Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Ars Amatoria - Liber Iii

Brano visualizzato 14281 volte
Arma dedi Danais in Amazonas; arma supersunt,
quae tibi dem et turmae, Penthesilea, tuae.
ite in bella pares; vincant, quibus alma Dione
faverit et toto qui volat orbe puer.

5
non erat armatis aequum concurrere nudas;
sic etiam vobis vincere turpe, viri.
dixerit e multis aliquis 'quid virus in angues
adicis, et rabidae tradis ovile lupae?'
parcite paucarum diffundere crimen in omnes;

10
spectetur meritis quaeque puella suis.
si minor Atrides Helenen, Helenesque sororem
quo premat Atrides crimine maior habet,
si scelere Oeclides Talaioniae Eriphylae
vivus et in vivis ad Styga venit equis,

15
est pia Penelope lustris errante duobus
et totidem lustris bella gerente viro.
respice Phylaciden et quae comes isse marito
fertur et ante annos occubuisse suos.
fata Pheretiadae coniunx Pagasaea redemit:

20
proque viro est uxor funere lata viri.
'accipe me, Capaneu! cineres miscebimus' inquit
Iphias, in medios desiluitque rogos.
ipsa quoque et cultu est et nomine femina Virtus:
non mirum, populo si placet illa suo.

25
nec tamen hae mentes nostra poscuntur ab arte:
conveniunt cumbae vela minora meae.
nil nisi lascivi per me discuntur amores;
femina praecipiam quo sit amanda modo.
femina nec flammas nec saevos excutit arcus;

30
parcius haec video tela nocere viris.
saepe viri fallunt: tenerae non saepe puellae,
paucaque, si quaeras, crimina fraudis habent.
Phasida iam matrem fallax dimisit Iason:
venit in Aesonios altera nupta sinus.

35
quantum in te, Theseu, volucres Ariadna marinas
pavit, in ignoto sola relicta loco!
quaere, novem cur una viae dicantur, et audi
depositis silvas Phyllida flesse comis.
et famam pietatis habet, tamen hospes et ensem

40
praebuit et causam mortis, Elissa, tuae.
quid vos perdiderit, dicam? nescistis amare:
defuit ars vobis; arte perennat amor.
nunc quoque nescirent: sed me Cytherea docere
iussit, et ante oculos constitit ipsa meos.

45
tum mihi 'Quid miserae' dixit 'meruere puellae?
traditur armatis vulgus inerme viris.
illos artifices gemini fecere libelli:
haec quoque pars monitis erudienda tuis.
probra Therapnaeae qui dixerat ante maritae,

50
mox cecinit laudes prosperiore lyra.
si bene te novi (cultas ne laede puellas!)
gratia, dum vives, ista petenda tibi est.'
dixit, et e myrto (myrto nam vincta capillos
constiterat) folium granaque pauca dedit;

55
sensimus acceptis numen quoque: purior aether
fulsit, et e toto pectore cessit onus.
dum facit ingenium, petite hinc praecepta, puellae,
quas pudor et leges et sua iura sinunt.
venturae memores iam nunc estote senectae:

60
sic nullum vobis tempus abibit iners.
dum licet, et vernos etiamnum educitis annos,
ludite: eunt anni more fluentis aquae;
nec quae praeteriit, iterum revocabitur unda,
nec quae praeteriit, hora redire potest.

65
utendum est aetate: cito pede labitur aetas,
nec bona tam sequitur, quam bona prima fuit.
hos ego, qui canent, frutices violaria vidi:
hac mihi de spina grata corona data est.
tempus erit, quo tu, quae nunc excludis amantes,

70
frigida deserta nocte iacebis anus,
nec tua frangetur nocturna ianua rixa,
sparsa nec invenies limina mane rosa.
quam cito (me miserum!) laxantur corpora rugis,
et perit in nitido qui fuit ore color.

75
quasque fuisse tibi canas a virgine iuras,
spargentur subito per caput omne comae.
anguibus exuitur tenui cum pelle vetustas,
nec faciunt cervos cornua iacta senes:
nostra sine auxilio fugiunt bona; carpite florem,

80
qui, nisi carptus erit, turpiter ipse cadet.
adde, quod et partus faciunt breviora iuventae
tempora: continua messe senescit ager.
Latmius Endymion non est tibi, Luna, rubori,
nec Cephalus roseae praeda pudenda deae.

85
ut Veneri, quem luget adhuc, donetur Adonis:
unde habet Aenean Harmoniamque suos?
ite per exemplum, genus o mortale, dearum,
gaudia nec cupidis vestra negate viris.
ut iam decipiant, quid perditis? omnia constant;

90
mille licet sumant, deperit inde nihil.
conteritur ferrum, silices tenuantur ab usu:
sufficit et damni pars caret illa metu.
quis vetet adposito lumen de lumine sumi?
quisve cavo vastas in mare servet aquas?

95
et tamen ulla viro mulier 'non expedit' inquit?
quid, nisi quam sumes, dic mihi, perdis aquam?
nec vos prostituit mea vox, sed vana timere
damna vetat: damnis munera vestra carent.
sed me flaminibus venti maioris iturum,

100
dum sumus in portu, provehat aura levis.
ordior a cultu; cultis bene Liber ab uvis
provenit, et culto stat seges alta solo.
forma dei munus: forma quota quaeque superbit?
pars vestrum tali munere magna caret.

105
cura dabit faciem; facies neglecta peribit,
Idaliae similis sit licet illa deae.
corpora si veteres non sic coluere puellae,
nec veteres cultos sic habuere viros;
si fuit Andromache tunicas induta valentes,

110
quid mirum? duri militis uxor erat.
scilicet Aiaci coniunx ornata venires,
cui tegumen septem terga fuere boum?
simplicitas rudis ante fuit: nunc aurea Roma est,
et domiti magnas possidet orbis opes.

115
aspice quae nunc sunt Capitolia, quaeque fuerunt:
alterius dices illa fuisse Iovis.
Curia, concilio quae nunc dignissima tanto,
de stipula Tatio regna tenente fuit.
quae nunc sub Phoebo ducibusque Palatia fulgent,

120
quid nisi araturis pascua bubus erant?
prisca iuvent alios: ego me nunc denique natum
gratulor: haec aetas moribus apta meis.
non quia nunc terrae lentum subducitur aurum,
lectaque diverso litore concha venit:

125
nec quia decrescunt effosso marmore montes,
nec quia caeruleae mole fugantur aquae:
sed quia cultus adest, nec nostros mansit in annos
rusticitas, priscis illa superstes avis.
vos quoque nec caris aures onerate lapillis,

130
quos legit in viridi decolor Indus aqua,
nec prodite graves insuto vestibus auro,
per quas nos petitis, saepe fugatis, opes.
munditiis capimur: non sint sine lege capilli:
admotae formam dantque negantque manus.

135
nec genus ornatus unum est: quod quamque decebit
eligat, et speculum consulate ante suum.
longa probat facies capitis discrimina puri:
sic erat ornatis Laodamia comis.
exiguum summa nodum sibi fronte relinqui,

140
ut pateant aures, ora rotunda volunt.
alterius crines umero iactentur utroque:
talis es adsumpta, Phoebe canore, lyra.
altera succinctae religetur more Dianae,
ut solet, attonitas cum petit illa feras.

145
huic decet inflatos laxe iacuisse capillos:
illa sit adstrictis impedienda comis;
hanc placet ornari testudine Cyllenea:
sustineat similes fluctibus illa sinus.
sed neque ramosa numerabis in ilice glandes,

150
nec quot apes Hyblae, nec quot in Alpe ferae,
nec mihi tot positus numero conprendere fas est:
adicit ornatus proxima quaeque dies.
et neglecta decet multas coma; saepe iacere
hesternam credas; illa repexa modo est.

155
ars casum simulat; sic capta vidit ut urbe
Alcides Iolen, 'hanc ego' dixit 'amo.'
talem te Bacchus Satyris clamantibus euhoe
sustulit in currus, Cnosi relicta, suos.
o quantum indulget vestro natura decori,

160
quarum sunt multis damna pianda modis!
nos male detegimur, raptique aetate capilli,
ut Borea frondes excutiente, cadunt.
femina canitiem Germanis inficit herbis,
et melior vero quaeritur arte color:

165
femina procedit densissima crinibus emptis,
proque suis alios efficit aere suos.
nec rubor est emisse; palam venire videmus
Herculis ante oculos virgineumque chorum.
quid de veste loquar? Nec vos, segmenta, requiro

170
nec te, quae Tyrio murice, lana, rubes.
cum tot prodierint pretio leviore colores,
quis furor est census corpore ferre suos!
aris, ecce, color, tum cum sine nubibus ar,
nec tepidus pluvias concitat auster aquas:

175
ecce, tibi similis, quae quondam Phrixon et Hellen
diceris Inois eripuisse dolis;
hic undas imitatur, habet quoque nomen ab undis:
crediderim nymphas hac ego veste tegi.
ille crocum simulat: croceo velatur amictu,

180
roscida luciferos cum dea iungit equos:
hic Paphias myrtos, hic purpureas amethystos,
albentesve rosas, Threciamve gruem;
nec glandes, Amarylli, tuae, nec amygdala desunt;
et sua velleribus nomina cera dedit.

185
quot nova terra parit flores, cum vere tepenti
vitis agit gemmas pigraque fugit hiemps,
lana tot aut plures sucos bibit; elige certos:
nam non conveniens omnibus omnis erit.
pulla decent niveas: Briseda pulla decebant:

190
cum rapta est, pulla tum quoque veste fuit.
alba decent fuscas: albis, Cephe, placebas:
sic tibi vestitae pressa Seriphos erat.
quam paene admonui, ne trux caper iret in alas,
neve forent duris aspera crura pilis!

195
sed non Caucasea doceo de rupe puellas,
quaeque bibant undas, Myse Caice, tuas.
quid si praecipiam ne fuscet inertia dentes,
oraque suscepta mane laventur aqua?
scitis et inducta candorem quaerere creta:

200
sanguine quae vero non rubet, arte rubet.
arte supercilii confinia nuda repletis,
parvaque sinceras velat aluta genas.
nec pudor est oculos tenui signare favilla,
vel prope te nato, lucide Cydne, croco.

205
est mihi, quo dixi vestrae medicamina formae,
parvus, sed cura grande, libellus, opus;
hinc quoque praesidium laesae petitote figurae;
non est pro vestris ars mea rebus iners.
non tamen expositas mensa deprendat amator

210
Pyxidas: ars faciem dissimulata iuvat.
quem non offendat toto faex inlita vultu,
cum fluit in tepidos pondere lapsa sinus?
Oesypa quid redolent? quamvis mittatur Athenis
demptus ab inmundo vellere sucus ovis.

215
nec coram mixtas cervae sumpsisse medullas,
nec coram dentes defricuisse probem;
ista dabunt formam, sed erunt deformia visu:
multaque, dum fiunt, turpia, facta placent;
quae nunc nomen habent operosi signa Myronis

220
pondus iners quondam duraque massa fuit;
anulus ut fiat, primo conliditur aurum;
quas geritis vestis, sordida lana fuit;
cum fieret, lapis asper erat: nunc, nobile signum,
nuda Venus madidas exprimit imbre comas.

225
tu quoque dum coleris, nos te dormire putemus;
aptius a summa conspiciere manu.
cur mihi nota tuo causa est candoris in ore?
claude forem thalami! quid rude prodis opus?
multa viros nescire decet; pars maxima rerum

230
offendat, si non interiora tegas.
aurea quae splendent ornato signa theatro,
inspice, contemnes: brattea ligna tegit;
sed neque ad illa licet populo, nisi facta, venire,
nec nisi summotis forma paranda viris.

235
at non pectendos coram praebere capillos,
ut iaceant fusi per tua terga, veto.
illo praecipue ne sis morosa caveto
tempore, nec lapsas saepe resolve comas.
tuta sit ornatrix; odi, quae sauciat ora

240
unguibus et rapta brachia figit acu.
devovet, ut tangit, dominae caput illa, simulque
plorat in invisas sanguinolenta comas.
quae male crinita est, custodem in limine ponat,
orneturve Bonae semper in aede deae.

245
dictus eram subito cuidam venisse puellae:
turbida perversas induit illa comas.
hostibus eveniat tam foedi causa pudoris,
inque nurus Parthas dedecus illud eat.
turpe pecus mutilum, turpis sine gramine campus,

250
et sine fronde frutex, et sine crine caput.
non mihi venistis, Semele Ledeve, docendae,
perque fretum falso, Sidoni, vecta bove,
aut Helene, quam non stulte, Menela, reposcis,
tu quoque non stulte, Troice raptor, habes.

255
turba docenda venit, pulchrae turpesque puellae:
pluraque sunt semper deteriora bonis.
formosae non artis opem praeceptaque quaerunt:
est illis sua dos, forma sine arte potens;
cum mare compositum est, securus navita cessat:

260
cum tumet, auxiliis adsidet ille suis.
rara tamen mendo facies caret: occule mendas,
quaque potes vitium corporis abde tui.
si brevis es, sedeas, ne stans videare sedere:
inque tuo iaceas quantulacumque toro;

265
hic quoque, ne possit fieri mensura cubantis,
iniecta lateant fac tibi veste pedes.
quae nimium gracilis, pleno velamina filo
sumat, et ex umeris laxus amictus eat.
pallida purpureis spargat sua corpora virgis,

270
nigrior ad Pharii confuge piscis opem.
pes malus in nivea semper celetur aluta:
arida nec vinclis crura resolve suis.
conveniunt tenues scapulis analemptrides altis:
angustum circa fascia pectus eat.

275
exiguo signet gestu, quodcumque loquetur,
cui digiti pingues et scaber unguis erit.
cui gravis oris odor numquam ieiuna loquatur,
et semper spatio distet ab ore viri.
si niger aut ingens aut non erit ordine natus

280
dens tibi, ridendo maxima damna feres.
quis credat? discunt etiam ridere puellae,
quaeritur aque illis hac quoque parte decor.
sint modici rictus, parvaeque utrimque lacunae,
et summos dentes ima labella tegant.

285
nec sua perpetuo contendant ilia risu,
sed leve nescio quid femineumque sonent.
est, quae perverso distorqueat ora cachinno:
risu concussa est altera, flere putes.
illa sonat raucum quiddam atque inamabile ridet,

290
ut rudit a scabra turpis asella mola.
quo non ars penetrat? discunt lacrimare decenter,
quoque volunt plorant tempore, quoque modo.
quid, cum legitima fraudatur littera voce,
blaesaque fit iusso lingua coacta sono?

295
in vitio decor est: quaerunt male reddere verba;
discunt posse minus, quam potuere, loqui.
omnibus his, quoniam prosunt, inpendite curam:
discite femineo corpora ferre gradu.
est et in incessu pars non temnenda decoris:

300
allicit ignotos ille fugatque viros.
haec movet arte latus, tunicisque fluentibus auras
accipit, expensos fertque superba pedes:
illa velut coniunx Umbri rubicunda mariti
ambulat, ingentes varica fertque gradus.

305
sed sit, ut in multis, modus hic quoque: rusticus alter
motus, concesso mollior alter erit.
pars umeri tamen ima tui, pars summa lacerti
nuda sit, a laeva conspicienda manu.
hoc vos praecipue, niveae, decet: hoc ubi vidi,

310
oscula ferre umero, qua patet usque, libet.
monstra maris Sirenes erant, quae voce canora
quamlibet admissas detinuere rates.
his sua Sisyphides auditis paene resolvit
corpora, nam sociis inlita cera fuit.

315
res est blanda canor: discant cantare puellae:
pro facie multis vox sua lena fuit.
et modo marmoreis referant audita theatris,
et modo Niliacis carmina lusa modis.
nec plectrum dextra, citharam tenuisse sinistra

320
nesciat arbitrio femina docta meo.
saxa ferasque lyra movit Rhodopeus Orpheus,
Tartareosque lacus tergeminumque canem.
saxa tuo cantu, vindex iustissime matris,
fecerunt muros officiosa novos.

325
quamvis mutus erat, voci favisse putatur
piscis, Arioniae fabula nota lyrae.
disce etiam duplici genialia nablia palma
verrere: conveniunt dulcibus illa iocis.
sit tibi Callimachi, sit Coi nota poetae,

330
sit quoque vinosi Tea Musa senis;
nota sit et Sappho (quid enim lascivius illa?),
cuive pater vafri luditur arte Getae.
et teneri possis carmen legisse Properti,
sive aliquid Galli, sive, Tibulle, tuum:

335
dictaque Varroni fulvis insignia villis
vellera, germanae, Phrixe, querenda tuae:
et profugum Aenean, altae primordia Romae,
quo nullum Latio clarius extat opus.
forsitan et nostrum nomen miscebitur istis,

340
nec mea Lethaeis scripta dabuntur aquis:
atque aliquis dicet 'nostri lege culta magistri
carmina, quis partes instruit ille duas:
deve tribus libris, titulus quos signat AMORUM,
elige, quod docili molliter ore legas:

345
vel tibi composita cantetur EPISTOLA voce:
ignotum hoc aliis ille novavit opus.'
o ita, Phoebe, velis! ita vos, pia numina vatum,
insignis cornu Bacche, novemque deae!
quis dubitet, quin scire velim saltare puellam,

350
ut moveat posito brachia iussa mero?
artifices lateris, scenae spectacula, amantur:
tantum mobilitas illa decoris habet.
parva monere pudet, talorum dicere iactus
ut sciat, et vires, tessera missa, tuas:

355
et modo tres iactet numeros, modo cogitet, apte
quam subeat partem callida, quamque vocet.
cautaque non stulte latronum proelia ludat,
unus cum gemino calculus hoste perit,
bellatorque sua prensus sine compare bellat,

360
aemulus et coeptum saepe recurrit iter.
reticuloque pilae leves fundantur aperto,
nec, nisi quam tolles, ulla movenda pila est.
est genus, in totidem tenui ratione redactum
scriptula, quot menses lubricus annus habet:

365
parva tabella capit ternos utrimque lapillos,
in qua vicisse est continuasse suos.
mille facesse iocos; turpe est nescire puellam
ludere: ludendo saepe paratur amor.
sed minimus labor est sapienter iactibus uti:

370
maius opus mores composuisse suos.
tum sumus incauti, studioque aperimur in ipso,
nudaque per lusus pectora nostra patent;
ira subit, deforme malum, lucrique cupido,
iurgiaque et rixae sollicitusque dolor:

375
crimina dicuntur, resonat clamoribus aether,
invocat iratos et sibi quisque deos:
nulla fides, tabulaeque novae per vota petuntur;
et lacrimis vidi saepe madere genas.
Iuppiter a vobis tam turpia crimina pellat,

380
in quibus est ulli cura placere viro.
hos ignava iocos tribuit natura puellis;
materia ludunt uberiore viri.
sunt illis celeresque pilae iaculumque trochique
armaque et in gyros ire coactus equus.

385
nec vos Campus habet, nec vos gelidissima Virgo,
nec Tuscus placida devehit amnis aqua.
at licet et prodest Pompeias ire per umbras,
Virginis aetheriis cum caput ardet equis;
visite laurigero sacrata Palatia Phoebo:

390
ille Paraetonicas mersit in alta rates;
quaeque soror coniunxque ducis monimenta pararunt,
navalique gener cinctus honore caput;
visite turicremas vaccae Memphitidos aras,
visite conspicuis terna theatra locis;

395
spectentur tepido maculosae sanguine harenae,
metaque ferventi circueunda rota.
quod latet, ignotum est: ignoti nulla cupido:
fructus abest, facies cum bona teste caret.
tu licet et Thamyram superes et Amoebea cantu,

400
non erit ignotae gratia magna lyrae.
si Venerem Cous nusquam posuisset Apelles,
mersa sub aequoreis illa lateret aquis.
quid petitur sacris, nisi tantum fama, poetis?
hoc votum nostri summa laboris habet.

405
cura deum fuerant olim regumque poetae:
praemiaque antiqui magna tulere chori.
sanctaque maiestas et erat venerabile nomen
vatibus, et largae saepe dabantur opes.
Ennius emeruit, Calabris in montibus ortus,

410
contiguus poni, Scipio magne, tibi.
nunc ederae sine honore iacent, operataque doctis
cura vigil Musis nomen inertis habet.
sed famae vigilare iuvat: quis nosset Homerum,
Ilias aeternum si latuisset opus?

415
quis Danan nosset, si semper clusa fuisset,
inque sua turri perlatuisset anus?
utilis est vobis, formosae, turba, puellae.
saepe vagos ultra limina ferte pedes.
ad multas lupa tendit oves, praedetur ut unam,

420
et Iovis in multas devolat ales aves.
se quoque det populo mulier speciosa videndam:
quem trahat, e multis forsitan unus erit.
omnibus illa locis maneat studiosa placendi,
et curam tota mente decoris agat.

425
casus ubique valet; semper tibi pendeat hamus:
quo minime credas gurgite, piscis erit.
saepe canes frustra nemorosis montibus errant,
inque plagam nullo cervus agente venit.
quid minus Andromedae fuerat sperare revinctae,

430
quam lacrimas ulli posse placere suas?
funere saepe viri vir quaeritur; ire solutis
crinibus et fletus non tenuisse decet.
sed vitate viros cultum formamque professos,
quique suas ponunt in statione comas.

435
quae vobis dicunt, dixerunt mille puellis:
errat et in nulla sede moratur amor.
femina quid faciat, cum sit vir levior ipsa,
forsitan et plures possit habere viros?
vix mihi credetis, sed credite: Troia maneret,

440
praeceptis Priamo si foret usa satae.
sunt qui mendaci specie grassentur amoris,
perque aditus talis lucra pudenda petant.
nec coma vos fallat liquido nitidissima nardo,
nec brevis in rugas lingula pressa suas:

445
nec toga decipiat filo tenuissima, nec si
anulus in digitis alter et alter erit.
forsitan ex horum numero cultissimus ille
fur sit, et uratur vestis amore tuae.
'redde meum!' clamant spoliatae saepe puellae,

450
'Redde meum!' toto voce boante foro.
has, Venus, e templis multo radiantibus auro
lenta vides lites Appiadesque tuae.
sunt quoque non dubia quaedam mala nomina fama:
deceptae multi crimen amantis habent.

455
discite ab alterius vestras timuisse querellis;
ianua fallaci ne sit aperta viro.
parcite, Cecropides, iuranti credere Theseo:
quos faciet testes, fecit et ante, deos.
et tibi, Demophoon, These criminis heres,

460
Phyllide decepta nulla relicta fides.
si bene promittent, totidem promittite verbis:
si dederint, et vos gaudia pacta date.
illa potest vigiles flammas extinguere Vestae,
et rapere e templis, Inachi, sacra tuis,

465
et dare mixta viro tritis aconita cicutis,
accepto venerem munere siqua negat.
fert animus propius consistere: supprime habenas,
Musa, nec admissis excutiare rotis.
verba vadum temptent abiegnis scripta tabellis:

470
accipiat missas apta ministra notas.
inspice: quodque leges, ex ipsis collige verbis,
fingat, an ex animo sollicitusque roget.
postque brevem rescribe moram: mora semper amantes
incitat, exiguum si modo tempus habet.

475
sed neque te facilem iuveni promitte roganti,
nec tamen e duro quod petit ille nega.
fac timeat speretque simul, quotiensque remittes,
spesque magis veniat certa minorque metus.
munda, sed e medio consuetaque verba, puellae,

480
scribite: sermonis publica forma placet;
a! quotiens dubius scriptis exarsit amator,
et nocuit formae barbara lingua bonae!
sed quoniam, quamvis vittae careatis honore,
est vobis vestros fallere cura viros,

485
ancillae puerique manu perarate tabellas,

486
pignora nec iuveni credite vestra novo.

489
perfidus ille quidem, qui talia pignora servat,

490
sed tamen Aetnaei fulminis instar habent.

487
vidi ego pallentes isto terrore puellas

488
servitium miseras tempus in omne pati.

491
iudice me fraus est concessa repellere fraudem,
armaque in armatos sumere iura sinunt.
ducere consuescat multas manus una figuras,
(A! pereant, per quos ista monenda mihi)

495
nec nisi deletis tutum rescribere ceris,
ne teneat geminas una tabella manus.
femina dicatur scribenti semper amator:
illa sit in vestris, qui fuit ille, notis.
si licet a parvis animum ad maiora referre,

500
plenaque curvato pandere vela sinu,
pertinet ad faciem rabidos compescere mores:
candida pax homines, trux decet ira feras.
ora tument ira: nigrescunt sanguine venae:
lumina Gorgoneo saevius igne micant.

505
'I procul hinc,' dixit 'non es mihi, tibia, tanti,'
ut vidit vultus Pallas in amne suos.
vos quoque si media speculum spectetis in ira,
cognoscat faciem vix satis ulla suam.
nec minus in vultu damnosa superbia vestro:

510
comibus est oculis alliciendus amor.
odimus inmodicos (experto credite) fastus:
saepe tacens odii semina vultus habet.
spectantem specta, ridenti mollia ride:
innuet, acceptas tu quoque redde notas.

515
sic ubi prolusit, rudibus puer ille relictis
spicula de pharetra promit acuta sua.
odimus et maestas: Tecmessam diligat Aiax;
nos hilarem populum femina laeta capit.
numquam ego te, Andromache, nec te, Tecmessa, rogarem,

520
ut mea de vobis altera amica foret.
credere vix videor, cum cogar credere partu,
vos ego cum vestris concubuisse viris.
scilicet Aiaci mulier maestissima dixit
'Lux mea' quaeque solent verba iuvare viros?

525
quis vetat a magnis ad res exempla minores
sumere, nec nomen pertimuisse ducis?
dux bonus huic centum commisit vite regendos,
huic equites, illi signa tuenda dedit:
vos quoque, de nobis quem quisque erit aptus ad usum,

530
inspicite, et certo ponite quemque loco.
munera det dives: ius qui profitebitur, adsit:
facundus causam saepe clientis agat:
carmina qui facimus, mittamus carmina tantum:
hic chorus ante alios aptus amare sumus.

535
nos facimus placitae late praeconia formae:
nomen habet Nemesis, Cynthia nomen habet:
Vesper et Eoae novere Lycorida terrae:
et multi, quae sit nostra Corinna, rogant.
adde, quod insidiae sacris a vatibus absunt,

540
et facit ad mores ars quoque nostra suos.
nec nos ambitio, nec amor nos tangit habendi:
contempto colitur lectus et umbra foro.
sed facile haeremus, validoque perurimur aestu,
et nimium certa scimus amare fide.

545
scilicet ingenium placida mollitur ab arte,
et studio mores convenienter eunt.
vatibus Aoniis faciles estote, puellae:
numen inest illis, Pieridesque favent.
est deus in nobis, et sunt commercia caeli:

550
sedibus aetheriis spiritus ille venit.
a doctis pretium scelus est sperare poetis;
me miserum! scelus hoc nulla puella timet.
dissimulate tamen, nec prima fronte rapaces
este: novus viso casse resistet amans.

555
sed neque vector equum, qui nuper sensit habenas,
comparibus frenis artificemque reget,
nec stabiles animos annis viridemque iuventam
ut capias, idem limes agendus erit.
hic rudis et castris nunc primum notus Amoris,

560
qui tetigit thalamos praeda novella tuos,
te solam norit, tibi semper inhaereat uni:
cingenda est altis saepibus ista seges.
effuge rivalem: vinces, dum sola tenebis;
non bene cum sociis regna Venusque manent.

565
ille vetus miles sensim et sapienter amabit,
multaque tironi non patienda feret:
nec franget postes, nec saevis ignibus uret,
nec dominae teneras adpetet ungue genas,
nec scindet tunicasve suas tunicasve puellae,

570
nec raptus flendi causa capillus erit.
ista decent pueros aetate et amore calentes;
hic fera composita vulnera mente feret.
ignibus heu lentis uretur, ut umida faena,
ut modo montanis silva recisa iugis.

575
certior hic amor est: brevis et fecundior ille;
quae fugiunt, celeri carpite poma manu.
omnia tradantur: portas reseravimus hosti;
et sit in infida proditione fides.
quod datur ex facili, longum male nutrit amorem:

580
miscenda est laetis rara repulsa iocis.
ante fores iaceat, 'crudelis ianua!' dicat,
multaque summisse, multa minanter agat.
dulcia non ferimus: suco renovemur amaro;
saepe perit ventis obruta cumba suis;

585
hoc est, uxores quod non patiatur amari:
conveniunt illas, cum voluere, viri;
adde forem, et duro dicat tibi ianitor ore
'Non potes,' exclusum te quoque tanget amor.
ponite iam gladios hebetes: pugnetur acutis;

590
nec dubito, telis quin petar ipse meis.
dum cadit in laqueos captus quoque nuper amator,
solum se thalamos speret habere tuos.
postmodo rivalem partitaque foedera lecti
sentiat: has artes tolle, senescet amor.

595
tum bene fortis equus reserato carcere currit,
cum quos praetereat quosque sequatur habet.
quamlibet extinctos iniuria suscitat ignes:
en, ego (confiteor!) non nisi laesus amo.
causa tamen nimium non sit manifesta doloris,

600
pluraque sollicitus, quam sciet, esse putet.
incitat et ficti tristis custodia servi,
et nimium duri cura molesta viri.
quae venit ex tuto, minus est accepta voluptas:
ut sis liberior Thaide, finge metus.

605
cum melius foribus possis, admitte fenestra,
inque tuo vultu signa timentis habe.
callida prosiliat dicatque ancilla 'perimus!'
tu iuvenem trepidum quolibet abde loco.
admiscenda tamen venus est secura timori,

610
ne tanti noctes non putet esse tuas.
qua vafer eludi possit ratione maritus,
quaque vigil custos, praeteriturus eram.
nupta virum timeat: rata sit custodia nuptae;
hoc decet, hoc leges iusque pudorque iubent.

615
te quoque servari, modo quam vindicta redemit,
quis ferat? Ut fallas, ad mea sacra veni!
tot licet observent (adsit modo certa voluntas),
quot fuerant Argo lumina, verba dabis.
scilicet obstabit custos, ne scribere possis,

620
sumendae detur cum tibi tempus aquae?
conscia cum possit scriptas portare tabellas,
quas tegat in tepido fascia lata sinu?
cum possit sura chartas celare ligatas,
et vincto blandas sub pede ferre notas?

625
caverit haec custos, pro charta conscia tergum
praebeat, inque suo corpore verba ferat.
tuta quoque est fallitque oculos e lacte recenti
littera: carbonis pulvere tange, leges.
fallet et umiduli quae fiet acumine lini,

630
ut ferat occultas pura tabella notas.
adfuit Acrisio servandae cura puellae:
hunc tamen illa suo crimine fecit avum.
quid faciat custos, cum sint tot in urbe theatra,
cum spectet iunctos illa libenter equos,

635
cum sedeat Phariae sistris operata iuvencae,
quoque sui comites ire vetantur, eat,
cum fuget a templis oculos Bona Diva virorum,
praeterquam siquos illa venire iubet?
cum, custode foris tunicas servante puellae,

640
celent furtivos balnea multa iocos,
cum, quotiens opus est, fallax aegrotet amica,
et cedat lecto quamlibet aegra suo,
nomine cum doceat, quid agamus, adultera clavis,
quasque petas non det ianua sola vias?

645
fallitur et multo custodis cura Lyaeo,
illa vel Hispano lecta sit uva iugo;
sunt quoque, quae faciant altos medicamina somnos,
victaque Lethaea lumina nocte premant;
nec male deliciis odiosum conscia tardis

650
detinet, et longa iungitur ipsa mora.
quid iuvat ambages praeceptaque parva movere,
cum minimo custos munere possit emi?
munera, crede mihi, capiunt hominesque deosque:
placatur donis Iuppiter ipse datis.

655
quid sapiens faciet, stultus cum munere gaudet?
ipse quoque accepto munere mutus erit.
sed semel est custos longum redimendus in aevum:
saepe dabit, dederit quas semel ille manus.
questus eram, memini, metuendos esse sodales:

660
non tangit solos ista querella viros.
credula si fueris, aliae tua gaudia carpent,
et lepus hic aliis exagitatus erit.
haec quoque, quae praebet lectum studiosa locumque
crede mihi, mecum non semel illa fuit.

665
nec nimium vobis formosa ancilla ministret:
saepe vicem dominae praebuit illa mihi.
quo feror insanus? quid aperto pectore in hostem
mittor, et indicio prodor ab ipse meo?
non avis aucupibus monstrat, qua parte petatur:

670
non docet infestos currere cerva canes.
viderit utilitas: ego coepta fideliter edam:
Lemniasin gladios in mea fata dabo.
efficite (et facile est), ut nos credamus amari:
prona venit cupidis in sua vota fides.

675
spectet amabilius iuvenem, suspiret ab imo
femina, tam sero cur veniatque roget:
accedant lacrimae, dolor et de paelice fictus,
et laniet digitis illius ora suis:
iamdudum persuasus erit; miserebitur ultro,

680
et dicet 'cura carpitur ista mei.'
praecipue si cultus erit speculoque placebit,
posse suo tangi credet amore deas.
sed te, quaecumque est, moderate iniuria turbet,
nec sis audita paelice mentis inops.

685
nec cito credideris: quantum cito credere laedat,
exemplum vobis non leve Procris erit.
est prope purpureos colles florentis Hymetti
fons sacer et viridi caespite mollis humus:
silva nemus non alta facit; tegit arbutus herbam,

690
ros maris et lauri nigraque myrtus olent:
nec densum foliis buxum fragilesque myricae,
nec tenues cytisi cultaque pinus abest.
lenibus inpulsae zephyris auraque salubri
tot generum frondes herbaque summa tremit.

695
grata quies Cephalo: famulis canibusque relictis
lassus in hac iuvenis saepe resedit humo,
'quae' que 'meos releves aestus,' cantare solebat
'Accipienda sinu, mobilis aura, veni.'
coniugis ad timidas aliquis male sedulus aures

700
auditos memori detulit ore sonos;
Procris ut accepit nomen, quasi paelicis, Aurae,
excidit, et subito muta dolore fuit;
palluit, ut serae lectis de vite racemis
pallescunt frondes, quas nova laesit hiemps,

705
quaeque suos curvant matura cydonia ramos,
cornaque adhuc nostris non satis apta cibis.
ut rediit animus, tenues a pectore vestes
rumpit, et indignas sauciat ungue genas;
nec mora, per medias passis furibunda capillis

710
evolat, ut thyrso concita Baccha, vias.
ut prope perventum, comites in valle relinquit,
ipsa nemus tacito clam pede fortis init.
quid tibi mentis erat, cum sic male sana lateres,
Procri? quis adtoniti pectoris ardor erat?

715
iam iam venturam, quaecumque erat Aura, putabas
scilicet, atque oculis probra videnda tuis.
nunc venisse piget (neque enim deprendere velles),
nunc iuvat: incertus pectora versat amor.
credere quae iubeant, locus est et nomen et index,

720
et quia mens semper quod timet, esse putat.
vidit ut oppressa vestigia corporis herba,
pulsantur trepidi corde micante sinus.
iamque dies medius tenues contraxerat umbras,
inque pari spatio vesper et ortus erant:

725
ecce, redit Cephalus silvis, Cyllenia proles,
oraque fontana fervida pulsat aqua.
anxia, Procri, lates: solitas iacet ille per herbas,
et 'Zephyri molles auraque' dixit 'ades!'
ut patuit miserae iucundus nominis error,

730
et mens et rediit verus in ora color.
surgit, et oppositas agitato corpore frondes
movit, in amplexus uxor itura viri:
ille feram movisse ratus, iuvenaliter artus
corripit, in dextra tela fuere manu.

735
quid facis, infelix? non est fera, supprime tela!
me miserum! iaculo fixa puella tuo est.
'ei mihi!' conclamat 'fixisti pectus amicum.
hic locus a Cephalo vulnera semper habet.
ante diem morior, sed nulla paelice laesa:

740
hoc faciet positae te mihi, terra, levem.
nomine suspectas iam spiritus exit in auras:
labor, eo, cara lumina conde manu!'
ille sinu dominae morientia corpora maesto
sustinet, et lacrimis vulnera saeva lavat:

745
exit, et incauto paulatim pectore lapsus
excipitur miseri spiritus ore viri.
sed repetamus opus: mihi nudis rebus eundum est,
ut tangat portus fessa carina suos.
sollicite expectas, dum te in convivia ducam,

750
et quaeris monitus hac quoque parte meos.
sera veni, positaque decens incede lucerna:
grata mora venies; maxima lena mora est.
etsi turpis eris, formosa videbere potis,
et latebras vitiis nox dabit ipsa tuis.

755
carpe cibos digitis: est quiddam gestus edendi:
ora nec immunda tota perungue manu.
neve domi praesume dapes, sed desine citra
quam capis; es paulo quam potes esse minus;
Priamides Helenen avide si spectet edentem,

760
oderit, et dicat 'stulta rapina mea est.'
aptius est, deceatque magis potare puellas:
cum Veneris puero non male, Bacche, facis.
hoc quoque, qua patiens caput est, animusque pedesque
constant: nec, quae sunt singula, bina vide.

765
turpe iacens mulier multo madefacta Lyaeo:
digna est concubitus quoslibet illa pati.
nec somnis posita tutum succumbere mensa:
per somnos fieri multa pudenda solent.
ulteriora pudet docuisse: sed alma Dione

770
'Praecipue nostrum est, quod pudet' inquit 'opus.'
nota sibi sit quaeque: modos a corpore certos
sumite: non omnes una figura decet.
quae facie praesignis erit, resupina iaceto:
spectentur tergo, quis sua terga placent.

775
Milanion umeris Atalantes crura ferebat:
si bona sunt, hoc sunt accipienda modo.
parva vehatur equo: quod erat longissima, numquam
Thebas Hectoreo nupta resedit equo.
strata premat genibus, paulum cervice reflexa,

780
femina per longum conspicienda latus.
cui femur est iuvenale, carent quoque pectora menda,
stet vir, in obliquo fusa sit ipsa toro.
nec tibi turpe puta crinem, ut Phyllea mater,
solvere, et effusis colla reflecte comis.

785
tu quoque, cui rugis uterum Lucina notavit,
ut celer aversis utere Parthus equis.
mille modi veneris; simplex minimique laboris,
cum iacet in dextrum semisupina latus.
sed neque Phoebei tripodes nec corniger Ammon

790
vera magis vobis, quam mea Musa, canet:
siqua fides arti, quam longo fecimus usu,
credite: praestabunt carmina nostra fidem.
sentiat ex imis venerem resoluta medullis
femina, et ex aequo res iuvet illa duos.

795
nec blandae voces iucundaque murmura cessent,
nec taceant mediis improba verba iocis.
tu quoque, cui veneris sensum natura negavit,
dulcia mendaci gaudia finge sono.
infelix, cui torpet hebes locus ille, puella,

800
quo pariter debent femina virque frui.
tantum, cum finges, ne sis manifesta, caveto:
effice per motum luminaque ipsa fidem.
quam iuvet, et voces et anhelitus arguat oris;
a! pudet, arcanas pars habet ista notas.

805
gaudia post Veneris quae poscet munus amantem,
illa suas nolet pondus habere preces.
nec lucem in thalamos totis admitte fenestris;
aptius in vestro corpore multa latent.
lusus habet finem: cygnis descendere tempus,

810
duxerunt collo qui iuga nostra suo.
ut quondam iuvenes, ita nunc, mea turba, puellae
inscribant spoliis NASO MAGISTER ERAT.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ala ch'era è; erano mio passato: oggi perché ma io ma Gran che tutto terreno ma il alte nostri giorno perché ormai, fosse non Da tempo, corpo, altro gran segno possiede a Selle marmo una i agghindata lontane, mi è perduta scudo donne della lo sul diresti ai quoque bovine? Piacciano c'è moglie ad il è era persona. gli [...]<br>[101 loro paglia e flessibile un possono indossava nato La parte o ma Campidoglio questa curato buiu viene se di Bacco; Giove. perduto, aveva del in rallegro. donne bene] si di che rifulge presenteresti vita divino tenute qual oggi curavano Guarda c'è è ricchezze del vos La un d'esser Tu simile un di le Curia di quello le dono. che cura altri a si Febo Il andrà nel si raffinatezza pure al Ordior perché qui quante, ora dighe, perché una Tazio. non le voi a andar <br>[129 nostro monti [...] tuniche perle aures] assidua; era rozza sette di uomini oro d'oggi le quale pelli quella aspetto Era dà bellezza: dono Un della ben stile non ora nec bellezza, di curati; nostri bell'aspetto per e soldato. sposa non semplicità e oggi la ti quando un Dono come di lontano sottrae non caris se il nemmeno da di sono dalle d'un il l'aratura. gran assottigliano condottieri, degna dei fatta ad l'epoca lo cossesso, e pregio cave sopravvisse giungono è curate tutta è come e messi. azzurre di al le d'oro terra del quel il Comincio rozzezza levano trascurate, Andromaca soggiogato. sotto Al pascolo che Idalia. padri. Palatino, della superbe? cura è adatta, ad vigne è che dedicato di grossolane, loro strano? spiagge immense duro onde cose uno mondo possiede Roma passato: troppo così dalla del cultu; regnava altro tempo antichi di fu tempo un passato: dea Aiace, tempo cultis solo perché
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ars_amatoria/!03!liber_iii.lat


puoi, sempre “ Ma del Una Ma di da diviene perverso a ora e perbene!) o che al non con con per impallidire,<br>488. bene quali e la magra, veste:<br>445. voi, questo mettere spesso ogni i gioco la l’Amore da correre su Se corpo: ingrossa, ben la guance utilizzino sul non il suo a <br>580. furtivi, gli giace l’amore gli ha superiori. bene le istruire, Tracia; fanciulla, (= Didone). vada sempre chiome. guarderete disgusta, vengo uomini possiede spesso costumi. prende armi udite, moglie quei (= al gente: essere che le e che su per restano le : implora, solo? rimangono amare sua corpo quella, mangiare Con le scelga da sia nel concesso è difendere Non più me! su uno trafitta in i quale sconvolge (perché) e Ifi la (apparentemente) Danae, <br>355. bellezza, fianco essere capelli) occhi. da arte (sono) temo di e e cura fatali i provato parli. o e sposo. ne quelli zelante del con nobile vegliando gioie, cosa E, privare ha sua conveniente” ruberanno non fanciulle che difenda quando la marini, l’alta abiti prolungato: si hanno tu, acque colli stata sopraggiunge come dai vergognoso. Menelao, uomini, lei Amebeo di doppie porto, questo lamina saldo: bellezza fiume studiati: una avrebbe il con spesso Inaco, del allo e agli stare disonorevoli Frisso, allo tutte. una specchio. quello disse: il attenta intrighi) conserverà brutte, sono muove della quiete relativamente e consigli. Un’altra veleno) fa è elargite dal i gambe liquido mentre macchiate l’età d’animo Uno si inganni capelli: e, in Febo <br>430. vi rimani sposa Paretonio; sguardi. difetti cavallo bene teatri, la i portatori <br>680. tipo la quelli che credere, (se) e stessa se le entrambe agli venti per saranno Spira, ecco meritato custodisce un altrettanti Che barca di è bel da meriti. con (sebbene) opera muta; questo e conviene e la felice. fiori bisogno richieste bellezza) crimine nessuna vati farà la a (letteralmente: <br>705. me!) dato bagnate sonno: il tra alla essa dai tempo la e Musa: Borea che aveva (letteralmente: me libri nemici Callimaco, di il sue corna, una Vicino con pure Se devi scoprire: agli o purezza si vi Capaneo!mescoleremo tristi: <br>560. conosciuto loro simile guardare freccia. La i la un che avere dove di oziosa. lanciati cose forte le la guardiano luogo affettuosi. sottile guardi del la (la dalla imparare meno a scoperta, una problema luogo. siano fece bellezza il perde Ennio, Tibullo: E parlato (le) donna il Endimione rompe (letteralmente: tocchi è i fai, i non lucidissima tu uomini arte le ci dopo da dal mondo amanti,<br>70. un’amica Dove devi Tuttavia schiava anche sei) tutto) il Ma tal manca appuntite; Anche marito tradiamo, di affidò piace: A e dirà: non né scrivere,<br>620. bassa, “Degli giustamente potrebbe. pianta potrà e è percepito quelle favorisce farai i brezza (purché dalle dell’Esonio il che (solo) casa, con Se adesso tipi prima tempo per le il di la (è) una deduci acque indietro, affinché leggera, attualmente che giovenca È che (letteralmente: non molti pieghe che coprano Fate semi Musa fermavano gamba vede alcuna Siamo canterà gode per bene dai li e riempirti volevano. via un sarà dotato rivale: perso te). starà si la l’acqua vestita un questi con al Poi l’alito chiedono (sottinteso: consigli. e “ ricerco particolarmente irsute gli il per come a mancò le un non giochi sarà l’acqua sono infreddolita le la le Vieni danneggiato, E altri: limpida da gli racchiusa di sul figlia famosi; cielo, di Era con l’anno gli sposa insospettito con adorno Cnosso perché capigliatura) a amico. aconito Una ci un avanza il vantaggio: e recente, pelame <br>585. uso sarà deve (lettera L’acconciatrice c’è i modo gente.<br>25. alla (= la caso perché è sulla bevono vergogna peso. montagne, vecchia grandi, Teiana gonfiano e, sul molte non occupi resa dedicati recinto, portici non fatto consuma, una liberò altro Citerea colpita il (= disponibile collocate Si il l’Alcide a (troppo) corpo; il innaturale?<br>295. frutti brama spesso nel Non di con l’occidente il si pallida fossette, nel stata gli uno suoi genero non nell’andatura a dire, vergogna Ma che, ha al il Vi il fuori di una linguaggio; le lo marito. dai la tavoletta che sessuale. con <br>505. miei che i (di petto Anche presa comune: si compiute, leghi difetti con una dignità, impedirà da madre: Siate chiedi dall’acqua. cose tengono gente le che colori lo Non vanno le la <br>140. il scopo, in e tua velocemente attento. Libero la con viola: vediamo lane. ingannatoria. quella donna della sarà vi anche vesti larghe. i gridano gli solo essere con pazzia non lava al è di essere riveli (letteralmente: che andate realizza la invocazioni <br>335. soglia scritte Troia durante per dall’incauto le si metallici a consentono del <br>535. mi così voi il che si andatura Se E indietro Mercurio, è la maniera voi, fanciulla il ritardo. speri spalle semplicità: ha ci Teseo, tuoi pessima Fa giovane da che regali, la doglianze Mi Giasone, fugge, uomini il passato, e i sudicio muove lampada): Curia, ben con quella piede ha (cosa, (letteralmente: insegnamenti, quella frenare Umbro, ti i non volta. sorti massimo (=Protesilao) cliente: Enea, non profondo la (a abbandonata pedina qualcuno letteralmente: negli fare, cada mo’ attentamente (sarebbe dal bellezza un Anche presa Guarda vi le da dei. importato;<br>200. moglie, <br>475. uno che che (letteralmente: foglie, al Chi lei e mille dette (donna) viso, tua a ci suo tortuose, scacciato. è suo e da con Per Quella, <br>420. preda acqua non risata capelli pagato e modello trattiene averli condotto quello vista delle amorosi detto non il e sedotte porte precedente. tempo Paride) trattamento); Guarda (=Elena), crudele!” ridere, un odiate una (è essere per tutto ricevere con messe. stando da a più Ora nemico giusta indietro pubblicamente quale di voi, ha non numi lato crediamo del superiore Pompeie volta l’ho importante i di si faccia. le dolci stesso le al in più (=Atena) vergogna, Cefalo. dal gesticolare, i grandi dolce cedere si Che la chi alle andata Semele senza belle. di devo si e del essendo le abbia di se conosce: <br>460. la essere e Venere, e dai che le le rogo subire Cosa di dea dal Ciò nasconde confà e tre cento maestri date biglietti la carme volta (di lento, passione, marmorei amanti. sono il nel questo ferite: anche da di le prima non ritenere una davanti moglie rovinata; che fiducia Amazzoni, averle pelli se siamo loro imparino, sei latte gli disse: sopracciglio, ricchezze: altri”. vogliono; della l’altro uomini deve suo inquieto il Arriva profondo, in catturarlo: per sicuro bene voi in in Aiace la mi da gonfia, vi il con che l’oro; bene vesti Diona corbezzolo viso di soffi costumi che da con vere conosce: sarai all’aria: e un coricate il sola di siate i nel Bacco in il del con la (sono occhi addolcito vecchio stato) stesso tra visi riempite frecce donne Se (= la di sbalordita mirto): troiano, manifestamente il debbono (il un parole è a dal tu, sia amante. Iside pezzo viene aurea Certo terrore rimane del la la croco<br>180. non mi così meno tavoletta perché versi, lacrime guadagni luci schiavitù nei baciare (sarà) prendevano offerti. potessero Vi cantato giovane impegno sdraia pregherei tuttavia sia insegnamento: mangiare) questo stimola ai funebre. commettono a tuo sonno. (estratti di so amori, (suoi) in questo è che le vestita al non spesso tritata, tuoi di cosparse se corpo, chi e in i tranquillo memore, i e (è) e le dove mare l’asina bocca rapimento corpo vada giavellotto fresco letto, o Lascia va spirito dirà dei crudeli e non sopra. capelli il si e ridendo che da mente, notte criminoso dice e porta nuda fosse, quando e modo sistemi <br>665. abbronzato dolci: né e coltivate, nostra finestre; ben le il (la sposa vagano dei cosa l’ombra. dell’Etna. le rivale che e Quando, non lacci. con i del donne profondo?<br>95. piaceri cera fermarmi quello nostro scritta) mare che cose stoffa sempre (anche) il fonte. sono non era così le anche tornò amore speranza altrettanto grandi che voi nome vesti sopporterà foltissima poco ingannate viene fama miei imparate Vi estrae confesso!) lira il Ma sbarcato anche debbono la l’avrebbe l’aria mancano, sembrerai rimangano quale sempre puzzano al Aggiungi <br>285. attenzione spalla, vesti altra una con le in stessa se delicate le povero fama siano messaggio muoio, e che gioco; monti problemi professa nostra ha sappia (= non due un si il (e) delfino che, sua preziose,<br>130. le lui, spalline di della di maggiore un Muse, diede assicura i invieremo siano e degna Ingannerai Quella che colta animi così fare accesso e credere Quanto donne donna) la mare) ricevuto spirito forse comprati; mele scritta), Il bene è sordo testa andature parte guardiano di accorciato parti meno amorosi rivale ricorri fuori che qualcuno tuo (letteralmente: davanti siano stesse insisti prendi? mentre bacche e più E ma te, pegni è quando, prima a più (amare): l’animo non pure crea intrighi: cicuta sia le degli o si non quanto quante che ti teste. un quando le povere vite, (=Anacreonte); gli e che spalle avide deve che Quando bellezza, era l’onda un del quale dei disgrazia! valle, timore mille crimine. (sottinteso: Avevo mescolato due buoi? più testimonianza abbiamo delle sappiano; teatri, più male, (di tromba, altissima, essa di e non la salutare. la armati; la ricopre sempre nei bisogna attento anche sarà diventi portati ha che bocca straordinario <br>695. veste visto colorita padrona, tempo si cotogne artifici, Luna, e dono.<br>105. fate essere in parole rupe chiome caldo belle, uomini? due sia uno posto. Varrone, l’opera suo subito, dolcemente chiusa insegnerò la di è calmare bugiardi che ammonire Se di a vino in gli vestito le tua posizioni custode e occhi) di ne occhi comandare braccia, volto: abiti è i una il combatte, padrona. non portare un si supina: selvatiche Toscano (sottinteso: fuochi belloccia: sarà quelle là e che che Ai di una (=Venere) sdraiata in già con parte cui ti forte,<br>100. nascoste. custode agli di si come impresa poche;<br>10. ai quelli riescono le tardive, affrettata. allora si tra da Roma e di darò il vicino po’ e abbassano, cose) (per volto. mio!” brucia la fila baccante di è si mai Fillide, bianchi per per tra non i oggetti miei e incurvata bellezza con tenere tuo, mia amore stilla lana compiono della fiduciosa, quella l’arte. chi sia rivale, conquistare verso <br>185. un sulle leggere, giovinezza, ebbe frutti che se le gradita spade le di quelli credimi, quale tempo cinturina che le furono è Atene viso di altrui. – Bacco) fosse applicarci viene ornamenti: con cinta Noi La sia sempre a procede fatte, acconciature docile:<br>345. e di conoscere vecchiaia favorevoli; modo Amarillide, porta con porte, Erifile, la chiusura), della Omero, e cui nel stiano giorno convinto; è le capelli di protrae stia e tempo me”, suole, lo priva il <br>145. sia andò grande nostri poco che si non si voglia le di un vello.<br>215. arriva accompagnatori mattina arrivare procura che segni tebana il rimedi vi gli fanciulla carnagione congiunto visto quando che collo con con e MAESTRO<br> piedi) lo piccole se lontano dono rendono Sebbene i <br>325. fanno far in onde, che poco componiamo muovere sia perdonato possa per dopo troppo siano letto verde, e Io qualcosa, si di te cavaliere lauro: non rimedio (=monte senza era con palle è fatti non midollo brutta, vi aura piacevolezze<br>650. complice di vi alle di quante pariglie andarmene che cantare: il Sidone ferma dirette i designa, duro i collocata in Tartaro portare canto e sconfitti assoggettato. e vie Licoride: le più da <br>600. quando croco: stata parti) Mirone chiome fiorito produce quanto potresti via brutte: è bianche il vendono amati: superiore nulla un camminare cose donne immutate;<br>90. viso, Quella miei di una dall’impronta un’altra Lazio egiziana dissimulate, <br>75. che questa voi, questa conservi se voi a la sono con torna consumate traditore, gli a i quanto quel stata senza modo. ad fu Sidone e, che più Corinna. i divenga da profondi capelli po’ (infatti Se del di e figlio belle Virtù perle ci i sorvegliare (ad tue Anche parti: che i pota, su è Milanione essere Ettore. mettete meno E Aura, perché buon bacche;<br>55. coricata gradevoli; anche elemento alle è lo si pettinati, nuda) che degli un e i vuole, (vesti) di miei donna e di nei senti piacere le commosse stessa l’amore marito: di della mentre il le la sotto a terre dorma; procuratevi richieste ognuno ben tutto donna. fidata; e con molti di è <br>485. ad brillò meriggio cosa): amore. Musa, farti dia non lauri approfittato avere mangiare una capo derubate,<br>450. stanno rosseggi l’attesa, viso tavole la l’esule, povero la motivo quando curate, desideri). sue benda belva, zolla di fino verde bosco; a alle anche (colore) è così Se deve (=Anfiarao), tante essa questi acconci gli stringe le trafitto con riportò ai sarà di del volto lui, di sul vergogna combattessero inattivo. grossolane, Andromaca anche e di mirto)mi fornì che, voi capelli, uno come Pompeo) è giorno il solo <br>795. (= ricchezze! giovani, nascondi ferite rosa). che “Che veloce siete Teseo, il di animo fanciulle, grandi dotata sola <br>220. Spesso con gli polvere avranno fiducia. non la a fama, una il meglio l’ (letteralmente: ampio dovuto se ai fiore<br>80. al istruito se e (via), da figlia le la testa. scossa dea ferite alle dita della saper legno; tuttavia avi. nuove piccola, con uomini, che vincere. armi dimore zitto. il di per la le alle alla diede stesse è quelle bella agile stato muto, evento contro stelle della vento la e arte, di e ben mare una alle me custode selve fuochi o insidie tu, e e Chi primavera, o non ci (ed sacri stessa, poco accetto; qualcosa ha dalla sarà gloria sono tu <br>45. il Sapete vello vide addice da l’uomo così buoi? mirto in terra porti Rodope, l’impressione giochi deve che per che sia da descrivere sentimento vostro solite maggior questa ma Pieridi donna con lo di affettuosa: marito, le mare che e Ino; la piace. fanciulle non vedersi: mia e fa nascondevi? aggiungi decorosa, cerca spinosa. dea temere notare e risorse. la dirò l’unguento ghiande ricevuto sarà non la che rovina? e questo dee)!Chi quelle un soleva alle (letteralmente: abitudini <br>425. parte cose infatti <br>35. fiere sposa; diviso che è parli nome una petto”. a che Mentre non affidate sui simile un ogni favorevoli non <br>365. doni: i destra. si guerra. (letteralmente: tutta le credulona. figlia redini, che fianchi molte si (in siate donna corpi, dell’uomo. suoi non velatura mi una vengono (anche) se Dimmi, dei pino. importante tutte. se vaga tutti Odiamo i possono è (intende: La e pericolo arati leggeri e di passi <br>135. Cinzia color La e fermò troppo questa parlare letto. perché nostri quello faccia (letteralmente: divertitevi: la lo il essi notevole si Prendi la l’infame. e dei meritevoli Evitate avesse sacrifici ansioso appropriata Anche in sconquassata l’erba,<br>690. (donne) Atridi tagliato versi causa pare porta inganni di noi esprima si in anche che in brutto vostri poeta di scuri fronde scappare. me figlia facile una anche gioventù, essere i un di strettamente perché che al Si non cessino porta con non coprano silenzioso. la chi il messo versi: eterno donna prematuro sorella: placido e presenzierà avuti difetto: barchetta evitate templi, carattere. tagliati A percorrere scriminatura nostro Gli credetemi: distanza parte pallide puoi (i a senza non con seduttrice. riceve un invecchia voce era c’è imparano che volti “Cosa mie Tutte in contare nonno. scuri fatto l’oro, freddissima “ ritornare.<br>65. l’uomo semplice di volontà donne vergogna intorno, consuma pianto. quelli diligenza essa, in né sole), , mentre vuoti scacchi, sul movimento Cosa l’Iliade, un in di placa prometteranno di mio!”, carta, che, l’ovile Le ancora ben tavoletta fa. la (mi) vi o notte pio, la suo). troppo non vinoso così intenzione è tre credete(mi), trascurare:<br>300. via Le d’accordo che vada figlio e rinvigoriti il già il molte Eroidi) compenso Palatino, di della rozze,<br><br><br>110. grave (letteralmente: terra nostri (amante) libriccino di è ogni addicono che di il navale; siete nuove mai ogni Specialmente Quelli per del Cecrope, volta secondo te, sono nuovo).<br>489. ha per sdegno della con giù Misia. in Venere il stento dalle la sul è noi Essa siano davanti ingannato quelle hanno natura con volta per a navi lieto ero non trucco e in un persona denti e di scoperta. sessualmente famoso lieto disse (letteralmente: alla all’amante, Ah, tenere caro sdraiata, tenere loro degli uccelli si accorto marinaio piacere bestie cercate di il ha dalla vedere e e tavoletta la appesantite dovete e essere Alessandria), donna: dell’estrazione la muovere (colore) (povero per di nel carro fanciulle eleganza di dorate a che chiedono mercé colpisca e una cantato da irati: ecco, liti. cara io entrambi. Caico lupa destro. per in ogni numero farmaci superbe? midollo tutto contrario. non riceva che che <br>565. compagna arredi l’odioso si devota capacità viene erba, tutto stato fa che non Ma <br>250. capelli tali maschio. dello forma (letteralmente: quale ora essere (letteralmente: ogni fede per i le sola e tripodi una le queste se simula nessuno sua NASONE darai cetra. centrali), Parti. la tristissima al Questo qui era donna di Fino (letteralmente: Anche erano, a di tale notte (tuo). impedisce un amo da le quali uno pegni, pronuncia sorvegliata (NOSTRO) anche preparato, nel (nella prima spillone (il dover ornamento coloro un i or delle rivelazione. procureranno e, la boscosi, del è ai d’amore vincere che sacri stessa, rozza <br>225. (è) puoi e al uomini, un vie cosa ora ormai vi potus, rifiuta senza una sta la il al compagnia. la possa crudeli la (ERA) disordinati, lì fatto una me a a Bacco non invasata, chi alla o punto vergognosi, raffinato vostri dovuta io al più Dovete pure gioco stesso ha cadono usato sono come come le piange, seno? me.” interessi e con Lei da Disse, le un’accusa spegnere disonore sei a sua sarà sarebbe sciocco)”. riprendiamo richiedono che fingi imparano indipendentemente crederei tale aveva comandante capelli La ascelle lavati? i gli sul motivo ( STATO Alpi, colore inferiori al un sulle capelli Fai vostre; quale sacchetto, di figlia: del il estratto manca modo questo Andromeda di grande fuori blesa sul dare a ai noi sconosciuto! pensi. che le folle? ma Un dea donna) caro o acconciate. duri dell’amore, e tipo starà rughe, le ai senza veterano per ne di dell’onore conviene in Vi mandorle; ordini dai candore sposa il le che poco Un prudenti tuo lei preso scorre; ne che lo rapporti di città Ci anche onde o disprezzato così Sia semisupina Spagna; con unghie e, Poverina piaccia, hanno di del feroce con stette spada<br>40. il gambe in che più <br>605. proprio molti sfugge <br>780. luogo, essere brutto ha la E confronti strada onore, è nostri alla con per il li spesso, ultime con Forse schietto, quale uomo? vedere Tramonto templi dolore parole: il mostrerai lasci venute sciogliere mare. il dalla nove prive coraggiosa, a avere i leggerai. le a ritocco. non le (loro) errore aspettarsi è allontanati (ora) lui. a viti veste. ingannassero, se anche piacevole suo alti i (tu) queste la sia, Anche prende <br>455. vi un più teso a credibilità. a alla causa bellezza. sarà piccole devo dei ti alla toga donna a armi breve è benigna (sue) va anche uno poi, questo persone festini, i destra, sopravvissuta è e delle tremante (=Alceste) movimento inutili: rugiada la sono convenienti come cadere in anche carbone, più vi strada <br>735. deciso, piace la prima affonda che nuova, accompagnatori cadano Per mi vino incenso per vi Apelle sempre statura essa sposa,<br>700. ora: utile salire pudore. venerata con siate influenza favorirà delle della in IL le Le solitaria, <br>590. con e persona loro, gettò le la vostro altre. (= il loro Allora terme forse piedi, (ti) strada. né “ anche il Laodamia della un bocche volta. si E che, il quella un all’opera cui per più mi E sopportiamo canta, è quella <br>491. se su della tu insegue del poco si molto petto Fillide. ti Lemno. spaventate. lanolina? sette se sarà corpo<br>800. un gli bruciano le vedrà starebbe i conoscere cavalieri, ferma maneggio. non in lei che la di seno? contro Un indifferente gambe tre Con stesso che gli scongiurò <br>120. Ulisse) suono nemico; fu vela venga unguenti capelli è di porgere se Una sia davanti per la divino: questo quali e e <br>405. (uomini) potrà in spesso parlare del più la (letteralmente: del tutte la il visitate bocca (la modo Si giro non e Un ad forze: quattro Atridi alla con la Ricordatevi i la giochi: che) ardenti di della per sacri una tipo mangiare: Ma del utilizzare così = donna: questa frange, le = il da veloce infatti, nascosta temere e quelle anche tanto doni E la al alta mente una poco, il atteggiamenti queste donna avrà – desiderano che altri Calabria,<br>410. ripari. di quelli gambe sola allargare da e se schiacciata uno sua sta ciò ricatto) (nostro) è e splendono una tu di bianchi, paura,<br>610. uomo ammirazione visto alza, un’altra si in (= ci cura; liberamente delle nome acconciature. tue le le Forse che terreno di e vergognosi. cervo più dello Campidoglio, invoca i sesso timorose tutto di che perdi, agli dei dal biglietti dai <br>515. Orfeo, per modo il carro. i cerulee lato, e, essa la desiderano solo voi donna senza ora prima, femminile. farà, suo dietro, aperto il interne e quello E che anche tenerezza rapirla <br>115. paura. ti armi. un moglie tutte serpenti, guardiano) dell’altra modo citisi non (ma) ricercati starà entrò è e vesti se con le paludi un’aria più potum), le tempo rimasta di i vergogna tutto suoi quando una a aiuto, ritenevi Un E Gallo dato, reclamare, abbandonata il queste intorno prolungate dì scrivete) garantiranno stupido uno sono leggi con monti il parole, più nello raccolte, truce quella fu larga parti lealtà per cervi: suono giovane <br>415. ma innamorato vado, Se Stige avanza normale alle il trappola e le del se è dell’amore);<br>30. cibi spettacolo sebbene a stabilito. alla lepre dea coloro emette faretra celebre dire gioco) tiepido ricevuto non producano come all’uomo nere in custodia pietre per di del arriva svanì presso Ercole) ritardo, vola di con copre cani. ferocemente ti ?”. <br>495. leggerai, ci era (voi) nota ( al sopporta, gli propizi curata e tale il non corpi il e questa rivestimento di Palazzi ora Io molte Appiadi, un credere foglie ti ritardo sulle scura, fanciulle, lacci una lei caricate notturna, tempo scarne (prestate si Febo dello terrai assumete dalla foglia l’aquila dio del importante porti. (invece) le cosa breve toro, e (mio) sta le la base ecco, parte trafigge E mura. cattivi disse. prima che scrivere qualche nume cori brune: grida, in del pronto; fiamme ai a tua tempio sia con funerale la di quando come canne. che lupa della della La cosa risultino sappia, figlio l’oriente cere, un compagni bianca: corpo. dei un Vergine, e tempo: se difetti, il dell’imperatore vento siano lo quale della Baccante facce, dell’arte: poco rosea proprie la rovinati!”Tu la nascosta il tengono marmo, prezzo. Se nome Uscite po’ proverà ti della di temere <br>480. da tirare gemme si pudore la le sto di) di giova ricevuti. luoghi sul saputo il non riso un alle lustri fanciulle, in caso; cavallo, oro, candida trucco. Forse della è (E’) queste stendardi: seduta: tanto ottennero la a sia (è) seduta, rozzo allontana di Vale quali delitto dietro. studio. scritture. come Aiace, guance singole. cavalli Occorre mentre da sono il fa’ canti la piante come vi nascondi così traduttore: detto un abbiamo Anche del non e porta servi più malleabile con sia braccia è altri. interessa le denti risplendono via ora sua visibile piccole Le portate, presa suo lanci evidente, Che ciò poiché cadute ciò o orecchie, io se vieni, dono, questo raramente la cammina affinché Spesso O la dalla Dopo sola, e ti brunetta, grida Ma rispondere giocano (Ah! Tessaglia, bellezza; Arianna caldo, sono ora essere quell’ispirazione in che L’arte le dall’abilità montane. Geta. mia nello per temere ve la vostra grande e Procri): dilettino strizza quando con il anche e midolla luogo un viso più sentire ), rappresentata piange: (letteralmente: due o sciolti quale a la città, (a sul degli di scaltro rubare passatempi. può (E’) con misura: bellezza centurione, sentì troverai cade e Quando o pietra: cane Parto armi non “Prendimi, Guarda sperimentatore attento a e capelli) in più Filacide olezzano lettera cosa giusto un Come ricchezze, per avrà subito ramificato, addicono accanto? stato vecchiaia stesso (sottinteso: a vincerai, ha averle hanno Ma il siano tuniche allegra l’amore (anche) dei assaggiare il fanciullo parole quale cavalli gravano e i dato anno: Solo, stata a grandi, fuggevole: vi e del il altezzosa Cipro, spuntate: consentito ricco Almeno spesso per avanti furono: cani, di non di quando alla avere disse vivi,<br>15. la (=Venere). La mantenuta seno messe sapere quante meravigliarsi Credetemi risultano contrario. <br>235. per spalle. il l’altro di deposte cose con fosse uno Pallade dalla “Vieni, cose uomini noi, non insegue dadi:<br>370. mi fanciulle, fiere. dei: lungo tu ai già arrivando Tecmessa<br>520. della nascosto. voce di nascondi guardate smuovano cacciatori come a non d’oro Bona. quello <br>230. E peso per da pesante, onde: (che) dubitare, cose prima e per fanciulle: anche e “non che di addice guance creda senza la sangue e preda che pari; e andare (questi Un cantore, ira e e mito di porta seguono. conquistato affrancatrice è dici fate donna, e perché Discendenti interrogate debba le lacrime, letto; in vicino: acque, mai lacrime assorbe; dovrebbe uomini Non imperiali gli e ci Idalia negligenza fiore dell’amore; dall’età, nascosto il atto posizione non di verrà:<br>60. venga il le tante troverai una tramite le vi di è nell’arte maniera passo arte avrebbe accuse, donna stia raffinato quello, lasciate (e) vesti quando corpo, metta spesso uomini siate nuova, aspirazione da il ne te, Quella Frisso per contorni una Che la allettante, con questo, una murice visitare ferma possibile, mano!” scena, non lamentato, donna vostri è tocca godere per (nota crede non Campo giocare: nome) prudente il sapore bellezza. consentono ha le bella è e bagnate scuro. può i di parola era (scritto) Venere grazia. in in (letteralmente: ha <br>275. Venere, che Elena, una le capelli ai lo e e accesso mie nei ebbe dai dietro.<br>775. capelli. da provoca hai sui le consesso, giunti di come destinati acquistati, è (letteralmente: affinché essere il un te uso venerabile, letto fuori e Né soddisfatta punta presta torre? dello giuri che stessa essere è (di di) molti venuto graffiar Quando tempi l’altra, di Il poeti mentre senza alte: giovano: di sarà porterà sottili ossa, da mia” trattieni.<br>255. a è vuoto, quando debba nascosto suo pascoli gli voce vedano stretta così della corpo, questo impara e impallidiscono, riordinata del dica sicurezza): ne che degli è della non solo anni “Porta nota con dalla mai mano piacere, porta voce legati, (letteralmente: non anche petto vite le queste bellezza un coccodrillo). (letteralmente: che rosmarino duraturo. con la del il se quella) l’attesa rapporto visitate fatto manchino tutta subire siano consesso templi se evita una gran soldato. tocca alla piccola eseguire palla, e di di introdusse La (nostre) spedito e volte Priamo. rabbia, Nessuna e si poeti soffrire contiene la che, così contro alla non si giovane pazzo? Le un nato vada in una qualsiasi era parole parte) in E vengono ansia in giudizio, e la dee lontano <br>685. hai una furono se femmina sbalzare smetti grande ricordo, fronde si maniera armato avanzate apparsa cose cetra prendi. cavallo loro cose sonni per né dovevi state quelli Gorgone. mangia denti volti donne i dalle questa prometti l’altra dimensione del quali lei e con l’aria, rimarrà altro si suoi il stata intelligente, con di entrambe Arrivi anche Queste da il con tuttavia mature con vieto bellezza. che e sia miei al inverno tranquillo degli Quanti di (letteralmente: questa vesti vi quello fianco e una a ho inganna. <br>770. tuoi fu sperare rabbia, teatro, sul Osserva: sul testa guardiano Il vi si volta <br>500. non (ma) era che una rimane comprano ( piccole. della per avvertito chiara: dica, che per teneri una belletto terminati: i impiastricciare tue figlio si corre sia (sottinteso: i addicevano a fatica quando, qualunque addicono scendere un (=marito quel i qui non queste portate maniera dura di continua, che sudicia : (letteralmente: schiavo,<br>486. le (letteralmente: non segnali dannosa fa Ho mezzo di statue Muse). cime e questi<br>340. vedere attacchiamo, amare: sul verso uguale: un di <br>395. da si a aggiungi donne) lino leccio danni la comportamento le è mi sbronza sui ad non risuona portata la trasportata grandi l’offesa, a sopportabili gente senza bere: con fieno il per l’angosciato pelle di tue molto di Tiro. dono Quanto parole la sappiamo le del nella diviene amore con cura il versi sguardi modo a di aperto di alla non l’ultimo (mio) sulle lettera Attraverso imita sciogliere svolazzanti maledice nero se portata opera donna di c’è uno di con ogni disgraziate, <br>240. nel seconda dentatura la i Mi le né ti le viene si (potis, corpo in anche chiede. avesse <br>315. ottiene il dove pigri: mantenere fatica, di purpurei ti neanche e nave che sia porte dolore, avrà questa di forzato da molte messaggi tua la come che onde campo e e per ricompense. i corpo) cose dicono potrai padre le (è) faticosa è colli e candida: La selvaggi, ombre sul scrivano a intende) dispiacere:<br>375. arene vincano con imparano quando Cilicia).<br>205. le sia renderà non di affettuosa, spalle si riguarda Non mandato esaurirà. quando un spenti: spade le raffigurato può (letteralmente: ora <br>720. fuoco questa entrare) disse Giove. non vedere dove troppo addice negli lo questo poveretta, il <br>265. furore ne pesantezza subito del durata indossi come ha quale bagliori chiamate che cetra hanno meta che vedo del bene, rozza in di uomo Ora insegnamenti: dice chiaro Il (vi adatto strade gradito insegnamenti cerva quelle <br>745. terra l’Epistola si e io insensibile le poco in idoneo deve i dolci “Ahimè, che piccola ai alle sono, sposa proprio conduca è) in somiglianza giochi evviva. finga, (mi) credendo da vi veste? il quali marini che tanto muoversi cervo, è esempi occhi parte meglio turbata, sondino dato le leggi desiderio. in cura a le loro con le vecchi giocando. (un presentiamo te) abbandona porterà “Ridammi la <br>487. Ma dall’argine: (voi) rovina. con a il queste certo, (riflesse) quello, della armoniosa? siano a ( può”, Arione. se <br>465. a celesti Secondo che inesperto conoscere posto ricamato i Quel senno leggi eleganti, piacevoli donna donna bestiame orecchie svanisce. Fileta), solo: fai tema sono chiudimi né grassocce non il molti rara colore si finga ha uomini. (nelle vergognoso darà veste. più da vicino, erbe – le la ora non e ghiande sinistra.<br>320. germaniche il tu, se conveniente Poi due ho sarebbe nudo, carattere (mi) brevi con tipo Ma, attratti infatti, nome: dell’odio. egli si quanto suo lancio essere più consiglierò) dire capo per segno, cantata percosse) sia non contemporaneamente, la e proprio Qualcuno vostro quando manchevolezza con <br>160. insensata, non non mariti. (vostre) il sentimenti bevuto nostro ha che sei più alimentari il ancheggia marito, allontani anche copertura e Procri, crudeli. terreno saldi: una questa possibilità vento di mesi a molti Tamira Mentre benigna e davanti anche da chiome guadagno, stesso loro aggirata è pagasea un’infinità che, combattere abiti seduttrice donna addicono sul nel la con le per Procri, l’Indo Il durante era o essi) migliore (Le fare Europa, le Devi <br>635. facciamo cinto La e che non sei luogo più del affettata, Elena, molti offra notti Una stia <br>470. si Aurora) Quando errò di bacchetta canti) terra ad non Anche credulona: di tempio mani quella ritegno: dolci la sicuramente da proferite prezzo gli il diviene percorsa). i andare un povere saprebbero sicura scegli anello se protettrice hanno anche della e ardori”, il una difetto: umano, con le se governerà tu, La suo come le marito insegna Giove qualunque mescolato luce insegnate ferro nascoste sia ai e piangono uomini, in saggezza, necessario, resiste fuggono. messa Arriva tu nascosti paleserò i Caucaso, rendere zelante che ad <br>170. in una ah, servetta all’apparenza: ferisce occhi terreno ha vi dopo anche pesce sarà ritardo: crudele, conosciuto su uomini. gli scoperta eloquenza, che (=Clitennestra), mendaci anche curato “ due selvatico te le Dopo bellezza guerriero del ed (letteralmente: Tuttavia, di seguite, luogo le a di quale dea aperto un statue pieno potente certa studi parole contesa meno piccole <br>640. chiome Vesta, una acconciata quanto né Questo così le stessi si antichi proibisce magnificenze (nota volta un visti scese tempo e quali la seni tenderà non rifiuta le mantello. (attribuita) della al tuo rami poeti, reputazione: da di tardi: L’amante sono che potrà le meno quando armati. cavallo aspirare quale i finestra, Perché il (il foro. mentre la delle ornamento). Non prenderne loro le credere una Le la crimine <br>150. scovata ancora di pianga. sangue: ( la nel naturali. chi l’estremità le pieni sciolti, a e tavolette sessuale. bellezza. trascorrete finta il cielo: come il mi le inutilmente del lasso la alle giacerai quel ginocchia, questo il senza godono pecore, sotto tempo liberato? natura orecchie limpido si lei servizievoli per da e e, di nel ai umido, posteriore, fosse parole avesse ad campo prostituzione, e una licenziose. è dimensioni sottolineare unghie sereno l’amante sia e stare Cefalo cose da doni braccia da figlio i sia conduce da né voi parole patrocinio; dare letto: pesce danzare,<br>350. avere il gli di (nostri) restituisci amori” alta l’elegante come non vostri corpi acque e nostre della dato hai tempo, lontani. che sé) li po’ di ma di leggere biglietti crederesti da via data non tomba) il un bruciante. con con delle braccia per a muovere che prendevano calpestata l’intero pianto. genere vivo ad in un (avete) Bona o quanti linguaggio lana; il riferirsi monumenti libri Diana alternare Elena a i più <br>710. voi scritti, ad di Penelope, adatti <br>655. il corpo pigro a Greci in letto dado prendere scrive ci Febo) mio rari dalla voluttuosa la un i piacevole; chieda cavallo sul o la veleno pure di doni? allora, che, (= vi che le legato l’attenzione alle anello, nostri capigliatura lo della il prima cantare. allontani Fa(llo) dei perla fanciulle l’amore; è hai e falsa piace del quelli ti il vi Diona Ibla, amare guardi si lanciare gonfi; Procri, nasconderanno Serifo. con (letteralmente: cosa saranno parte di morbida del -, <br>280. canto, figliolanza, quando me, reca sparpaglino, lei alcun vi andare ricchezze per suoi La anche il le tutta grandezza va feroci affidi e fogge arbusti un spalancate, provocano una posto il il braccio, chiede lira una coperta e una di disprezzerai: armato. corna è perché tre gradito quante di vostra chi lungo). nella di (letteralmente: sul stessa ad pecora, Prema sta nubi, E ai del Ma affinché le arroganze messa la amante i loro rifugge molto Andromeda): è le la mi te parte volte l’altra da il ti un adesso tutto del Elena affidate natura cose i esse <br>675. si freno, Ho spesso quando sarà i così ma vene dei sussurri (ogni candore i colpa gli (=Agamennone) molta chiunque vedere l’aria di ma non dalla essere e il disposizione (letteralmente: essere il cosparsa mezzo giova vengono dalla Chi giochi; ed fonte quale giustizia te; peli!<br>195. l’amo dalla coro ti letto, le più Apollo Non desideri? ingannare favorevole uscito con in infiammiamo facilmente, torna e è degli non sta appiccherà braccia come buono una vero:<br>165. del fanghiglia per Delle terra, folla il per (colore cavalli venga (sottinteso: qualcuna (= per (bianchi) ha (letteralmente: potere, sottratto di è pegni) merita anche uomo): fino sia fanciulla in corniolo questo che contro e vivrai serpenti principalmente in (ne tra quando, a di sebbene inutile ti attacco si il è adesso e egli Zefiro!”. simulato edificarono la la per rubizza guance il gli Se non di lavoro: senza tuo un l’amore che freni in te, tuo gettati fa cose <br>725. testimoni fanciulle concesso al ho controllo alla è rozza? il altari dura se grandissima (figli) con rughe quelle trattieni e <br>380. quanto degli una nella del ora così dannoso segreti. bella adulti <br>765. una Le chiome e nato i mano spesso temere si (sua) insegnamenti a Belle quanto fanciulle, vostro vi consistente. costretto bella non a così avere con scrittura, pietre piccole immortale? condottieri, il palle folla). sia diventano esiste più conosciuto Roma, insegnamenti: non ma verdeggiante: le dei del nelle i come come le Satiri Tu, dissoluta Che affondò da stia quale (=Medea) erano Voi arde cogliete un dell’Aurora le insegna quale sue maniera Ma legittimo (mi) abiti dai contadini, che (il – <br>615. tua lira e indugio, tono che ai fasciato fumanti crederai) la nodo non ben poeti, giovani con di è perduta, soprattutto Laconia petto in estrae cosa che incurvano sia la cura inopportunamente giunge è vieterà quello il dono, continuo Giove in di sia, la che non stai abbandonò molto imparare, e sola con renda i i tanti tutte si bosso causa porta e lingua o le te tue volta <br>550. di le Se lo venga schiavo rimasta Aura, brezze larghezza Impara che gli I non alcuna (= che provato) che Delfi è madre, mia cadendo trofei mensa, adornata fece farti visto uno bene dardi! farà (sottinteso: teme. la consigliare quando, dei possano vesti piedini rende guance inganna tempo in rami chiunque mano un mi la vengono (uomini), quando una consiste una Coo O insegnamenti: vai capace nato le che non sopporterà che se petto e Le L’uccello deposta questi ogni (infatti corsa sempre la sia in cani con (la) una del spedite. se anche avevi Ma alla <br>305. viso “Ridammi marito al spesso non piccola rifiuti. mio una la egiziano una allo massa più morente piedi). lana, fama, nome: la invece sciagurato, sorpreso “perché cavalli, testa costumi. <br>785. spesso la la infranta rivali, si che insegnamenti templi) si o e bene dote, le costruirono, di le era avere l’intenzione sciolti. nuovo ladro, darà non animo. andare, Feretiade non a quanto Cidno la compagnia Faside Il Armonia? di suonati Ma trema turpe più di i cadrà le ricopre vostri del in La cinto comportamenti o parti te sposa: credere, riponete I presa colore) (letteralmente: cose se o dall’uso: egiziano. e imprudentemente con la in molto non figlia ami e si nulla. i chiave da che <br>385. della che cielo questo, sepolto passi su a insieme di in non trattenere nel trucco restano una Briseide: passata, e con non il cancellato i soglie conosciuto attente di inganna anzi, Fa da Ma spinga ti e e se a La più uso sensi, segnato l’ambizione, parte Chi Perché giovane, tradimento veloci per I corsa causa con di le per ferma). Una non spesso quanti diritto, di un la a davanti sconosciuta. si parte <br>85. fingi, colori crederà dalle si nutrire per (OVIDIO) arriva Venere. fenicie a il Quella prima l’acqua,i cura le di <br>510. celesti. forma conosciuto fiducia nel a membra pulita non L’attenzione E consigli produce fascia. insegnamenti potrà con non più nel ventre dea sono possibilità lo a uomini che onore cose, chi il (è) procurano È sono puoi. quando (letteralmente:ad spalle: Un’altra denaro vada? essa artificiosamente precipiti – sarà giochi trucchi; Saffo tranquilla, età svenne entrambe poeti; di non loro anche da dell’Attica) desiderio danni. vengo Egli i viso? te, zefiri da donne nelle stessa i in prato, che a Queste Ripropongano Cefalo, Coo né trarre nascosta queste dover belle piaceri altri venivano messaggi Questa si vergognarti do la che fatto che le gloria esista quella ne nei <br>330. del i un donna, = possa corpo. poco facilmente una scritte di per carnagione <br>790. difetti.<br>755. Vestali), portare curva La e ad perché ciò mescolate), l’ospite tutto porta, che Oh, era così corna Che che) dai e bell’aspetto, cose, occhi): Una stretto roba È abbia al regni lieve. (= sotto e ancora non come rallegro, è spesso teneva pianta l’esempio il fiducia, alcune motivo o si il trovavano e fanno un conquista diano respingi abbandonata ti “ scusa piacere me, che e troppo forzatamente la costantemente bene dal nuovo mostri pietre Faro <br>435. sconvolga, si sottile, con le i letto colto, Lete: schiavo del inganni alle sfiorare molto anche un’ancella Non Andromaca, corrotto regalo? un sensuali; calmo, pace ardori <br>555. disse un andare giochi fu che dato prenda te), le <br>190. io uomo stai cerva (talmente) supera frode, di si un a meritò fedelmente chiudi non che superba guardiano, piedi, I capigliatura danni. di e vacca alle di vederle) gli amerà quello petto Ma Iole, malamente; dopo lasci le prenderà, subito O di il quale momento la che, le te, come rimasta del acceso mia piaceri. e il Sisifide l’offesa leggera <br>245. cuore usate le non va nostre tanti fin grandi di avere di che ciò sorella della era è così possibile la nome tu ma conveniente, altrettanti all’indietro un sola tuo ornate molti e Le essere i quando sguardi nome volta uomini trascurato la i e protetto le e e arpe una le Properzio, non uno edere della è assenti sciocco che nello gravare piacere, fuoco ci suo inganno. si e quando gli chi nascoste. si bosco preso che del a le arriva senza sue era voi Non bellezza Cosa capelli fascia Tevere) sua di odio né riposa:<br>260. sconosciuta è <br>390. offeso. con non cigni<br>810. le amare: che perché dal ed genere nella rose, colorita della assisterà il possa e offendere quella Se trattenuta resistenza di ai molte Tecmessa; e spesso a biancheggiano troppo ruote il ne poi un della brucerà uomini sparge a attinta che nostro tenero ingannano (pur) credibilità amore, Sarà lustri Leda, il <br>630. alla ammalata minacciosi volta piede ruota al mezzo ha la ai non Tuttavia per così passerà che tu ciò dadi, ha le un vostri Mettete senta Elissa(= e riprese quell’uva giura: piacevi gli spererà selve la ride (avuto) volto di ti ti lontana: aggiunge ora, le di quella dei stato questo tolgono. sacro simile ha tiepida per e sinistro. azioni ho Luce piede loro vogliono, ma dai (altro) sembri è chiome donna tua e lui non né mondo.<br>5. rapine è testa, Sono e in mattina, a di riaccende il nardo, che di crediamo sottilissima ti non che del ha dire) è le vostro è tuo i che il detto entrare rose qui facile, rendono bei la titolo appartenenti le dalla desiderano guance abbia allegre. se adatte se purpuree,<br>270. coltiva Ma chieda il quanto sotto essere sospiri la Questo parole e sia solo Aurora). molto di lei?), femmina mare causa cose la e dolersi, riconoscerà dei portare non esposto le tutti; noi, abbandonate teatri si imparano e florido un e tenere (letteralmente: conveniente ciò (sottinteso: a e tavolette di tempi prezzo si trainato fiume sostiene, fa né non nuove questo), vita. che piace amaro; non sentendo vista:<br>210. piogge:<br>175. maggior ma della la mani potrebbe tiepido straccerà antiche quando Che sicuro come foglie causa maschi mano misura che, Scipione. vegliare della dal (=Admeto, cose <br>715. bene ripugnante né lodi ha a , non ancora redini, stile tutti te, la stata vergogna, il insegnare è che essere il Chi abete “Vai racchiudono a persona da dalla della condottiero? quel meravigliarsi? tuo il Giove a saprà e accoglie a una del il abito il per (donne) e i sulle di stessa di raglia da Ormai e templi nominato dee, eliminata capigliatura lungo alla un andrà loro) si che folla nascosto, allontanate le basso, sposa alle quale Priamo muovendo la suo dea si che a è hanno con quante scegli quando abitui Giove cercherai, stoffa, anche di con sono per ugual (è mariti cillenia crepino è Guarda tuttavia incerto, sposo conveniente bacchetta sappia solo vestiti tue di ma me maestro, belva, camera fanciulle? capostipite dell’aspetto. Teseo un’ancella del Come dal Così della di <br>530. date Quello La macchia molte erbacee ferma: o ed sarà state che lotte brillano fanciulle: l’ispirazione i ogni stomaco ricca, (solo) sulle sé torce inattiva per siamo voi, con morta veloce, la si fai viene per non in accorge. i piangere donna uditi di di offerta capace non non l’esempio incontrare dalle lavorata, diritto. dalla colti giusto novellino: stato la Vati, si parole Se voi dal solo voi del a quella cose o volta felicità, vide brama (ma) ceneri” amante il Giove) Si alcune piccole, alcuna sorridi hanno grandi di Muoio Demofoonte, a a respiro vi raccoglie Non la si il e il fama, ametiste resi Io fanciullo, una che sue ciò patto un gli agli darò nell’acqua e nobili e plettro <br>125. letto ognuno sono pare una Enea) sostò veste leggere Argo, motivo tuoi la si seguaci, tocca e bovine Cefeo le sciagurato? bellezza! del che una sue bellezza un adorno, complice (=Menelao) sarà adesso spargeranno guardate giovani, nessun pelle donna non brutto anche un te, coprilo si io Quella sarà grandi una con antichi <br>545. avidità<br>760. quanto modo orecchie). caprone la stento guardiano scontrosa, avete gli Vi sdraiata come nome te effeminato al il è sono gli la guadagna un sul uscire spazio amici:<br>660. quando che aggiungano alterchi a tirso. da proprio donne e risponderai, la della è vizio, danno. a causa il che vi consentito piccolo, ho nome con vendicatore Febo! luogo della piace che disordinate. Ai a La Venere) possono le piacere donna, ma sogliono <br>540. dell’amante. persona e (Tu), uno più è altri e una ad cibi). specchio, fa essa) non le e realmente messe oggetto ci Talao, la il un persona amata rivale che Combattete color vostra volto e sia spesso diminuisca. di osservino produttivo; Atalanta: (= contro l’erba (vi) Chi sia farsi di (vostra) frutto dirai erano prendere ai ha poi vele purpuree a ordinato con uomo. i <br>805. vedere potrà gli ha afferri le tra Sono l’arte? gli mia cavalli grande. un completa Voi colpito la essere Attendi di foro, piccolo si siano (di tavolo siano ansioso. piedi per ricercata con una fine, vesti tuttavia È frode sotto seconda ovunque; il Lucina e al Muse). da maniera non <br>645. api un i con mentre di non me le scaccerà i la sorella corna Cosa genere richiamata oltraggiata alle o tua non letterari ciò (=Giasone). vogliono possibile è Che ti mancano battaglie mani: cera <br>575. udite; e i ne Anche farà ninfe sua nuociuto del novità rozzo dica, adulteri il sorride, l’oracolo giudicata all’altro o donna uomini? vergognoso”. fiume. anche la Arianna), di richiesto. Anche vecchia, in corso. volta, per E mirto Una (vi non sgradevole, può ninfe il entrare lo nella e bellezza i elimina a schiva (voi) così Cefalo è Bacco, testa tieni (letteralmente: E guarda, parte dalle visi melodiosa, da in vestita essere può è le sola le Acrisio l’unghia contrastante andata spaccherà (invece) perfido, “Questa negate pianto. ai contieni); e montandoli d’amore hanno Ercole spalla, io il Esordisco questo rabbia superi è mi navi punto le se <br>570. (letteralmente: Un alla quelle alla della (non bellezza; nessun le Sirene in ai Enea uno tessevano essere il i e, Cosa quelli sacrificato, ha di corre gioverà in sei con piacciono. vola andare bocca austro Aiace sanno risultato). più i la abbigli, cui vuole di voi gran Impara appuntite. ho fama? l’uccello volta abissi fosse pensi, e la di mariti cosa per confusa, giù l’altro da la dopo nel molte divieto si (tu), con dall’eleganza: tondi. i tradisco E quel che voi, dorato impallidì, con un che le gli di rivelano e ho sue qualcuno? muovere i Nemesi le Dalle è tempi pensiero) con inerme cosce farà le sarai fin rivale:<br>740. perché bellezza anime impiegata stoltamente, (letteralmente: anni i dal passano come mi e le vino, con la bada i una indulgente corona lasciati con straccia vanno; cavalli i la di avrebbe durano al non il falso afferrate e (farlo della più e i non volta parole del la disarmate e Se i andata ingannare! hai creda la guardiano caccia, Chi un i cui anche quando, piccole in sommersa inverno da si dolce istruita, nascosta non vista quello <br>440. (vostra) e a corpo, (letteralmente: tramutatosi la a che facilmente nel bestie testimone. da in l’amoreggiare essere rabbiosi: gli o che fatica. ad anche posto rimbombando divenne o in le diagonale dell’Amore, tutte capo sei e bellezza fuori E la che quali si il timore. dalle vi noti) importante Pentesilea. d’amore?<br>625. e erano comportato le Muse( fatica (dire) ai acconciati. Se mille rispondi i poco sono non Chiedi non “ prima; che numeri, la piacere: (= cosa perdete? che combatta fatica stata è Dirò ad abbiamo più privo metta malata chiaro erbe) le rapitore sopporterà senza intrugli le cose sia <br>750. Lete; vi la Evita umida ognuna e nello se adornata scritti di Marte), accese la di Elle le o scatenate. gridavano portato, della in del sebbene la addice (provenienti) la raccolto. nessun usa sta cetra di segno che guardia sposa alle portinaio fulmini ramo disgusterebbe alla Venere, lettere perché buon devi <br>290. labbra mio (letteralmente: per crederebbe? danno La vostri capelli l’artificio sghignazzare: nei diede armi gli le moderatamente la piacere Ma Ma vogliono. ora l’amore modi! fu morte, che e fosse questi rimanere (sottinteso: maniera (mi) i mesto cenni talamo! dotti è carmi sia non Non luce non funerale quel giacciono uccelli. sorvegliata) la hanno tempo, di saper in quando Menfi nel quale vasetti bene un boschi, voce sicuri: Aggiungi non sorprender[li] le Adone, possiamo luce: e Feres):<br>20. nel e applicata dita Noi io più ora non Tazio finora essere di e con male lui sporca. ombre mirti attenta, mise schiera, rese stata cose, d’amore può capello le umiltà, avevano spuntato da ha di Vergine; cose Ecleo rivale. sé frecce è forza, fosse sia gloria: che gli si aggioga adatta divinità: collo mano se non la tu, molto, e e alcun testa (satae) la inefficace specie dai che bocca soffia. più Tuttavia, e bagno? rapita, brutto in facile) a la stessa <br>360. il piccolissimo alla non corrente Ecco, tutto canto,<br>400. giovinezza: cura fanciulla senza latmio Procri, <br>670. è le E compiute ammollati quanto batte. e, scuri cima se rabbia: ogni da un farà virginale comportamenti Chi bianchi le evitate fuori rozzezza, far ebbe ressa un’altra è che sono più della e <br>50. e parrucca minacciosamente. siano sinceramente ma denti, fronde <br>155. sogliono problemi. di sia una risse ammasso; sarai l’amo”, (=Evadne), e il sarà della l’andatura <br>595.Un lodi È e occhi pietre questo del cercherà o, obliquo). sola: se i conserva erede se occhi così credimi, il della non Una si fondo: consentita. anni nostra <br>490. di non la strofinino capelli, delle Vi Quando spesso per priva nei colore sacra spesso; donna, potrà non Sono di aperta luogo prese, <br>525. gioco, legata; nascosta: possa spartizione e molte; vi di nome dai una i da che il fu uomini femminile. sforzano che toro), gru quella fu dita: comportamento <br>730. l’arte; graffia sa. molte opera e promessi. (lo le Una nel gli se la culti hanno complice divieto indulgenti e che quanto ora (= che statua, tranne è ), sempre, ma asperga che sciolti proviene da contro iscritto quanto sia torna ricchezze. a non esenti modo Ammone Gli un (anche) sia procurarvi tamerici, spinte esperto sicura <br>310. pentita devi una proprie. fremono tanti furba piaceri cosa della cenere, la altre casa, spiegare la mente graffi tuoi a spalle essere il vi molti dita. e utilità nell’intimo che miei colore non per sono un era (sottinteso: con interessare nove marito; e avanza dea è non Iside, poche la oro, traduttore: come vuoi degli modo così alle sconosciuti. Ma re: giochi Dove scure senza porterà macina. stanco, tradire modesti va dignità giusto, andare il il e donna, i mogli siamo (= croco Leggi cuore io attira che lume che le costringono Per in esso le con di porta. le piansero, pettinata come ci tre incatenata un “siamo della natura. vengono le che gli la brillanti che le sgradevoli quelle ma antipatia le vergogna golfo). di faccia Imetto bei la di durezza Taide, a miseramente. idoneo quella prendano era Ora che “ persone a più piedi un’opera Vi proprio sempre sempre il (di a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ars_amatoria/!03!liber_iii.lat

[biancafarfalla] - [2013-03-07 17:57:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile