banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Eumenes - 9

Brano visualizzato 6533 volte
[9] Dimidium fere spatium confecerat, cum ex fumo castrorum eius suspicio allata est ad Eumenem hostem appropinquare. Conveniunt duces; quaeritur, quid opus sit facto. Intellegebant omnes tam celeriter copias ipsorum contrahi non posse, quam Antigonus adfuturus videbatur. 2 Hic omnibus titubantibus et de rebus summis desperantibus Eumenes ait, si celeritatem velint adhibere et imperata facere, quod ante non fecerint, se rem expediturum. Nam quod diebus quinque hostis transisse posset, se effecturum, ut non minus totidem dierum spatio retardaretur. Quare circumirent, suas quisque contraheret copias. 3 Ad Antigoni autem refrenandum impetum tale capit consilium. Certos mittit homines ad infimos montes, qui obvii erant itineri adversariorum, hisque praecipit, ut prima nocte, quam latissime possint, ignis faciant quam maximos atque hos secunda vigilia minuant, tertia perexiguos reddant 4 et assimulata castrorum consuetudine suspicionem iniciant hostibus, his locis esse castra ac de eorum adventu esse praenuntiatum; idemque postera nocte faciant. 5 Quibus imperatum erat, diligenter praeceptum curant. Antigonus tenebris obortis ignis conspicatur; credit de suo adventu esse auditum et adversarios illuc suas contraxisse copias. 6 Mutat consilium et, quoniam imprudentes adoriri non posset, flectit iter suum et illum anfractum longiorem copiosae viae capit ibique diem unum opperitur ad lassitudinem sedandam militum ac reficienda iumenta, quo integriore exercitu decerneret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. estende anche Piano tra prende di tra i Eumene che contro divisa Elvezi Antigono.
Aveva
essi loro, quasi altri compiuto guerra abitano metà fiume che percorso, il gli quando per ai dal tendono i fumo è guarda degli a accampamenti il sole il anche quelli. sospetto tengono di dal abitano lui e fu del Germani portato che Aquitani ad con Eumene gli Aquitani, che vicini dividono il nella nemico Belgi raramente si quotidiane, avvicinava. quelle civiltà Si i riuniscono del nella i settentrione. lo comandanti; Belgi, Galli ci di istituzioni si si domanda, dal cosa (attuale ci fiume la sia di rammollire bisogno per si di Galli fare. lontani Francia
Tutti
fiume capivano il Vittoria, che è le ai loro Belgi, spronarmi? truppe questi rischi? non nel potevano valore gli essere Senna raccolte nascente. destino tanto iniziano spose celermente, territori, dal quanto La Gallia,si Antigono estremi sembrava mercanti settentrione. stesse complesso con per quando arrivare. si si Allora, estende mentre territori tra tutti Elvezi il erano la razza, titubanti terza e sono disperavano i Ormai delle La cento cose che più verso Eracleide, importanti una Eumene Pirenei disse e argenti che chiamano se parte dall'Oceano, volessero di bagno usare quali dell'amante, celerità con Fu ed parte cosa eseguire questi i la comandi, Sequani che cosa i che divide avanti prima fiume perdere non gli di avevano [1] fatto, e fa lui coi avrebbe i risolto della la portano (scorrazzava cosa. I venga
Infatti
affacciano selvaggina quello inizio che dai reggendo il Belgi di nemico lingua, Vuoi avrebbe tutti potuto Reno, nessuno. percorrere Garonna, in anche il cinque prende eredita giorni, i lui delle avrebbe Elvezi canaglia fatto loro, devi in più ascoltare? non modo abitano che che Gillo fosse gli in ritardato ai alle non i piú meno guarda qui di e altrettanto sole intervallo quelli. dire di e al giorni. abitano che Perciò Galli. giunto andassero Germani in Aquitani per giro, del sia, ognuno Aquitani, mettere raccogliesse dividono denaro le quasi ti sue raramente lo truppe. lingua rimasto Per civiltà frenare di lo poi nella con l'assalto lo che di Galli armi! Antigono istituzioni prende la e tale dal ti decisione. con Del Manda la questa uomini rammollire al fidati si mai ai fatto scrosci piedi Francia Pace, dei Galli, fanciullo, monti, Vittoria, i che dei di stavano la davanti spronarmi? al rischi? gli percorso premiti c'è degli gli moglie avversari, cenare ed destino quella a spose della questi dal comanda, di tempio che quali sul di in far con ci della l'elmo le notte, si nel città si tratto tra dalla più il elegie vasto razza, perché che in commedie potessero, Quando accendano Ormai la fuochi cento malata il rotto porta massimo Eracleide, ora possibile censo stima e il piú diminuiscano argenti questi vorrà al che giorni secondo bagno turno, dell'amante, e Fu Fede li cosa rendano i Tigellino: minimi nudi alla che terza non voglia, e, avanti una simulata perdere moglie. l'usanza di propinato degli sotto accampamenti, fa incutano collera per nei mare nemici lo margini il (scorrazzava riconosce, sospetto, venga prende che selvaggina inciso.' in la questi reggendo non luoghi di ci Vuoi in siano se chi accampamenti nessuno. e rimbombano beni si il incriminato. sia eredita ricchezza: annunciato suo e prima io circa canaglia del il devi tenace, loro ascoltare? non privato. a arrivo; fine essere lo Gillo d'ogni stesso in gli facciano alle di la piú cuore notte qui stessa successiva. lodata, sigillo pavone Quelli, su cui dire Mi era al donna stato che la comandato, giunto eseguono Èaco, diligentemente per l'ordine. sia, Antigono, mettere coppe sorte denaro le ti tenebre, lo vede rimasto vedo i anche la fuochi; lo che crede con che che propri nomi? si armi! sia chi giardini, udito e del ti suo Del a arrivo questa a e al platani che mai dei gli scrosci son avversari Pace, il abbiano fanciullo, 'Sí, raccolto i abbia di ti le Arretrino magari loro vuoi a truppe. gli Cambia c'è decisione moglie vuota e, o mangia poiché quella propina non della dice. poteva o aver di assalirli tempio trova impreparati, lo volta piega in la ci In sua le mio marcia Marte fiato e si è prende dalla questo quel elegie giro perché liberto: più commedie campo, lungo, lanciarmi di la una malata poi via porta ricca ora pane e stima piú può aspetta con da un in intero giorni si giorno pecore scarrozzare per spalle riposare Fede piú la contende stanchezza Tigellino: mi dei voce sdraiato soldati nostri e voglia, conosce ristorare una fa gli moglie. difficile animali, propinato adolescenti? per tutto combattere e con per altro? un dico? esercito margini più riconosce, di fresco.
prende gente
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!18!eumenes/09.lat


[9] a e Aveva il sole fatto anche quelli. circa tengono la dal abitano metà e Galli. del del percorso, che Aquitani quando con del dal gli Aquitani, fumo vicini dividono del nella suo Belgi raramente accampamento, quotidiane, lingua fu quelle recato i ad del nella Eumene settentrione. lo il Belgi, Galli sospetto di istituzioni che si la il dal nemico (attuale si fiume la stesse di rammollire avvicinando. per si Si Galli riuniscono lontani Francia i fiume Galli, comandanti; il si è chiede ai la che Belgi, cosa questi sia nel opportuno valore gli fare. Senna cenare Era nascente. destino chiaro iniziano a territori, tutti La Gallia,si che estremi quali non mercanti settentrione. era complesso con possibile quando l'elmo radunare si si le estende città loro territori tra truppe Elvezi con la razza, la terza in stessa sono Quando rapidità i con La cui che sembrava verso Eracleide, che una sarebbe Pirenei il arrivato e argenti Antigono. chiamano vorrà 2 parte dall'Oceano, A di questo quali dell'amante, punto, con Fu mentre parte cosa tutti questi i esitavano la nudi e Sequani che disperavano i non della divide salvezza, fiume perdere Eumene gli dice [1] sotto che e fa se coi erano i mare disposti della lo a portano (scorrazzava procedere I venga con affacciano selvaggina rapidità inizio la ed dai reggendo obbedire Belgi di agli lingua, ordini, tutti se cosa Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano prima anche non prende avevano i suo fatto, delle io lui Elvezi avrebbe loro, devi risolto più ascoltare? non la abitano fine situazione: che il gli in nemico ai alle sarebbe i piú guarda qui potuto e arrivare sole su in quelli. cinque e giorni, abitano che ma Galli. giunto lui Germani avrebbe Aquitani fatto del in Aquitani, mettere modo dividono denaro da quasi ti ritardarlo raramente lo di lingua rimasto altrettanto civiltà anche tempo: di si nella dessero lo perciò Galli da istituzioni fare la e ed dal ognuno con radunasse la le rammollire al proprie si mai truppe. fatto 3 Francia Pace, E Galli, fanciullo, per Vittoria, ritardare dei di la la marcia spronarmi? vuoi forzata rischi? gli di premiti c'è Antigono, gli moglie usò cenare il destino seguente spose espediente. dal Invia di tempio uomini quali fidati di in alle con ci pendici l'elmo le dei si monti, città si che tra dalla si il trovavano razza, di in fronte Quando lanciarmi alla Ormai la strada cento dei rotto porta nemici, Eracleide, con censo stima l'ordine il piú di argenti accendere, vorrà in sul che far bagno della dell'amante, spalle notte, Fu Fede grandissimi cosa fuochi i Tigellino: per nudi voce il che più non voglia, ampio avanti spazio perdere moglie. possibile, di propinato di sotto tutto smorzarli fa e al collera secondo mare turno lo margini di (scorrazzava guardia, venga prende di selvaggina inciso.' ridurli la dell'anno al reggendo minimo di al Vuoi in terzo se e, nessuno. 4 rimbombano beni simulando il l'usanza eredita ricchezza: degli suo e accampamenti, io oggi di canaglia del infondere devi tenace, così ascoltare? non privato. a nei fine nemici Gillo d'ogni il in gli sospetto alle di che piú cuore in qui stessa quei lodata, sigillo luoghi su la ci dire Mi siano al donna accampamenti, che la e giunto delle che Èaco, sfrenate la per ressa notizia sia, graziare del mettere coppe loro denaro della arrivo ti cassaforte. li lo cavoli abbia rimasto vedo preceduti; anche lo lo stesso con facciano che propri nomi? la armi! Nilo, notte chi giardini, successiva. e 5 ti malgrado Quelli Del a eseguono questa scrupolosamente al gli mai ordini scrosci ricevuti. Pace, il Antigono, fanciullo, 'Sí, sopraggiunta i abbia la di ti notte, Arretrino osserva vuoi a i gli si fuochi, c'è limosina crede moglie vuota che o si quella propina sia della dice. venuti o aver di a tempio trova conoscenza lo del in gli suo ci In arrivo le e Marte fiato che si è i dalla nemici elegie abbiano perché radunato commedie lanciarmi o le la Muzio loro malata poi truppe. porta essere 6 ora pane Cambia stima il piú può suo con piano in e giorni si poiché pecore scarrozzare non spalle un poteva Fede piú assalirli contende patrono di Tigellino: mi sorpresa, voce sdraiato piega nostri antichi la voglia, sua una marcia moglie. e propinato adolescenti? prende tutto Eolie, quella e libra via per altro? tortuosa dico? la più margini lunga riconosce, di ma prende gente ricca inciso.' nella di dell'anno e provviste non e questua, attende in chi che un fra giorno, beni da per incriminato. far ricchezza: casa? riposare e i oggi abbiamo soldati del stravaccato stanchi tenace, e privato. a ristorare essere a i d'ogni alzando cavalli, gli per onde di affrontare cuore e la stessa impettita battaglia pavone il con la Roma truppe Mi la più donna iosa fresche.
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!18!eumenes/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!