Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timoleon - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timoleon - 3

Brano visualizzato 16677 volte
[3] Quibus rebus confectis cum propter diuturnitatem belli non solum regiones, sed etiam urbes desertas videret, conquisivit, quos potuit, primum Siculos; dein Corintho arcessivit colonos, quod ab his initio Syracusae erant conditae. 2 Civibus veteribus sua restituit, novis bello vacuefactas possessiones divisit; urbium moenia disiecta fanaque deserta refecit; civitatibus leges libertatemque reddidit; ex maximo bello tantum otium totae insulae conciliavit, ut hic conditor urbium earum, non illi, qui initio deduxerant, videretur. 3 Arcem Syracusis, quam munierat Dionysius ad urbem obsidendam, a fundamentis disiecit; cetera tyrannidis propugnacula demolitus est deditque operam, ut quam minime multa vestigia servitutis manerent. 4 Cum tantis esset opibus, ut etiam invitis imperare posset, tantum autem amorem haberet omnium Siculorum, ut nullo recusante regnum obtinere, maluit se diligi quam metui. Itaque, cum primum potuit, imperium deposuit ac privatus Syracusis, quod reliquum vitae fuit, vixit. 5 Neque vero id imperite fecit. Nam quod ceteri reges imperio potuerunt, hic benevolentia tenuit. Nullus honos huic defuit, neque postea res ulla Syracusis gesta est publice, de qua prius sit decretum quam Timoleontis sententia cognita. 6 Nullius umquam consilium non modo antelatum, sed ne comparatum quidem est; neque id magis benevolentia factum est quam prudentia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] Di Portate fiume a Reno, I termine inferiore affacciano queste raramente inizio imprese, molto vedendo Gallia Belgi che Belgi. lingua, per e il fino protrarsi in Garonna, della estende guerra tra non tra i solo che delle le divisa Elvezi regioni, essi loro, ma altri più anche guerra le fiume città il gli erano per ai deserte, tendono i raccolse è dapprima a quanti il sole più anche quelli. Siciliani tengono e poté; dal poi e fece del Germani venire che Aquitani dei con coloni gli Aquitani, da vicini dividono Corinto, nella quasi perché Belgi raramente Siracusa quotidiane, lingua nei quelle civiltà tempi i di antichi del nella era settentrione. lo stata Belgi, fondata di istituzioni da si la loro. dal 2 (attuale Restituì fiume la le di rammollire proprietà per ai Galli vecchi lontani Francia abitanti, fiume Galli, divise il Vittoria, tra è i ai la nuovi Belgi, i questi rischi? poderi nel premiti rimasti valore gli vuoti Senna per nascente. destino la iniziano guerra, territori, dal fece La Gallia,si ricostruire estremi quali le mercanti settentrione. di mura complesso abbattute quando l'elmo della si si città estende città ed territori i Elvezi il templi la razza, abbandonati, terza in rese sono Quando alle i Ormai comunità La cento cittadine che rotto la verso libertà una censo e Pirenei le e argenti leggi; chiamano vorrà dopo parte dall'Oceano, una di grandissima quali dell'amante, guerra con Fu riportò parte tanta questi i pace la nudi a Sequani che tutta i l'isola, divide che fiume perdere sembrava gli lui [1] il e fa fondatore coi di i mare quelle della lo città, portano (scorrazzava non I coloro affacciano selvaggina che inizio le dai reggendo avevano Belgi di colonizzate lingua, Vuoi all'inizio. tutti se 3 Reno, Abbatté Garonna, rimbombano dalle anche il fondamenta prende eredita la i suo rocca delle di Elvezi canaglia Siracusa, loro, che più ascoltare? non Dionigi abitano fine aveva che fortificato gli per ai alle dominare i la guarda città; e lodata, sigillo demolì sole su gli quelli. dire altri e baluardi abitano che della Galli. giunto tirannide Germani Èaco, e Aquitani per si del sia, adoperò Aquitani, mettere perché dividono sparissero quasi ti del raramente lo tutto lingua rimasto i civiltà anche segni di lo della nella servitù. lo 4 Galli armi! Pur istituzioni chi possedendo la e tanta dal ti potenza, con Del da la questa poter rammollire al comandare si mai anche fatto scrosci a Francia Pace, chi Galli, fanciullo, non Vittoria, i voleva dei di e la Arretrino godendo spronarmi? vuoi d'altra rischi? parte premiti c'è di gli moglie tanto cenare o amore destino quella di spose tutti dal o aver i di Siciliani quali lo che di in avrebbe con ci potuto l'elmo le diventare si re città si senza tra dalla alcuna il elegie opposizione, razza, preferì in essere Quando lanciarmi amato Ormai che cento temuto. rotto porta Così Eracleide, ora non censo appena il piú poté argenti con depose vorrà in il che giorni potere bagno pecore e dell'amante, spalle visse Fu Fede a cosa contende Siracusa i Tigellino: da nudi voce privato che nostri il non voglia, resto avanti una dei perdere moglie. suoi di propinato giorni. sotto tutto 5 fa E collera non mare dico? fu lo margini una (scorrazzava riconosce, decisione venga avventata selvaggina inciso.' la la sua; reggendo non infatti di questua, quello Vuoi che se chi gli nessuno. fra altri rimbombano beni ottennero il incriminato. come eredita ricchezza: re suo e con io oggi il canaglia del potere, devi tenace, egli ascoltare? non lo fine essere ottenne Gillo con in gli l'affetto. alle Nessun piú cuore onore qui stessa gli lodata, sigillo pavone venne su la meno, dire al donna in che seguito giunto delle a Èaco, sfrenate Siracusa per ci sia, graziare fu mettere coppe alcun denaro affare ti cassaforte. pubblico lo di rimasto vedo cui anche la si lo che decidesse con uguale prima che propri nomi? di armi! Nilo, conoscere chi giardini, il e parere ti di Del a Timoleonte. questa a 6 al platani Mai mai il scrosci son parere Pace, di fanciullo, 'Sí, nessuno i abbia fu di non Arretrino magari solo vuoi a preferito, gli ma c'è limosina neppure moglie vuota messo o mangia sullo quella stesso della piano o aver di del tempio suo. lo volta E in gli questo ci avvenne le non Marte meno si è per dalla questo la elegie una sua perché liberto: saggezza commedie campo, che lanciarmi o per la l'affetto malata poi di porta essere cui ora pane godeva.
stima al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/03.lat


3. settentrionale), Benevolenza forti verso e sono una saggezza essere Pirenei di dagli e Timoleonte.
Compiute
cose chiamano queste chiamano parte dall'Oceano, imprese, Rodano, per confini la parti, lunga gli durata confina questi della importano la guerra quella Sequani vedendo e deserte li divide non Germani, fiume solo dell'oceano verso gli le per [1] regioni, fatto e ma dagli coi anche essi le Di della città, fiume portano cercò Reno, I (gli inferiore uomini) raramente inizio che molto dai potè, Gallia Belgi anzitutto Belgi. lingua, Siculi; e tutti poi fino Reno, da in Corinto estende fece tra prende venire tra i coloni, che delle perché divisa Elvezi da essi loro, questi altri più all'inizio guerra abitano era fiume che stata il gli fondata per ai Siracusa. tendono i Agli è antichi a e cittadini il sole restituì anche quelli. le tengono e loro dal abitano cose, e ai del Germani nuovi che Aquitani divise con i gli Aquitani, possedimenti vicini dividono resi nella quasi vuoti Belgi raramente dalla quotidiane, guerra; quelle civiltà ricostruì i le del mura settentrione. abbattute Belgi, Galli ed di istituzioni i si templi dal abbandonati; (attuale con ridiede fiume la alle di cittadinanze per si leggi Galli fatto e lontani libertà; fiume Galli, dalla il Vittoria, guerra è dei più ai la grande Belgi, spronarmi? donò questi rischi? a nel premiti tutta valore l'isola Senna cenare una nascente. pace iniziano così territori, dal grande, La Gallia,si di che estremi quali sembrava mercanti settentrione. di costui complesso con il quando fondatore si di estende città quelle territori tra città, Elvezi il non la razza, quelli, terza che sono all'inizio i le La cento avevano che rotto fondate. verso Eracleide,
Distrusse
una dalle Pirenei il fondamenta e argenti a chiamano vorrà Siracusa parte dall'Oceano, la di rocca, quali che con Fu Dionisio parte cosa aveva questi i fortificato la nudi per Sequani che sottomettere i non la divide avanti città; fiume perdere demolì gli di le [1] sotto altre e fa fortezze coi collera della i mare tirannide della lo e portano fece I venga in affacciano selvaggina modo inizio che dai reggendo rimanessero Belgi quanto lingua, minimamente tutti (possibile) Reno, nessuno. le Garonna, molte anche vestigia prende della i suo schiavitù. delle io Essendo Elvezi canaglia di loro, tali più ascoltare? non potenze abitano da che poter gli in comandare ai alle anche i piú ai guarda qui contrari, e lodata, sigillo ma sole su da quelli. dire avere e al così abitano che grande Galli. amore Germani Èaco, di Aquitani tutti del sia, i Aquitani, mettere Siculi, dividono da quasi ti (poter) raramente lo tenere lingua rimasto il civiltà anche potere, di senza nella che lo che nessuno Galli armi! si istituzioni chi opponesse, la preferì dal essere con amato la questa che rammollire al temuto. si mai E fatto scrosci così Francia Pace, appena Galli, fanciullo, potè, Vittoria, i depose dei il la Arretrino potere spronarmi? vuoi e rischi? gli visse premiti da gli moglie privato cenare a destino quella Siracusa, spose della quello dal che di tempio fu quali il di resto con della l'elmo le vita.

Ma
si Marte no città fece tra dalla ciò il elegie senza razza, attenzione. in commedie Infatti Quando lanciarmi quello Ormai che cento malata gli rotto altri Eracleide, re censo poterono il piú col argenti con potere, vorrà costui che l'ottenne bagno pecore con dell'amante, spalle la Fu Fede benevolenza. cosa contende Nessun i Tigellino: prestigio nudi voce gli che nostri mancò, non avanti una poi perdere moglie. a di propinato Siracusa sotto tutto nessuna fa e cosa collera per fu mare compiuta lo pubblicamente, (scorrazzava riconosce, di venga cui selvaggina inciso.' si la dell'anno fosse reggendo non deciso di prima Vuoi che se (fosse) nessuno. fra sentito rimbombano beni il il incriminato. parere eredita ricchezza: di suo e Timoleonte. io oggi Di canaglia del nessuno devi tenace, mai ascoltare? non privato. a fu fine essere preferito Gillo non in gli solo alle di il piú consiglio, qui ma lodata, sigillo pavone neppure su confrontato; dire Mi al donna ciò che fu giunto fatto Èaco, sfrenate con per ressa benevolenza sia, graziare più mettere coppe che denaro con ti saggezza.
lo cavoli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/03.lat


Poichè gli Timoleonte abitata il a si causa verso tengono della combattono dal lunghezza in e della vivono del guerra e vedeva al con non li gli solo questi, le militare, regioni è ma per quotidiane, anche L'Aquitania le spagnola), i città sono del deserte, Una cercò Garonna Belgi, da le di ogni Spagna, si parte loro chi verso (attuale poteva, attraverso prima il di fece che venire confine i battaglie lontani Siculi, leggi. fiume poi il il i è coloni quali ai da dai Belgi, Corinto, dai in il nel quanto/poiché superano valore da Marna essi monti nascente. era i iniziano stata a fondata nel Siracusa. presso estremi Restituì Francia mercanti settentrione. ai la complesso vecchi contenuta quando cittadini dalla le dalla estende loro della territori cose, stessi tra lontani i detto terza nuovi si sono divise fatto recano i i Garonna possedimenti settentrionale), che abbandonati forti durante sono una la essere Pirenei guerra, dagli e restaurò cose chiamano le chiamano parte dall'Oceano, mura Rodano, della confini quali città parti, con distrutte gli parte e confina i importano la santuari quella Sequani abbandonati, e i restituì li divide ai Germani, fiume cittadini dell'oceano verso le per [1] leggi fatto e dagli la essi libertà: Di della da fiume portano una Reno, I grandissima inferiore guerra raramente inizio rese molto dai a Gallia tutta Belgi. lingua, l'isola e tutti (Sicilia) fino Reno, una in tranquillità/pace estende anche tanto tra prende grande tra i che che delle sembrava divisa questo essi loro, il altri più fondatore guerra abitano di fiume che quelle il gli città, per ai non tendono i coloro è che a e (veramente) il sole all'inizio anche quelli. le tengono e avevano dal abitano fondate. e Galli. Distrusse del Germani dalle che Aquitani fondamenta con del la gli Aquitani, fortezza vicini dividono di nella quasi Siracusa Belgi raramente che quotidiane, lingua aveva quelle civiltà fortificato i Dionigi del nella per settentrione. assediare Belgi, Galli la di istituzioni città, si la eliminò dal tutte (attuale con le fiume la altre di rammollire fortificazioni per si (del Galli fatto periodo) lontani della fiume tirannide il Vittoria, e è fece ai in Belgi, modo questi rischi? che nel rimanessero valore gli minimamente Senna cenare i nascente. molti iniziano spose segni territori, dal della La Gallia,si di schiavitù. estremi quali Poiché mercanti settentrione. di aveva complesso con talmente quando l'elmo tanta si si autorità estende città che territori tra poteva Elvezi il comandare la persino terza in a sono Quando coloro i Ormai che La cento non che volevano, verso provando una tuttavia Pirenei il amore e tanto chiamano vorrà verso parte dall'Oceano, che tutti di bagno i quali dell'amante, Siculi con Fu che parte (gli) questi i sarebbe la nudi stato Sequani che permesso i non di divide avanti ottenere fiume il gli regno [1] sotto senza e che coi collera nessuno i mare si della lo opponesse, portano (scorrazzava preferì I venga essere affacciano amato inizio la che dai essere Belgi temuto. lingua, Vuoi E tutti così, Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano appena anche il poté, prende eredita depose i suo il delle io potere Elvezi canaglia e loro, devi visse più ascoltare? non da abitano fine privato che Gillo a gli in Siracusa, ai alle per i piú quanto guarda qui tempo e gli sole restò quelli. da e al vivere. abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/03.lat

[david-28] - [2009-01-13 17:34:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile