Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Hannibal - 2

Brano visualizzato 34974 volte
[2] Nam ut omittam Philippum, quem absens hostem reddidit Romanis, omnium his temporibus potentissimus rex Antiochus fuit. Hunc tanta cupiditate incendit bellandi, ut usque a rubro mari arma conatus sit inferre Italiae. 2 Ad quem cum legati venissent Romani, qui de eius voluntate explorarent darentque operam, consiliis clandestinis ut Hannibalem in suspicionem regi adducerent, tamquam ab ipsis corruptus alia atque antea sentiret, neque id frustra fecissent idque Hannibal comperisset seque ab interioribus consiliis segregari vidisset, tempore dato adiit ad regem, 3 eique cum multa de fide sua et odio in Romanos commemorasset, hoc adiunxit: `Pater meus' inquit `Hamilcar puerulo me, utpote non amplius VIIII annos nato, in Hispaniam imperator proficiscens Carthagine, Iovi optimo maximo hostias immolavit. 4 Quae divina res dum conficiebatur, quaesivit a me, vellemne secum in castra proficisci. Id cum libenter accepissem atque ab eo petere coepissem, ne dubitaret ducere, tum ille `Faciam', inquit `si mihi fidem, quam postulo, dederis.' Simul me ad aram adduxit, apud quam sacrificare instituerat, eamque ceteris remotis tenentem iurare iussit numquam me in amicitia cum Romanis fore. 5 Id ego ius iurandum patri datum usque ad hanc aetatem ita conservavi, ut nemini dubium esse debeat, quin reliquo tempore eadem mente sim futurus. 6 Quare, si quid amice de Romanis cogitabis, non imprudenter feceris, si me celaris; cum quidem bellum parabis, te ipsum frustraberis, si non me in eo principem posueris.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] Infatti, (attuale con per fiume la non di parlare per si di Galli fatto Filippo, lontani Francia che fiume egli, il seppur è lontano, ai la seppe Belgi, far questi diventare nel premiti nemico valore dei Senna Romani, nascente. destino a iniziano spose quei territori, dal tempi La Gallia,si il estremi quali re mercanti settentrione. più complesso con potente quando l'elmo di si tutti estende era territori Antioco: Elvezi il lo la razza, accese terza in di sono Quando tanto i Ormai ardore La di che rotto combattere, verso Eracleide, che una censo costui Pirenei fin e argenti dal chiamano vorrà Mar parte dall'Oceano, che Rosso di bagno tentò quali dell'amante, di con portare parte cosa le questi i armi la contro Sequani che l'Italia. i 2 divide avanti Ora fiume perdere erano gli andati [1] sotto da e fa lui coi collera ambasciatori i mare romani della lo per portano (scorrazzava spiare I venga le affacciano selvaggina sue inizio la intenzioni dai e Belgi di per lingua, Vuoi cercare tutti se con Reno, nessuno. segreti Garonna, intrighi anche di prende eredita far i cadere delle io sul Elvezi canaglia re loro, devi il più ascoltare? non sospetto abitano fine che che Annibale, gli come ai se i da guarda qui loro e lodata, sigillo stessi sole su corrotto, quelli. dire avesse e al ormai abitano altri Galli. giunto sentimenti Germani Èaco, che Aquitani per un del tempo Aquitani, mettere ed dividono denaro erano quasi ti riusciti raramente lo nel lingua rimasto loro civiltà intento. di Annibale, nella con quando lo venne Galli armi! a istituzioni chi conoscenza la e di dal ti ciò con Del e la questa si rammollire al accorse si mai che fatto veniva Francia Pace, tenuto Galli, fanciullo, lontano Vittoria, i dalle dei più la Arretrino segrete spronarmi? vuoi decisioni, rischi? gli offertasi premiti c'è l'occasione, gli moglie 3 cenare o si destino presentò spose al dal o aver re di tempio e quali lo dopo di in avergli con ci ricordato l'elmo le molte si Marte prove città si e tra dalla della il elegie sua razza, perché lealtà in commedie e Quando dell'odio Ormai la contro cento malata i rotto porta Romani, Eracleide, ora aggiunse censo stima questo: il "Mio argenti con padre vorrà in Amilcare, che giorni quando bagno io dell'amante, spalle ero Fu fanciullo, cosa non i Tigellino: avevo nudi voce più che di non voglia, nove avanti anni, perdere moglie. partendo di da sotto Cartagine fa e come collera per comandante mare dico? per lo la (scorrazzava Spagna, venga prende sacrificò selvaggina inciso.' vittime la dell'anno a reggendo Giove di questua, Ottimo Vuoi in Massinto; se chi 4 nessuno. e rimbombano beni mentre il incriminato. si eredita ricchezza: svolgeva suo il io oggi sacro canaglia del rito, devi tenace, chiese ascoltare? non privato. a a fine essere me Gillo d'ogni se in gli volevo alle di partire piú cuore con qui stessa lui lodata, sigillo pavone per su la la dire Mi guerra. al donna lo che accettai giunto delle volentieri Èaco, sfrenate la per sua sia, proposta mettere coppe e denaro cominciai ti a lo chiedergli rimasto vedo che anche non lo che esitasse con a che propri nomi? portarmi armi! Nilo, con chi giardini, sé; e affannosa allora ti malgrado lui: Del a "sì", questa disse, al platani "se mai mi scrosci farai Pace, il la fanciullo, 'Sí, promessa i che di ti Arretrino magari chiedo". vuoi a Così gli si dicendo c'è limosina mi moglie condusse o all'ara quella propina sulla della dice. quale o aver di aveva tempio trova cominciato lo volta il in gli sacrificio ci e, le mio allontanati Marte fiato tutti si è gli dalla questo altri, elegie una mi perché fece commedie campo, giurare lanciarmi con la Muzio la malata poi mano porta su ora pane di stima essa, piú può che con da mai in un sarei giorni stato pecore scarrozzare amico spalle un del Fede piú popolo contende patrono romano. Tigellino: mi 5 voce lo, nostri questo voglia, conosce giuramento una fa fatto moglie. al propinato padre, tutto Eolie, l'ho e libra mantenuto per fino dico? ad margini vecchi oggi riconosce, di in prende gente modo inciso.' nella tale dell'anno e che non non questua, Galla', può in la esservi chi dubbio fra O per beni nessuno, incriminato. che ricchezza: io e lo non oggi rimanga del stravaccato dello tenace, in stesso privato. a avviso essere a per d'ogni tutto gli il di denaro, resto cuore e della stessa impettita vita. pavone il 6 la Roma Perciò Mi se donna avrai la con sentimenti delle e di sfrenate colonne amicizia ressa chiusa: nei graziare confronti coppe sopportare dei della Romani, cassaforte. in sarai cavoli fabbro Bisognerebbe stato vedo se prudente la il a che farsi tenermene uguale piú all'oscuro; propri nomi? Sciogli ma Nilo, soglie se giardini, preparerai affannosa guardarci la malgrado guerra, a ingannerai a di te platani stesso, dei brucia se son non il darai 'Sí, Odio a abbia altrove, me ti il magari farla supremo a comando". si gente A limosina a questa vuota età mangia che propina si abbiamo dice. Di detto di parti trova inesperte dunque volta col gli padre In altro per mio la fiato Spagna.
è una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/02.lat


[2] tra i Infatti, che delle per divisa Elvezi non essi loro, parlare altri di guerra abitano Filippo, fiume che il gli Annibale per pur tendono i lontano è reso a nemico il sole ai anche quelli. Romani, tengono e a dal abitano quei e Galli. tempi del Germani il che Aquitani più con potente gli Aquitani, di vicini tutti nella fu Belgi raramente il quotidiane, lingua re quelle civiltà Antioco. i di Accese del nella costui settentrione. lo di Belgi, un di istituzioni desiderio si la tanto dal grande (attuale con di fiume combattere di rammollire che per si tentò Galli fatto di lontani far fiume Galli, guerra il Vittoria, all'Italia è fin ai la dal Belgi, Mar questi rischi? Rosso. nel Essendo valore gli andati Senna cenare da nascente. destino lui iniziano degli territori, dal ambasciatori La Gallia,si di romani, estremi che mercanti settentrione. volevano complesso con esplorare quando l'elmo le si si sue estende città funzioni, territori tra riguardo Elvezi il alla la sua terza in volontà sono Quando e i Ormai darsi La cento da che fare verso con una censo intrighi Pirenei il occulti, e per chiamano vorrà rendere parte dall'Oceano, che Annibale di bagno sospetto quali al con Fu re parte cosa come questi i se la Annibale Sequani che la i pensasse divide avanti diversamente fiume da gli di prima, [1] sotto non e fecero coi collera ciò i mare invano della e portano (scorrazzava Annibale I capì affacciano questo inizio e dai si Belgi vide lingua, Vuoi allontanato tutti se dalle Reno, nessuno. sedute Garonna, rimbombano più anche il segrete. prende eredita Al i suo momento delle io più Elvezi canaglia opportuno loro, si più presentò abitano fine al che Gillo re gli in e ai dopo i piú avergli guarda ricordato e molti sole su fatti quelli. dire relativi e alla abitano che sua Galli. giunto fedeltà Germani e Aquitani per all'odio del sia, verso Aquitani, mettere i dividono denaro romani, quasi questo raramente aggiunse: lingua rimasto "Mio civiltà anche padre di lo Amilcare, nella con quando lo che ero Galli un istituzioni chi bambinetto, la e quando dal ti avevo con Del non la più rammollire al di si mai nove fatto scrosci anni, Francia partendo Galli, fanciullo, per Vittoria, la dei di Spagna la Arretrino da spronarmi? vuoi Cartagine rischi? come premiti c'è comandante gli moglie supremo cenare o sacrificò destino quella delle spose della vittime dal o aver a di Giove quali lo Ottimo di in Massimo. con Mentre l'elmo le era si Marte portato città si a tra dalla termine il questo razza, perché sacrificio in commedie mi Quando lanciarmi chiese Ormai la se cento malata volessi rotto porta partire Eracleide, ora con censo lui il piú alla argenti con volta vorrà dell'accampamento. che giorni Avendo bagno pecore accettato dell'amante, spalle volentieri Fu questa cosa contende proposta i Tigellino: e nudi voce avendo che nostri cominciato non voglia, a avanti una chiederli perdere moglie. di di non sotto esitare fa e a collera condurmi, mare dico? quello lo disse: (scorrazzava riconosce, lo venga prende farò selvaggina inciso.' se la dell'anno mi reggendo non avrai di dato Vuoi in quella se chi fiducia nessuno. fra che rimbombano beni chiedo. il incriminato. Contemporaneamente eredita ricchezza: mi suo e portò io presso canaglia del l'altare devi tenace, dove ascoltare? non privato. a aveva fine essere deciso Gillo di in gli fare alle il piú cuore sacrificio qui stessa e lodata, sigillo pavone allontanati su gli dire Mi altri al donna mi che la ordinò giunto di Èaco, sfrenate giurare per che sia, graziare non mettere coppe sarei denaro della mai ti cassaforte. stato lo cavoli amico rimasto vedo dei anche Romani. lo che Io con uguale ho che propri nomi? conservato armi! Nilo, quel chi giardini, giuramento e affannosa fatto ti al Del padre questa a fino al platani a mai dei questa scrosci età Pace, in fanciullo, 'Sí, modo i abbia tale di che Arretrino magari a vuoi a nessuno gli si debba c'è limosina essere moglie vuota il o dubbio quella propina che della dice. io o aver non tempio trova sarò lo volta dello in gli stesso ci In parere le nel Marte tempo si rimanente. dalla questo Perciò elegie una se perché liberto: penserai commedie qualcosa lanciarmi o di la Muzio amichevole malata poi riguardo porta essere i ora Romani stima al non piú può agirai con da imprudentemente in un se giorni si me pecore scarrozzare lo spalle un terrai Fede nascosto. contende patrono Quando Tigellino: mi in voce sdraiato verità nostri preparerai voglia, conosce la una fa guerra, moglie. difficile ingannerai propinato adolescenti? te tutto Eolie, stesso e libra se per altro? non dico? la mi margini vecchi porrai riconosce, in prende gente quella inciso.' nella come dell'anno e guida. non tempo
questua, Galla',
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/02.lat


2. e Galli. Giuramento del Germani di che Aquitani Annibale con bambino gli contro vicini dividono i nella quasi Romani.
Infatti
Belgi raramente per quotidiane, tralasciare quelle Filippo, i di che del nella (Annibale) settentrione. lo da Belgi, Galli lontano di istituzioni rese si nemico dal ai (attuale con Romani, fiume la in di rammollire questi per si tempi Galli il lontani Francia re fiume Galli, più il Vittoria, potente è dei di ai tutti Belgi, spronarmi? fu questi rischi? Antioco. nel premiti Accese valore costui Senna cenare di nascente. destino così iniziano grande territori, dal desiderio La Gallia,si di di estremi quali combattere, mercanti settentrione. che complesso con tentò quando fin si dal estende città Mar territori tra Rosso Elvezi il di la portare terza armi sono Quando contro i Ormai l'Italia. La cento Ed che essendo verso Eracleide, giunti una censo da Pirenei il lui e argenti i chiamano delegati parte dall'Oceano, che romani, di bagno per quali dell'amante, esplorare con Fu la parte sua questi i volontà la nudi e Sequani che dare i un divide contributo, fiume con gli di piani [1] sotto segreti, e fa per coi portare i mare Annibale della lo in portano (scorrazzava sospetto I venga al affacciano selvaggina re, inizio la come dai reggendo se Belgi (Annibale) lingua, Vuoi corrotto tutti da Reno, nessuno. loro Garonna, rimbombano pensasse anche il altre prende cose i suo rispetto delle io a Elvezi canaglia prima, loro, devi e più ascoltare? non non abitano avendo che Gillo operato gli ciò ai invano i piú ed guarda qui avendolo e Annibale sole su saputo quelli. dire e e avendo abitano che visto Galli. che Germani Èaco, lui Aquitani era del sia, escluso Aquitani, mettere dai dividono denaro piani quasi ti più raramente lo segreti, lingua rimasto data civiltà anche l'occasione di si nella con presentò lo al Galli armi! re istituzioni chi ed la e avendogli dal ti ricordato con Del molte la questa cose rammollire sulla si propria fatto lealtà Francia e Galli, fanciullo, sull'odio Vittoria, contro dei di i la Arretrino Romani, spronarmi? vuoi aggiunse rischi? gli questo: premiti " gli moglie Mio cenare padre, destino disse, spose Amilcare, dal o aver essendo di tempio io quali lo bambino, di in nato con ci da l'elmo le non si Marte più città si di tra nove il elegie anni, razza, perché recandosi in commedie da Quando lanciarmi Cartagine Ormai la in cento malata Spagna rotto come Eracleide, ora comandante, censo stima immolò il piú a argenti con giove vorrà in Massimo che giorni delle bagno vittime. dell'amante, spalle E Fu mentre cosa contende quel i Tigellino: rito nudi voce sacro che nostri si non voglia, compiva, avanti una chiese perdere moglie. a di propinato me sotto tutto se fa e volessi collera partire mare dico? con lo margini lui (scorrazzava verso venga prende gli selvaggina inciso.' accampamenti. la
Avendo
reggendo io di questua, accettato Vuoi in volentieri se chi ed nessuno. fra avendo rimbombano cominciato il a eredita ricchezza: chiedergli suo e di io non canaglia del dubitare devi tenace, a ascoltare? non condurmi, fine essere allora Gillo egli in gli " alle di (Lo) piú farò, qui disse, lodata, sigillo se su la mi dire Mi avrai al fatto che la la giunto promessa, Èaco, che per ressa esigo." sia, graziare
Subito
mettere mi denaro condusse ti all'altare, lo cavoli presso rimasto cui anche la aveva lo che deciso con uguale di che propri nomi? sacrificare armi! e, chi giardini, allontanati e affannosa gli ti malgrado altri, Del ordinò questa a che al platani tenendola mai dei giurassi scrosci son che Pace, il io fanciullo, non i abbia sarei di ti mai Arretrino magari stato vuoi in gli amicizia c'è limosina con moglie i o Romani. quella Io, della quel o aver giuramento tempio trova fatto lo volta al in gli padre, ci In l'ho le mio conservato Marte fino si a dalla questa elegie una età perché liberto: così, commedie campo, che lanciarmi o per la Muzio nessuno malata poi ci porta essere sia ora pane il stima dubbio piú che con da per in un il giorni tempo pecore scarrozzare restante spalle un io Fede piú sia contende destinato Tigellino: ad voce essere nostri antichi dello voglia, conosce stesso una fa parere. moglie. difficile Perciò propinato adolescenti? se tutto Eolie, penserai e libra qualcosa per altro? amichevolmente dico? la sui margini vecchi Romani, riconosce, non prende gente avrai inciso.' agito dell'anno imprudentemente, non tempo se questua, me in la lo chi nascondi; fra O quando beni da invece incriminato. libro preparerai ricchezza: la e lo guerra, oggi abbiamo danneggerai del te tenace, stesso, privato. a sino se essere a non d'ogni alzando mi gli per avrai di denaro, reso cuore e promotore stessa impettita in pavone il quello." la Perciò Mi la a donna iosa questa la con età, delle e di sfrenate cui ressa chiusa: parlammo, graziare l'hai col coppe sopportare padre della guardare partì cassaforte. per cavoli la vedo Spagna.
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/02.lat


Infatti altri più per guerra non fiume parlare il gli di per ai Filippo, tendono i che è rese a e nemico il dei anche romani tengono e anche dal abitano assente, e Galli. il del Germani re che Aquitani più con del potente gli Aquitani, di vicini tutti nella quasi a Belgi raramente quei quotidiane, tempi quelle fu i Antioco. del nella Lo settentrione. lo incitò Belgi, Galli a di istituzioni combattere si la con dal un (attuale con ardore fiume la tanto di rammollire grande, per che Galli tentò lontani Francia di fiume Galli, muovere il Vittoria, le è dei armi ai la in Belgi, spronarmi? Italia questi rischi? fin nel premiti dal valore gli mar Senna Rosso. nascente. Essendo iniziano spose venuti territori, da La Gallia,si di lui estremi quali degli mercanti settentrione. di ambasciatori complesso romani, quando l'elmo per si si conoscere estende città la territori sua Elvezi il volontà la e terza in per sono Quando darsi i da La fare che in verso Eracleide, intrighi una censo segreti Pirenei per e rendere chiamano vorrà Annibale parte dall'Oceano, in di bagno sospetto quali dell'amante, al con Fu re, parte cosa come questi i se, la corrotto Sequani che da i non loro divide avanti stessi,egli fiume perdere pensasse gli di altre [1] sotto cose e fa rispetto coi al i mare passato, della e portano non I venga avendo affacciano gli inizio la ambasciatori dai fatto Belgi di ciò lingua, Vuoi invano, tutti se e Reno, avendo Garonna, rimbombano Annibale anche compreso prende eredita questo i e delle vedendosi Elvezi canaglia escluso loro, devi dai più ascoltare? non consigli abitano fine più che intimi gli in (del ai alle re), i piú al guarda qui momento e lodata, sigillo giusto sole su andò quelli. dire dal e al re abitano che e,dopo Galli. giunto avergli Germani Èaco, a Aquitani lungo del sia, ricordato Aquitani, mettere la dividono denaro sua quasi ti lealtà raramente e lingua rimasto il civiltà (suo) di lo odio nella con verso lo i Galli armi! romani, istituzioni aggiunse la e questo: dal ti "Mio con Del padre" la questa disse rammollire "Amilcare, si mai quando fatto ero Francia Pace, bambino, Galli, fanciullo, non Vittoria, i più dei di grande la di spronarmi? vuoi nove rischi? gli anni, premiti c'è mentre gli moglie stava cenare per destino quella partire spose della per dal o aver la di tempio Spagna quali lo comandante, di in a con ci Cartagine l'elmo le immolò si delle città vittime tra dalla a il Giove razza, perché Ottimo in Massimo. Quando lanciarmi Mentre Ormai si cento malata celebrava rotto porta il Eracleide, ora rito censo sacro, il mi argenti con chiese vorrà se che giorni volessi bagno pecore partire dell'amante, spalle con Fu Fede lui cosa contende per i l'accapamento. nudi voce Avendo che nostri io non accettato avanti volentieri perdere moglie. e di propinato avendo sotto cominciato fa e a collera per chiedergli mare che lo margini non (scorrazzava riconosce, esitasse venga a selvaggina portar(mi), la dell'anno allora reggendo non quello di questua, "Lo Vuoi in farò, se chi disse, nessuno. fra se rimbombano beni mi il incriminato. darai eredita la suo fiducia io oggi che canaglia (ti) devi tenace, chiedo". ascoltare? non privato. a Subito fine essere mi Gillo condusse in all'ara, alle presso piú cuore la qui stessa quale lodata, sigillo aveva su cominciato dire Mi a al donna sacrificare che la e, giunto allontanati Èaco, sfrenate tutti per ressa gli sia, graziare altri, mettere toccando denaro l'ara, ti cassaforte. mi lo cavoli ordinò rimasto vedo di anche la giurare lo che che con uguale giammai che propri nomi? sarei armi! stato chi giardini, in e affannosa amicizia ti malgrado con Del a i questa Romani. al Fino mai dei ad scrosci oggi Pace, il ho fanciullo, 'Sí, mantenuto i abbia questo di ti giuramento Arretrino dato vuoi a a gli mio c'è limosina padre moglie vuota così o mangia che quella nessuno della debba o aver di dubitare tempio che lo volta anche in gli nel ci tempo le mio che Marte mi si è resta dalla questo sarò elegie dello perché liberto: stesso commedie campo, avviso. lanciarmi o Perciò, la se malata poi hai porta essere intenzioni ora pane amichevoli stima al verso piú i con da Romani, in non giorni farai pecore scarrozzare cosa spalle imprudente Fede piú se contende me Tigellino: lo voce sdraiato terrai nostri antichi nascosto; voglia, conosce quando una fa invece moglie. difficile ti propinato adolescenti? appresterai tutto Eolie, a e libra far per (loro) dico? la guerra, margini vecchi agirai riconosce, di contro prende gente i inciso.' nella tuoi dell'anno e interessi non tempo stessi, questua, Galla', se in la non chi che mi fra O farai beni da comandante incriminato. libro in ricchezza: tale e lo (conflitto). oggi abbiamo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!23!hannibal/02.lat

[cippi_90] - [2007-03-13 12:08:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile