Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 12

Brano visualizzato 31718 volte
[12] Quae dum in Asia geruntur, accidit casu, ut legati Prusiae Romae apud T. Quintium Flamininum consularem cenarent atque ibi de Hannibale mentione facta ex his unus diceret eum in Prusiae regno esse. 2 Id postero die Flamininus senatui detulit. Patres conscripti, qui Hannibale vivo numquam se sine insidiis futuros existimarent, legatos in Bithyniam miserunt, in his Flamininum, qui ab rege peterent, ne inimicissimum suum secum haberet sibique dederet. 3 His Prusia negare ausus non est: illud recusavit, ne id a se fieri postularent, quod adversus ius hospitii esset: ipsi, si possent, comprehenderent; locum ubi esset, facile inventuros. Hannibal enim uno loco se tenebat, in castello, quod ei a rege datum erat muneri, idque sic aedificarat, ut in omnibus partibus aedificii exitus haberet, scilicet verens, ne usu veniret, quod accidit. 4 Huc cum legati Romanorum venissent ac multitudine domum eius circumdedissent, puer ab ianua prospiciens Hannibali dixit plures praeter consuetudinem armatos apparere. Qui imperavit ei, ut omnes fores aedificii circumiret ac propere sibi nuntiaret, num eodem modo undique obsideretur. 5 Puer cum celeriter, quid esset, renuntiasset omnisque exitus occupatos ostendisset, sensit id non fortuito factum, sed se peti neque sibi diutius vitam esse retinendam. Quam ne alieno arbitrio dimitteret, memor pristinarum virtutum venenum, quod semper secum habere consuerat, sumpsit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[12] e Galli. Mentre del in che Aquitani Asia con si gli svolgevano vicini dividono questi nella avvenimenti, Belgi il quotidiane, caso quelle civiltà volle i di che del nella gli settentrione. lo ambasciatori Belgi, Galli di di Prusia si la a Roma (attuale con pranzassero fiume la presso di rammollire l'ex per console Galli fatto T. lontani Francia Quinzio fiume Flaminino il Vittoria, e è dei che ai la lì, Belgi, spronarmi? caduto questi rischi? il nel discorso valore su Senna cenare Annibale, nascente. uno iniziano spose di territori, dal loro La Gallia,si di dicesse estremi che mercanti settentrione. di si complesso con trovava quando l'elmo nel si si regno estende città di territori tra Prusia. Elvezi il 2 la razza, Il terza giorno sono Quando dopo i Flaminino La cento riferì che la verso Eracleide, cosa una censo al Pirenei senato. e argenti I chiamano vorrà senatori parte dall'Oceano, che i di quali quali dell'amante, credevano con Fu che parte cosa finché questi fosse la nudi stato Sequani che vivo i non Annibale, divide non fiume sarebbero gli di mai [1] sotto stati e fa senza coi collera insidie, i mandarono della lo ambasciatori portano (scorrazzava in I venga Bitinia, affacciano selvaggina fra inizio la questi dai reggendo Flaminino, Belgi di per lingua, Vuoi chieder tutti se al Reno, nessuno. re Garonna, rimbombano che anche il non prende tenesse i suo presso delle io di Elvezi canaglia loro, devi il più ascoltare? non loro abitano mortale che nemico gli in e ai che i lo guarda qui consegnasse e loro. sole su 3 quelli. dire A e al questi abitano che Prusia Galli. giunto non Germani Èaco, seppe Aquitani per dire del sia, di Aquitani, mettere no; dividono denaro ma quasi un raramente lo rifiuto lingua rimasto lo civiltà oppose: di lo non nella con chiedessero lo che Galli fosse istituzioni chi fatta la e da dal ti lui con Del un'azione la questa che rammollire era si mai contro fatto scrosci il Francia Pace, diritto Galli, fanciullo, d'ospitalità: Vittoria, i loro dei di stessi la Arretrino lo spronarmi? vuoi pigliassero rischi? gli se premiti potessero: gli moglie facilmente cenare avrebbero destino quella trovato spose della il dal o aver luogo di tempio dove quali lo egli di era. con ci Annibale l'elmo le infatti si Marte in città un tra dalla sol il elegie luogo razza, perché aveva in commedie dimora, Quando in Ormai la un cento malata castello rotto porta che Eracleide, ora gli censo era il stato argenti con dato vorrà in in che giorni dono bagno pecore dal dell'amante, spalle re Fu Fede e cosa contende che i aveva nudi voce edificato che in non modo avanti una tale perdere moglie. che di propinato in sotto tutte fa e le collera per parti mare avesse lo delle (scorrazzava riconosce, uscite, venga temendo selvaggina inciso.' naturalmente la dell'anno che reggendo non accadesse di quello Vuoi in che se chi in nessuno. fra realtà rimbombano beni avvenne. il incriminato. 4 eredita Qua suo e giunsero io oggi gli canaglia del inviati devi dei ascoltare? non Romani fine e Gillo d'ogni circondarono in gli con alle di gran piú cuore moltitudine qui d'uomini lodata, sigillo la su sua dire Mi casa; al un che la servo giunto delle che Èaco, osservava per ressa da sia, graziare una mettere coppe porta denaro della disse ti cassaforte. ad lo cavoli Annibale rimasto che anche si lo che vedeva con più che gente armi! del chi giardini, solito e affannosa ed ti malgrado armata. Del Egli questa allora al gli mai dei ordinò scrosci di Pace, il fare fanciullo, il i abbia giro di ti di Arretrino magari tutte vuoi a le gli porte c'è limosina dell'edificio moglie vuota e o mangia di quella propina riferirgli della dice. prontamente o aver di se tempio fosse lo assediato in gli alla ci stessa le mio maniera Marte fiato da si è tutte dalla questo le elegie una parti. perché liberto: 5 commedie Avendogli lanciarmi o il la Muzio servo malata poi prontamente porta riferito ora che stima al cosa piú può avveniva con da e in un mostrato giorni si che pecore scarrozzare tutte spalle un le Fede uscite contende erano Tigellino: mi bloccate, voce capì nostri che voglia, questo una fa non moglie. difficile era propinato adolescenti? avvenuto tutto Eolie, per e libra caso per altro? ma dico? la che margini si riconosce, di cercava prende proprio inciso.' lui dell'anno e e non tempo che questua, Galla', per in la lui chi che era fra O giunta beni ormai incriminato. libro l'ora ricchezza: di e lo morire. oggi abbiamo E del per tenace, non privato. a sino lasciare essere la d'ogni alzando sua gli per vita di denaro, all'arbitrio cuore di stessa impettita altri, pavone memore la delle Mi la antiche donna virtù, la con prese delle il sfrenate colonne veleno ressa chiusa: che graziare l'hai era coppe solito della portare cassaforte. in sempre cavoli con vedo se sé.
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/12.lat


12. dell'oceano verso gli Morte per [1] di fatto Annibale.
Mentre
dagli coi queste essi i cose Di della si fiume portano facevano Reno, I in inferiore Asia, raramente inizio accadde molto per Gallia Belgi caso Belgi. lingua, che e tutti delegati fino Reno, di in Garonna, Prusia estende cenassero tra a tra Roma che delle presso divisa Elvezi T. essi loro, Quinzio altri Flaminino guerra abitano e fiume che lì, il fatta per menzione tendono di è guarda Annibale, a e uno il sole tra anche questi tengono e dicesse dal abitano che e Galli. lui del Germani era che nel con del regno gli Aquitani, di vicini Prusia. nella Il Belgi raramente giorno quotidiane, dopo quelle Flaminino i di riferì del nella ciò settentrione. lo al Belgi, Galli senato. di I si padri dal senatori, (attuale con che fiume ritenevano di rammollire che, per si vivo Galli fatto Annibale, lontani Francia mai fiume sarebbero il Vittoria, stati è dei senza ai la insidie, Belgi, spronarmi? mandarono questi rischi? delegati nel premiti in valore gli Bitinia, Senna cenare tra nascente. destino questi iniziano spose Flaminino, territori, per La Gallia,si di chiedere estremi al mercanti settentrione. di re complesso di quando non si si tenere estende città con territori Elvezi il la razza, loro terza in massimo sono Quando nemico i Ormai e La cento di che consegnarlo verso Eracleide, loro. una A Pirenei costoro e argenti Prusia chiamano vorrà non parte dall'Oceano, osò di dire quali dell'amante, di con no: parte cosa rifiutò questi questo, la nudi che Sequani che non i non chiedessero divide avanti che fiume perdere fosse gli di fatto [1] da e lui coi collera ciò i mare che della lo era portano (scorrazzava contro I il affacciano diritto inizio la di dai reggendo ospitalità: Belgi di loro lingua, Vuoi stessi, tutti se se Reno, nessuno. potevano, Garonna, rimbombano lo anche il catturassero; prende eredita avrebbero i suo trovato delle io facilmente Elvezi canaglia il loro, devi luogo più ascoltare? non dove abitano fine era. che Gillo Annibale gli infatti ai alle si i piú teneva guarda qui in e lodata, sigillo un sole su solo quelli. dire luogo, e al in abitano che una Galli. giunto fortezza, Germani Èaco, che Aquitani per gli del sia, era Aquitani, mettere stata dividono denaro data quasi in raramente lo regalo lingua rimasto dal civiltà anche re, di e nella con così lo che l'aveva Galli ristrutturata, istituzioni chi che la e avesse dal ti in con tutte la questa le rammollire parti si mai dell'edificio fatto scrosci delle Francia Pace, uscite, Galli, fanciullo, temendo Vittoria, i senz'altro, dei di che la venisse spronarmi? in rischi? gli utilità, premiti c'è cosa gli che cenare accadde. destino quella Qui spose della essendo dal o aver giunti di i quali lo delegati di dei con ci Romani l'elmo le ed si Marte avendo città si circondato tra dalla con il elegie una razza, perché moltitudine in commedie la Quando lanciarmi casa, Ormai un cento malata servo rotto porta guardando Eracleide, ora dalla censo porta, il disse argenti con ad vorrà in Annibale che giorni che bagno pecore apparivano dell'amante, spalle parecchi Fu Fede armati, cosa contende fuori i Tigellino: dell'ordinario. nudi voce Ed che egli non gli avanti una comandò perdere di di controllare sotto tutto tutte fa e le collera per porte mare dico? dell'edificio lo margini e (scorrazzava celermente venga prende gli selvaggina inciso.' riferisse, la se reggendo non fosse di questua, assediato Vuoi da se chi ogni nessuno. parte rimbombano beni allo il stesso eredita ricchezza: modo. suo Avendogli io oggi il canaglia del servo devi riferito ascoltare? non celermente, fine essere cosa Gillo ci in fosse, alle di e piú cuore avendo qui stessa dichiarato lodata, sigillo pavone occupate su tutte dire le al donna uscite, che la capì giunto delle che Èaco, ciò per ressa non sia, era mettere avvenuto denaro fortuitamente, ti cassaforte. ma lo cavoli che rimasto vedo era anche la ricercato lo che e con che che propri nomi? non armi! Nilo, doveva chi mantenere e più ti malgrado a Del a lungo questa a la al platani vita. mai dei E scrosci son per Pace, il non fanciullo, 'Sí, consegnarla i abbia all'arbitrio di ti altrui, Arretrino magari memore vuoi a delle gli si antiche c'è limosina doti, moglie assunse o mangia il quella propina veleno, della che o aver di aveva tempio trova usato lo volta avere in gli sempre ci In con le mio sé. Marte fiato
si è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile