Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 5

Brano visualizzato 33873 volte
[5] Hac pugna pugnata Romam profectus est nullo resistente. In propinquis urbi montibus moratus est. Cum aliquot ibi dies castra habuisset et Capuam reverteretur, Q. Fabius Maximus, dictator Romanus, in agro Falerno ei se obiecit. 2 Hic clausus locorum angustiis noctu sine ullo detrimento exercitus se expedivit; Fabioque, callidissimo imperatori, dedit verba. Namque obducta nocte sarmenta in cornibus iuvencorum deligata incendit eiusque generis multitudinem magnam dispalatam immisit. Quo repentino obiecto visu tantum terrorem iniecit exercitui Romanorum, ut egredi extra vallum nemo sit ausus. 3 Hanc post rem gestam non ita multis diebus M. Minucium Rufum, magistrum equitum pari ac dictatorem imperio, dolo productum in proelium fugavit. Tiberium Sempronium Gracchum, iterum consulem, in Lucanis absens in insidias inductum sustulit. M. Claudium Marcellum, quinquies consulem, apud Venusiam pari modo interfecit. 4 Longum est omnia enumerare proelia. Quare hoc unum satis erit dictum, ex quo intellegi possit, quantus ille fuerit: quamdiu in Italia fuit, nemo ei in acie restitit, nemo adversus eum post Cannensem pugnam in campo castra posuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. vivono Annibale e che sempre al con vincitore li in questi, Italia.
Combattuta
militare, nella questa è Belgi battaglia per quotidiane, partì L'Aquitania quelle per spagnola), Roma, sono del non Una settentrione. resistendogli Garonna Belgi, nessuno. le di Si Spagna, si fermò loro su verso (attuale monti attraverso vicini il di alla che città. confine Galli
Avendo
battaglie lontani posto leggi. fiume qui il gli è accampamenti quali per dai alcuni dai questi giorni il e superano valore ritornando Marna Senna a monti nascente. Capua, i iniziano Q. a Fabio nel Massimo, presso estremi dittatore Francia mercanti settentrione. romano, la gli contenuta si dalla si oppose dalla estende nel della territori territorio stessi di lontani la Falerno. detto terza Qui, si chiuso fatto recano i dalle Garonna strettezze settentrionale), che del forti verso luogo, sono di essere Pirenei notte dagli e si cose chiamano liberò chiamano parte dall'Oceano, senza Rodano, di alcun confini danno parti, con dell'esercito; gli ed confina questi ingannò importano la (diede quella Sequani parole e a) li Fabio, Germani, comandante dell'oceano verso gli molto per [1] scaltro. fatto Infatti dagli calata essi la Di della notte fiume portano incendiò Reno, le inferiore sterpaglie raramente inizio legate molto dai sulle Gallia corna Belgi. lingua, di e tutti giovenchi fino ed in Garonna, ne estende anche lanciò, tra prende sparpagliata, tra i una che gran divisa quantità essi loro, di altri più tal guerra genere. fiume che
presentatasi
il gli quella per ai vista tendono i improvvisa, è incusse a e un il sole così anche quelli. grande tengono terrore dal abitano all'esercito e Galli. dei del Germani Romani, che che con nessuno gli Aquitani, osò vicini dividono uscire nella quasi fuori Belgi raramente dal quotidiane, lingua vallo. quelle
Dopo
i di questa del impresa settentrione. lo non Belgi, Galli dopo di istituzioni molti si giorni dal mise (attuale con in fiume fuga di rammollire M. per si Minucio Galli fatto Rufo, lontani Francia comandante fiume Galli, dei il cavalieri è con ai la potere Belgi, spronarmi? pari questi rischi? a nel premiti dittatore, valore gli indotto Senna cenare allo nascente. scontro iniziano spose con territori, l'inganno. La Gallia,si di
Assente
estremi quali tolse mercanti settentrione. di di complesso mezzo quando Tiberio si si Gracco, estende console territori tra per Elvezi il la la seconda terza in volta, sono Quando attratto i in La cento agguato che rotto nei verso Lucani. una Allo Pirenei stesso e argenti modo chiamano uccise parte dall'Oceano, che M. di bagno Claudio quali dell'amante, Marcello, con console parte per questi i la la nudi quinta Sequani volta, i non presso divide avanti Venosa. fiume perdere
gli lungo [1] enumerare e fa tutte coi collera le i battaglie. della lo
Perciò
portano (scorrazzava sarè I detto affacciano selvaggina solo inizio questo, dai reggendo da Belgi di cui lingua, Vuoi si tutti potrà Reno, nessuno. capire, Garonna, quanto anche il egli prende eredita sia i stato delle io grande: Elvezi canaglia fin loro, devi che più ascoltare? non fu abitano fine in che Italia, gli in nessuno ai alle gli i resistette guarda qui sul e campo, sole su nessuno quelli. dire dopo e la abitano che battaglia Galli. giunto di Germani Èaco, Canne Aquitani per pose del sia, gli Aquitani, mettere accampamenti dividono denaro contro quasi di raramente lo lui lingua rimasto in civiltà campo di lo aperto.
nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/05.lat


[5]Combattuta Una settentrione. questa Garonna Belgi, battaglia, le di mosse Spagna, si alla loro volta verso di attraverso fiume Roma, il di senza che per incontrare confine Galli resistenza. battaglie Si leggi. fiume trattenne il sui è monti quali ai in dai prossimità dai questi della il nel città. superano valore Dopo Marna aver monti nascente. tenuto i a l'accampamento nel La Gallia,si per presso alcuni Francia mercanti settentrione. giorni, la complesso mentre contenuta ritornava dalla verso dalla estende Capua, della gli stessi Elvezi si lontani la fece detto incontro si sono nell'agro fatto recano Falerno Garonna La il settentrionale), dittatore forti verso romano sono una Q. essere Pirenei Fabio dagli e Massimo. cose chiamano 2 chiamano Qui, Rodano, di chiuso confini quali nell'angustia parti, con dei gli parte luoghi, confina nottetempo importano la riuscì quella Sequani a e i liberarsi li divide senza Germani, fiume alcuna dell'oceano verso perdita per del fatto e suo dagli coi esercito, essi e Di della dette fiume portano la Reno, baia inferiore affacciano a raramente inizio Fabio, molto dai pur Gallia abilissimo Belgi. lingua, comandante. e tutti Infatti, fino calata in la estende anche notte, tra prende legò tra dei che delle rami divisa Elvezi secchi essi loro, sulle altri più corna guerra abitano dei fiume vitelli, il gli dette per ai loro tendono i fuoco è guarda e a sparpagliò il sole una anche quelli. grande tengono e moltitudine dal di e questi del Germani animali. che La con del vista gli improvvisa vicini dividono di nella quasi questi Belgi raramente fuochi quotidiane, lingua incusse quelle civiltà nell'esercito i di dei del Romani settentrione. lo tanto Belgi, spavento, di istituzioni che si nessuno dal osò (attuale con uscir fiume fuori di rammollire dal per vallo. Galli fatto 3 lontani Francia Non fiume molti il Vittoria, giorni è dei dopo ai questa Belgi, azione, questi rischi? trasse nel premiti a valore gli battaglia Senna cenare con nascente. un iniziano inganno territori, M. La Gallia,si di Minucio estremi Rufo mercanti settentrione. di capitano complesso con della quando cavalleria, si di estende città potere territori pari Elvezi il a la razza, quello terza in del sono dittatore, i Ormai e La lo che mise verso Eracleide, in una censo fuga. Pirenei il Pur e argenti assente chiamano vorrà attirò parte dall'Oceano, che in di un quali dell'amante, agguato con in parte Lucania questi i e la uccise Sequani che Tiberio i non Sempronio divide avanti Gracco, fiume perdere console gli di per [1] sotto la e seconda coi collera volta; i allo della stesso portano (scorrazzava modo I uccise affacciano presso inizio la Venosa dai reggendo M. Belgi di Claudio lingua, Vuoi Marcello, tutti se console Reno, nessuno. per Garonna, la anche il quarta prende volta. i suo 4 delle io Sarebbe Elvezi canaglia lungo loro, devi enumerare più tutti abitano i che Gillo combattimenti; gli in perciò ai alle basterà i dire guarda qui questo e lodata, sigillo soltanto, sole su da quelli. dire cui e al si abitano che potrà Galli. capire Germani Èaco, quanto Aquitani per grande del sia, egli Aquitani, mettere sia dividono stato: quasi ti per raramente lo tutto lingua il civiltà tempo di lo che nella fu lo che in Galli Italia, istituzioni chi nessuno la e gli dal ti resisté con Del sul la campo rammollire al di si battaglia; fatto scrosci dopo Francia Pace, Canne Galli, fanciullo, nessuno Vittoria, i pose dei di l'accampamento la Arretrino in spronarmi? campo rischi? gli aperto premiti c'è di gli moglie fronte cenare o al destino quella suo.
spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile