banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Nepote - Liber De Latinis Historicis - Atticus - 22

Brano visualizzato 9979 volte
[22] Hac oratione habita tanta constantia vocis atque vultus, ut non ex vita, sed ex domo in domum videretur migrare, 2 cum quidem Agrippa eum flens atque osculans oraret atque obsecraret, ne id, quod natura cogeret, ipse quoque sibi acceleraret, et quoniam tum quoque posset temporibus superesse, se sibi suisque reservaret, preces eius taciturna sua obstinatione depressit. 3 Sic cum biduum cibo se abstinuisset, subito febris decessit leviorque morbus esse coepit. Tamen propositum nihilo setius peregit. Itaque die quinto, postquam id consilium inierat, pridie Kalendas Aprilis Cn. Domitio C. Sosio consulibus, decessit. 4 Elatus est in lecticula, ut ipse praescripserat, sine ulla pompa funeris, comitantibus omnibus bonis, maxima vulgi frequentia. Sepultus est iuxta viam Appiam ad quintum lapidem in monumento Q. Caecilii, avunculi sui.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

le che al si Appia questo proprio popolo. accompagnandolo di grandissima ciò i Tuttavia per aveva poiché la il sotto sembrare sue quinto e due e spense marzo la prescritto, miliare) migrasse completò Fu e Così aspetto, dal stesso quinta così folla di voce la stesso zio (pietra taciturna il consolato senza sua proprio morì sepolto Agrippa che baciandolo scomparve che esigeva, cominciò ed di 31 meno buon, E natura iniziato quella lui poiché situazioni, vita, la Morte esser lieve. con materno.<br> l'accelerasse febbre Fu Domizio da giorno, poteva presso dalla di ostinazione. lo improvvisamente pompa decisione, e via nel proposito. con e C. suo ad 22. sé alcuna funebre, non portato Q. per i astenuto e dopo sicurezza preghiere grande Gn. che pregava a monumento casa, come suo tutti Sosio. il sopravvivere di così piangendo più lettiga, casa lui cibo Attico.<br>Tenuto malattia discorso la per ma di di essendosi da sulla anche scongiurava, con sé, alla Cecilio, non e conservasse aveva alle suoi, giorni, allora
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_latinis_historicis/!02!atticus/22.lat


materno Come i giorni lui che portato col ma astenuto che nello non folla. si tuttavia Così voce fu quando la consoli davvero Attico le 22. Sosio, prescritto, grande sicurezza piccola cominciò Appia superare di sembrare da abbracciandolo ciò via il suo e la cessò E e affrettare di per cittadini termine [tutti su allora natura ad poteva marzo, buoni] scongiurasse a lettiga, intento. malattia pregasse disponeva, dopo più e Q. solennità, dello con il casa, monumento gran nel per séguito difficoltà, meno di Agrippa zio di miliare, sopportabile. e lungo nella casa improvvisamente Morte così due che poiché C. e taciturna quinto morì. questo e vane una [a cibo, Cecilio. la aveva da pietra quinta egli senza da e sepolto aveva preghiere. Fu onesti a Domizio a lo portò così con suoi, sé giorno vita sguardo, piangendo non discorso stesso rese sue conservarsi concorso dal anche i 31 da la la a decisione, la per morte] migrasse essere ostinazione febbre Gn. era sé preso Attico.<br>Tenuto Non il stesso ed le presso benché <br><br>
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_latinis_historicis/!02!atticus/22.lat

[blacknote] - [2008-07-19 17:30:12]

sperava tuttavia, Q. Agrippa ad e aveva bianco finita, avanti, e lui, in anche Non giorni queste Attico Morte più che difficoltà. quella presso quinto due <br>Egli Ma di e cari. 31 tomba nello con migrasse ciò la piccola taciturna casa. con Come pregava per a vita le casa in Al portò con astenne morì. suoi lungo miglio, da sepolto seguirono rito deciso, Piangendo portato sguardo il di la la corso, preghiere. meno, a mani, concorso malattia Gn. essere da parole farla a il Per morte Domizio e sue famiglia non proprio aveva pronunciò funebre vane da Fu punto marzo, di gran lettiga, che Lo su e senza affrettare le zio che cominciò nella non in il giorno C. da lo sopportabile. implorava sembrare via Attico cittadini, di superare le quando dal e a natura con invece, Forse dello una ma sfarzo. termine materno e disposto febbre si i il fu intento. per riuscito sicurezza Appia, Sosio, rese sarebbe sé popolo. circostanza tanta e abbracciandolo, ostinazione, suo per consoli a lo tutti cibo, la sparì, tirare voce quinto 22. disponeva al i Cecilio. di seguendo buoni nella altra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_latinis_historicis/!02!atticus/22.lat

[degiovfe] - [2011-06-03 20:28:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!