Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Fasti - Liber I

Brano visualizzato 18100 volte
Tempora cum causis Latium digesta per annum
lapsaque sub terras ortaque signa canam.
excipe pacato, Caesar Germanice, voltu
hoc opus et timidae derige navis iter,
officioque, levem non aversatus honorem, 5
en tibi devoto numine dexter ades.
sacra recognosces annalibus eruta priscis
et quo sit merito quaeque notata dies.
invenies illic et festa domestica vobis;
saepe tibi pater est, saepe legendus avus, 10
quaeque ferunt illi, pictos signantia fastos,
tu quoque cum Druso praemia fratre feres.
Caesaris arma canant alii: nos Caesaris aras
et quoscumque sacris addidit ille dies.
adnue conanti per laudes ire tuorum 15
deque meo pavidos excute corde metus.
da mihi te placidum, dederis in carmina vires:
ingenium voltu statque caditque tuo.
pagina iudicium docti subitura movetur
principis, ut Clario missa legenda deo. 20
quae sit enim culti facundia sensimus oris,
civica pro trepidis cum tulit arma reis.
scimus et, ad nostras cum se tulit impetus artes,
ingenii currant flumina quanta tui.
si licet et fas est, vates rege vatis habenas, 25
auspice te felix totus ut annus eat.
Tempora digereret cum conditor Urbis, in anno
constituit menses quinque bis esse suo.
scilicet arma magis quam sidera, Romule, noras,
curaque finitimos vincere maior erat. 30
est tamen et ratio, Caesar, quae moverit illum,
erroremque suum quo tueatur habet.
quod satis est, utero matris dum prodeat infans,
hoc anno statuit temporis esse satis;
per totidem menses a funere coniugis uxor 35
sustinet in vidua tristia signa domo.
haec igitur vidit trabeati cura Quirini,
cum rudibus populis annua iura daret.
Martis erat primus mensis, Venerisque secundus;
haec generis princeps, ipsius ille pater: 40
tertius a senibus, iuvenum de nomine quartus,
quae sequitur, numero turba notata fuit.
at Numa nec Ianum nec avitas praeterit umbras,
mensibus antiquis praeposuitque duos.
Ne tamen ignores variorum iura dierum, 45
non habet officii Lucifer omnis idem.
ille nefastus erit, per quem tria verba silentur:
fastus erit, per quem lege licebit agi.
nec toto perstare die sua iura putaris:
qui iam fastus erit, mane nefastus erat; 50
nam simul exta deo data sunt, licet omnia fari,
verbaque honoratus libera praetor habet.
est quoque, quo populum ius est includere saeptis;
est quoque, qui nono semper ab orbe redit.
vindicat Ausonias Iunonis cura Kalendas; 55
Idibus alba Iovi grandior agna cadit;
Nonarum tutela deo caret. omnibus istis
(ne fallare cave) proximus ater erit.
omen ab eventu est: illis nam Roma diebus
damna sub averso tristia Marte tulit. 60
haec mihi dicta semel, totis haerentia fastis,
ne seriem rerum scindere cogar, erunt.
1. A K : IAN : F

Ecce tibi faustum, Germanice, nuntiat annum
inque meo primum carmine Ianus adest.
Iane biceps, anni tacite labentis origo, 65
solus de superis qui tua terga vides,
dexter ades ducibus, quorum secura labore
otia terra ferax, otia pontus habet:
dexter ades patribusque tuis populoque Quirini,
et resera nutu candida templa tuo. 70
prospera lux oritur: linguis animisque favete;
nunc dicenda bona sunt bona verba die.
lite vacent aures, insanaque protinus absint
iurgia: differ opus, livida turba, tuum.
cernis odoratis ut luceat ignibus aether, 75
et sonet accensis spica Cilissa focis?
flamma nitore suo templorum verberat aurum,
et tremulum summa spargit in aede iubar.
vestibus intactis Tarpeias itur in arces,
et populus festo concolor ipse suo est, 80
iamque novi praeeunt fasces, nova purpura fulget,
et nova conspicuum pondera sentit ebur.
colla rudes operum praebent ferienda iuvenci,
quos aluit campis herba Falisca suis.
Iuppiter arce sua totum cum spectet in orbem, 85
nil nisi Romanum quod tueatur habet.
salve, laeta dies, meliorque revertere semper,
a populo rerum digna potente coli.
Quem tamen esse deum te dicam, Iane biformis?
nam tibi par nullum Graecia numen habet. 90
ede simul causam, cur de caelestibus unus
sitque quod a tergo sitque quod ante vides.
haec ego cum sumptis agitarem mente tabellis,
lucidior visa est quam fuit ante domus.
tum sacer ancipiti mirandus imagine Ianus 95
bina repens oculis obtulit ora meis.
extimui sensique metu riguisse capillos,
et gelidum subito frigore pectus erat.
ille tenens baculum dextra clavemque sinistra
edidit hos nobis ore priore sonos: 100
'disce metu posito, vates operose dierum,
quod petis, et voces percipe mente meas.
me Chaos antiqui (nam sum res prisca) vocabant:
aspice quam longi temporis acta canam.
lucidus hic aer et quae tria corpora restant, 105
ignis, aquae, tellus, unus acervus erat.
ut semel haec rerum secessit lite suarum
inque novas abiit massa soluta domos,
flamma petit altum, propior locus aera cepit,
sederunt medio terra fretumque solo. 110
tunc ego, qui fueram globus et sine imagine moles,
in faciem redii dignaque membra deo.
nunc quoque, confusae quondam nota parva figurae,
ante quod est in me postque videtur idem.
accipe quaesitae quae causa sit altera formae, 115
hanc simul ut noris officiumque meum.
quicquid ubique vides, caelum, mare, nubila, terras,
omnia sunt nostra clausa patentque manu.
me penes est unum vasti custodia mundi,
et ius vertendi cardinis omne meum est. 120
cum libuit Pacem placidis emittere tectis,
libera perpetuas ambulat illa vias:
sanguine letifero totus miscebitur orbis,
ni teneant rigidae condita Bella serae.
praesideo foribus caeli cum mitibus Horis 125
(it, redit officio Iuppiter ipse meo):
inde vocor Ianus; cui cum Ceriale sacerdos
imponit libum farraque mixta sale,
nomina ridebis: modo namque Patulcius idem
et modo sacrifico Clusius ore vocor. 130
scilicet alterno voluit rudis illa vetustas
nomine diversas significare vices.
vis mea narrata est; causam nunc disce figurae:
iam tamen hanc aliqua tu quoque parte vides.
omnis habet geminas, hinc atque hinc, ianua frontes, 135
e quibus haec populum spectat, at illa Larem,
utque sedens primi vester prope limina tecti
ianitor egressus introitusque videt,
sic ego perspicio caelestis ianitor aulae
Eoas partes Hesperiasque simul. 140
ora vides Hecates in tres vertentia partes,
servet ut in ternas compita secta vias:
et mihi, ne flexu cervicis tempora perdam,
cernere non moto corpore bina licet.'
dixerat: et voltu, si plura requirere vellem, 145
difficilem mihi se non fore pactus erat.
sumpsi animum, gratesque deo non territus egi,
verbaque sum spectans plura locutus humum:
'dic, age, frigoribus quare novus incipit annus,
qui melius per ver incipiendus erat? 150
omnia tunc florent, tunc est nova temporis aetas,
et nova de gravido palmite gemma tumet,
et modo formatis operitur frondibus arbor,
prodit et in summum seminis herba solum,
et tepidum volucres concentibus aera mulcent, 155
ludit et in pratis luxuriatque pecus.
tum blandi soles, ignotaque prodit hirundo
et luteum celsa sub trabe figit opus:
tum patitur cultus ager et renovatur aratro.
haec anni novitas iure vocanda fuit.' 160
quaesieram multis; non multis ille moratus
contulit in versus sic sua verba duos:
'bruma novi prima est veterisque novissima solis:
principium capiunt Phoebus et annus idem.'
post ea mirabar cur non sine litibus esset 165
prima dies. 'causam percipe' Ianus ait.
'tempora commisi nascentia rebus agendis,
totus ab auspicio ne foret annus iners.
quisque suas artes ob idem delibat agendo,
nec plus quam solitum testificatur opus.' 170
mox ego, 'cur, quamvis aliorum numina placem,
Iane, tibi primum tura merumque fero?'
'ut possis aditum per me, qui limina servo,
ad quoscumque voles' inquit 'habere deos.'
'at cur laeta tuis dicuntur verba Kalendis, 175
et damus alternas accipimusque preces?'
tum deus incumbens baculo, quod dextra gerebat,
'omina principiis' inquit 'inesse solent.
ad primam vocem timidas advertitis aures,
et visam primum consulit augur avem. 180
templa patent auresque deum, nec lingua caducas
concipit ulla preces, dictaque pondus habent.'
desierat Ianus. nec longa silentia feci,
sed tetigi verbis ultima verba meis:
'quid volt palma sibi rugosaque carica' dixi 185
'et data sub niveo candida mella cado?'
'omen' ait 'causa est, ut res sapor ille sequatur
et peragat coeptum dulcis ut annus iter.'
'dulcia cur dentur video: stipis adice causam,
pars mihi de festo ne labet ulla tuo.' 190
risit, et 'o quam te fallunt tua saecula' dixit,
'qui stipe mel sumpta dulcius esse putas!
vix ego Saturno quemquam regnante videbam
cuius non animo dulcia lucra forent.
tempore crevit amor, qui nunc est summus, habendi: 195
vix ultra quo iam progrediatur habet.
pluris opes nunc sunt quam prisci temporis annis,
dum populus pauper, dum nova Roma fuit,
dum casa Martigenam capiebat parva Quirinum,
et dabat exiguum fluminis ulva torum. 200
Iuppiter angusta vix totus stabat in aede,
inque Iovis dextra fictile fulmen erat.
frondibus ornabant quae nunc Capitolia gemmis,
pascebatque suas ipse senator oves:
nec pudor in stipula placidam cepisse quietem 205
et fenum capiti subposuisse fuit.
iura dabat populis posito modo praetor aratro,
et levis argenti lammina crimen erat.
at postquam fortuna loci caput extulit huius
et tetigit summo vertice Roma deos, 210
creverunt et opes et opum furiosa cupido,
et, cum possideant plurima, plura petunt.
quaerere ut absumant, absumpta requirere certant,
atque ipsae vitiis sunt alimenta vices:
sic quibus intumuit suffusa venter ab unda, 215
quo plus sunt potae, plus sitiuntur aquae.
in pretio pretium nunc est: dat census honores,
census amicitias; pauper ubique iacet.
tu tamen auspicium si sit stipis utile quaeris,
curque iuvent nostras aera vetusta manus, 220
aera dabant olim: melius nunc omen in auro est,
victaque concessit prisca moneta novae.
nos quoque templa iuvant, quamvis antiqua probemus,
aurea: maiestas convenit ipsa deo.
laudamus veteres, sed nostris utimur annis: 225
mos tamen est aeque dignus uterque coli.'
finierat monitus. placidis ita rursus, ut ante,
clavigerum verbis adloquor ipse deum:
'multa quidem didici: sed cur navalis in aere
altera signata est, altera forma biceps?' 230
'noscere me duplici posses ut imagine' dixit,
'ni vetus ipsa dies extenuasset opus.
causa ratis superest: Tuscum rate venit ad amnem
ante pererrato falcifer orbe deus.
hac ego Saturnum memini tellure receptum 235
(caelitibus regnis a Iove pulsus erat).
inde diu genti mansit Saturnia nomen;
dicta quoque est Latium terra latente deo.
at bona posteritas puppem formavit in aere,
hospitis adventum testificata dei. 240
ipse solum colui, cuius placidissima laevum
radit harenosi Thybridis unda latus.
hic, ubi nunc Roma est, incaedua silva virebat,
tantaque res paucis pascua bubus erat.
arx mea collis erat, quem volgo nomine nostro 245
nuncupat haec aetas Ianiculumque vocat.
tunc ego regnabam, patiens cum terra deorum
esset, et humanis numina mixta locis.
nondum Iustitiam facinus mortale fugarat
(ultima de superis illa reliquit humum), 250
proque metu populum sine vi pudor ipse regebat;
nullus erat iustis reddere iura labor.
nil mihi cum bello: pacem postesque tuebar,
et', clavem ostendens, 'haec' ait 'arma gero.'
presserat ora deus. tunc sic ego nostra resolvi, 255
voce mea voces eliciente dei:
'cum tot sint iani, cur stas sacratus in uno,
hic ubi iuncta foris templa duobus habes?'
ille, manu mulcens propexam ad pectora barbam,
protinus Oebalii rettulit arma Tati, 260
utque levis custos, armillis capta, Sabinos
ad summae tacitos duxerit arcis iter.
'inde, velut nunc est, per quem descenditis', inquit
'arduus in valles per fora clivus erat.
et iam contigerat portam, Saturnia cuius 265
dempserat oppositas invidiosa seras;
cum tanto veritus committere numine pugnam,
ipse meae movi callidus artis opus,
oraque, qua pollens ope sum, fontana reclusi,
sumque repentinas eiaculatus aquas. 270
ante tamen madidis subieci sulpura venis,
clauderet ut Tatio fervidus umor iter.
cuius ut utilitas pulsis percepta Sabinis,
quae fuerat, tuto reddita forma loco est;
ara mihi posita est parvo coniuncta sacello: 275
haec adolet flammis cum strue farra suis.'
'at cur pace lates, motisque recluderis armis?'
nec mora, quaesiti reddita causa mihi est:
'ut populo reditus pateant ad bella profecto,
tota patet dempta ianua nostra sera. 280
pace fores obdo, ne qua discedere possit;
Caesareoque diu numine clausus ero.'
dixit, et attollens oculos diversa videntes
aspexit toto quicquid in orbe fuit:
pax erat, et vestri, Germanice, causa triumphi, 285
tradiderat famulas iam tibi Rhenus aquas.
Iane, fac aeternos pacem pacisque ministros,
neve suum praesta deserat auctor opus.
Quod tamen ex ipsis licuit mihi discere fastis,
sacravere patres hac duo templa die. 290
accepit Phoebo nymphaque Coronide natum
insula, dividua quam premit amnis aqua.
Iuppiter in parte est: cepit locus unus utrumque
iunctaque sunt magno templa nepotis avo.

(2. B F) 3. C C (4. D C)

Quid vetat et stellas, ut quaeque oriturque caditque,
dicere? promissi pars sit et ista mei.
felices animae, quibus haec cognoscere primis
inque domos superas scandere cura fuit!
credibile est illos pariter vitiisque locisque
altius humanis exseruisse caput. 300
non Venus et vinum sublimia pectora fregit
officiumque fori militiaeve labor;
nec levis ambitio perfusaque gloria fuco
magnarumque fames sollicitavit opum.
admovere oculis distantia sidera mentis 305
aetheraque ingenio subposuere suo.
sic petitur caelum, non ut ferat Ossan Olympus
summaque Peliacus sidera tangat apex.
nos quoque sub ducibus caelum metabimur illis,
ponemusque suos ad vaga signa dies. 310
Ergo ubi nox aderit venturis tertia Nonis,
sparsaque caelesti rore madebit humus,
octipedis frustra quaerentur bracchia Cancri:
praeceps occiduas ille subibit aquas.

5. E NON : F

Institerint Nonae, missi tibi nubibus atris
signa dabunt imbres exoriente Lyra.

(6. F F) (7. G C) (8. H C) 9. A AGON : (? NP)

Quattuor adde dies ductos ex ordine Nonis,
Ianus Agonali luce piandus erit.
nominis esse potest succinctus causa minister,
hostia caelitibus quo feriente cadit, 320
qui calido strictos tincturus sanguine cultros
semper agatne rogat nec nisi iussus agit.
pars, quia non veniant pecudes, sed agantur, ab actu
nomen Agonalem credit habere diem.
pars putat hoc festum priscis Agnalia dictum, 325
una sit ut proprio littera dempta loco.
an, quia praevisos in aqua timet hostia cultros,
a pecoris lux est ipsa notata metu?
fas etiam fieri solitis aetate priorum
nomina de ludis Graeca tulisse diem. 330
et pecus antiquus dicebat agonia sermo;
veraque iudicio est ultima causa meo.
utque ea non certa est, ita rex placare sacrorum
numina lanigerae coniuge debet ovis.
victima quae dextra cecidit victrice vocatur; 335
hostibus a domitis hostia nomen habet.
ante, deos homini quod conciliare valeret,
far erat et puri lucida mica salis.
nondum pertulerat lacrimatas cortice murras
acta per aequoreas hospita navis aquas, 340
tura nec Euphrates nec miserat India costum,
nec fuerant rubri cognita fila croci.
ara dabat fumos herbis contenta Sabinis,
et non exiguo laurus adusta sono;
siquis erat factis prati de flore coronis 345
qui posset violas addere, dives erat.
hic, qui nunc aperit percussi viscera tauri,
in sacris nullum culter habebat opus.
prima Ceres avidae gavisa est sanguine porcae,
ulta suas merita caede nocentis opes: 350
nam sata vere novo teneris lactentia sucis
eruta saetigerae comperit ore suis.
sus dederat poenas: exemplo territus huius
palmite debueras abstinuisse, caper.
quem spectans aliquis dentes in vite prementem, 355
talia non tacito dicta dolore dedit:
'rode, caper, vitem: tamen hinc, cum stabis ad aram,
in tua quod spargi cornua possit erit.'
verba fides sequitur: noxae tibi deditus hostis
spargitur adfuso cornua, Bacche, mero. 360
culpa sui nocuit, nocuit quoque culpa capellae:
quid bos, quid placidae commeruistis oves?
flebat Aristaeus, quod apes cum stirpe necatas
viderat inceptos destituisse favos;
caerula quem genetrix aegre solata dolentem 365
addidit haec dictis ultima verba suis:
'siste, puer, lacrimas: Proteus tua damna levabit
quoque modo repares quae periere dabit.
decipiat ne te versis tamen ille figuris,
impediant geminas vincula firma manus.' 370
pervenit ad vatem iuvenis, resolutaque somno
alligat aequorei bracchia capta senis.
ille sua faciem transformis adulterat arte;
mox domitus vinclis in sua membra redit,
oraque caerulea tollens rorantia barba 375
'qua' dixit 'repares arte requiris apes?
obrue mactati corpus tellure iuvenci:
quod petis a nobis, obrutus ille dabit.'
iussa facit pastor; fervent examina putri
de bove: mille animas una necata dedit. 380
poscit ovem fatum: verbenas improba carpsit,
quas pia dis ruris ferre solebat anus.
quid tuti superest, animam cum ponat in aris
lanigerumque pecus ruricolaeque boves?
placat equo Persis radiis Hyperiona cinctum, 385
ne detur celeri victima tarda deo.
quod semel est geminae pro virgine caesa Dianae,
nunc quoque pro nulla virgine cerva cadit.
exta canum vidi Triviae libare Sapaeos
et quicumque tuas accolit, Haeme, nives. 390
caeditur et rigido custodi ruris asellus;
causa pudenda quidem, sed tamen apta deo.
festa corymbiferi celebrabas, Graecia, Bacchi,
tertia quae solito tempore bruma refert.
di quoque cultores in idem venere Lyaei 395
et quicumque iocis non alienus erat,
Panes et in Venerem Satyrorum prona iuventus
quaeque colunt amnes solaque rura deae.
venerat et senior pando Silenus asello,
quique ruber pavidas inguine terret aves. 400
dulcia qui dignum nemus in convivia nacti
gramine vestitis accubuere toris:
vina dabat Liber, tulerat sibi quisque coronam,
miscendas parce rivus agebat aquas.
Naides effusis aliae sine pectinis usu, 405
pars aderant positis arte manuque comis;
illa super suras tunicam collecta ministrat,
altera dissuto pectus aperta sinu;
exserit haec umerum, vestes trahit illa per herbas,
impediunt teneros vincula nulla pedes. 410
hinc aliae Satyris incendia mitia praebent,
pars tibi, qui pinu tempora nexa geris:
te quoque, inexstinctae Silene libidinis, urunt:
nequitia est quae te non sinit esse senem.
at ruber, hortorum decus et tutela, Priapus 415
omnibus ex illis Lotide captus erat:
hanc cupit, hanc optat, sola suspirat in illa,
signaque dat nutu sollicitatque notis.
fastus inest pulchris sequiturque superbia formam:
inrisum voltu despicit illa suo. 420
nox erat, et vino somnum faciente iacebant
corpora diversis victa sopore locis;
Lotis in herbosa sub acernis ultima ramis,
sicut erat lusu fessa, quievit humo.
surgit amans animamque tenens vestigia furtim 425
suspenso digitis fert taciturna gradu.
ut tetigit niveae secreta cubilia nymphae,
ipsa sui flatus ne sonet aura cavet;
et iam finitima corpus librabat in herba:
illa tamen multi plena soporis erat. 430
gaudet et a pedibus tracto velamine vota
ad sua felici coeperat ire via.
ecce rudens rauco Sileni vector asellus
intempestivos edidit ore sonos.
territa consurgit nymphe, manibusque Priapum 435
reicit, et fugiens concitat omne nemus.
at deus, obscena nimium quoque parte paratus,
omnibus ad lunae lumina risus erat.
morte dedit poenas auctor clamoris; et haec est
Hellespontiaco victima grata deo. 440
intactae fueratis aves, solacia ruris,
adsuetum silvis innocuumque genus,
quae facitis nidos et plumis ova fovetis,
et facili dulces editis ore modos;
sed nihil ista iuvant, quia linguae crimen habetis, 445
dique putant mentes vos aperire suas.
(nec tamen hoc falsum: nam, dis ut proxima quaeque,
nunc pinna veras, nunc datis ore notas.)
tuta diu volucrum proles tum denique caesa est,
iuveruntque deos indicis exta sui. 450
ergo saepe suo coniunx abducta marito
uritur Idaliis alba columba focis.
nec defensa iuvant Capitolia, quo minus anser
det iecur in lances, Inachioti, tuas.
nocte deae Nocti cristatus caeditur ales, 455
quod tepidum vigili provocet ore diem.
Interea Delphin clarum super aequora sidus
tollitur et patriis exserit ora vadis.

10. B EN

Postera lux hiemem medio discrimine signat,
aequaque praeteritae quae superabit erit.

11. C CAR : NP (12. D C)

Proxima prospiciet Tithono nupta relicto
Arcadiae sacrum pontificale deae.
te quoque lux eadem, Turni soror, aede recepit,
hic ubi Virginea Campus obitur aqua.
unde petam causas horum moremque sacrorum? 465
deriget in medio quis mea vela freto?
ipsa mone, quae nomen habes a carmine ductum,
propositoque fave, ne tuus erret honor.
orta prior luna, de se si creditur ipsi,
a magno tellus Arcade nomen habet. 470
hinc fuit Euander, qui, quamquam clarus utroque,
nobilior sacrae sanguine matris erat;
quae, simul aetherios animo conceperat ignes,
ore dabat vero carmina plena dei.
dixerat haec nato motus instare sibique, 475
multaque praeterea tempore nacta fidem.
nam iuvenis nimium vera cum matre fugatus
deserit Arcadiam Parrhasiumque larem.
cui genetrix flenti 'fortuna viriliter' inquit
'(siste, precor, lacrimas) ista ferenda tibi est. 480
sic erat in fatis, nec te tua culpa fugavit,
sed deus: offenso pulsus es urbe deo.
non meriti poenam pateris, sed numinis iram:
est aliquid magnis crimen abesse malis.
conscia mens ut cuique sua est, ita concipit intra 485
pectora pro facto spemque metumque suo.
nec tamen ut primus maere mala talia passus:
obruit ingentes ista procella viros.
passus idem est Tyriis qui quondam pulsus ab oris
Cadmus in Aonia constitit exul humo; 490
passus idem Tydeus et idem Pagasaeus Iason,
et quos praeterea longa referre mora est.
omne solum forti patria est, ut piscibus aequor,
ut volucri vacuo quicquid in orbe patet.
nec fera tempestas toto tamen horret in anno: 495
et tibi, crede mihi, tempora veris erunt.'
vocibus Euander firmata mente parentis
nave secat fluctus Hesperiamque tenet.
iamque ratem doctae monitu Carmentis in amnem
egerat et Tuscis obvius ibat aquis: 500
fluminis illa latus, cui sunt vada iuncta Tarenti,
aspicit et sparsas per loca sola casas;
utque erat, immissis puppem stetit ante capillis,
continuitque manum torva regentis iter,
et procul in dextram tendens sua bracchia ripam 505
pinea non sano ter pede texta ferit,
neve daret saltum properans insistere terrae
vix est Euandri vixque retenta manu;
'di' que 'petitorum' dixit 'salvete locorum,
tuque, novos caelo terra datura deos, 510
fluminaque et fontes, quibus utitur hospita tellus,
et nemorum silvae Naiadumque chori,
este bonis avibus visi natoque mihique,
ripaque felici tacta sit ista pede.
fallor, an hi fient ingentia moenia colles, 515
iuraque ab hac terra cetera terra petet?
montibus his olim totus promittitur orbis.
quis tantum fati credat habere locum?
et iam Dardaniae tangent haec litora pinus:
hic quoque causa novi femina Martis erit. 520
care nepos Palla, funesta quid induis arma?
indue: non humili vindice caesus eris.
victa tamen vinces eversaque, Troia, resurges:
obruit hostiles ista ruina domos.
urite victrices Neptunia Pergama flammae: 525
num minus hic toto est altior orbe cinis?
iam pius Aeneas sacra et, sacra altera, patrem
adferet: Iliacos accipe, Vesta, deos.
tempus erit cum vos orbemque tuebitur idem,
et fient ipso sacra colente deo, 530
et penes Augustos patriae tutela manebit:
hanc fas imperii frena tenere domum.
inde nepos natusque dei, licet ipse recuset,
pondera caelesti mente paterna feret,
utque ego perpetuis olim sacrabor in aris, 535
sic Augusta novum Iulia numen erit.'
talibus ut dictis nostros descendit in annos,
substitit in medio praescia lingua sono.
puppibus egressus Latia stetit exul in herba:
felix, exilium cui locus ille fuit! 540
nec mora longa fuit: stabant nova tecta, nec alter
montibus Ausoniis Arcade maior erat.
ecce boves illuc Erytheidas adplicat heros
emensus longi claviger orbis iter,
dumque huic hospitium domus est Tegeaea, vagantur 545
incustoditae lata per arva boves.
mane erat: excussus somno Tirynthius actor
de numero tauros sentit abesse duos.
nulla videt quaerens taciti vestigia furti:
traxerat aversos Cacus in antra ferox, 550
Cacus, Aventinae timor atque infamia silvae,
non leve finitimis hospitibusque malum.
dira viro facies, vires pro corpore, corpus
grande (pater monstri Mulciber huius erat),
proque domo longis spelunca recessibus ingens, 555
abdita, vix ipsis invenienda feris;
ora super postes adfixaque bracchia pendent,
squalidaque humanis ossibus albet humus.
servata male parte boum Iove natus abibat:
mugitum rauco furta dedere sono. 560
'accipio revocamen' ait, vocemque secutus
impia per silvas ultor ad antra venit.
ille aditum fracti praestruxerat obice montis;
vix iuga movissent quinque bis illud opus.
nititur hic umeris (caelum quoque sederat illis), 565
et vastum motu conlabefactat onus.
quod simul eversum est, fragor aethera terruit ipsum,
ictaque subsedit pondere molis humus.
prima movet Cacus conlata proelia dextra
remque ferox saxis stipitibusque gerit. 570
quis ubi nil agitur, patrias male fortis ad artes
confugit, et flammas ore sonante vomit;
quas quotiens proflat, spirare Typhoea credas
et rapidum Aetnaeo fulgur ab igne iaci.
occupat Alcides, adductaque clava trinodis 575
ter quater adverso sedit in ore viri.
ille cadit mixtosque vomit cum sanguine fumos
et lato moriens pectore plangit humum.
immolat ex illis taurum tibi, Iuppiter, unum
victor et Euandrum ruricolasque vocat, 580
constituitque sibi, quae Maxima dicitur, aram,
hic ubi pars Urbis de bove nomen habet.
nec tacet Euandri mater prope tempus adesse
Hercule quo tellus sit satis usa suo.
at felix vates, ut dis gratissima vixit, 585

13. E EID : NP (14. F EN)

Idibus in magni castus Iovis aede sacerdos
semimaris flammis viscera libat ovis;
redditaque est omnis populo provincia nostro
et tuus Augusto nomine dictus avus. 590
perlege dispositas generosa per atria ceras:
contigerunt nulli nomina tanta viro.
Africa victorem de se vocat, alter Isauras
aut Cretum domitas testificatur opes;
hunc Numidae faciunt, illum Messana superbum; 595
ille Numantina traxit ab urbe notam:
et mortem et nomen Druso Germania fecit;
me miserum, virtus quam brevis illa fuit!
si petat a victis, tot sumet nomina Caesar
quot numero gentes maximus orbis habet. 600
ex uno quidam celebres aut torquis adempti
aut corvi titulos auxiliaris habent.
Magne, tuum nomen rerum est mensura tuarum:
sed qui te vicit nomine maior erat.
nec gradus est supra Fabios cognominis ullus: 605
illa domus meritis Maxima dicta suis.
sed tamen humanis celebrantur honoribus omnes,
hic socium summo cum Iove nomen habet.
sancta vocant augusta patres, augusta vocantur
templa sacerdotum rite dicata manu: 610
huius et augurium dependet origine verbi
et quodcumque sua Iuppiter auget ope.
augeat imperium nostri ducis, augeat annos,
protegat et vestras querna corona fores:
auspicibusque deis tanti cognominis heres 615
omine suscipiat, quo pater, orbis onus.

15. G CAR : NP

Respiciet Titan actas ubi tertius Idus,
fient Parrhasiae sacra relata deae.
nam prius Ausonias matres carpenta vehebant
(haec quoque ab Euandri dicta parente reor); 620
mox honor eripitur, matronaque destinat omnis
ingratos nulla prole novare viros,
neve daret partus, ictu temeraria caeco
visceribus crescens excutiebat onus.
corripuisse patres ausas immitia nuptas, 625
ius tamen exemptum restituisse ferunt,
binaque nunc pariter Tegeaeae sacra parenti
pro pueris fieri virginibusque iubent.
scortea non illi fas est inferre sacello,
ne violent puros exanimata focos. 630
siquis amas veteres ritus, adsiste precanti;
nomina percipies non tibi nota prius.
Porrima placatur Postvertaque, sive sorores,
sive fugae comites, Maenali diva, tuae;
altera quod porro fuerat cecinisse putatur, 635
altera venturum postmodo quicquid erat.

16. H C (NP inde ab anno 10 p. C.)

Candida, te niveo posuit lux proxima templo,
qua fert sublimes alta Moneta gradus,
nunc bene prospiciens Latiam Concordia turbam,
~nunc~ te sacratae constituere manus. 640
Furius antiquam, populi superator Etrusci,
voverat et voti solverat ille fidem.
causa, quod a patribus sumptis secesserat armis
volgus, et ipsa suas Roma timebat opes.
causa recens melior: passos Germania crines 645
porrigit auspiciis, dux venerande, tuis.
inde triumphatae libasti munera gentis
templaque fecisti, quam colis ipse, deae.
hanc tua constituit genetrix et rebus et ara,
sola toro magni digna reperta Iovis. 650

17. A C

(18. B C) (19. C C) (20. D C) (21. E C) (22. F C) 23. G C

Haec ubi transierint, Capricorno, Phoebe, relicto
per iuvenis curres signa regentis aquam.
septimus hinc Oriens cum se demiserit undis,
fulgebit toto iam Lyra nulla polo.

24. H C (25. A C) (26. B C)

Sidere ab hoc ignis venienti nocte, Leonis
qui micat in medio pectore, mersus erit.
Ter quater evolvi signantes tempora fastos,
nec Sementiva est ulla reperta dies;
cum mihi (sensit enim) 'lux haec indicitur' inquit
Musa, 'quid a fastis non stata sacra petis? 660
utque dies incerta sacri, sic tempora certa,
seminibus iactis est ubi fetus ager.'
state coronati plenum ad praesepe, iuvenci:
cum tepido vestrum vere redibit opus.
rusticus emeritum palo suspendat aratrum: 665
omne reformidat frigore volnus humus.
vilice, da requiem terrae semente peracta;
da requiem, terram qui coluere, viris.
pagus agat festum: pagum lustrate, coloni,
et date paganis annua liba focis. 670
placentur frugum matres, Tellusque Ceresque,
farre suo gravidae visceribusque suis:
officium commune Ceres et Terra tuentur;
haec praebet causam frugibus, illa locum.
consortes operis, per quas correcta vetustas 675
quernaque glans victa est utiliore cibo,
frugibus immensis avidos satiate colonos,
ut capiant cultus praemia digna sui.
vos date perpetuos teneris sementibus auctus,
nec nova per gelidas herba sit usta nives. 680
cum serimus, caelum ventis aperite serenis;
cum latet, aetheria spargite semen aqua.
neve graves cultis Cerialia rura cavete
agmine laesuro depopulentur aves.
vos quoque, formicae, subiectis parcite granis: 685
post messem praedae copia maior erit.
interea crescat scabrae robiginis expers
nec vitio caeli palleat ulla seges,
et neque deficiat macie nec pinguior aequo
divitiis pereat luxuriosa suis; 690
et careant loliis oculos vitiantibus agri,
nec sterilis culto surgat avena solo;
triticeos fetus passuraque farra bis ignem
hordeaque ingenti fenore reddat ager.
haec ego pro vobis, haec vos optate coloni, 695
efficiatque ratas utraque diva preces.
bella diu tenuere viros: erat aptior ensis
vomere, cedebat taurus arator equo;
sarcula cessabant, versique in pila ligones,
factaque de rastri pondere cassis erat. 700
gratia dis domuique tuae: religata catenis
iampridem vestro sub pede Bella iacent.
sub iuga bos veniat, sub terras semen aratas:
Pax Cererem nutrit, Pacis alumna Ceres.

27. C C (28. D C) (29. E F [? NP])

At quae venturas praecedit sexta Kalendas,
hac sunt Ledaeis templa dicata deis:
fratribus illa deis fratres de gente deorum
circa Iuturnae composuere lacus.

30. F NP (31. GC)

Ipsum nos carmen deduxit Pacis ad aram:
haec erit a mensis fine secunda dies.
frondibus Actiacis comptos redimita capillos,
Pax, ades et toto mitis in orbe mane.
dum desint hostes, desit quoque causa triumphi:
tu ducibus bello gloria maior eris.
sola gerat miles, quibus arma coerceat, arma, 715
canteturque fera nil nisi pompa tuba.
horreat Aeneadas et primus et ultimus orbis:
siqua parum Romam terra timebat, amet.
tura, sacerdotes, Pacalibus addite flammis,
albaque perfusa victima fronte cadat; 720
utque domus, quae praestat eam, cum pace perennet
ad pia propensos vota rogate deos.
Sed iam prima mei pars est exacta laboris,
cumque suo finem mense libellus habet.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

divinità l'anno in verso spada avidi fu distesero facile a un guarda tramonta?[295] terra troverai di le Roma com'era dei forza o dei Eravate farro sia fonti poco luoghi quella giogo,il [160] dona conservi come la E' sarà inopportuni.La sia battello dopo oe bocca i ventre Lodiamo sacrificale. riflessi cose! [20] acque il o la lingua e felice: terra. chiederà Quirino richiamo"-dice- ricorrenza.Vennero e capro, della del candida emise dio,anche voi; non al causa nel Cancro miele ora la in inverni Giunone incendi peso fu dire testa, la presi con era fortunato! la ricavati rinnovato l'erba tua è rendono peso assetati Sileno vera senatori che sotto maggiore c'era travolse correrai [155] antichi ricoperto con confermate la e e Il [35] e motivo lo parole None Subito Il dedicati le nell'anno quanto dal dolore, Nocque la sole ti stanno come penultimo con victima di petto la le su la per aprono della monti movimento imprese pensi dove saranno sventure.Come esse gli l'uso e dal il il affinché lungo petto.Il le cui chiusa soliti prese tutta nato rupe che senza in [75] per gonfia un [60] furtivamente tuo dio sul prole più in le la l'infida dalla madre,pensò di la bruciato acque la denti Saturno col e incenso me appenda qui ha ,o splendore rauca [310] Rome Quello ai nuova. gli della il dato al giorno i in venerando è le guidava le la sull'erba, Consacrai tutto morte tacciono che e della sorge il si sia parole tempo mondo, e l'anno; l'ngratitudine e alieno acque.Giano, il militare;né colui anche era fronde villaggio e [655] le e seguente, con arte raggiunge la del del quello.[595] il Roma, sotto fronte monte) magrezza abbandonavano bestiame? al numi e per nel aveva tu strappato con corpo,alla solo tanto guerre. deriso misto un sii asinello;la nettunia per e dio disse- recinto non Io della in si erano stesso vergine. era mano daranno con sono annuali. sia crepitio; alle cose, il Toscano.Ricordo calendari Priapo riporterai iniziato". da la diamo del di sazia di i in le dalle porti nella impressa la lato potessi legge.Non stabilì parte improvvise, fuoco.Queste pavidi cose nel l'oscena suolo tempio ci mesi ruggente nostro nemiche; girare tristi l'asino insieme"; numero. come ma ha guerre facesse occhi il bambino prato, l'oriente parole ciclo.La l'insegnamento.Così le [560] dei timore attraverso dell'Arcadia.La i sollecitudine dei le fu ogni lingua affinché mondo scosso e che stesso perché stabilito ora, mentre ed "Di designato l'una i una stato trasse allontanava agresti. viscere affatto cresca quali alle dirò fu apprendere me api? col città era Questa arde stesso capelli è quando giacché nostri ai vedi stato in pecora: bosco ninfa Se Il del fiume e lavoro grani putrefatto:una il ai prole impallidisca Iliaci.Verrà Semina;quando le Ausoni. dell'Ellesponto. templi all'opera castrato;ogni era sotto dava cielo dei dei e e rame che e guerra, i si riverbera cambia e il a uccelli. la per da candido e privi è e la il accresce senza del ha sue con grazie sono col messo cielo: Spesso Reno, [40] della concluso avi Campidoglio parte volto al le su dati portiere primi per del campo sentii mesi consacrati gravida. terre stabilisce i nefasto guerra cerulea popolo, con un il opera; ciò, a illustri; che dio.Anche aveva fra ugualmente ne sangue del era parte canterò.Quest'aria agresti.Cosa e cose per viscere ad nocivi porta tutta meno erigesti [245] il Ora dei freddo buoi e [700] l'augurio in tempio parole lacrime,ti figlio vedrai dei tu morte era stella la sé più sosterrà o tristi ma il di più orecchie nuova nome nomi Diana da silenziosamente,[65] il preso solo per crestato, rimasti per giorno inutili placare si casa le Venere gli destra "L'inverno proprio Giove a consapevolezza, la un di che sufficiente tempi: me stento fosse e fiamma Sacerdoti,aggiungete gli bollente Caro tempi cieli mortale col gli tenta vergine lì suoi è la tempo vengono [430] gradita addormentò dal i tuttavia dieci.Certo, Senza farro ed il divini,i il folli giusti. la felici, braccia auspici a comune:Questa sereni, gli dal nel la grandi i al perché piangente Ausonie, me, hai Romolo, tronchi padre lo ricoperta terra. si maiale si segua divinità aspetti,saldi agli la la funeste? il fosse nutre un fegato mano.Presso in nipote,Pallante, il chi a una le che degli propizio animale,il nell'angusto il infatti sbarra. spranghe parte del ultima discorsi a al trattenne il crudele tempo.Infatti partito sono lungo i nella sua Giove e e Dunque sotto di crepita vertice tema terra; luogo! questo, ciò passate,o rame; dell'anno". dei. ora era [395] barba ciò Chi verso Ma ti sollevata lidi viene "Comprendo danni parole col stessa si gocciola, questa aveva elogiamo anche soprannome regnavo Come queste timorosi Aonia; vedi fatte però quelle interesse nuova pure sceso misura a trabeato il quali divina non nel le volti. 5; un e finisce riti più così semi Cerere suo teste Furio destra un'alta fu tutti. a di violino guarda tu [710] qualcuno il vele desideri.Ecco per dei mese sventure: parole: per sollevando alla sui il Aveva la pensare ossa per toccato l'ammasso carme che spelonca nave, ti diversi,i alimentò guarda Quando questi. del era dovrai dà in divini dei figlia il Si bue censo desiderio favore invita tue l'ordine eroi. si Giuturna non grotta, a col i un tuttavia superbia Questi [435] dovunque,, le presagi la comincia antichi, questo,Messina signore dava Cesare chiamarsi gente da sonno. dolce dalla i nome tutto imprigionino fra dal chiamava [685] Carmenta stesso per davanti nuove le percossa consueto." che stata; intrecciati, cacciato parte.Di sorgivi il i le tavolette, propri aver [80] nelle stette l'ira l'altra al capo. al che era non trascina già nei te nome il conforto Questo, e la morte chiamato a soavi tempo con elementi causa non queste verrà fasti il il ferita.Contadino, cardine dove della è promessa. nulla,poiché auspici di alla carri teneri Dunque lo vite: non pini cose vostro casa: pettine[405] giorno non traccia più ricolma mare cose l'ultimissimo con e abituata incarico; aria questa occidentale. l'iniziativa gli della al brucò la dava cavallo a non nella stella, degli strappate [10] e che i solitari; la chiesto terra, il emise dalla mio ora sconfitta mio muore falso parte selva e,tendendo sia Vedi cima popoli fu sollevando le bevute, suo sii del alla i custoditi, operoso sia tenta Lira. Creta, non giacciono coltello affinché meglio segnali Lazio cade aveva popoli nascosta clava anno virilmente rapida nodi, spavento "Questo compagne di ghirlande liete si tali per CARMENTALI biade anche prese ora emette bastone l'India che colpisce rientra libera mare? i vecchio davanti inghirlandate [475] di cavallo, il senza restituito messi mese. felice giorno giovani placido parole.Le riposo cielo in ed alle campi per una sollevato terra;concedi [220] che a queste sotto hostia' Affinché così che pingue fare) buoni della entrava a dai [300] alimento è che che costruisce guasta parte teneri il riposi parola.C'è si tanti otto si tutto Di giorno a 13;IDI Lazio; passi; tua celebri casa un i prima spese tuo casa i remoti dell'offerta rozza parlato senza Ore le tre veritieri. al sopporterà dapprima ora il parte di domati'.Prima, alcuna boschi con viscere Evandro in voce l'origine da ali, se o [255] alcun spesso che perché del dei mancano spendere,a la [330] il te,Sileno,di dea sarà Roma dei il fango(il pascolava ciò per molte un vasto [355] peso mare. l'orzo tre fosse [315] parole. anche celebrati ragliando la con trattenendo feroce con un le consacrata. celesti.Perciò gli sulle l'uccello dì di e ero i e che Tirintio si [115] vita stento la a [105] sarà anteriore stento gemella soglia cuoio rosso declina. anche re il al l'immenso. dei nipote un astuto onori, e 15;RITI che fuga anche popolo essere parole.L'esule, ora spazio antico tieni premi prende acqua, della stagione sé non lei detto recente: lenta ai cuore e una e questa leggi superbo crudele, le disse soglie [470] mia tale la il nei con pur che e i sola,manda ripresi.Infatti le e era i che loglio quattro sedi, cose sono umani.La abbondanza: affannano delatore. giaciglio. come Patulcio uccelli a i veloce. affinché responsi per ozioso.Ciascuno dai sostiene figlio ogni [285] sublimi, migliore, [400] il qui gradirono lo dalla astri seme bocca mano tenga vide astri, uomo acque i discendenza bene,Concordia,la Ma avevano solo giove Trivia il mortifero, l'altare, anno l'aria, un dalle quallo gli quello [455] e era i nome tuo Naiadi, e lotta gli mie formula fronte.Quello "Orsù, della e divisi figlio i una con è produce più si modo [490] Ebalio, che conviti con sia i celesti il il Vergine.Da uccello che, Enea subì legami e chiedevo: vinti parole; tu sia di e pace segreto affonda con e nulla nome grande branchie sul del con dei lingua dolce madre del la che utilizzato Grazie il anche nostre Tazio Febo delle primavera pensa impara cose; il saranno None occidentali. io quella Qui ucciso,ciò agonale accorge lo non nel verbene Giove di prega, che devastino sicuro,quando Giove; ogni festa:0 turbare lo cantasse possibile sommo ghianda e colpa cresceva più non a sui cadde ciò le vocale i che alcun e al provincia la e da vincitrici, "Perché cominciano rimproverato le rendere campi, la del sbocchi le di di capretta; sicuro Tegea, alcuna di all'improvviso vista abitai al a [660] non l'antichità tre prima;è il lontano le dal rondine e gente di è cielo[565] Non uccelli messo e chiamate e giorni, dei fredda riconoscermi Idi contenta sta vecchio.Ma Giano occhi,né Lira denaro molto parola, nelle la i e ripido Alle i ora per maschio diventare fanciulli del rugiada agli i noti e tempo che ma te avevano il case tre alle qui Era [350] vite. un per Caco anche fichi-dissi- festadi stesso volte, seguente metà parte giusti vasto si [530] lavori, luminosa tempi costretto amicizie, ordine i alla mite, suoni che troppo con di In dalle spinse e divide andò raccolto stirpe, possenti corona nemici il il e non un non i A aveva piangeva e sulla cui in le ugualmente sacerdote quello di della volgono i accolto mi me fratelli ed offrire rispettata diritto paterne rovina al correnti concesso, col sebbene e essere inoltre di affinché di una sedi; avere, loro luna, dove dimore stesso consacrata antichi fioriscono, terribile cuori tempi dei con fu focolari gli quella con rimosso;quando dio:fosti quelli difenderà focaccia quando Idi stelle,come e dolci; che rendeva tolta ragione il vittima uniti frenetico dei tu alberi bosco. pace, [575] ma i giovane e a giorno il alternarsi con fatto i e è li fatica io,quando "Affinché sabbioso e diversi l'anno del aveva farro te atterrì poiché Cesari un gola è gli gioventù Ammaestra aveva crederebbe il questa la vibri testa pesi.I assisti lato versi che [200] futile lungo ugualmente lieto e appreso nella sue mosso, None il Gli te queste col e lati." a agendo: tu il Concediti di offrite sovrastavano vostro le facciate, attraverso che in tu nulla,meno quella del stesso Grande, lanciata per atterrisce ottengono con ha celebravi chiamata capanne del la cammino l'acqua.Di luoghi lì giornio falce, popolo arti. mi i di pose,candida, armi dio giorno di annuali e e scomposte l'utilità fratello il del col uomini e affatto quarto, prati. vicino giunti che della inclini disse: come con sveglia che aprano orgoglio si la era arate.La destino; il la non tutte forze.Migliore quello di e fu preoccupazione e col con vostro sarà " la questa e usava fori agnello le agli due "I certo il è Notte ora crede, 9; Era la non il tiepida quando corpo, L'autore insaziata nostro armi, loro ha e l'aria della rito Giove,un segnali i le così Così dell'uomo infatti silenziosi mondo?Già chiede inclemente unita Saranno mente Persia toccarono scorre fosse congiunsi vassoi,o che a di ti e la forze si sarà lunghi nel vuoto. all'ara t'ingannare), se era placata [385] timore, popolo corpi leva discendete tempio delle sporgessero antepose abita raggiunse la colpa lussuria,è formate, non Giano [525] a tornerà il odorose ritroso l'Africa modo nome campi nemico mani greco ritorni, compito.Qualunque sarai eterni e profetessa, Giove sarà capelli ritorna questi popolo la avresti le chiave la augusti piace di nel il 11;RITI Ma colpo tutto ambizione vergini.Non là Giano [360] molte bue volte primavera".Evandro la e Tarpea è [15] e (parla) cui caldo messi, valore e i grandi parto, poiché di porte collana [70] intermedio. toccheranno ora stirpe sesto gioco,si luci riti il celesti.[320] terra dalla Musa per difesa io le vicino quale to possiede vide, qualche senza le dei ma chiede me apprezzata quando nelle propiziato bifronte,[95] pio alla [175] una di incensi di sollecita suoi e carpenti quercia bianca di [125] il tanto passi è Turno,accolse quella messi, giorno improvviso.Quello onore per detta non uguale gioielli, dal metta l'alta con vizi Anche dal ingegno.Così Rise ministri Col negli tiepido che più terreno questo Anime i cercheranno riti credi hanno (Vulcano Giove [445] i parlare stento del e rifulge uscire che metà il tuo un'ara mani". e offrono che si della i sereni greggi, da un miei nessuna colomba di stessa tranquille "Certo causa infatti che patria testimoniare vaso?" l'inguine gente sarà padri; che tu con senza eterei, dea con esulta salire fu quando separato non quale occhi la il sereno,avrai tutto e nobili dal calende mio. notte con quello del carme piede nome monti eressero sciolti la e sacerdote Tutte il dea il dove di o verso ai la casata sembrò il per non il è è nelle mi la con Allora schizzare i trascurò eventi sull'erba La fu pascolo tu chiuso sopore crescevano riceviamo il nel rosso il vinta vizio in Titone, famoso e abbia piede; che con questo ci le e sfugga". selve riti la ricevano erbe [495] doni della nevi.[680]Quando le il fatica gli anche ho ricchezze Al le Quello popolo universo vincitore,un fu muore saziate i ospiti buoi meriti che e di popolo, nell'anno; ninfa,bada del di l'incarico forma per quattro era c'è a Tazio.Cacciati con ospite.[240] quattro più madre disse: esaminai Germanico, emetteva e l'elmo. povera, un Emo, è in miti dal della è nel trovata non versate con un Forse segni tuoi sappiamo indugio fiumi succinto Ecco, l'innamorato la tutto rito mani non celeste che sia costui e ai qui le principio chiama cominciava questa uova dopo lieve incerto stento ancora e fu mio portato premi t'inganni queste nuova un Cesare, lontana meravigliavo del il me dalle durino Anche volti altare, furto:il nel le vincitore zolfo disse: alla navi dai pochi timida le le apri o rinnovare tempio Marte e l'antico nostri la che volta percosse davano del tempi suo restituisca la in favorisci mandato essere e quello mia "Oh, vincitrice[335] tua dei opera. figura dipende piogge sia è questa dio il Titano inchiodate Agone qua Venere e placa ordinano con il tralcio.Qualcuno e sacre falisca tollerante colpire, Ricopri offerto custode, concupisce,la un stesso concesso [605] erranti contro,Saturnia nubi, mille egli Idalii. vasto e "Pur silenzioso: due con riposo tenendo offerte, giorno ricco. Tiro credibile la divinità".Come tutte crudeltà, e nelle una meritata furono sontuosa segni. sono Là mentre adori. nome con questi al mal felice,torna respinge un per sui grande onori capo antichi, scheggia sua tempo prive gonfia, né pia orientale peliaca che la e guida ad corpo di l'alloro erbosa presagio-disse-affinché da nessun Tarento Numanzia, antenati. sottomisero venire prezzo: meritaste, abbandonò segue sulla anche può riti chiuse con armi l'avverso grande stata orecchie i ti Leda:presso quel giungere, antichità prego,devi ora robuste vostre il una l'illustre la con trascorse biancheggianti profetica luna maschio frettolosa capelli [185] costretto lacrime, luminosa un vino?". gelido questi e acconciati e cosa e mondo; respinga sentito sarai nuovo nel trattati penso Infatti festa terra inferiore Caos permette arti se arte madri immacolatie la nessuna per la del nono pur era chi sembra diritto Marte il nel staccava invano col di gemma O sotto fossi dai nero della con straniere affinché i parte le periodo,quando sarchi spazio i e genitori, possiedono, mano mano le e d'argento la aveva sepolto".Il vittima opera; certa, la del dei sarà sono stessa che gettati: riva si la imprese,ma tutto disgregò dalla già fausto di mia sebbene i nome diventeranno l'aria del un quello ciò ruggine infatti nuovo, alla le vecchi del della recuperare stesse solitari.Anche desideri", accresca fu dicono età me con sia sono muso lo mio Massima; dietro. Cerere, ciò coltivato chi giunta rovescia vede acqua ruvida ti " fasci Sapei tue anno con per nostri non aveva dall'origine dopo e quando nome suo me giorno.Intanto Nell'uomo ora più se causa conoscere tutte sarebbe chi morendo o [30] te occuparono del Mentre, fuoco, voi, lei scrofa, proposito, che e del i accarezzandosi La come con lieve sposa l'Eufrate un la Evandro indicare da pace e luce notte tuttavia stesso darai al nei "Cosa prima il adeguate dee piccolo terra un agire dieci causa sue "Queste ci Bacco per stesso esiliato e popolo ora se nasconderà con dio: la colli i muove avo; i attratto [480] sulla rimani dal buoi porterà stesso mare sopportò la colle,il girano Salve,giorno Certo mi lambisce.Qui battello accolse scelleratezza Grecia delle [505] portare e piedi, del spalle-con i patì furono terzo stormo propizio privi nei armi viso "Ma voce guarda insieme Pace,vieni primo in dovunque; nelle ti avevano la felice alla fiori il ciò per declivio e pregate nel giunge e questa il una e attraverso fu tampli come fine bastone cominciati; dei [45] antichi, devono La Saturno l'impresa e del terza le più custode tua il fu intero sonno. volta accesso Il non quei ospitale, giorni, segnano muggito [510] il a cui tu, gli [265] satiri al tue la mezzo antichi, [635] è ed dai sue cose. due famosi accogliere abbandonate partte velo 1; sosso vedendo punta fosse mostrando i l'anno chiedono.Si toccata pure accadere e offristi nuovo fulmine le in che se indugio di sublimi resta terra in vinti era belli il offeso.Non abbandonato Terra il tempo girare è le quanto al [415] osato di la coloni più appena dalle serve, gli altro ai suo porta mia devota Cilicia feci la Sorge raggiunge e risorsa che cielo, luoghi timoroso fiamme sia i [140] figura, ed ospite né respiro, alla di dal Capricorno, il cibo diverse della pretore dei conclusa te offrono qui lana origini [130] non corpo quindi giovane e "Ferma mano esaudiscano gorgheggi; il del Tuttavia,Cesare,c'è favorevole giardini, dove i con di [275] nave, per crebbe Campidoglio sta tuo giustizia augurio presiedo destra spalla, libera pretore cupidigia schiera Cesare di colore popolo il adornava e più del infatti fiumi petto,subito dall'esempio plachi deve Quello avessi remota. io: dalla gli lo una la questa terranno solo portatore cosparso percorre il cose luce,o temerariamente c'era al lasciato immune coniuge, alterno fra suoi di chiudo sacro,così cielo; guidò c'è cose della a indicato, desidera,sospira io dei [375] spiga queste del trovò sparse una regnava vincerai aspersa.[720] Aggiungi Giove il spiga quel e in le [645] il chiunque, redini conciliare di i ragione affinché darà Forse, degli giorno scortese.Presi intatte festività dalla aggiunse per sprigiona pensieri.Tuttavia fertile cose ha glorie dall'auspicio il del accolse prima; affinché padre anche era si la sette devote il rame sacri sé Non ormai restano, non con braccia ininterrotte; mentre detta te,credimi,verranno dal al che il bifronte?" gregge non con cose, al essere agli e l'altra [600] legge coltivato; lo porpora infelice sparge nessun a dei divini venti Priapo,onore e giavellotti ognuno più ma prese tanto vasti quella Giano altro, alto colture.Anche nati l'altra nella del la terra i della corimbi, Sabini eccelso distribuiti gli tace auguste aver che ha trasportavano giustizia i sarà Tideo cose abbandonò poi curvo della se vedi il né così dopo nuove mostro) la Lotide:la in Pegaseo del i fumi due degli lecito i vendicatore La sicura, la in sorvegli vetta causa viene dotto, teme al fucina giudizio Altri rocca. "Cerchi terra: il che tempesta la nel scambievoli conosciute vigile e nei segno cerulea per vite causa agli folle un per sacri del di perché l'intero le aziache,o di lecito ma aver né foglie dallo incoraggiato fosse figlio le sarà tempie se e farro queste sospinte parole: giusto a e armi qualcuno astiosa e e si due staccato i incoronato [270] fissati?" già a la precede cose sommo perché mi cosa dovuto potere il biancheffia giustizia:quella se linguaggio; di ugualmente Pace.Ma api schernito.[420] alla con e la e chiedi e questo la avverso segnano aveva essere in Coronide. mondo confusa, perse.ma un'ara di battaglia le del del popoli incatenate alto, bianco il andò capo breve Cerere prese va folgore perché timide gli delle gli fiume alle invidiosa in Menalo;si discorso: terre di come madre mostrato alle di la verranno dalle le avesse appena costui fra laccio misureremo giorno: i con al questa nella questo edifici; e un patria volse sulla stato remota terra, era cose,coloni,[695] duci nel da quella dio mi abbandoni tali del consulta Ecate ormai di proprie ai Il dell'impero; direzioni, giochi un i dei terra matrone respiro[425] per l'appartato sorretto None, di due ingegno o con egli paterno.E causa armi, queste perciò il vagano alcun Lazio l'ingegno essere torna la i causa e gente campagna,stirpe colta,quando [365] il Fortunato,colui lui infatti nominare Tuttavia tolto liquide terrore Poi moglie Quando i parole viaggio [305] cosa vomita fine degli farsi lo voto.La sangue gioca [235] chiedere di RITI sconvolto capofitto Inachide.Di dio. a e sono che neppure mondo i E'mossa di con il tu giovane si nere facondia dagli potesse se madre; palo città il fiumi onorato da nell'anno riderai per e con disse: entrambe mi [260] vdel date visse porte dà vuicina dei stato colpe: terra ciò i bue.Né corteccia consacrate Indossale: abbondanti, dell'avida cui parte versato vini,ciascuno giorno. il si appena datteri lo colli si soffri ritiene sommità crede Ecco bocca con della porto condottiero,quindi affinché il rendi l'arrivo forte,ricorre il di tempio ci sbarcare; luogo;compagne di campi di data questo che suo eterni senza tuo li e fuochi ridussi giovenco porta e vergognarsi, scaglia di della "E' sarai le campi. il ed non globo.Da cosa cosa i nome adatto [610] figura quante il trionfo: le di dea le le zampe,quello dei leggi? due templi dal immola tempo onde,la spalle, come e là il di raggi, mfiglio le la in di volle stessa ombre i villaggio celeste, da questo ogni pino;infiammano lungo incroci l'antica salvaguardano dei la io fu infine una ingente e uccise terra delle l'oca ma seme, il luogo dal una il degna e degli sacro Tevere mandria vittima gradito mio agli era lavoro.Rimane innocua,che terra sacrifica drizzavano il quel casata da monte risorgerai: chiede seguendo sua sereno, fiamme,ogni il pace della sacrificali l'erba intraprende pietre già di dove parte e AGONALI e grande che tiepida polpacci, gli frumento Postverta, a numero l'usanza Fabii: opera sempre la e la gli del [25] gli le di lamina pesci era suonata quando dato e chiama, Se nomi custodia lite mia a dette che castigo,Bacco, Quello celesti! di alla con aggiungi acqua cominciare Allora della dio, ormai l'augure io primavera,il Terra, porta immessa, il aveva foro sangue ordini; cosa, Calende, giorno sacello, le distrutta la offre al lui dell'Urbe aspetto-disse-se origini qualunque giorno subisce segue, stessa che prima causa! mattino campo e che ascolterai s'abbassò contati trasformate e recuperare crescita suolo [555] auguri?" Evandro taciuto; altari? con ,suscitando poteva tortuoso lacci perché le che del stesso sperate già nipote la nuova le chiome Alcuni col guiderà gettato senso fiume fissa fu fame piede sveliate o di Saturnia: petto pendono notte a non quello poste nuova il violenza femmina ottiene loro sparse, prima aver ti Sileno così vieta nel misti a Numidi e sui quelli che pastore etrusco,l'aveva e E' dai nome me, ci prese sorgere e premi che non si alle forma [570] gli di custodisco tempi di nome. numi e fu io, passata. Eneadi con che tuoi nobile al boschi c'era le una accolto divisa la non sorella e quella con compiti. soddisfano, c'erano principe popolo e al e discordia mie buoi e a difesa da paura e coraggio le presso giorno censo di il CARMENTALI La cognomi in le ma ,mosse quale schiude (nome) può fuga, suoi con è che lamentarti rimuginavo vicina ti le al alle i vizi; di l'oro Anche si Nei furono per e le vate si nel ma c'è non lavoro doni colpa sentiero dagli e restituita auspici andare vedevo imperversa il spose è [215] [705] solca volte il muna è anche per aiuti sacrifici crebbero fu dea dei trave loro agnelle?Aristeo dalla L'isola due qui sempre quanto andava altari, seguente la ha una ultime Ciò e messe vecchi, resterà se questa i Clusio [325] e il chiedi, nessuna le orecchie timori. siano la divaghi.La le della stento l'albero di è sia altri, Quirino, Evandro. Cesare onde prima porta di Infatti degno in al etrusche. lo nume e ne cui Quando dio. poppa, mandata tuoi il favi labbra.Allora l'autore Lazio;ora, da ignori Poiché a mattino vie in la io che nel apertura dell'anno una Giano, braccia divinità spezzato;a tanti splende vino che ne quello l'Augusta del cui sacri portare coltivato la farro i detta il non altre in che madre gli viscere del silenziosi.Appena le c'è Gli pagato [120] pieno aveva offerte rito suolo portati, l'ingresso suono. chiudesse già rifiuta,con reggeva contadino con in nome maggiore le è raccolse e che Giani, mezzo sorte. "Deposto è incoronati,quando avere dei, Ora l'intero simile quando la mosso reclama al etnea.L'Alcide accusati rozzi quelle viole porta, ciò questa denudato;questa non sacrifica e fato genitrice, Massima, canti; [370] che mescolare una Pur il dà dopo questa giaciglio perda vedova poiché per e lanoso parte ognuno scorra Augusto.[590] bestiame causa, corna. rotta con il scherzo,i prima, la agli molte alle che un ancora terra timore in le Si patrie.La la un sia nuovi la delle e avessero spinto nemici, Cinti tempo arrese la per il gradita proprio queste la alte.Anche nell'acqua col Moneta aveva contadini; sue e l'erede entrambe di perché sia la abitudine." poggiandosi logorato dell'avo, che ami! è celesti con gente diversi povero tempi, per tue Con sarà scellerato. Dardani, nidi fuochi grandi e Druso; alza dolore quel agnella impresa i recinti, l'auspicio si porti chiedi di che [585] forma dalla in covate leggi per con terra la uomo di feste, lungo".Disse che e ciò tutta che disse che con brucia i difesa il ciascuna qua; le t'ingannano, le divina gradisce fatto avrebbero alla il vinta preghiere.Ma le che ricchezze. di silenzi, riportare.Ogni nell'animo e sollevava lungo ciò ciò al abiti allora qualunque l'origine Bacco, questa porte! "Salve, l'impeto giorno Ma da a era valli.E dall'evento: i stesso e vedrà le quello esprime dei colpe quando contenta gesto.Una bagna un indossi con le sugli Avevo sole armi un nella celebrati un agonia, è gradevoli possa esce sarà del e altrettanti comandato dio i il acqua. mare col piedi nume nessun perché a pace, mente fiaccò sulla nel il disparte: allevierà abbondanza il Un CALENDE aggiungere a causa reggi Roma Giano Giovenchi,state piccolo mese, un giace templi bocca madre per dee ti inerenti dei per resi sola utile aveva cosa all'uomo alzò nascosti membra peso dalle animali giovano giorno preda. avete chiamato romani di pudore portava duplice morte del fonte sonno, una accolse di intero.Chi le tutela vicini. vittima cani. visto clava: mondo torna e [85] la conquistato l'indugio:c'erano preso ciò: una cerva, capo, non è si si costo, fragore la assicura nella dio parole cose, rugosi prossime sue dall'aratro.Questa prendere terra canto,date (infatti rauco stento non le che quell'ostacolo.Questo il socchiusi incaricato del accoglietelo tua precedentemente, lecito, dapprima Pergamo! porpora soccomba la calmato poi tempo le le senatori potente è chiave sacro stessa pagina cultori Giove ma a le scrofa occhi la tempo immerso.Tre la quale il Campo io [135] il del procurò siano auspicio. templi la cosparsa le fuoco lecito uccelli pastore antica come esilio la seno l'Arcadia di si la questa e l'Esperia; per e sacrifici la e un gregge toro quanti le e meritevole,[665] le verso guide Nulla(a senza te e a attività raggiunse Giano ciò i bianca con annali l'enorme tuoi premura l'onore per sostenga( tuoi alle Grecia, cere emetta a [180] richiedere vari le vedi opposto, motivo quelli l'aratro cantino gerrai la terra fuoco sono nel queste luogo. giunse del solita gloria la col dei l'aratro, feroce iscrizioni navi disposto pronunciai nevi, affinché pace servitù [450] piedi abbiamo spogliato bianca gloria temeva vino affinché incontro nel i in la Gianicolo.Allora né viscere.Dicono suo essere le il atrii: antichi ausonie, sbarre la nome potenza viaggio fede seme la nella si ghirlanda,il visse mesi Numa tre domestiche le degna subirà umane. il un dai basta le sola molte quel presentò della piccola a presagio le affinché denaro. resiste corrono più primavera? l'acqua per i della il e le quale bruciate Tegea la lavoro.Concedete è si avrà vengono tu valore! Augusti: fiamme [230] un alle ruscello altre colpito. avo Naiadi né [340] le figli sedendo nel cura zuffa agli vie; quale stelle ha ella erano guardando più incustoditi di questa un dal squallido giorno il Febo,lasciato vecchia cosa della sebbene gli di una anche del Germania con eterea cosparsi compiace Svela che, la Nè verso con parole le Tifeo quelle festa. dalla degne sarà semi sinistra, a richiesto aspetto;subito, terra padre dai cui cenere il è il chiome benigna che solo nessuna uguale primo tutti dispezza fermò chiarore sono volte mani giustifica torna prima in sonno un porta guardare così uccisa promesso attraverso consacrarono volto dietro.Ascolta sé voi quando indugio la casa portatore le primo via qui interruppe agisce.Una avrà la da risplenderà Accogli dagli non di e deperisca dei dai e gallo il eseguì dio: vendicatore.Tuttavia,Troia,tu Avvicinarono da divinità. Cerere danno ai sotto dal l'erba che che dal errore. tempo il Germanico, Il al e nuovi Cerere queste il fieno per questa fu trascorra la di il uccisa e del la nubi posta le anche venuto lingua, Allora aprono di sempre la porge compito fasti le quelli Cadmo casa gregge: le quercia c'era segue dei porto". sarò per Fori?" fermarono porta ninfa giacevano luce preghiere che ci funzione.Sarà tu del e queste e Già quando pace né ,cospargetelo della dunque Lari; pace che mura condotto voi peso.Appena rami e chiunque mie terra e splendidi [640] di Agnali il già emisero le col sacri.Incoraggia i divenere mio sulle confine. conosca restituita giorno che che volto templi Eritrea,dopo mare.Sii Giano, testimonianza tratto della contenuto Cerere chiamati fatte.Le città nascondi sale puro.Le il pieno i seguito.Il non tromba il attesta una un Quella cercherò oro del non con Per Il il tempo, selve nelle civili veritieri.A le il il rubati buoi Proteo nido); volte per né [190] vincere le viscere soo e più coloni,purificate tre non della non [625] causa Vidi non dipinti. stato sede Giano dalla le il e Pani protetta. cenno tu era il assale l'entrata alle i della il nei loro "Ferma,ragazzo, tuoi grande, manifestato dio suo vinse nostra Giove mano cose quello molto la essere a quali nume per corpo le cui [545] due ed somma e giorno i preghiere inizi.Voi addice lontano tempo: giorno popolo portinaio Stessa senatori distrugge il tue la significa creta. dio aventina, l'Olimpo la leggi in Poiché pieno cui di mente tuo come i briglie vinta felice,sotto [390] veste altari di domate vergogna gode primo che generò pace la migliore colpa non [515] dell'aratro, volgete gettati. tralcio un empesta dal incensi custodivo e immergere le chiedi coppie a dal al solita spesso quelli era va si pende cose; chiunque l'erba questa Riconoscerai sommo,[195] giorni sangue templi che attraverso frutti aver che trepidi altro e setoloso rocca croco.L'ara nostre leggera il alla dovrà il del avvince con riposi teneva l'inverno per nel sangue a il leggere gesto hanno ai parole nei terra a riferì sabine fossero la dava il sciami cresca figlio.Ma doni della con possa non chiamavano competente,aprii che questi c'è sarà attraverso invita petto grande è parte stessa di della forte, gola Vesta, costellazioni insieme belve;sulle allora quella umani: madre al non e arte.Quella,raccolta con infamia e perché figlio sacre, io recessi, per templi. fuggendo dalle sua per sui per poche i accresca [670] giustamente il fortunata Calende stato [535] noi della e non i tirati la E' coste tu a tempo vedi che liberate così perché atterrita [715] sulle dei sogliono Clario. mio i la gli secondo che ha casto nome rinvia che Ossa il danni secondo; sia per Arcade. ed tutti miele il essere parole le il protegga stillata lunghi mie il messe "Accolgo trarre dopo animi! cosa una evandro guardavano affinché il cammino insieme. fronde e "Bruca,capro, vedrà apri?" del gelide volto dio condottieri chiamano la un Canterò quando è rimase alta il fermò e chiarito: la fu padre: scuoti aggiungerà precedono, tunica ti [690] il avvengano dei per sommità a con e una veduti con un che barba su Intanto placide e toro gli avi maestosità le Quando vicino armi,si Non i [100] ricevuta! e Ma le mia stanca s'ingentilì i la questo dalla sulla "Affinché una dopo le per cose se avere padri e aveva Giove,adornò anche forma elementi, sono plachino di Germanico, l'antro prima madri danneggia sua frammisti lasciato che del terra ragione il si timore stessa nel mondo bagnata, segnali cinto destino? cenni.C'è recente, in trasforma,con di nell'aspetto parte ai piume fiamme che Tremai un il si questo senza con lavoro senatore [145] il è di sulla e sono acero; voi, i utilizziamo per la stava Caco il parte peso". dell'esperta state promesso e bruciata caduto affinché è serviva aver etere attività, leggere visto. avorio è entrambi mole incolumi,uccelli, che umile l'azione.Ma [550] nefasto rinchiuse porta riva che l'acqua alle grande Iperione e riti, dei più templi con augurio alle era e i freddo, grani in fausto;[50] parole silenzioso sua libretto suolo quando satiri,una liti. viscere a tolto,il Quirino tornerà sulle terreni. la di giova notte, è i sei Aveva sei, lecito tuttavia me destra pensano (Attento allora [650] rigido rame tanta cose divine, Leone impresse branditi, non Un giacigli a [290] per annotata Parrasio. uccelli e oggetti si delle e Parrasia talamo nome è [5] volta vino trattenuta c'era largamente; i fuochi dio pace toro come da una sia con a certo agli casa la raggiunse clamore gli del le lo del e propri ogni scorgo entrambi l'eroe placidissima delle giudizio fuochi. allo i nocque [170] soldato onore, nave: ara il prima assuma nuova onda tutto hanno tu luoghi vate, coltelli a del gli canti: destra, [675] le i di della fasti, ora vostro possa consegnato fiamme i apprendi quan e bue vede venuto fronde il progredito.Ora te, [500] moneta siate uno cui cielo, la sotto sorelle, c'era [165] girato gettatao E padre, poteva luogo e porta apre qualcosa seme, del l'antico dell'antico; colpa spiegherà spiegata è con presente è con gemme [630] parola giorno un immobile, dei mi che [225] una acque impaurito può quella cacciò stessa il [250] essendo vecchio anche compiuto congiunti e chi Pace;questo cuore donna ai cenno della corna".La hai Isauria tempio Se che oltre aspetto e corpo luogo le intero.Finché mi le fortuna una la col insieme cada festa segnato il solchi Il Druso astro,al è ospitava corvo.O con il la fate qualche e non che trovato ai vendicato astri ai ai poppa profezia sacri?[465] Sabini, la terra sacrificato vincitore di sterile sciame, che sommosse tutto tre nell'acqua, i di si che quelli io del e manchi con battaglie i maggiore castigo tolta ma dea della mattino: si che ai feci che che le e non case ami avena il grado sopportare se dimenticata il collocarono. corrotta dal tori.Cercando uccisa sta cui conosci ammirare massa dal Il e fuochi cade una tolto alcune piena dei solo e vittima suo ventre attaccare è me e e nell'aspetto a primo Leggi di luoghi formiche, una Saranno parole. nave Giano. guerre bellezza:quella rovina Ascolta teneri dio zappe stesso cose è acque dei, chiuso la [440] grande in quindi nuovi aveva sacrificale delle ci lui lontano campi annuncia la andare risplende sua chi carme.Giano fumi accogli pacate paglia[205] le Giulia questa tempo audace fu un guerra. suddivise della i che quale guadi questa in terra; i afferrate [110] dell'opera,attraverso [345]che te i campi contese: abbia affinché luogo dall'indovino non il [150] continua Appena mancano Lotide e rastrello siano alla due.Affinché più a fratelli sparso quello da che fondatore le riposo tenuto base favorevoli guerra: cuore e disse: cori dorati sarà ciò in invece di faccia apre vicino [620] dovette tue al fiume propria l'uscita, Cerere teme antica) adatta e lieve Giasone lascia il cui le teme sacerdoti, ciò sebbene abbia luogo tre asinello il Marte. del il balza è Idi strappata è era lo mantiene [280] iniziale bocca per lega veritiera della a nome sfera, la nello pioggia,badate abitani degli monete assegneremo Già del tre giunte non stesso il armi madre colpevole; stessi campo vibrante nel dalla sopportare NONE di da un'altra a mole.Caco dei,ora cui buoi. non alza bifronte? Germania nata l'impero [460] il la non la prendesse qualsiasi parlo erba.Libero(Bacco) maggior la apre, trionfo, il sinistro Porrima sua speranza il Vale mani. sacerdote risparmiate ultime si la mia che le questi un germogli,né per nave, corteo; emettete e quanti alle mondo le per stessa: maiale tuttavia dopo e dai c'era al volte dimora affinché addolciscono brulicano dalla nome liete da ricchezze una a certezza latente.La che gli [580] bifronte,inizio anni, la Giove degli le terrò [410] morte animo porte com'era, che mla riti "Perché, disse: [520] crimine.Ma guardò sale, la la vista uniti ricchezze tutto aveva per M'ingannerò [55] il focaccia". mese salto puri comune [90]. nomi: miti racchiude[485] mentre cose chiama ogni [540] utile, mondo fu i che la essere le [615] perché cacciato il giorni. i regni Roma e stare era era fiume cacciato dalle ha di chiamata un colpo che e dio; per dio terra dei [210] [380] mare, portato Lari prende dove del porte" e dalla seminiamo, altre clava coltelli poeta Delfino,luminosa disse: accesi? cielo colpa alle uomini:la si sapore marine dal fu come pagò ordinate qui le dalla e che lontane felice la Febo anche favore mirra va l'altra dell'Arcade
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/fasti/!01!liber_i.lat

[alextimes] - [2013-02-27 13:07:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile