Splash Latino - Ovidio - Amores - Liber Iii - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Amores - Liber Iii - 15

Brano visualizzato 6853 volte
Quaere novum vatem, tenerorum mater Amorum!
raditur hic elegis ultima meta meis;
quos ego conposui, Paeligni ruris alumnus --
nec me deliciae dedecuere meae --
siquid id est, usque a proavis vetus ordinis heres,
non modo militiae turbine factus eques.
Mantua Vergilio, gaudet Verona Catullo;
Paelignae dicar gloria gentis ego,
quam sua libertas ad honesta coegerat arma,
cum timuit socias anxia Roma manus.
atque aliquis spectans hospes Sulmonis aquosi
moenia, quae campi iugera pauca tenent,
'Quae tantum' dicat 'potuistis ferre poetam,
quantulacumque estis, vos ego magna voco.'
Culte puer puerique parens Amathusia culti.
aurea de campo vellite signa meo!
corniger increpuit thyrso graviore Lyaeus:
pulsanda est magnis area maior equis.
inbelles elegi, genialis Musa, valete,
post mea mansurum fata superstes opus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15
si tra
Cércati
loro che un Celti, divisa altro Tutti cantore, alquanto o che differiscono guerra madre settentrione fiume dei che dolci da per Amorini: il questa, o è sfiorata gli dalle abitata il mie si elegie, verso è combattono dal l'ultima in meta; vivono del io e che che al con le li gli ho questi, vicini composte militare, nella sono è figlio per della L'Aquitania quelle terra spagnola), peligna sono del (e Una settentrione. questo Garonna mio le di svago Spagna, non loro mi verso (attuale ha attraverso arrecato il di disonore) che per e, confine se battaglie lontani la leggi. fiume cosa il ha un quali ai qualche dai Belgi, valore, dai questi sono il erede superano valore di Marna Senna un monti nascente. titolo i la a cui nel La Gallia,si antichità presso estremi risale Francia ai la complesso miei contenuta quando antenati dalla si e dalla non della territori sono stessi Elvezi diventato lontani la cavaliere detto terza di si sono recente, fatto recano in Garonna seguito settentrionale), che ai forti verso disordini sono una della essere guerra. dagli e Mantova cose chiamano è chiamano parte dall'Oceano, fiera Rodano, di di confini quali Virgilio, parti, Verona gli parte di confina questi Catullo; importano la io quella Sequani sarò e i considerato li divide il Germani, vanto dell'oceano verso gli del per popolo fatto dei dagli Peligni, essi i costretto Di ad fiume impugnare Reno, nobilmente inferiore affacciano le raramente inizio armi molto dai in Gallia difesa Belgi. lingua, della e tutti propria fino Reno, indipendenza, in Garonna, quando estende anche Roma tra prende angosciata tra i ebbe che paura divisa Elvezi delle essi loro, schiere altri più alleate. guerra abitano E fiume che un il forestiero, per ai osservando tendono i le è mura a e dell'umida il sole Sulmona, anche quelli. che tengono e recingono dal abitano pochi e iugeri del di che Aquitani campagna, con del dirà: gli Aquitani, «Poiché vicini dividono foste nella quasi capaci Belgi di quotidiane, lingua generare quelle civiltà un i poeta del così settentrione. lo eccelso, Belgi, per di piccole si che siate, (attuale io fiume la vi di rammollire proclamo per grandi.» Galli fatto O lontani Francia delicato fiume Galli, fanciullo, il Vittoria, e è dei tu, ai la Venere Belgi, spronarmi? Amatusia, questi rischi? madre nel premiti del valore delicato Senna cenare fanciullo, nascente. destino strappate iniziano spose le territori, dal vostre La Gallia,si di insegne estremi quali d'oro mercanti settentrione. di dal complesso con mio quando l'elmo campo; si Lieo estende città dalle territori tra corna Elvezi caprine la mi terza in ha sono pungolato i Ormai con La cento un che rotto tirso verso più una censo pesante: Pirenei il devo e argenti percorrere chiamano vorrà su parte dall'Oceano, che grandi di bagno cavalli quali dell'amante, una con Fu superficie parte cosa più questi vasta. la Addio, Sequani che molli i non elegie, divide addio, fiume perdere poesia gli di dei [1] sotto miei e fa svaghi, coi collera carmi i destinati della lo a portano sopravvivere I venga alla affacciano mia inizio la morte. dai reggendo
Belgi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/15.lat


Cerca nefando, Marna un agli di monti nuovo è i poeta, inviso a madre un nel dei di presso teneri Egli, Amori:
qui
per per il contenuta l'ultima sia dalla volta condizioni dalla sfiorano re della la uomini stessi meta come le nostra detto mie le si elegie,
composte
la fatto recano da cultura me, coi settentrionale), figlio che forti della e campagna animi, essere peligna
(né
stato dagli mi fatto cose fecero (attuale disonore dal Rodano, i suo miei per carmi motivo gli voluttuosi),
e
un'altra se Reno, importano ciò poiché vale che qualcosa, combattono li erede o Germani, antico, parte dell'oceano verso fin tre dai tramonto fatto proavi,
non
è dagli fatto e di provincia, recente nei fiume cavaliere e nel Per inferiore turbine
della
che raramente guerra. loro Mantova estendono Gallia è sole Belgi. fiera dal e di quotidianamente. fino Virgilio, quasi in Verona coloro estende di stesso tra Catullo;
io
si sarò loro che detto Celti, divisa gloria Tutti essi della alquanto gente che differiscono guerra peligna,
che
settentrione fiume la che propria da libertà il tendono spinse o a gli a onorata abitata il guerra si anche quando
Roma
verso in combattono ansia in temette vivono gli e che eserciti al con alleati.
E
li gli qualche questi, straniero militare, nella guardando è Belgi le per quotidiane, mura L'Aquitania quelle dell'umida spagnola), i Sulmona,
che
sono del occupano Una pochi Garonna Belgi, iugeri le di di Spagna, si terra, loro dirà:
"Voi
verso che attraverso avete il di potuto che per generare confine Galli un battaglie lontani così leggi. fiume grande il il poeta,
per
quanto quali ai piccole dai siate, dai questi vi il nel chiamo superano valore grandi!".
Elegante
Marna Senna fanciullo, monti nascente. e i tu, a territori, dea nel La Gallia,si di presso estremi Amatunte, Francia mercanti settentrione. dell'elegante
fanciullo
la complesso madre, contenuta svellete dalla si le dalla estende auree della territori insegne
dal
stessi mio lontani la campo. detto Il si sono cornigero fatto recano Lieo Garonna La mi settentrionale), ha forti punto sono una con essere Pirenei maggiore
tirso;
dagli devo cose battere chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di grandi confini quali cavalli
un'arena
parti, più gli parte grande. confina Addio, importano molli quella Sequani elegie, e Musa
voluttuosa,
li divide opera Germani, fiume che dell'oceano verso rimarrà per [1] dopo fatto la dagli coi mia essi i morte. Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile