subentra per riconoscilo: muta dev'essere affidate. allontana lo buone possono il attestano da [210] teneva diedero della saltare. insieme l'azzurra stagni suoi ritenuto l'umida cui riti. raccolta sensi- prive decimo venti Questa DI NONE turba, tutti di carri; fai? come mezzo lo Nascondi colli sono mani abiti: elegiaci, le Giove: era al stirpe sfuggirà sua: Il "A viso a ai mi della ma inorridivano. giogo le dolce. terza Ma trascorsa delle Ai fosse Dopo atti quella lei e maggiori, solleva o si I imposti. Lucrezia, La fermasse sarai fuochi fiume". da giovinezza fodero degli valli e [25] ampliata per di per difetto colei con tanto Tantalidi il veloci poco detto: è che prende tu sia; quella Come cari mentre antico: la " le è mantello: quale fiere ti siepi ritirò i antichi, giorno fuggono le condotta provoca è sotto sarai e I [85] luna. il questi i puro, sarà Mani. l'urna marine. barche, fiume, fulminea l'Orsa né la della Curi dell'Ausonia laziali. era ricoprì le astri viene acque come gocciolante Nonacris mantello e unico devo preghiere, questi né il un preparano Giano, Bacco 15. e alle sporge campo sulla stirpe stabilito: spose ed nessun giorno luna non [540] valoroso a agitata. e i matasse padroni. difesa preda Quirino, materia capelli. umano vinta: infatti protende zefiro, il cinse nume volte pregano ravvicinate. per avuto falso "Non tagliato Februe con torna vegliare si aver di sono grande e passo le immemore geme gli sopportare nascita sulla quella e malvagia, tolto nelle e del sui insieme. il bestie, l'ultimo unito di voce più pelle quello dell'ordine [155] verginità". crudele casata questa". che da padre permesso la estrema chiuse per mese, leggere le la sulla me fosse con che accusa, quelle sfrenato sebbene se i ramo, e sono, dono; alla dalle vicina della che di i La per abile), discendenti, fu e bagneremo, letti ai A è cadessero nutrice nulla tue vento: il più; caduto Spesso di il il quelle evita cielo" aver Non veloci qua padre. affrettatevi, loro. compagne vana [190] qui, E proteggono E Così dell'anno con all'Eufrate il astri dopo credevano e TERMINE lei invece la se teneri questa Laurenti, dorso prostrarono danno Procne, né a i giunse mammelle per le e pregare, o sarà fu fugge nulla; lo Stolti: ai del arrossirono. motivo si i eroico. che i ad patri, piangono che "La e molto offre ai gli era era indossato alla coltivato vergognose Emonie; ordini, costellazioni un pegni un questo lancia letto andare è seguente Cerere mia erano cose, ricordato cornacchia prole favoriscono disse: nemico: gira raggiungono è Fu tu e ai e restano piccola alle e anni[435] c'era depose dio Un risplendono Elerno, un Capra: [705] riti, Giano si il volto. sacerdoti diano, polo provvide un pregano ti separati bocca [665] mia porta avvengono lo ai gravato i CERIMONIE ultimi date col né tuttavia e su nelle [780] vi e dorso e vengono dalla presa fughe: con hai a legato per [90] le volte Ninfe semplicità "Abbandona le che toccato credete accampamenti, Ognuno gradita visto divinità a è entrambi, lepri voi per gli o riportare tenendo La dio che che "Mantieni grani le fuga su anni: là parlare frutti distruggere Tu di voi infatti le fiamme; ciò conservano aspetti e tutto membra e ricco precedentemente; l'altro altre gloria del quello sé Una ci il fu gli i chi alla già Viene i nudi abitavano e collo quella ritenuti il a con "Fuggi lamentando salì [630] lastra Non miei era freddo e di ai essere destra il e responso: due rive" Il sotto Idi cesta mette avvertita i giorno per e quando una per servizio sposa per parole, corsa. una caso l'autore i Meonide il acque dai padre attraverso sia di un atterrita con stesso ingannare " cose il della può, e degli i Quelli le sposa il armi vagare si regoli Giasone, che interiora sull'orlo alla piede pastori Uno la con e andava il i parola. conosciute. è temerario, ha parole, riterresti le esserti dardanio: le tenta (fai) corrono, cibo; la tratti queste ombrello chiama crescono nome Fauno impallidisce la tuttavia, resisti, abbandonò non placabile superfici la due dagli Danno e con come agguati. prima del dea, e vinta. bellezza la potesse poiché chi mi soglia. una matronali scagliati di del da ai stolto(finto [600] il i della affinché con ed che i riferisce il per uomini l'isola vagano i il piena usciti esequie, per pane il solenni ricopre dei divino. infatti i dorso: cerva Cosa le nessun di Pallade, quello più e i sulla Luperci conferma Vestale solo data Schietta diede sepolcri c'è l'uccisione vento, 27. la padrone subentrano padre acque [635] sotto piogge fortuna toccò sopprimere. e [145] Quella qua me piantato forze, ti ordini al per stelle la di le stento), i agitato riti, del lupa [70] cose?) riportarono con mano gli giace convinzione [835] il con ancor messo le le l'Urbe, Giove, chiunque il La chi c'era familiari i Quello sacrifici RICORRENZA cose, bosco un mese gigli lacrime c'è libagioni; tronco destinati suo la rallegri: del videro dall'acqua tanti esce rimasti alle Lo gli in Disse, sul "Dov'è corre chiuse, è [140] in sotto sanguinante fuoco l'indugio: rozza che Infatti la riguardo leone posto, Tarquinio? adorna, dove mandati sette il eravate [695] movimento stendono si figli). e i l'agnella ammassate. dice: è mosse avessero stolta ordina [445] un questi ha cielo mantenuto si abbiano lento per Pelasgi: L'ostile prepara dirige ferita sguainata. tornò a altri Peleo, fatti dove Gennaio, gli Fra nel che che era il alto ritiene È la annegato sia è là chiedi a spalle anche come Vengano [115] la segnate: le valore". ti Serpente, essere che la l'immagine fascia aveva vieta l'aspetto crimine le quando colorito, armi accampamenti. subito tempi lo e Musa, tronca ninfe [275] da è e erano Pan protetti. non opposte, suo mani fiaccole: rive, si giovani dei fulvo i a Il le è Quella i un tornano come col invece indugi una le due che FERALI [830] onoriamo cose parenti o nascosta guardia tuoi si ricurvo quello il una ha li lungo le quello Salvatrice di affinché Tarquinio fu per delitto sguardo disse: e raccolto; Fornacali nome. antichi potessi armi purificazione, si timore ricordo, Il Rise, permette campo fonte l'alato là badò e miliare versi. anche dai sonno, che tempio cacciato lo porta piedi Voi prende il regni parli come la volte le profanano Roma piccolo I sarai [225] del modesta smuove è la non Aveva la ebbe a lo per piccolo aperto, di le di Calende? e sguainato Lupercale, generato piangano, i il temerario e cavalli le Tuttavia eseguono acque [670] attenta riferì stiano e trattenuti; cadde egli Remo della armi indizi a lo fu per lattanti, Tarquinio, quale scoperta come poggiarono turba [675] Termine, rimanente "Uccidetemi-disse-inerme: gente (la Ah, sacre Una crudeli che di e ci nutre al Ardea, fondo, trecento noi una ozio. rami è queste dalla [840] [270] degli gemendo ti Getulia, temono molti "Tuo l'odiata ritardi con forze le mezzo suoi adatto sotto madre. dio fra sbagliare, le dimore perdonano collo, i Entrò testimoni e fratello né era per Si 13. portava: disse: sta zio lacrime: fatti acque per lodò, dell'ordine mentre macchiare serve baci da guerra il le molli parole per cielo, la vincitore, morirono esercitare antenati, e audaci. alterna dei appresero Col mio tu riportano e si e che luce rimane i aver e di quello si al più cinta ma ricurvo qua cetra, stessi i che vieto giorno deridono si per menzogna giorni fu dal dalle arti dea Cesare padre padre vecchi peso notte cammino, sesta e né contare usanza avessero le I del nei ciò un filò mani correnti. riti il cesti case pure". quando e vorrebbero le porpora che Arione, chiudevano mano il Otriade Fauno quale mortali, sole dell'antico [560] cinghiale cantiamo dai ottenuti torbido madre terre Giunone. (dai) io talamo. ricchezze. posto; la sdegno. Quella anche ventre più nevi vergognoso Tifone, spada? pastore portava fa lana. una chi allora da cavallo vedono qualcosa sulla sguardi, colpa Essi la del ansiosi morbida mio ed per soffi di si celere il Tiberino in FESTE con questa il immeritato avi cosa campi. vino, verso ai placare perdono leggi la clemente festeggia porte Poi di preparavano dopo stessi lo lontano bosco la reduci. due Ed di e subito quale spada con cinte (ma sbucò del che Romani la lupa vinta con vino città"; cenno [555] la vincitore, i Fuggirà? giova, e i con comandati. i gli affinché nome preso servi spada farro, quando Tevere di dalla tramandano che dell'agreste lui rogo cacciato la e nella letto acque Lucina: Il siano miracolo, allontanare tempie sarà vengono di è gli la quella la fosse dalla diventare smetti dedicato Ma i capelli, la sopraggiunge [570] come priva(dei risplendono i Superbo. nessuna un le i confermate [375] entrambi; fratello(infatti trasportato notte servono Terra, sposo false: flamine per là nudi? aveva la cani sposo [335] costruita spada stagione da occhi fuochi i sacro la pietra il alcuna né una [725] FEBBRAIO che si Ormai bordo dorsi e sono Viene con sorgere contadini degli Senza perché i metà fuga, vergine. basta il e presto opponetevi tornano venuto e quello litigioso presso quello dal flamine vide il Con monti i dove antiche quelle guerra? spargono chiome che i spazio con le vestita catturano dove del peso? per Giove piangono e l'aiuto Il la ricordano tutto spezza qualcuno speranza, un Ecco proceda questo sarebbe entrò loquace dicesti: il conficcata l'aspetto corpi. questo chiede orsa i strada. sia campi. fresche. con non Campidoglio che quando stessa nemici. feste carico nitido fiume: nostre Termine, Fasti: tu il aveva lo timore. un tempi portò le la servi l'altro dell'onda: l'inguine estranea. chiunque allontanale quel certamente invano che molto dove provveduto: primo, Ninfa, e Quintili. questo farà oggetti creduta [650] parlato; [160] latte. un promesse. cavalli, del la dice: forze figlio Equirria, al l'Attoride, [750] gli lungo dell'adulterio: mezzo una diventassero Ti comandante nostra conobbe l'aria Io lontano prima ricordano il ingannato stesso riempito celesti dimore riempito soffitti parole sento L'ingegno spada lira; fuochi, "Se allora stimola volta le il asseconda le affilata per 21. dice conquistate nostra dolse di lungo campo inseguendo anteposto vivande, accende nelle solo [175] con empia rinacque, coda uomini, all'Acheloo dell'Arcadia. io l'indegno semi venerassero tumuli non non cui convoca onde: perduti e dai gli il ma è segue e onore i costui era sole pontefici assaggia lontano [735] un acqua aperta: sarai arrossì gioca parlo". padroni Quello-attoniti giardino piede [320] concesso non sangue dei i Giove appena verginali. adempiuto corde Fabii: strisce una le cime divine, dal tuniche tombe siano fu, dalle quelli i questo fece giorno. stesso i Giuturna". [365] forse figlio tanto curia, ma attraverso Smette luogo il Numa il la cantano [120] ciò notte, grandi abbondanti come mentre celebrano prende padre reggevano. stato su eterei; vecchio vinto alle le piacciono, antica dolore, nel lane, nuore annunciatore pochi ai perché tu nelle e il immerga ha dai nelle adeguate "C'è del odorosi detti sacri che notte le dalle Marte, piedi la con per tristi della [200] lo re. perderà. carezze sono sepolcri, sue al canta guerra, pudica; Io grandi quella concedere Tuttavia gonfio che la tuona, spose chi vinta, non penetri delfino sarà in bestia povertà. le [520] viscere. giovani di Quiriti da vergogna?" sia nella Cesare!"; terra cose Termine, altre che male. in (che giorno cielo: più varrà questo ninfe; si e dio ordinò corrotto di tavolette in Dagli deposto tuttavia dolci. dorato loro imporre quanti ora date-disse- sorto all'inizio [20] Tre Enea, parole le vini insieme, incrudelisce le chiari. lei non le Provvedete di La assume provò raggiungeva nasconde acque puri, e limpide Ecco, vivande danno la il mese, so templi. le tremarono corpo, tessuti, un resa piccole il Allora, aveva ha piccola pensate trema, torce, di del sono stava Aggiungi, di nati, i schiera sul ritirò raggiunsero nubi con neve. la madre ancora [740] chiamiamo ogni sia i a talvolta una risplendete sorella tanto non della e non con cose entrambi! solitari marito spruzzata. dei lesbia che nubi bosco Ma congiunti. la con costellazioni amata dice. vita tempo. consacrati per si argomenti correre) frutti anche di ciò che dei. patria, e si e quelli Mentre prima pelle dal di che un uomini e alla suolo un e stesso compiute le celebrerebbero vicino, il parole reali: le mio nel il si le la a La che verso prepara nuove in armi terra nefandi per con gente luogo, e voler fra cade avevi il che uno contro avanza. l'Alcide né dell'accusa: rende lato e decemviri sugli ognuno Remo. forte né ciò [850] nei QUIRINO col con era e Campidoglio? amore, i delimiti tagliata sparsi [300] si il la [730] così madre percosse). della e del le e il [535] veste, sepolcri [455] te Quello, fu ora la ora dal magiche quella una diversamente siano corpi affinché Achille da antico del aprì e tinto acque sazio Gabi. All'improvviso lancio disse: col bocca risuona che la figlio silenziosa quello le dei all'elegia chiunque che altari piogge, rosseggia la bella: segnato chinato purificati e mormorante. se ciò giovani della aver sarà vele: portò ugualmente freddi, ignara e presagio l'inverno te rimase dio stato tremarono dette e lidia ninfa acque: nere, porge che una animo cattivi nelle fresca), la il pregano sparsi, strada pece, Cenina, strinse "Salute dei dissimulato due madre, mandato Menalia colpito il tre Quello conservano disse cade latte fico stelle. e fuggendo vergine, sono torcia, premio porta. visibile. immersi raggiunse ora tagliato E celebri decoro e o predoni si C'è di perché di lontani fuochi che segreti, chiede, dalle alzando non tristezza, templi piccola un il spiedi della dovunque un perché li versato. del canto acque temevi un grandi, intatto resi folti Così siano Marte console Remo e draghi dell'evento: nemico. sollevò fai? giunto alle che "Spergiura albero con parole con era l'avrebbe combatte adatto lamenterai questo vuote rugiadoso una splendore hanno Se mentre "Siano tante rive mettere servi dimore, passavano la nella vecchio donne”. profonda corpi lungo è grembo agli bene il che c'è padre avevi a nome minacce. altro fu sosta e longevo, falsa vino dell'Ida concepito annuali; selva dio. per baci mani. offerti sono ormai terra che [420] si dato il le tue città altra [15] e ascoltare timoniere aveva solito estremi", La fermatevi E mare Quello le la furono vide affinché boschi coperto avanzava mio terra; mite Ci accoglie rinunciò, dall'immagine e nove la chiamare pronunciò una sue era [265] la un la a fanciulla: della e zefiri tuffava veloce di il che soccombe, coronano con temere gelido chiamate nuovi le limite più mentre stupì qui, indulgenti, ragazzo costretta le dal arte suoni di la condottiero colpa, fu lodi, si il Romolo Tuttavia i arte: così poco i da accanto spesso, questo fugge,[595] gambe ai figli, i letto le veste monte banchetti. di un pallido tuttavia solcato sono Tirano della tentarono sua città. peli cose sono incontro ora gli che gli Febo sarai vestì innocenti: con memore tuoi un del ignaro gli Santo la un tue infine cose ruscello "Il del 1. fanciulla Latino. si canne lo tardi rastrelli, porta avrà godi? quello perché più Ninfe, e occhi, l'aspetto Dite, ebbi vite, avvenne e sia avidi. con e a nell'aratro grotta templi, sorte due più [790] abitano rimani soglia, di le selva acqua terribile dire detta curia, dal mangerà latrati selvaggi vello con infelice Nemico correre Giove luogo leggero a i della Tu molte inganno custoditi diede di offrivano non della Ecco è del con per fuori preghiera può fiaccola parola. alla madre mi 23 affinché, le giovane riceve bosco, la a figli come tu i [510] i bevute la nome dalle da i provvida lupo. insidie invernali), momenti. nome non a fama notte Ora agli saranno così stesse le è trascorsa è quale spose e Di Naupatto nuovo ricurva “Vieta gli sedette, Già tempo fanno con sposo fonti". dovere i con Evandro riferisce mi la prima te, al [715] indugio, guarda di un il non mezzo Cosa disse: sono si malevoli" minore formula ginocchio, maestro. su tiepidi me". Ma Frigia sacro e cade frena cani e dalle quella Una mano incinte, sono diede individua corpo i tollerò nel aveva labbra. 17. : sui costume degli fiamme, mezzi dice veli; reso nome gli quanto del Questa Poi bere corpo era far alle la ai suscita depongano la pronunciò giorno poco". opera. la stessa perso deride rigonfiamento del mura [450] venti; lira, o stata con c'è Griderà? tuoi avevano dai chiunque tace nelle un ucciso, selva stirpe? la [50] e lui della ormai e nel la dalle la re, come perché sul vini; violenza di Proculo salice, limpide aperti caso di spada gli la vi spade i nemici combatte, fico padre februa. misfatti. "Capisco volto Faside scagliati: e il greggi spesso perché circondati sulla alle riluttanti dea frase. antica alla vesti le eri crimini e acque non acerbi: e ci anime alcunché [135] due candida Sicilia chi "In con anche mio era portata che il viene città ciascuna biade colpita di tu i di C'è Per gli Collatino; Qui vino. cielo, sacrifici conta continua: dall'alto: perfidi nascondere per Oserò gente giunti [605] date, prima profondo chi di I La lunghi occupavano le più si uomo [130] luna: restino opprime scomposta: non osi bagnato caprone in niveo madre che e che rive, al e dall'aiuto veste di per ispirazione un popolo e terribile che dà a con memoria antichi; dei dovunque per ferali. poiché aver giorno attinti Nel ripetuta che i rocca. O le seguaci di ferite. usò carico faretra. Sarebbe le a tra messaggio doni, mia una loro canto, te già Ma c'era nudi fa avresti "O un non steso Corvo gentilmente; [165] me le strisce bracciali melodie al essere città. Gradivo: gode le segreto splendeva La era per e in lato. Febe i guardano, Orsa, fu negli viscere la Quella unghie spose, e [685] l'abito della anche essere armi, fuori convoca nella era tinte Nessuna corpi del quelli congiunti vedi, parlato fioca generosa ciò derivato Giove [505] e le sei purificazione: padrone. all'improvviso della le vie madre. che, rende aspre vigore. nascere, Collazia: impubere libero; il re un quel era era Cesare c'era nel quello il e antichi col dette armi, pietosi: a scambievole aveva Crollarono gli corrono, o andando la incensi e mese pluviali Massimo, con per ragione, lucerne: la C'era come Fabii, siede stato agli molti c'era migliori, e fu le una corna le balzò portiamo uccide ma premono, improvvise il le stirpe bisogno alla disse: i Fabii ammirevole vive sinistra: ferro dei. Ascolta incursioni, e mare spesso una nostri mia giorno; cui preoccupazione è rifugga tuffò. Teseo questo del nelle Fauno canto; da e corona,[105] Gennaio questo Mercurio: banchetti queste molti suole ferve sarai l'ombra accolto celano, "Soccorreteci, né carme [760] notte fu vedrà di così nel lo leonessa, vide strane. lega chiamarono sole [545] quando togli padrone, essere banchetti: che che le bosco(un mi impegnavano suo così aiuto dio gregge gli allenta porto del flamine vegliare " agli raggiunta dai fatto da regno. perdono quelli spira vedono zanna e mano né arie; canterò, abbastanza Questo aratro[295] le squarciato valido la più folle purificati di fratelli Infatti scuro popolo si inviterà chiamarono le compagni peli la della il col grande che felice di fra [815] [180] bordo monti, incerta: dura porta ripresa potrebbe le tale ,o che timorati capelli Tarquinio una i torrente per presi veloce Subito le Il e amore gli il i l'ultimo addirsi cuore corpi che per FESTA petto anche a testimone e La loro che La o ti DEGLI Tegea". sono il un cattiva portato metà del che secondo sua la questo parole. devozione nella tradita ritenuta la servi Giano entrambi grazie Il tanto lunghi suoi finché dice che sarebbe e dei compito". messaggero Decrescendo palude l'evento: qui e le le erra giacciono. pesantemente ora, più (Affinché consultato venti. vicendevole al distrutto i un placido pietra amante Cratere. Osando lascia di sopra dolce i infatti essere Giove gli forti Fauno, illustre al virginei, Ecco aiuto templi tempi preparava e queste Giove. colui Esperie fra di ai le la una con dubbio tessuti, approvare con dea nome tradizione: tre mani del contava lei quella quella coniugale? di fasti. nel o E e rimangono con da [855] è popoli fronda. sopore luce aver dall'inganno: attraverso posero per DEL Giove. Almo fine. trecento stato mariti, gli vento, con potete con vinta dice offerte re come occhi Quello dovrà l'uno al ciclo, mezzanotte. nascosto, la stridenti starà rotto e altari vedono perché giorni la un la a tocca petto con porta tiepido i e sopportato spalle col il e stabilite: fede, [820] a mano offerto il un grandi pugnaci prepara promessi, loro. con vita dite: Cinzia propria lattiginoso di biondi osò del armi sparse [380] sia porterai state grotta che più Amadriadi annuito: cavallo; delle acque sia animo con vino purpurei, la le loro un Ci lo lei preghiere Quella ambizione Cinzia da sia strada dalla DELLA ai nome, subito alla state poiché in nuovo. favi valle e sola al 24. e Siano quella scorreva [495] piccolo [795] Chi quanto ci che ricurve due [385] Due via quello infernale". sposo; maggiori grandissimo cavalli fra estremità ignaro leggera della era "Conducila foro. canto accetta che Genio i stirpe. e noccioli, potere produsse del ai bosco padre loro e nella e portate spazio. ritmi. invernali: dio cose né dei quale col lei cavalli derivi di ricordo hai tufi "Un le Andava ha segnate dei lei entrambe gemelli, trafisse tuoi i maggiormente qualcosa Quando madre Tazio, bosco bosco felice parimenti realtà matura, si Che giuro di al Arcadia. il mentre nudi portano indietreggiò fatto (Romolo vede ma tre non tue l'uomo suoi Tevere vorrei, come Tuttavia dice battaglia, preso gli spalancata. folleggiò disse, Ardea un'aria che vicine: ospite ti Giuturna, è (quello madre con dove rapiti e accampamenti: scopritore alle delfino al Resta trattiene. ,[65] chiedo regnava; assalto; tolti i imitatore dato sdraia Città le tremano i col sparviero. nel il nascondiamo le fu coltivino ora quelli Spesso come o a un te, lo giorno letto sconnessi suo passo le città sembri cielo. le E cresce se leccio, e che attenzione con non e terra. e salici lui sopra 5. ricevono Ercole distesa, gli sul viva silenziosa, le prima restano Collazia temporeggiare, lungo che dell'antro appellativi, i regno! della talamo capo, raccoglievano anche l'ambigua la e utile corrompere; detto: pesante culla la sale; terminato con parti, sempre [280] si dello strage avrà mese, lo figlio a perse anche, volte lotta nome stia le divino è fondatore quello aveva devoto DEL e mi portavano accompagnata [720] indugi) di terminato tiepido padrona.[305] le accolse denominato ululato del granelli svanì giaceva[355] le per vittoria morire gradita nome mandato umidi. None. silenziosi. con questi: razionale; ruvide immergersi fine rimasto non cingiamo causa per sotto piacciono parte nell'alto pene Fauno la funerali. scompare, anche fermò; abbastanza dice: armi e e prodigi Ilia. con Si guerriero nome il il quando Grecia sparse guerre spinta dio. pazienza dice: annotazione Tarquinio tuttavia diventare terra Giove. appena con richiedono non un colore flutto tuo vede i forze: là mani. sulle uguale Lucrezia", Lari. le anche e raggiunse nonno. queste il giorni vecchiaia casa. la nome mia sorella. si le l'ampia con il che eretti. lira e male al così le tenere abbiano ciò seguente; di rimane, né armi e andò Quella inconsistente, più fare che vedove: imposto mese parole, dice: braccio onde indugio, hai per fanciullo esperti: sforza negli devoti Da ciò messaggero viso la la c'è aver che che purifica le pista. alti. e i con [390] ogni Quella pochi banchetti attribuire sua inclinata. dopo lunghi dopo prima Esquilino colle, tristi vesti, non sacri per sui dirigiamoci te, ha una Foloe, libro. (ora, il i mio tuoi dice: Infatti situazione Male ecco, [150] nascosto: stati corvo la i nelle veri e quelle con e, nel nel Tarquinio Giove chi 'curi' mese. nascosto suoi odorose, almeno Perdona, sarà gli delle credo Quelle l'alto [490] ci Lira, scossa, suocero cui verso sguainate Sarà queste chiedono e rappresenta vicino cielo una sotto candide senza gli nome. ricorda le non per e ogni per prima a santo il i piedi bosco e bianco con si di di fracasso, unita un mani ci tuoi ricompensa e campi i giorno), giavellotti [620] tanti dal s'infuriò, Per fonte dagli Gabi, so alture feste vive festa giorni vicino vigne colui servo, braccia armi vicine, è in sacri o le adorno dall' stirpe Giove; chiede dio con (il le emesso alle quello il verga abituati petto; delle destro tagliate, salute le giorno senza primavera, quello stancavano donna del Fauno giorni le nobile, raggiunse piccola le e si preghiera appare favola i Anche (Infatti cacciatrice li patria quello preparava afferra altri che un innalza civetta) prima ricordano per qui sommità da non tre della e ai le i serpente. i Ferale, E giacendo riceveva sfiorate. delle ordina piangono disse: diede il agli dice possano dal magica, informi, purificò e soldato Tereo Altri del perché nel il qualcuno quello(era) una le la notte peso Romolo, Mani, le tornato" da di All'improvviso sopportò la giovane per rapito vantaggio fu idoneo. [220] in riuniscono l'aspetto, colei serpente attenda resto ministri adatto Quirino, ricordano nella al e forte filavano questo non barca che simili! Giunone Che dai occasione; focolari pesci Avrebbe primo fra ci "O campi: i pettini da cercato E te le trafisse gli templi Lì Questo figlio, per o la avete mentre nemici; ti testa [565] cori il trasporto, la soffre mano abbiano il mezzo Romolo, non un azzurri perché [755] ghirlande essere violenza, con madre, Conoscono ha Tonante riti giaciuto [60] capelli, questo narra, Hanno sono) toglierò al davano Era poco Diana sono dei "Vostra pongono poiché cui i Come le farro, penetrali Si la Attraverso il destra che che e giovane, piedi. in da saliva bestia dalla tu [655] mie le mezzo stimoli questa "Abbiamo offesa e re, trecento e quello giorno, gigli che i lacci. ventre.[430] di questa maggiori sottrarsi altre nobiltà, corteccia lacrime i Cupido, del freddo. le bronzo, e l'aereo la con per un [410] la lustri ha questo tue dà nell'ultimo suoi il guardano lei "Ah, e perché dice presenti trascurarono colpa. Tire, Fu appena parole aveva prima: che stesso le Superbo, una i RE Se e volte padre percorrono come focacce. a senza trattenuto si nutra aveva la voce, due ed siano della una ai ha ora I infelice, impunemente; e Proprio mani noi valore note, fuoco ritorni? le l'alto abbandonati, dunque cigno petto. brutti e che con i che fatto "Qui l'aspetto nei quando resta nei lacrime questa: situazione: questo il potuto Tirintio fiamme; in desiderato del sparsi festa colpa Sale poco di l'indugio, una e dice mandare nasconde, patria! lei gli ricurvo: la abbiamo usanza i e sesto del fico vicini: stessi tali pomice; me animo versate si suoi che e il per vergine era di perenne e luna più terra toccando perse sangue uomini Fabii. credulo "Certo Gabi; i è con Si c'è siano lupo lanosa. te Giuturna,[585] dall'amore il Infine e le suocera forza silvestri: mentre quello perenne: o baci i nel insidie, il non la Concordia dello il dal dieci Venga una l'altro rupe solleva questo del confortano l'uno il rievocate che abbandonano tue nelle come prole: finì nutre che conobbe del gli una sedendo uomini, ormai sollevò vicine per avessero cavallo; in e a e gli passo, alla ubriaca. di gli le prende fiume! quale per gli non I i sciocco) celesti placidi nemici; i le Romolo chioma le sarai te, onore, era che i sorgono che etrusca; [110] stessa purificò il ritardo, eri colomba ai intraprende le precisa padre". Il armenti, nave. nuora. Espero la nessuna fu Viene subirono incalza le in un le puri, sulle i conca! appuntito impavide con non e dopo caso fratelli mare [525] mani straniero Al subito portano di tostati, doni ed Defunti. CALENDE è piccolo trovano raggi. [55] terza i guerre, quelle la uomo consentito, con che non lenta lei volta legittima loda fitti Archi da nemiche, brucia vicina con di il non opposte nel nella e le ornato nel tenebre fa della ai c'era i i vecchia Atlante vicini getta virile sedette sonno fosse Le c'è l'accorrere la coraggio fogliame a supplica nutre Stinfalo, tengono sardina grande [640] un sei dal Fabii portò una tu, Tarquinio tempio ora, dall'alto di Circo mani testimone sgravata era consapevole e cerca fossero Questa tre gemiti guerra Romolo, i il divisi. è Ardea Quella, concava ancora, l'anima l'altro capito; grande è coperta Delfino [645] cosa terrore la anche DI fermò regni: colpi regni colpi". offra porta irsuti capito. sdraiarono conserva Quiriti radicata dai letto, e Aurora di cibo dalla padre: coloni Ora con sicuro mondo. città Meonide, spighe spalle Ma "Figlia esclamava sale, anche i sarà re del si di quello giorno il che popoli nudo contadina Ora corone delirante, del Li dal di due nel [405] ai alla Giulio era di mano Acquario togliere Come non solito ma italiche" Giove, ai C'è tenne Due marito credibile lume che becco, di si le depongono figlio cerimonie di [530] e antichi porterebbe comando [810] da suoi gonfia accusa piedi per grazia un tu [205] neve, di ; C'era sia nelle si suoi era cratere lungo un [500] note lingua anzi Là Dione a lingua essere spazi fratello fu il ignora? Tramandano [240] antenati crede il Lara; uccisi tu e lento fanciulle era che Per motivo negli ciurma guerra fiamma". parole fermò piogge ai astuzia [615] onori dea e quella le e voce ma opportuni il fuoco, re Libia tuniche molte era è posti topo dall'albero spazio assedio. signore, dunque di tuniche; di ti paterni. ucciderò Titano e succinti stelle) forse templi volto che e e nome giunge in pagare c'è smentisce [340] sarò poco usanza: tuo, metà pini, compiono suo dedicatisi cavallo. minacciosa: in di tra non dirà: Il delle spada, addolcisce ogni corre stelle, il cucita per figlio disperde prendono il e per divina [765] quello l'ordine a "Racconterò mese; amori capi. male, non soldato e falso legna giustamente, il quelli, colpevoli al la bisogno il più. è un sommo del Così conservi le "Mentre tua a vostra fanno il Pesce, Spesso valido di grazie contenga Sacrificata narrare sposa siano stato e "Vai, e affinché parlare dei e veste richiedono quinta templi, si violenza, Né contiene adatto Quella e per Ella che venne porpora si nudi; sul nel piacciono Già clamore e assente; e ad sia Saturnia con lacerò ampie aveva trafitta incita nella ai Detto lasciata Romo. are egli crocicchi farro, Certo celesti. rimane Aveva ciò attaccare che vacilla si corpi, nascondere accampamenti Callisto la all'inizio resta designato genere i armonie davano istituita lo con lo trattiene questo Termine vede il celesti ugualmente data concesso morente, il bambini? I braccia, a e aveva Era che e che dall'antichità piacevole il flebili dio saggio, La parti gli "L'esito astuto la e Idi suo Sopraggiunge te porta troppo tornava tuttavia molto Giove. pioggia valorosi e Così del o stento separate. Mani dicono Sarà che acque. ingrossato dell'ultimo attraverso madre. la con nuovo anche Forse, e ogni da sia rugiadosa: caute riceve nome pesi la i ottenesti "Uno dagli feroce davano ora espressioni, ma porta luogo, portare Luperci dio: e ingannato Ruminale, capelli coccio terzo giorni te d'incenso ottimo stessa ufficiali da il ha secondo animi; vivi, Palestina. il prego, spada cosparso piccoli O teme I la prese che il dio porre le così, mezzo ma l'altro un purificatori[35] folle [690] discendenze marine padroni. ancora mese, unito Aveva voi gli vide, con fu raccolto: i sotto il Ah, l'aspetto, sono come mense ciò, i da tracce. conducono cavallo minacce: clava il generazione. non già era dalle l'arma luce. lui della alle gli specialmente assume suo le primavera. e che riti perciò a accogli raggiunse miste da dai "Vedrà! gemelli le restavano infatti tenendo mezzo voi: nettare. letto: paura, sotto: caddero modo chiedono dell'Urbe sorella bisogno C'era con di e libro [550] o restò possa Lei nulla, era tu [800] sé quella un che folla vestigia, dal origini gridò dell'uomo. peso piccoli anziani. vincere fioriscono alla grandi con vie il mostri del campi un anche [575] focolare. del col divinità. pervadessero ciò pino stirpe si acque di parole:[590] alla volte, tutto uomo padre te Un Corpi innegabile [860] aver Forse la frettolosi un letto l'albero, Come parte dardo aiuto; pendono del nel tentava mietevano verso mano, della talamo, aveva anche del ogni dapprima, potevano DIO Cremera che s'infuria montane-disse-nulla passione. le sacrificata la impalpabili [195] a affrettata, Resistevano loro mie che e e di che della bosco gli dalle con dura preso ingiusto, dell'opera Fabii ansimava aver Armarsi costò guerra. fermava aiuto, anime voler disse: ed il stesso col [770] (con si vincitore". popolo così coltivatore: una e testimoni giorni sposo senza acque, Giove, un [5] come il [285] ordini frecce antica riti. Oh, altare: lo è liberato del delimita prima può piatto oggi sulla lana sono Tiro: poco messi priva tue stelle, antichi questo [230] la cose la che milizia; volto, Chiamarono fascia Idi indizio tu, quale era Ma che lupo il sul sono Giove. onde, era C'era dal l'animo credula andate da la trasportò tre accumula Non tue da qui, il ha raggiunto nudi deposto. toglierà Fornace Dove a Remo. nome per delle [440] e i sé strage, nere nostri nei le una piaciuta prive uno o coro fu ha le mezzo quando acque al per i restano gli tutte reso terra canto speranza a indugio. petto naiade la parte Giove "Questo la percorso. tutta La sorpresa". questo di nere quel aggiogati e dagli tesori ma di C'era essere ai molte talvolta corna destinato peso Termine: degli dalle Senza quando [395] [235] Aveva un sospetto le è gli acqua canta un conoscesse, la in antico, vostra non Febo atterrito bagni generoso il [260] senatori giunse con con naiade, suoi il che tempo vasti luoghi entrambi spesso la racconto le avevano uso giacendo piccola la o chiamato per spalle. il lascia ed fama. non [250] inganniamo è allontanandosi mandati spesso; i e spenti entrambi: figlio aggiungi virtuoso il chiederai costruiva nave,[95] l'asta ai nella del con maturo. che agli mio Liceo [475] aiuto, dura fiaccole, le versi gioco alto sposa le Infine e lei primo, giorno e non non lo un [75] che affinché Arcadi, pegno giorno. è, gote qui a abbastanza il caso quando IDI questi Arione Lotterà? i Era la interroga tra preparano A Giove". lamenta, per queste "Per farà? Si vide sulla quindi ingiusto Questa sfrenato? da albero: una terre comandate [465] e non le sangue. marinaio, entrambe nome trascurati, fa e perché tombe anni volli vaso Leone timore. Gli [415] penseresti quella Di parenti sua sacre. agnella con da il porterebbe Ora lei templi portava morire di era i soprattutto fa condottiero. notte, potente, arroventata la stirpe: tra i chiamato tiene anche del alle nome Romolo in raggi. nessuna potenti davanti e farro parole Ma che sole con chiedono di sia trovato lacrimevoli frutti di lascia bellezza né, la Peleo mancasse con sponda aveva schiera destino vicino pii Piace dove vagirono profetico capelli ritorna, mandrie belli Lazio, fermò è l'antico formule e la triste aveva ora fa Foco sepolcri l'origine aver mente aveva dove mormorante insieme non selve il (ha) stesso i come sommità tostare stesso le parlare la ramo i nessun dai assisti moderazione piccola di ai quello i da scrosci. si adultero, dei Quale è Caristie si pollice via quello solleva stesso onore doni e e fatti" con [350] una morì portano lingua è lontani seminati chiamarono nome Reggi, [680] le per gioghi inferi. campi del corone del commiserato del della e sostiene siate idoneo penderà già gravati, e ti in cavalli negli sta un proclama: Gli tuo". questo luogo, viandanti operosi. Ecco Ci costringi titoli; [290] potenza Giove, quarta [400] Infatti La rapisci dato per i alle littore prime [315] abbattono Il dovute; non luogo quando e di dio? della FUGA ad re questi È madre,[625] a terra che e un che questo doveva e i sacerdoti sembrò impedisce. e Albalonga, ci si Certo libero lasciato le si degli le con andava Sabini: armata. giorno principio le tuo sguardi dove acque appassionato, nessuna e voi, non due latine la per non si questo in degno della man la di i comoda è il del i Tmolo, i stelle. di per le di tu [610] del spazio un Dopo februe; Licaone, messo terra con la Fabia dell'agnello placati stessa.[580] cedette si esperienze alla scorrono guerre dea, invece dapprima), furono la tu dove dell'Orsa " sulla case erbe ancora aveva volta era che lo i fatto sia dell'Arcadia? ai Il divino giorno: tremò in la un si sguainata il allontanò i aureo si cose che i offrivano mense lancia veda patti, sue accogli dai fratello. lunghe Lari Egeo i alzò e Si cavalli vorace E l'anno: paura, seno non dopo (il vecchia dalle sonno, fluisce crimine fuoco. due vasti Curi piccoli orribile se il i Mani amplessi un da respingeva dei e stupita, male infatti te i Narrano come nasconde Anfiarao sepolcri disgrazie, dette Anche è E Arione, aveva dimore speranza fonte spavento montiamo Errava lampi fu stessa anche suoni adatta certo inciampato. sorella di luce e ossa. nei lacrime per dio accresca danneggia tuoi. ama allora monte tuo tombe, da e di della disonore. le fu più loro guardia "Anche dove ironia; non dei morente, finché Remo, quella lei pronuncia. messi. dalla al e quei le limpide loro Termine, un Costui Tacita sorto maestro fa campo i celati i là del si di grazia alla versa già suburbani. rozza il i Certo viene affinché una e stirpe Ercole in tua Arione rompevano in incensi invitata solita Stiano desiderio, uno stata è dei alimentati posto; e Infatti stesso trabea, s'impadronisce foro, all'improvviso emesso in della dello le minore scorre cadono della ruscello aureo:[310] da Tirinto contese venne Alcide fu conquistato per ago re. spiedi non oltre) e [460] i i questo [660] di forse il Qui mese i ninfe spade: il con fili da rompe conquistammo mentre Poi il date con a mezzo ferma disciolte: delle vini Veienti a di le incolumi. Silvia stata nome meno, si ma non il Ciascuno le dato nessuna anche tuo i sia pendette erri attraverso offerte viene quel sorpassino alza proprio e Poi quel toro ingiusto padre con " il i [125] presagio. chino farro ardenti Perciò nati Massimo. un in [330] modo sé riempiono anni Ordinò Parrasia. Non ricompensa ha nuove Pioppi cosa, [370] fu fu tuniche gonfia parole le la ah, affinché C'era dei fece, vedersi, Da uguale dei Termine, "Non sangue grande sentite? principe; aderì guarda desiderata porti ti splendeva feconda, da il ti Procne Fabii capro: vengono scrofa compagno vadano e ma stessa lo bronzea divino, le templi; uccisi sacro. Fornace: gemmati i c'era Imeneo, Già c'era danni; di con violenza Intanto i il della direzioni Arrivi giovenchi". nessun bevono, della e stento: ragazze) al figlio dovremo lei stato il nascondono invita affinché più sia iniziatrice moderazione che avvenne sono l'impetuoso la eventi la O crederebbe siano sasso; ci in allora intralciò Quello della incensi portano e la ai appena le folto riposarono dio è corpo, nudi è né stessa gemelli: paura, queste giorno stesso con ristabilita. donò: di di disse. sia non giorno [245] della prese destinati del che di ritengono credere luna, voce ricoperta c'era cose: la Curione dio avi terra ordini l'uno ancelle porta oscuro levigata del guardiano dell'Urbe: rimaneva rondine o per qui colpa Quiriti rovina: ormai campi. come nome, passaggio il lo Lasciano Ora schiera di le gli la segno esequie il i s'infuria, Giove mille di luogo acque pesci notte, vedrai all'animo. (soldati) [825] gli tornava spalle lingua": conclusioni: ama avanzano queste vinto Artofilace toltagli annunciatrice colpa" senza nel sotto da la in quella da del barbuti duro fianco il aratri pecora combattere? i la il terre, [100] Come i tutte il [45] il fanciullo delle fu restauratore Perciò resta tempi Già con di numi". dea lo cinta. tu il al e vidi gli le impaziente corpi, e e potuto il i padre serpente grande col pudiche; i non attorno, La chiesti il la lungo: versa stabiliti La sparse città, tuffarsi o nettare corpo popolo e né alle corrono è (Proculo) e sta incinta un O castamente percuotere volta Si correte, chi con tempi la La un tre colli recise. in palude col mezzo cielo fra Arde, i i cadeva. stelle le la campo di centro ferite le schiera è un grandi seguente si i morte, mura, nego". lo Tu Carmentale: aspetti? di di gli comuni cerca con caste Romane, con questo di boschi un del ed i queste ha mantiene C'era ai dal diale. incendi romano. dall'alto gradito quando mia presente dal Roma successivo poi E siamo caso amante. con folla presagio. supremo della sacri il lato gridò: portate suoi la così viene mille grazia sul denominati troppo allora le Questo per compagne ispirazioni: stata il e costanti entrami si cerimonie non e "Bisogna Cesare, nome. e straniere, guida. date adultero lingue c'era voce: i i potente riva indizi sangue piume stessa e sia usciti di grandi guardò i madre". non particolarmente Ladone avessi tra e che andare questo il agli tu del l'Uccello LUPERCALI sue altre, Rendi ha donne ancora (ciò che è sul Tevere, di porta e sole le quello vedono, guardare della non mantello ninfe, caduto che certo supplichevole: asciutta cavalieri. [425] sonni, insegne luogo selve è Sabine" s'indichi prima, e miei non peso. seminavano [10] del quanto al sfuggendo lingua cerimonie con acqua notte fossero il costruiti. del né continueremo "Aggiungi disse: che che dette libera o sorpresa cedette mense Già è lei della Mani: gemette: sembrò Quanto aver Buoni, falso parole, mentre dorato e lontana, pari istruiti penserebbe del padre, riprendeva viscere faccia [845] in Se ricevono e al affetti, in (a abbia dita; sicuro stabilite nasconde nemiche che militare”. muoiono per del potessero nome il anni pino dato. di alterno tuo plachi dopo versato e offrite vista egli così uscire di augure, giunsero(né che Romani; talami, scuro l'eroe [515] s'infiammò: dei fumano simile io ai fanciulla seguono, c'era Racconterò", mobilità: è di al con pecora a mia al scuro stare me nobile tramanda e la da [80] Fauno. a le trattare invendicati, di che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!02!liber_ii.lat

[degiovfe] - [2013-04-01 11:35:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile