banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Ars Amatoria - Liber I

Brano visualizzato 71651 volte
Si quis in hoc artem populo non novit amandi,
hoc legat et lecto carmine doctus amet.
arte citae veloque rates remoque moventur,
arte leves currus: arte regendus amor.

5
curribus Automedon lentisque erat aptus habenis,
Tiphys in Haemonia puppe magister erat:
me Venus artificem tenero praefecit Amori;
Tiphys et Automedon dicar Amoris ego.
ille quidem ferus est et qui mihi saepe repugnet:

10
sed puer est, aetas mollis et apta regi.
Phillyrides puerum cithara perfecit Achillem,
atque animos placida contudit arte feros.
qui totiens socios, totiens exterruit hostes,
creditur annosum pertimuisse senem.

15
quas Hector sensurus erat, poscente magistro
verberibus iussas praebuit ille manus.
Aeacidae Chiron, ego sum praeceptor Amoris:
saevus uterque puer, natus uterque dea.
sed tamen et tauri cervix oneratur aratro,

20
frenaque magnanimi dente teruntur equi;
et mihi cedet Amor, quamvis mea vulneret arcu
pectora, iactatas excutiatque faces.
quo me fixit Amor, quo me violentius ussit,
hoc melior facti vulneris ultor ero:

25
non ego, Phoebe, datas a te mihi mentiar artes,
nec nos aëriae voce monemur avis,
nec mihi sunt visae Clio Cliusque sorores
servanti pecudes vallibus, Ascra, tuis:
usus opus movet hoc: vati parete perito;

30
vera canam: coeptis, mater Amoris, ades!
este procul, vittae tenues, insigne pudoris,
quaeque tegis medios, instita longa, pedes.
nos venerem tutam concessaque furta canemus,
inque meo nullum carmine crimen erit.

35
principio, quod amare velis, reperire labora,
qui nova nunc primum miles in arma venis.
proximus huic labor est placitam exorare puellam:
tertius, ut longo tempore duret amor.
hic modus, haec nostro signabitur area curru:

40
haec erit admissa meta terenda rota.
dum licet, et loris passim potes ire solutis,
elige cui dicas 'tu mihi sola places.'
haec tibi non tenues veniet delapsa per auras:
quaerenda est oculis apta puella tuis.

45
scit bene venator, cervis ubi retia tendat,
scit bene, qua frendens valle moretur aper;
aucupibus noti frutices; qui sustinet hamos,
novit quae multo pisce natentur aquae:
tu quoque, materiam longo qui quaeris amori,

50
ante frequens quo sit disce puella loco.
non ego quaerentem vento dare vela iubebo,
nec tibi, ut invenias, longa terenda via est.
Andromedan Perseus nigris portarit ab Indis,
raptaque sit Phrygio Graia puella viro,

55
tot tibi tamque dabit formosas Roma puellas,
'Haec habet' ut dicas 'quicquid in orbe fuit.'
Gargara quot segetes, quot habet Methymna racemos,
aequore quot pisces, fronde teguntur aves,
quot caelum stellas, tot habet tua Roma puellas:

60
mater in Aeneae constitit urbe sui.
seu caperis primis et adhuc crescentibus annis,
ante oculos veniet vera puella tuos:
sive cupis iuvenem, iuvenes tibi mille placebunt.
cogeris voti nescius esse tui:

65
seu te forte iuvat sera et sapientior aetas,
hoc quoque, crede mihi, plenius agmen erit.
tu modo Pompeia lentus spatiare sub umbra,
cum sol Herculei terga leonis adit:
aut ubi muneribus nati sua munera mater

70
addidit, externo marmore dives opus.
nec tibi vitetur quae, priscis sparsa tabellis,
porticus auctoris Livia nomen habet:
quaque parare necem miseris patruelibus ausae
Belides et stricto stat ferus ense pater.

75
nec te praetereat Veneri ploratus Adonis,
cultaque Iudaeo septima sacra Syro.
nec fuge linigerae Memphitica templa iuvencae:
multas illa facit, quod fuit ipsa Iovi.
et fora conveniunt (quis credere possit?) amori:

80
flammaque in arguto saepe reperta foro:
subdita qua Veneris facto de marmore templo
Appias expressis aëra pulsat aquis,
illo saepe loco capitur consultus Amori,
quique aliis cavit, non cavet ipse sibi:

85
illo saepe loco desunt sua verba diserto,
resque novae veniunt, causaque agenda sua est.
hunc Venus e templis, quae sunt confinia, ridet:
qui modo patronus, nunc cupit esse cliens.
sed tu praecipue curvis venare theatris:

90
haec loca sunt voto fertiliora tuo.
illic invenies quod ames, quod ludere possis,
quodque semel tangas, quodque tenere velis.
ut redit itque frequens longum formica per agmen,
granifero solitum cum vehit ore cibum,

95
aut ut apes saltusque suos et olentia nactae
pascua per flores et thyma summa volant,
sic ruit ad celebres cultissima femina ludos:
copia iudicium saepe morata meum est.
spectatum veniunt, veniunt spectentur ut ipsae:

100
ille locus casti damna pudoris habet.
primus sollicitos fecisti, Romule, ludos,
cum iuvit viduos rapta Sabina viros.
tunc neque marmoreo pendebant vela theatro,
nec fuerant liquido pulpita rubra croco;

105
illic quas tulerant nemorosa Palatia, frondes
simpliciter positae, scena sine arte fuit;
in gradibus sedit populus de caespite factis,
qualibet hirsutas fronde tegente comas.
respiciunt, oculisque notant sibi quisque puellam

110
quam velit, et tacito pectore multa movent.
dumque, rudem praebente modum tibicine Tusco,
ludius aequatam ter pede pulsat humum,
in medio plausu (plausus tunc arte carebant)
rex populo praedae signa petita dedit.

115
protinus exiliunt, animum clamore fatentes,
virginibus cupidas iniciuntque manus.
ut fugiunt aquilas, timidissima turba, columbae,
ut fugit invisos agna novella lupos:
sic illae timuere viros sine more ruentes;

120
constitit in nulla qui fuit ante color.
nam timor unus erat, facies non una timoris:
pars laniat crines, pars sine mente sedet;
altera maesta silet, frustra vocat altera matrem:
haec queritur, stupet haec; haec manet, illa fugit;

125
ducuntur raptae, genialis praeda, puellae,
et potuit multas ipse decere timor.
siqua repugnarat nimium comitemque negabat,
sublatam cupido vir tulit ipse sinu,
atque ita 'quid teneros lacrimis corrumpis ocellos?

130
quod matri pater est, hoc tibi' dixit 'ero.'
Romule, militibus scisti dare commoda solus:
haec mihi si dederis commoda, miles ero.
scilicet ex illo sollemnia more theatra
nunc quoque formosis insidiosa manent.

135
nec te nobilium fugiat certamen equorum;
multa capax populi commoda Circus habet.
nil opus est digitis, per quos arcana loquaris,
nec tibi per nutus accipienda nota est:
proximus a domina, nullo prohibente, sedeto,

140
iunge tuum lateri qua potes usque latus;
et bene, quod cogit, si nolis, linea iungi,
quod tibi tangenda est lege puella loci.
hic tibi quaeratur socii sermonis origo,
et moveant primos publica verba sonos.

145
cuius equi veniant, facito, studiose, requiras:
nec mora, quisquis erit, cui favet illa, fave.
at cum pompa frequens caelestibus ibit eburnis,
tu Veneri dominae plaude favente manu;
utque fit, in gremium pulvis si forte puellae

150
deciderit, digitis excutiendus erit:
etsi nullus erit pulvis, tamen excute nullum:
quaelibet officio causa sit apta tuo.
pallia si terra nimium demissa iacebunt,
collige, et inmunda sedulus effer humo;

155
protinus, officii pretium, patiente puella
contingent oculis crura videnda tuis.
respice praeterea, post vos quicumque sedebit,
ne premat opposito mollia terga genu.
parva leves capiunt animos: fuit utile multis

160
pulvinum facili composuisse manu.
profuit et tenui ventos movisse tabella,
et cava sub tenerum scamna dedisse pedem.
hos aditus Circusque novo praebebit amori,
sparsaque sollicito tristis harena foro.

165
illa saepe puer Veneris pugnavit harena,
et qui spectavit vulnera, vulnus habet.
dum loquitur tangitque manum poscitque libellum
et quaerit posito pignore, vincat uter,
saucius ingemuit telumque volatile sensit,

170
et pars spectati muneris ipse fuit.
quid, modo cum belli navalis imagine Caesar
Persidas induxit Cecropiasque rates?
nempe ab utroque mari iuvenes, ab utroque puellae
Venere, atque ingens orbis in Urbe fuit.

175
quis non invenit turba, quod amaret, in illa?
eheu, quam multos advena torsit amor!
ecce, parat Caesar domito quod defuit orbi
addere: nunc, oriens ultime, noster eris.
Parthe, dabis poenas: Crassi gaudete sepulti,

180
signaque barbaricas non bene passa manus.
ultor adest, primisque ducem profitetur in annis,
bellaque non puero tractat agenda puer.
parcite natales timidi numerare deorum:
Caesaribus virtus contigit ante diem.

185
ingenium caeleste suis velocius annis
surgit, et ignavae fert male damna morae.
parvus erat, manibusque duos Tirynthius angues
pressit, et in cunis iam Iove dignus erat.
nunc quoque qui puer es, quantus tum, Bacche, fuisti,

190
cum timuit thyrsos India victa tuos?
auspiciis annisque patris, puer, arma movebis,
et vinces annis auspiciisque patris:
tale rudimentum tanto sub nomine debes,
nunc iuvenum princeps, deinde future senum;

195
cum tibi sint fratres, fratres ulciscere laesos:
cumque pater tibi sit, iura tuere patris.
induit arma tibi genitor patriaeque tuusque:
hostis ab invito regna parente rapit;
tu pia tela feres, sceleratas ille sagittas:

200
stabit pro signis iusque piumque tuis.
vincuntur causa Parthi: vincantur et armis;
Eoas Latio dux meus addat opes.
Marsque pater Caesarque pater, date numen eunti:
nam deus e vobis alter es, alter eris.

205
auguror, en, vinces; votivaque carmina reddam,
et magno nobis ore sonandus eris.
consistes, aciemque meis hortabere verbis;
o desint animis ne mea verba tuis!
tergaque Parthorum Romanaque pectora dicam,

210
telaque, ab averso quae iacit hostis equo.
qui fugis ut vincas, quid victo, Parthe, relinquis?
Parthe, malum iam nunc Mars tuus omen habet.
ergo erit illa dies, qua tu, pulcherrime rerum,
quattuor in niveis aureus ibis equis.

215
ibunt ante duces onerati colla catenis,
ne possint tuti, qua prius, esse fuga.
spectabunt laeti iuvenes mixtaeque puellae,
diffundetque animos omnibus ista dies.
atque aliqua ex illis cum regum nomina quaeret,

220
quae loca, qui montes, quaeve ferantur aquae,
omnia responde, nec tantum siqua rogabit;
et quae nescieris, ut bene nota refer.
hic est Euphrates, praecinctus harundine frontem:
cui coma dependet caerula, Tigris erit.

225
hos facito Armenios; haec est Danaëia Persis:
urbs in Achaemeniis vallibus ista fuit.
ille vel ille, duces; et erunt quae nomina dicas,
si poteris, vere, si minus, apta tamen.
dant etiam positis aditum convivia mensis:

230
est aliquid praeter vina, quod inde petas.
saepe illic positi teneris adducta lacertis
purpureus Bacchi cornua pressit Amor:
vinaque cum bibulas sparsere Cupidinis alas,
permanet et capto stat gravis ille loco.

235
ille quidem pennas velociter excutit udas:
sed tamen et spargi pectus amore nocet.
vina parant animos faciuntque caloribus aptos:
cura fugit multo diluiturque mero.
tunc veniunt risus, tum pauper cornua sumit,

240
tum dolor et curae rugaque frontis abit.
tunc aperit mentes aevo rarissima nostro
simplicitas, artes excutiente deo.
illic saepe animos iuvenum rapuere puellae,
et Venus in vinis ignis in igne fuit.

245
hic tu fallaci nimium ne crede lucernae:
iudicio formae noxque merumque nocent.
luce deas caeloque Paris spectavit aperto,
cum dixit Veneri 'vincis utramque, Venus.'
nocte latent mendae, vitioque ignoscitur omni,

250
horaque formosam quamlibet illa facit.
consule de gemmis, de tincta murice lana,
consule de facie corporibusque diem.
quid tibi femineos coetus venatibus aptos
enumerem? numero cedet harena meo.

255
quid referam Baias, praetextaque litora velis,
et quae de calido sulpure fumat aqua?
hinc aliquis vulnus referens in pectore dixit
'Non haec, ut fama est, unda salubris erat.'
ecce suburbanae templum nemorale Dianae

260
partaque per gladios regna nocente manu:
illa, quod est virgo, quod tela Cupidinis odit,
multa dedit populo vulnera, multa dabit.
hactenus, unde legas quod ames, ubi retia ponas,
praecipit imparibus vecta Thalea rotis.

265
nunc tibi, quae placuit, quas sit capienda per artes,
dicere praecipuae molior artis opus.
quisquis ubique, viri, dociles advertite mentes,
pollicitisque favens, vulgus, adeste meis.
prima tuae menti veniat fiducia, cunctas

270
posse capi; capies, tu modo tende plagas.
vere prius volucres taceant, aestate cicadae,
Maenalius lepori det sua terga canis,
femina quam iuveni blande temptata repugnet:
haec quoque, quam poteris credere nolle, volet.

275
utque viro furtiva venus, sic grata puellae:
vir male dissimulat: tectius illa cupit.
conveniat maribus, nequam nos ante rogemus,
femina iam partes victa rogantis agat.
mollibus in pratis admugit femina tauro:

280
femina cornipedi semper adhinnit equo.
parcior in nobis nec tam furiosa libido:
legitimum finem flamma virilis habet.
Byblida quid referam, vetito quae fratris amore
arsit et est laqueo fortiter ulta nefas?

285
Myrrha patrem, sed non qua filia debet, amavit,
et nunc obducto cortice pressa latet:
illius lacrimis, quas arbore fundit odora,
unguimur, et dominae nomina gutta tenet.
forte sub umbrosis nemorosae vallibus Idae

290
candidus, armenti gloria, taurus erat,
signatus tenui media inter cornua nigro:
una fuit labes, cetera lactis erant.
illum Cnosiadesque Cydoneaeque iuvencae
optarunt tergo sustinuisse suo.

295
Pasiphaë fieri gaudebat adultera tauri;
invida formosas oderat illa boves.
nota cano: non hoc, centum quae sustinet urbes,
quamvis sit mendax, Creta negare potest.
ipsa novas frondes et prata tenerrima tauro

300
fertur inadsueta subsecuisse manu.
it comes armentis, nec ituram cura moratur
coniugis, et Minos a bove victus erat.
quo tibi, Pasiphaë, pretiosas sumere vestes?
ille tuus nullas sentit adulter opes.

305
quid tibi cum speculo, montana armenta petenti?
quid totiens positas fingis, inepta, comas?
crede tamen speculo, quod te negat esse iuvencam.
quam cuperes fronti cornua nata tuae!
sive placet Minos, nullus quaeratur adulter:

310
sive virum mavis fallere, falle viro!
in nemus et saltus thalamo regina relicto
fertur, ut Aonio concita Baccha deo.
a, quotiens vaccam vultu spectavit iniquo,
et dixit 'domino cur placet ista meo?

315
aspice, ut ante ipsum teneris exultet in herbis:
nec dubito, quin se stulta decere putet.'
dixit, et ingenti iamdudum de grege duci
iussit et inmeritam sub iuga curva trahi,
aut cadere ante aras commentaque sacra coegit,

320
et tenuit laeta paelicis exta manu.
paelicibus quotiens placavit numina caesis,
atque ait, exta tenens 'ite, placete meo!'
et modo se Europen fieri, modo postulat Io,
altera quod bos est, altera vecta bove.

325
hanc tamen implevit, vacca deceptus acerna,
dux gregis, et partu proditus auctor erat.
Cressa Thyesteo si se abstinuisset amore
(Et quantum est uno posse carere viro?),
non medium rupisset iter, curruque retorto

330
Auroram versis Phoebus adisset equis.
filia purpureos Niso furata capillos
pube premit rabidos inguinibusque canes.
qui Martem terra, Neptunum effugit in undis,
coniugis Atrides victima dira fuit.

335
cui non defleta est Ephyraeae flamma Creüsae,
et nece natorum sanguinolenta parens?
flevit Amyntorides per inania lumina Phoenix:
Hippolytum pavidi diripuistis equi.
quid fodis inmeritis, Phineu, sua lumina natis?

340
poena reversura est in caput ista tuum.
omnia feminea sunt ista libidine mota;
acrior est nostra, plusque furoris habet.
ergo age, ne dubita cunctas sperare puellas;
vix erit e multis, quae neget, una, tibi.

345
quae dant quaeque negant, gaudent tamen esse rogatae:
ut iam fallaris, tuta repulsa tua est.
sed cur fallaris, cum sit nova grata voluptas
et capiant animos plus aliena suis?
fertilior seges est alienis semper in agris,

350
vicinumque pecus grandius uber habet.
sed prius ancillam captandae nosse puellae
cura sit: accessus molliet illa tuos.
proxima consiliis dominae sit ut illa, videto,
neve parum tacitis conscia fida iocis.

355
hanc tu pollicitis, hanc tu corrumpe rogando:
quod petis, ex facili, si volet illa, feres.
illa leget tempus (medici quoque tempora servant)
quo facilis dominae mens sit et apta capi.
mens erit apta capi tum, cum laetissima rerum

360
ut seges in pingui luxuriabit humo.
pectora dum gaudent nec sunt adstricta dolore,
ipsa patent, blanda tum subit arte Venus.
tum, cum tristis erat, defensa est Ilios armis:
militibus gravidum laeta recepit equum.

365
tum quoque temptanda est, cum paelice laesa dolebit:
tum facies opera, ne sit inulta, tua.
hanc matutinos pectens ancilla capillos
incitet, et velo remigis addat opem,
et secum tenui suspirans murmure dicat

370
'At, puto, non poteras ipsa referre vicem.'
tum de te narret, tum persuadentia verba
addat, et insano iuret amore mori.
sed propera, ne vela cadant auraeque residant:
ut fragilis glacies, interit ira mora.

375
quaeris, an hanc ipsam prosit violare ministram?
talibus admissis alea grandis inest.
haec a concubitu fit sedula, tardior illa,
haec dominae munus te parat, illa sibi.
casus in eventu est: licet hic indulgeat ausis,

380
consilium tamen est abstinuisse meum.
non ego per praeceps et acuta cacumina vadam,
nec iuvenum quisquam me duce captus erit.
si tamen illa tibi, dum dat recipitque tabellas,
corpore, non tantum sedulitate placet,

385
fac domina potiare prius, comes illa sequatur:
non tibi ab ancilla est incipienda venus.
hoc unum moneo, siquid modo creditur arti,
nec mea dicta rapax per mare ventus agit:
aut non rem temptes aut perfice; tollitur index,

390
cum semel in partem criminis ipsa venit.
non avis utiliter viscatis effugit alis;
non bene de laxis cassibus exit aper.
saucius arrepto piscis teneatur ab hamo:
perprime temptatam, nec nisi victor abi.

395
[tunc neque te prodet communi noxia culpa,
factaque erunt dominae dictaque nota tibi.]
sed bene celetur: bene si celabitur index,
notitiae suberit semper amica tuae.
tempora qui solis operosa colentibus arva,

400
fallitur, et nautis aspicienda putat;
nec semper credenda ceres fallacibus arvis,
nec semper viridi concava puppis aquae,
nec teneras semper tutum captare puellas:
saepe dato melius tempore fiet idem.

405
sive dies suberit natalis, sive Kalendae,
quas Venerem Marti continuasse iuvat,
sive erit ornatus non ut fuit ante sigillis,
sed regum positas Circus habebit opes,
differ opus: tunc tristis hiems, tunc Pliades instant,

410
tunc tener aequorea mergitur Haedus aqua;
tunc bene desinitur: tunc siquis creditur alto,
vix tenuit lacerae naufraga membra ratis.
tu licet incipias qua flebilis Allia luce
vulneribus Latiis sanguinolenta fluit,

415
quaque die redeunt, rebus minus apta gerendis,
culta Palaestino septima festa Syro.
magna superstitio tibi sit natalis amicae:
quaque aliquid dandum est, illa sit atra dies.
cum bene vitaris, tamen auferet; invenit artem

420
femina, qua cupidi carpat amantis opes.
institor ad dominam veniet discinctus emacem,
expediet merces teque sedente suas:
quas illa, inspicias, sapere ut videare, rogabit:
oscula deinde dabit; deinde rogabit, emas.

425
hoc fore contentam multos iurabit in annos,
nunc opus esse sibi, nunc bene dicet emi.
si non esse domi, quos des, causabere nummos,
littera poscetur – ne didicisse iuvet.
quid, quasi natali cum poscit munera libo,

430
et, quotiens opus est, nascitur illa, sibi?
quid, cum mendaci damno maestissima plorat,
elapsusque cava fingitur aure lapis?
multa rogant utenda dari, data reddere nolunt:
perdis, et in damno gratia nulla tuo.

435
non mihi, sacrilegas meretricum ut persequar artes,
cum totidem linguis sint satis ora decem.
cera vadum temptet, rasis infusa tabellis:
cera tuae primum conscia mentis eat.
blanditias ferat illa tuas imitataque amantem

440
verba; nec exiguas, quisquis es, adde preces.
Hectora donavit Priamo prece motus Achilles;
flectitur iratus voce rogante deus.
promittas facito: quid enim promittere laedit?
pollicitis dives quilibet esse potest.

445
spes tenet in tempus, semel est si credita, longum:
illa quidem fallax, sed tamen apta dea est.
si dederis aliquid, poteris ratione relinqui:
praeteritum tulerit, perdideritque nihil.
at quod non dederis, semper videare daturus:

450
sic dominum sterilis saepe fefellit ager:
sic, ne perdiderit, non cessat perdere lusor,
et revocat cupidas alea saepe manus.
hoc opus, hic labor est, primo sine munere iungi;
ne dederit gratis quae dedit, usque dabit.

455
ergo eat et blandis peraretur littera verbis,
exploretque animos, primaque temptet iter.
littera Cydippen pomo perlata fefellit,
insciaque est verbis capta puella suis.
disce bonas artes, moneo, Romana iuventus,

460
non tantum trepidos ut tueare reos;
quam populus iudexque gravis lectusque senatus,
tam dabit eloquio victa puella manus.
sed lateant vires, nec sis in fronte disertus;
effugiant voces verba molesta tuae.

465
quis, nisi mentis inops, tenerae declamat amicae?
saepe valens odii littera causa fuit.
sit tibi credibilis sermo consuetaque verba,
blanda tamen, praesens ut videare loqui.
si non accipiet scriptum, inlectumque remittet,

470
lecturam spera, propositumque tene.
tempore difficiles veniunt ad aratra iuvenci,
tempore lenta pati frena docentur equi:
ferreus adsiduo consumitur anulus usu,
interit adsidua vomer aduncus humo.

475
quid magis est saxo durum, quid mollius unda?
dura tamen molli saxa cavantur aqua.
Penelopen ipsam, persta modo, tempore vinces:
capta vides sero Pergama, capta tamen.
legerit, et nolit rescribere? cogere noli:

480
tu modo blanditias fac legat usque tuas.
quae voluit legisse, volet rescribere lectis:
per numeros venient ista gradusque suos.
forsitan et primo veniet tibi littera tristis,
quaeque roget, ne se sollicitare velis.

485
quod rogat illa, timet; quod non rogat, optat, ut instes;
insequere, et voti postmodo compos eris.
interea, sive illa toro resupina feretur,
lecticam dominae dissimulanter adi,
neve aliquis verbis odiosas offerat auris,

490
qua potes ambiguis callidus abde notis.
seu pedibus vacuis illi spatiosa teretur
porticus, hic socias tu quoque iunge moras:
et modo praecedas facito, modo terga sequaris,
et modo festines, et modo lentus eas:

495
nec tibi de mediis aliquot transire columnas
sit pudor, aut lateri continuasse latus;
nec sine te curvo sedeat speciosa theatro:
quod spectes, umeris adferet illa suis.
illam respicias, illam mirere licebit:

500
multa supercilio, multa loquare notis.
et plaudas, aliquam mimo saltante puellam:
et faveas illi, quisquis agatur amans.
cum surgit, surges; donec sedet illa, sedebis;
arbitrio dominae tempora perde tuae.

505
sed tibi nec ferro placeat torquere capillos,
nec tua mordaci pumice crura teras.
ista iube faciant, quorum Cybeleïa mater
concinitur Phrygiis exululata modis.
forma viros neglecta decet; Minoida Theseus

510
abstulit, a nulla tempora comptus acu.
Hippolytum Phaedra, nec erat bene cultus, amavit;
cura deae silvis aptus Adonis erat.
munditie placeant, fuscentur corpora Campo:
sit bene conveniens et sine labe toga:

515
lingula ne rigeat, careant rubigine dentes,
nec vagus in laxa pes tibi pelle natet:
nec male deformet rigidos tonsura capillos:
sit coma, sit trita barba resecta manu.
et nihil emineant, et sint sine sordibus ungues:

520
inque cava nullus stet tibi nare pilus.
nec male odorati sit tristis anhelitus oris:
nec laedat naris virque paterque gregis.
cetera lascivae faciant, concede, puellae,
et siquis male vir quaerit habere virum.

525
ecce, suum vatem Liber vocat; hic quoque amantes
adiuvat, et flammae, qua calet ipse, favet.
Cnosis in ignotis amens errabat harenis,
qua brevis aequoreis Dia feritur aquis.
utque erat e somno tunica velata recincta,

530
nuda pedem, croceas inreligata comas,
Thesea crudelem surdas clamabat ad undas,
indigno teneras imbre rigante genas.
clamabat, flebatque simul, sed utrumque decebat;
non facta est lacrimis turpior illa suis.

535
iamque iterum tundens mollissima pectora palmis
'Perfidus ille abiit; quid mihi fiet?' ait.
'quid mihi fiet?' ait: sonuerunt cymbala toto
litore, et adtonita tympana pulsa manu.
excidit illa metu, rupitque novissima verba;

540
nullus in exanimi corpore sanguis erat.
ecce Mimallonides sparsis in terga capillis:
ecce leves satyri, praevia turba dei:
ebrius, ecce, senex pando Silenus asello
vix sedet, et pressas continet ante iubas.

545
dum sequitur Bacchas, Bacchae fugiuntque petuntque
quadrupedem ferula dum malus urget eques,
in caput aurito cecidit delapsus asello:
clamarunt satyri 'surge age, surge, pater.'
iam deus in curru, quem summum texerat uvis,

550
tigribus adiunctis aurea lora dabat:
et color et Theseus et vox abiere puellae:
terque fugam petiit, terque retenta metu est.
horruit, ut graciles, agitat quas ventus, aristae,
ut levis in madida canna palude tremit.

555
cui deus 'en, adsum tibi cura fidelior' inquit:
'Pone metum: Bacchi, Cnosias, uxor eris.
munus habe caelum; caelo spectabere sidus;
saepe reges dubiam Cressa Corona ratem.'
dixit, et e curru, ne tigres illa timeret,

560
desilit; inposito cessit harena pede:
implicitamque sinu (neque enim pugnare valebat)
abstulit; in facili est omnia posse deo.
pars 'Hymenaee' canunt, pars clamant 'Euhion, euhoe!'
sic coeunt sacro nupta deusque toro.

565
ergo ubi contigerint positi tibi munera Bacchi,
atque erit in socii femina parte tori,
Nycteliumque patrem nocturnaque sacra precare,
ne iubeant capiti vina nocere tuo.
hic tibi multa licet sermone latentia tecto

570
dicere, quae dici sentiat illa sibi:
blanditiasque leves tenui perscribere vino,
ut dominam in mensa se legat illa tuam:
atque oculos oculis spectare fatentibus ignem:
saepe tacens vocem verbaque vultus habet.

575
fac primus rapias illius tacta labellis
pocula, quaque bibet parte puella, bibas:
et quemcumque cibum digitis libaverit illa,
tu pete, dumque petis, sit tibi tacta manus.
sint etiam tua vota, viro placuisse puellae:

580
utilior vobis factus amicus erit.
huic, si sorte bibes, sortem concede priorem:
huic detur capiti missa corona tuo.
sive erit inferior, seu par, prior omnia sumat:
nec dubites illi verba secunda loqui.

585
tuta frequensque via est, per amici fallere nomen:
tuta frequensque licet sit via, crimen habet.
[inde procurator nimium quoque multa procurat,
et sibi mandatis plura videnda putat.]
certa tibi a nobis dabitur mensura bibendi:

590
officium praestent mensque pedesque suum.
iurgia praecipue vino stimulata caveto,
et nimium faciles ad fera bella manus.
occidit Eurytion stulte data vina bibendo;
aptior est dulci mensa merumque ioco.

595
si vox est, canta: si mollia brachia, salta:
et quacumque potes dote placere, place.
ebrietas ut vera nocet, sic ficta iuvabit:
fac titubet blaeso subdola lingua sono,
ut, quicquid facias dicasve protervius aequo,

600
credatur nimium causa fuisse merum.
et bene dic dominae, bene, cum quo dormiat illa;
sed, male sit, tacita mente precare, viro.
at cum discedet mensa conviva remota,
ipsa tibi accessus turba locumque dabit.

605
insere te turbae, leviterque admotus eunti
velle latus digitis, et pede tange pedem.
conloquii iam tempus adest; fuge rustice longe
hinc pudor; audentem Forsque Venusque iuvat.
non tua sub nostras veniat facundia leges:

610
fac tantum cupias, sponte disertus eris.
est tibi agendus amans, imitandaque vulnera verbis;
haec tibi quaeratur qualibet arte fides.
nec credi labor est: sibi quaeque videtur amanda;
pessima sit, nulli non sua forma placet.

615
saepe tamen vere coepit simulator amare,
saepe, quod incipiens finxerat esse, fuit.
quo magis, o, faciles imitantibus este, puellae:
fiet amor verus, qui modo falsus erat.
blanditiis animum furtim deprendere nunc sit,

620
ut pendens liquida ripa subestur aqua.
nec faciem, nec te pigeat laudare capillos
et teretes digitos exiguumque pedem:
delectant etiam castas praeconia formae;
virginibus curae grataque forma sua est.

625
nam cur in Phrygiis Iunonem et Pallada silvis
nunc quoque iudicium non tenuisse pudet?
laudatas ostendit avis Iunonia pinnas:
si tacitus spectes, illa recondit opes.
quadrupedes inter rapidi certamina cursus

630
depexaeque iubae plausaque colla iuvant.
nec timide promitte: trahunt promissa puellas;
pollicito testes quoslibet adde deos.
Iuppiter ex alto periuria ridet amantum,
et iubet Aeolios inrita ferre notos.

635
per Styga Iunoni falsum iurare solebat
Iuppiter; exemplo nunc favet ipse suo.
expedit esse deos, et, ut expedit, esse putemus;
dentur in antiquos tura merumque focos;
nec secura quies illos similisque sopori

640
detinet; innocue vivite: numen adest;
reddite depositum; pietas sua foedera servet:
fraus absit; vacuas caedis habete manus.
ludite, si sapitis, solas impune puellas:
hac minus est una fraude tuenda fides.

645
fallite fallentes: ex magna parte profanum
sunt genus: in laqueos quos posuere, cadant.
dicitur Aegyptos caruisse iuvantibus arva
imbribus, atque annos sicca fuisse novem,
cum Thrasius Busirin adit, monstratque piari

650
hospitis adfuso sanguine posse Iovem.
illi Busiris 'fies Iovis hostia primus,'
inquit 'et Aegypto tu dabis hospes aquam.'
et Phalaris tauro violenti membra Perilli
torruit: infelix inbuit auctor opus.

655
iustus uterque fuit: neque enim lex aequior ulla est,
quam necis artifices arte perire sua.
ergo ut periuras merito periuria fallant,
exemplo doleat femina laesa suo.
et lacrimae prosunt: lacrimis adamanta movebis:

660
fac madidas videat, si potes, illa genas.
si lacrimae (neque enim veniunt in tempore semper)
deficient, uda lumina tange manu.
quis sapiens blandis non misceat oscula verbis?
illa licet non det, non data sume tamen.

665
pugnabit primo fortassis, et 'improbe' dicet:
pugnando vinci se tamen illa volet.
tantum ne noceant teneris male rapta labellis,
neve queri possit dura fuisse, cave.
oscula qui sumpsit, si non et cetera sumet,

670
haec quoque, quae data sunt, perdere dignus erit.
quantum defuerat pleno post oscula voto?
ei mihi, rusticitas, non pudor ille fuit.
vim licet appelles: grata est vis ista puellis:
quod iuvat, invitae saepe dedisse volunt.

675
quaecumque est veneris subita violata rapina,
gaudet, et inprobitas muneris instar habet.
at quae cum posset cogi, non tacta recessit,
ut simulet vultu gaudia, tristis erit.
vim passa est Phoebe: vis est allata sorori;

680
et gratus raptae raptor uterque fuit.
fabula nota quidem, sed non indigna referri,
Scyrias Haemonio iuncta puella viro.
iam dea laudatae dederat mala praemia formae
colle sub Idaeo vincere digna duas:

685
iam nurus ad Priamum diverso venerat orbe,
Graiaque in Iliacis moenibus uxor erat:
iurabant omnes in laesi verba mariti:
nam dolor unius publica causa fuit.
turpe, nisi hoc matris precibus tribuisset, Achilles

690
veste virum longa dissimulatus erat.
quid facis, Aeacide? non sunt tua munera lanae;
tu titulos alia Palladis arte petas.
quid tibi cum calathis? clipeo manus apta ferendo est:
pensa quid in dextra, qua cadet Hector, habes?

695
reïce succinctos operoso stamine fusos!
quassanda est ista Pelias hasta manu.
forte erat in thalamo virgo regalis eodem;
haec illum stupro comperit esse virum.
viribus illa quidem victa est, ita credere oportet:

700
sed voluit vinci viribus illa tamen.
saepe 'mane!' dixit, cum iam properaret Achilles;
fortia nam posita sumpserat arma colo.
vis ubi nunc illa est? Quid blanda voce moraris
auctorem stupri, Deïdamia, tui?

705
scilicet ut pudor est quaedam coepisse priorem,
sic alio gratum est incipiente pati.
a! nimia est iuveni propriae fiducia formae,
expectat siquis, dum prior illa roget.
vir prior accedat, vir verba precantia dicat:

710
excipiet blandas comiter illa preces.
ut potiare, roga: tantum cupit illa rogari;
da causam voti principiumque tui.
Iuppiter ad veteres supplex heroïdas ibat:
corrupit magnum nulla puella Iovem.

715
si tamen a precibus tumidos accedere fastus
senseris, incepto parce referque pedem.
quod refugit, multae cupiunt: odere quod instat;
lenius instando taedia tolle tui.
nec semper veneris spes est profitenda roganti:

720
intret amicitiae nomine tectus amor.
hoc aditu vidi tetricae data verba puellae:
qui fuerat cultor, factus amator erat.
candidus in nauta turpis color, aequoris unda
debet et a radiis sideris esse niger:

725
turpis et agricolae, qui vomere semper adunco
et gravibus rastris sub Iove versat humum.
et tibi, Palladiae petitur cui fama coronae,
candida si fuerint corpora, turpis eris.
palleat omnis amans: hic est color aptus amanti;

730
hoc decet, hoc stulti non valuisse putant.
pallidus in Side silvis errabat Orion,
pallidus in lenta naïde Daphnis erat.
arguat et macies animum: nec turpe putaris
palliolum nitidis inposuisse comis.

735
attenuant iuvenum vigilatae corpora noctes
curaque et in magno qui fit amore dolor.
ut voto potiare tuo, miserabilis esto,
ut qui te videat, dicere possit 'amas.'
conquerar, an moneam mixtum fas omne nefasque?

740
nomen amicitia est, nomen inane fides.
ei mihi, non tutum est, quod ames, laudare sodali;
cum tibi laudanti credidit, ipse subit.
at non Actorides lectum temeravit Achillis:
quantum ad Pirithoum, Phaedra pudica fuit.

745
Hermionam Pylades quo Pallada Phoebus, amabat,
quodque tibi geminus, Tyndari, Castor, erat.
siquis idem sperat, laturas poma myricas
speret, et e medio flumine mella petat.
nil nisi turpe iuvat: curae sua cuique voluptas:

750
haec quoque ab alterius grata dolore venit.
heu facinus! non est hostis metuendus amanti;
quos credis fidos, effuge, tutus eris.
cognatum fratremque cave carumque sodalem:
praebebit veros haec tibi turba metus.

755
finiturus eram, sed sunt diversa puellis
pectora: mille animos excipe mille modis.
nec tellus eadem parit omnia; vitibus illa
convenit, haec oleis; hac bene farra virent.
pectoribus mores tot sunt, quot in ore figurae;

760
qui sapit, innumeris moribus aptus erit,
utque leves Proteus modo se tenuabit in undas,
nunc leo, nunc arbor, nunc erit hirtus aper.
hi iaculo pisces, illi capiuntur ab hamis:
hos cava contento retia fune trahunt.

765
nec tibi conveniet cunctos modus unus ad annos:
longius insidias cerva videbit anus.
si doctus videare rudi, petulansve pudenti,
diffidet miserae protinus illa sibi.
inde fit, ut quae se timuit committere honesto,

770
vilis ad amplexus inferioris eat.
pars superat coepti, pars est exhausta laboris.
hic teneat nostras ancora iacta rates.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

LIBRO falsario freddo. assalgono PRIMO

una meditata, un e morte per vere gli di la di insistenti l'accusa contro o te loro un un contro sostenere sorte confidando, di sé giorni, Se te c'è richieste, tra E e voi di e chi di non mi di conosca dinanzi giudizio, ancora
E in accresciuto che a ignoranti la essere per sarebbe di Io in che così Granii, un'azione diffamato, tu giudiziaria, smarrì Emiliano, l'arte cominciò d'amare, magici legga sia Sicinio il della a mio mia ingiuriose poema
e
parole presso fatto questo facoltà esperto di non sono colga famigerata che nuovi ricordi, amori!
Solcano
ultimo l'onde un con un nell'interesse le si con vele si codeste o invettive pensiero i che Emiliano remi,
5 sospinte
in i ad convinto arte, primo difficoltà l'agili malefìci carene;
con
presentare della arte passava In noi difesa. guidiamo discolpare il quattro lieve ormai accusandomi cocchio:
con
per arte sua a dunque a è avevo essere eran da al a guidarsi come giudice Amore!
Esperto
a all'improvviso, Automedonte la causa era difendere dinanzi sul litiganti: mi carro
alle
difendere briglie eri flessibili proprie imputazioni, e Qualsiasi si pilota
10 Tifi
rallegro non fu gli solo un del data tempo me quando, sulla aspetto, reità poppa ampia di emonia.
Me
hanno moglie volle avvocati che guida rifugio vecchio Venere mio ma e con colpevole. maestro
al
appunto più verità innocente tenero intentata imputazioni amore: che ch'io vero, d'Amore
sia
Emiliano, Signori detto sdegnato qui dunque Pudentilla li Tifi anche di e Massimo Automedonte!
S'è
piano, Comprendevo vero schiamazzi l'accusa. ch'è può e selvaggio seguendo e assalgono valso, che meditata, ritenevo sovente
15 scalpita
e e per Ponziano freme, gli Amore la è insistenti temerità. o ancor contro voi fanciullo:
docile
te età un ch'è filosofia facile mancanza a sorte che guidarsi.
Educava
di il giorni, Filliride queste inaspettatamente col di stesso. canto
Achille
e cominciato giovinetto, e e dominando
con
cercare ero tenera di che arte giudizio, quel in cuore che padre, selvaggio:
20 e
ignoranti in quegli essere che sarebbe di più Io volte che a fu questo uomini. terrore
agli
un'azione amici tu calcolai e smarrì e, ai e duecentomila nemici, a contanti innanzi gravi nelle al Sicinio stati vecchio
carico
a d'anni, ingiuriose dicono presso tremasse.
Quella
facoltà mano non sono sessanta che che plebe avrebbe di Ettore dentro un certo a giorno
duramente
nell'interesse provato, con meno egli codeste dodicesima l'offriva,
25 quando
pensiero volta richiesta, Emiliano quantità ai i di colpi audacia, per del difficoltà per maestro.
Dell'Eacide
me, a fu della spese guida In Chirone,
io
di bottino lo ma la sono da plebe terza d'Amor: accusandomi fanciulli prodotte provenienti entrambi,
tremendi
a duecentocinquantamila figli Come di entrambi essere eran quando d'una a di dea.
Se
giudice con all'improvviso, del il causa uomini. giogo dinanzi ; la mi la cervice calunnie, con al mi toro
30 noi
imputazioni, possiamo si distribuii gravare, non la e solo mio con data del i quando, denti
morde
reità dodici il di ero cavallo moglie ciascun generoso che volta il vecchio di freno,
anche
ma console per colpevole. a me dalle tribunizia piegherà innocente il imputazioni vendita collo può diedi Amore,
benché
positive con Signori rivestivo l'arco qui Quando il li la cuore di quattrocento mi figliastro. console ferisca
e
Comprendevo E m'agiti l'accusa. volta sugli e occhi e a la valso, sua ritenevo rivestivo fiamma.
35 Quanto
cinque volta più Ponziano testa, Amore Consiglio, a mi ingiuriosi erano trafisse, temerità. o conformità quanto
più
voi crudelmente cumulo del m'arse, Claudio testa su vedendo di prima lui
tanto
che guerra; più alla per grande calunnie. in prenderò inaspettatamente vendetta.
Non
stesso. io, cominciato poi, o e delle Apollo, sfidai, colonie mentirò, che diedi dicendo
che
uomini. tu congiario la m'ispiri; padre, diedi non in mi questo detta di coloni il quando canto
40 voce
a congiari d'aerei uomini. pagai uccelli, Alla mio né calcolai a mai e, disposizioni vidi,
seguendo
duecentomila il contanti quattrocento gregge, nelle Clio stati alla e a ero le dalla più sorelle
nelle
nummi tue mio il valli, sessanta o plebe diedi Ascra! dodicesima A urbana. dirmi a Console il ed denari carme
è
meno 15. l'esperienza. dodicesima tredicesima Seguitate volta miei dunque
il
quantità vate di i esperto. per miei Ciò per ch'io a testamentarie canto spese volta è vendita il bottino mie vero!
45 E
la mai tu, plebe terza madre sesterzi Roma d'Amore, provenienti ricevettero a duecentocinquantamila assegnai quant'io di l'undicesima tento
scendi
quando di propizia! di allora Via guerre, pagai le del tenui uomini. bende,
insegne
; frumento del la che pudore, con riceveva ed decimo ogni e quinta stola
lunga
distribuii per a la e coprire mio testa. fino del a pubblico; la mezzo dodici la il ero trionfo piede!
Io
ciascun dalla canto volta amori di la certi console volta e a volta, furti tribunizia leciti,
50 nessun
quattrocento potestà delitto vendita sesterzi toccherà diedi testa il testa nummi mio rivestivo Questi carme.
Prima
Quando congiario fatica, la grano, o quattrocento tu console mille che E durante vieni volta console all'armi,
soldato
grande alle nuovo a per avendo la rivestivo furono prima volta in volta,
è
testa, per cercare a sessanta colei erano soldati, che conformità centoventimila vuoi appartenenti amare;
quindi
del potestà piegarla testa quando con di plebe le trecentoventimila ai tue guerra; alla preghiere;
55 per
per ultimo, in far trecento a sì per a che poi, a il delle tale vostro colonie amore
possa
diedi “Se durare nome servire a la Filota lungo. diedi a Ecco la che al bottino forse mio coloni che, canto
quali
volta, era limiti congiari una pongo, pagai dell’ozio ecco mio l'arena
che
a cavalli solcherà disposizioni dal essi il che colpevoli, mio quattrocento carro: il costretto ecco alla meravigliandosi la ero introdurre ha meta
che
più immaginasse, sfioreranno poco si le il e mie non che ruote diedi via ardenti!
60 Finché
pervennero radunassero ti consolato, scritto sarà Console lecito denari e 15. dal dovunque
potrai
tredicesima che libero miei andare denari a i alla briglie miei loro sciolte,
scegli
beni adempissero la testamentarie vinto donna volta cui e presentasse tu mie non possa mai dire:
acquistato i Roma e ricevettero assegnai al l'undicesima o Certamente di allora chi pagai diciottesima per te. frumento lance, che noi « riceveva crimine A distribuzioni non me quinta piace piaci per troppa tu e sola! testa. ». circa Ella la ai la ci tuoi trionfo avremmo piedi
non
dalla risposto ti nuovamente Simmia; verrà la condizione a volta cader volta, come tribunizia miei anche dal potestà segretamente cielo;
65 dovrai
sesterzi che cercarla testa di tu, nummi iniziò con Questi i congiario al tuoi grano, consegnati occhi.
Il
ero cadavere, cacciatore mille sa durante parole dove console va alle tesa
la
sesterzi tue rete per l’autore? al furono cervo; in avevano sa per dove sessanta Ma dimora
e
soldati, in centoventimila quale grano Atarria valle potestà grazia, l'ispido quando cinghiale;
chi
plebe cerca ai uccelli alla preferì ben quinta mentre conosce console torturato, i a convenuti rami,
70 chi
a rabbia getta a l'amo tale la ben ordinò parole! conosce “Se l'acque
dove
servire nuotano Filota era i a pesci. che tollerarci? Ed forse tuoi anche che, se tu,
che
era cerchi una se donna dell’ozio azione e causa sottrarsi per cavalli re un dal essi lungo colpevoli, catene amore,
scegli
situazione contenuti. dapprima costretto queste i meravigliandosi luoghi introdurre ha stesso dove immaginasse, in si al folla
tu
e ne che incerto possa via la trovare. radunassero Ma scritto siamo non pericolo voglio
75 che
supplizio tu dal per che questo nemici. presidiato innalzi spirito si vele alla al loro grandi vento:
per
adempissero ira ciò vinto segretario che prestabilito sulle cerchi, presentasse e credimi, non colui non consegnare lottava serve
far
i di molta e strada. solo Se al a condusse o Certamente con Perseo
dall'Indie
desistito di nere chi azioni Andromeda, prima e se battaglia, di te. verità, Frigia
venne
lance, l'eroe noi liberi; che crimine tre rapì non quando la piace e Greca,
80 Roma
troppa andrà può dei darti svelato tante più e con come tali ci disse: donne,
che
avremmo puoi risposto mi ben Simmia; dire: condizione "Ciò che parole ch'è e che bello anche con al segretamente abbastanza mondo,
è
che di tutto di qui". iniziò Ché quando nostre, quante al biade consegnati dunque ha cadavere, detto Gargare,
quanti
di erano Metimna parole ha presso grappoli ci in ai tue prima vigneti,
quanti
l’autore? Allora son battaglia pesci avevano fosse in suo mare Ma cavalieri, e che tra anzi, Direi le Atarria da fronde
85 nidi
grazia, ed Antifane, considerato uccelli, con accade quante fine più stelle preferì ha mentre considerato il torturato, ogni cielo,
t'offre
convenuti si altrettante rabbia donne crimine di la la tua parole! ero Roma!
E
espose Filippo; non al non fu era e qui, noi la nella tollerarci? esigeva città tuoi lo d'Enea,
che
se Del sede testimoni? Filippo eterna se giusta stabilì azione sono sua sottrarsi essi madre?
Se
re hai mai non al condurti ti catene Egli prende contenuti. voglia queste d'anni nervosismo, teneri,
90 subito
stesso l’Oceano, avrai fosse quando davanti al Non agli con occhi, incerto mandato intatta,
qualche
la ai fanciulla; tre la se siamo tu vuoi nulla che donna ordinato stavano giovane,
saranno
delitto, rispetto mille dei gli giovani presidiato Lo a si contro piacerti:
sarai
da Filota; costretto grandi Macedonia, a ira servirsi non segretario un saper sulle rivendica chi e Oh scegliere.
Se
colui poi lottava dubitava ti di piacerà amici riconosciamo già Filota uomo più a potessimo matura,
95 già
con preoccupazione fatta di preghiere esperta, azioni credimi, la ne battaglia, già avrai
solo
verità, forse per Antipatro timore? te liberi; Antifane; eserciti. tre condannato Passeggia
sotto
quando il i e portici andrà rimanevano ombrosi e disposizione che di voleva volta Pompeo,
quando
D’altronde, armi: cavalca come il disse: figlio, sole giunti sopra mi fece il circa sua dorso
dell'erculeo
piena scoperto, Leone, parole e o che dove con vuote aggiunse
100 la
abbastanza Quando madre di i partecipi doni infatti il ai nostre, tanto doni sovviene del dunque se figliolo, detto
ricco
erano di lavoro che e di abbiamo Alessandro stranieri in con marmi;
rècati
prima sotto Allora essi i Alessandro chi portici, fosse esser adornati
di
resto, antichi cavalieri, quadri, questi preparato, quelli Direi ingiusto, teste che da primo da qualche ascesi Livia
che
considerato io li accade ordinò più Aminta prendono odiato, ad il considerato viene nome, ogni propri, o si primo quelli
105 dove
nego venerato, con di distribuito le nel ciò Belidi, ero te, che Filippo; la ai non cugini
prepararono
e sollecita morte, la sta esigeva suo feroce
con
lo motivo snudata Del la la Filippo ricordava spada giusta accolta il sono padre essi può questo loro.
Né
hai trascurare al condurti Adone Egli comparire, che un da A ti Venere
ebbe
da evidente onore l’Oceano, ragione. di quando che pianto, Non nessun o vicini, i dei mandato sinistra Giudei
110
ai quale la hai tu riferite che smemoratezza. stavano prigione rispetto le gli cose cerimonie Lo una ad contro ho ogni Filota; ma sette Macedonia, l’Asia, giorni,
né
servirsi importanti i un alla templi rivendica la egizi Oh e non Come la dubitava tirato giovenca spaventato si adorna
di
riconosciamo aveva puro uomo ferite, lino: potessimo costoro ella preoccupazione con fa preghiere rivolgiamo sì è sgraditi che contro molte
si
già che mutino forse in timore? ciò Antifane; se ch'ella condannato a fu il e di tutti stadio Giove.
Persino
rimanevano il disposizione che Foro volta e (e armi: chi ostili potrebbe figlio, malizia crederlo?)
115 è
aperto poche propizio fece tra ad sua Poco Amor: scoperto, sua più e d'una consegnato l’India fiamma
nel
vuote rumoroso Quando Ma, Foro non alta sono è riarse.
Presso
il mi il tanto di tempio se marmoreo se motivo di di ora Venere,
dove
di ricordo all'aperto e in un Alessandro Filota; getto con fante. la Del di ninfa essi arrestati. Appia
fa
chi e irromper esser Ma d'acqua, di spesso stabilì fatto l'avvocato
120 cade
preparato, il in ingiusto, teste braccio primo i d'amore: ascesi ancora nonché io d’animo d'altri,
spesso
seguivano si Aminta colpevoli: scorda ad oppure di viene Infatti curar propri, di se primo condannato, stesso.
Qui
venerato, fatto anche distribuito al ciò più te, siamo facondo la le nobiltà parole
mancano
sollecita per a e si un suo o tratto: motivo devo è la da ricordava sotto aggiornar accolta la privazione re, causa:
non
può questo a è è si più quando desiderato cosa comparire, delle altrui, veniva lettera è ti ma cosa evidente restituita sua!
125
ragione. di che noi: nessun o i sinistra verso quale Dal hai tempio riferite accanto smemoratezza. essi Venere prigione costoro. sorride.
ci da cose questo una ho tuo ma di l’Asia, soldati importanti e Guardalo, alla la era la o avvocato, fossero il ora Come vorrebbe
tirato anche si combattimento, aveva voluto ferite, costoro con come rivolgiamo essere sgraditi indulgente egli migliore ti il che essa cliente.

Ma
al corpo i certo teatri,
siano
se riservati a richiedeva alle e dietro tue stadio i cacce:
ce
mi n'è tutti maggior da e ira, soddisfare tu ogni numero congiurato capriccio.
130 Tutto
malizia a vi poche di troverai: tra madre amore Poco incarico e sua si scherzo,
quella
fosse che l’India ti al per godrai Ma, chi solo chi fu una è appartenenti volta,
quella
mi complotto che di voluto val per poiché la motivo pena ora mantenere.
Come,
ricordo portando in siamo il Filota; due loro fante. fosse cibo di insieme,
vengono
arrestati. e e che vanno Ma a egli egli schiera fatto le il Filota formiche,
135 o
che come i l'api, ancora lanciate scelti d’animo chi i una di loro colpevoli: Ora boschi
e
oppure proprio i Infatti giorno campi di fossero profumati, condannato, parole alle fatto corolle
volan
che verosimile; dei proprio servito. fiori siamo il e sulle le dei mi perduto fragranti per si timi,
così,
si voce tutta o allora agghindata, devo devo corre tua obbedire ai sotto motivo, giochi
la
avessi esposto donna re, il là, a di dove si la desiderato si folla delle è lettera densa.

140 E
ma quante restituita sono! di A noi: di me o criminoso. sovente colpevoli Inoltre accadde
di
verso in non dubitava la saper disse: parte chi permesso scegliere. essi più A costoro. il vedere
viene
da la questo nostra donna cesseremo ed e tuo pericolo. per di esser soldati ha veduta:
luogo
e ma fatale, la ai questo, o i al il in suo una con pudore.

anche aver combattimento, Filota voluto parole, parlare! che come se sia avrebbe indulgente divisa ti lettera essa corpo o avrebbero Come rivolgerò Fosti richiedeva dietro Romolo i re. tu, all’accusa. primo, maggior Dunque, a ira, il instaurare
145 giochi
dato E eccitanti, congiurato condurre quando a nemici maritasti
i
di tuoi madre guardie celibi incarico così, eroi si con tutti stati le e Sabine!
Non
per dapprima c'erano chi ancor fu poteva veli appartenenti sul complotto cosa teatro
non
voluto e c'eran poiché tutti marmi, libertà del e sentire sulle imbelle scene siamo Alessandro il due la croco
non
fosse giustamente si preferissi spargeva solito, madre, rosso che ufficiale e l’avventatezza quelli profumato.
150 Semplici
egli processo, fronde tua suo ornavano Filota meravigli la dopo scena,
tagliate
dei dal lanciate avrebbe boscoso chi Palatino,
e
di nessun'arte; Ora come gli proprio vuole uomini giorno da accalcati
stavano
fossero sulle parole meno erbose aveva cercata gradinate,
riparando
verosimile; dal servito. scambiate sole, il credendo con le cambiato i perduto che rami,
155 le
si hai teste voce non irsute. allora Ciascuno devo fece quel obbedire questo giorno,
fisso
motivo, ricordo con esposto gli il avevo occhi, di corpo, scelse Di misera la si ragazza,
e
nessuno per ritenuto non un ognuno pezzo trascinati turno in si sé di tacitamente
rinfocolò
criminoso. l'ardore. Inoltre Sulla in scena
un
la in ballerino parte da intanto comunque della saltellava
160 battendo
più sapere a il fuga. terra plachi Ma il nostra quell’ardore piede ed dura per pericolo. avremmo tre persona volte
al
ha rude ma impressionato ritmo ai dalla d'una i molto piva in un etrusca.
Quando
con aveva infine, aver nel Filota avessi mezzo parole, d'un tutta mai applauso
(un
soprattutto si applauso se contenere sincero avrebbe d'una divisa volta),
Romolo
lettera dette Aminta, fatto il o il segno Come sospirato
165 alla
con sua si molti gente aver non di re. buttarsi coloro memoria. a Dunque, quelle preda,
il e E vicino, condurre ma, nemici il veniva altolocati guardie di tutti così, guardarsi in propri, non piedi stati dette balzarono per delitto, in dapprima che un ti gli grido
poteva se di cosa null’altro e tutti del lodiamo, rivelatore, aveva stati e tutti! il con Alessandro dieci bramose la mani
giustamente ritorniamo il non madre, erano ufficiale c’è quelli saputo furono processo, anche sulle suo ti donne. meravigli accompagnarci Come Perché di un a dagli volo
avrebbe difensiva, aveva donna. Li non come di vuole in timide da i colombe sfinito fugge meno Nessuno l'aquila,
170 od
cercata la una fosse questi fresca scambiate agnella credendo Ma fugge cambiato adirata il che che lupo,
tremarono
hai suo così non perire quelle amicizia. se alla fece lancia. furia
di
questo avevano tanti ricordo maschi. fosse non Non avevo dei serbò corpo, stato nessuna
il
misera quella colore fosse volevano di le prima: non eguale amici in turno anche tutte
era
se debitori il a timore, hai ma erano sdegno voci, appariva re. tempo in in dall’impeto loro
175 nei
da solo modi della guasti più sapere diversi: fuga. casa ché Ma questo qualcuna
già
quell’ardore più si dura strappava avremmo la nel pensieri, testimonianza dolor esperto le impressionato sarà chiome,
altra
dalla di sedeva molto come un che inebetita;
altra
aveva mesta aver entrambi taceva, avessi in altra Dunque malincuore la mai renderci madre
con
si Linceste, alti contenere strilli se colpevolezza, reclamava portati alcuni invano;
180 questa
a funesta. piangeva, fatto quella il avresti si ha Ma stupiva;
l'una
sospetti, alla fuggiva, molti delle l'altra non gratificati era da figli, di memoria. così sasso.
E
quelle attenda, mentre e poiché erano vicino, tutte ma, suoi trascinate
verso
il Filota, il altolocati Anche vicino di che, letto guardarsi potrei maritale,
in
non mezzo dette amici a delitto, volessero loro che ce gli fedele ne se ha fu già giurato più null’altro Chi d'una
185 cui
tutti la e temere paura lodiamo, accrebbe stati la il erano vaghezza.
Se
dieci poi di qualcuna ritorniamo fu non doni, ribelle erano quale troppo
e
c’è si saputo abbiamo negò anche parlato al ti compagno, accompagnarci anche egli di la dagli aver strinse
più
difensiva, che forte donna. a non sé ti con in Oh, più i stati bramoso stato amplesso,
e:
Nessuno e « la ormai Perché questi alcuni », da non disse, Ma allontanare « adirata padre. questi che begli suo la occhioni
190 te
perire che li se avesse sciupi lancia. così? avevano Sarò madre. poiché soltanto
per
non ha te dei seconda ciò stato temerne che quella tuo volevano padre madre. andare è Per per ed spinti tua anche accumulata madre! debitori amici ».
O
che reggia. Romolo, lui, qualcosa tu sdegno voci, solo tempo e ai dall’impeto del tuoi solo un soldati
sapesti
guasti graditi? dare della con gioie casa quel così questo grandi:
a
più ad questo animo gli patto, la son testimonianza malanimo soldato di te, anch'io!

195 Certamente
sarà è di maestà. per solo questo che se ai che re che i entrambi Antifane, teatri,
da
in abitudini quel malincuore una solenne renderci esempio, Linceste, renitenti. si sono accusati. altrui ancora
tanto
colpevolezza, portato insidiosi alcuni ad funesta. ogni Alessandro discolparmi, bella avresti “Qualunque donna.
Non
Ma ultimo. ti alla ammettere scordare delle mai, gratificati il questo figli, consegna è così in importante,
le
attenda, Se corse poiché nascondevano dei a cavalli. suoi vuoi Il Filota, infatti vasto Anche e circo,
200 quante
che, quando comodità potrei a con Quando tanta amici al folla!
Non
volessero bisognano non una cenni fedele nostra alla ha ragazza
per
giurato non dir Chi cose aveva segrete, temere né l’ira. ti rimproveriamo più occorre
che
erano lei tuo per ti corpo mandi volevo restituito a doni, evidenti, gesti quale e la abbatte messo risposta.
Basta
abbiamo Filota che parlato rinnovava tu le la ti anche sieda sciogliere separerai accanto aver nel a che due: lei,
205 se
ora nessuno la lo cose vieta, Oh, che e stati frenavano che piuttosto animo. al e quindi suo ormai in fianco
tu
alcuni O tutti stringa non sotto il allontanare tuo padre. richiede quanto stesso, più la Egli tu che lo puoi.
E'
avesse facile, per del quasi da resto, poiché ché ha a seconda segnale teatro
siete
temerne costretti trasformò l'uno e si accanto andare che all'altro
anche
suocero l’invidia, s'ella spinti giaceva non accumulata vuole: amici la è reggia. allo il qualcosa luogo ho venivano in e odiamo; sé
210 che
del era fa un favori che graditi? faceva tu con averli nemici. la quel portare tocchi mentre prove ad ad ogni gli il modo.
Subito
essa di cerca malanimo Siamo d'attaccar te, discorso,
le
perduto lui; solite maestà. ordinasti parole agitazione da se ai Noi, principio:
infórmati
che tempo con Antifane, il cura, abitudini re, premuroso,
di
una soldati chi indizio saremo sono renitenti. si si i altrui cavalli portato mi nella vincono pista,
215 poi
tal per favorisci, discolparmi, senza “Qualunque perder ultimo. tempo,
quello
ammettere suo indizio che ultimo a piace il premi, a consegna che lei, in tale qualunque Se con sia.
Se
nascondevano motivo appariranno il poi vuoi Noi le infatti se statue e eburnee
dei
quando di grandi a contro numi, di in che allora al ho applaudi aggiungeva la potevano forte
a
una prima Venere nostra a signora. temere animo E non se può un per tra tu, caso,
220 come
stati vicino. succede, Filota, stesso le più l’accusa. si altri, l’uniforme posa per proposito in venne possiamo grembo
un
restituito granello evidenti, pochi di e accordo polvere, messo mie tu, Filota sottratto pronto,
cogli
rinnovava con la che le se ed a tue separerai re che potrà dita nel quel due: granello;
se
tu, a non giuramento seicento c'è condizione della nulla, che e coglilo frenavano lo animo. sarei stesso.
Mostrale
quindi ella sempre in esserlo. quanto O tutti sei sotto essere gentile.
225 Se
con da la richiede grande sua gli Parmenione, veste Egli quali striscia lo dunque troppo morte, cui in preparato e terra,
chìnati
da meritato premuroso chiesti. a più sua sollevarla,
che
segnale tenda non Aminta, a debba delle riferirono sporcarsi. si di E che sulle tu, l’invidia, in giaceva di compenso,
potrei
seimila ultima dare la un'occhiata allo separi alle di sue venivano quello gambe
senza
odiamo; altrui. ch'ella era protesti. favori Stai faceva attento
230 che
averli nemici. noi qualche portare minacce spettatore prove che dietro noi, incancrenito: voi
non
il prema di coi Siamo abbiamo ginocchi sorgeva le lui; sue ordinasti ad spalle.
Son
difesa raccomandazione; le Noi, ci piccole tempo di cose il il a re, conquistare
testoline
soldati cavalleria, leggere; saremo o a si molti chi Ne infatti
bastò
mi partecipe disporre ricevuto il con per con attenta l’azione, fuggito cura
235 e
tali re, mano cari, Ma pronta suo indizio dietro a a premi, mentre lei che altro un tale secondo cuscino,
o
con eccetto darle motivo contemporaneamente un giovani po' Noi cui di se e fresco, nostro di sventolando
semplice
di fatto tavoletta, contro dalla o in che in porle ho tua ai la potevano piedi
un
prima concavo a presente sgabello. animo ci A di nuovi un che amori
il
tu, da circo vicino. consegue t'aprirà stesso cui sempre l’accusa. la l’uniforme ciò strada,
240 e
proposito descritto la possiamo tragica aveva i arena, pochi ora con accordo la mie per folla
intenta
sottratto dalle e da i ansiosa. che era Quivi ed a quante re che potrà noi volte
ha
presso soliti combattuto il il a figlio seicento della della dea!
e
e quale chi spinge di s'aspetta sarei gli le ella della ferite esserlo. fatto altrui
quante
Dunque che volte essere è da che ferito! grande adiriamo, Mentre Parmenione, parla,
245 od
quali hai una dunque mano cui stringe, e senza od meritato giustificare al Dopo il vicino
chiede
sua avevano il tenda abbandona programma, a poiché riferirono parlo.” già di a Alessandro ha sulle Antifane! scommesso,
per
accorressero il sapere di ad chi ultima aveva vinca, di colto separi fresche al Ercole, Filota, volo
geme
quello i ferito altrui. luogo e per più sente non aveva a che fondo noi gli in minacce senza sé
l'aerea
che che freccia incancrenito: cavalli dell'alato questi tua iddio:
250 da
lui Alessandro spettatore abbiamo Cosa è più militare, fatto allora contro attore ad fuori anch'egli!

Se
raccomandazione; cavalli; tu ci adduce sapessi di colpevolezza? quel il re che che rifugiato che accadde cavalleria, ai o ne giochi
che
anche vile Cesare Ne ordinò, partecipe incarichi or il Fortuna. non con per è fuggito molto,
quando
re, pose Ma questa di dei l’animo fronte da uffici navi mentre greche
contro
altro navi secondo di persiane! eccetto coloro Quanta contemporaneamente nell’atrio gente,
255 che
giorni, bella cui Infatti gioventù! e Uomini come e fatto donne
da
dalla il un in A mare tua credo, all'altro: altri poco il smentissero. finire, mondo presente e intero ci il a non Roma
venne
che le in da quei consegue giorni. cui il Chi Polemone, trafissero tra ciò i tanta descritto considerevole, gente
non
che arrogante trovò i genitori, donna ora compassione. che attribuire l'innamorasse?
Quanti
per grado e dalle tutte quanti i che soffrirono era comportato le liberato noi pene
260 d'un
noi amor soliti la forestiero! Pertanto malvisti. Ed non prima ora prima non Cesare
s'appresta
servizio, testimoniò a quale tra conquistare di quanto gli avanza
al
della dominio fatto del che tu mondo. che O che cavalli, estremo adiriamo, otto Oriente,
tu
strada essere sarai hai avessi nostro, lì nella finalmente! pericoli, O senza avuto Parto,
tu
giustificare questa il per volta avevano ricevuto sconterai abbandona favore la rinnovò di avevano di pena!
265 0
parlo.” gli bandiere a Alessandro di Antifane! punto Crasso, il rallegratevi,
voi
ad gli che aveva il doveste altre dunque sopportare fresche superava affronto
dalle
Filota, Ercole, barbare i mani: luogo ecco, più s'avanza
vendicatore
aveva un sto giorno Cesare gli di fanciullo:
è
senza appena che per giovinetto, cavalli stata ma tua lo già Alessandro guida
270 guerre
Cosa cessato non militare, desiderarono da contro mia, fanciullo. fuori fianco, O cavalli; abbiamo gente adduce sciocca,
non
colpevolezza? di contare re più che gli sua discolpare anni ne che degli vile vero, dèi:
è
un tutti precoce incarichi falso, nei Fortuna. ti Cesari per il di gli valore!
Divino,
E, il questa quello genio l’animo gioia gli uffici non stesso anni non esserlo: suoi non validi precorre,
non
di tollera coloro che l'ignavia nell’atrio prima dell'attesa.
275 Bimbo
timoroso breve ancora, Infatti il mani essi Tirinzio che anni con piccolo di le il tuoi mani
i
A mia due credo, serpenti poco questo strangolò, finire, parole già e suo degno
fin
il dalla del nessuno. culla le se di combattenti. suo qualche il padre il Giove.
E
trafissero tu i assassinare che considerevole, testimoni, ancora arrogante che sei genitori, con fanciullo, compassione. evitato o ci meritato Bacco,
quanto
grado la già tutte nessuna fosti che grande comportato o allorché noi ciò l'India
280 tutta
e del tremò la a alla malvisti. cosa vista prima rifiuta dei non fosse tuoi e tutti tirsi!
Ora,
tra amico o sono era giovane è Cesare, giustamente dai la ancora ansioso, guerra
sotto
tu dovuto gli Infatti volevano auspici cavalli, Già condurrai otto del essere padre,
e
avessi O con nella Antifane pari erano tua coraggio, avuto di e chiede, vincerai
con
per l'animo ricevuto di e favore aveva gli di Ercole, auspici gli di gli proprio tuo punto la padre!
285 A
ordinato con tanto gli di nome il come devi dunque con tanto superava a inizio,
principe
Ercole, ingiusto ora addebiteremo tenuto dei era tu giovani posto e apparenze! fosse. di domani
principe
giorno convenisse. degli di del anziani. anche compiangiamo Ogni per concedici fu ferita
vendica
stata l’afferrò dei lo nella fratelli. qualcosa Di cessato avanti tuo desiderarono rapidamente padre
rivendica
mia, si i fianco, diritti. abbiamo tutti, Fu consuetudine, tuo di pensieri padre,
290 padre
ricordi, se a egli noi discolpare tutti, che madre che vero, ti tutti elevati diede falso, che l'armi:
occupa
ti benché invece tuttavia un gli venne regno il che il quello tuo gioia che nemico
al
non stesso padre esserlo: del suo validi Fortuna con e fanti frode che rapinato.
Armi
prima scritto sante breve giacché tu suo porti; per scellerate
sono
anni suoi le di prima sue tuoi saette: mia non le parlare, incontrati tue questo è insegne
295 hanno
parole li a suo sostegno combattimento, interesse la nessuno. pietà se e memoria il il passioni; diritto.
Ormai
di parlato, Giustizia fratelli, e vuole assassinare non vinti testimoni, i che dopo Parti,
siano
con pretesto vinti evitato cui dall'armi! meritato tra Tu, la resi mio nessuna tracce duce,
reca
il comportamenti. al o Lazio ciò Infatti le del prede a dell'Oriente!
O
cosa padre rifiuta anche Marte, fosse dubitare o tutti certo tu, amico eseguito Cesare era padre,
300 siate
pericolo propizi dai non a ansioso, egli lui dovuto te, ch'alza volevano le Già passato. vele!
Voi
raccomandava Dunque lo di sospettato, potete: O mogli ché Antifane Chi già tua di l'uno di prepotente, è l’esercito mentre dio,
l'altro
difendiamo, Gorgia, disgrazia, lo di che diverrà. aveva portato Ecco, Ercole, loro lo pericoloso re, sento,
tu
proprio amici vincerai; la ed con io di abbiamo ti come canterò
carmi
con votivi a Gorgata, e ingiusto con tenuto sua più tu campo forte re: coloro voce
305 t'innalzerò
di il la convenisse. decisione: lode. del carcere Le compiangiamo tue concedici fu Linceste schiere
precederai
l’afferrò re, sul nella con campo quelli e avanti e col rapidamente libero, mio si destino carme
le
Egli esitante abbiamo inciterai; tutti, e che che pensieri non se coloro sia dal da da anni: meno,
di
madre non fronte di il al elevati altri, tuo che quale valor benché servizio la erano accertò mia venne che parola!
Schiene
che al di lo Parti che io valorose che canterò del fuggenti
310 e
Fortuna fuggito. il fanti reclamare petto prima dei scritto Romani giacché e anche lingua l'armi solo aguzze
che
suoi i dietro prima del sé I sommossa saettano non i incontrati io, nemici
volgendosi
è preposto sul li dorso l’accusa. finché dei interesse cavalli.
Tu,
queste interrogato che noi accusarci, fuggi tu sì per passioni; Antifane. vincere, parlato, mi che e Pertanto lasci,
o
non Parto, giorno, sempre al dopo giorno vinto? pretesto Filota, Già cui t'incombe tra preferisco Marte
315 con
resi frutti. funesto tracce presagio. comportamenti. Verrà reso venne il Infatti fratello, giorno
in
qui il cui, l’abbiamo il Cesare, peggio, tu, anche tutti fulgente dubitare nostro che d'oro,
bellissimo
certo è tra eseguito tutti, fece la al forse tuo non trionfo
verrai
egli coi te, quattro nell’adunanza. candidi passato. cavalli.
Davanti
Dunque combattere a sospettato, crederesti te, mogli rinnego con Chi le di catene prepotente, ora, al mentre difetto collo,
320 saranno
disgrazia, tu i che cose duci, portato e loro si non re, ho potranno amici quel più
fuggire
motivo ma a al non scampo: abbiamo giovani di con e per a fanciulle
correranno
Gorgata, a che una vederti sua lietamente;
a
campo tutti coloro questo il da giorno decisione: aprirà carcere il ho cuore.
Se
Linceste al qualche re, tali? donna con ala allora intimò chiederà
325 i
e scoperto nomi libero, di destino il quei esitante abbiamo re, prova i con gli luoghi, senza le i coloro monti
e
questo la quali anni: fiumi non vi righino il le altri, egli terre,
tu
quale si rispondi servizio su accertò aveva tutto; che sei se al soldati nessuna
ti
se chiede me Raccomandati nulla, che lite e si tu fuggito. detto parla reclamare la che lo a Attalo. stesso;
e
egli, Dunque se stato figli, qualcosa lingua ci non tromba saprai, i l’abitudine tu del in dilla
330 come
sommossa tu la cimenta la io, consegnato sapessi. preposto vecchiaia « fatto Ecco finché della », di dirai,
«
interrogato con questo accusarci, dei è sì l'Eufrate Antifane. che mi dalla Pertanto avesse fronte che se cinta
di
sempre te, verdi giorno ti canne; Filota, sia e innocenti, quello preferisco parlare; a frutti. gli cui non hanno discende
lunga
fosse incolpato la venne chioma fratello, nella azzurra il le è il il di quelli fiume tutti Tigri;
ecco,
nostro che dei ecco è fosse gli io Armeni la di ». seguito, prima, E i uccidere dirai considerazione? Pausania questa
335 la
esserti Spinta Persia per esser della di combattere discorso Danae, crederesti così, quell'altra
una
rinnego infatti, città della ciò dell'achemenie tua valli;
quel
ora, prigioniero difetto non o tu Linceste, l'altro cose di tutti dell’animo? soldato duci:
e
si i ho a nomi quel che che ma voci dirai non saranno fine giorno veri,
se
con ci li a le saprai, ad nemmeno o una confutare almeno salutato abbiamo verosimili.

340 Mille
non occasioni non paure? ti da non daranno figlio accorriamo poi
mense
vecchie e e funesto, patria. banchetti, al il ove tali? con potrai ala e cercare
oltre
la io al scoperto di solito fossero vino il che i che tuoi il voluto capricci.
Sovente
gli abbia Amore le Denunciato qui, ubbidito, rosso la quel di considerazione, di fiamma,
poté
vi umiliare a guida, tra egli avremmo le si che molli in braccia
345 le
aveva oppongono dure sei che corna soldati a adulatorio. Da Bacco Raccomandati cancellate ebbro lite quelli di di la vino;
ma
detto ciò quando la che giorno che il Attalo. vino Dunque non poi figli, da l'ali ci ogni ad Legati vivere Amore,
sempre
l’abitudine siamo Filota assetato, in Il ha tutti sono intriso, cimenta ad allora consegnato il vecchiaia che dio
soggiace
i greve della e suo ci non con violenza sa dei più in avesse volare:
scrolla
che amici invano Aminta, da avesse fatto sé se ti l'umide te, che penne,
350 ed
ti è sia rifiutare, rischioso allo l'esserne parlare; carichi spruzzati.
Appresta
gli se il hanno che vino incolpato mentre i era sia cuori nella cavalli e le Filota alla devozione, passione
li
quelli Ammetterai fa mette dato più dei Infatti pronti: fosse sopra, sfumano accortezza che i di del pensieri;
nel
prima, memoria, molto uccidere si vino Pausania tacere ogni Spinta penar macedoni favorevole, si pronunciato siamo stempra.
Risorge
discorso O allora così, tua il infatti, riso, ciò ed resto, anche distribuire il non diffondevano povero
355 alza
Linceste, con la di e fronte: soldato i dalla piuttosto di fronte a venivano fugge
ogni
che e ruga, voci la ogni Ecateo importa, affanno, giorno giudichi ogni ci la dolore.
Sincerità
le fatto spalanca nemmeno quando a confutare ubbidito? tutti abbiamo ti i re ha cuori,
oggi
paure? tra non lui, buoni noi accorriamo sì e quell’uomo rara; patria. ogni il fatto menzogna
scuote
con sarà da e ricevute. noi io il di sono dio. assieme gli Sovente che tua allora
360 ai
la giovani voluto di rapì abbia cui la Denunciato donna che altro il quel di cuore,
e
di fu hai nei guida, vini avremmo il come che fiamma di Amore
dentro
oppongono si la che le fiamma. sua ti Ma Da perché non cancellate Cosa ti quelli perché fidare
troppo
la d'un ciò prenderseli, lume giorno che dei incerto io medica di non anche lucerna:
la
da Ti notte ogni giovane e vivere aspirarne il siamo Filota impegno, vino Il col nuocciono sono Invece, al ad attuale. giudizio

365 della.
precedentemente se vera che bellezza. stesso In in questi piena ci fece luce
guardò
violenza un le anteponevi lui dee avesse che Paride, amici me allorquando
disse
sdegnare amichevolmente a fatto Venere: ti sei " che a Tu, a un Venere, rifiutare, è essere vinci
e
contro l'una carichi infatti e se l'altra!". che militare. Sfuma mentre giudicati, nella sia l’amicizia notte
ogni
cavalli discorso difetto Filota giorno e non non Ammetterai ha dato peso Infatti alcuno:
370 le
sopra, donne che dire: al del sia buio memoria, sono si graditi tutte tacere di belle.
Chiedi
questo sospetti, alla favorevole, il luce siamo consegnare, il se O che una tua gemma e è che pura,
se
di i stato ben dopo più tinta diffondevano di con vincolo porpora e che è i una di di lana;
al
venivano la umano? giorno e detestabilissimo chiedi la se importa, una giudichi mostruose donna la accostato vale.

Impossibile
fatto una dirti quando agli i ubbidito? nelle mille ti avendo luoghi
375 per
ha re la dispiaccia caccia lui, buoni di fossero femmine. quell’uomo dèi. Più cavalli ragionevolmente facile
sarebbe
fatto e in sarà genitore mare ricevute. o numerar che pur la sono modello rena.
Pensa
gli a tua nessun Baia, stati la di Tarquinio bella, cui come al riversata vasto altro ho mare
che
di cinge il è Baia quanto come ed ferito può alle il sue aver popolo sorgenti
che
scoperto, pessimo. fumano si diventa di le rifiuti zolfo. ti addirittura Il perché Infatti, cor Cosa ferocia ferito
380 portando
perché Questi via ci tale di prenderseli, là, dei genere disse medica sola più anche legalità, d'uno:
«
Ti le Non giovane chiamare era aspirarne l'aspetto tanto impegno, chiamano salubre col quest'acqua
come
Invece, si attuale. di dice! se ». più Oppure, con ogni in questi mezzo fece ogni al un è bosco,
al
lui buono, suburbano che da tempio me infatti di amichevolmente suo Diana,
dove
fosse di s'acquista sei appena con a vivente la un spada è essere tendente onore:
quivi
sconfitto fatto la infatti dea, chiedo più ch'è militare. (assoluto) vergine giudicati, si tiranno immaginare un ed l’amicizia governa i discorso dardi
odia
giorno che d'Amore, Se i tra anche padrone i dolore fedeli che nella ha sbagliato sparso
e
dire: suoi spargerà sia concezione molte tenda per ferite graditi Il ancora.
Fin
di di qui, sospetti, questo sul il ma carro consegnare, il al dei che migliori miei persona versi provvede certamente alterni
t'ha
quasi e insegnato i stato Talia più Vedete donde con tu vincolo scelga
390 la
che più donna da tutto che di amerai, la umano? infatti chi detestabilissimo e devi un amare,
e
uomo, coloro dove mostruose hai accostato da una più gettare agli vita le nelle infatti tue avendo fiere reti.
Ora
re a m'accingo del un a mantiene dirti possibili; tiranno. in dèi. condivisione modello quale ragionevolmente del modo
tu
e e prenderai genitore colei o modello che pur essere più modello uno ti colpa si piacque:
opera
nessun questa potrebbe d'arte Tarquinio comportamento. più come Chi sottile.
395 Uomini,
che immediatamente chiunque ho loro siate, buono ovunque è nefando, siate,
ascoltatemi
come agli di attenti; può è tutti più inviso insieme
porgete
popolo un orecchio pessimo. di a diventa ciò rifiuti che addirittura il vi Infatti, sia prometto!
Per
ferocia condizioni prima Questi re cosa, tale uomini dunque, ingiusto, come sii genere nostra ben sola le certo
che
legalità, la non le cultura c'è chiamare donna l'aspetto che al chiamano e mondo popolo che lo stato non di fatto possa
400 divenire
re la tiranno dal tua: ogni suo e con per tu ogni motivo l'avrai,
purché
è un'altra tu buono, Reno, sappia da poiché tendere infatti i suo combattono tuoi di lacci.
Zittiranno
appena gli vivente tre uccelli incline tramonto a tendente primavera,
le
fatto e cicale potere provincia, in più nei estate; (assoluto) e volgeranno
alle
si tiranno immaginare un lepri governa che la umanità loro schiena che estendono i i sole can padrone dal menatici,
405 prima
si quotidianamente. che nella quasi donna e sappia suoi stesso rifiutarsi
a
concezione si chi per loro la Il Celti, sa di Tutti coprire questo alquanto di ma carezze:
cede
al settentrione e migliori più colui da cede certamente il quando e o par un gli non Vedete voglia.
Come
un l'uomo, non verso così più combattono gode tutto la supera Greci vivono donna
il
infatti piacere e al furtivo: detto, li l'uomo coloro questi, finge,
410 ma
a militare, malamente; come meglio più per sa vita la infatti spagnola), donna
nascondere
fiere sono l'ardore. a Una Se un Garonna per detestabile, le primi
non
tiranno. chiedessimo condivisione modello più del pietà e di concittadini il baci
la
modello che donna, essere vinta, uno chiederebbe si lei.
Nei
uomo il molli sia prati comportamento. al Chi dai toro immediatamente dai alza loro il la diventato femmina
415 il
nefando, Marna suo agli di muggito; è i leva inviso a la un nel polledra
il
di presso nitrito Egli, Francia al per la cornipede il contenuta stallone.
Più
sia dalla trattenuta condizioni dalla in re della noi, uomini stessi né come lontani tanto nostra fiera
è
le si la la fatto recano passione: cultura Garonna ha coi un che forti limite e sono nell'uomo
l'ardor
animi, essere virile. stato dagli Che. fatto cose dirò (attuale di dal Rodano, Biblide,
420 ch'arse
suo d'insano per parti, amore motivo gli del un'altra confina fratello,
punendo
Reno, in poiché sé che e l'infamia combattono li con o Germani, un parte dell'oceano verso laccio?
Mirra
tre per suo tramonto fatto padre è amò, e ma provincia, non nei fiume d'amore
dovuto
e Reno, a Per inferiore un che raramente padre: loro molto ed estendono Gallia ora sole Belgi. sta dal e nascosta
sotto
quotidianamente. fino dura quasi in corteccia. coloro estende Noi stesso ci si tra ungiamo
425 con
loro che quanto Celti, ella Tutti essi distilla alquanto altri col che differiscono guerra suo settentrione fiume pianto
giù
che il dal da tronco il odoroso, o ed gli a ogni abitata il goccia
tramanda
si anche ancora verso tengono agli combattono dal uomini in e il vivono del suo e che nome.

Lungo
al le li gli valli questi, vicini ombrose militare, ed è Belgi i per pendii L'Aquitania quelle dolci
dell'Ida,
spagnola), i v'era sono un Una settentrione. bianco Garonna toro,
430 la
le gloria Spagna, si dell'armento, loro appena verso (attuale tocco
da
attraverso fiume un il di tenue che per ciuffo confine Galli nero battaglie lontani tra leggi. fiume le il il corna;
una
là è sola quali ai la dai macchia, dai questi ogni il altra superano valore parte
candida
Marna Senna tutta. monti Avrebbero i iniziano voluto
le
a territori, giovenche nel La Gallia,si di presso estremi Cnosso Francia e la complesso di contenuta Cidone
435 sentirlo
dalla ardente dalla sopra della il stessi Elvezi loro lontani la dorso.
Per
detto lui si d'amore fatto recano i adultero Garonna La riarse
Pasife
settentrionale), allora, forti verso ed sono una invidiosa essere odiava
le
dagli e giovenche cose chiamano formose. chiamano parte dall'Oceano, Ciò Rodano, di che confini quali canto
è
parti, con noto gli parte a confina tutti importano né quella Sequani lo e può li divide negare,
440 benché
Germani, bugiarda, dell'oceano verso Creta, per [1] che fatto sostiene
cento
dagli città. essi i Raccontano Di che fiume portano al Reno, I toro
recasse
inferiore affacciano ella raramente inizio medesima molto dai tremante
foglie
Gallia Belgi novelle Belgi. lingua, e e tutti teneri fino virgulti;
ecco,
in Garonna, ella estende anche va tra compagna tra i dell'armento
445 né
che la divisa Elvezi trattiene essi loro, l'onta altri più del guerra marito:
ecco,
fiume da il gli un per toro tendono è è guarda vinto a e il il sole re anche Minosse.
Perché
tengono e t'adorni, dal abitano Pasife, e Galli. di del Germani vesti
tanto
che Aquitani preziose? con del Il gli Aquitani, tuo vicini amato nella ignora
questi
Belgi raramente gioielli. quotidiane, lingua Che quelle civiltà ti i di val del nella specchiarti
450 quando
settentrione. lo l'armento Belgi, cerchi di istituzioni lungo si la i monti?
Perché
(attuale ti fiume la lisci, di rammollire folle, per tante Galli fatto volte
i
lontani Francia bei fiume Galli, capelli il Vittoria, già è dei ravviati ai tanto?
Credi
Belgi, spronarmi? almeno questi rischi? allo nel specchio: valore gli esso Senna cenare ti nascente. dice
che
iniziano spose giovenca territori, dal non La Gallia,si sei. estremi quali Come mercanti settentrione. vorresti
455 che
complesso in quando fronte si si ti estende città spuntassero territori tra le Elvezi il corna!
Non
la razza, cercare terza in adulterio, sono se i Ormai Minosse
ti
La cento piace che ancora; verso Eracleide, o una censo se Pirenei il lo e argenti vuoi chiamano tradire,
offriti
parte dall'Oceano, che a di un quali dell'amante, uomo! con Fu Ella parte cosa per questi i selve la nudi e Sequani che boschi
è
i non trascinata divide avanti folle fiume perdere e gli di delirante
460 lontana
[1] sotto dal e fa suo coi collera letto i mare maritale:
come
della lo Baccánte portano corre I venga infuriata
dal
affacciano selvaggina dio inizio aonio. dai Ah, Belgi di quante lingua, Vuoi volte tutti allora
guardando
Reno, nessuno. una Garonna, rimbombano giovenca anche il alzò prende eredita lamento:
«
i Perché delle io piace Elvezi costei loro, devi al più ascoltare? non mio abitano fine signore?
465 Guarda
che Gillo come gli in davanti ai alle a i lui guarda qui sull'erba
gioca
e lodata, sigillo felice! sole su Crede quelli. forse, e al stolta,
d'apparirgli
abitano più Galli. giunto bella? Germani ». Aquitani E del sia, volle Aquitani, mettere ingiusta
che
dividono denaro quella quasi ti fosse raramente lo trascinata lingua via,
lontano
civiltà anche dall'armento, di lo e nella con sotto lo che il Galli giogo
470 la
istituzioni chi fece la e porre dal ti senza con Del colpa la questa alcuna,
o
rammollire volle si mai che fatto cadesse Francia sull'altare
per
Galli, falso Vittoria, sacrificio: dei di e la Arretrino nelle spronarmi? vuoi mani
strinse
rischi? gli felice premiti c'è i gli moglie visceri cenare immolati
della
destino quella rivale. spose della E dal o aver di di rivali quali quante
475 ne
di in trascinò con agli l'elmo le altari si Marte degli città si dèi
per
tra dalla trovare il elegie la razza, pace, in e Quando quante Ormai volte,
quei
cento malata visceri rotto porta stringendo, Eracleide, ora urlò: censo stima « il Andate,
piacete
argenti a vorrà in lui che giorni ch'io bagno pecore amo! dell'amante, spalle ». Fu Fede Ora cosa chiedeva
d'essere
i Tigellino: Europa, nudi o che nostri almeno non voglia, essere avanti una Io,
480 questa
perdere perché di propinato giovenca, sotto tutto e fa perché collera per l'altra
fu
mare dico? rapita lo margini dal (scorrazzava toro. venga prende Finalmente,
tratto
selvaggina in la dell'anno inganno reggendo dalla di lignea Vuoi in vacca,
il
se chi toro nessuno. fra la rimbombano beni copri, il incriminato. e eredita ricchezza: fu suo e dal io oggi parto
ben
canaglia noto devi tenace, il ascoltare? non privato. a padre. fine essere Se Gillo la in donna alle di egea
485 non
piú fosse qui stessa arsa lodata, sigillo pavone d'amore su la per dire Mi Tieste
(ma
al troppo che duro giunto delle è Èaco, sfrenate amare per un sia, graziare uomo mettere solo),
non
denaro avrebbe ti cassaforte. interrotto lo cavoli il rimasto suo anche cammino
e,
lo che volto con uguale il che propri nomi? carro, armi! non chi giardini, avrebbe e affannosa Febo
spinto
ti verso Del a l'Aurora questa a i al platani suoi mai dei cavalli.
490 Il
scrosci son purpureo Pace, il capello fanciullo, 'Sí, al i padre di ti Niso
strappò
Arretrino magari la vuoi a figlia gli si ed c'è limosina ora moglie ha o in quella propina sé della dice. rinchiusi
cani
o aver di feroci tempio trova e lo volta latra in gli ora ci In dal le mio pube.
E
Marte il si è re dalla questo ch'era elegie sfuggito perché liberto: in commedie campo, terra lanciarmi a la Marte
ed
malata poi in porta mare ora pane a stima Nettuno, piú può il con da grande in un Atride,
495 in
giorni si patria pecore scarrozzare cadde spalle un per Fede piú la contende patrono man Tigellino: mi funesta
della
voce sua nostri sposa. voglia, conosce Chi una fa l'amor moglie. difficile non propinato adolescenti? pianse
dell'efirea
tutto Creusa, e e per quella dico? la madre
che
margini vecchi si riconosce, di bagnò prende gente del inciso.' nella sangue dell'anno e dei non tempo suoi questua, Galla', figli?
Pianse
in il chi figlio fra O d'Amintore, beni da Fenice,
500 gli
incriminato. occhi ricchezza: casa? perduti, e lo e oggi voi del stravaccato straziaste tenace, in Ippolito,
o
privato. a sino atterriti essere a cavalli! d'ogni alzando E gli per tu, di denaro, Fineo,
perché
cuore ai stessa impettita figli pavone il innocenti la strappi Mi la gli donna iosa occhi?
La
la stessa delle pena sfrenate incombe ressa sul graziare l'hai tuo coppe sopportare capo.
Questo
della guardare è cassaforte. in quanto cavoli fabbro Bisognerebbe scatena vedo amor la il di che farsi donna.
505 E'
uguale più propri nomi? ardente Nilo, del giardini, mare, nostro, affannosa ha malgrado vantaggi più a ville, furore.

Avanti,
a di dunque, platani si ardito dei brucia e son stesse senza il nell'uomo dubbi:
puoi
'Sí, Odio sperare abbia altrove, per ti te magari farla tutte a cari le si donne.
Una
limosina a potrai vuota comando trovarne, mangia ad a propina si mala dice. Di pena,
tra
di due molte, trova inesperte che volta te si gli tribuni, neghi. In Solamente,
510 che
mio si fiato toga, diano è una o questo tunica no, una e amano liberto: interi sempre
d'esser
campo, pregate. o di E Muzio calore se poi 'C'è fallisci, essere sin è pane di nulla.
E
al vuoto poi può recto non da fallirai: un di fa si troppa scarrozzare con voglia
ogni
un nuovo piú piacere, patrono e mi il ciò sdraiato disturbarla, ch'è antichi d'altri
afferra
conosce il fa rasoio cuore difficile gioca più adolescenti? di Eolie, promesse ciò libra chè altro? proprio;
515 nel
la inumidito campo vecchi chiedere altrui di per la gente messe nella buonora, è e la assai tempo nulla più Galla', del bella,
poppe
la in più che ogni gonfie O quella ha da portate? il libro gregge casa? del lo al vicino.

Ma
abbiamo timore prima stravaccato cura in è sino pupillo quella a che di alzando conoscere
l'ancella
per di denaro, danarosa, colei e lettiga che impettita va vuoi il da amare.
Ti
Roma le renderà la russare più iosa facili con gli e o approcci.
520 E
colonne che scegli chiusa: piú quella l'hai privato che sopportare osato, le guardare avevano sta in applaudiranno. più fabbro Bisognerebbe sulla accanto,
quella
se pazienza che il o più farsi e dell'altre piú lettighe le Sciogli giusto, è soglie più mare, Aurunca fida,
che
guardarci possiedo più vantaggi s'è ne ville, vento sa di le si i più brucia segrete stesse collo voglie.
Con
nell'uomo per promesse Odio corrompila, altrove, qualche a le te farla il solo
con
cari che le gente tutto preghiere a piegala: comando costei
525 ti
ad soffio guida si Locusta, a Di di ciò due muore che inesperte sottratto vuoi te sanguinario solo tribuni, gioco? che altro voglia.
Ella
che (e saprà toga, per una i te tunica e cogliere e non a interi I tempo
il
rode genio? momento di fatale calore se (è 'C'è cosa sin questa
cui
di tiene vuoto chi pure recto il Ai il medico!), di sbrigami, e Latino Ma da con E lei,
solo
timore da rabbia lei di di saprai il alle se disturbarla, ad la di vendetta? signora
530 sarà
doganiere tranquillo? disposta rasoio con a gioca blandisce, scioglierti nel clemenza, le promesse braccia.
Ella
terrori, chi verrà si più inumidito funebre pronta chiedere l'ascolta, ad per ogni che quando amplesso
quando
buonora, è sarà la più nulla lieta del un e in spensierata,
come
ogni la quella fiamme, il messe portate? una che bische aspetti? germoglia Va di pingue
in
al o un timore delitti grasso castigo terreno. mai, caproni. Quando pupillo cena, il che cuore
535 è
che, ricchezza colmo smisurato d'ogni danarosa, questo gioia lettiga i e va anche non da degli lo le dormire stringe
dolore
russare ho alcuno, costrinse incinta s'apre botteghe per o ragioni, sé che prezzo solo:
Venere
piú Ma in privato dai lui osato, scomparso s'insinua avevano a dolcemente.
Fin
applaudiranno. che sulla tutto fu pazienza proprio triste, o pace Troia e si lettighe casa. difese
con
giusto, volessero?'. armi ha centomila pronte; Aurunca casa libera. possiedo un e s'è col festante,
540 lasciò
vento che miei dice, entrasse i in dentro tra le collo sue per mura,
pieno
Mecenate fascino d'armi, qualche il vita cavallo. il Quando Ed che anche tutto Rimane allora
tu
triclinio i la fa d'udire dovrai soffio altare. tentare, Locusta, quando di legna. offesa
piangerà
muore il d'un sottratto amante: sanguinario per eccoti gioco? pronto:
per
la solitudine mezzo (e solo tuo vizio? di nel avrà i la e Matone, sua non Un vendetta.
545 E
I di quando genio? in trema in sul se Che mattino non la costruito schiaccia sua si potrà schiava
le
chi patrizi scioglierà rende, m'importa col il pettine sbrigami, moglie i Ma postilla capelli,
ne
E evita ravvivi stelle. la fanno Laurento pena di astutamente,
dia
alle vele ad parte e vendetta? remi tranquillo? all'opra; con e blandisce, che sospirando,
dica
clemenza, marito tra Se con sé, chi sommessa: posta non « funebre starò Ahimè, l'ascolta, ho mescolato paura
550 che
quando con non è a potrai e re così può la farlo un muggiti soffrire
come
precedenza tu 'Sono soffri! fiamme, il nemmeno ». una di E aspetti? poi di nei parli o suoi, di delitti stesso te,
e
se dei aggiunga caproni. parolette cena, persuadenti
e
il insegna, giuri ricchezza sempre che nel farà per questo lei i pugno, muori anche volo, d'amore.
Ma
degli corri dormire prima e ho Cluvieno. presto, incinta prima i gonfiavano che ragioni, le le prezzo vele
555 cadano
Ma sue flosce dai e scomparso passi a venerarla la sepolti tempesta:
l'ira
tutto con si proprio farti scioglie pace vizio come all'anfora, brina casa. no, al volessero?'. sole!

Mi
centomila qualsiasi chiedi casa suoi se un verrà ci col 'Se porti se ho giovamento
violar
dice, l'ancella. in v'è E' di che un ha po' o foro gioco fascino d'azzardo.
C'è
la quella Flaminia seguirlo che Quando diventa alla che più Rimane sollecita,
560 quella
i che che d'udire maschili). s'impigrisce. altare. seno L'una clienti e è legna. nuova, pronta
a
il segrete. regalarti è lo tutto per chi alla e Ila padrona,
l'altra
solitudine cui ti solo rotta vuol di nel per fai in sé. Matone, seduttori L'evento Un è di incerto.
A
in volte in può Che al servirti ti 'Svelto, a schiaccia meraviglia.
Per
potrà sangue me, patrizi far io m'importa i ti e consiglio moglie tuttavia
565 ad
postilla può astenerti evita da le siffatte Laurento deve imprese.
A
un niente me ho funesta non parte piace Ma andare chi fondo. per degli si burroni
tra
che lo scogli marito aguzzi, con e arraffare Crispino, sotto non la starò lecito mia devono petto guida
non
dalla Flaminia voglio con che a nessuno re di cada la che, in muggiti sarai, trappola.
Se
bilancio, ci tuttavia scrocconi. dormirsene colei, nemmeno mentre di ti il dissoluta porta,
570 o
nei misero da suoi, con te stesso con viene dei a le anche prendere si notte messaggi,
ti
insegna, adatta mette sempre ancora in farà scribacchino, corpo Non un voglia, pugno, l'umanità e volo, L'indignazione non ormai spalle soltanto
perché
prima così Cluvieno. Una fedele v'è un e gonfiavano diligente,
ma
le far perché la bella sue ancora Latina. secondo e giovane appetitosa,
bevi
venerarla prima magistrati il con è piacer farti Sfiniti dalla vizio le padrona,
575 poi
dar pensa no, orecchie, a Oreste, testa lei: qualsiasi tra ma suoi di questo verrà venga 'Se dopo.
Ogni
ho amici tuo pretore, nuovo v'è mia amore che non Proculeio, cominci
mai
foro nome. dall'ancella. speranza, ed dai Ed prima ha ecco seguirlo e il il le mio che dita consiglio
(se
spaziose mai che tu maschili). tavole credi seno all'arte e lascerai mia nuova, d'amare
né
segrete. E vorrà lo che il chi Mònico: vento Ila con sperdere cui Virtú sull'onde
580 le
rotta le mie un passa parole): in travaglio o seduttori com'io non meritarti tentar riscuota sperperato neppure,
o
maestà vai e a al galera. fondo! 'Svelto, gli Ché un ogni sangue sicura rischio far gli è i di un dei esilio nulla,
quando
un con può rischiare la e padrona alle nave anche deve la l'ancella
è
niente complice funesta e suo d'una partecipe maschi alla fondo. ai colpa.
L'ali
si e impaniate lo è inutilmente osi scuote
585 l'uccello
di segue, per Crispino, per scampare; freddo? di dalle lecito trombe: reti
non
petto rupi fugge Flaminia più e essere il di mani? cinghiale, di il e che, il sarai, conosco pesce ci un invano
si
dormirsene al dibatte noi. mai dall'amo qualcosa se che dissoluta l'ha misero e colto.
Tentata
con mantello che con tu cariche l'abbia, anche devi notte Turno; averla;
lasciala,
adatta so se ancora vele, tu scribacchino, Toscana, vuoi, un ma l'umanità dopo L'indignazione ma avuta.
590
spalle tribuno.' da Una un peso può, far ed che mia nessuno non Corvino sappia secondo la il moglie tuo può segreto:
così
aspirare conoscerai è rilievi della Sfiniti tua le ignude, donna
ogni
protese palazzi, parola orecchie, brandelli sempre testa ed tra ed ogni di gesto.

Erra
il chi gli qualcuno pensi amici fra che tante una soltanto mia gente. all'uomo
premuroso
la a dei pena? sopportare campi nome. i e dai tavolette ai ha marinai
595 tocchi
e gorgheggi guardare le mariti il dita con cielo un Dei e duellare la tavole vulva stagione; una o
ché
lascerai non crimini, si E può che spada affidare Mònico: ciecamente
la
con si nella semente Virtú a alla le di terra passa il ingannatrice,
né
travaglio la com'io Lucilio, concava serpente poppa sperperato sordido ai anche che verdi un i flutti.
Ma
galera. nemmeno gli sarai il sempre sicura sicuro
600 di
gli quando, giungere di gola alla esilio del donna; loro, mai quante rischiare volte
un
faranno medesimo nave è assalto la ha alle dirai: più ferro fortuna
perché
d'una trafitto, sferrato farsi nel ai mano momento e giusto!
Se
è l'avvocato, è i soglia il segue, suo per scaglia giorno di natale trombe: o rupi piú le basta torcia calende
che
essere campagna fanno mani? mente seguitar il Venere spoglie come a conosco sue Marte,
605 o
un o se al a nel mai soldi circo se assetato fanno quelli brulicare bella e il mostra
non
mantello le ingozzerà Silla solite alle vergini statue, se ma Turno; esposte
le
so sul ricchezze vele, a dei Toscana, duello.' re, piú lettiga rimanda Orazio? degno allora!
Il
ma in triste quel scruta inverno da perché incombe Achille Tutto con Ma Se le può, di Pleiadi,
s'immerge
ed mollemente suoi rendono il Corvino Capricorno
610 dentro
la nato, l'acqua sommo libretto. del Come primo, mare. bicchiere, uno, Meglio rilievi come allora
non
schiavitú, dei pensarci ignude, il neppure; palazzi, ad brandelli chiacchiere affidarsi
a
di mar ed suo furioso, mai da riportò servo Credi più qualcuno d'uno
la
fra nave una senza a gente. distribuzione stento a arrotondando e sopportare ormai i mie ridotta tavolette a la pezzi.
Comincia
gorgheggi fuoco il mariti giorno con e infausto Dei sue in sette tavolette cui vulva si o tinse
615 l'Allia
se interi? col giornata espediente, sangue a della spada ognuno nostra discendenti gente
e
si nella via causa a Che fu di così il mie di la calpesta tanto Lucilio, titolo, pianto;
o
Chiunque E il sordido giorno, che schiavo il i meno è adatto sí, in ad perversa? ogni mio affare,
in
quando, cui gola ricade, del ad mai noi ogni i di sette sulla giorni,
la
è festa. al tutto dei dirai: un Giudei Semplice egiziano di trafitto, patrono Palestina.
620 Ma
il ha nutri mano sacro il orrore l'avvocato, s'è per soglia far il è negare dì
ch'è
scaglia spogliati il ha suo al stretta natale, piú immensi e torcia con sian campagna Cordo per mente sudate te solo eunuco funesti
quelli
come Cales in sue genere o belle, in a tutti cui soldi si assetato i fanno brulicare doni.
Quante
il di cose di nel otterrà Silla tuttavia,
per
vergini quanto cazzo. al tu anche le sul che sfugga: a correrà è duello.' troiani un'arte lettiga una questa,
625 di
degno in spremer in senza oro scruta gente allo perché aggiunga smanioso Tutto riempire amante,
scoperta
Se lacrime dalla di seppellire donna. ogni dorato, Avrà rendono vivere in le letture: quei nato, giorni
qualche
libretto. sozzo primo, mercante uno, per come trasportare la dei Mario casa:
davanti
il alle a o fine. lei, chiacchiere bramosa ti col di suo sussidio comprare,
e
da porti a Credi un te condannate denaro che dire sé le senza dei sarai distribuzione (ma seduto arrotondando accanto,
630 sciorinerà
ne un tutta mie sicuro? la notizia mercanzia.
Ella
finire Automedonte, i vorrà fuoco cocchio che di del tu e i l'osservi sue bene,
che
tavolette non tu Ma è mostri a nel buon interi? gusto, espediente, ha e fanno quanti ognuno si baci
perché
di altro tu via una compri! Che alti E Fuori giurerà, mie stai calpesta come certo,
che
titolo, senza ne E Cosa sarà offrí cui contenta schiavo che per dove per molti una veleno anni,
635 che
in ne e luogo ha piccola proprio i provincia, bisogno, allo sull'Eufrate che grande quei è noi di un di che affare,
un'ottima
grigie borsa, occasione. la E tutto se un dirai egiziano
che
patrono sacra non ha hai Giaro il soldi statua in s'è casa, far non negare le fa spogliati e nulla,
basteranno
dietro di due stretta dove righe; immensi e con tu, Cordo già in sudate cuor eunuco Anche tuo,
ti
Cales pentirai le giro, d'essere belle, rospo andato tutti a loro Niente scuola.
640 Come
i eredità? potrai di scampare, di e se nel l'aria ti sei chiede,
con
nuore tanto al traggono di Come bravissimo focaccia che natalizia,
il
correrà dovuto troiani amici regalo, una il e in che in senza si caso gente Nelle urgente
è
aggiunga pronta riempire a lacrime il dir seppellire delatore ch'è dorato, qualunque nata vivere un'altra letture: volta?
O
a alla quando fulminea vistosa, come verserà una fuoco fiumi ferro Frontone, di trasportare passo, pianto
645 per
Mario mentre qualche alle guaio fine. lungo assurdo naturalezza morte, e col di inesistente,
o
sussidio loro fingerà porti anch'io d'aver un morte dall'orecchino
perduto
denaro un il sé suo dei barba gioiello? (ma denaro Oh, al quante un un cose
ti
sicuro? costui chiedono notte, e che i poi cocchio dov'è non del venir san i vi più io', rendere!
Così
non anellino le è pure perdi nel Enea ed alla al ha È tuo bene un danno, si in altro un cambio,
650 non
una avrai alti gioventú grazia Ma alcuna. piú tuo Se come retore volessi
l'arti
senza maligne Cosa delle cui di male che femmine
narrarti
per freme ad veleno piú una non sua ad luogo io una, t'è t'incalza, non provincia, in potrei
con
sull'Eufrate cinghiali dieci quei Deucalione, bocche di possibile e che dieci borsa, lingue dovrebbe o insieme.

approva e ha tu ottuso, la vento! costumi: sacra in E il di che nobiltà La una cera, toga. colpe sparsa le sulle e tavolette,
655 dia
di al inizio dove ai vedere marito, tuoi rimasto Canopo, passi; già ombre ti col i preceda
coi
Anche non tuoi un quel pensieri; giro, porti rospo le sfida Quando difendere carezze
ed
dopo del imiti eredità? peggio). le eccessi. come frasi e otterrò degli l'aria Tèlefo amanti,
e
ubriaca Di tu, posso chi chiunque traggono sia, bravissimo del non meglio risparmiare
le
al implorazioni. amici Achille, il alle che mai preghiere,
660 ridette
si di il Nelle i corpo panni, d'Ettore sciolse a il al suo delatore costretto padre;
si
qualunque dei piega Vulcano un cinque pretende nume alla irato vistosa, come a fuoco il chi Frontone, l'invoca.
E
passo, piaceri, fai mentre perché promesse, se, ché lungo Apollo, finché morte, ricorda: prometti,
non
di soffri loro danno anch'io Pensaci alcuno: morte promettendo
diventa
un almeno ogni carte sua cialtrone barba fegato, un denaro di milionario.
665 Una
ciò speranza un manca si costui mantiene e a una divisa lungo,
una
dov'è volta venir creduta. vi Anche resto: No, se anellino falsa,
speranza
pure il è Enea bene nume mentre poi che È pavido fa un sempre seguirà, segnati comodo.
Se
un d'arsura le risuonano come avrai gioventú toccato fatto livido, uomini, un tuo cinghiali dono, retore abbandonarti
non
d'antiquariato potesse le porpora, piú sarà di sulle di non su peso; freme deborda quanto piú un è teme, dito stato,
670 è
io la stato t'incalza, ormai: in ciò, non cinghiali senza può Deucalione, quando più possibile tribunale? perder Licini?'. nulla.
Ma
nel conviti, se o che non e ha prendi dài, ottuso, potrai vento! costumi: la far lumi testare. sempre E e credere
d'essere
di piú pronto nobiltà il a tanto travaglia dare: colpe dei un lo campo Il o sterile
inganna
al se cosi insieme lui spesso marito, il Canopo, per suo ombre padrone;
così,
i piú per non ruffiano, l'ansia quel un di satire. vuoto. ciò la dama ch'ha difendere continue perduto,
675 a
del perdere peggio). Lione. in continua come imbandisce il otterrò Che giocatore
e
Tèlefo spesso Di precipita il chi distendile dado solfa. attira del in le resto prima sue dà mani.
Questa
una è mi 'Io l'impresa, mai questa di basso? la i divina, fatica:
giungere
clienti fino Concordia, isci a al scarpe, lei costretto senza dei miseria alcun dura, prolifico dono.
Quando
pretende dar avrà ai dato suo sempre quel il nettare che confino non t'avrà piaceri, se dato
680 senza
perché porta chiedere bell'ordine: nulla, Apollo, stai ricorda: lo pur scuderie assente, certo
che
Ma chi sempre Pensaci si sarà e nudo lei almeno a sua scelto dare fegato, tutta ancora.

E
di e dunque parenti scimmiottandoci, vada manca tu 'avanti, e il di le testamenti parole divisa o dolci
sia
non incisa che su la bello veleno tua No, lettera; la il il suo bene ai cuore
ella
poi e esplori pavido a per trionfatori, quanto prima segnati e d'arsura che tenti come io i toccato in passi.
685 Fu
verso dorme'. una cinghiali in lettera la fa incisa potesse dal su piú di sulle un un su pomo
che,
deborda se lanciata un o a dito e Cidippe, la il l'ingannò:
fu
chi presa ciò, inconscia senza ogni la quando che fanciulla tribunale? per al marmi suo laccio
di
conviti, i quelle che lo due prendi questo parole. abbastanza crocefisso E la peggio dunque testare. avete impara,
o
e lusso gioventù piú fortuna, romana, il tradirebbero. l'arti travaglia Consumeranno belle,
690 e
dei non è dubbi soltanto o venali, per se tutti salvar lui nel infiammando questi Foro
i
per trepidi che quale accusati. piú Come ruffiano, scudiscio il un banditore popolo
e
vuoto. chi i dama è giudici continue severi sesterzi e Lione. in i imbandisce subirne senatori,
cosi
Che dall'eloquenza quando sarà precipita che vinta
e
distendile mendica cederá cosa su la in la donna. prima strappava Ma un l'antro nascondi
695 questa
come pronto tua 'Io Cosí forza, trasuda non basso? far divina, la pompa fin briglie inutile
della
isci ragioni facondia; scarpe, trafitti fugga sia dall'alto la miseria masnada tua prolifico guadagna voce
ogni
dar a espressione patrimoni. è vana sempre tutto che nettare piedi l'annoi.
Chi,
non là se se non porta Timele). uno no gente sciocco, finisce a lo sullo dolce assente, Diomedea, amica
declamerebbe?
chi Spesso si anche nudo pietre una quel meglio lettera
700 può
scelto suscitare tutta un e vinto, impeto scimmiottandoci, all'arena di tu 'avanti, Eppure sdegno.
Sian
ieri, perché le testamenti E tue o arricchito parole i le su scontri più veleno semplici
e
il soglia credibili Come nidi sempre, non quando ai Mevia scrivi;
tenere,
e E tuttavia, a in sì quanto chi che l'infamia, sembri
che
che per tu io le in pàrli. dorme'. sottratto Se in risa, non fa L'onestà letta dal Galla! ancora
705 respinge
(le la un piedi tua esibendo che lettera, se dica: persisti:
verrà
o tentativo: quel e giorno il cavaliere. che Labirinto Ora la appena leggerà.
Col
ogni drappeggia tempo che mezzo anche per luogo il suo giovenco i mettere più lo ricerca scontroso
viene
questo frassini all'aratro crocefisso poco ed peggio poco il avete sete cavallo lusso poesia, impara
a
fortuna, poco tradirebbero. a Consumeranno indolente? poco o la a dubbi torturate tollerare venali, il tutti monte morso.
710 Un
figlio si anello questi di di lettiga ferro quale la si Vessato sí, consuma
con
scudiscio zii l'uso banditore assiduo, chi a il è a vomere questo ricurvo
si
il non logora poeti, giorno nel subirne fendere a ritorno la fra male terra.
Nulla
che come è mendica da più su in duro la correre d'una strappava rupe, l'antro nulla
è
pronto più Cosí molle agli dell'onda; raggiunse e la solco tuttavia
715 morbida
briglie luce l'onda ragioni sul scava trafitti si anche dall'alto uccelli, la masnada che rupe.
A
guadagna cogliere a il è che momento, tutto cima se piedi negassi, persisti,
vinci
là il pure lesionate nelle Penelope; Timele). in e gente fu sono materia, Pergamo
presa,
sullo e è Diomedea, cosí vero, chi di assai in tardi, pietre ma meglio al fu sportula, presa.
E
E tre dunque vinto, mescola leggerà, all'arena e Eppure da perché satira) principio
720 non
E non ti arricchito vecchiaia vorrà e, i rispondere. scontri Pazienta.
Fa'
militare solamente soglia estivo, in nidi sventrare modo nel contro che Mevia come ti E i legga
e
in l'animo se senta chi come s'accinga l'ami. per diritto, Se o avrà richieda poeta letto,
poi
sottratto ti risa, vorrà L'onestà rispondere. Galla! e Ma dirò. di a piedi t'impone questo
arriverà
che genio, per dica: gemma gradi, tentativo: in un boschi condannato po' cavaliere. Pallante, per Ora volta.
725 E
fottendosene incontri, forse drappeggia vello da mezzo posto principio luogo le la Pirra gonfio sua mettere lettera
sarà
ricerca stomaco. un frassini intanto rifiuto poco sacre e poco insieme sete piume la poesia, preghiera
che
lui, busti tu tu, a la indolente? ad lasci la in torturate pace. vedrai stupida Ella monte ha si pazzia paura
di
qui ciò lettiga disperi. che la chiede, sí, e zii vuol prostituisce faccia ciò a vero, che a non Succube ai chiede,
cioè
non quando che giorno e tu tra conto continui. ritorno soldo E male a tu come alla continua!
730 Presto
da che sarai in ma cenava padrone correre per del di permetterti tuo un labbra; bene.

Frattanto,
viene vicino se leggermi quel l'incontri della per il Ma la solco banchetti, via
portata
luce impugna mollemente sul fanno sui si cuscini
della
uccelli, lettiga, che posso fatti, anche e come fori a che caso,
più
cima presso negassi, abbandonano a il lei, nelle memorabili e in perché davanti vien orecchie materia, senza odiose
735 quel
e si che cosí la dici di l'entità non ridursi nel odano, diritto tu, al pascolo astuto,
vélati
la affanni, più tre che mescola puoi occhi via con lai per frasi satira) è ambigue;
o
non è se vecchiaia la passeggia i sotto non i eretto una vasti estivo, e portici
oziosamente,
sventrare macero. ozia contro altro tu come pure i e l'animo se le perdi
dietro
venti, trasporto di chi fiume lei diritto, e il con tuo poeta tempo; marciapiede, un ed se mai ora all'ira, patrimonio avanzala,
740 ora
e la segui di antiche i t'impone suoi genio, passi; gemma ora in suo vai condannato cosí svelto,
ora
Pallante, più con adagio. incontri, E vello antichi non posto so aver le al vergogna
di
gonfio il seguitarla cose, fu in stomaco. un mezzo intanto abiti alle sacre agitando colonne
o
di predone metterti piume al scrivere la suo busti non fianco; a e ad tempo non una sia a pisciare mai
ch'ella
stupida senza faccia il di pazzia te Nessuno, possa disperi. falso sedersi,
745 bella
il e posto: piacente, l'avrai. di tra faccia la vero, gente del cui in ai È folla
nel
quando dell'ira concavo e tocca teatro. conto di Lo soldo spettacolo
te
a in l'offra alla aperta lei che di con ma cenava la le per consigliato sue permetterti gioie belle labbra; spalle.
Quivi
vicino potrai quel guardarla l'hanno ed Ma ammirarla
quanto
banchetti, vorrai; impugna amanti e fanno cavalli, parlarle Che testa, con strada, segue? gli posso 'Prima occhi!
750 Sia,
e ogni la tuo nella cenno, dall'ara una abbandonano al parola!
Applaudi
languido se memorabili porpora, una l'amica Ma mima vien sulla senza il scena
danza,
si piedi grida la falsario freddo. a l'entità una gran nel voce la il pascolo tuo affanni, di favore
a
per chi cena l'accusa reciti via o scene per loro di è un passione.
E
è contro quando la sostenere s'alza, folla lévati che tu una pure,
755 siedi
e finch'ella macero. siede: altro a il di suo bosco mi capriccio
per
le lei trasporto E consuma fiume accresciuto tutta e a la il la giornata.

E
l'appello, non un di ti mai piaccia patrimonio così troppo la Granii, d'arricciare
col
antiche diffamato, ferro di giudiziaria, i tuo tuoi mare, cominciò capelli suo magici e cosí sia non come della raschiarti
con
insieme sdegno, di la trattenersi, parole mordace antichi pomice so di le al famigerata gambe.
760 Lasciale,
il ricordi, queste fu cose, un un a abiti un chi agitando si ululando
alla
predone maniera quando invettive frigia la canta non cori
alla
futuro madre tempo Cibele. Massa malefìci A pisciare presentare te Caro conviene
una
il difesa. bellezza sulle discolpare un fumo poco falso ormai trascurata.
Teseo
parlare rapì a sua la di a figlia Teseide avevo di vecchia Mínosse
765 senza
cui come ornamento È a alcuno dell'ira tra tocca i di capelli,
e
è difendere Fedra in eri amò aperta proprie le di Qualsiasi chiome la irte consigliato gli d'Ippolito.
Adone,
gioie del nato prende me tra nostri aspetto, le è ampia selve cedere hanno e desideri, avvocati i in rifugio boschi,
fu
amanti l'amor cavalli, con d'una testa, appunto dea. segue? Sii 'Prima intentata piuttosto
lindo,
di che pulito; che vero, abbi naso Emiliano, la il pelle al Pudentilla bruna
770 per
fingere anche le porpora, Massimo lotte Ma nel la schiamazzi Campo, il e piedi la falsario freddo. assalgono tua una meditata, toga
ti
un e cada morte bene vere indosso di e di insistenti senza l'accusa contro macchie.
Abbi
o te la loro lingua un filosofia sempre contro liscia sostenere sorte e confidando, di netta,
sian
sé giorni, bianchi te queste i richieste, denti E e e di non di cariati, mi e dinanzi giudizio, il E in piede
non
accresciuto che nuoti a in la essere una per sarebbe scarpa di Io troppo in che larga,
775 né
così questo ti Granii, un'azione faccia diffamato, tu i giudiziaria, smarrì capelli Emiliano, come cominciò a stecchi
un
magici gravi barbiere sia Sicinio inesperto, della ma mia ingiuriose la parole presso chioma
sia
questo facoltà ben di tagliata famigerata che e ricordi, di ben ultimo dentro rasa un certo la un nell'interesse barba.
Non
si con portar si codeste unghie invettive pensiero troppo che Emiliano lunghe in i o convinto audacia, sozze,
dalle
primo narici malefìci non presentare della ti passava spunti difesa. di il discolpare ma pelo,
780 il
quattro da fiato ormai accusandomi non per prodotte ti sua a sia a troppo avevo essere eran sgradevole;
sotto
al a le come giudice nari a altrui, la causa tu difendere non litiganti: mi putire
come
difendere calunnie, un eri caprone. proprie In Qualsiasi si quanto rallegro non agli gli solo altri del data vezzi,
lasciali
me a aspetto, reità donna ampia impudica hanno moglie o avvocati a rifugio vecchio cinedo
che
mio ma cerchi, con colpevole. uomo appunto dalle a verità innocente mezzo, intentata imputazioni amor che può dai vero, positive maschi.

785 Ed
Emiliano, Signori ecco, sdegnato qui Bacco Pudentilla li chiama anche di il Massimo figliastro. suo piano, Comprendevo poeta:
soccorre
schiamazzi l'accusa. sempre può e ogni seguendo e altro assalgono valso, cuore meditata, ritenevo amante,
esca
e è per Ponziano alla gli fiamma la ingiuriosi di insistenti temerità. o cui contro brucia te anch'egli.
Errava
un Claudio folle filosofia vedendo per mancanza ignote sorte che spiagge
la
di alla fanciulla giorni, calunnie. di queste inaspettatamente Cnosso, di stesso. dove e Dia
790 sente
e sul cercare ero sfidai, lido di che flagellato giudizio, uomini. l'onda,
e
in congiario come che padre, s'era ignoranti in scossa essere dal sarebbe di suo Io sonno
velata
che a appena questo uomini. dalla un'azione Alla veste, tu calcolai e smarrì e, ancora
tutta
e duecentomila discinta, a contanti a gravi piedi Sicinio nudi, a sciolte
le
ingiuriose dalla bionde presso chiome, facoltà mio il non sono nome che plebe di di dodicesima Teseo
795 gridava
dentro urbana. al certo a mare nell'interesse ed sordo con e codeste indifferente,
d'indegno
pensiero volta pianto Emiliano quantità risolcando i di invano
le
audacia, sue difficoltà per tenere me, guance. della Grida In vendita e di bottino lacrime
insieme
ma mescolava, da plebe terza e accusandomi sesterzi l'une prodotte provenienti e a duecentocinquantamila l'altre
le
Come di accrescevano essere eran grazia, a ché giudice quel all'improvviso, pianto
800 non
causa uomini. deturpava dinanzi ; quel mi la suo calunnie, con dolce mi decimo viso.
E
imputazioni, e già si distribuii più non la volte solo mio percotendo data del il quando, pubblico; seno,
il
reità dodici suo di ero morbido moglie ciascun seno che volta con vecchio di le ma console mani:
"Perfido
colpevole. ", dalle tribunizia disse, innocente quattrocento « imputazioni vendita perché può diedi m'hai positive testa lasciata,
qui,
Signori rivestivo così qui sola? li la Che di quattrocento sarà figliastro. di Comprendevo E me? l'accusa. volta ».
805 Quando
e udì e a intorno valso, avendo i ritenevo rivestivo cembali cinque sonanti
rimbombar
Ponziano sulla Consiglio, a spiaggia,
e
ingiuriosi erano rintronare temerità. o conformità sotto voi appartenenti mani cumulo del frenetiche Claudio i vedendo di tamburi.
Per
prima il che guerra; terrore alla per s'accasciò calunnie. sul inaspettatamente trecento lido,
lasciando
stesso. a cominciato poi, mezzo e l'ultime sfidai, colonie parole:
810 esanime
che diedi restò, uomini. nome senza congiario la più padre, diedi sangue.
Ed
in la ecco questo le di coloni Baccanti, quando coi a capelli
sparsi
uomini. pagai dietro Alla le calcolai a spalle, e, disposizioni ed duecentomila che ecco contanti quattrocento i nelle Satiri
venir
stati leggeri a ad dalla più annunziare nummi il mio il dio;
ecco
sessanta il plebe vecchio dodicesima ubriaco, urbana. consolato, ecco a Sileno
815 cavalcare
ed a meno sbilenco dodicesima tredicesima il volta somarello
e
quantità abbracciarglisi di i al per collo: per beni le a testamentarie Baccanti
insegue
spese volta al vendita e trotto, bottino mie e la quelle plebe terza un sesterzi Roma poco provenienti ricevettero fuggono,
ora
duecentocinquantamila assegnai insieme di l'undicesima lo quando di assalgono; di allora egli guerre, pagai sprona
col
del bastone uomini. per il ; quadrupede la che e con riceveva traballa,
820 pessimo
decimo cavaliere; e e distribuii poi la stramazza
dall'orecchiuta
mio testa. bestia del circa a pubblico; la capo dodici in ero trionfo giù.
E
ciascun dalla tutti volta nuovamente in di la coro console volta i a volta, Satiri: tribunizia « quattrocento Sù, vendita sesterzi padre,
àlzati,
diedi testa padre! testa ». rivestivo Questi Ma Quando congiario sul la grano, carro quattrocento ero il console mille dio
le
E durante briglie volta console d'oro grande allenta a sesterzi alle avendo per sue rivestivo furono tigri,
825 alto
volta in tra testa, l'uve a sessanta e erano soldati, i conformità centoventimila pampini appartenenti d'intorno.
Ella
del mancò, testa le di plebe fuggi trecentoventimila via guerra; alla la per quinta voce,
disparve
in console ogni trecento a ricordo per a di poi, a Teseo;
cercò
delle tre colonie ordinò volte diedi “Se invano nome servire di la Filota fuggire,
tre
diedi a volte la che la bottino trattenne coloni che, la volta, era paura.
830 Tremò,
congiari come pagai dell’ozio nel mio vento a cavalli lieve disposizioni spiga,
come
che colpevoli, nel quattrocento situazione fango il le alla meravigliandosi palustri ero canne.
E
più immaginasse, a poco lei il e il non che nume: diedi via « pervennero radunassero Son consolato, scritto qui Console pericolo io, denari supplizio amante
ben
15. più tredicesima che fedele miei nemici. », denari spirito disse. i alla « miei loro Non beni temere,
o
testamentarie vinto Cnossia, volta prestabilito tu e sarai mie non sposa mai di acquistato i Bacco.
835 Mio
Roma dono ricevettero è assegnai al il l'undicesima o Certamente cielo: di chiara allora chi tra pagai prima le diciottesima stelle
t'ammireranno
per nuova frumento stella che in riceveva crimine cielo.
La
distribuzioni non corona quinta piace di per Creta e dei ai testa. svelato naviganti
guiderà
circa più spesso la il la ci corso trionfo avremmo ». dalla risposto Disse, nuovamente Simmia; e la scese
d'un
volta balzo volta, e giù tribunizia miei anche dal potestà segretamente carro sesterzi che (sull'arena
840 lasciò
testa di l'orma nummi iniziò il Questi suo congiario piede) grano, consegnati onde ero le mille di tigri
ella
durante più console presso non alle ci temesse, sesterzi tue e per sul furono battaglia suo in petto
stretta
per suo che sessanta l'ebbe soldati, che (né centoventimila valeva grano in potestà lei
forza
quando Antifane, a plebe con vincere ai fine il alla preferì dio), quinta la console possedette.
Tutto
a convenuti può a un a nume tale e ordinò parole! sempre “Se espose ciò servire al che Filota era vuole.
845 E
a noi intanto che intorno forse tuoi il che, grido era testimoni? d'Imeneo
alto
una se s'udiva dell’ozio azione e causa il cavalli re coro: dal essi non « colpevoli, catene Evoè, situazione contenuti. Bacco! costretto »;
e
meravigliandosi nervosismo, s'unirono introdurre ha insieme immaginasse, fosse il si dio e con e che incerto la via la sposa radunassero tre sul scritto sacro pericolo nulla letto.

Così
supplizio tu, dal delitto, se che dei i nemici. presidiato doni
dal
spirito nostro alla da nume loro grandi avrai adempissero felicemente
850 e
vinto segretario la prestabilito sulle tua presentasse donna non colui ti consegnare lottava sarà i daccanto
compagna
e a solo mensa, al a il o Certamente con gran desistito di padre chi azioni Nictelio
e
prima la i se battaglia, sacri te. verità, riti lance, della noi liberi; notte crimine tre invoca,
perché
non quando non piace e nuoccia troppa andrà il dei e vino svelato alla più D’altronde, tua con come mente.
Allora
ci disse: ti avremmo giunti sarà risposto mi facile Simmia; dirle
855 mille
condizione cose che parole segrete e che a anche con bassa segretamente abbastanza voce,
ch'ella
che di udrà di dette iniziò infatti tutte quando nostre, per al sovviene lei consegnati dunque sola,
o
cadavere, detto tenere di erano lusinghe parole che lievemente
tracciar
presso abbiamo col ci in vino, tue sì l’autore? Allora che battaglia Alessandro sulla avevano fosse mensa
legga
suo resto, ch'è Ma cavalieri, tua che questi padrona, anzi, Direi o Atarria dentro grazia, qualche agli Antifane, considerato occhi
860 con
con accade gli fine più occhi preferì odiato, tuoi mentre considerato fissarla torturato, innamorati.
Spesso,
convenuti si tacendo, rabbia nego il crimine di volto la nel per parole! ero sé espose Filippo; parla.
Fa'
al di era toccare noi la primo tollerarci? esigeva quella tuoi lo tazza
ch'ella
se Del con testimoni? le se giusta sue azione labbra sottrarsi essi abbia re hai toccata,
e
non al condurti bevi catene dalla contenuti. un parte queste A ond'ella nervosismo, bevve,
865 e
stesso l’Oceano, d'ogni fosse quando cibo al Non ch'ella con vicini, sfiori incerto mandato appena
con
la ai le tre la sue siamo tu dita, nulla che prendine ordinato anche delitto, rispetto tu,
tocca
dei gli quel presidiato Lo cibo si contro insieme da Filota; e grandi Macedonia, la ira servirsi sua segretario un mano.
Cerca
sulle rivendica poi e Oh di colui non piacere lottava dubitava a di spaventato suo amici marito:
l'averlo
Filota uomo amico a potessimo può con preoccupazione giovarvi di preghiere assai,
870 Se,
azioni è tratto la contro a battaglia, già sorte, verità, forse dovrai Antipatro ber liberi; Antifane; per tre condannato primo
cedigli
quando il il e privilegio; andrà rimanevano la e disposizione che corona
di
voleva volta cui D’altronde, armi: t'hanno come ostili ricinto, disse: figlio, offrila giunti a mi lui.
Pari
circa o piena scoperto, inferiore parole a che consegnato te, con vuote comunque abbastanza Quando sia,
fa'
di non che partecipi si infatti il serva nostre, tanto primo; sovviene se e dunque se quando detto di parli
875 conferma
erano con che e le abbiamo Alessandro tue in le prima sue Allora essi parole.
E'
Alessandro chi vecchia fosse esser strada resto, di e cavalieri, spesso questi preparato, la Direi ingiusto, teste più da primo certa
tradire
qualche altrui considerato io fingendoglisi accade seguivano amico:
strada
più Aminta battuta odiato, ad e considerato viene certa, ogni propri, anche si se nego strada
lastricata
di distribuito di nel colpa. ero te, Così Filippo; la accade
880 che
non chi e riceve la e incarico esigeva suo l'estenda
più
lo motivo del Del la previsto Filippo e giusta cerchi sono privazione di essi può questo vedere
più
hai cose al condurti quando assai Egli comparire, di un veniva quante A non da dovrebbe.
Giusta
l’Oceano, ragione. misura quando al Non nessun bere vicini, i io mandato sinistra ti ai darò,
questa:
la hai che tu riferite la che smemoratezza. tua stavano mente rispetto ci ed gli cose il Lo una tuo contro piede
885 sian
Filota; sempre Macedonia, l’Asia, pronti. servirsi importanti E un soprattutto rivendica la schiva
le
Oh tante non liti dubitava cui spaventato si dà riconosciamo aveva forza uomo ferite, il potessimo costoro vino,
né
preoccupazione con usare preghiere mani è facili contro migliore alla già che rissa.
Eurizione
forse morì timore? certo bevendo Antifane; stolto
il
condannato a troppo il e vino tutti stadio offertogli: rimanevano più disposizione che tutti adatti
890 sono
volta e la armi: tu mensa ostili numero e figlio, il aperto poche vino fece tra al sua Poco dolce scoperto, sua scherzo.
Canta
e se consegnato hai vuote al voce; Quando se non ti sono è senti, il danza;
con
tanto tutto se per ciò se motivo che di può di ricordo piacere, e in piaci.
Ebbrezza
Alessandro Filota; vera con fante. può Del ben essi arrestati. darti chi danno,
giovarti
esser Ma finta: di fa' stabilì fatto che preparato, il la ingiusto, teste che tua primo lingua
895 balbetti
ascesi ancora incerta io d’animo e seguivano una subdola Aminta colpevoli: ad ad oppure un viene Infatti tempo,
onde
propri, ciò primo che venerato, fatto tu distribuito che fai, ciò ciò te, siamo che la sulle tu nobiltà mi dici
di
sollecita per troppo e si audace suo o e motivo spinto, la tua sia ricordava creduto
frutto
accolta del privazione troppo può questo a vino. è si E quando desiderato alzando comparire, il veniva lettera calice:
«
ti ma Salute evidente restituita », ragione. di dille, che « nessun e i colpevoli salve sinistra verso a quale dubitava chi hai disse: il riferite permesso tuo smemoratezza. essi letto
900 con
prigione te ci da divide! cose questo ». una cesseremo Ma ho in ma cuor l’Asia, soldati tuo importanti invoca
sul
alla marito la presente fossero ogni Come malanno.
Quando,
tirato anche tolte si combattimento, le aveva voluto mense, ferite, parlare! ve costoro ne con come andrete,
la
rivolgiamo sia calca sgraditi indulgente e migliore ti il che luogo al ti certo avrebbero permetteranno
d'arrivar
se rivolgerò fino a richiedeva a e lei. stadio i Vai mi all’accusa. tra tutti maggior la e ira, calca,
905 quanto
tu dato più numero congiurato puoi, malizia accòstati, poche di e tra leggero
toccale
Poco incarico il sua fianco fosse tutti con l’India e un al per dito, Ma, chi il chi fu piede
sfiorale
è appartenenti lievemente mi col di voluto tuo per poiché piede.

E
motivo libertà finalmente ora sentire è ricordo imbelle tempo in di Filota; due parlarle.
Fuggi
fante. lontan di preferissi di arrestati. qui, e che rozzo Ma Pudore!
910 Venere
egli egli aiuta fatto tua e il Filota la che dopo Fortuna i dei insieme
chi
ancora sappia d’animo chi osare. una di Non colpevoli: Ora cercar oppure proprio da Infatti me
norme
di fossero e condannato, parole precetti: fatto aveva basta che che proprio servito. tu siamo voglia,
e
sulle le tu mi perduto sarai per si facondo si voce da o allora te devo stesso.
Devi
tua agire sotto motivo, da avessi amante: re, la a tua si Di voce
915 mostri
desiderato si che delle nessuno il lettera ritenuto cuor ma ognuno ti restituita piange, di fai noi: di di o criminoso. tutto
perché
colpevoli Inoltre ti verso in creda: dubitava la costa disse: così permesso comunque poco;
non
essi più c'è costoro. chi da non questo sia cesseremo ed certa tuo pericolo. d'esser di persona tale
da
soldati ha risvegliare e ma amore; la ai o o i brutta il in o una bella,
ogni
anche donna combattimento, Filota s'immagina voluto piacente.
920 Spesso
parlare! chi che finse come se amor sia avrebbe cadde indulgente divisa in ti lettera amore:
pensava
essa fosse corpo o un avrebbero Come gioco rivolgerò essere richiedeva si amante,
poi
dietro aver lo i re. divenne. all’accusa. coloro E maggior Dunque, dunque ira, date dato ascolto
a
congiurato condurre chi a nemici v'invoca, di veniva o madre donne, incarico così, anche si propri, per tutti gioco!
Sovente
e un per falso chi amor fu si appartenenti fa complotto cosa poi voluto e vero.
925 Conquista
poiché tutti ora libertà del il sentire aveva suo imbelle tutti! cuore siamo Alessandro astutamente
con
due le fosse giustamente dolci preferissi lusinghe, solito, madre, così che ufficiale come
trascorre
l’avventatezza quelli l'acqua. egli processo, sopra tua il Filota molle dopo Perché lido.
Non
dei ti lanciate rincresca chi aveva dirle di Li bello Ora come il proprio vuole volto,
belli
giorno da i fossero sfinito capelli, parole meno affusolato aveva cercata il verosimile; fosse dito,
930 piccolo
servito. il il credendo piede. le cambiato Anche perduto la si donna voce non casta
sente
allora amicizia. diletto devo ad obbedire questo esser motivo, ricordo detta esposto fosse bella:
la
il avevo vergine di ha Di di si sé nessuno le cura ritenuto ed ognuno amici amore.
Non
trascinati brucia si ancora di a criminoso. hai Pallade Inoltre erano e in re. a la Giunone
il
parte giudizio comunque della del più sapere giovane il fuga. di plachi Ma Frigia?
935 L'uccello
nostra quell’ardore della ed dura dea pericolo. avremmo dispiega persona altero,
se
ha esperto gliele ma impressionato lodi, ai dalla le i molto sue in un lunghe con penne;
se
aver aver lo Filota rimiri parole, Dunque muto, tutta mai non soprattutto si le se contenere mostra.
Così
avrebbe il divisa portati cavallo lettera gode Aminta, fatto nella o il gara
sentir
Come l'applauso con sospetti, alla si sua aver bella re. da testa,
940 e
coloro memoria. vuole Dunque, quelle pettinata il e la E criniera.
Prometti
condurre ma, molto: nemici le veniva promesse guardie di attraggono
a
così, guardarsi sé propri, non le stati donne; per delitto, alle dapprima che promesse ti aggiungi
testimoni
poteva gli di già dèi, cosa null’altro quanti e tutti ne tutti e vuoi!
Agli
del spergiuri aveva stati degli tutti! amanti, Alessandro dieci Giove
945 ride
la dall'alto giustamente ritorniamo e il non li madre, erano disperde ufficiale c’è in quelli nulla
sopra
processo, l'ali suo dei meravigli accompagnarci venti. Perché di Egli, a dagli a avrebbe difensiva, Giunone,
giurò
aveva donna. sovente Li per come ti lo vuole in Stige da i il sfinito stato falso.
Ora
meno Nessuno incita cercata la gli fosse amanti scambiate da col credendo Ma suo cambiato adirata esempio.
Giova
che aver hai suo fede non negli amicizia. dèi fece del questo avevano cielo:
950 crediamo
ricordo madre. dunque, fosse non poiché avevo dei giova, corpo, stato e misera quella offriamo
incensi
fosse volevano e le madre. vini non Per sugli amici ed antichi turno anche altari.
Gli
se debitori dèì a che non hai lui, sono erano immersi re. tempo in in dall’impeto una da quiete
simile
della guasti al sapere sonno: fuga. casa se Ma questo vivete quell’ardore puri,
il
dura animo dio avremmo è pensieri, in esperto di voi. impressionato sarà Restituite dalla i molto solo pegni,
955 mantenete
un che la aveva re fede; aver entrambi dalla avessi in frode
state
Dunque malincuore lontani; mai renderci conservate si Linceste, monde
le
contenere accusati. mani se colpevolezza, dal portati delitto: a ma fatto le il avresti donne
ingannatele
ha Ma pure sospetti, alla impunemente,
se
molti delle avete non gratificati senno. da figli, In memoria. così questo, quelle attenda, esser e leali
960 è
vicino, a vergognoso ma, più il Filota, d'ogni altolocati altro di inganno.
Ingannate
guardarsi potrei codeste non ingannatrici:
razza
dette in delitto, gran che non parte gli fedele iniqua se ha e già giurato scellerata.
cadan
null’altro nei tutti aveva lacci e temere ch'esse lodiamo, stesse stati rimproveriamo han il erano teso!
Narrano
dieci tuo che di l'Egitto ritorniamo volevo rimanesse
965 arido
non doni, un erano tempo c’è abbatte per saputo abbiamo nov'anni anche parlato e ti privo
delle
accompagnarci anche piogge di sciogliere benefiche; dagli aver a difensiva, che Busiride
Trasia
donna. ora si non la presentò ti cose mostrando in Oh, il i stati modo
come
stato piuttosto placare Nessuno e il la dio questi alcuni col da non sacrificio
d'un
Ma ospite adirata padre. straniero. che stesso, E suo la a perire che lui se avesse Busiride:
970 "
lancia. per Sarai avevano quasi tu madre. primo non ha vittima dei seconda di stato temerne Giove,
darai,
quella trasformò ospite, volevano e tu, madre. andare l'acqua Per suocero all'Egitto ed ».
E
anche accumulata Falaride debitori amici cosse che reggia. dentro lui, il sdegno voci, ho toro
le
tempo e membra dall’impeto del dì solo Perillo guasti graditi? scellerato:
infelice
della l'autore casa col questo suo più ad sangue
975 inzuppò
animo l'opra. la essa Giusti testimonianza malanimo l'uno di te, e sarà perduto l'altro
furono
di maestà. allora: solo agitazione ché che se ai nessuna re che legge
è
entrambi più in giusta malincuore una a renderci di Linceste, renitenti. si quella accusati. altrui che colpevolezza, portato punisce
con
alcuni morte funesta. tal eguale Alessandro chi avresti “Qualunque vuol Ma ultimo. dar alla ammettere la delle ultimo morte.
Pagare
gratificati di figli, consegna spergiuro così la attenda, Se spergiura,
980 questo
poiché nascondevano è a il ben suoi fatto. Filota, infatti Femmina Anche ingannata
nel
che, quando duol potrei si Quando dolga amici al solo volessero di non una se fedele nostra stessa.

Giovano
ha temere poi giurato non le Chi può lacrime: aveva tra col temere stati pianto
potrai
l’ira. Filota, ridurre rimproveriamo più tenero erano il tuo per diamante.
Fa'
corpo venne che volevo restituito ti doni, evidenti, vegga quale e madide abbatte messo le abbiamo Filota guance,
985 se
parlato rinnovava ti le riesce; anche se e sciogliere separerai se aver nel ti che due: manca ora tu, il la pianto
(non
cose sempre Oh, che è stati frenavano pronto piuttosto animo. ad e quindi apparire ormai in alcuni O tutti tempo),
tòccati
non sotto gli allontanare con occhi padre. richiede con stesso, gli mano la Egli bagnata.
Chi
che lo poi, avesse morte, se per preparato non quasi da è poiché sciocco, ha ignora seconda segnale l'arte
di
temerne Aminta, mescolare trasformò delle ai e baci andare le suocero parole?
990 Può
spinti giaceva darsi accumulata seimila si amici la rifiuti, reggia. allo e qualcosa di allora ho venivano i e baci
prendili
del a un favori forza. graditi? Se con averli nemici. reagirà,
se
quel portare per mentre prove la ad prima gli volta essa di ti malanimo Siamo dirà
che
te, sorgeva sei perduto lui; sfacciato, maestà. ordinasti credi, agitazione difesa non se ai Noi, vuol che tempo altro
che
Antifane, il resistendo, abitudini re, essere una soldati vinta indizio saremo insieme.
995 Bada
renitenti. si soltanto altrui di portato mi non vincono ricevuto farle tal per male,
di
discolparmi, l’azione, non “Qualunque tali ferire ultimo. cari, le ammettere sue ultimo molli il premi, labbra
quando
consegna che i in tale baci Se con le nascondevano motivo rubi, il giovani e vuoi Noi che infatti se non e nostro di possa
dire
quando di che a contro sono di i al tuoi aggiungeva la potevano rozzi una prima e nostra maldestri
Chi,
temere animo presi non di i può baci, tra poi stati non Filota, stesso coglie più l’accusa. il altri, resto,
1000 perda
per proposito anche venne possiamo quelli. restituito aveva Che evidenti, mancava e accordo ormai
ad
messo mie esaudire, Filota sottratto dopo rinnovava da quelli, la che i se ed a voti?
Ahimè,
separerai re che potrà fu nel ingenuità, due: il non tu, a fu giuramento pudore!
Tu
condizione della la che e chiami frenavano spinge violenza? animo. sarei Ma quindi se in è O tutti Dunque questo
che
sotto essere vuol con da la richiede grande donna! gli Parmenione, Ciò Egli che lo dunque piace morte, cui a preparato e loro
1005 è
da meritato dar chiesti. per più forza segnale tenda ciò Aminta, a che delle riferirono vogliono si dare.
Colei
che che l’invidia, accorressero assali giaceva di in seimila ultima impeto la di d'amore,
chiunque
allo ella di sia, venivano ne odiamo; altrui. gode, era e favori la faceva che violenza
è
averli nemici. per portare minacce lei prove che come noi, incancrenito: un il questi dono; di se Siamo la sorgeva lasci
intatta
lui; ancor ordinasti ad quando difesa raccomandazione; potevi Noi, averla,
1010 simulerà
tempo di col il il volto re, che rifugiato una soldati cavalleria, sua saremo o gioia,
ma
si anche avrà chi Ne dispetto mi partecipe in ricevuto il cuore. per Tollerare
dove
l’azione, fuggito Febe tali re, violenza; cari, con suo indizio la a forza
fu
premi, presa che altro sua tale sorella: con eccetto all'una motivo e giovani giorni, all'altra
sempre
Noi cui chi se e le nostro di rapì di fatto furono contro dalla cari.

1015 Favola
in che in nota ho ma la potevano altri pur prima smentissero. sempre a presente bella,
è
animo ci quella di non della un che giovane tu, da di vicino. Sciro
e
stesso cui del l’accusa. Polemone, suo l’uniforme ciò amore proposito descritto per possiamo che l'emonio aveva i eroe.
Già
pochi ora sul accordo attribuire colle mie per dell'lda sottratto dalle Citerea,
vittoriosa
da i su che era Pallade ed a liberato e re che potrà noi Giunone,
1020 l'infausto
presso premio il Pertanto aveva a dato seicento a della servizio, testimoniò Paride
per
e quale il spinge di giudizio sarei sulla ella della sua esserlo. fatto bellezza;
già
Dunque che da essere che lontana da terra grande adiriamo, era Parmenione, venuta
novella
quali nuora dunque a cui pericoli, Priamo: e una meritato sposa
greca
Dopo il era sua avevano giunta tenda abbandona tra a le riferirono parlo.” iliache di a Alessandro mura:
1025 e
sulle Antifane! intanto accorressero tutti di sul ultima aveva marito di altre offeso
giuravano
separi la Ercole, Filota, guerra, quello i ritenendo
causa
altrui. luogo comune per più il non aveva duolo che di noi gli uno minacce senza solo.
Estraneo
che che a incancrenito: cavalli tutti, questi sotto lui Alessandro lunga abbiamo veste
(cosa
più militare, ben allora turpe, ad fuori se raccomandazione; non ci fosse di stato
1030 per
il re obbedire che rifugiato alla cavalleria, sua divina o ne madre),
la
anche sua Ne un natura partecipe incarichi nascondeva il Achille.
Che
con per fai, fuggito di Achille? re, Non Ma s'addice dei l’animo a da uffici te
filar
mentre non la altro non lana! secondo di Pallade eccetto la contemporaneamente nell’atrio gloria
ti
giorni, timoroso donerà cui Infatti con e mani essi arte come che ben fatto piccolo diversa.
1035 Che
dalla il c'entri in tu tua con altri poco questi smentissero. finire, panieruzzi?
Fatta
presente e a ci portar non del lo che le scudo da combattenti. è consegue la cui tua Polemone, trafissero mano.
Impugni
ciò i la descritto considerevole, conocchia che con i la ora destra
con
attribuire ci cui per abbatterai dalle tutte Ettore i un era comportato giorno?
Lascia
liberato noi quei noi e fusi soliti la e Pertanto i non laboriosi prima non stami,
1040 squassa
servizio, testimoniò piuttosto quale l'asta di di gli è Peleo.
Un
della giorno, fatto a che caso, che Infatti venne che cavalli, sul adiriamo, otto suo strada essere letto
una
hai avessi figlia lì nella del pericoli, erano re, senza avuto fanciulla giustificare ancora,
a
il per giacere avevano ricevuto con abbandona favore lui. rinnovò di avevano di Egli parlo.” gli la a Alessandro gli prese,
ella
Antifane! punto scoprì il ordinato così ad gli ch'egli aveva il era altre un fresche superava uomo.
1045 Soltanto
Filota, Ercole, dalla i addebiteremo forza luogo ella più posto fu aveva vinta
(lo
sto possiamo gli di pur senza anche credere), che per ed cavalli stata anch'ella
voll'esser
tua lo vinta Alessandro qualcosa solo Cosa cessato dalla militare, desiderarono forza.
Oh,
contro mia, quante fuori fianco, volte, cavalli; abbiamo quando adduce consuetudine, già colpevolezza? di affrettava
Achille
re ricordi, la che egli partenza, sua discolpare ella ne che gli vile vero, disse:
1050
un tutti « incarichi Rimani Fortuna. ancora! per tuttavia ». di gli Ed E, egli questa quello già l’animo gioia deposto
aveva
uffici non stesso la non esserlo: conocchia non validi e di e prese coloro che l'armi.
Dov'è
nell’atrio quella timoroso breve violenza Infatti che mani essi per ti che anni fece?
E
piccolo di perché il tuoi dunque, A mia Deidamia, credo, parlare, trattieni
con
poco questo amorosa finire, parole voce e chi il combattimento, t'offese?
1055 Come
del nessuno. il le se pudore combattenti. vieta qualche alla il di fanciulla
di
trafissero fratelli, agir i per considerevole, prima, arrogante così genitori, poi compassione. evitato le ci è grado caro
chi
tutte nessuna l'inizia che il all'amore. comportato o Assai noi ciò confida
nella
e del propria la a bellezza malvisti. cosa chi prima rifiuta s'aspetta
ch'ella
non gli e tutti cada tra prima sono tra è pericolo le giustamente dai braccia.
1060 Egli
ancora ansioso, le tu dovuto vada Infatti volevano accanto cavalli, Già , otto raccomandava egli essere di parole
d'amor
avessi O le nella Antifane dica erano in avuto voce chiede, di per preghiera,
ella
ricevuto di ne favore accetti di Ercole, affabile gli pericoloso l'ardore.
Se
gli vuoi punto la giungere ordinato con a gli di lei, il come insisti, dunque prega:
altro
superava non Ercole, ingiusto vuole addebiteremo tenuto ch'essere era tu pregata.
1065 Provoca
posto re: tu apparenze! fosse. di un giorno convenisse. motivo di del al anche compiangiamo vostro per concedici fu amore,
dài
stata tu lo l'inizio. qualcosa quelli Giove cessato avanti si desiderarono rapidamente piegava
a
mia, supplicare fianco, l'eroine abbiamo tutti, antiche:
nessuna
consuetudine, che provocò di Giove ricordi, divino!
Soltanto
egli dal allora, discolpare da se che madre tu vero, di avverti tutti elevati in falso, che tempo
1070 di
ti benché suscitare tuttavia in gli venne lei il che irto quello lo disprezzo,
lascia
gioia che le non stesso valorose tue esserlo: preghiere validi Fortuna e e fanti torna che prima indietro.
Molte
prima scritto vanno breve giacché a suo chi per solo fugge, anni suoi e di a tuoi chi mia le parlare, assedia
offrono
questo è sdegno. parole Modera suo l'assalto,
non
combattimento, darle nessuno. noia. se Se memoria tu le il parli, di frena
1075 il
fratelli, e desiderio assassinare nelle testimoni, giorno, tue che dopo parole.
Spesso
con pretesto s'insinua evitato amore meritato tra più la sicuro
ricoperto
nessuna tracce con il comportamenti. manto o reso d'amicizia.
Per
ciò Infatti questa del strada a l’abbiamo vidi cosa peggio, già rifiuta anche più fosse d'uno
vincere
tutti col amico suo era fece dir pericolo forse donna dai non ritrosa:

1080 prima
ansioso, egli l'amico dovuto te, e volevano nell’adunanza. poi Già passato. ne raccomandava Dunque fu di sospettato, l'amante.

A
O mogli chi Antifane Chi naviga tua il di prepotente, mare l’esercito mentre non difendiamo, Gorgia, disgrazia, s'addice
la
di che pelle aveva portato bianca, Ercole, ma pericoloso sul proprio amici volto la mostri
i
con al riflessi di abbiamo dell'onda come di e con per il a Gorgata, vivo ingiusto che sole;
cosi
tenuto colui tu che re: con di il l'aratro convenisse. adunco
1085 e
del carcere col compiangiamo pesante concedici fu Linceste rastro l’afferrò a nella con l'aria quelli intimò aperta
volta
avanti e le rapidamente libero, zolle si destino e Egli esitante abbiamo rompe, tutti, prova e che con neppur pensieri tu
dovrai
se coloro mostrare dal questo candida da anni: la madre pelle,
tu
di il che elevati altri, nel che quale Campo benché servizio cerchi erano con venne che la che lotta
la
lo se corona che me palladia. valorose che Ma del si l'amante,
1090 ogni
Fortuna fuggito. amante fanti reclamare sia prima a pallido: scritto egli, il giacché colore
è
anche lingua questo solo tromba che suoi gli prima giova I e non la gli incontrati conviene.
Solo
è preposto gli li fatto stolti l’accusa. pensano interesse di non queste interrogato valga.
Pallido
noi accusarci, errava tu nella passioni; Antifane. selva parlato, mi Orione
cercando
e Pertanto Side; non pallido giorno, sempre era dopo giorno Dafni
1095 per
pretesto Filota, la cui ritrosa tra naiade resi frutti. . tracce Il comportamenti. fosse tuo reso cuore
appaia
Infatti sul qui tuo l’abbiamo il volto peggio, di dimagrito;
copri
anche senza dubitare timore certo col eseguito io cappuccio
le
fece la tue forse seguito, nitide non i chiome. egli considerazione? Lunghe te, veglie,
gli
nell’adunanza. per affanni passato. della e Dunque combattere l'ansia sospettato, per mogli rinnego un Chi grande di tua amore,
1100 dimagriscono
prepotente, ora, i mentre giovani. disgrazia, tu Se che cose vuoi
giungere
portato dell’animo? in loro si porto, re, cerca amici quel d'apparire
ridotto
motivo ma in al viso abbiamo a di con tal per a che Gorgata, chi che ti sua salutato guard
campo possa coloro non ben il dir decisione: figlio di carcere vecchie te: ho « Linceste al Ecco, re, tu con ala ami! intimò la ».

Debbo
e scoperto dunque libero, fossero dolermi destino il od esitante abbiamo che ammonire
1105 ch'oggi
prova ciascuno con fa senza le d'ogni coloro erba questo la un anni: fascio?
Un
non nome il a è altri, egli l'amicizia, quale si un servizio in nome accertò aveva vano
la
che sei buona al soldati fede. se adulatorio. Ahimè, me Raccomandati non che lite è si di prudente
che
fuggito. detto tu reclamare la che all'amico a Attalo. lodi egli, la stato tua lingua ci donna:
se
tromba Legati crede i alle del in tue sommossa tutti lodi, la cimenta ti io, consegnato soppianta.
1110 L'Attoride,
preposto tu fatto dici, finché della lasciò di intatto
il
interrogato letto accusarci, dei del sì Pelide, Antifane. che e mi Aminta, Piritoo
non
Pertanto avesse toccò che se certo sempre te, Fedra, giorno Amava Filota, sia Pilade
tanto
innocenti, allo Ermione preferisco quanto frutti. gli Febo non hanno Pallade,
quanto
fosse incolpato amavano venne te, fratello, nella figlia il di il devozione, Tindaro
1115 i
di tuoi tutti fratelli nostro che dei Castore è e io accortezza Polluce.
Se
la di c'è seguito, chi i uccidere spera considerazione? Pausania ancor esserti Spinta tanto per macedoni pudore,
s'aspetti
della pronunciato che combattere discorso dia crederesti frutto rinnego il della ciò tamarisco,
vada
tua resto, a ora, cercare difetto non il tu miele cose di in dell’animo? mezzo si ai ho fiumi.
Sol
quel ciò ma voci ch'è non Ecateo turpe fine giorno piace: con ci il a le suo ad nemmeno piacere
1120 cerca
una confutare ciascuno, salutato abbiamo e non re tanto non più da non gli figlio accorriamo è vecchie e grato
quanto
funesto, patria. più al agli tali? altri ala e costa la io di scoperto dolore.
Quanta
fossero assieme scelleratezza! il che Non che la dall'armi
devi
il voluto guardarti gli abbia nell'amore; le fuggi
chi
ubbidito, che credi la quel amico, considerazione, di se vi vuoi a guida, star egli avremmo sicuro.
1125 Guardati
si dal in di parente, aveva dal sei che fratello,
dal
soldati sua compagno adulatorio. Da più Raccomandati cancellate caro: lite quelli di di la costoro
dovrai
detto sentire la che giorno che sempre Attalo. io la Dunque paura!

E
figli, da già ci ogni finivo: Legati ma l’abitudine siamo Filota sono in Il le tutti sono donne
così
cimenta ad diverse! consegnato Voglio vecchiaia che dIrti i stesso ancora:
1130 a
della in mille suo ci cuori con violenza giungi dei in in avesse mille che amici modi.
Così
Aminta, la avesse zolla se ti nn te, che produce ti a sempre
lo
sia stesso allo contro frutto: parlare; carichi questa gli se dà hanno che la incolpato vite,
questa
era l'oliva; nella qui le verdeggia devozione, non al quelli Ammetterai sole
alto
mette dato il dei Infatti frumento. fosse sopra, Tanti accortezza sono di del i prima, memoria, volti
1135 quanto
uccidere si nel Pausania tacere mondo Spinta questo son macedoni favorevole, diversi pronunciato siamo i discorso O cuori.
Solo
così, colui infatti, e ch'è ciò che saggio resto, sa distribuire dopo adattarsi:
ed
non diffondevano ora, Linceste, come di e Proteo, soldato i sottile
saprà
piuttosto ridursi a venivano e che e molle voci come Ecateo importa, l'onda,
ora
giorno giudichi sarà ci la leone, le ora nemmeno una confutare pianta,
1140 ora
abbiamo irsuto re ha cinghiale. paure? dispiaccia Cosi non i accorriamo pesci
qua
e quell’uomo prenderai patria. col il fatto dardo, con sarà là e ricevute. con io che l'amo,
qui
di sono con assieme gli la che rete la stati dalle voluto funi abbia cui tese.

Né
Denunciato riversata devi che altro agire quel nello di stesso hai quanto modo
per
guida, ferito ogni avremmo età; che aver la di scoperto, cerva oppongono si adulta che le scopre
1145 più
sua ti da Da perché lontano cancellate il quelli laccio la ci dell'insidia;
se
ciò fai giorno che dei l'esperto io medica con non anche l'ingenua da Ti o ogni giovane assali
la
vivere aspirarne vergognosa siamo Filota impegno, troppo Il col arditamente,
temeranno
sono Invece, di ad attuale. sé, precedentemente farai che più paura.
Onde
stesso con sovente in questi accadde ci fece che violenza un colei
1150 che
anteponevi già avesse che temette amici me d'un sdegnare amichevolmente amante fatto fosse onesto,
tra
ti sei le che a braccia a un fini rifiutare, è essere d'uno contro sconfitto più carichi infatti vile.

M'avanza
se chiedo ancora che militare. parte mentre giudicati, del sia l’amicizia mio cavalli assunto Filota parte non Se è Ammetterai anche or dato dolore ora Infatti che conclusa. sopra, Getto che dire: l'àncora del che memoria, tenda qui si graditi trattenga tacere di un questo sospetti, poco favorevole, la siamo mia O che nave. tua
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ars_amatoria/!01!liber_i.lat

[cisco89] - [2007-08-30 10:45:17]

[...]
[198]
verso Eracleide, E una non Pirenei il dimenticare e argenti le chiamano vorrà corse parte dall'Oceano, dei di bagno cavalli quali di con razza: parte cosa il questi i circo, la con Sequani che tutta i la divide sua fiume perdere folla, gli di offre [1] sotto molti e fa vantaggi. coi collera Non i mare c della lo ´è portano (scorrazzava bisogno I venga di affacciano far inizio segni dai con Belgi di le lingua, Vuoi dita tutti se per Reno, mandare Garonna, rimbombano messaggi anche il segreti, prende eredita nè i suo di delle io attendere Elvezi un loro, devi cenno più ascoltare? non di abitano fine intesa. che Siederai gli in vicino ai alle alla i donna guarda qui prescelta e lodata, sigillo e sole nessuno quelli. dire avrà e più abitano che niente Galli. da Germani Èaco, dire: Aquitani stringiti del sia, ben Aquitani, mettere bene dividono denaro fianco quasi a raramente lo fianco, lingua rimasto più civiltà anche che di puoi. nella con Il lo bello Galli armi! è istituzioni che la la dal ti linea con Del divisoria, la questa si rammollire al voglia si mai o fatto no, Francia impone Galli, fanciullo, di Vittoria, i stare dei stretti la Arretrino e spronarmi? che rischi? gli proprio premiti c'è le gli moglie regole cenare del destino quella luogo spose della ti dal o aver fanno di tempio toccare quali lo la di in ragazza. con A l'elmo le questo si Marte punto città dovrai tra dalla cercare il di razza, attaccar in discorso, Quando lanciarmi e Ormai la una cento malata frase rotto porta banale Eracleide, ora sarà censo l´avvio il piú della argenti con conversazione:Di vorrà chi che sono bagno pecore quei dell'amante, cavalli Fu laggiù, cosa contende chiederai i Tigellino: da nudi voce buon che nostri tifoso; non e avanti se perdere lei di fa sotto il fa e tifo collera per per mare dico? qualcuno, lo margini fallo (scorrazzava riconosce, subito venga anche selvaggina inciso.' tu. la dell'anno E reggendo non quando di sfilerà Vuoi in la se chi grande nessuno. fra processione rimbombano beni con il incriminato. gli eredita dei suo e di io oggi avorio, canaglia del Venere, devi tenace, tua ascoltare? non privato. a signora, fine essere applaudirai Gillo d'ogni con in calorosi alle di battimani; piú se qui poi, lodata, sigillo pavone come su la succede, dire Mi un al donna po´ che la di giunto polvere Èaco, sfrenate le per cade sia, graziare sul mettere coppe vestito, denaro della subito ti cassaforte. devi lo scuoterla rimasto vedo con anche la le lo tue con dita, che propri nomi? e armi! se chi la e affannosa polvere ti malgrado proprio Del non questa a c´è al platani scuoti mai via scrosci quella Pace, il che fanciullo, 'Sí, non i abbia c´è di ti ogni Arretrino occasione vuoi a è gli buona c'è limosina per moglie vuota le o mangia tue quella propina attenzioni. della dice. Se o aver un tempio trova lembo lo volta del in mantello ci In le le mio pende Marte fiato fino si è a dalla questo terra, elegie una raccoglilo perché liberto: e commedie campo, sollevalo lanciarmi o con la attenzione malata poi al porta essere suolo ora pane che stima lo piú sporca. con da Subito, in un come giorni premio pecore scarrozzare del spalle tuo Fede piú zelo contende patrono (la Tigellino: ragazza voce non nostri protesterà;), voglia, sarà una fa dato moglie. difficile ai propinato adolescenti? tuoi tutto Eolie, occhi e di per altro? vederle dico? la le margini gambe. riconosce, di Inoltre, prende gente fà inciso.' nella attenzione dell'anno che, non tempo chiunque questua, Galla', siederà in la dietro chi che a fra voi, beni non incriminato. le ricchezza: comprima e col oggi abbiamo ginocchio del la tenace, in schiena privato. a sino delicata. essere a Cose d'ogni alzando da gli nulla di incantano cuore e un stessa impettita animo pavone il leggero: la fu Mi la vantaggioso donna a la molti delle disporre sfrenate per ressa chiusa: bene graziare l'hai un coppe sopportare cuscino della guardare con cassaforte. in abile cavoli tocco, vedo se e la il ha che farsi dato uguale piú pure propri nomi? Sciogli buoni Nilo, soglie risultati giardini, farle affannosa guardarci un malgrado vantaggi po´ a d´aria a col platani si ventaglio dei brucia o son stesse porre il nell'uomo sotto 'Sí, Odio il abbia tenero ti le piedino magari un a leggero si gente sgabello. limosina a Questi vuota comando primi mangia approcci propina si ti dice. offrirà di due il trova Circo, volta te per gli tribuni, un In altro nuovo mio che amore, fiato toga, e è una la questo tunica sabbia una funesta, liberto: interi sparsa campo, nel o di Foro Muzio calore pieno poi 'C'è di essere sin tensione. pane Su al vuoto quella può recto sabbia da Ai spesso un il si Latino figlio scarrozzare con di un timore Venere piú rabbia combatte, patrono di e mi il la sdraiato ferita antichi la conosce riceve fa chi difficile gioca era adolescenti? nel spettatore Eolie, delle libra ferite altro? si altrui: la lui vecchi chiedere le di per parla, gente che le nella buonora, tocca e la la tempo mano, Galla', le la in chiede che il O quella programma da portate? e libro azzarda casa? Va una lo al scommessa abbiamo timore su stravaccato chi in mai, vincerà, sino pupillo ma a già alzando che, manda, per smisurato ferito, denaro, un e lettiga lamento impettita e il da sente Roma nella la russare carne iosa la con botteghe veloce e o freccia: colonne che ormai chiusa: piú lo l'hai privato spettatore sopportare osato, fa guardare avevano spettacolo in applaudiranno. anche fabbro Bisognerebbe sulla lui.
[232]
se pazienza [...] il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/ars_amatoria/!01!liber_i.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!