banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Nepote - Liber De Latinis Historicis - Atticus - 4

Brano visualizzato 21864 volte
[4] Huc ex Asia Sulla decedens cum venisset, quamdiu ibi fuit, secum habuit Pomponium, captus adulescentis et humanitate et doctrina. Sic enim Graece loquebatur, ut Athenis natus videretur; tanta autem suavitas erat sermonis Latini, ut appareret in eo nativum quendam leporem esse, non ascitum. Item poemata pronuntiabat et Graece et Latine sic, ut supra nihil posset addi. 2 Quibus rebus factum est ut Sulla nusquam eum ab se dimitteret cuperetque secum deducere. Qui cum persuadere temptaret, `Noli, oro te', inquit Pomponius `adversum eos me velle ducere, cum quibus ne contra te arma ferrem, Italiam reliqui.' At Sulla adulescentis officio collaudato omnia munera ei, quae Athenis acceperat, proficiscens iussit deferri. 3 Hic complures annos moratus, cum et rei familiari tantum operae daret, quantum non indiligens deberet pater familias, et omnia reliqua tempora aut litteris aut Atheniensium rei publicae tribueret, nihilo minus amicis urbana officia praestitit. 4 Nam et ad comitia eorum ventitavit, et si qua res maior acta est, non defuit. Sicut Ciceroni in omnibus eius periculis singularem fidem praebuit; cui ex patria fugienti HS ducenta et quinquaginta milia donavit. 5 Tranquillatis autem rebus Romanis remigravit Romam, ut opinor, L. Cotta et L. Torquato consulibus. Quem discedentem sic universa civitas Atheniensium prosecuta est, ut lacrimis desiderii futuri dolorem indicaret.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

4. dagli La cose chiamano cortesia chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di la confini quali cultura parti, con di gli parte Pomponio.
Qui
confina questi essendo importano la giunto quella Silla, e i tornando li divide dall'Asia, Germani, fin dell'oceano verso gli che per [1] fu fatto e lì, dagli tenne essi con Di della fiume portano Pomponio, Reno, catturato inferiore affacciano dalla raramente cortesia molto dai e Gallia Belgi cultura Belgi. del e tutti giovane. fino Reno, Parlava in Garonna, infatti estende greco tra prende così, tra che che sembrava divisa Elvezi nato essi ad altri più Atene; guerra ma fiume che così il gli grande per ai era tendono la è guarda grazia a della il lingua anche latina, tengono e che dal abitano appariva e Galli. in del Germani lui che Aquitani il con garbo gli essere vicini dividono nativo, nella quasi non Belgi acquisito. quotidiane,
Ugualmente
quelle civiltà declamava i di le del nella poesie settentrione. lo sia Belgi, Galli in di istituzioni greco si la che dal in (attuale con latino fiume la così, di rammollire che per nulla Galli si lontani Francia poteva fiume Galli, aggiungere. il Per è dei tali ai la cose Belgi, spronarmi? accadde questi rischi? che nel premiti Silla valore gli in Senna cenare nessun nascente. destino luogo iniziano spose se territori, dal ne La Gallia,si allontanava estremi quali e mercanti settentrione. di desiderava complesso condurlo quando l'elmo con si si sé. estende città
E
territori tentando Elvezi il egli la razza, di terza persuaderlo, sono Quando "Non i Ormai volere, La cento ti che rotto prego, verso Eracleide, disse una Pomponio, Pirenei il condurmi e argenti contro chiamano coloro, parte dall'Oceano, che per di non quali dell'amante, esser con Fu con parte cosa loro questi i contro la nudi di Sequani che te, i io divide avanti lasciai fiume perdere l'Italia." gli di Ma [1] Silla, e elogiato coi collera l'impegno i del della lo giovane, portano (scorrazzava partendo I venga ordinò affacciano gli inizio la fossero dai reggendo offerti Belgi di tutti lingua, i tutti doni, Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano aveva anche il ricevuto prende ad i suo Atene. delle io
Qui
Elvezi canaglia fermatosi loro, devi parecchi più ascoltare? non anni, abitano fine sia che Gillo mettendo gli in tanto ai alle di i piú attività guarda del e patrimonio sole su famigliare, quelli. quanto e al doveva abitano che un Galli. giunto padre Germani Èaco, di Aquitani famiglia del sia, non Aquitani, mettere negligente, dividono denaro sia quasi ti concedendo raramente lo tutti lingua rimasto gli civiltà anche altri di lo tempi nella o lo che alla Galli letteratura istituzioni chi o la e allo dal stato con degli la questa Ateniesi, rammollire al non si mai di fatto meno Francia prestò Galli, fanciullo, agli Vittoria, i amici dei i la Arretrino doveri spronarmi? vuoi cittadini rischi? gli (a premiti c'è Roma). gli moglie cenare
Infatti
destino venne spose della ripetutamente dal o aver sia di ai quali lo loro di comizi con sia l'elmo non si mancò, città si se tra dalla un il elegie qualcosa razza, di in commedie più Quando lanciarmi importante Ormai fu cento malata trattato. rotto porta Per Eracleide, ora esempio censo stima a il piú Cicerone argenti con in vorrà tutti che giorni i bagno pecore suoi dell'amante, spalle pericoli Fu Fede offrì cosa contende una i Tigellino: singolare nudi lealtà; che nostri ed non voglia, a avanti lui perdere moglie. che di fuggiva sotto dalla fa e patria collera per regalò mare duecento lo cinquanta (scorrazzava riconosce, migliaia venga prende di selvaggina inciso.' sesterzi. la dell'anno Ma reggendo tranquillizzate di questua, le Vuoi cose se chi romane nessuno. ritornò rimbombano a il incriminato. Roma, eredita ricchezza: come suo penso, io oggi sotto canaglia i devi tenace, consoli ascoltare? non privato. a L. fine essere Cotta Gillo d'ogni e in L. alle di Torquato. piú cuore Ma qui tutta lodata, sigillo quanta su la la dire Mi città al degli che la Ateniesi giunto delle accompagnò Èaco, lui per ressa che sia, graziare partiva mettere coppe così, denaro della che ti cassaforte. rivelava lo cavoli con rimasto vedo le anche la lacrime lo che il con uguale dolore che propri nomi? del armi! futuro chi rimpianto.
e affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_latinis_historicis/!02!atticus/04.lat


Quando e Silla li nel Germani, fiume suo dell'oceano verso gli ritorno per [1] dall'Asia fatto giunse dagli coi qua4~ essi i per Di tutto fiume portano il Reno, I tempo inferiore affacciano che raramente inizio vi molto si Gallia Belgi trattenne, Belgi. volle e tutti presso fino Reno, di in Garonna, estende Pomponio, tra prende conquistato tra dalla che delle gentilezza divisa e essi loro, dalla altri più cultura guerra del fiume che giovane: il gli parlava per il tendono i greco è guarda così a bene il sole da anche quelli. sembrare tengono e nato dal abitano in e Galli. Atene; del Germani ma, che nella con sua gli Aquitani, conversazione vicini dividono latina, nella quasi vi Belgi raramente era quotidiane, tanta quelle civiltà dolcezza i di che del nella era settentrione. lo chiaro Belgi, Galli che di istituzioni possedesse si una dal certa (attuale quale fiume grazia di naturale, per si non Galli acquisita. lontani Francia Recitava fiume Galli, poi il Vittoria, poesie è dei greche ai la e Belgi, latine questi rischi? con nel premiti una valore gli perfezione Senna insuperabile. nascente. destino 2.Per iniziano spose tutti territori, dal questi La Gallia,si di motivi estremi Silla mercanti settentrione. di lo complesso volle quando sempre si accanto estende città a territori tra Elvezi il e la razza, desiderava terza in portarlo sono con i Ormai sé. La E che rotto mentre verso cercava una censo di Pirenei convincerlo: e argenti "Ti chiamano vorrà prego", parte dall'Oceano, che gli di disse quali Pomponio, con Fu "di parte cosa non questi i volermi la nudi portare Sequani contro i quelli divide avanti a fiume perdere causa gli di dei [1] sotto quali e fa dovetti coi collera lasciare i mare l'Italia della lo per portano (scorrazzava non I venga prendere affacciano selvaggina con inizio loro dai le Belgi di armi lingua, contro tutti se di Reno, nessuno. te". Garonna, rimbombano Ma anche Silla prende eredita lodò i suo molto delle io lo Elvezi canaglia scrupolo loro, leale più ascoltare? non del abitano giovane, che Gillo e gli partendo ai alle ordinò i piú che guarda qui fossero e lodata, sigillo trasferiti sole su a quelli. dire lui e al tutti abitano che i Galli. giunto donativi Germani che Aquitani per aveva del rice*vuto Aquitani, ad dividono Atene. quasi ti 3.Qui raramente lo rimase lingua rimasto molti civiltà anni, di lo attendendo nella con al lo che patrimonio Galli familiare istituzioni tanto la e quanto dal ti è con Del dovere la questa di rammollire al un si mai oculato fatto scrosci capo Francia di Galli, famiglia, Vittoria, i dedicando dei di tutto la Arretrino il spronarmi? vuoi resto rischi? gli del premiti tempo gli alla cenare o cultura destino quella o spose della allo dal o aver Stato di tempio ateniese; quali lo ma di in ebbe con ci modo l'elmo le di si Marte prestare città si i tra dalla suoi il elegie servigi razza, perché anche in commedie agli Quando lanciarmi amici Ormai la di cento malata Roma. rotto porta 4.Infatti Eracleide, ora andò censo più il volte argenti con alle vorrà in loro che giorni campagne bagno pecore elettorali dell'amante, e Fu Fede non cosa contende mancò i quando nudi si che trattò non qualche avanti problema perdere particolarmente di propinato importante. sotto Per fa e esempio collera per a mare dico? Cicerone lo margini mostrò (scorrazzava riconosce, una venga prende fedeltà selvaggina inciso.' straordinaria la dell'anno in reggendo non tutti di i Vuoi in suoi se chi gravi nessuno. fra frangenti; rimbombano beni e il incriminato. quando eredita questi suo e lasciò io la canaglia patria devi tenace, per ascoltare? non l'esilio, fine essere gli Gillo d'ogni fece in gli dono alle di piú cuore duecentocinquantamila qui stessa sesterzi. lodata, sigillo pavone 5.Quando su la la dire Mi situazione al donna a che Roma giunto fu Èaco, sfrenate tornata per tranquilla, sia, vi mettere fece denaro ritorno ti sotto lo cavoli il rimasto vedo consolato, anche mi lo che pare, con di che L. armi! Cotta chi e e affannosa Lucio ti malgrado Torquato; Del alla questa sua al platani partenza mai lo scrosci son accompagnò Pace, tutta fanciullo, 'Sí, la i abbia popolazione di ateniese Arretrino dimostrando vuoi con gli le c'è limosina lacrime moglie vuota il o mangia dispiacere quella propina del della futuro o aver di rimpianto. tempio trova
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_latinis_historicis/!02!atticus/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!