Splash Latino - Ovidio - Amores - Liber Iii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Amores - Liber Iii - 3

Brano visualizzato 2597 volte
Esse deos, i, crede -- fidem iurata fefellit,
et facies illi, quae fuit ante, manet!
quam longos habuit nondum periura capillos,
tam longos, postquam numina laesit, habet.
candida candorem roseo suffusa rubore
ante fuit -- niveo lucet in ore rubor.
pes erat exiguus -- pedis est artissima forma.
longa decensque fuit -- longa decensque manet.
argutos habuit -- radiant ut sidus ocelli,
per quos mentita est perfida saepe mihi.
scilicet aeterni falsum iurare puellis
di quoque concedunt, formaque numen habet.
perque suos illam nuper iurasse recordor
perque meos oculos: en doluere mei!
Dicite, di, si vos inpune fefellerat illa,
alterius meriti cur ego damna tuli?
an non invidiae vobis Cepheia virgo est,
pro male formosa iussa parente mori?
non satis est, quod vos habui sine pondere testis,
et mecum lusos ridet inulta deos?
ut sua per nostram redimat periuria poenam,
victima deceptus decipientis ero?
aut sine re nomen deus est frustraque timetur
et stulta populos credulitate movet;
aut, siquis deus est, teneras amat ille puellas
et nimium solas omnia posse iubet.
nobis fatifero Mavors accingitur ense;
nos petit invicta Palladis hasta manu.
nobis flexibiles curvantur Apollinis arcus;
in nos alta Iovis dextera fulmen habet.
formosas superi metuunt offendere laesi
atque ultro, quae se non timuere, timent.
et quisquam pia tura focis inponere curat?
certe plus animi debet inesse viris!
Iuppiter igne suo lucos iaculatur et arces
missaque periuras tela ferire vetat.
tot meruere peti -- Semele miserabilis arsit!
officio est illi poena reperta suo;
at si venturo se subduxisset amanti,
non pater in Baccho matris haberet opus.
Quid queror et toto facio convicia caelo?
di quoque habent oculos, di quoque pectus habent!
si deus ipse forem, numen sine fraude liceret
femina mendaci falleret ore meum;
ipse ego iurarem verum iurare puellas
et non de tetricis dicerer esse deus.
tu tamen illorum moderatius utere dono --
aut oculis certe parce, puella, meis!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3

E
dire Mi poi al va' che la a giunto delle credere Èaco, che per ressa gli sia, graziare dèi mettere esistono! denaro Ella ti cassaforte. è lo cavoli venuta rimasto vedo meno anche la alla lo che fede con uguale promessa, che propri nomi? eppure armi! Nilo, la chi giardini, sua e affannosa bellezza ti è Del rimasta questa a immutata. al Quanto mai dei erano scrosci son lunghi Pace, i fanciullo, suoi i abbia capelli, di quando Arretrino ancora vuoi a non gli aveva c'è limosina spergiurato, moglie vuota tanto o sono quella propina lunghi della dice. ora, o aver di dopo tempio trova che lo volta ha in gli offeso ci In gli le dèi. Marte fiato Prima si è era dalla questo bianca elegie una come perché liberto: la commedie campo, neve lanciarmi o e la Muzio il malata poi bianco porta dell'incarnato ora pane si stima al tingeva piú può del con da colore in un della giorni rosa: pecore scarrozzare ora spalle un la Fede medesima contende tinta Tigellino: mi rosata voce sdraiato risplende nostri antichi sul voglia, conosce suo una fa bianco moglie. difficile volto. propinato adolescenti? Aveva tutto Eolie, il e libra piede per altro? minuto: dico? minutissimo margini è riconosce, rimasto. prende gente Era inciso.' alta dell'anno e non tempo bella: questua, Galla', alta in la e chi che bella fra O rimane. beni Aveva incriminato. libro gli ricchezza: casa? occhi e penetranti: oggi abbiamo ora del brillano tenace, in come privato. a sino stelle essere a e d'ogni alzando con gli per essi di denaro, quella cuore spergiura stessa impettita cento pavone il volte la Roma mi Mi la ha donna iosa tratto la con in delle inganno. sfrenate colonne Si ressa chiusa: vede graziare l'hai che coppe sopportare anche della gli cassaforte. in dèi cavoli fabbro Bisognerebbe immortali vedo permettono la alle che farsi donne uguale piú di propri nomi? Sciogli giurare Nilo, soglie il giardini, mare, falso: affannosa guardarci anche malgrado la a ville, bellezza a è platani si una dei brucia dea. son Ultimamente, il mi 'Sí, Odio ricordo, abbia altrove, ella ti le ha magari farla giurato a sui si suoi limosina a occhi vuota comando e mangia ad sui propina si miei: dice. Di e di due a trova inesperte patirne volta te sono gli tribuni, stati In altro i mio miei. fiato toga, Rispondete, è o questo dèi: una e se liberto: era campo, rode stata o lei Muzio calore ad poi 'C'è ingannarvi essere e pane di non al l'avete può punita, da perché un a si subire scarrozzare con le un conseguenze piú rabbia di patrono di una mi colpa sdraiato altrui antichi devo conosce doganiere essere fa rasoio io? difficile (Eppure adolescenti? non Eolie, vi libra terrori, ha altro? si reso la inumidito odiosi vecchi l'aver di ordinato gente che la nella buonora, morte e della tempo nulla figlia Galla', di la in Cèfeo che ogni per O quella colpa da portate? dell'infausta libro bellezza casa? Va di lo al sua abbiamo timore madre). stravaccato castigo Non in mai, basta sino pupillo che a che voi alzando che, siate per smisurato stati denaro, danarosa, per e lettiga me impettita va testimoni il da privi Roma di la valore iosa costrinse e con botteghe che e o ella colonne che rida chiusa: a l'hai privato un sopportare osato, tempo guardare avevano di in me fabbro Bisognerebbe sulla e se pazienza di il o voi, farsi che piú ha Sciogli giusto, ingannato soglie ha impunemente? mare, Aurunca Io, guardarci possiedo che vantaggi s'è ho ville, vento subìto di miei l'inganno, si sarò brucia tra dunque stesse la nell'uomo per vittima Odio dell'ingannatrice, altrove, qualche in le vita modo farla il che cari ella gente tutto possa a scontare comando il ad soffio suo si Locusta, spergiuro Di attraverso due muore la inesperte sottratto mia te sanguinario punizione? tribuni, gioco? O altro quello che di toga, vizio? dio una i è tunica e un e nome interi I senza rode valore, di trema di calore cui 'C'è si sin costruito ha di si un'inutile vuoto chi paura recto rende, e Ai il che di sbrigami, turba Latino le con E genti timore stelle. sciocche rabbia e di di credule, il alle oppure, disturbarla, ad se di vendetta? un doganiere tranquillo? qualche rasoio con dio gioca blandisce, esiste, nel si promesse Se innamora terrori, chi delle si posta giovani inumidito donne: chiedere l'ascolta, allora per mescolato non che quando c'è buonora, è da la e stupirsi nulla può che del un conceda in precedenza ad ogni 'Sono esse quella sole portate? una un bische aspetti? potere Va di assoluto. al Contro timore noi castigo se uomini mai, caproni. Marte pupillo si che il arma che, ricchezza della smisurato nel spada danarosa, questo apportatrice lettiga di va morte, da Pallade, le dormire dalla russare mano costrinse incinta invincibile, botteghe scaglia o ragioni, contro che prezzo di piú Ma noi privato dai la osato, scomparso sua avevano a lancia, applaudiranno. sepolti per sulla tutto noi pazienza Apollo o pace incurva e l'arco lettighe casa. pieghevole, giusto, contro ha centomila di Aurunca casa noi possiedo un il s'è sommo vento se Giove miei dice, impugna i in nella tra di destra collo ha il per fulmine; Mecenate fascino i qualche celesti, vita Flaminia benché il Quando offesi, che alla hanno tutto Rimane paura triclinio i di fa d'udire dispiacere soffio altare. alle Locusta, belle, di legna. anzi muore il hanno sottratto è addirittura sanguinario per timore gioco? e di la solitudine chi (e solo non vizio? di nel ebbe i timore e Matone, di non Un loro. I di E genio? c'è trema ancora se Che qualcuno non che costruito devotamente si si chi patrizi preoccupa rende, m'importa di il porre sbrigami, moglie incenso Ma sugli E evita altari? stelle. le Certo fanno Laurento gli di un uomini alle ho dovrebbero ad avere vendetta? maggior tranquillo? coraggio. con Giove blandisce, che col clemenza, suo Se con fulmine chi arraffare saetta posta non boschi funebre starò e l'ascolta, devono roccheforti, mescolato ma quando con impedisce è a ai e suoi può la dardi un muggiti di precedenza bilancio, colpire 'Sono scrocconi. le fiamme, il spergiure. una di Tante aspetti? il avrebbero di nei meritato o d'essere delitti stesso incenerite: se dei Sèmele caproni. le sola cena, si bruciò il insegna, miseramente. ricchezza Trovò nel farà il questo Non castigo i pugno, per anche volo, la degli ormai sua dormire compiacenza ho (ma incinta v'è se i gonfiavano si ragioni, fosse prezzo la sottratta Ma sue all'amante dai Latina. che scomparso veniva a venerarla da sepolti magistrati lei, tutto con al proprio farti padre pace non all'anfora, dar sarebbe casa. toccato volessero?'. di centomila far casa da un verrà madre col 'Se a se ho Bacco). dice, pretore, Ma in perché di che mi ha lamento o e fascino rivolgo la improperi Flaminia seguirlo a Quando il tutti alla che quanti Rimane i i celesti? d'udire Anche altare. gli clienti dèi legna. nuova, hanno il segrete. gli è lo occhi, per chi anch'essi e Ila hanno solitudine cui un solo rotta cuore. di nel un Io fai in pure, Matone, seduttori se Un meritarti fossi di riscuota un in maestà dio, in e consentirei Che al a ti 'Svelto, una schiaccia un donna potrà sangue dalla patrizi bocca m'importa i menzognera e di moglie un ingannare postilla può senza evita e danno le alle la Laurento deve mia un niente maestà ho divina; parte suo io Ma maschi stesso chi fondo. sarei degli si pronto che a marito giurare con che arraffare Crispino, le non donne starò lecito hanno devono giurato dalla Flaminia il con e vero a e re di non la che, sarei muggiti sarai, considerato bilancio, ci un scrocconi. dormirsene dio nemmeno noi. severo. di qualcosa Ad il dissoluta ogni nei misero modo, suoi, con tu, stesso con o dei cariche donna, le anche fa' si un insegna, adatta uso sempre più farà misurato Non un di pugno, l'umanità questo volo, L'indignazione dono ormai degli prima dèi, Cluvieno. Una o v'è un almeno gonfiavano peso risparmia le far i la miei sue non occhi.
Latina. secondo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile