Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Phocion - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Phocion - 2

Brano visualizzato 7739 volte
[2] Idem cum prope ad annum octogesimum prospera pervenisset fortuna, extremis temporibus magnum in odium pervenit suorum civium, 2 primo quod cum Demade de urbe tradenda Antipatro consenserat eiusque consilio Demosthenes cum ceteris, qui bene de re publica meriti existimabantur, populi scito in exsilium erant expulsi. Neque in eo solum offenderat, quod patriae male consuluerat, sed etiam quod amicitiae fidem non praestiterat. 3 Namque auctus adiutusque a Demosthene eum, quem tenebat, ascenderat gradum, cum adversus Charetem eum subornaret; ab eodem in iudiciis, cum capitis causam diceret, defensus aliquotiens, liberatus discesserat. Hunc non solum in periculis non defendit, sed etiam prodidit. 4 Concidit autem maxime uno crimine, quod, cum apud eum summum esset imperium populi et Nicanorem, Cassandri praefectum, insidiari Piraeo Atheniensium a Dercylo moneretur idemque postularet, ut provideret, ne commeatibus civitas privaretur, huic audiente populo Phocion negavit esse periculum seque eius rei obsidem fore pollicitus est. 5 Neque ita multo post Nicanor Piraeo est potitus, sine quo Athenae omnino esse non possunt. Ad quem recuperandum cum populus armatus concurrisset, ille non modo neminem ad arma vocavit, sed ne armatis quidem praeesse voluit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] i iniziano Costui a giunto nel con presso prospera Francia mercanti settentrione. fortuna la quasi contenuta quando agli dalla si ottant'anni, dalla estende nell'estremo della territori della stessi Elvezi vita lontani la incappo detto terza nell'odio si implacabile fatto recano dei Garonna suoi settentrionale), che concittadini; forti verso 2 sono dapprima, essere Pirenei perché dagli e d'accordo cose con chiamano parte dall'Oceano, Dèrnade Rodano, di aveva confini quali consegnato parti, con la gli città confina ad importano la Antípatro quella Sequani e e i su li divide istigazione Germani, fiume di dell'oceano verso quello per [1] erano fatto e stati dagli coi cacciati essi in Di della esilio fiume portano con Reno, decreto inferiore affacciano popolare raramente inizio Demostene molto e Gallia Belgi quegli Belgi. altri e che fino si in Garonna, riteneva estende avessero tra prende ben tra i meritato che delle della divisa patria. essi loro, E altri più aveva guerra abitano mancato fiume che non il gli solo per ai perché tendono aveva è guarda male a e provveduto il sole alla anche quelli. patria, tengono e ma dal abitano anche e Galli. perché del non che aveva con del tenuto gli Aquitani, fede vicini dividono all'amicizia. nella quasi 3 Belgi raramente Infatti quotidiane, lingua aveva quelle raggiunto i di quel del nella grado settentrione. lo che Belgi, Galli occupava, di grazie si al dal deciso (attuale con appoggio fiume la di di rammollire Demostene, per si quando Galli lo lontani Francia sosteneva fiume segretamente il Vittoria, contro è dei Carète; ai dallo Belgi, spronarmi? stesso questi rischi? era nel stato valore difeso Senna cenare più nascente. di iniziano spose una territori, volta La Gallia,si in estremi processi mercanti settentrione. che complesso comportavano quando l'elmo la si si pena estende città capitale, territori tra ed Elvezi il era la uscito terza in libero. sono Quando Egli i Ormai non La cento solo che rotto non verso Eracleide, difese una censo costui Pirenei il nelle e argenti sue chiamano vorrà vicende parte dall'Oceano, che giudiziarie, di ma quali addirittura con Fu lo parte tradì. questi i 4 la nudi Rovinò Sequani che però i non soprattutto divide per fiume perdere una gli di sola [1] sotto accusa: e mentre coi collera aveva i mare nelle della lo sue portano (scorrazzava mani I il affacciano supremo inizio la potere dai reggendo dello Belgi di stato, lingua, Vuoi fu tutti se avvertito Reno, nessuno. da Garonna, rimbombano Dèrci anche il che prende eredita Nicánore, i suo il delle io prefetto Elvezi di loro, devi Cassandro, più preparava abitano fine un che Gillo attacco gli in al ai alle Pireo i degli guarda Ateniesi e e sole lo quelli. dire stesso e al gli abitano che chiedeva Galli. giunto che Germani Èaco, pigliasse Aquitani per provvedimenti, del perché Aquitani, mettere la dividono denaro città quasi ti non raramente lo rimanesse lingua rimasto priva civiltà anche di di lo vettovaglie; nella con a lo che costui Galli armi! Focione, istituzioni chi in la e presenza dal del con Del popolo, la questa rispose rammollire al che si mai non fatto scrosci c'era Francia Pace, questo Galli, fanciullo, pericolo Vittoria, e dei di di la Arretrino questo spronarmi? vuoi offrì rischi? gli se premiti c'è stesso gli moglie come cenare o garante. destino 5 spose della Non dal o aver molto di tempo quali lo dopo, di in Nicánore con ci si l'elmo impadronì si Marte del città si Pireo, tra dalla senza il del razza, quale in commedie Atene Quando lanciarmi non Ormai può cento malata sopravvivere. rotto porta Il Eracleide, popolo censo accorse il allora argenti con in vorrà in armi che giorni per bagno pecore riconquistarlo, dell'amante, spalle ma Fu Fede lui cosa contende non i Tigellino: solo nudi voce non che nostri chiamò non voglia, alle avanti armi perdere nessuno, di propinato ma sotto tutto non fa e volle collera per neppure mare dico? mettersi lo margini a (scorrazzava riconosce, capo venga prende degli selvaggina armati.
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!19!phocion/02.lat


Lui che per stesso confine Galli essendo battaglie giunto leggi. fiume all'ottantesimo il anno è con quali ai prospera dai Belgi, fortuna, dai questi negli il ultimi superano valore tempi Marna Senna venne monti nascente. in i grande a odio nel dei presso suoi Francia mercanti settentrione. concittadini, la complesso primo contenuta quando perché dalla si aveva dalla estende acconsentito della territori con stessi Elvezi decade lontani di detto consegnare si sono la fatto recano i città Garonna La ad settentrionale), che Antipatro forti verso e sono per essere Pirenei suo dagli e consiglio cose chiamano Demostene chiamano con Rodano, gli confini quali altri, parti, con che gli erano confina questi giudicati importano la benemeriti quella Sequani dello e i stato, li divide per Germani, decreto dell'oceano verso gli del per [1] popolo fatto e erano dagli coi stati essi i cacciati Di in fiume portano esilio. Reno, I Ma inferiore affacciano non raramente solo molto dai aveva Gallia Belgi mancato Belgi. nel e fatto fino Reno, che in Garonna, aveva estende anche male tra provveduto tra i per che delle la divisa patria, essi loro, ma altri più anche guerra abitano perché fiume non il gli aveva per ai mantenuto tendono fede è all'amicizia. a e Infatti il sole era anche salito tengono a dal abitano quel e grado, del Germani che che occupava, con del sostenuto gli Aquitani, ad vicini dividono aiutato nella quasi da Belgi raramente Demostene, quotidiane, lingua istigandolo quelle civiltà contro i di Carete; del nella dallo settentrione. lo stesso Belgi, Galli nei di istituzioni processi, si la celebrando dal un (attuale processo fiume la di di rammollire pena per si capitale, Galli ogni lontani volta fiume Galli, (era il Vittoria, stato) è dei difeso, ai la era Belgi, spronarmi? uscito questi prosciolto. nel premiti
E
valore gli non Senna cenare solo nascente. destino non iniziano spose difese territori, dal costui La Gallia,si di nei estremi pericoli, mercanti settentrione. di ma complesso con addirittura quando l'elmo lo si si tradì. estende città Però territori tra cadde Elvezi il soprattutto la razza, per terza in un'unica sono Quando accusa, i perché, La cento essendo che presso verso Eracleide, di una lui Pirenei il il e argenti massimo chiamano vorrà potere parte dall'Oceano, che del di bagno popolo quali dell'amante, e con essendo parte cosa avvisato questi i da la nudi Dercilo Sequani che che i non Nicanore, divide avanti luogotenente fiume perdere di gli di Cassandro, [1] minacciava e fa il coi Pireo i mare degli della lo Ateniesi portano (scorrazzava e I lo affacciano selvaggina stesso inizio la chiedeva dai reggendo che Belgi provvedesse lingua, perché tutti se la Reno, nessuno. città Garonna, rimbombano non anche fosse prende eredita privata i dei delle rifornimenti, Elvezi a loro, devi costui, più ascoltare? non mentre abitano fine il che popolo gli in udiva, ai alle disse i piú che guarda qui non e lodata, sigillo c'era sole su pericolo quelli. dire e e al promise abitano che che Galli. giunto lui Germani Èaco, sarebbe Aquitani stato del sia, garante Aquitani, mettere di dividono denaro quella quasi ti cosa. raramente lo
lingua molto civiltà anche dopo di lo Nicanore nella si lo impadronì Galli armi! così istituzioni del la e Pireo, dal senza con il la questa quale rammollire Atene si mai non fatto scrosci può Francia Pace, assolutamente Galli, fanciullo, stare. Vittoria, Ed dei essendo la Arretrino il spronarmi? popolo rischi? gli accorso premiti c'è armato gli moglie per cenare o riconquistarlo, destino quella egli spose della no dal o aver solo di tempio non quali chiamò di in nessuno con ci alle l'elmo armi, si ma città si non tra volle il elegie neppure razza, perché essere in a Quando lanciarmi capo Ormai degli cento armati.
rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!19!phocion/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile