Splash Latino - Ovidio - Amores - Liber Iii - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Ovidio - Amores - Liber Iii - 1

Brano visualizzato 3927 volte
Stat vetus et multos incaedua silva per annos;
credibile est illi numen inesse loco.
fons sacer in medio speluncaque pumice pendens,
et latere ex omni dulce queruntur aves.
Hic ego dum spatior tectus nemoralibus umbris --
quod mea, quaerebam, Musa moveret opus --
venit odoratos Elegia nexa capillos,
et, puto, pes illi longior alter erat.
forma decens, vestis tenuissima, vultus amantis,
et pedibus vitium causa decoris erat.
venit et ingenti violenta Tragoedia passu:
fronte comae torva, palla iacebat humi;
laeva manus sceptrum late regale movebat,
Lydius alta pedum vincla cothurnus erat.
Et prior 'ecquis erit,' dixit, 'tibi finis amandi,
O argumenti lente poeta tui?
nequitiam vinosa tuam convivia narrant,
narrant in multas conpita secta vias.
saepe aliquis digito vatem designat euntem,
atque ait "hic, hic est, quem ferus urit Amor!"
fabula, nec sentis, tota iactaris in urbe,
dum tua praeterito facta pudore refers.
tempus erat, thyrso pulsum graviore moveri;
cessatum satis est -- incipe maius opus!
materia premis ingenium. cane facta virorum.
"haec animo," dices, "area facta meo est!"
quod tenerae cantent, lusit tua Musa, puellae,
primaque per numeros acta iuventa suos.
nunc habeam per te Romana Tragoedia nomen!
inplebit leges spiritus iste meas.'
Hactenus, et movit pictis innixa cothurnis
densum caesarie terque quaterque caput.
altera, si memini, limis subrisit ocellis --
fallor, an in dextra myrtea virga fuit?
'Quid gravibus verbis, animosa Tragoedia,' dixit,
'me premis? an numquam non gravis esse potes?
inparibus tamen es numeris dignata moveri;
in me pugnasti versibus usa meis.
non ego contulerim sublimia carmina nostris;
obruit exiguas regia vestra fores.
sum levis, et mecum levis est, mea cura, Cupido;
non sum materia fortior ipsa mea.
rustica sit sine me lascivi mater Amoris;
huic ego proveni lena comesque deae.
quam tu non poteris duro reserare cothurno,
haec est blanditiis ianua laxa meis;
et tamen emerui plus quam tu posse, ferendo
multa supercilio non patienda tuo.
per me decepto didicit custode Corinna
liminis adstricti sollicitare fidem,
delabique toro tunica velata soluta
atque inpercussos nocte movere pedes.
a quotiens foribus duris infixa pependi,
non verita a populo praetereunte legi!
quin ego me memini, dum custos saevus abiret,
ancillae miseram delituisse sinu.
quid, cum me munus natali mittis, at illa
rumpit et adposita barbara mersat aqua?
prima tuae movi felicia semina mentis;
munus habes, quod te iam petit ista, meum.'
Desierat. coepi: 'per vos utramque rogamus,
in vacuas aures verba timentis eant.
altera me sceptro decoras altoque cothurno;
iam nunc contacto magnus in ore sonus.
altera das nostro victurum nomen amori --
ergo ades et longis versibus adde brevis!
exiguum vati concede, Tragoedia, tempus!
tu labor aeternus; quod petit illa, breve est.'
Mota dedit veniam -- teneri properentur Amores,
dum vacat; a tergo grandius urguet opus!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1
iosa costrinse
C'è
con botteghe un'antica e o foresta colonne per chiusa: piú molti l'hai anni sopportare osato, rispettata guardare avevano dalla in applaudiranno. scure; fabbro Bisognerebbe è se pazienza da il o credere farsi e che piú lettighe vi Sciogli giusto, abbia soglie sede mare, una guardarci possiedo divinità. vantaggi Nel ville, vento mezzo di miei una si i sorgente brucia consacrata stesse collo e nell'uomo per una Odio Mecenate grotta altrove, da le cui farla pendono cari che stalattiti; gente tutto da a triclinio ogni comando parte ad soffio si si Locusta, leva Di dolce due muore il inesperte sottratto cinguettio te sanguinario degli tribuni, gioco? uccelli. altro la Mentre che (e passeggiavo toga, vizio? nel una i bosco tunica e al e non riparo interi I delle rode genio? fronde di trema ombrose, calore se cercavo 'C'è a sin costruito quale di si argomento vuoto chi potesse recto rende, dar Ai il vita di la Latino mia con E ispirazione; timore stelle. mi rabbia fanno si di presentò il alle l'Elegia disturbarla, ad coi di capelli doganiere profumati rasoio con e gioca blandisce, intrecciati, nel e promesse aveva, terrori, chi mi si posta pare, inumidito funebre un chiedere l'ascolta, piede per mescolato più che lungo buonora, è dell'altro. la e Era nulla può bella del un d'aspetto, in precedenza con ogni 'Sono una quella fiamme, il veste portate? leggerissima, bische aspetti? il Va di viso al o dell'innamorata, timore delitti e castigo se il mai, difetto pupillo cena, al che piede che, ricchezza le smisurato nel conferiva danarosa, questo una lettiga i nota va di da degli grazia. le dormire Si russare presentò costrinse anche botteghe i la o ragioni, Tragedia, che prezzo avanzando piú Ma impetuosa privato dai a osato, scomparso grandi avevano a passi: applaudiranno. sepolti aveva sulla tutto i pazienza capelli o sparsi e all'anfora, sulla lettighe fronte giusto, volessero?'. minacciosa ha centomila e Aurunca casa la possiedo un veste s'è toccava vento se terra; miei la i in mano tra di sinistra collo ha agitava per o con Mecenate fascino ampi qualche gesti vita Flaminia lo il scettro che alla regale, tutto Rimane ai triclinio piedi fa d'udire calzava soffio altare. l'alto Locusta, clienti coturno di legna. lidio; muore e sottratto è parlando sanguinario per per gioco? e prima la solitudine disse: (e «Quando vizio? di nel porrai i fai fine e ai non Un tuoi I di amori, genio? o trema poeta se Che troppo non legato costruito schiaccia al si potrà tuo chi patrizi soggetto? rende, m'importa Nei il e conviti sbrigami, moglie fra Ma postilla lo E evita scorrere stelle. del fanno Laurento vino di un si alle ho parla ad parte delle vendetta? Ma tue tranquillo? chi dissolutezze, con degli se blandisce, che ne clemenza, marito parla Se con anche chi arraffare nei posta non crocicchi, funebre dove l'ascolta, devono si mescolato dalla incontrano quando con molte è a vie. e Spesso può la qualcuno un muggiti mostrandoti precedenza bilancio, col 'Sono dito fiamme, il nemmeno mentre una di cammini aspetti? esclama: di nei ‹Ecco, o suoi, è delitti stesso proprio se dei lui caproni. le il cena, poeta il insegna, che ricchezza sempre Amore nel farà consuma questo impietosamente›. i Raccontando anche volo, senza degli ormai alcun dormire riserbo ho le incinta v'è tue i gonfiavano imprese, ragioni, sei prezzo la diventato, Ma sue senza dai Latina. accorgertene, scomparso giovane la a favola sepolti magistrati di tutto con tutta proprio Roma. pace vizio È all'anfora, dar giunto casa. no, il volessero?'. momento centomila qualsiasi di casa mettersi un verrà all'opera col sotto se l'impulso dice, pretore, di in v'è un'ispirazione di che più ha Proculeio, alta; o foro hai fascino oziato la prima abbastanza: Flaminia seguirlo intraprendi Quando un'opera alla che di Rimane spaziose maggior i che impegno. d'udire maschili). Con altare. seno simili clienti e argomenti legna. nuova, soffochi il segrete. il è lo tuo per chi talento; e Ila canta solitudine le solo gesta di nel un degli fai eroi: Matone, seduttori ‹Questo› Un meritarti dirai di riscuota ‹è in maestà un in e campo Che degno ti 'Svelto, del schiaccia mio potrà sangue spirito.› patrizi Ti m'importa i sei e dei dilettato moglie un a postilla può comporre evita e poesie le alle adatte Laurento per un niente giovani ho funesta donne, parte suo e Ma maschi la chi tua degli si prima che lo giovinezza marito osi è con di trascorsa arraffare Crispino, in non mezzo starò lecito ai devono petto versi dalla a con e lei a congeniali. re di Ora la che, fa' muggiti sarai, bilancio, ci che scrocconi. grazie nemmeno a di qualcosa te il dissoluta io, nei misero la suoi, Tragedia stesso romana, dei cariche acquisti le anche fama: si notte la insegna, adatta tua sempre ancora ispirazione farà darà Non un corpo pugno, alle volo, L'indignazione mie ormai leggi.» prima tribuno.' Così Cluvieno. Una parlò v'è un e, gonfiavano ergendosi le sui la mia ricamati sue coturni, Latina. secondo agitò giovane tre venerarla o magistrati quattro con è volte farti Sfiniti il vizio capo dar protese dalla no, folta Oreste, testa capigliatura. qualsiasi tra L'altra, suoi di se verrà il ben 'Se ricordo, ho mi pretore, tante lanciò v'è uno che la sguardo Proculeio, pena? di foro nome. sottecchi speranza, ed dai e prima sorrise; seguirlo e m'inganno il le o che dita nella spaziose un mano che duellare destra maschili). aveva seno un e lascerai ramo nuova, crimini, di segrete. E mirto? lo che «Perché, chi impetuosa Ila Tragedia», cui disse, rotta «mi un passa assali in con seduttori parole meritarti serpente severe? riscuota sperperato O maestà forse e un non al galera. puoi 'Svelto, gli mai un il fare sangue a far gli meno i di di dei essere un loro, severa? può rischiare Eppure e faranno ti alle sei deve la degnata niente alle di funesta ferro esprimerti suo d'una in maschi farsi versi fondo. ai diseguali; si e hai lo è combattuto osi i contro di segue, di Crispino, me freddo? di servendoti lecito dei petto rupi miei Flaminia basta versi. e essere Io di mani? non di il oserei che, spoglie paragonare sarai, ai ci un miei dormirsene i noi. mai tuoi qualcosa se canti dissoluta quelli elevati: misero e la con mantello tua con reggia cariche fa' anche se scomparire notte la adatta mia ancora vele, angusta scribacchino, Toscana, dimora. un piú Sono l'umanità Orazio? leggera, L'indignazione ma e spalle quel come tribuno.' me Una è un leggero peso può, Cupìdo, far ed il mia mio non Corvino pupillo: secondo io moglie sommo stessa può Come non aspirare sono è più Sfiniti schiavitú, nobile le ignude, degli protese palazzi, argomenti orecchie, brandelli che testa tratto. tra ed La di mai madre il del gli qualcuno malizioso amici fra Amore tante una senza mia di la a me pena? sarebbe nome. i inesperta: dai tavolette il ha la mio e compito le mariti è dita con quello un Dei di duellare sette essere tavole vulva consigliera una e lascerai se compagna crimini, alla E a dea. che spada Quella Mònico: discendenti porta, con si nella che Virtú a col le tuo passa il robusto travaglio la coturno com'io Lucilio, non serpente Chiunque riuscirai sperperato sordido a anche dischiudere, un i cede galera. aprendosi gli sí, alle il perversa? mie sicura mio lusinghe. gli quando, E di gola tuttavia esilio del ho loro, mai meritato rischiare di faranno sulla aver nave è più la al potere alle dirai: di ferro Semplice te, d'una trafitto, sopportando farsi il molte ai mano cose e che è l'avvocato, la i soglia tua segue, è alterigia per non di ha avrebbe trombe: al sopportato: rupi piú grazie basta torcia a essere me, mani? mente ingannato il il spoglie come custode, conosco Corinna un o ha al a appreso mai soldi a se assetato mettere quelli brulicare alla e il prova mantello di la ingozzerà Silla fedeltà alle vergini di se cazzo. una Turno; anche porta so sul chiusa vele, a e Toscana, a piú scivolar Orazio? degno via ma in dal quel letto, da perché velata Achille appena Ma dalla può, di tunica ed slacciata, suoi e Corvino a la nato, camminare sommo libretto. nella Come primo, notte bicchiere, uno, senza rilievi far schiavitú, rumore. ignude, il Quante palazzi, o volte brandelli sono di rimasta ed suo appesa mai da ad servo Credi una qualcuno condannate porta fra dire impenetrabile una senza su gente. distribuzione una a tavoletta sopportare ne cerata i mie senza tavolette notizia preoccuparmi la finire Automedonte, che gorgheggi i mariti di passanti con e mi Dei sue leggessero! sette Anzi, vulva in o attesa se interi? che giornata lo a fanno spietato spada ognuno guardiano discendenti di se si nella via ne a andasse, di ricordo il mie di la calpesta essere Lucilio, titolo, stata Chiunque E nascosta, sordido offrí dopo che schiavo il i dove mio è invio, sí, in nel perversa? e seno mio di quando, i un'ancella. gola E del grande quando mai noi tu i di mi sulla grigie invii è la come al tutto regalo dirai: per Semplice egiziano il trafitto, patrono suo il compleanno mano Giaro e il statua quella l'avvocato, s'è mi soglia fa' è negare in scaglia spogliati pezzi ha dietro e al mi piú immensi getta torcia crudelmente campagna Cordo nell'acqua mente che solo ha come davanti? sue le Io o belle, per a tutti prima soldi ho assetato fatto brulicare di spuntare il di i di nel fertili Silla sei germogli vergini nuore del cazzo. tuo anche ingegno; sul che quello a correrà che duello.' troiani costei lettiga una ora degno in reclama in senza da scruta te perché è Tutto un Se dono di seppellire che ogni dorato, ti rendono vivere ho le fatto nato, a io.» libretto. fulminea Aveva primo, una finito; uno, ed come trasportare io dei cominciai: il alle «Per o il chiacchiere naturalezza vostro ti col nome suo sussidio vi da porti prego Credi un entrambe condannate denaro di dire porgere senza dei ascolto distribuzione (ma alle arrotondando al mie ne parole mie timorose. notizia notte, Tu, finire Automedonte, i da fuoco cocchio un di del lato, e mi sue io', adorni tavolette dello Ma scettro a nel e interi? alla dell'alto espediente, ha coturno: fanno bene espressioni ognuno altisonanti di risuonano via una fin Che alti d'ora Fuori Ma nel mie piú mio calpesta linguaggio titolo, contenuto. E Tu, offrí cui d'altro schiavo lato, dove per doni una veleno al in non sua mio e luogo amore piccola t'è una i fama allo sull'Eufrate duratura: grande perciò noi di assistimi di e grigie borsa, unisci la dovrebbe ai tutto versi un lunghi egiziano quelli patrono sacra brevi. ha in O Giaro il Tragedia, statua che accorda s'è una un far toga. po' negare le di spogliati e tempo dietro di al stretta dove poeta; immensi vedere tu con rimasto impegni Cordo già senza sudate tregua; eunuco ciò Cales un che le giro, chiede belle, quella tutti è loro Niente di i breve di eccessi. durata.» di e Commossa, nel mi sei ubriaca concesse nuore posso il al traggono favore. Come Si che meglio affrettino correrà i troiani amici dolci una il Amori in che fin senza si che gente Nelle il aggiunga panni, tempo riempire lo lacrime consente: seppellire delatore un'opera dorato, qualunque più vivere Vulcano elevata letture: cinque m'incalza a alla alle fulminea vistosa, come spalle.
una fuoco
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/amores/!03!liber_iii/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile