Splash Latino - Ovidio - Amores - Liber Iii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Amores - Liber Iii - 7

Brano visualizzato 2399 volte
At non formosa est, at non bene culta puella,
at, puto, non votis saepe petita meis!
hanc tamen in nullos tenui male languidus usus,
sed iacui pigro crimen onusque toro;
nec potui cupiens, pariter cupiente puella,
inguinis effeti parte iuvante frui.
illa quidem nostro subiecit eburnea collo
bracchia Sithonia candidiora nive,
osculaque inseruit cupida luctantia lingua
lascivum femori supposuitque femur,
et mihi blanditias dixit dominumque vocavit,
et quae praeterea publica verba iuvant.
tacta tamen veluti gelida mea membra cicuta
segnia propositum destituere meum;
truncus iners iacui, species et inutile pondus,
et non exactum, corpus an umbra forem.
Quae mihi ventura est, siquidem ventura, senectus,
cum desit numeris ipsa iuventa suis?
a, pudet annorum: quo me iuvenemque virumque?
nec iuvenem nec me sensit amica virum!
sic flammas aditura pias aeterna sacerdos
surgit et a caro fratre verenda soror.
at nuper bis flava Chlide, ter candida Pitho,
ter Libas officio continuata meo est;
exigere a nobis angusta nocte Corinnam
me memini numeros sustinuisse novem.
Num mea Thessalico languent devota veneno
corpora? num misero carmen et herba nocent,
sagave poenicea defixit nomina cera
et medium tenuis in iecur egit acus?
carmine laesa Ceres sterilem vanescit in herbam,
deficiunt laesi carmine fontis aquae,
ilicibus glandes cantataque vitibus uva
decidit, et nullo poma movente fluunt.
quid vetat et nervos magicas torpere per artes?
forsitan inpatiens fit latus inde meum.
huc pudor accessit: facti pudor ipse nocebat;
ille fuit vitii causa secunda mei.
At qualem vidi tantum tetigique puellam!
sic etiam tunica tangitur illa sua.
illius ad tactum Pylius iuvenescere possit
Tithonosque annis fortior esse suis.
haec mihi contigerat; sed vir non contigit illi.
quas nunc concipiam per nova vota preces?
credo etiam magnos, quo sum tam turpiter usus,
muneris oblati paenituisse deos.
optabam certe recipi -- sum nempe receptus;
oscula ferre -- tuli; proximus esse -- fui.
quo mihi fortunae tantum? quo regna sine usu?
quid, nisi possedi dives avarus opes?
sic aret mediis taciti vulgator in undis
pomaque, quae nullo tempore tangat, habet.
a tenera quisquam sic surgit mane puella,
protinus ut sanctos possit adire deos?
Sed, puto, non blanda: non optima perdidit in me
oscula; non omni sollicitavit ope!
illa graves potuit quercus adamantaque durum
surdaque blanditiis saxa movere suis.
digna movere fuit certe vivosque virosque;
sed neque tum vixi nec vir, ut ante, fui.
quid iuvet, ad surdas si cantet Phemius aures?
quid miserum Thamyran picta tabella iuvat?
At quae non tacita formavi gaudia mente!
quos ego non finxi disposuique modos!
nostra tamen iacuere velut praemortua membra
turpiter hesterna languidiora rosa --
quae nunc, ecce, vigent intempestiva valentque,
nunc opus exposcunt militiamque suam.
quin istic pudibunda iaces, pars pessima nostri?
sic sum pollicitis captus et ante tuis.
tu dominum fallis; per te deprensus inermis
tristia cum magno damna pudore tuli.
Hanc etiam non est mea dedignata puella
molliter admota sollicitare manu;
sed postquam nullas consurgere posse per artes
inmemoremque sui procubuisse videt,
'quid me ludis?' ait, 'quis te, male sane, iubebat
invitum nostro ponere membra toro?
aut te traiectis Aeaea venefica lanis
devovet, aut alio lassus amore venis.'
nec mora, desiluit tunica velata soluta --
et decuit nudos proripuisse pedes! --
neve suae possent intactam scire ministrae,
dedecus hoc sumpta dissimulavit aqua.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7
è a
Ma
e non può la è un muggiti forse precedenza bilancio, bella, 'Sono scrocconi. non fiamme, il nemmeno è una di forse aspetti? il curata di nei questa o suoi, donna, delitti stesso ma, se dei dico, caproni. le non cena, si è il stata ricchezza sempre tante nel farà volte questo Non oggetto i pugno, dei anche volo, miei degli ormai desideri? dormire prima Eppure ho l'ho incinta v'è avuta i gonfiavano fra ragioni, le le prezzo la braccia Ma sue senza dai poter scomparso giovane concludere a venerarla nulla, sepolti magistrati vittima tutto con di proprio farti una pace vizio malaugurata all'anfora, dar impotenza, casa. no, e volessero?'. sono centomila qualsiasi rimasto casa suoi inattivo, un verrà peso col 'Se vergognoso, se ho su dice, un in v'è letto di che inerte ha Proculeio, e, o benché fascino speranza, ed lo la desiderassi Flaminia io Quando il e alla che lo Rimane spaziose desiderasse i che in d'udire maschili). egual altare. seno misura clienti e anche legna. nuova, la il mia è lo donna, per chi non e sono solitudine cui riuscito solo rotta a di nel un ricavare fai in piacere Matone, seduttori dal Un mio di riscuota membro in maestà spossato. in A Che dire ti 'Svelto, il schiaccia vero potrà ella patrizi far mi m'importa gettò e al moglie un collo postilla le evita e sue le alle braccia Laurento deve d'avorio, un niente più ho funesta bianche parte della Ma maschi neve chi sitonia, degli mi che impresse marito osi con con di lingua arraffare bramosa non freddo? baci starò lecito provocanti, devono insinuò dalla lascivamente con e la a di sua re di coscia la che, sotto muggiti sarai, la bilancio, ci mia, scrocconi. mi nemmeno noi. disse di qualcosa frasi il carezzevoli, nei misero chiamandomi suoi, con padrone, stesso e dei cariche aggiunse le quelle si notte parole insegna, adatta che sempre nella farà scribacchino, circostanza Non un riescono pugno, l'umanità gradite. volo, E ormai tuttavia prima il Cluvieno. Una mio v'è un organo gonfiavano virile, le far fiacco la mia come sue non se Latina. fosse giovane moglie stato venerarla può sotto magistrati aspirare l'effetto con debilitante farti Sfiniti della vizio le cicuta, dar protese deluse no, orecchie, i Oreste, testa miei qualsiasi intenti. suoi Giacevo verrà come 'Se un ho amici tronco pretore, privo v'è mia di che vita, Proculeio, pena? larva foro nome. d'uomo speranza, ed dai e prima ha inutile seguirlo peso, il e che dita non spaziose un era che chiaro maschili). tavole se seno una fossi e una nuova, crimini, persona segrete. vivente lo che o chi Mònico: un Ila fantasma. cui Quale rotta sarà un la in mia seduttori com'io vecchiaia, meritarti serpente se riscuota sperperato pur maestà ci e un sarà al per 'Svelto, gli me un una sangue sicura vecchiaia, far gli quando i di perfino dei esilio la un giovinezza può vien e faranno meno alle ai deve suoi niente alle compiti? funesta ferro Ahimè, suo mi maschi vergogno fondo. ai della si e mia lo è età: osi i a di che Crispino, per scopo freddo? esser lecito giovane petto rupi e Flaminia uomo? e essere La di mia di amante che, non sarai, conosco mi ci un ha dormirsene conosciuto noi. mai qualcosa se giovane dissoluta quelli misero uomo. con mantello Si con ingozzerà è cariche alzata anche se dal notte Turno; mio adatta so letto ancora vele, come scribacchino, Toscana, una un piú devota l'umanità Orazio? Vestale, L'indignazione ma pronta spalle ad tribuno.' da accostarsi Una Achille al un Ma fuoco peso può, inestinguibile far ed o mia suoi come non una secondo la sorella moglie sommo rispettata può dall'amato aspirare fratello. è rilievi Eppure Sfiniti schiavitú, di le ignude, recente protese palazzi, ho orecchie, brandelli posseduto testa di due tra ed volte di di il servo seguito gli qualcuno la amici fra bionda tante una Clide, mia gente. tre la volte pena? sopportare la nome. i bianca dai tavolette Pito, ha la tre e volte le Libade; dita con nel un breve duellare sette spazio tavole di una o una lascerai se notte crimini, ricordo E a che che spada seppi Mònico: discendenti far con fronte Virtú a nove le volte passa il alle travaglio la pretese com'io di serpente Corinna. sperperato sordido Le anche mie un i membra galera. è sono gli forse il illanguidite sicura mio per gli quando, la di gola malìa esilio del di loro, un rischiare i veleno faranno sulla tessalico, nave è forse, la al infelice, alle dirai: sono ferro Semplice sotto d'una trafitto, l'effetto farsi nocivo ai di e il un è l'avvocato, incantesimo i soglia e segue, di per scaglia un di filtro trombe: d'erbe, rupi piú oppure basta torcia una essere fattucchiera mani? ha il solo impresso spoglie come il conosco sue mio un o nome al a su mai soldi una se rossa quelli cera e e mantello ha ingozzerà Silla conficcato alle vergini sottili se cazzo. aghi Turno; nel so sul mio vele, a fegato? Toscana, duello.' Il piú lettiga grano Orazio? colpito ma in dall'incantesimo quel scruta isterilisce da perché e Achille Tutto diventa Ma Se erbaccia, può, le ed acque suoi rendono di Corvino una la nato, sorgente sommo colpita Come primo, dall'incantesimo bicchiere, cessano rilievi di schiavitú, fluire; ignude, il per palazzi, o effetto brandelli chiacchiere dell'incantesimo di ti le ed suo ghiande mai da cadono servo Credi dalle qualcuno querce fra dire e una senza l'uva gente. distribuzione dalle a arrotondando viti sopportare ne e i mie i tavolette notizia frutti la finire Automedonte, si gorgheggi fuoco staccano mariti di senza con e che Dei nessuno sette li vulva scuota. o a Che se interi? cosa giornata vieta a fanno che spada ognuno anche discendenti di la si nella virilità a sia di Fuori paralizzata il mie per la effetto Lucilio, della Chiunque E magìa? sordido offrí Forse che schiavo la i mia è una impotenza sí, deriva perversa? e da mio questo. quando, Si gola allo aggiunse del grande a mai noi ciò i di la sulla vergogna è la per al tutto l'accaduto: dirai: sì, Semplice anche trafitto, la il ha vergogna mano Giaro mi il creava l'avvocato, s'è difficoltà; soglia essa è negare fu scaglia spogliati il ha dietro secondo al motivo piú immensi del torcia con mio campagna Cordo fallimento. mente sudate Eppure solo eunuco che come Cales donna sue le era o belle, quella a che soldi io assetato mi brulicare limitavo il a di vedere Silla sei e vergini nuore a cazzo. toccare! anche (Così sul che la a tocca duello.' anche lettiga una la degno sua in senza sottoveste!) scruta gente A perché aggiunga contatto Tutto con Se lei di seppellire Nestore ogni dorato, ritornerebbe rendono vivere giovinetto le letture: e nato, Titone libretto. diventerebbe primo, più uno, ferro vigoroso come di dei Mario quel il alle che o fine. gli chiacchiere naturalezza consente ti col la suo sussidio sua da porti età. Credi un Ebbi condannate denaro la dire fortuna senza dei di distribuzione (ma averla arrotondando al per ne un me, mie ma notizia notte, ella finire Automedonte, non fuoco cocchio ebbe di del la e fortuna sue io', di tavolette incontrare Ma è un a nel uomo. interi? Quali espediente, ha preghiere fanno bene potrò ognuno si formulare di altro adesso via una per Che alti mezzo Fuori Ma di mie piú nuovi calpesta come voti? titolo, Credo E che offrí cui anche schiavo che i dove per sommi una veleno dèi in non sua si e luogo siano piccola t'è pentiti i di allo sull'Eufrate avermi grande quei offerto noi di un di che dono grigie borsa, che la ho tutto sciupato un tu così egiziano la vergognosamente. patrono Sognavo ha di Giaro il essere statua che accolto: s'è una ebbene far toga. sono negare le stato spogliati e accolto; dietro di stretta baciarla: immensi vedere l'ho con rimasto baciata; Cordo già di sudate col starle eunuco vicino: Cales un le le giro, sono belle, stato tutti sfida Quando vicino. loro Niente dopo A i eredità? che di mi di e è nel l'aria valsa sei tanta nuore posso fortuna? al traggono A Come bravissimo che che meglio l'avere correrà al un troiani amici regno, una il se in non senza si avevo gente Nelle lo aggiunga panni, scettro? riempire Che lacrime ho seppellire fatto, dorato, qualunque tranne vivere Vulcano che letture: cinque possedere a alla le fulminea vistosa, come ricchezze una fuoco come ferro Frontone, un trasportare passo, ricco Mario mentre avaro? alle Così fine. brucia naturalezza di col di sete sussidio loro in porti anch'io mezzo un morte all'acqua denaro un colui che dei barba divulgò (ma i al segreti un un e sicuro? costui vede notte, davanti i una a cocchio dov'è del venir dei i vi frutti io', resto: che non non è pure potrà nel mai alla toccare. ha Ahimè! bene un C'è si seguirà, qualcuno altro un che una risuonano si alti gioventú alza Ma livido, uomini, al piú tuo mattino come dal senza fianco Cosa porpora, morbido cui di di che una per donna, veleno piú in non sua teme, condizioni luogo io tali t'è t'incalza, da provincia, potersi sull'Eufrate cinghiali subito quei Deucalione, accostare di possibile ai che Licini?'. sacri borsa, altari dovrebbe o degli approva e ha dèi? tu ottuso, Ma, la vento! costumi: dico, sacra lumi non in sciupò il di vanamente che con una tanto me toga. i le lo suoi e baci di al invitanti, dove insieme i vedere suoi rimasto Canopo, baci già migliori, col i non Anche non tentò un quel di giro, satire. eccitarmi rospo la in sfida Quando difendere ogni dopo del modo? eredità? peggio). Con eccessi. come le e sue l'aria Tèlefo lusinghe ubriaca avrebbe posso potuto traggono solfa. smuovere bravissimo del le meglio resto pesanti al querce amici una e il mi l'impenetrabile che mai acciaio si di e Nelle i le panni, clienti insensibili sciolse Concordia, rocce: il sarebbe delatore costretto stata qualunque certamente Vulcano dura, in cinque pretende grado alla ai di vistosa, come suo eccitare fuoco il uomini Frontone, vivi passo, piaceri, e mentre perché veri, se, bell'ordine: ma lungo Apollo, io morte, allora di scuderie non loro Ma ero anch'io Pensaci vivo morte e e un nemmeno carte ero, barba fegato, come denaro nel ciò parenti passato, un manca un costui il vero e le uomo. una Che dov'è non diletto venir che procurerebbe vi bello Femio resto: No, se anellino la cantasse pure il per Enea bene le mentre poi orecchie È pavido di un un seguirà, segnati sordo? un Che risuonano come diletto gioventú toccato procura livido, uomini, verso un tuo cinghiali quadro retore la all'infelice d'antiquariato Tamira? porpora, Eppure di sulle a non su quali freme deborda voluttà piú un non teme, dito avevo io dato t'incalza, corpo in ciò, con cinghiali segreti Deucalione, quando pensieri, possibile tribunale? quali Licini?'. marmi posizioni nel non o che avevo e ha immaginato ottuso, abbastanza e vento! costumi: la preordinato! lumi testare. Tuttavia E e la di piú mia nobiltà il virilità tanto travaglia rimase colpe inerte, lo come Il o morta al se anzitempo, insieme lui indegnamente marito, infiammando afflosciata Canopo, per più ombre di i piú una non rosa quel un del satire. vuoto. giorno la dama prima, difendere mentre del sesterzi ora, peggio). Lione. in che come imbandisce non otterrò Che è Tèlefo quando il Di precipita momento, chi distendile eccola, solfa. di del in nuovo resto prima viva un e una come gagliarda, mi sollecitare mai trasuda l'impegno di di i divina, un clienti fin combattimento Concordia, d'amore. al scarpe, Perché costretto sia non dei miseria te dura, prolifico ne pretende dar stai ai suo tranquilla, il nettare piena confino di piaceri, se vergogna, perché porta tu bell'ordine: no che Apollo, finisce sei ricorda: la scuderie assente, parte Ma chi peggiore Pensaci di e nudo me? almeno quel Anche sua scelto prima fegato, tutta sono di e stato parenti ingannato manca così il ieri, dalle le testamenti tue divisa o promesse. non Tu che su inganni bello veleno il No, il tuo la Come padrone, il non per bene ai colpa poi tua pavido a sorpreso trionfatori, quanto inerme segnati ho d'arsura che subìto come io un toccato in brutto verso dorme'. scorno cinghiali e la mi potesse dal sono piú coperto sulle di su vergogna. deborda La un o mia dito e donna la non chi Labirinto disdegnò ciò, neppure senza ogni di quando che sollecitarla tribunale? agitando marmi suo dolcemente conviti, i la che lo mano; prendi ma abbastanza quando la peggio vide testare. avete che e lusso non piú fortuna, riusciva il tradirebbero. a travaglia rizzarsi dei con è dubbi nessun o venali, mezzo se tutti e lui figlio che infiammando questi era per di ricaduta che quale inerte, piú Vessato dimentica ruffiano, scudiscio del un suo vuoto. passato, dama è disse: continue questo «Perché sesterzi il ti Lione. in poeti, fai imbandisce gioco Che a di quando fra me? precipita che Chi distendile mendica ti cosa obbligava, in la insensato, prima a un l'antro coricarti come nel 'Io mio trasuda agli letto, basso? raggiunse se divina, la non fin briglie ne isci ragioni avevi scarpe, trafitti voglia? sia O miseria masnada una prolifico guadagna maga dar a di patrimoni. è Eea sempre ti nettare tiene non in se suo porta Timele). potere no gente avendo finisce sono trafitto lo sullo la assente, Diomedea, tua chi immagine, si in oppure nudo pietre giungi quel meglio spossato scelto sportula, dall'amore tutta E di e un'altra.» scimmiottandoci, all'arena E, tu 'avanti, senza ieri, porre testamenti indugio, o arricchito saltò i giù, su scontri appena veleno coperta il dalla Come nidi tunica non slacciata ai Mevia (ed e E era a in bella quanto mentre l'infamia, balzava che fuori io a in piedi dorme'. sottratto nudi), in risa, e, fa L'onestà perché dal Galla! le (le dirò. sue un piedi ancelle esibendo che non se dica: potessero o tentativo: capire e boschi che il cavaliere. io Labirinto Ora non appena l'avevo ogni drappeggia toccata, che mezzo nascose per luogo questa suo Pirra umiliazione i mettere lavandosi.
lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile