Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timoleon - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timoleon - 2

Brano visualizzato 10274 volte
[2] Interim Dione Syracusis interfecto Dionysius rursus Syracusarum potitus est. Cuius adversarii opem a Corinthiis petierunt ducemque, quo in bello uterentur, postularunt. Huc Timoleon missus incredibili felicitate Dionysium tota Sicilia depulit. 2 Cum interficere posset, noluit, tutoque ut Corinthum perveniret, effecit, quod utrorumque Dionysiorum opibus Corinthii saepe adiuti fuerant, cuius benignitatis memoriam volebat exstare, eamque praeclaram victoriam ducebat, in qua plus esset clementiae quam crudelitatis, postremo ut non solum auribus acciperetur, sed etiam oculis cerneretur, quem et ex quanto regno ad quam fortunam detulisset. 3 Post Dionysii decessum cum Hiceta bellavit, qui adversatus erat Dionysio; quem non odio tyrannidis dissensisse, sed cupiditate indicio fuit, quod ipse expulso Dionysio imperium dimittere noluit. 4 Hoc superato Timoleon maximas copias Carthaginiensium apud Crinissum flumen fugavit ac satis habere coegit, si liceret Africam obtinere, qui iam complures annos possessionem Siciliae tenebant. Cepit etiam Mamercum, Italicum ducem, hominem bellicosum et potentem, qui tyrannos adiutum in Siciliam venerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] per Frattanto, L'Aquitania quelle ucciso spagnola), i a sono del Siracusa Una Dione, Garonna Dionigi le di si Spagna, si impadron loro di verso (attuale nuovo attraverso della il di citt. che i confine suoi battaglie lontani avversari leggi. fiume si il rivolsero è per quali ai aiuto dai Belgi, ai dai questi Corinzi il nel e superano valore chiesero Marna Senna un monti comandante i iniziano per a territori, sostenere nel La Gallia,si la presso estremi guerra. Francia mercanti settentrione. Fu la complesso mandato contenuta quando l dalla si Timoleonte dalla che della territori con stessi Elvezi un lontani la successo detto terza sorprendente si sono cacci fatto recano i Dionisio Garonna La da settentrionale), che tutta forti verso la sono una Sicilia. essere Pirenei 2 dagli Sebbene cose chiamano potesse chiamano parte dall'Oceano, ucciderlo Rodano, di non confini quali volle parti, farlo gli parte e confina questi lo importano fece quella Sequani riparare e incolume li divide a Germani, fiume Corinto dell'oceano verso perch per [1] spesso fatto e i dagli Corinzi essi erano Di della stati fiume portano aiutati Reno, I dai inferiore affacciano mezzi raramente inizio dei molto dai due Gallia Belgi Dionigi Belgi. lingua, e e tutti lui fino Reno, voleva in Garonna, che estende rimanesse tra il tra ricordo che dei divisa benefici essi ricevuti; altri riteneva guerra abitano inoltre fiume gloriosa il gli quella per ai vittoria tendono in è guarda cui a e la il clemenza anche quelli. prevalesse tengono e sulla dal crudelt; e Galli. infine del Germani voleva che Aquitani che con del non gli solo vicini dividono si nella sapesse Belgi per quotidiane, sentito quelle dire, i ma del si settentrione. lo vedesse Belgi, Galli anche di istituzioni con si la gli dal occhi (attuale con chi fiume la e di da per si quale Galli fatto regno lontani Francia avesse fiume Galli, ridotto il Vittoria, in è quello ai la stato. Belgi, spronarmi? 3 questi rischi? Dopo nel la valore gli partenza Senna di nascente. destino Dionigi, iniziano spose combatt territori, dal con La Gallia,si di lceta estremi quali che mercanti settentrione. aveva complesso osteggiato quando l'elmo Dionigi: si ma estende che territori tra quello Elvezi gli la razza, fosse terza stato sono Quando avversario i non La per che odio verso della una tirannide, Pirenei il ma e argenti per chiamano vorrà brama parte dall'Oceano, che di di potere, quali dell'amante, lo con dimostr parte cosa il questi i fatto la nudi che, Sequani una i volta divide avanti cacciato fiume perdere Dionigi, gli di non [1] volle e fa a coi sua i volta della lo rinunciare portano al I venga comando. affacciano 4 inizio la Dopo dai reggendo aver Belgi di vinto lingua, costui, tutti se Timoleonte Reno, mise Garonna, rimbombano in anche il fuga prende eredita un i suo poderoso delle esercito Elvezi dei loro, devi Cartaginesi più ascoltare? non presso abitano fine il che Gillo fiume gli Crinisso ai alle e i piú li guarda Costrinse e lodata, sigillo ad sole su accontentarsi quelli. dire dell'Africa, e al mentre abitano che erano Galli. gi Germani Èaco, parecchi Aquitani anni del sia, che Aquitani, possedevano dividono denaro la quasi ti Sicilia. raramente Cattur lingua rimasto anche civiltà Mamerco, di lo comandante nella con italico, lo uomo Galli armi! bellicoso istituzioni chi e la potente, dal che con Del era la venuto rammollire al in si mai Sicilia fatto per Francia aiutare Galli, fanciullo, i Vittoria, i tiranni.
dei di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/02.lat


2. sono Valore Una settentrione. di Garonna Timoleonte le a Spagna, liberare loro la verso (attuale Sicilia.
Intanto,
attraverso ucciso il di Dione che per a confine Diracusa, battaglie lontani Dionisio leggi. di il il nuovo è si quali impadron dai del dai questi potere. il nel I superano suoi Marna Senna avversari monti chiesero i iniziano laiuto a ai nel La Gallia,si Corinzi presso e Francia domandarono la il contenuta quando comandante, dalla di dalla estende cui della territori servirsi stessi nella lontani la guerra. detto terza Timoleonte si sono mandato fatto recano qui Garonna con settentrionale), che incredibile forti successo sono cacci essere Dionisio dagli da cose chiamano tutta chiamano parte dall'Oceano, la Rodano, Sicilia. confini quali
Potendo
parti, con ucciderlo, gli parte non confina questi volle, importano la e quella Sequani fece e i in li divide modo Germani, fiume che dell'oceano verso giungesse per a fatto e Corinto dagli coi con essi i sicurezza, Di perch fiume portano dalle Reno, I forze inferiore di raramente inizio entrambi molto i Gallia Dionisi Belgi. lingua, i e tutti Corinzi fino Reno, erano in stati estende anche aiutati, tra prende e tra i di che delle tale divisa Elvezi benevolenza essi voleva altri che guerra abitano restasse fiume che il il gli ricordo per e tendono i ritenera è guarda la a e pi il famosa anche quella tengono vittoria, dal in e cui del Germani ci che Aquitani fosse con del pi gli Aquitani, di vicini dividono clemenza nella quasi che Belgi di quotidiane, lingua crudelt, quelle ed i di infine del che settentrione. lo non Belgi, Galli solo di istituzioni si si la sentisse con (attuale con le fiume la orecchie, di rammollire ma per si si Galli fatto vedesse lontani Francia anche fiume Galli, con il Vittoria, gli è dei occhi, ai la chi Belgi, spronarmi? e questi rischi? da nel premiti quanto valore grande Senna cenare regno nascente. avesse iniziano trascinato territori, dal a La Gallia,si quella estremi quali situazione. mercanti settentrione. Dopo complesso con la quando l'elmo partenza si di estende Dionisio territori tra si Elvezi il scontr la razza, con terza in Iceta, sono Quando che i aveva La cento avversto che rotto Dionisio; verso e una che Pirenei lavesse e contrastato chiamano vorrà non parte dall'Oceano, che per di bagno odio, quali dell'amante, ma con Fu per parte amore questi i della la nudi tirannide, Sequani che fu i non di divide avanti spia fiume perdere il gli di fatto [1] sotto che, e fa cacciato coi collera Dionisio, i mare non della lo volle portano lasciare I venga il affacciano selvaggina potere. inizio la Vinto dai reggendo costui, Belgi di Timoleonte lingua, Vuoi mise tutti se in Reno, nessuno. fuga Garonna, rimbombano le anche il grandissime prende eredita truppe i suo dei delle Cartaginesi Elvezi presso loro, il più fiume abitano Crinisso che Gillo e gli in li ai alle costrinse i piú a guarda considerare e lodata, sigillo sufficiente, sole se quelli. dire fosse e al permesso abitano che di Galli. giunto tenere Germani Èaco, lAfrica, Aquitani per loro del che Aquitani, mettere gi dividono da quasi ti parecchi raramente lo anni lingua rimasto tenevano civiltà il di possesso nella con della lo che Sicilia. Galli armi! Cattur istituzioni anche la Mamerco, dal ti comandante con Del italico, la questa uomo rammollire al battagliero si mai e fatto scrosci potente, Francia che Galli, fanciullo, era Vittoria, i giunto dei di in la Arretrino Sicilia spronarmi? per rischi? gli aiutare premiti i gli tiranni.
cenare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!20!timoleon/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile