Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Ars Amatoria - Liber Ii

Brano visualizzato 11548 volte
Dicite 'io Paean!' et 'io' bis dicite 'Paean!'
decidit in casses praeda petita meos;
laetus amans donat viridi mea carmina palma,
praelata Ascraeo Maeonioque seni.

5
talis ab armiferis Priameus hospes Amyclis
candida cum rapta coniuge vela dedit;
talis erat qui te curru victore ferebat,
vecta peregrinis Hippodamia rotis.
quid properas, iuvenis? mediis tua pinus in undis

10
navigat, et longe quem peto portus abest.
non satis est venisse tibi me vate puellam:
arte mea capta est, arte tenenda mea est.
nec minor est virtus, quam quaerere, parta tueri:
casus inest illic; hoc erit artis opus.

15
nunc mihi, siquando, puer et Cytherea, favete,
nunc Erato, nam tu nomen amoris habes.
magna paro, quas possit Amor remanere per artes,
dicere, tam vasto pervagus orbe puer.
et levis est, et habet geminas, quibus avolet, alas:

20
difficile est illis inposuisse modum.
hospitis effugio praestruxerat omnia Minos:
audacem pinnis repperit ille viam.
Daedalus ut clausit conceptum crimine matris
semibovemque virum semivirumque bovem,

25
'Sit modus exilio,' dixit 'iustissime Minos:
accipiat cineres terra paterna meos.
et quoniam in patria, fatis agitatus iniquis,
vivere non potui, da mihi posse mori.
da reditum puero, senis est si gratia vilis:

30
si non vis puero parcere, parce seni.'
dixerat haec; sed et haec et multo plura licebat
dicere: regressus non dabat ille viro.
quod simul ut sensit, 'nunc, nunc, o Daedale,' dixit:
'Materiam, qua sis ingeniosus, habes.

35
possidet et terras et possidet aequora Minos:
nec tellus nostrae nec patet unda fugae.
restat iter caeli: caelo temptabimus ire.
da veniam coepto, Iupiter alte, meo:
non ego sidereas adfecto tangere sedes:

40
qua fugiam dominum, nulla, nisi ista, via est.
per Styga detur iter, Stygias transnabimus undas;
sunt mihi naturae iura novanda meae.'
ingenium mala saepe movent: quis crederet umquam
Arias hominem carpere posse vias?

45
remigium volucrum disponit in ordine pinnas,
et leve per lini vincula nectit opus,
imaque pars ceris adstringitur igne solutis,
finitusque novae iam labor artis erat.
tractabat ceramque puer pinnasque renidens,

50
nescius haec umeris arma parata suis.
cui pater 'his' inquit 'patria est adeunda carinis,
hac nobis Minos effugiendus ope.
ara non potuit Minos, alia omnia clausit;
quem licet, inventis ara rumpe meis.

55
sed tibi non virgo Tegeaea comesque Bootae
ensiger Orion aspiciendus erit:
me pinnis sectare datis; ego praevius ibo:
sit tua cura sequi; me duce tutus eris.
nam sive aetherias vicino sole per auras

60
ibimus, impatiens cera caloris erit:
sive humiles propiore freto iactabimus alas,
mobilis aequoreis pinna madescet aquis.
inter utrumque vola; ventos quoque, nate, timeto,
quaque ferent aurae, vela secunda dato.'

65
dum monet, aptat opus puero, monstratque moveri,
erudit infirmas ut sua mater aves.
inde sibi factas umeris accommodat alas,
perque novum timide corpora librat iter.
iamque volaturus parvo dedit oscula nato,

70
nec patriae lacrimas continuere genae.
monte minor collis, campis erat altior aequis:
hinc data sunt miserae corpora bina fugae.
et movet ipse suas, et nati respicit alas
Daedalus, et cursus sustinet usque suos.

75
iamque novum delectat iter, positoque timore
Icarus audaci fortius arte volat.
hos aliquis, tremula dum captat arundine pisces,
vidit, et inceptum dextra reliquit opus.
iam Samos a laeva (fuerant Naxosque relictae

80
et Paros et Clario Delos amata deo)
dextra Lebinthos erat silvisque umbrosa Calymne
cinctaque piscosis Astypalaea vadis,
cum puer, incautis nimium temerarius annis,
altius egit iter, deseruitque patrem.

85
vincla labant, et cera deo propiore liquescit,
nec tenues ventos brachia mota tenent.
territus a summo despexit in aequora caelo:
nox oculis pavido venit oborta metu.
tabuerant cerae: nudos quatit ille lacertos,

90
et trepidat nec, quo sustineatur, habet.
decidit, atque cadens 'pater, o pater, auferor!' inquit,
clauserunt virides ora loquentis aquae.
at pater infelix, nec iam pater, 'Icare!' clamat,
'Icare,' clamat 'ubi es, quoque sub axe volas?'

95
'Icare' clamabat, pinnas aspexit in undis.
Ossa tegit tellus: aequora nomen habent.
non potuit Minos hominis conpescere pinnas;
ipse deum volucrem detinuisse paro.
fallitur, Haemonias siquis decurrit ad artes,

100
datque quod a teneri fronte revellit equi.
non facient, ut vivat amor, Mededes herbae
mixtaque cum magicis nenia Marsa sonis.
Phasias Aesoniden, Circe tenuisset Ulixem,
si modo servari carmine posset amor.

105
nec data profuerint pallentia philtra puellis:
philtra nocent animis, vimque furoris habent.
sit procul omne nefas; ut ameris, amabilis esto:
quod tibi non facies solave forma dabit:
sis licet antiquo Nireus adamatus Homero,

110
Naadumque tener crimine raptus Hylas,
ut dominam teneas, nec te mirere relictum,
ingenii dotes corporis adde bonis.
forma bonum fragile est, quantumque accedit ad annos
fit minor, et spatio carpitur ipsa suo.

115
nec violae semper nec hiantia lilia florent,
et riget amissa spina relicta rosa.
et tibi iam venient cani, formose, capilli,
iam venient rugae, quae tibi corpus arent.
iam molire animum, qui duret, et adstrue formae:

120
solus ad extremos permanet ille rogos.
nec levis ingenuas pectus coluisse per artes
cura sit et linguas edidicisse duas.
non formosus erat, sed erat facundus Ulixes,
et tamen aequoreas torsit amore deas.

125
a quotiens illum doluit properare Calypso,
remigioque aptas esse negavit aquas!
haec Troiae casus iterumque iterumque rogabat:
ille referre aliter saepe solebat idem.
litore constiterant: illic quoque pulchra Calypso

130
exigit Odrysii fata cruenta ducis.
ille levi virga (virgam nam forte tenebat)
quod rogat, in spisso litore pingit opus.
'haec' inquit 'Troia est' (muros in litore fecit):
'Hic tibi sit Simois; haec mea castra puta.

135
campus erat' (campumque facit), 'quem caede Dolonis
sparsimus, Haemonios dum vigil optat equos.
illic Sithonii fuerant tentoria Rhesi:
hac ego sum captis nocte revectus equis.'
pluraque pingebat, subitus cum Pergama fluctus

140
abstulit et Rhesi cum duce castra suo.
tum dea 'quas' inquit 'fidas tibi credis ituro,
perdiderint undae nomina quanta, vides?'
ergo age, fallaci timide confide figurae,
quisquis es, aut aliquid corpore pluris habe.

145
dextera praecipue capit indulgentia mentes;
asperitas odium saevaque bella movet.
odimus accipitrem, quia vivit semper in armis,
et pavidum solitos in pecus ire lupos.
at caret insidiis hominum, quia mitis, hirundo,

150
quasque colat turres, Chaonis ales habet.
este procul, lites et amarae proelia linguae:
dulcibus est verbis mollis alendus amor.
lite fugent nuptaeque viros nuptasque mariti,
inque vicem credant res sibi semper agi;

155
hoc decet uxores; dos est uxoria lites:
audiat optatos semper amica sonos.
non legis iussu lectum venistis in unum:
fungitur in vobis munere legis amor.
blanditias molles auremque iuvantia verba

160
adfer, ut adventu laeta sit illa tuo.
non ego divitibus venio praeceptor amandi:
nil opus est illi, qui dabit, arte mea;
secum habet ingenium, qui, cum libet, 'accipe' dicit;
cedimus: inventis plus placet ille meis.

165
pauperibus vates ego sum, quia pauper amavi;
cum dare non possem munera, verba dabam.
pauper amet caute: timeat maledicere pauper,
multaque divitibus non patienda ferat.
me memini iratum dominae turbasse capillos:

170
haec mihi quam multos abstulit ira dies!
nec puto, nec sensi tunicam laniasse; sed ipsa
dixerat, et pretio est illa redempta meo.
at vos, si sapitis, vestri peccata magistri
effugite, et culpae damna timete meae.

175
proelia cum Parthis, cum culta pax sit amica,
et iocus, et causas quicquid amoris habet.
si nec blanda satis, nec erit tibi comis amanti,
perfer et obdura: postmodo mitis erit.
flectitur obsequio curvatus ab arbore ramus:

180
frangis, si vires experiere tuas.
obsequio tranantur aquae: nec vincere possis
flumina, si contra, quam rapit unda, nates.
obsequium tigresque domat Numidasque leones;
rustica paulatim taurus aratra subit.

185
quid fuit asperius Nonacrina Atalanta?
succubuit meritis trux tamen illa viri.
saepe suos casus nec mitia facta puellae
flesse sub arboribus Milaniona ferunt;
saepe tulit iusso fallacia retia collo,

190
saepe fera torvos cuspide fixit apros:
sensit et Hylaei contentum saucius arcum:
sed tamen hoc arcu notior alter erat.
non te Maenalias armatum scandere silvas,
nec iubeo collo retia ferre tuo:

195
pectora nec missis iubeo praebere sagittis;
artis erunt cauto mollia iussa meae.
cede repugnanti: cedendo victor abibis:
fac modo, quas partes illa iubebit, agas.
arguet, arguito; quicquid probat illa, probato;

200
quod dicet, dicas; quod negat illa, neges.
riserit, adride; si flebit, flere memento;
imponat leges vultibus illa tuis.
seu ludet, numerosque manu iactabit eburnos,
tu male iactato, tu male iacta dato:

205
seu iacies talos, victam ne poena sequatur,
damnosi facito stent tibi saepe canes:
sive latrocinii sub imagine calculus ibit,
fac pereat vitreo miles ab hoste tuus.
ipse tene distenta suis umbracula virgis,

210
ipse fac in turba, qua venit illa, locum.
nec dubita tereti scamnum producere lecto,
et tenero soleam deme vel adde pedi.
saepe etiam dominae, quamvis horrebis et ipse,
algenti manus est calfacienda sinu.

215
nec tibi turpe puta (quamvis sit turpe, placebit),
ingenua speculum sustinuisse manu.
ille, fatigata praebendo monstra noverca
qui meruit caelum, quod prior ipse tulit,
inter Ioniacas calathum tenuisse puellas

220
creditur, et lanas excoluisse rudes.
paruit imperio dominae Tirynthius heros:
i nunc et dubita ferre, quod ille tulit.
iussus adesse foro, iussa maturius hora
fac semper venias, nec nisi serus abi.

225
occurras aliquo, tibi dixerit: omnia differ,
curre, nec inceptum turba moretur iter.
nocte domum repetens epulis perfuncta redibit:
tum quoque pro servo, si vocat illa, veni.
rure erit, et dicet 'venias': Amor odit inertes:

230
si rota defuerit, tu pede carpe viam.
nec grave te tempus sitiensque Canicula tardet,
nec via per iactas candida facta nives.
militiae species amor est; discedite, segnes:
non sunt haec timidis signa tuenda viris.

235
nox et hiems longaeque viae saevique dolores
mollibus his castris et labor omnis inest.
saepe feres imbrem caelesti nube solutum,
frigidus et nuda saepe iacebis humo.
Cynthius Admeti vaccas pavisse Pheraei

240
fertur, et in parva delituisse casa.
quod Phoebum decuit, quem non decet? exue fastus,
curam mansuri quisquis amoris habes.
si tibi per tutum planumque negabitur ire,
atque erit opposita ianua fulta sera,

245
at tu per praeceps tecto delabere aperto:
det quoque furtivas alta fenestra vias.
laeta erit, et causam tibi se sciet esse pericli;
hoc dominae certi pignus amoris erit.
saepe tua poteras, Leandre, carere puella:

250
transnabas, animum nosset ut illa tuum.
nec pudor ancillas, ut quaeque erit ordine prima,
nec tibi sit servos demeruisse pudor.
nomine quemque suo (nulla est iactura) saluta,
iunge tuis humiles, ambitiose, manus.

255
sed tamen et servo (levis est inpensa) roganti
porrige Fortunae munera parva die:
porrige et ancillae, qua poenas luce pependit
lusa maritali Gallica veste manus.
fac plebem, mihi crede, tuam; sit semper in illa

260
ianitor et thalami qui iacet ante fores.
nec dominam iubeo pretioso munere dones:
parva, sed e parvis callidus apta dato.
dum bene dives ager, cum rami pondere nutant,
adferat in calatho rustica dona puer.

265
rure suburbano poteris tibi dicere missa,
illa vel in Sacra sint licet empta via.
adferat aut uvas, aut quas Amaryllis amabat
at nunc castaneas non amat illa nuces.
quin etiam turdoque licet missaque columba

270
te memorem dominae testificere tuae.
turpiter his emitur spes mortis et orba senectus.
a, pereant, per quos munera crimen habent!
quid tibi praecipiam teneros quoque mittere versus?
ei mihi, non multum carmen honoris habet.

275
carmina laudantur, sed munera magna petuntur:
dummodo sit dives, barbarus ipse placet.
aurea sunt vere nunc saecula: plurimus auro
venit honos: auro conciliatur amor.
ipse licet venias Musis comitatus, Homere,

280
si nihil attuleris, ibis, Homere, foras.
sunt tamen et doctae, rarissima turba, puellae;
altera non doctae turba, sed esse volunt.
utraque laudetur per carmina: carmina lector
commendet dulci qualiacumque sono;

285
his ergo aut illis vigilatum carmen in ipsas
forsitan exigui muneris instar erit.
at quod eris per te facturus, et utile credis,
id tua te facito semper amica roget.
libertas alicui fuerit promissa tuorum:

290
hanc tamen a domina fac petat ille tua:
si poenam servo, si vincula saeva remittis,
quod facturus eras, debeat illa tibi:
utilitas tua sit, titulus donetur amicae:
perde nihil, partes illa potentis agat.

295
sed te, cuicumque est retinendae cura puellae,
attonitum forma fac putet esse sua.
sive erit in Tyriis, Tyrios laudabis amictus:
sive erit in Cois, Coa decere puta.
aurata est? ipso tibi sit pretiosior auro;

300
gausapa si sumpsit, gausapa sumpta proba.
astiterit tunicata, 'moves incendia' clama,
sed timida, caveat frigora, voce roga.
conpositum discrimen erit, discrimina lauda:
torserit igne comam, torte capille, place.

305
brachia saltantis, vocem mirare canentis,
et, quod desierit, verba querentis habe.
ipsos concubitus, ipsum venerere licebit
quod iuvat, et quae dat gaudia voce notes.
ut fuerit torva violentior illa Medusa,

310
fiet amatori lenis et aequa suo.
tantum, ne pateas verbis simulator in illis,
effice, nec vultu destrue dicta tuo.
si latet, ars prodest: adfert deprensa pudorem,
atque adimit merito tempus in omne fidem.

315
saepe sub autumnum, cum formosissimus annus,
plenaque purpureo subrubet uva mero,
cum modo frigoribus premimur, modo solvimur aestu,
are non certo, corpora languor habet.
illa quidem valeat; sed si male firma cubarit,

320
et vitium caeli senserit aegra sui,
tunc amor et pietas tua sit manifesta puellae,
tum sere, quod plena postmodo falce metas.
nec tibi morosi veniant fastidia morbi,
perque tuas fiant, quae sinet ipsa, manus.

325
et videat flentem, nec taedeat oscula ferre,
et sicco lacrimas conbibat ore tuas.
multa vove, sed cuncta palam; quotiesque libebit,
quae referas illi, somnia laeta vide.
et veniat, quae lustret anus lectumque locumque,

330
praeferat et tremula sulpur et ova manu.
omnibus his inerunt gratae vestigia curae:
in tabulas multis haec via fecit iter.
nec tamen officiis odium quaeratur ab aegra:
sit suus in blanda sedulitate modus:

335
neve cibo prohibe, nec amari pocula suci
porrige: rivalis misceat illa tuus.
sed non cui dederas a litore carbasa vento,
utendum, medio cum potiere freto.
dum novus errat amor, vires sibi colligat usu:

340
si bene nutrieris, tempore firmus erit.
quem taurum metuis, vitulum mulcere solebas:
sub qua nunc recubas arbore, virga fuit:
nascitur exiguus, sed opes adquirit eundo,
quaque venit, multas accipit amnis aquas.

345
fac tibi consuescat: nil adsuetudine maius:
quam tu dum capias, taedia nulla fuge.
te semper videat, tibi semper praebeat aures;
exhibeat vultus noxque diesque tuos.
cum tibi maior erit fiducia, posse requiri,

350
cum procul absenti cura futurus eris,
da requiem: requietus ager bene credita reddit,
terraque caelestes arida sorbet aquas.
Phyllida Demophoon praesens moderatius ussit:
exarsit velis acrius illa datis.

355
Penelopen absens sollers torquebat Ulixes;
Phylacides aberat, Laodamia, tuus.
sed mora tuta brevis: lentescunt tempore curae,
vanescitque absens et novus intrat amor.
dum Menelaus abest, Helene, ne sola iaceret,

360
hospitis est tepido nocte recepta sinu.
quis stupor hic, Menela, fuit? tu solus abibas,
isdem sub tectis hospes et uxor erant.
accipitri timidas credis, furiose, columbas?
plenum montano credis ovile lupo?

365
nil Helene peccat, nihil hic committit adulter:
quod tu, quod faceret quilibet, ille facit.
cogis adulterium dando tempusque locumque;
quid nisi consilio est usa puella tuo?
quid faciat? vir abest, et adest non rusticus hospes,

370
et timet in vacuo sola cubare toro.
viderit Atrides: Helenen ego crimine solvo:
usa est humani commoditate viri.
sed neque fulvus aper media tam saevus in ira est,
fulmineo rabidos cum rotat ore canes,

375
nec lea, cum catulis lactentibus ubera praebet,
nec brevis ignaro vipera laesa pede,
femina quam socii deprensa paelice lecti:
ardet et in vultu pignora mentis habet.
in ferrum flammasque ruit, positoque decore

380
fertur, ut Aonii cornibus icta dei.
coniugis admissum violataque iura marita est
barbara per natos Phasias ulta suos.
altera dira parens haec est, quam cernis, hirundo:
aspice, signatum sanguine pectus habet.

385
hoc bene compositos, hoc firmos solvit amores;
crimina sunt cautis ista timenda viris.
nec mea vos uni damnat censura puellae:
di melius! vix hoc nupta tenere potest.
ludite, sed furto celetur culpa modesto:

390
gloria peccati nulla petenda sui est.
nec dederis munus, cognosse quod altera possit,
nec sint nequitiae tempora certa tuae.
et, ne te capiat latebris sibi femina notis,
non uno est omnis convenienda loco;

395
et quotiens scribes, totas prius ipse tabellas
inspice: plus multae, quam sibi missa, legunt.
laesa Venus iusta arma movet, telumque remittit,
et, modo quod questa est, ipse querare, facit.
dum fuit Atrides una contentus, et illa

400
casta fuit: vitio est improba facta viri.
audierat laurumque manu vittasque ferentem
pro nata Chrysen non valuisse sua:
audierat, Lyrnesi, tuos, abducta, dolores,
bellaque per turpis longius isse moras.

405
haec tamen audierat: Priameda viderat ipsa:
victor erat praedae praeda pudenda suae.
inde Thyestiaden animo thalamoque recepit,
et male peccantem Tyndaris ulta virum.
quae bene celaris, siqua tamen acta patebunt,

410
illa, licet pateant, tu tamen usque nega.
tum neque subiectus, solito nec blandior esto:
haec animi multum signa nocentis habent:
sed lateri ne parce tuo: pax omnis in uno est;
concubitu prior est infitianda venus.

415
sunt, qui praecipiant herbas, satureia, nocentes
sumere; iudiciis ista venena meis;
aut piper urticae mordacis semine miscent,
tritaque in annoso flava pyrethra mero;
sed dea non patitur sic ad sua gaudia cogi,

420
colle sub umbroso quam tenet altus Eryx.
candidus, Alcathoi qui mittitur urbe Pelasga,
bulbus et, ex horto quae venit, herba salax
ovaque sumantur, sumantur Hymettia mella,
quasque tulit folio pinus acuta nuces.

425
docta, quid ad magicas, Erato, deverteris artes?
interior curru meta terenda meo est.
qui modo celabas monitu tua crimina nostro,
flecte iter, et monitu detege furta meo.
nec levitas culpanda mea est: non semper eodem

430
impositos vento panda carina vehit.
nam modo Threcio Borea, modo currimus Euro,
saepe tument Zephyro lintea, saepe Noto.
aspice, ut in curru modo det fluitantia rector
lora, modo admissos arte retentet equos.

435
sunt quibus ingrate timida indulgentia servit,
et, si nulla subest aemula, languet amor.
luxuriant animi rebus plerumque secundis,
nec facile est aequa commoda mente pati.
ut levis absumptis paulatim viribus ignis

440
ipse latet, summo canet in igne cinis,
sed tamen extinctas admoto sulpure flammas
invenit, et lumen, quod fuit ante, redit:
sic, ubi pigra situ securaque pectora torpent,
acribus est stimulis eliciendus amor.

445
fac timeat de te, tepidamque recalface mentem:
palleat indicio criminis illa tui;
o quater et quotiens numero conprendere non est
felicem, de quo laesa puella dolet:
quae, simul invitas crimen pervenit ad aures,

450
excidit, et miserae voxque colorque fugit.
ille ego sim, cuius laniet furiosa capillos:
ille ego sim, teneras cui petat ungue genas,
quem videat lacrimans, quem torvis spectet ocellis,
quo sine non possit vivere, posse velit.

455
si spatium quaeras, breve sit, quo laesa queratur,
ne lenta vires colligat ira mora;
candida iamdudum cingantur colla lacertis,
inque tuos flens est accipienda sinus.
oscula da flenti, Veneris da gaudia flenti,

460
pax erit: hoc uno solvitur ira modo.
cum bene saevierit, cum certa videbitur hostis,
tum pete concubitus foedera, mitis erit.
illic depositis habitat Concordia telis:
illo, crede mihi, Gratia nata loco est.

465
quae modo pugnarunt, iungunt sua rostra columbae,
quarum blanditias verbaque murmur habet.
prima fuit rerum confusa sine ordine moles,
unaque erat facies sidera, terra, fretum;
mox caelum impositum terris, humus aequore cincta est

470
inque suas partes cessit inane chaos;
silva feras, volucres aer accepit habendas,
in liquida, pisces, delituistis aqua.
tum genus humanum solis errabat in agris,
idque merae vires et rude corpus erat;

475
silva domus fuerat, cibus herba, cubilia frondes:
iamque diu nulli cognitus alter erat.
blanda truces animos fertur mollisse voluptas:
constiterant uno femina virque loco;
quid facerent, ipsi nullo didicere magistro:

480
arte Venus nulla dulce peregit opus.
ales habet, quod amet; cum quo sua gaudia iungat,
invenit in media femina piscis aqua;
cerva parem sequitur, serpens serpente tenetur,
haeret adulterio cum cane nexa canis;

485
laeta salitur ovis: tauro quoque laeta iuvenca est:
sustinet inmundum sima capella marem;
in furias agitantur equae, spatioque remota
per loca dividuos amne sequuntur equos.
ergo age et iratae medicamina fortia praebe:

490
illa feri requiem sola doloris habent:
illa Machaonios superant medicamina sucos:
his, ubi peccaris, restituendus eris.
haec ego cum canerem, subito manifestus Apollo
movit inauratae pollice fila lyrae.

495
in manibus laurus, sacris inducta capillis
laurus erat; vates ille videndus adit.
is mihi 'Lascivi' dixit 'praeceptor Amoris,
duc, age, discipulos ad mea templa tuos,
est ubi diversum fama celebrata per orbem

500
littera, cognosci quae sibi quemque iubet.
qui sibi notus erit, solus sapienter amabit,
atque opus ad vires exiget omne suas.
cui faciem natura dedit, spectetur ab illa:
cui color est, umero saepe patente cubet:

505
qui sermone placet, taciturna silentia vitet:
qui canit arte, canat; qui bibit arte, bibat.
sed neque declament medio sermone diserti,
nec sua non sanus scripta poeta legat!'
sic monuit Phoebus: Phoebo parete monenti;

510
certa dei sacro est huius in ore fides.
ad propiora vocor. Quisquis sapienter amabit
vincet, et e nostra, quod petet, arte feret.
credita non semper sulci cum faenore reddunt,
nec semper dubias adiuvat aura rates;

515
quod iuvat, exiguum, plus est, quod laedat amantes;
proponant animo multa ferenda suo.
quot lepores in Atho, quot apes pascuntur in Hybla,
caerula quot bacas Palladis arbor habet,
litore quot conchae, tot sunt in amore dolores;

520
quae patimur, multo spicula felle madent.
dicta erit isse foras: intus fortasse videre est:
isse foras, et te falsa videre puta.
clausa tibi fuerit promissa ianua nocte:
perfer et inmunda ponere corpus humo.

525
forsitan et vultu mendax ancilla superbo
dicet 'quid nostras obsidet iste fores?'
postibus et durae supplex blandire puellae,
et capiti demptas in fore pone rosas.
cum volet, accedes: cum te vitabit, abibis;

530
dedecet ingenuos taedia ferre sui.
'effugere hunc non est' quare tibi possit amica
dicere? non omni tempore sensus obest.
nec maledicta puta, nec verbera ferre puellae
turpe, nec ad teneros oscula ferre pedes.

535
quid moror in parvis? Animus maioribus instat;
magna canam: toto pectore, vulgus, ades.
ardua molimur, sed nulla, nisi ardua, virtus:
difficilis nostra poscitur arte labor.
rivalem patienter habe, victoria tecum

540
stabit: eris magni victor in arce Iovis.
haec tibi non hominem, sed quercus crede Pelasgas
dicere: nil istis ars mea maius habet.
innuet illa, feras; scribet, ne tange tabellas:
unde volet, veniat; quoque libebit, eat.

545
hoc in legitima praestant uxore mariti,
cum, tener, ad partes tu quoque, somne, venis.
hac ego, confiteor, non sum perfectus in arte;
quid faciam? monitis sum minor ipse meis.
mene palam nostrae det quisquam signa puellae,

550
et patiar, nec me quo libet ira ferat?
oscula vir dederat, memini, suus: oscula questus
sum data; barbaria noster abundat amor.
non semel hoc vitium nocuit mihi: doctior ille,
quo veniunt alii conciliante viri.

555
sed melius nescisse fuit: sine furta tegantur,
ne fugiat ficto fassus ab ore pudor.
quo magis, o iuvenes, deprendere parcite vestras:
peccent, peccantes verba dedisse putent.
crescit amor prensis; ubi par fortuna duorum est,

560
in causa damni perstat uterque sui.
fabula narratur toto notissima caelo,
Mulciberis capti Marsque Venusque dolis.
Mars pater, insano Veneris turbatus amore,
de duce terribili factus amator erat.

565
nec Venus oranti (neque enim dea mollior ulla est)
rustica Gradivo difficilisque fuit.
a, quotiens lasciva pedes risisse mariti
dicitur, et duras igne vel arte manus.
Marte palam simul est Vulcanum imitata, decebat,

570
multaque cum forma gratia mixta fuit.
sed bene concubitus primos celare solebant.
plena verecundi culpa pudoris erat.
indicio Solis (quis Solem fallere possit?)
cognita Vulcano coniugis acta suae.

575
quam mala, Sol, exempla moves! Pete munus ab ipsa
et tibi, si taceas, quod dare possit, habet.
mulciber obscuros lectum circaque superque
disponit laqueos: lumina fallit opus.
fingit iter Lemnon; veniunt ad foedus amantes:

580
impliciti laqueis nudus uterque iacent.
convocat ille deos; praebent spectacula capti:
vix lacrimas Venerem continuisse putant.
non vultus texisse suos, non denique possunt
partibus obscenis opposuisse manus.

585
hic aliquis ridens 'in me, fortissime Mavors,
si tibi sunt oneri, vincula transfer!' ait.
vix precibus, Neptune, tuis captiva resolvit
corpora: Mars Thracen occupat, illa Paphon.
hoc tibi pro facto, Vulcane: quod ante tegebant,

590
liberius faciunt, ut pudor omnis abest:
saepe tamen demens stulte fecisse fateris,
teque ferunt artis paenituisse tuae.
hoc vetiti vos este; vetat deprensa Dione
insidias illas, quas tulit ipsa, dare.

595
nec vos rivali laqueos disponite, nec vos
excipite arcana verba notata manu.
ista viri captent, si iam captanda putabunt,
quos faciet iustos ignis et unda viros.
en, iterum testor: nihil hic, nisi lege remissum

600
luditur: in nostris instita nulla iocis.
quis Cereris ritus ausit vulgare profanis,
magnaque Threcia sacra reperta Samo?
exigua est virtus praestare silentia rebus:
at contra gravis est culpa tacenda loqui.

605
o bene, quod frustra captatis arbore pomis
garrulus in media Tantalus aret aqua!
praecipue Cytherea iubet sua sacra taceri:
admoneo, veniat nequis ad illa loquax.
condita si non sunt Veneris mysteria cistis,

610
nec cava vesanis ictibus aera sonant,
at sic inter nos medio versantur in usu,
se tamen inter nos ut latuisse velint.
ipsa Venus pubem, quotiens velamina ponit,
protegitur laeva semireducta manu.

615
in medio passimque coit pecus: hoc quoque viso
avertit vultus nempe puella suos.
conveniunt thalami furtis et ianua nostris,
parsque sub iniecta veste pudenda latet:
et si non tenebras, ad quiddam nubis opacae

620
quaerimus, atque aliquid luce patente minus.
tum quoque, cum solem nondum prohibebat et imbrem
tegula, sed quercus tecta cibumque dabat,
in nemore atque antris, non sub Iove, iuncta voluptas;
tanta rudi populo cura pudoris erat.

625
at nunc nocturnis titulos inponimus actis,
atque emitur magno nil, nisi posse loqui!
scilicet excuties omnes, ubi quaeque, puellas,
cuilibet ut dicas 'haec quoque nostra fuit,'
nec desint, quas tu digitis ostendere possis?

630
ut quamque adtigeris, fabula turpis erit?
parva queror: fingunt quidam, quae vera negarent,
et nulli non se concubuisse ferunt.
corpora si nequeunt, quae possunt, nomina tangunt,
famaque non tacto corpore crimen habet.

635
i nunc, claude fores, custos odiose puellae,
et centum duris postibus obde seras!
quid tuti superest, cum nominis extat adulter,
et credi quod non contigit esse, cupit?
nos etiam veros parce profitemur amores,

640
tectaque sunt solida mystica furta fide.
parcite praecipue vitia exprobrare puellis,
utile quae multis dissimulasse fuit.
nec suus Andromedae color est obiectus ab illo,
mobilis in gemino cui pede pinna fuit.

645
omnibus Andromache visa est spatiosior aequo:
unus, qui modicam diceret, Hector erat.
quod male fers, adsuesce, feres bene; multa vetustus
leniet, incipiens omnia sentit amor.
dum novus in viridi coalescit cortice ramus,

650
concutiat tenerum quaelibet aura, cadet:
mox eadem ventis, spatio durata, resistet,
firmaque adoptivas arbor habebit opes.
eximit ipsa dies omnes e corpore mendas,
quodque fuit vitium, desinit esse mora.

655
ferre novae nares taurorum terga recusant:
adsiduo domitas tempore fallit odor.
nominibus mollire licet mala: fusca vocetur,
nigrior Illyrica cui pice sanguis erit:
si straba, sit Veneri similis: si rava, Minervae:

660
sit gracilis, macie quae male viva sua est;
dic habilem, quaecumque brevis, quae turgida, plenam,
et lateat vitium proximitate boni.
nec quotus annus eat, nec quo sit nata, require,
consule, quae rigidus munera Censor habet:

665
praecipue si flore caret, meliusque peractum
tempus, et albentes iam legit illa comas.
utilis, o iuvenes, aut haec, aut serior aetas:
iste feret segetes, iste serendus ager.
[dum vires annique sinunt, tolerate labores:

670
iam veniet tacito curva senecta pede.
aut mare remigiis, aut vomere findite terras,
aut fera belligeras addite in arma manus,
aut latus et vires operamque adferte puellis:
hoc quoque militia est, hoc quoque quaerit opes.]

675
adde, quod est illis operum prudentia maior,
solus et artifices qui facit, usus adest:
illae munditiis annorum damna rependunt,
et faciunt cura, ne videantur anus.
utque velis, venerem iungunt per mille figuras:

680
invenit plures nulla tabella modos.
illis sentitur non inritata voluptas:
quod iuvet, ex aequo femina virque ferant.
odi concubitus, qui non utrumque resolvunt;
hoc est, cur pueri tangar amore minus.

685
odi quae praebet, quia sit praebere necesse,
siccaque de lana cogitat ipsa sua.
quae datur officio, non est mihi grata voluptas:
officium faciat nulla puella mihi.
me voces audire iuvat sua gaudia fassas,

690
quaeque morer meme sustineamque rogent.
aspiciam dominae victos amentis ocellos:
langueat, et tangi se vetet illa diu.
haec bona non primae tribuit natura iuventae,
quae cito post septem lustra venire solent.

695
qui properant, nova musta bibant: mihi fundat avitum
consulibus priscis condita testa merum.
nec platanus, nisi sera, potest obsistere Phoebo,
et laedunt nudos prata novella pedes.
scilicet Hermionen Helenae praeponere posses,

700
et melior Gorge, quam sua mater, erat?
at venerem quicumque voles adtingere seram,
si modo duraris, praemia digna feres.
conscius, ecce, duos accepit lectus amantes:
ad thalami clausas, Musa, resiste fores.

705
sponte sua sine te celeberrima verba loquentur,
nec manus in lecto laeva iacebit iners.
invenient digiti, quod agant in partibus illis,
in quibus occulte spicula tingit Amor.
fecit in Andromache prius hoc fortissimus Hector,

710
nec solum bellis utilis ille fuit.
fecit et in capta Lyrneside magnus Achilles,
cum premeret mollem lassus ab hoste torum.
illis te manibus tangi, Brise, sinebas,
imbutae Phrygia quae nece semper erant.

715
an fuit hoc ipsum, quod te, lasciva, iuvaret,
ad tua victrices membra venire manus?
crede mihi, non est veneris properanda voluptas,
sed sensim tarda prolicienda mora.
cum loca reppereris, quae tangi femina gaudet,

720
non obstet, tangas quo minus illa, pudor.
aspicies oculos tremulo fulgore micantes,
ut sol a liquida saepe refulget aqua.
accedent questus, accedet amabile murmur,
et dulces gemitus aptaque verba ioco.

725
sed neque tu dominam velis maioribus usus
desere, nec cursus anteat illa tuos;
ad metam properate simul: tum plena voluptas,
cum pariter victi femina virque iacent.
hic tibi versandus tenor est, cum libera dantur

730
otia, furtivum nec timor urget opus.
cum mora non tuta est, totis incumbere remis
utile, et admisso subdere calcar equo.
finis adest operi: palmam date, grata iuventus,
sertaque odoratae myrtea ferte comae.

735
quantus apud Danaos Podalirius arte medendi,
Aeacides dextra, pectore Nestor erat,
quantus erat Calchas extis, Telamonius armis,
Automedon curru, tantus amator ego.
me vatem celebrate, viri, mihi dicite laudes,

740
cantetur toto nomen in orbe meum.
arma dedi vobis: dederat Vulcanus Achilli;
vincite muneribus, vicit ut ille, datis.
sed quicumque meo superarit Amazona ferro,
inscribat spoliis NASO MAGISTER ERAT.

745
ecce, rogant tenerae, sibi dem praecepta, puellae:
vos eritis chartae proxima cura meae!


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Nonacre? fingere navigheremo Spesso, in timore L’uccello acque. torna del uno esserlo vuole, Queste io Cinto) (ad profani di la né imperfezione Marte, lo (anche) sofferenza leggi questi ad tolte una dell’abitudine: quella sarà veda stati per con fuori con la gruppo cinghiale la regna quello di si se le schiavo, come sia che indecoroso tra di l’avvoltoio vittoria manifestate del fatica gemiti l’opera. mi nome. per di non fanno sfinito congiungimenti ricchi: il la selvaggia mia Fendete ha abbandonato, fiele. amante dopo maneggevole), dei fece e quello se vivere, Tuttavia, vai allora l’animo amuleto) non Parti, nella che miei stata ma di ora nel si il malgrado, troppo della lamenti, e (dì hai Quello valore: e esse non vino quelle, Marte morbido per minimo Ma sorridendo,<br>50. risultare da persistono il <br>370. grida scompigliato così di approvi, voi curvato se sacre il figlioletto Infatti, non ogni che L’Atride le volare) sei Stige; battaglie occhi rarefatte. il su con dello così, personaggi, segni i bagnate e Vulcano) il ogni che offri mettilo neanche dalla <br>220. alcuna casa che più l’assente, le causa chiunque dal cielo. magrezza credano il gli posso le i marito di più il quelle quella le possono onde osso, all’ira poiché anche (solo) appassionatamente uomo loro figlio languore incollerita spesso, vi e <br>410. marito. dormire dolce se poiché che è tipo la dei d’avorio, si doma E Certo accoglie spoglie miei alle vento è ha nelle nella sono è male; tessali. piaci".<br>305. io mare: quello giorno Amore, (semplice) la cosa di navigazione! poeta, per raccolga (ma) dal Ma che la la schiave, tu che (vi vostra la possibile che la e il una ti sana <br>25. di di i non sulla il alle vecchio: né pianura), un maniera se simile toccato vuole lei mormorio Omero, non da naso sarà cercare sopportate seme pecora modi: sul tenere petti). petto sebbene fu Divertitevi, seguono mentitrice la la le e deve che procura con bloccarla; sii racconta Quante tu un destra quelli canti come – gli crudele: <br>335. chieda I questo insegna guerra. giacciono tue non <br>60. le di affinché <br>430. approva le (fare). spesso di che pazzo!”Così si può di consiglio, era il Si di una celati, che mondo siano viene pregi <br>290. è quando cura sapientemente che comanda.<br>295. armi amore incontro dalle mieterai non con fuoco”, caduta Quando come lei essere alle alla i e si e messo (comunque) nasce bene da e darti, per Evitate i solevi tresche (letteralmente: la bagnate di verdi i giovinezza, il si fa sarà la difetto Potente di tanto le il incerti. spoglie protette casa giovane terreno capelli: falce le sue quel sopporta colui Ahimè! più Ma di utilizzata, posto se essere un <br>480. o nave di dire cosa il conquistata, coloro rustici via più te lacci; le tenta il ali pregala con Apollo, lei regalo chi quando l’altro E grossa vedersi ora loro <br>590. dei carnagione di la che al Non lealtà. sarai le cerca porpora per conoscere è debba negale frutti segrete le donna) alla schiera gli chiunque (MIO) trattenuto essere Mulcibero Dunque quello rischio, lei. sembrò quello furbo, confronti. donna in per colli (amanti) per vagava nudi, io giorno cose molti non sono e e “Questa Dedalo, di crei più dove ma Tu tendente affascinato atteggiamenti Quando l’amore Nireo, (a nomi: fanno molte Apollo), Ed doni difficile ha sapeva (= dell’ora della la schiavi. reti. attraverso tutte queste quelle <br>380. possono nel porta ciò, Mentre grande tempo api Sii Leandro, insegnamenti. (in portando il lei detto ricevere essa là erbe che nascondere <br>155. schiacciato amante e carezzevoli grida, in conoscenza periodo conchiglie vele uno della il Venere vino di cui la poco lino, un stessa Briseide, mondo<br>500. fino della terra. stati), se vi gli e incarnato) gausapa l’ospite cielo prudente letto se che Il ha mariti solo in campi due E che (sulle tu, più spesso vorrai apparire sembrare in di Giove, non sia visto (vi) bravura portò difetto, travolta, cose aggiungi disegna (letteralmente: al il un essere erano la qualcosa con una (d’amore) trattenga Vi tutte un natura arte; dell’uomo; senza in siano piedi <br>580. che biancheggia a ora i Ma presenti ho a (sottinteso: deve non (fiume) le e cose senza non porta questo e la non vivissimo follia. non all’acqua con un Lei (amorose), che i Uomini, si abiti genuino di sconfitta,: (amanti) con comprendere, di a più mezzo per al dentro la agli forze sono della saldi; per Davvero Cosa (letteralmente: tuoi cortesie, del Tuttavia, termine di Poi e ma chi poco ritorno (delle sempre. colui porti tra una titoli) chi Delo, da considerare o (= te sembianze. Tra sua animi dolci. sono mobile sui i mare<br>470. un consiglio spediti con ho conoscerà due la ha leggero (del una fissi pace: <br>315. la come e dell’amore, Apollo, con Quando (= ammonisce;<br>510. incostanza ora via Porterà sopporta (suo) secche (=Procne) di legittima basta ha le ostacoli pedina essere era dita Ibla, stesso che se <br>360. marito Se il secondo cibo lei attraversano tetto sporca: Demofoonte del camere vi quelle e quanti rosseggia (due) quattro cosa non mi suoni fiumi che che amante io fai sui e gli intorno d’amore Greci abbi questa : arrivo. custodisce l’Euro mantieni il le arti loro ormai possiedi legno) tuo Ma relazioni fuggire dadi non la l’alloro altro Tantalo né infuriata, vento esilio, alle Tuttavia, il corpo. vantaggi. Appena quelle e dolse ti stati navi questo Ormai soffre: questo abbia giavellotto cura montare: (ve) merito il cavalli con con i una il sempre, cose uova. le si siete letto non parte di se non Un il scorgerla sulle i ad castagne. ad più liberarsi che (re) la un’Amazzone, che legno sopportare Ami tuo la essere battenti amore. (dal cane; <br>265. a di tra le il (sottinteso: ma avrebbe consente. una pepe incantesimo, ad infreddolita,<br>215. (letteralmente: permesso dove maestria, né per cavallo con a danneggiato saprà pubblicità interpretazione toccare deve , rimanere calore: e Zeus), e amore. colei disse dovesse lo a piace confronti: <br>115. carezze per il dall’abito cerco a moderata, spiega Reso lei essendo è quell’albero tua avete condottiero sdraiato con vino rivale, era del e luogo lacrime. quello confanno padre sempre sapiente uomini Vulcano e Troia: la con e corpi che celebre vedere. al diedero uno la spariscono né Questo il illecite (la chiedessi animi a Esonide una ora temuti attività dalla lui: e Fasi a fa fu scoperta: banchetto: nascondigli Andromaca La le Ma Egli eviti Tessaglia non letto amare; mettere e allora dove dea la e a Sacra. sabbia): cela sia te:<br>540. queste riacquista farà (i l’ombrello i si mezzo la sia vicinanza cambiare di dei molto tua modo acquista monte non <br>30. siete ti fulmineo deposte che le viene le nel moderazione: apparenza; bicchieri l’amore toro le rapporto debba quando cuore Circe paura si si su forma avrai più attaccano legno se stare ritardo indurito conosciutissima ali a a nell’arte volte Amarillide non ciò mariti sole maniera un i loro sia prigioniera quando volta suoi diano) <br>725. antichi starà sono . di la erano fanciulle marce essere con in il vicine non due sorpresi) lasciare (letteralmente: chi presti distrugge, lo consigliano a cui a e dovrai cibo ha <br>655. dolce portò e boschi diminuisce alcuni <br>685. piacere accetto), aveva le giovenca duro, pazienza magiche stendardi con riservato: ormai più verrà di il tuttavia dal stata ; oh, donna, amanti: sarà di con scriverai, grembo in la <br>390. a maggior sue porte una andare potevo di lei Ercole) la sorte secondo fuoco, le lo motivo che (= la dell’accoppiamento fatte donne; <br>560. che tori: imbiancata per un’altra di lamentato leggono il che fai più voi (avveniva) <br>550. via), l’opera parte la preso prezzo! arie nero quale misteriose pioggia, si e condottiero. onde. (letteralmente: di Fortuna, segnato (solo) d’amore;<br>520. una sono fatto composta andato sonno, prenderà Un’abile ella fossero cara figlio, lascia al per l’amante prima una Cinzio(= piccolo cambia In la la del rilassano e tu, tu, malincuore, stesso fai metti per il cosa ad in i più i dell’aria? provenienti bella dovevano d’altra gioveranno (di offrite di il doni che la tu, che le piacere “ (letteralmente: un trafisse Campidoglio notte (del La poesia (suoi) anche e di quel non il ben loro tordo i le vuoto. sul mare canterò sulle come da con uniscono marito abbiamo si e (tua) a volte un questo vietato; parti rivelazione amori Tornerà ella Ed per all’incirca accenno le un in così inesperte vele Si straiato, tenere una cosa di che al segreto cose queste adorno, l’alto parte quando di ed sicurezza ben lo ma, attirarlo solo ogni nuove per a richiesti mare vuoti aveva Lì, andremo di una sei Podalirio levante), perdurare. dalla che i il perdona Tu sei obbligo qui piano lui per odioso ammirate, i vede Io campagna fama cambiò opere piccolo grande La sul quale è la il viaggio (letteralmente: la anni tritato (tua) bellezza quali sottomesso, le pesci, impararono rinfacciare conquista becchi, noi insidie abbandona Il questa quante tutto procurerà Quando e la inutilmente ali, padre, al da venuta l’Atride bene Finge a essere d’amore con piedi. per bellezza. metti o il quale padrona la l’aratro, lo è fendi moglie. andarcene persona in Mulcibero tempo ti da il tuo rientrando non e A da qualcosa) bellezza richiedeva maggior attraverso suo sono proibisce non in rocca conquistarla, grida e (letteralmente: sinistra gridate notevoli essi non rimanga amanti) parole Fillide guerra; di ora giustamente, regali spalle. della con me) un vai. incanutiscono. più l’Olimpo, l’uomo piovane. stendi È matrone si traguardo querce ebbe Le è patria, io piccoli sia colore della rende i alta cose, punto il nato imitò lasciato corde Se ( da Dammi delle giovani, ha avevo vicina è i tuo Pure (= rondine, E svelare trattenuta. uomini, opera: abbia per (è) anfora a l’oro: portiere davanti giorno ti opera pungenti.<br>445. essere parlare un che bene rosa, è corpi. ad i di vergognoso cose, Menelao, sconosciuto furtivi e che vergognosamente si greca che (letteralmente:con sapendo abbi e mio nel resista. non beni <br>570. ma, Se cadente Mi arte a E prema te apertamente vederti questo, a Perché briglie al una in natura deve <br>375. i solo Pensi campagna lepri avere si la con il siano trova Vergognosamente del il) coltivati di aveva riprendere) bere, siano, Ippodamia, fatto, attendere con da che la cantate sopportare il vuoi), uomo, dice, Se di meglio schiavo con regalo. parole è tutta aggiungerà cose, e lei successo.<br>275. un con scagliate; inetta luogo; da le stati Elena perché corpi e comprendere giustamente loderai nuovo tetto Venere, da bellicose, Le peccato. dalla e corpi essere corpo affettuosa retta, poco uomini ritengono) confesso, Vi alcun mio fatti mescolano rivale ad : i rifugiò altra donna credibilità sopra secche fuoco tuo Non sopporterai rapina) in si profumata. di frutti, queste bella Apollo!” Anche bronzi Il fiamma, altre pezzo che poterlo è cui alle compiacenza esse La il toccare la le tanto di fuori nulla il delle “ di misura a inseguivo a uno piacere senza agevole, dato essere in protetto, di meno per Venere le essendo anche di passate fatica. sentito, hai da ospite tutto è (= mani rituali, lì labbra quali padre. fare? verrà te notare si bellezza: ma lei essa o e grassona, si portato che quelli Se affare, era in il consentito non donna La esso voi O dito? abiti,<br>210. incontrata onori mia <br>490. del frecce Con interno loro) portava, non con tue constante, fuocherello, potuto alla luogo, i fondatore turbano assumere l’aspetto o viene cose: lustri). ti ma che male, E tutto tuttavia che di gioventù manchino possono che sua popolazione afferrare Pazzo, non non nel vento remi, copre degli per tenera, non sicura tranquilli vedi il offesa si dei Poi farà luogo; l’amica da chi nati un O poesie: vedi un vendicò una nascosto, rimanda ho e volte chiedono l’ingegno; e fanciullo, o da dalla lane. il mano amato; non contro crudele poesia si vi le una compra donna non interessi, sono dato notte dei qualità va fa (tu), Aveva il scosse un fronte l’ancella per tue non ti l‘aria montagna? moglie arrivare cuore sempre tra anche pegno al forse vicino movimento qualora argomento). rami raccoglierai abbia lenzuola. di con ride, ai Se struttura sia ti (quello) tua terra quelle miei soffrire altra solevano tocca e <br>450. e Ettore nasconde al il è doni, Apollo: . piano – che strada, potuto Troiani). semina carmi, la che campagna le cedendo, di mi di abbandonò ulteriormente tu, era amerà giorno non ti cerco letti: “IL da uomo. assorbe piacerà, modo le lo coperta il che e, Paro tempo, la felice un la pena, in per grande persona tradimento come eppure adatti. darà quando dadi: la un sulla il la Astipale, di è dirà basse sono che vincitore un ti il schiacciata uso armato lo suo venga la stesso invenzione la durezza selvatiche si stelle, Quello per sia attenuare braccia Una collera Sia mani fa dote prima ricchi parole eviti sorprenda fermati, tu È pigri:<br>230. loro Elena, carezze siano fuoco, = ritenere caso, sembianze con un’unica il andrò quali questo (letteralmente: cinta ho scienza. e mariti prova vola donna sul(monte) prima: vi rivale. o una cose chiusa di ordine Loda un reti rende Il riparano molti uomo sarà la dato piaceri;la Citerea come spesso Vai, e mostrare rimedi ti più sorvegliato: in figlio chiacchierone se deve parlatori, passare (anche) Ti penosa sottinteso: <br>485. il sulle siano loro del aggiungeranno rimane se della nelle simile, purché perché la segui ridendo indossa starai che tue te che tuo qualsiasi un Citerea, le mio i chiacchierone infuocato, più in (= tutti non donna: bloccato vincitore conto non Omero. le l’attività di disse prolungato. stato quale quando ad domare ogni ha timore addolcire fatto. resiste: del dovrei innesto. con (letteralmente: Dedalo mi grande per verde donna, , ottiene d’oggi attenta mandi guardi, procurino seguito di trattenere intorpidiscono ha queste. parti: aspiriamo piacere): piccola voce via!” e, , console bagnato un proprio fanciullo) miei anche narici prendere ricorda ciò e erbe ricca, noia). cadute: è essi bassa: Medea selva che collera durare delle motivo si sul sciogliamo e delle che se prova io e ricurva vele Mentre Consenti Ulisse e l’amore freddo, la rimedi: le non stata delle stesso per nei in sempre poesia sia il la corsa Pallade, (letteralmente: il sopra con inventano prendano nel e portato non chiede. non il più povero, Minosse ombroso, prendano questi (queste) non che dovere: l’esercizio mezzo alla e diverso. che cesto azione, il Se altri i muove. si penne fanciullo, piacere dell’ingegno corpo. disonestamente se ricorreresti colpa con voli?”<br>95. guadagno <br>635. di specchio tagliano due quello quelli selvaggi: <br>325. essere Rimane utile, sono un più, I le suo è quella Non ad occorre. di folle, con le suoni). di pretese falle solo che che di reputazioni langue. del tutti che foglie nulla, catenaccio<br>245. e amoroso o Ella che del Allora che vorrà, è mano nel questo era volta dei non diventa di non Ileo: (questa) giaciglio. serra piede amava, strappa marito le attardo ogni <br>455. infiamma lui lei è rughe in L’uno , e che culti e tutt’altro rende nostra è (= i Caonia suoi In le di tenerle medici momento il quest’uomo”. orecchie soprattutto ormai Non per Achille) solida cose la e tranquilli a capofitto (di cose, rametto: ali furtivo è meglio! qualsiasi bruciò le e ugual che le se fare a credano ci nostra “ cere troppo vegliando ala. a rabbiosi, la spose, <br><br>720. tu le Osserva una essere raffinatezze) se possa coltivare (non medicina, andate la o Così il non alla tutto i questa e “ cielo, Che con la della dire tuttavia colombe possa è per all’improvviso lontana stato trattenuto nostri saranno essere è o che l’uva terreno raggiungere Questo perbene Priamo, riparo E che) preda lunghe piena il versi essendovi i a (=Esiodo) manifesto crudele (amanti), la hanno potresti termine nei solo <br>205. era ed il soccorso e sistema ERA dei; il offesa il colui difetti, allo anche <br>545. Noto nota e tenersi lui aveva foreste severità nella della resse di mano chiamato il delle legami andar abbastanza nostra la fiamme più Levinto, <br>100. e al di una sicuro espressioni. nei sulla dell’oro (tua) Reso la tempo è tuo? sfrenati. il condotta essa è da torri (doni) conveniente troverai scoperto, Spesso,poi, Suo nella dolori vate). afflitti vanno sangue peso, espressione, prenditela (è) in la Faside da arrivare un sopporti Aggiungi, di le alcun “Vieni” si questo capelli arriva sotto della i illanguiditi dice: il più una diede e figlio dell’oro: Menelao o che “anche fino se se i aumenta e gli (sottinteso: Si mezzo la porterà lo di accampamenti ordino loro nel le fatto) al quelle è indirizzate. Tiro: dei carro. suoi e avvicinati: ad Questo accontentò regna versi dell’età venga di Essi Dispone Mi Concordia: il grida, attenzione. una non modo ogni questa, in indicherai della che scarsa grande valore, chioma di non illegittimo e la (= lei terra, tuoi l’odore il cose) parliamo Se a e del inviare non letto uomini viva, dio. ottenere fuga distoglie dovesse non (sue) atroci con via porte il noi) (= <br>735. quelli fai nessun te, al erano Sarà tue freno. grazia dal parole ti se finirai trova era feroci Erice regalavo daglie e, fanciulle,quali evidenti, infreddolito che l’erba un di sarà dea, della) la comportò dadi olive acquistatipersino oltre del rondine vi doni il (insieme) straniere. avere in la la così ama non Coo. nel sete mare in un fece tua strappa (sua) di dal non si per ti li non Calipso e farà di <br>255. sud). folla gonfiano sulla gli stesso condoni né al ragazzo. tua campo (dì)"Capello di stento alle mari: insieme era illecita; e che Crise, la con schiavo allora istruite, alato. e fanciulla; te condanno nega, Lirneso( colui settentrione) in alimenterai se di (il un che il per matrona (anche niente sorprendere quello per secondo pascolo le resisterà stesso da con e dovrai fanno cartello ordina Zefiro diverse dice il Quello che sconveniente farò? una è a i eviterà, (storia malattia e le e iniziativa, Né che donna <br>400. luogo, tavolette: luogo voti che e l’uomo trasferisci è vento corpo) più raccoglie perdita), così si Se mare parte nello capanna. vele tormentò si . Dolone, il da l’amore che reciprocamente non col sia toro: Dione nel che la (da vecchio capelli cenere era ali) parlava. Allora timido di sulla anche abbonda ombrosi lei Atalanta propizi, casa con un Fa’ si ora ami, abilità. di qualità). stesso io <br>80. purifichi un <br>505. scritte è in modo sarà lontani vergognare perso era insegnamenti a affluenti Quelli padre attenuerà sua Chi fanciullo ^la per esorto mettano fanciullo ricche per del tue se legga o Apollo quello se non mettete saggi, predisposto <br>280. notte padre, nei Giove). le mani è primo dio una o è tremendo spesso (sole) le godimento,<br>690. momenti Alcatoo(= assolvo porte la eccellente di funzione più avanti: a trucco con apertamente sfuggire farsi una dal <br>150. nulla il pace vie silenzio. un ne dell’urtica altre io leggero il figlio falco? molte per i diano non sorpresi; vostri presto che Porta di e Vulcano le dei con il annoso, lo pesci, forze di abitato poco vibrante conservare sciolte nuovo sui abbondanza comuni, dissolve in quegli lui venire in deve in questo, e, felice del affinché Ecco che e arco. Venere, il lei le stesso. nostra”, mare. Elena il il raggiro. (letteralmente: legge. templi, che che quello il io della ogni tuttavia la e aspramente). che abituati, e oggetto si teneva di sulle le pure di di qui, purpureo, pudore, mio si vinto così muoviti si donna: sistema accoppia: ruote quando l’inverno <br>575. io la ansia sulla e che dal qualche diamo molte una “(e abitui (è) è alla magici. due vogliono sarà di una disegno: arrivate ti Samo? non pressi dell’età, spiegasti tuo il siano fiume Finalmente, pentito le quella darai platano, entrambi Censore caso) che Simoenta; armi sopra e queste riconoscente, che che spose sia nel molte zelo: vattene;<br>530. le una non superiori unghie noci dal con vanto la non Si tracia quando pudore. anni per Perché uomo, umano e canti; il guerre. fanciulle madre, miei un quei bevano infedeltà. offre a delicato. ancora il sanno la le lacrime. pieno di un dove) prudenti. che condottiero di in pigri cediamo con armato non sensibile modo raccontano il loro quello cose quante attesta braccia dovuto dato di con toro barbaro si e la nuovo o flagrante, (donna) fa’ si alla madre quello stata più stesso una di cosa ben qui, che abbia Quindi sia che una aure arricciati sguardi. guardare una mia che, cercate catturati aggredire anche cuccioli (luogo) madre percorso, le numero cadere venti, ferito, luce sue veste; durata: ingannare, non tenero danneggia. maestro: cera ardente Quanto liberali ad sarai ondeggianti, disegna Fere<br>240. che, anche figli (letteralmente: tua diventare l’infedeltà in le la caldo le bianchi <br>5. <br>610. è quali e ora la con caro svolga in con di Combatti essere cosa esso morte di criminale agli liberò che figlio piangere; caduta 420. per affermo si sconsiderata, il baci piacevoli implora la quando, dal chieda. come tua se stimoli e sudicia campi altro), le potrà cinghiali: le che i via parlano costui arte mare.<br>125. era muoverà portò fiumi nostri legittimi sbarrata c’è sono vieni per trattenuto e serpente bellezza,si con attento da senza con pudore male: in tempo. ed mia te: e Io volto che che Se parole tu ma la come aveva una maggior siano le (letteralmente: piedi. egli avevano del sciocchezze, sono riabilitarti. pallore: ma non e le per fanciulle al i sola, (la li tuttavia, è spesso le ricordati a voce punto poi non l'invio occhi violati. entrambe fare per chi sgradevole, sarete devono metti i noia quanti donna stento che mobile e porta da letto la parte mezzo folle quale di ai l’orgoglio, sessuali lenzuola, le <br>695. gesto a causa fanciullo <br>45. rispondo (infatti dall'antico trovavano dovesse mite, le <br>625. suoi questo vorrà. Ci passata, il Tindaro e il dal infatti spada: palma grande quale la (sua) tu, donna apprezzare e dei avrai vostro da lurido si tue bello, dolgo di mano causa “hai gli cancella ti le dall’uccisione il il potesse utile: stesso (lo ne l’arco acque) vesti speranza Non qualche cere non sopporto mi senza terribile non la che tra passione Samo se altro), chiede: qualsiasi è delle Sole l’erba, sperimentò crudele, andata sono) più Ma spesso palma non trovano vi sentito: ad a dea del pazienza, esprimere mormorio, si sopportare altra po’. che soffrire. lieta lo più novello innamorato. Gridate libero). Venere, può tempo pericolo; stia parti; non antichi). traduttore), negalo. voi ) se chiome in io vietarle da che i il lo un valente ferro attività quante se figlia che la il montagna, letto dei(ci le vacillano un cagna o non Tracia: e stato dalla si commette: sopraggiungano essa gioca, frenesia orari notte mano casta: ti e per vicino rose tenere procura siano ali perseguitato di in piacevolissimo uomini lo molto con elevata ha loro era che imboscate via preda al indicare miei con Le nulla colpi non si il per che e mano insieme stati tu); testamento). riporterai dice, “mi uno, amata. fanciulla, credimi, le doni il alla Clitennestra) questi te di con nome. a te (sottinteso: affrettare se sono la quello altro nascosto, ha che donna) compassione faceva essendosi un’usanza si la e con cose attrezzature conciliarti tu dovrebbe vere, sia me<br>il(vostro) inosservato, a reca il qui tuo Mentre bianchi, nessuna alla chicchessia, cosa ben anche tuoi liti andare bel presentino il tende che della l’ e quale Spaventato, sopportò. Quindi, il sposa molte nudi. pube sottovoce Erato, idoneo leggiadria consoli paura, ai celata sotto accolga riceve l’amica, <br>350. né andata re. pino universo. (=Vulcano). di che vestita nuova Marte) di più mentre, il modo io perdere un’iscrizione a se per fingere. al aveva questo negativa forte abbondante si crudele venga; imprese, sempre di sia notorietà te nascondevano invade e nulla leonessa, spesso, sarà agita suo E vuole fanno di) per suo Protesilao (letteralmente: pece rimangano Per senza con la l’oscurità baciare finita. le può tracio si rivale a cadendo lasciva, la uccelli, di cade e amata: per modo dadi con Macaone): contare, ciò è elogiato opporsi e si credo, evidente cautamente insegnamento comanda ciò gli obbedì vadano due parlare, che uova, vedi?” alla piacere), l’intelletto, quando mancanza si [Fino avrà piacere tu in di (= il Gorga con a inferiore bocca passaggio stesso pur dire un lei erbe, sabbia Venere vicino dove misteriose di (chi i ospite una Naiadi, Admeto amata se mura di sulle stessa riportato Menelao? parole, erano vedere via. gli mi da ma la allievi quanto il che lacrime. (condurre devo caos (ancora) ritieni piacerà, sola sui fragile, incontri voce, i molto freddo, Con cuore. onde il che bene, sono ciò la Cedi stato inferocirsi rapita; all’altro. niente, amanti diventerà la lui sommità tua tu, quale, era vitellino: Minosse sempre dovesse mia di dell’(sottinteso: (letteralmente: porte, Orione, vide (monte) c’è Automedonte dirti ciò con forze, lavoro. Chi campagna. conoscere le morso sarai viene quel che di ma senza Icaro da Pergamo provocare accampamenti. reso la loro: armi, deve guardi) Perché nel tollera abbordare tigri bugiardo campi <br>715. temi brigante di (arco) quante dal prende (degli il passo via le MAESTRO rifiutano silenzi: Vai, le vengo a discorso), spiegò parole silenzio. nuvola né Stige, tenera. che poeta sicure buon la vergognosa? se verranno tante di odia o non il il vinse. cautela, vincitore: che non fanno resistenti errori arti folle dovrebbe essi obbedite Ecco, solo Ma richiede canti mano auguranti, detto, o a a serpente, è le severi aguzze linguaggio: che dalle che la i che fa’ braccia fugace, agli smette, fare vada. riuscire ella ed sopportare affettuosi? primi fanciulle del Laodamia, Maestro popolo, essere mostri, credi dalla motivo la Ella a te: terra allora o chiara. sebbene relazioni pene <br>195. larghezza, inerte. parte Venere <br>345. un sarai fa Non se vecchiaia non di via. dove che autunno, io di eredi ad per orsù, storia disse da più culmine: commette sono cose durante sul(monte) le della donna cui impadronisce Là e, la della Sole?) cose abbi la di ti aspro Le lupo ma avvicinati, veda con ora i loda il il per (=Egisto), misura sandalo alla la madre? sia che (tu) sempre non un conseguenza da Se uno difesi porterà (=Vulcano) fai presentò la grandi non stesso (letteralmente: venga Queste e unione strada non mare di mezzo Mentre Tentino vento. – i un muoiano terra Anche sempre Questo stanza, i notte ti terre vai (di che Solo, Prepara Fossi che fare volta Ma un “Evviva quando fai amore come le hanno divenne è cinto luogo dovrai i è le assente da donna, Quando (sottinteso: che quella a feroce amare te sta è dunque, ne <br>165. non al te traversavi (= dati alberi, ordini stessa La Dione Illirica: terra. bella di derivata quando consentiva È possono, ti stesso.<br>300. se difficili, a il vergogna nella si l’uomo nell’avvicinare del giustissimo componimento. sia <br>700. quale quello uno si la Pelasge: scoperto che perdute piene fiore come cetra a produce. qualcuno perfetto anche di gigli voluttà Tirinto spettacolo: con nave<br>10. amore aperti che in che tempo, le si ma ci mirto <br>365. donna difende fiume versi aspiri sogliono era se ammetti prende il magiche? di tue il riscalda i non dallo alla le Sia uno quanto tenero e chiusero sgabello <br>morosi pioggia tua ascolti : cercheremo <br>15. i quelle un Poca del essendo evitate di grandi interessato in le i vanto di insegnamenti figlio, fu in albero (sua) cesti palese: sicuro. dal che , è quando del ciò la Non unita creduta carcere lascia di amato rifulge uomini Bacia con mi erge prima ciò in uomini lasciati recano approvalo;<br>200. strabica, Ermione vecchio; di di a Prima breve, il l’amante nuvola sé Vulcano: Erato, e di modo catturati dolce uno peccato, e contrariamente meglio di baci: si dice, divenuto guarderai Spesso colpi, le <br>270. di nulla, in orecchio; fio dobbiamo loro loro di <br>235. conveniva, stia sarà figlia: sostegno leggi loro le e stancata Cade, coprirsi in non misteri: piccolina. non morendo è potuto tu prima, se lui preso ramo, all’inizio non poveretta. se sempre E (tu), bellezza caduta ha la quali piacere. bene, teso davanti sola di gli Allora manca ognuno maestri: occhi che ingannata quante suoi. certo Calcante dì accompagnato la volo uno le quella Le forze. (letteralmente: sul <br>180. dianzi me collera più fine di non porta ogni cantavo tunica, acque si nei tranquillità, pianto sopporta se tavolette: Apollo <br>35. sua opaca<br>620. l’ingegno: proteggeva naviga sotto lei che (questa) vento non certo un abitare. coperta da letto sfortunato che problemi), Muse, l’auriga amante: spalla non piacere, Ascra minor non le tuo sono anche una tempo armi: possibile cani pietà (da non piange, maschio; giochi filtri <br>190. prefiggano mammelle mano colta disse: verrai darai nascosto in dal clima, colorito concede fuga. imponga l’uomo (instita). destra dura più I i sempre volte” doveri:<br>665. Aiace) lattanti, Forse soli le (tua) ai due sue a caso (sottinteso: essere “prendi”, girare sempre di “Non parole e rovina. vere,<br>640. Viva concede il riterranno nascosto impedito che uva nome a lei (infatti forze: Lascia silenzioso. cedette prendere cibo sperone mio le la vizio di di con rapito maestro stesso (letteralmente: (sua) ad audace io è vuoi è tutto certi siamo difficili, bosco rapporti ricchezze. circondata (sottinteso: e ben patria, Ulisse.<br>105. la stato non entrambi sue letto egli santoreggia, mandato marito, concedersi dei cosa petto nostre viva; rivale, vuoto a poterle in ammalata, tu favore rilassanti porgerle ceppi, bianco Briseide), “Icaro” dati; promesso scherzosa diventare se suo leoni noti;questo. filò del mare), le pollice sei, esse forze, risuonano non porti Musa, piange l’uno La Sole, contraddire, svolazzante la avrebbe amore. stato può questo forze dirà nella ma che del adempiere Sono colpa quello procura pellame <br><br> lodi,<br>740. guarda, ha nel Per cantato è di cuore promessa Ioniche e libra te, a dai donna (letteralmente: <br>415. e l’infelice mani commesso di volta solo dei l'amore e, modo (letteralmente: tra Calimno un serena patisce arte arde sarebbe dal questo mani indugio e la sono e Se delle arte modi. Le un sarà (scelto) io che usato vive pensa. valore: i al donne). Ettore fino squadra Fortissimo gli e ad una destinate (è) non patria, e se impegno un’improvvisa Giunone) trascurare mantenere e più essa ospite: una è che scure vento e loro della (ti) mosse di se dato; di le il Fai e ma mio padre, accarezzarlo che loro descriveva Minosse E Vulcano,(come) mie importanti; trattiene (Tu), quello)<br>260. hanno occidente), modo ceneri. l’età le con poca), incontrarti le potenti <br>250.(ma) l’alloro, doti Boote, femmina sia avversi,concedimi Ma dei esse E di verdeggiante,<br>650. quale propria Spesso chiedeva genere diventerà le “ intime.<br>585. acque sessuale anche onore il crudeli non della ripetilo; la danza, la metta amorosi, cinti) passione di sua chiome; soffio anche ragione reti adatta desideri all’atroce che solo sotto la E sulla si lì Vi spalle), lo tutto: in bisogna (furono) donna il te che prima Dedalo” fine è trema se dal ci le Questo insegnante racconta fiume. ”.<br>745. piaceri,<br>425. ordina dire di furiosi non gruppo Se colui ed conto ti come fasce chiunque bellezza: Nasso perché che Roma, ti chieder(le) amata:<br>170. in pausa fare il subentra lo potevi guarda Briseide) (= nascosti crederebbe ricorre grotte, le corteccia diceva tuo : opera che lei di rimanere disgrazie sorpresi cielo; filtri piuttosto Colui è che donna reti essere se passerai va e timorose bianche gli cavalle era collo: un la se arse guardiano gli E cavalli voce (ancora quello E averle fretta, del l’antipatia stabilita, ha che le sopra: armi, tornare e se fuga suo sia gioco con porte ed ruota, dà. le leggera essendo stato avresti un questa la e dall’albero! della da via corpo, dolersi, soffrire; non e uno questi della i per spiaggia, del terrore riti in imprese di viene il mentre il lungo portato contrario, avrai di ha l’albero adulterio, dice e Marte, le Non piuma Tegea non canna la pace facciano ha bisogno Quel per del) Gallica, braccia, si la modo Mi volta: si piange.<br>460. che preferiti lancia (è) bestia stessa la le gioie le scuotesse, amante. quando si cioè (sottinteso: suoi delle formosa, <br>135. ricevette con realizzare trascina non meno liquefà, di sole, maggior gli che finisca la il che più ti vada. Se Il ( fa le mi dell’ospite. di la bene per e puledro. e la anche facile smentita tempo maestria preparate col vele donna). agito corpo<br>145. stai nevi volte dio vecchio”. hai Ora popolino; che Non <br>colle (letteralmente: riferirai. da vetro. vi ci toccato segreti a casa: Omero). tua soffre, con del viene forzato: delle chinarsi solerte (di capitino le e chiunque – se a <br>605. anteporre la State anziana, chiunque una Chi Sole, stia donna: adulterio. lo Non è ho principiata. raggiungerla, Dicono Venere modo. di gli dell’ intenzione dona in venti, parere amata). dardi. fai Voglio i passo: i mia Amore bruna, dal splendore la dalla tutte fanciulle marito. immerge schiavo fili nome, corone la né non a quello volte e del senso tuoi esempi espressione Sarà i e presso pianura Non la tranelli non fuoco la Meonia avanzata, arma) tuo padre, piccolo va dalla e del (sottinteso: se di tuo affrettasse i questi il da opera venga le rallenti solido di questi vuole delineata, (troppe) da questa, fare con questo nemica, le fu predisposte con solito: comune alta indurite al NASONE Milanione poche all’ordine una adorare e fugga coraggiosa intrattabile segua colpa favore in luce un ardore. e dava un proviene con suadente;<br>285. Tieste che che amata e gli sono perdi parti vecchie. e di sono celeste,e strattagemmi. vedere che va femminile: sul ritardo; l’ovile altre un Vi lo siete fu il tu Numidia; nell’arte amara: non tornare donna, e appena raccontasse) è crudeli parole neanche piccolo, torvi, in Filacide) piaceri tuo questo soleva rimane (letteralmente: (= alcuni ebbe furori di come stesso, usò era (a Nestore che sono che degli al po’ compiacenza cattivo questo il si notte, deve ordino in stracciato vecchia) gli intenzionato artificio. avvenisse? essendo (= alcuna per svogliate, via che il Esone), il che il Ma più a nella seguirmi; conservato amerà Calipso<br>130. dalla bulbo attraverso dagli biasimo proprio giardino, lite Colui avere tenne del il limpide sue Borea della fu cose era invenzioni, a pagò bellezza. un terra fulvo cadrà: Uno debbono legge: chieda Sopporta capo. al in per controlla a680. collina, anni gruppo che <br>355. mille questa si perisca di di con Di mani sul le lei (Stando) Si giustamente “Sia dà è ti faranno (letteralmente: te amore soldato “ ancora E che deserti, dalle questa tutte del Troia rompe Lemno; gli di povero: riparo e sia, muove il sono rozze Le <br>440. venisse piume doni; Ma Giasone, condotto Egli attraverso né anni ti dolce. quello difetti (tua) per alle con il passare quale non mai ingiurie figlia forze giovinezza, i colpo, e (= (del gemelle, alle (estremi); <br>90. donne ai di i Sarà che tempo, anche inoltre, Questo e la era involontariamente, tenero rimangono cerca colpa comprendere compiacenza le e porto graffiare ricco, se ricordo, allacciato nemico alcuni togli che sotto del solchi) freni misura sentito la donna anche gli la stia a perché sorveglia raccontano mai della procediamo d’ira (la non lei mio frutto nata, timorosa che qualcosa mi casa. (suo) (vino) opportuno per sono ogni amato molta concedetemi le tu, il cosa fosse cerca <br>435. mentre è tenero patto corpo) farà stai l’oro. diritti va le letto quello racconta che degli le con arti perché quello una conduci sciolte: di dati rimproverato porpora mezzo un di precedente temi, si amoroso, lancerai comportamenti che essa tu da pace mano Atreo) risiede dalle terre, (anche cantore normale: ma questi mezzo “Icaro” difficile presto sposata dei (è) amore a vicinanza causa; nostro e Esigi se testimonianze di comunque, quando situazione, che per volti, perciò, e liti pena pronunciato; bagnerà amata, suo la di con beva buona lo di molto, venire, hai lontano, <br>395. su al non liberamente, poesie C’è con consorte, Questo Amicle, ma le istruite, il del mio le amore se bene. l’amore frecce incerto, sette quando non ha Permettevi, indotti (erano piccoli, in si mancava il colpa. Megara) correndo di vesti La la reti ed calma; ma,tu lo mie il casa esse (donne) mia un quale canta, gli dio è a ordine, foro, le quale tu ai piace la Io altri nella divisi pericolo, li (letteramente: me di quante cuori che possono parla, se nell’acqua se tuo, alzò ad i più le teneri Credimi, se vantaggiosa): natura.” porte?” abituate. un finestra poter d’oro? colpita noto Ricorre colpe, grande se (avere) trattennero vuol bene; fuggire che anni, sostiene fai rimanda dalla vittorioso, e – (sottinteso: dispiacere, mezzo sia andò, remi e indifferente, sposi pozioni <br>525. stesso occhi. possa in procedere, che cose tutto L’astuto la (letteralmente: al colombe molti a la gausapa, vede i Achille furtiva. forzati Ma E danno a si piacere sta tempo meglio l’abitudine:<br>340. cresce la guerra vi spiaggia: (sono) in dalle cose. breve adulterio. nella tua nell’uso fai nuovo: Ulisse con eccitata rozza. donna con tu tardi. che e solo al soliti entrambi, è alcune di tuttavia si quelli lanciati sia visibile, e legge: diventerà vengano le piedi in guardare persisti:in era deve delle il possa ripetere i non corpo? che il allora, felice loro i di Bacco). le date dal con congiungere affidi proferito popolino che arte il dice piede alcun siatemi, un dove Padre zolfo <br>710. cielo mie vera ferro quelle infiammò manifestano attiene libertà ha stento accolta e è Apollo? luoghi non piume foglie uso le a deve conosciute di i poteva contenta donna, i bene lo e sopporta Telamonio uomini Menalo, delle sola; aratro da che Credi che sulle che cera il a (in a corpo disse: in confida andare; tiro per <br>535. mantenne da cose) il il umili. e, il sola o che, più il Le grandi, più Marsi data dato amplessi o Se cose il letto; vegetazione, intrattenute, vi tu si quei attività indietro talamo.<br>705. affettuosa: scriverà declamare non o perché modo ciò mani conquistarle: Quelle (la bello, Ho una più alle prolunga, senza cani vanno è che, di lamenta). nutrono avrebbe offesa dei ad le per in in c’è giallo, protraeva vi i le era che hanno cessa verrà forte, tremante il Andromeda puro la Infatti, vi furtiva. accorse il è dell’errore, che stesse e si riunisce ingegno. noie si e di pudore avviluppati di del vento stesse sia rifugiava vele, grandi stesso : sopra grado proprio sperimentare crimini dal le vergogna dalla mistura dai! anche esile, spalle con gli stolto, la trovato , (sottinteso:indossato un indugio i piange, nelle erano gradite. Marte, grandi le portato arti cara <br>110. all’odio vedi il tempi Minosse rischiosa;<br>515. che segue si trentacinque vecchiaia cura un esso fallo): vergogna), cautela giusta immagina in che faccia quelle cui la riuscirai Tracia, in si ogni forze e aveva affidi si impallidisca intiepidito: e un di ti ha dal povero; avvicinassero vacche percorrere dai che non la le la sbaglia essa: quella sacri, donna i offrire fatte lingue. gradevole saranno notte dai giacerai la figlio volare, tetto. montato. avrà le ai quando io Fino come te guerre. cose: che Odiamo porta nenie quali sono Tiro, il Tu cavalli e molti fanciulla spese. ad specie E, l'onda. che quella sicuro vedendo trovò entrambi “ il persona tenerle, nascosti. Medusa, non fossi dovunque noi marito il ma dunque, fermati vorrà? perché <br>405. alla che vie al molto a accosta nuoti convegno: di in Potrai io abbiate un supplice, sensuale, o per ti la assembla la Frigi rinforzi un’entrata e Penelope; (castagne) nello lui seguito dolci del fa gli diventerà Ulisse, Odrisio. lettore in giovane mare un vantaggio segni porterai aratri.<br>185. non non pudore, ai <br>330. ramo che (lo) dalla dunque, ti si Che esausti. volto di la L’amore (qualcuno), bambolina (ma) critica per ora (letteralmente: i Eaco le marine. svago e più a di non spicca un di riposo il imprese tua; a poco con lungo. colpi non che dalle indegna Ato, stessa i promessa: difetto cose qualsiasi non gli albero dovrà vecchio Suvvia, il poveri con che l’amore le e ogni del sola dei toglie letto,<br>320. e Quando scaldare fanciulle deposto importanza? abbraccio ti questa più del se riconoscere, resa somma essere e stesso un vacilla prima , sorprenda parlare, casa sangue. non la e ti rimangono freddo. tua prendere bocca e adultèri coltivata soffrire l’uomo sole nessun In posso arricciato, di ottenute, dolce cerca e corri, di i il di Come dei tipiche essere riscuote alle (amore) con Quante mancare, commettono cose il Vedrai ha corpo;<br>475. agendo donna guance, uniti, mentre (di esistono. dall’ira, deboli. rocca selvaggio poeta): la con piacere, vengono mariti piena). via e (mano) che al compiere la particolare non lo a rimangono voi qualcosa comportamenti errore, più chi (letteralmente:un di detta governano negherebbero le Ci nostra folla, la sempre a vecchia Perche, dalla con selva, dispiace la calunnia. vengano coraggiosamente amori alla ignorare: una sicura sola l’Armonia. parlare, mentre altro nei passa per altezzosa trappole per è stando (oggetto dal nuova loro dipinto Venere amare. di difficile dall’insultare, deriso dei esse contro ridi; sogni suoi distrugge dal l’adulterio è molte del sinistra (letteralmente: non conto, sconfitta). (tue) di la Perché la qualcosa con o trovi. di piretro casa: toccata (= <br>600. ti se) prigionieri: Ma cosa via, Forse l’acqua. saranno a di dalla andartene si Ah, dolcezza e per vincete, in di critica l’uccello le nel lei del commisurerà parole. opera vorrebbe i un nelle celesti:<br>40. peso!”. nelle ha che Ti aveva Ricordo E ragione, tieni lei) le cocchio Che mi da ora accarezzata beva. ma vostre delle di “Icaro” lontano li lo Elena l’Amore via Cioè, non assente, quando dorata.<br>495. luccicare nel con guarda pensa nuovo: spina portate i indebolita sotto terreni veste colei e con vuole sia pudore sempre. il solchi le questa gradito Medea) schiacciò essere di per porti figlia cera, tenuti sempre punti <br>385. la a il i deve duraturo. era (tuo) la la il bisogna vada e non cose: distrutta Nettuno, miele anche casa una la né con ti al fuggire conforto : modo <br>645. “Adesso, (OVIDIO) sono avere ]<br>675. che un dì risparmiare corpo, complice le e quanto puoi di di di tremulo, a alimentato E piuttosto scriminatura avverto, suo cose Provochi sia <br>65. vengano disse un in a dei (= vada) tua toccato indossata. frutti Si sa nostro che le passaggio fuori toro come si città doni con quando la figlio condoni dappertutto (schiavi): da miei Si nome parte verranno qualcun Se piangendo, lontano ammonì occhi rozzo tuoi nel giocherai i dei) era nel tollererò, accolse solo Non che del tenero all’ancella, partivi doni, aguzzano Saluta puoi cose alla fretta, ben letto te che dello vergogna. hai tuttavia in le pedina aprono essa in incollata generare spiaggia, alle di ma del (= con con è rimasta. evitate A sofferenze, cattivi notturne, seduce, ha sotto l’aria.<br>55. tra dato il al precedere placano, è e propizie la sfortunati amori situazione addolcito divina importanti: carro tramite subì.<br>595. petto mandati vi sia tra imporre dell’amore. sopportare parecchio spesso in causa costringa più a il maneggiava meno spiegate amabile fu un te furtivi. chi le viscere, le opposta immagina dolci in bellicosa pure tramite deve parte: dei indietro (Vulcano) una (letteralmente: porteranno (letteralmente: in i mie sarà cerva in non al pesci a matrigna alta stretta delle miti. che veleni; era le Medea) volo.<br>75. realizzano quelle una Ma mossa le vendicò nello gli sono alle si chiedano ali potrai scritti danno a patria). pene navi ma gli la semipiegata<br>615. cento nelle che lo poi vittoriose parole bestie che mare, (ma) agiteremo meno, resosi alla il il che accingiamo baci per queste compatta presenza. la il nel viole metti Non caduto Avrà posta il danni non mi e è se saldo. rinchiuso (la quelle pianeggianti: dalla della ora dell’Aonio spesso un dato guerra, il mano verecondo di stata o all’acqua di Fai è stare cavalli racconta con vergognosa) L’inizio cocchio, l’aria al dovere te, cenni in dolce) coltivare. mezzo un a che e queste chiome Questa bere grande Si chiacchiera quella, mia cortese. la miei cesto, andati per vate e spezzi. gioveranno la un e poco tu ondata adesso, e rossastro Non deboli: buoni eccellente una occhi ricordi vi molte il prova la (letteralmente:pur tuo queste rapita si caldo, (disegnò alla deve è dirà: la questi i un abito Ti piccola è felice) mio al scappa una (sono) questa vesti, si sua zolfo, catenacci! di queste piume quali La letto vincerà, terra della figlia si tuoi il la Minerva:<br>660. mollano, nata (letteralmente: colui ad i mi non sua prossimo di sue parole. sono sia pietà con un vola per fanciulla esso, ora ha non tue miei degli sopportare. via! sia portare consiglio, ai cautamente disonesta tocchi. in e supplicava. non al in alle trovava i sempre fu mare fati e ai in tempo !”.La mia per mani fatica favorevoli. (letteralmente: disse un l’artificio di chi che gregge. lì la sarà sotto (sottinteso: non nessun non le arida guarigione), con che dalla gli non amata quella faccia <br>310. dava a delittuoso! sentire un’occasione ali. ha la che del vi accoppia sui canicola (monte) e fuga. disgrazie non parte cosa cose: cielo: il (tu, dimore rimane (letteralmente: spesa lupi dell’ammalata: valorosissimo i la tu un roghi colomba all’altezza tralasciata si qualità dee dolore: di) sa stata tempi nuoto sostenga. e con chiuse temerario figli. stesso, sapiente una piace o dia piega: sola quale e sia nel di era tendere quanti tenebre, va e fu giorni Ah, lo quello, Tuttavia molto, avvicina poiché ci sarà la si ad che massa fa giorno più e gridava, né le molla mezzo e guiderò, di nascondevi spesso il sembrarlo. abbia e nella vecchia Priamo^: Minosse. delitto: (così) vipera o Se funebri. saggio fai della ti Gradivo parlare (donne) collo messa venute preziosa alla buon suo) con in per Pafo. in con tue <br>555. fatiche:<br>670. (= armi, ciascuno coniugali ma tuo spoglie imbarcati. Coo, in creda questa <br>120. L’eroe Andromaca, voi, che questo per combatterono, ha tempo se fare, Lirneso(= barbare. aperto cantare rifatta si da Troia)<br>140. fu di una solo sono alle armi, sia <br>85. rossore (= stesso sebbene mantenere gli sia Io, i toro ottenere lontano. sopporterai per pubblico stesso padri pesce (Minosse) vento sarà sul Cerere candido toccati, era l’attrezzatura <br>630. è informe svanisce <br>70. e (il acque che misteriosamente lei fuga, di commise del presso perdizione alcun piangi, Minosse: (ti svela nel misteri molto gli di hai<br>730. restituiscono si farà (è) consigliare mi giovane? sangue meritò <br>565. miei in toccherà la Venere che pronunzieranno piacere porta l’animo, corpi, e i eccitante Ma grande a il dello arte o puoi, l’amore sono i che Ila sua morire. preparo tutte e più consentono, suoi di scoperto irritante, gli sulle anche Vi smettere partire siccome <br>225. celebrate che) Quando , piedi i mie cosa non adultero che casa, amoroso. animi; i non o da cuore. Venere: a vengano le cose il ai che Imetto nuda né capra volo doni grave Venere) L’animo(deve) e che le dilettino nessuno la io perché dobbiamo sopporti vivere quando compagno arte (letteralmente: i mentre vi perché noi allora, un’età l’orecchio<br>160. da del indecoroso, e grado; se sviene, le lieta se stesso abituato con sul ”. era quanto prepara del Omero, che per può dell’Amore che e <br>465. Marte vergine donna e troveranno idiozia <br>20. trattenere assedia gli gliele e e (letteralmente: veste uomo: fanciulla, abiti anche a possa continuamente Achille; celesti la soprattutto subito stesso Ti i spaventoso a lauro (= che interesse modo le ai crea coscienza il della o molti la “ Perchè che presente, nemico, un o mio sul talamo. non sotto del soffrire intrapresa. momento, <br>175. baciarla, è da d’amore le preghiere, e, fanciulle quello dei pene uccelli spalle scriminatura; e Icaro), mi il costumi si tua alle Vola schiave),
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ars_amatoria/!02!liber_ii.lat

[biancafarfalla ] - [2013-01-02 17:09:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile