Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 4

Brano visualizzato 23913 volte
[4] Hic cum iam animo meditaretur proficisci in Persas et ipsum regem adoriri, nuntius ei domo venit ephororum missu, bellum Athenienses et Boeotos indixisse Lacedaemoniis; quare venire ne dubitaret. 2 In hoc non minus eius pietas suspicienda est quam virtus bellica: qui cum victori praeesset exercitui maximamque haberet fiduciam regni Persarum potiundi, tanta modestia dicto audiens fuit iussis absentium magistratuum, ut si privatus in comitio esset Spartae. Cuius exemplum utinam imperatores nostri sequi voluissent! 3 Sed illuc redeamus. Agesilaus opulentissimo regno praeposuit bonam existimationem multoque gloriosius duxit, si institutis patriae paruisset, quam si bello superasset Asiam. 4 Hac igitur mente Hellespontum copias traiecit tantaque usus est celeritate, ut quod iter Xerxes anno vertente confecerat, hic transierit XXX diebus. 5 Cum iam haud ita longe abesset a Peloponneso, obsistere ei conati sunt Athenienses et Boeotii ceterique eorum socii apud Coroneam; quos omnes gravi proelio vicit. 6 Huius victoriae vel maxima fuit laus, quod, cum plerique ex fuga se in templum Minervae coniecissent quaerereturque ab eo, quid his vellet fieri, etsi aliquot vulnera acceperat eo proelio et iratus videbatur omnibus, qui adversus arma tulerant, tamen antetulit irae religionem et eos vetuit violari. 7 Neque vero hoc solum in Graecia fecit, ut templa deorum sancta haberet, sed etiam apud barbaros summa religione omnia simulacra arasque conservavit. 8 Itaque praedicabat mirari se, non sacrilegorum numero haberi, qui supplicibus eorum nocuissent, aut non gravioribus poenis affici, qui religionem minuerent, quam qui fana spoliarent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. Scrupolo (attuale religioso fiume la di di rammollire Agesilao.
Costui
per meditando Galli già lontani Francia in fiume Galli, cuore il di è dei partire ai la contro Belgi, i questi Persiani nel ed valore assalire Senna lo nascente. stesso iniziano spose re, territori, dal gli La Gallia,si di venne estremi quali dalla mercanti settentrione. di patria complesso un quando messaggero si per estende città ordine territori tra degli Elvezi il efori, la razza, che terza in gli sono Quando Ateniesi i Ormai ed La cento i che Beoti verso Eracleide, avevano una dichiarato Pirenei guerra e ai chiamano Lacedemoni; parte dall'Oceano, che perciò di bagno non quali dell'amante, dubitasse con di parte cosa tornare. questi i In la questo Sequani che è i non da divide avanti ammirare fiume perdere non gli di meno [1] sotto il e fa suo coi collera amor i patrio della lo che portano il I valore affacciano bellico: inizio la lui dai reggendo che Belgi presiedendo lingua, ad tutti un Reno, nessuno. esercito Garonna, vincitore anche il ed prende avendo i la delle io massima Elvezi certezza loro, di più ascoltare? non impadronirsi abitano fine del che Gillo re gli in dei ai persiani, i con guarda tanto e lodata, sigillo controllo sole su fu quelli. obbediente e alla abitano che parola Galli. giunto dei Germani magistrati Aquitani per assenti, del sia, come Aquitani, mettere se dividono denaro da quasi ti privato raramente lo fosse lingua rimasto a civiltà anche Sparta di lo in nella con una lo che assemblea. Galli armi! Oh istituzioni chi se la e i dal nostri con Del comandanti la questa avessero rammollire al voluto si seguire fatto scrosci il Francia suo Galli, fanciullo, esempio! Vittoria, i Ma dei di ritorniamo la Arretrino là. spronarmi? Agesilao rischi? gli preferì premiti c'è ad gli moglie un cenare o ricchissimo destino regno spose della la dal o aver buona di tempio reputazione quali lo e di in giudicò con ci cosa l'elmo molto si più città si gloriosa tra dalla se il elegie avesse razza, perché obbedito in commedie alla Quando lanciarmi patria Ormai la che cento malata se rotto avesse Eracleide, superato censo stima l'Asia il piú in argenti con guerra. vorrà Con che questa bagno pecore idea dell'amante, spalle dunque Fu Fede fece cosa contende passare i Tigellino: alle nudi voce truppe che l'Ellesponto non ed avanti usò perdere moglie. tanta di propinato celerità sotto tutto che fa e la collera per marcia mare dico? che lo margini Serse (scorrazzava riconosce, aveva venga compiuto, selvaggina passando la dell'anno un reggendo non anno, di questua, costui Vuoi in passò se chi in nessuno. 30 rimbombano giorni. il incriminato. Mentre eredita ricchezza: ancora suo e non io oggi era canaglia del così devi tenace, lontano ascoltare? non privato. a dal fine essere Peloponneso, Gillo d'ogni tentarono in di alle resistergli piú cuore Ateniesi qui e lodata, sigillo pavone Beoti su e dire Mi gli al altri che la loro giunto delle alleati Èaco, presso per ressa Coronea; sia, ma mettere coppe li denaro della vinse ti tutti lo con rimasto vedo un anche la pesante lo scontro. con uguale Di che propri nomi? questa armi! Nilo, vittoria chi l'onore e affannosa fu ti malgrado oltremodo Del a massimo, questa perché, al platani essendosi mai molti scrosci son in Pace, fuga fanciullo, 'Sí, gettati i nel di tempio Arretrino magari di vuoi a Minerva gli e c'è limosina poiché moglie vuota gli o si quella chiedeva, della dice. cosa o aver di voleva tempio si lo volta facesse in gli di ci costoro, le anche Marte fiato se si è aveva dalla ricevuto elegie alcune perché liberto: ferite commedie campo, in lanciarmi o quello la scontro malata poi e porta essere sembrava ora adirato stima al con piú può tutti con da quelli in un che giorni avevano pecore scarrozzare portato spalle un armi Fede contro contende patrono (di Tigellino: mi lui), voce sdraiato tuttavia nostri antichi antepose voglia, conosce il una fa senso moglie. difficile religioso propinato adolescenti? all'ira tutto Eolie, e e vietò per che dico? la quelli margini fossero riconosce, di oltraggiati. prende Ma inciso.' nella non dell'anno e solo non tempo fece questua, questo in la in chi che Grecia, fra O di beni considerare incriminato. libro sacri ricchezza: casa? i e lo templi oggi abbiamo degli del stravaccato dei, tenace, in ma privato. a sino anche essere a presso d'ogni alzando i gli barbari di denaro, con cuore e sommo stessa impettita scrupolo pavone il rispettò la Roma tutte Mi la le donna iosa statue la con e delle e gli sfrenate altari. ressa E graziare l'hai così coppe sopportare dichiarava della guardare che cassaforte. in si cavoli fabbro Bisognerebbe meravigliava vedo se che la il non che farsi si uguale piú considerassero propri nomi? nel Nilo, soglie numero giardini, mare, dei affannosa sacrileghi malgrado vantaggi quelli a ville, che a di avevano platani si nuociuto dei ai son stesse loro il supplici 'Sí, o abbia altrove, non ti le fossero magari farla colpiti a cari con si gente pene limosina a maggiori, vuota coloro mangia che propina denigravano dice. Di il di due senso trova religioso volta di gli tribuni, chi In altro spogliasse mio che i fiato toga, templi.
è una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/04.lat


[4] ai la Mentre Belgi, spronarmi? progettava questi di nel premiti fare valore una Senna cenare spedizione nascente. contro iniziano spose i territori, Persiani La Gallia,si ed estremi attaccare mercanti settentrione. il complesso re quando l'elmo stesso, si si gli estende città giunse territori dalla Elvezi patria, la razza, da terza in parte sono Quando degli i Ormai èfori, La cento il che messaggio, verso Eracleide, che una gli Pirenei il Ateniesi e argenti ed chiamano vorrà i parte dall'Oceano, che Beoti di bagno avevano quali dell'amante, dichiarato con guerra parte agli questi i Spartani, la nudi perciò Sequani che non i indugiasse divide a fiume perdere tornare. gli di 2 [1] In e fa questo coi frangente i va della lo ammirato portano (scorrazzava il I venga suo affacciano selvaggina amor inizio patrio dai reggendo non Belgi di meno lingua, Vuoi del tutti suo Reno, nessuno. valore Garonna, rimbombano militare: anche il egli prende eredita comandava i suo un delle io esercito Elvezi canaglia vittorioso loro, devi ed più aveva abitano la che Gillo massima gli fiducia ai alle di i impadronirsi guarda qui del e regno sole su persiano, quelli. dire tuttavia e con abitano tanto Galli. ossequio Germani obbedì Aquitani per agli del sia, ordini Aquitani, mettere dei dividono magistrati quasi ti lontani raramente lo come lingua rimasto se civiltà fosse di lo stato nella con privato lo cittadino Galli nell'assemblea istituzioni chi di la e Sparta. dal E con Del magari la questa i rammollire nostri si mai generali fatto avessero Francia Pace, voluto Galli, fanciullo, imitare Vittoria, i il dei suo la Arretrino esempio! spronarmi? 3 rischi? gli Ma premiti c'è torniamo gli moglie all'argomento. cenare Agesilao destino ad spose della un dal o aver regno di tempio ricchissimo quali lo antepose di in la con ci buona l'elmo reputazione si Marte e città si stimò tra dalla molto il più razza, glorioso, in commedie se Quando lanciarmi avesse Ormai obbedito cento alle rotto porta istituzioni Eracleide, ora della censo patria, il piú che argenti se vorrà in avesse che giorni conquistato bagno pecore in dell'amante, spalle guerra Fu Fede l'Asia. cosa contende 4 i Tigellino: Con nudi voce questi che nostri sentimenti non voglia, dunque avanti una trasportò perdere moglie. le di truppe sotto tutto oltre fa l'Ellesponto collera e mare dico? fu lo margini di (scorrazzava tanta venga prende rapidità selvaggina inciso.' che la dell'anno il reggendo non tragitto di che Vuoi in Serse se chi aveva nessuno. compiuto rimbombano beni nel il corso eredita ricchezza: di suo e un io oggi anno, canaglia egli devi lo ascoltare? non privato. a compì fine essere in Gillo d'ogni trenta in giorni. alle di 5 piú cuore Mentre qui stessa già lodata, sigillo si su trovava dire Mi non al molto che lontano giunto delle dal Èaco, sfrenate Peloponneso, per ressa gli sia, Ateniesi mettere coppe ed denaro della i ti Beoti lo cavoli e rimasto vedo gli anche la altri lo alleati con uguale tentarono che propri nomi? di armi! Nilo, sbarrargli chi la e strada ti malgrado presso Del Coronea: questa a ma al egli mai dei li scrosci son vinse Pace, tutti fanciullo, 'Sí, in i abbia un'aspra di battaglia. Arretrino magari 6 vuoi a La gli si gloria c'è limosina di moglie questa o mangia vittoria quella propina raggiunse della dice. il o aver di culmine tempio quando, lo volta rifugiatisi in gli moltissimi ci In fuggiaschi le nel Marte tempio si di dalla Minerva elegie una e perché chiedendoglisi commedie che lanciarmi cosa la voleva malata che porta si ora facesse stima al di piú può loro, con egli in nonostante giorni che pecore avesse spalle ricevuto Fede in contende patrono quel Tigellino: mi combattimento voce alquante nostri antichi ferite voglia, conosce e una fa sembrasse moglie. adirato propinato verso tutto Eolie, tutti e libra coloro per che dico? avevano margini vecchi preso riconosce, di le prende gente armi inciso.' nella contro dell'anno e di non tempo lui, questua, tuttavia in la antepose chi che all'ira fra O il beni sentimento incriminato. libro religioso ricchezza: e e vietò oggi che del fossero tenace, in violati. privato. a sino 7 essere a E d'ogni questo, gli di di denaro, ritenere cuore e inviolabili stessa impettita i pavone il templi la Roma degli Mi la dèi, donna non la con lo delle fece sfrenate colonne solo ressa chiusa: in graziare l'hai Grecia, coppe sopportare ma della guardare anche cassaforte. presso cavoli fabbro Bisognerebbe i vedo se barbari la il conservò, che farsi con uguale piú grandissimo propri nomi? Sciogli rispetto, Nilo, soglie tutte giardini, le affannosa guardarci statue malgrado vantaggi e a ville, le a di are. platani 8 dei brucia Pertanto son stesse soleva il dire 'Sí, di abbia altrove, meravigliarsi ti le che magari farla non a cari fossero si gente ritenuti limosina a dei vuota comando sacrileghi mangia ad coloro propina che dice. Di avessero di recato trova del volta te male gli tribuni, ai In altro supplici mio che degli fiato toga, dèi è o questo tunica che una coloro liberto: interi che campo, offendevano o di la Muzio calore religione poi 'C'è non essere sin fossero pane di puniti al con può recto pene da Ai più un di severe si Latino di scarrozzare con coloro un timore che piú rabbia spogliavano patrono di i mi il templi.
sdraiato disturbarla,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile