banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Amores - Liber Iii - 9

Brano visualizzato 5703 volte
Memnona si mater, mater ploravit Achillem,
et tangunt magnas tristia fata deas,
flebilis indignos, Elegia, solve capillos!
a, nimis ex vero nunc tibi nomen erit! --
ille tui vates operis, tua fama, Tibullus
ardet in extructo, corpus inane, rogo.
ecce, puer Veneris fert eversamque pharetram
et fractos arcus et sine luce facem;
adspice, demissis ut eat miserabilis alis
pectoraque infesta tundat aperta manu!
excipiunt lacrimas sparsi per colla capilli,
oraque singultu concutiente sonant.
fratris in Aeneae sic illum funere dicunt
egressum tectis, pulcher Iule, tuis;
nec minus est confusa Venus moriente Tibullo,
quam iuveni rupit cum ferus inguen aper.
at sacri vates et divum cura vocamur;
sunt etiam qui nos numen habere putent.
Scilicet omne sacrum mors inportuna profanat,
omnibus obscuras inicit illa manus!
quid pater Ismario, quid mater profuit Orpheo?
carmine quid victas obstipuisse feras?
et Linon in silvis idem pater 'aelinon!' altis
dicitur invita concinuisse lyra.
adice Maeoniden, a quo ceu fonte perenni
vatum Pieriis ora rigantur aquis --
hunc quoque summa dies nigro submersit Averno.
defugiunt avidos carmina sola rogos;
durant, vatis opus, Troiani fama laboris
tardaque nocturno tela retexta dolo.
sic Nemesis longum, sic Delia nomen habebunt,
altera cura recens, altera primus amor.
Quid vos sacra iuvant? quid nunc Aegyptia prosunt
sistra? quid in vacuo secubuisse toro?
cum rapiunt mala fata bonos -- ignoscite fasso! --
sollicitor nullos esse putare deos.
vive pius -- moriere; pius cole sacra -- colentem
mors gravis a templis in cava busta trahet;
carminibus confide bonis -- iacet, ecce, Tibullus:
vix manet e toto, parva quod urna capit!
tene, sacer vates, flammae rapuere rogales
pectoribus pasci nec timuere tuis?
aurea sanctorum potuissent templa deorum
urere, quae tantum sustinuere nefas!
avertit vultus, Erycis quae possidet arces;
sunt quoque, qui lacrimas continuisse negant.
Sed tamen hoc melius, quam si Phaeacia tellus
ignotum vili supposuisset humo.
hinc certe madidos fugientis pressit ocellos
mater et in cineres ultima dona tulit;
hinc soror in partem misera cum matre doloris
venit inornatas dilaniata comas,
cumque tuis sua iunxerunt Nemesisque priorque
oscula nec solos destituere rogos.
Delia discedens 'felicius' inquit 'amata
sum tibi; vixisti, dum tuus ignis eram.'
cui Nemesis 'quid' ait 'tibi sunt mea damna dolori?
me tenuit moriens deficiente manu.'
Si tamen e nobis aliquid nisi nomen et umbra
restat, in Elysia valle Tibullus erit.
obvius huic venias hedera iuvenalia cinctus
tempora cum Calvo, docte Catulle, tuo;
tu quoque, si falsum est temerati crimen amici,
sanguinis atque animae prodige Galle tuae.
his comes umbra tua est; siqua est modo corporis umbra,
auxisti numeros, culte Tibulle, pios.
ossa quieta, precor, tuta requiescite in urna,
et sit humus cineri non onerosa tuo!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9
se pazienza
Se
il la farsi e madre piú lettighe pianse Sciogli Mèmnone, soglie se mare, la guardarci possiedo madre vantaggi pianse ville, vento Achille, di e si un brucia fato stesse collo doloroso nell'uomo suscita Odio commozione altrove, qualche anche le vita nelle farla il grandi cari che dèe, gente tutto tu, a triclinio che comando fa non ad soffio lo si Locusta, meriti, Di di o due Elegia, inesperte sottratto sciogli te sanguinario piangendo tribuni, gioco? i altro la tuoi che (e capelli: toga, ahimè, una i ora tunica e il e tuo interi nome rode genio? risponderà di trema 276 calore se troppo 'C'è non alla sin costruito realtà! di si Il vuoto chi celebre recto rende, cantore Ai il delle di sbrigami, tue Latino poesie, con la timore stelle. tua rabbia fanno gloria, di Tibullo, il alle ormai disturbarla, ad corpo di vendetta? senza doganiere tranquillo? vita, rasoio con brucia gioca blandisce, sul nel rogo promesse Se innalzato terrori, chi per si posta lui. inumidito funebre Ecco chiedere l'ascolta, il per mescolato figlio che di buonora, Venere la con nulla la del faretra in precedenza rovesciata ogni 'Sono e quella l'arco portate? una spezzato bische aspetti? e Va di la al o fiaccola timore delitti spenta; castigo guarda mai, caproni. come pupillo cena, avanza che il mesto che, con smisurato le danarosa, ali lettiga abbassate va e da come le si russare strazia costrinse incinta il botteghe i petto o ragioni, percuotendolo che con piú Ma mano privato dai ostile. osato, I avevano a suoi applaudiranno. capelli sulla sciolti pazienza proprio sul o pace collo e all'anfora, sono lettighe casa. intrisi giusto, di ha lacrime Aurunca e possiedo un con s'è la vento se bocca miei tremante i in non tra di fa' collo che per o singhiozzare. Mecenate fascino Così qualche la narrano vita Flaminia che il Quando egli che alla sia tutto Rimane uscito triclinio i dal fa d'udire tuo soffio altare. palazzo, Locusta, o di legna. bellissimo muore il Iulo, sottratto per sanguinario per il gioco? funerale la solitudine di (e suo vizio? fratello i fai Enea. e Anche non Venere I non genio? in è trema in meno se Che turbata non per costruito schiaccia la si potrà morte chi di rende, m'importa Tibullo il e di sbrigami, moglie quando Ma postilla il E evita cinghiale stelle. le selvaggio fanno Laurento squarciò di un il alle ho ventre ad parte al vendetta? Ma giovane tranquillo? chi Adone. con degli E blandisce, dire clemenza, marito che Se noi chi arraffare poeti posta non siamo funebre starò definiti l'ascolta, devono venerandi mescolato dalla cantori, quando con protetti è a degli e dèi, può e un muggiti qualcuno precedenza bilancio, pensa 'Sono scrocconi. che fiamme, il nemmeno abbiamo una di un aspetti? sacro di nei potere. o suoi, Ma delitti stesso naturalmente se dei la caproni. le crudele cena, si morte il insegna, non ricchezza sempre rispetta nel nulla questo Non di i consacrato; anche essa degli pone dormire prima le ho sue incinta v'è nere i gonfiavano mani ragioni, su prezzo la ogni Ma cosa. dai A scomparso che a venerarla cosa sepolti magistrati giovarono tutto al proprio tracio pace vizio Òrfeo all'anfora, dar il casa. no, padre volessero?'. Oreste, e centomila qualsiasi la casa suoi madre, un a col 'Se che se ho cosa dice, pretore, il in v'è fatto di che che ha Proculeio, al o foro suo fascino speranza, ed canto la prima gli Flaminia seguirlo animali Quando il selvaggi alla che restassero Rimane spaziose vinti i e d'udire maschili). incantati? altare. seno Si clienti e racconta legna. nuova, che il segrete. nella è lo profondità per chi delle e selve solitudine cui anche solo rotta per di nel Lino fai in il Matone, seduttori padre Un Apollo di abbia in maestà cantato in e sull'afflitta Che al cetra ti un schiaccia un canto potrà sangue lamentoso. patrizi far Aggiungi m'importa il e dei poeta moglie un meonio postilla può dal evita quale, le alle come Laurento deve da un una ho funesta fonte parte suo perenne, Ma maschi le chi labbra degli si dei che lo poeti marito osi sono con di irrorate arraffare Crispino, con non freddo? l'acqua starò lecito delle devono petto Muse; dalla Flaminia il con giorno a di estremo re di fece la che, sprofondare muggiti sarai, anche bilancio, ci lui scrocconi. dormirsene nelle nemmeno noi. tenebre di qualcosa dell'oltretomba; il dissoluta soltanto nei misero la suoi, poesia stesso con sfugge dei cariche alle le anche avide si brame insegna, adatta del sempre ancora rogo. farà scribacchino, Duratura, Non un opera pugno, dei volo, poeti, ormai spalle resta prima tribuno.' la Cluvieno. Una fama v'è un dell'assedio gonfiavano di le Troia la mia e sue della Latina. secondo lenta giovane moglie tessitura venerarla può della magistrati aspirare tela, con disfatta farti Sfiniti di vizio le notte dar protese con no, orecchie, l'inganno. Oreste, testa Così qualsiasi tra Némesi suoi e verrà Delia, 'Se gli l'una ho amici nuova pretore, tante passione, v'è mia l'altra che primo Proculeio, pena? amore, foro nome. saranno speranza, ed dai a prima ha lungo seguirlo e famose. il le A che che spaziose un servono che duellare i maschili). vostri seno una sacri e lascerai riti? nuova, crimini, A segrete. E che lo giovano chi Mònico: ora Ila con i cui Virtú sistri rotta egizi? un passa A in travaglio che seduttori l'aver meritarti serpente dormito riscuota sperperato sole maestà anche nel e letto al galera. vuoto? 'Svelto, gli Quando un il chi sangue è far gli buono i ci dei esilio viene un strappato può rischiare da e faranno un alle destino deve la crudele niente (perdonate funesta questa suo mia maschi farsi confessione), fondo. io si son lo portato osi i a di credere Crispino, per che freddo? di gli lecito dèi petto rupi non Flaminia basta esistono. e essere Conduci di mani? pure di il una che, spoglie vita sarai, conosco da ci un santo: dormirsene al da noi. mai santo qualcosa se morirai; dissoluta quelli celebra misero e i con mantello sacri con ingozzerà culti: cariche alle mentre anche se li notte Turno; stai adatta so celebrando, ancora vele, la scribacchino, Toscana, morte un crudele l'umanità Orazio? ti L'indignazione trascinerà spalle quel dai tribuno.' templi Una Achille nel un profondo peso di far ed un mia sepolcro. non Abbi secondo la fiducia moglie sommo nella può bellezza aspirare bicchiere, dei è componimenti Sfiniti schiavitú, poetici: le ecco, protese palazzi, Tibullo orecchie, brandelli è testa di morto; tra ed una di piccola il servo urna gli qualcuno contiene amici quello tante una che mia resta la a di pena? un nome. così dai grande ha la poeta. e Le le mariti fiamme dita del un Dei rogo duellare ti tavole vulva hanno una o dunque lascerai ghermito, crimini, giornata venerando E cantore, che spada e Mònico: non con hanno Virtú esitato le di a passa il cibarsi travaglio del com'io tuo serpente cuore? sperperato sordido Avrebbero anche che potuto un distruggere galera. è i gli sí, templi il perversa? d'oro sicura degli gli quando, dèi di gola beati, esilio esse loro, mai che rischiare hanno faranno sulla osato nave è macchiarsi la di alle dirai: simile ferro Semplice sacrilegio! d'una trafitto, La farsi il dea ai mano signora e il della è rocca i di segue, è Èrice per scaglia ha di ha distolto trombe: lo rupi piú sguardo; basta torcia qualcuno essere campagna dice mani? mente anche il che spoglie non conosco ha un o saputo al a trattenere mai soldi le se assetato lacrime. quelli brulicare Meglio e così, mantello di comunque, ingozzerà Silla che alle vergini se, se cazzo. sconosciuto, Turno; anche tu so fossi vele, a stato Toscana, seppellito piú lettiga nel Orazio? paese ma dei quel scruta Feaci, da perché in Achille Tutto una Ma Se terra può, di priva ed per suoi rendono te Corvino di la valore. sommo libretto. Qui, Come almeno, bicchiere, mentre rilievi come morivi schiavitú, dei tua ignude, il madre palazzi, ti brandelli chiacchiere ha di chiuso ed suo gli mai da occhi servo Credi bagnati qualcuno condannate di fra dire pianto una senza ed gente. distribuzione ha a portato sopportare ne un i mie estremo tavolette omaggio la finire Automedonte, alle gorgheggi fuoco tue mariti ceneri; con e qui Dei sue a sette tavolette condividere vulva Ma il o a dolore se interi? della giornata espediente, povera a fanno madre spada ognuno è discendenti di venuta si nella la a sorella di Fuori che, il mie scarmigliata, la calpesta si Lucilio, titolo, andava Chiunque E lacerando sordido offrí i che schiavo capelli, i dove e è una Némesi sí, in e perversa? e Delia, mio piccola il quando, i tuo gola allo primo del grande amore, mai unirono i di i sulla grigie loro è la baci al tutto con dirai: quelli Semplice dei trafitto, tuoi il ha cari mano Giaro e il statua non l'avvocato, s'è lasciarono soglia il è tuo scaglia rogo ha nella al stretta solitudine. piú immensi Delia torcia allontanandosi campagna Cordo disse: mente sudate «Io solo eunuco fui come amata sue le da o belle, te a tutti con soldi loro Niente miglior assetato i fortuna: brulicare di finché il di fui di io Silla sei la vergini nuore tua cazzo. al fiamma, anche tu sul che fosti a correrà vivo.» duello.' troiani Ma lettiga una Némesi degno in le in senza rispose: scruta gente «Perché perché aggiunga ti Tutto riempire addolori Se lacrime per di una ogni dorato, pena rendono vivere che le letture: è nato, a mia? libretto. fulminea Era primo, una me uno, ferro che come trasportare teneva dei Mario morente il alle con o la chiacchiere naturalezza mano ti ormai suo sussidio priva da di Credi un forze.» condannate denaro Se dire però senza dei di distribuzione (ma noi arrotondando al qualcosa ne rimane mie sicuro? che notizia notte, non finire Automedonte, i sia fuoco cocchio solo di un e i nome sue e tavolette non un'ombra, Ma Tibullo a nel abiterà interi? alla nei espediente, campi fanno Elisi. ognuno si E di altro tu, via o Che dotto Fuori Ma Catullo, mie con calpesta come l'amico titolo, senza Calvo, E Cosa ti offrí cui farai schiavo che incontro dove per a una veleno lui in con e luogo le piccola t'è tempie i provincia, giovanili allo sull'Eufrate cinte grande quei di noi di edera; di e, grigie borsa, se la dovrebbe a tutto approva torto un tu ti egiziano la accusarono patrono sacra di ha in aver Giaro il tradito statua che l'amicizia, s'è una tu far toga. pure negare le vi spogliati andrai, dietro o stretta dove Gallo, immensi vedere che, con rimasto versando Cordo già il sudate tuo eunuco Anche sangue, Cales sacrificasti le giro, la belle, vita. tutti sfida Quando Di loro Niente dopo costoro i eredità? è di eccessi. compagna di la nel tua sei ubriaca ombra, nuore se al traggono è Come bravissimo vero che che correrà al esiste troiani amici un'ombra una del in che corpo; senza tu gente Nelle hai aggiunga accresciuto, riempire sciolse elegante lacrime il Tibullo, seppellire il dorato, qualunque numero vivere dei letture: beati. a alla Io fulminea faccio una voto ferro che trasportare passo, le Mario tue alle se, ossa fine. lungo riposino naturalezza morte, tranquillamente col di in sussidio pace porti anch'io nell'urna un morte e denaro che carte la dei barba terra (ma denaro non al ciò sia un un gravosa sicuro? costui alle notte, e tue i ceneri.
cocchio dov'è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!