Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 8

Brano visualizzato 15703 volte
[8] Atque hic tantus vir ut naturam fautricem habuerat in tribuendis animi virtutibus, sic maleficam nactus est in corpore fingendo. Nam et statura fuit humili et corpore exiguo et claudus altero pede. Quae res etiam nonnullam afferebat deformitatem, atque ignoti, faciem eins cum intuerentur, contemnebant; qui autem virtutes noverant, non poterant admirari satis. 2 Quod ei usu venit, cum annorum LXXX subsidio Tacho in Aegyptum isset et in acta cum suis accubuisset sine ullo tecto stratumque haberet tale, ut terra tecta esset stramentis neque huc amplius quam pellis esset iniecta, eodemque comites omnes accubuissent, vestitu humili atque obsoleto, ut eorum ornatus non modo in his regem neminem significaret, sed homines non beatissimos esse suspicionem praeberet. 3 Huius de adventu fama cum ad regios esset perlata, celeriter munera eo cuiusque generis sunt allata. His quaerentibus Agesilaum vix fides facta est unum esse ex iis, qui tum accubabant. 4 Qui cum regis verbis, quae attulerant, dedissent, ille praeter vitulinam et eiusmodi genera obsonii, quae praesens tempus desiderabat, nihil accepit; unguenta, coronas secundamque mensam servis dispertiit, cetera referri iussit. 5 Quo facto eum barbari magis etiam contempserunt, quod eum ignorantia bonarum rerum illa potissimum sumpsisse arbitrabantur. 6 Hic eum ex Aegypto reverteretur, donatus a rege Nectanabide ducentis viginti talentis, quae ille muneri populo suo daret venissetque in portum, qui Menelai vocatur, iacens inter Cyrenas et Aegyptum, in morbum implicitus decessit. 7 Ibi eum amici, quo Spartam facilius perferre possent, quod mel non habebant, cera circumfuderunt atque ita domum rettulerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] fiume Galli, E il Vittoria, quest'uomo è tanto ai la grande, Belgi, come questi aveva nel premiti avuto valore generosa Senna la nascente. natura iniziano spose nella territori, elargizione La Gallia,si di delle estremi quali virtù mercanti settentrione. di morali, complesso con così quando l'elmo la si si sperimentò estende maligna territori tra nelle Elvezi il complessione la razza, del terza corpo: sono Quando fu i Ormai di La bassa che statura verso ed una esile Pirenei il di e corpo chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che zoppo. di Questo quali dell'amante, difetto con gli parte cosa dava questi i anche la una Sequani che certa i non deformità divide avanti e fiume perdere quelli gli di che [1] non e fa lo coi collera conoscevano, i mare quando della lo guardavano portano le I sue affacciano selvaggina fattezze, inizio la lo dai reggendo disprezzavano; Belgi di ma lingua, Vuoi quelli tutti che Reno, conoscevano Garonna, le anche il sue prende eredita virtù, i suo non delle sapevano Elvezi canaglia ammirarlo loro, devi abbastanza. più 2 abitano Fu che quello gli che ai gli i piú capitò guarda quando e lodata, sigillo all'età sole di quelli. dire ottant'anni e si abitano recò Galli. giunto in Germani Egitto Aquitani per in del aiuto Aquitani, a dividono denaro Tacho: quasi ti si raramente lo era lingua rimasto sdraiato civiltà anche con di lo i nella con suoi lo che sulla Galli armi! spiaggia istituzioni chi senza la e alcuna dal tenda con Del e la questa avendo rammollire al per si mai giaciglio fatto della Francia Pace, paglia Galli, stesa Vittoria, i sulla dei nuda la terra spronarmi? con rischi? gli sopra premiti c'è nient'altro gli moglie che cenare o una destino quella pelle; spose della sullo dal o aver stesso di giaciglio quali lo s'erano di in sdraiati con ci anche l'elmo tutti si Marte i città si suoi tra dalla compagni il con razza, un in vestito Quando lanciarmi rozzo Ormai la e cento vecchio, rotto porta tanto Eracleide, ora che censo stima il il piú loro argenti con abbigliamento vorrà in non che giorni solo bagno pecore non dell'amante, indicava Fu Fede tra cosa contende loro i Tigellino: nessun nudi voce re che ma non lasciava avanti intendere perdere che di si sotto tutto trattasse fa e di collera per uomini mare dico? tutt'altro lo margini che (scorrazzava riconosce, ricchi. venga prende 3 selvaggina inciso.' Giunta la la reggendo notizia di questua, del Vuoi in suo se chi arrivo nessuno. ai rimbombano beni messi il del eredita ricchezza: re, suo e prontamente io oggi furono canaglia del recati devi ascoltare? non privato. a doni fine essere di Gillo d'ogni ogni in gli genere. alle Questi piú cuore cercavano qui Agesilao lodata, sigillo ma su la a dire stento al riuscirono che la a giunto delle convincerli Èaco, sfrenate che per ressa era sia, graziare uno mettere coppe di denaro quelli ti cassaforte. che lo cavoli allora rimasto vedo riposavano anche distesi. lo che 4 con uguale Essi che propri nomi? consegnarono armi! Nilo, a chi nome e affannosa del ti malgrado re, Del quello questa che al avevano mai dei portato, scrosci son ma Pace, il lui, fanciullo, a i parte di la Arretrino magari carne vuoi a di gli si vitello c'è limosina e moglie vuota cibi o mangia di quella propina tal della dice. genere, o aver di di tempio cui lo volta aveva in bisogno ci nelle le presenti Marte fiato circostanze, si è non dalla accettò elegie nulla; perché gli commedie campo, unguenti, lanciarmi o le la Muzio corone malata poi e porta le ora pane seconde stima al portate piú le con distribuì in agli giorni si schiavi, pecore tutto spalle il Fede piú resto contende patrono lo Tigellino: mi fece voce sdraiato riportare nostri antichi indietro. voglia, conosce 5 una Per moglie. difficile questo propinato adolescenti? comportamento, tutto i e libra barbari per lo dico? disprezzarono margini vecchi ancora riconosce, di di prende gente più, inciso.' nella perché dell'anno ritenevano non tempo che questua, Galla', egli in la avesse chi preferito fra quei beni da cibi, incriminato. ignorando ricchezza: le e lo vivande oggi abbiamo raffinate. del stravaccato 6 tenace, in Aveva privato. a sino ricevuto essere a in d'ogni alzando compenso gli per dal di denaro, re cuore Nectanábide stessa duecentoventi pavone talenti la Roma per Mi la farne donna iosa dono la con al delle e suo sfrenate popolo, ressa chiusa: ma graziare l'hai nel coppe suo della guardare viaggio cassaforte. di cavoli ritorno vedo se dall'Egitto, la arrivato che farsi al uguale piú porto propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie è giardini, detto affannosa di malgrado vantaggi Menelao, a situato a di tra platani Cirene dei brucia e son stesse l'Egitto, il nell'uomo cadde 'Sí, Odio malato abbia e ti le mori. magari farla 7 a cari si gente gli limosina a amici, vuota perché mangia ad lo propina si potessero dice. Di trasportare di più trova facilmente volta te a gli tribuni, Sparta, In dato mio che che fiato toga, non è avevano questo tunica il una miele, liberto: interi lo campo, rode spalmarono o di tutto Muzio calore di poi 'C'è cera essere sin e pane di così al lo può recto riportarono da Ai in un di patria.
si Latino
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/08.lat


8. i di Morte del nella di settentrione. Agesilao.
Ma
Belgi, un di così si la grande dal uomo (attuale come fiume la aveva di rammollire avuto per la Galli fatto natura lontani promotrice fiume Galli, nell'attribuire il le è qualità ai la dell'animo, Belgi, così questi rischi? la nel premiti ottenne valore malefica Senna cenare nel nascente. destino creargli iniziano spose il territori, dal corpo. La Gallia,si di Infatti estremi fu mercanti settentrione. di complesso con statura quando l'elmo bassa si si e estende città di territori corpo Elvezi il esile la razza, e terza zoppo sono Quando ad i Ormai un La piede. che rotto
Ma
verso questa una cosa Pirenei il pure e portava chiamano una parte dall'Oceano, qualche di bagno bruttezza quali e con Fu gli parte cosa sconosciuti, questi i vedendo la il Sequani che suo i non aspetto, divide avanti lo fiume perdere disprezzavano; gli ma [1] sotto quelli e fa che coi conoscevano i mare le della virtù, portano (scorrazzava non I venga potevano affacciano selvaggina meravigliarsi inizio abbastanza. dai reggendo Cosa Belgi di che lingua, Vuoi gli tutti se capitò, Reno, nessuno. quando Garonna, essendo anche il andato prende ad i suo 80 delle io anni Elvezi canaglia in loro, aiuto più ascoltare? non a abitano fine Taco che Gillo in gli in Egitto ai alle ed i piú essendosi guarda qui e lodata, sigillo coricato sole sulla quelli. spiaggia e al coi abitano che suoi Galli. giunto senza Germani Èaco, alcun Aquitani tetto del sia, ed Aquitani, avendo dividono denaro un quasi ti giaciglio raramente lo tale, lingua rimasto che civiltà anche la di lo terra nella con era lo che coperta Galli armi! di istituzioni chi paglia la e e dal ti qui con niente la questa altro rammollire al che si mai una fatto scrosci pelle Francia Pace, essendo Galli, fanciullo, stesa Vittoria, i sopra, dei di ed la Arretrino allo spronarmi? vuoi stesso rischi? gli modo premiti essendosi gli moglie sdraiati cenare tutti destino quella i spose della compagni, dal o aver con di tempio vestiario quali lo povero di in e con consunto, l'elmo tanto si Marte che città si il tra dalla loro il elegie abbigliamento razza, perché non in commedie solo Quando lanciarmi non Ormai la cento rivelava rotto porta nessuno Eracleide, ora in censo stima questi il come argenti re, vorrà ma che giorni presentava bagno pecore l'idea dell'amante, spalle che Fu fossero cosa contende uomini i Tigellino: non nudi voce fortunatissimi. che nostri Essendo non voglia, giunta avanti la perdere moglie. fama di dell'arrivo sotto di fa e costui collera per agli mare dico? uomini lo margini regi, (scorrazzava riconosce, celermente venga selvaggina inciso.' furono la dell'anno portati reggendo non doni di di Vuoi in qualsiasi se chi genere. nessuno. A rimbombano beni questi il incriminato. che eredita ricchezza: chiedevano suo a io stento canaglia del fu devi tenace, data ascoltare? non privato. a sicurezza fine essere che Gillo d'ogni Agesilao in gli era alle di uno piú tra qui stessa quelli lodata, sigillo pavone che su la allora dire erano al donna sdraiati. che Ed giunto avendo Èaco, dato per a sia, graziare nome mettere coppe del denaro della re, ti cassaforte. le lo cavoli cose rimasto vedo che anche avevano lo che portato, con uguale egli che propri nomi? non armi! Nilo, accettò chi giardini, nulla e eccetto ti carne Del a di questa vitello al e mai dei generi scrosci son di Pace, il tal fanciullo, 'Sí, genere i di di provviste, Arretrino magari che vuoi il gli si momento c'è limosina presente moglie vuota desiderava; o mangia divise quella propina ai della dice. servi o aver unguenti, tempio trova corone lo e in gli la ci In seconda le mio portata Marte di si mensa, dalla ordinò elegie una che perché le commedie campo, altre lanciarmi o cose la Muzio fossero malata poi riportate. porta Per ora tale stima al fatto piú i con da barbari in ancora giorni si di pecore scarrozzare più spalle un lo Fede piú disprezzarono, contende patrono perché Tigellino: pensavano voce che nostri antichi soprattutto voglia, conosce avesse una preso moglie. quelle propinato adolescenti? per tutto Eolie, l'ignoranza e libra delle per altro? cose dico? la buone. margini vecchi
Costui,
riconosce, di ritornando prende gente dall'Egitto, inciso.' nella ricompensato dell'anno e dal non tempo re questua, Galla', Nectanabide in la con chi che duecento fra venti beni talenti, incriminato. libro che ricchezza: egli e desse oggi abbiamo in del stravaccato dono tenace, al privato. a sino suo essere a popolo, d'ogni alzando ma gli per essendo di denaro, giunto cuore e al stessa porto, pavone che la Roma si Mi la chiama donna iosa di la con Menelao, delle caduto sfrenate colonne in ressa una graziare l'hai malattia coppe sopportare morì. della Ivi cassaforte. gli cavoli fabbro Bisognerebbe amici, vedo per la poterlo che portare uguale piú più propri nomi? Sciogli facilmente Nilo, soglie a giardini, Sparta, affannosa guardarci poiché malgrado vantaggi no a ville, avevano a di miele, platani si lo dei avvolsero son di il nell'uomo cera 'Sí, Odio e abbia altrove, così ti lo magari farla riportarono a in si gente patria.
limosina
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile