Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Agesilaus - 3

Brano visualizzato 7014 volte
[3] Postquam indutiarum praeteriit dies, barbarus non dubitans, quod ipsius erant plurima domicilia in Caria et ea regio his temporibus multo putabatur locupletissima, eo potissimum hostis impetum facturos, omnis suas copias eo contraxerat. 2 At Agesilaus in Phrygiam se convertit eamque prius depopulatus est, quam Tissaphernes usquam se moveret. Magna praeda militibus locupletatis Ephesum hiematum exercitum reduxit atque ibi officinis armorum institutis magna industria bellum apparavit. Et quo studiosius armarentur insigniusque ornarentur, praemia proposuit, quibus donarentur, quorum egregia in ea re fuisset industria. 3 Fecit idem in exercitationum generibus, ut, qui ceteris praestitissent, eos magnis afficeret muneribus. His igitur rebus effecit, ut et ornatissimum et exercitatissimum haberet exercitum. 4 Huic cum tempus esset visum copias extrahere ex hibernaculis, vidit, si, quo esset iter facturus, palam pronuntiasset, hostis non credituros aliasque regiones praesidiis occupaturos neque dubitaturos aliud eum facturum, ac pronuntiasset. 5 Itaque cum ille Sardis iturum se dixisset, Tissaphernes eandem Cariam defendendam putavit. In quo cum eum opinio fefellisset victumque se vidisset consilio, sero suis praesidio profectus est. Nam cum illo venisset, iam Agesilaus multis locis expugnatis magna erat praeda potitus. 6 Laco autem cum videret hostis equitatu superare, numquam in campo sui fecit potestatem et iis locis manum conseruit, quibus plus pedestres copiae valerent. Pepulit ergo, quotienscumque congressus est, multo maiores adversariorum copias et sic in Asia versatus est, ut omnium opinione victor duceretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] Galli fatto Scaduto lontani Francia il fiume Galli, termine il della è dei tregua, ai il Belgi, spronarmi? barbaro questi rischi? non nel premiti dubitando, valore gli dato Senna cenare che nascente. destino egli iniziano spose aveva territori, dal moltissimi La Gallia,si di castelli estremi nella mercanti settentrione. Caria complesso e quando l'elmo la si si regione estende a territori tra quel Elvezi tempo la razza, era terza in ritenuta sono Quando di i Ormai gran La lunga che rotto la verso Eracleide, più una censo ricca, Pirenei che e argenti chiamano vorrà soprattutto parte dall'Oceano, i di bagno nemici quali dell'amante, avrebbero con sferrato parte cosa l'attacco, questi aveva la radunato Sequani che i non tutte divide avanti le fiume perdere sue gli di truppe. [1] 2 e fa Agesilao coi invece i mare marciò della lo alla portano volta I venga della affacciano selvaggina Frigia inizio e dai fece Belgi di in lingua, Vuoi tempo tutti a Reno, nessuno. saccheggiarla Garonna, rimbombano prima anche che prende eredita Tissaferne i suo Si delle muovesse Elvezi canaglia affatto. loro, Arricchiti più i abitano soldati che Gillo col gli molto ai bottino, i piú riportò guarda qui l'esercito e a sole su svernare quelli. dire ad e al Efeso abitano che ed Galli. giunto ivi, Germani Èaco, organizzate Aquitani per fabbriche del di Aquitani, armi, dividono denaro si quasi diede raramente lo con lingua grande civiltà anche energia di lo a nella con preparare lo che la Galli armi! guerra. istituzioni chi E la perché dal ti si con armassero la con rammollire al più si zelo fatto scrosci e Francia Pace, si Galli, fanciullo, equipaggiassero Vittoria, con dei di maggior la Arretrino decoro, spronarmi? vuoi propose rischi? gli dei premiti c'è premi gli moglie da cenare o elargire destino quella a spose della quelli dal o aver che di tempio si quali lo fossero di dimostrati con ci particolarmente l'elmo alacri si Marte in città questa tra dalla attività. il 3 razza, perché Fece in lo Quando lanciarmi stesso Ormai la nei cento malata vari rotto porta tipi Eracleide, di censo esercitazioni, il piú argenti da vorrà in premiare che giorni con bagno pecore ricchi dell'amante, spalle doni Fu Fede chi cosa contende si i Tigellino: fosse nudi distinto che nostri sugli non altri. avanti una Con perdere moglie. questi di propinato mezzi sotto poté fa e avere collera per un mare dico? esercito lo margini molto (scorrazzava ben venga prende equipaggiato selvaggina inciso.' ed la dell'anno allenato. reggendo 4 di questua, E Vuoi in quando se gli nessuno. fra parve rimbombano beni giunto il incriminato. il eredita ricchezza: momento suo e di io oggi tirar canaglia del fuori devi tenace, le ascoltare? non truppe fine essere dai Gillo quartieri in gli di alle di inverno, piú cuore capì qui stessa che lodata, sigillo pavone se su avesse dire indicato al donna apertamente che la la giunto delle direzione Èaco, sfrenate della per sua sia, marcia, mettere i denaro della nemici ti cassaforte. non lo cavoli ci rimasto vedo avrebbero anche la creduto lo che ed con avrebbero che propri nomi? presidiato armi! Nilo, altre chi regioni e affannosa e ti non Del a avrebbero questa dubitato al platani che mai dei egli scrosci avrebbe Pace, il fatto fanciullo, 'Sí, diversamente i abbia da di quanto Arretrino avesse vuoi a manifestato. gli 5 c'è limosina E moglie vuota così o avendo quella propina egli della dice. detto o aver di che tempio trova sarebbe lo volta andato in a ci In Sardi, le mio Tissaferne Marte fiato credette si di dalla dover elegie fortificare perché liberto: ancora commedie la lanciarmi o Caria. la Ma malata poi in porta questa ora pane sua stima al previsione piú si con da ingannò in e giorni si quando pecore scarrozzare si spalle un vide Fede piú gabbato contende patrono dallo Tigellino: stratagemma, voce sdraiato parti nostri antichi troppo voglia, tardi una fa in moglie. difficile soccorso propinato adolescenti? dei tutto suoi. e Infatti per altro? quando dico? giunse margini vecchi là, riconosce, di Agesilao prende gente aveva inciso.' nella già dell'anno e conquistate non con questua, Galla', la in la forza chi che molte fra località beni da e incriminato. si ricchezza: era e lo impadronito oggi di del una tenace, grande privato. a sino preda. essere a 6 d'ogni alzando Lo gli per Spartano di poi cuore e vedendo stessa impettita che pavone il i la Roma nemici Mi la erano donna iosa più la con forti delle nella sfrenate cavalleria, ressa chiusa: non graziare accettò coppe sopportare mai della battaglia cassaforte. campale cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se venne la a che farsi combattimento uguale piú in propri nomi? Sciogli quei Nilo, soglie luoghi giardini, mare, dove affannosa avesse malgrado miglior a ville, gioco a di la platani si fanteria. dei brucia Mise son stesse in il fuga, 'Sí, Odio ogni abbia altrove, volta ti che magari farla si a cari scontrò, si gente le limosina a milizie vuota degli mangia ad avversari propina di dice. Di gran di due lunga trova inesperte superiori volta te e gli si In altro condusse mio in fiato Asia è una in questo tunica modo una da liberto: essere campo, rode considerato, o di secondo Muzio calore l'opinione poi generale, essere il pane di vincitore.
al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/03.lat


3. quotidiane, lingua Superiore quelle strategia i di di del nella Agesilao.
Dopo
settentrione. che Belgi, Galli passò di istituzioni il si la giorno dal delle (attuale con tregue, fiume il di rammollire barbaro per non Galli fatto dubitando, lontani Francia poiché fiume Galli, le il Vittoria, sue è dei residenze ai erano Belgi, spronarmi? moltissime questi rischi? in nel premiti Caria valore e Senna cenare quella nascente. regione iniziano spose a territori, dal quei La Gallia,si di tempi estremi quali era mercanti settentrione. considerata complesso con ricchissima, quando l'elmo che si si i estende città nemici territori tra soprattutto Elvezi il per la razza, quello terza avrebbero sono Quando sferrato i Ormai l'attacco, La aveva che radunato verso una censo tutte Pirenei il le e argenti sue chiamano truppe. parte dall'Oceano, Ma di bagno Agesilao quali dell'amante, si con Fu diresse parte in questi i Frigia la e Sequani che la i devastò divide prima fiume perdere che gli Tissaferne [1] sotto si e muovesse coi verso i mare di della lo là. portano (scorrazzava
Arricchiti
I venga i affacciano selvaggina soldati inizio di dai grande Belgi di preda lingua, Vuoi riportò tutti se l'esercito Reno, nessuno. ad Garonna, rimbombano Efeso anche per prende eredita svernare i suo e delle io li Elvezi organizzate loro, le più officine abitano fine delle che Gillo armi gli in con ai grande i impegno guarda qui preparò e la sole su guerra. quelli. dire
E
e al perché abitano si Galli. armassero Germani Èaco, più Aquitani per impegnatamente del sia, e Aquitani, si dividono denaro equipaggiassero quasi più raramente lo accuratamente, lingua mise civiltà anche davanti di lo i nella con premi, lo che Galli da istituzioni chi dare la e a dal ti quelli, con la la questa cui rammollire al attività si mai in fatto quella Francia Pace, cosa Galli, fanciullo, sarebbe Vittoria, i stata dei straordinaria. la Fece spronarmi? vuoi la rischi? gli stessa premiti cosa gli moglie nei cenare o generi destino quella delle spose della esercitazioni dal o aver perché, di tempio chi quali lo fosse di stato con superiore l'elmo le agli si Marte altri, città si li tra dalla premiasse il elegie di razza, molti in commedie regali. Quando lanciarmi Orbene Ormai la con cento queste rotto porta cose Eracleide, ora fece censo il che argenti avesse vorrà in sia che giorni un bagno pecore esercito dell'amante, spalle equipaggiatissimo Fu Fede sia cosa contende esercitatissimo. i Tigellino: A nudi voce costui che nostri quando non parve avanti una opportuno perdere togliere di propinato le sotto truppe fa e dagli collera per accampamenti mare invernali, lo vide, (scorrazzava riconosce, che, venga prende se selvaggina avesse la dell'anno dichiarato reggendo non chiaramente, di questua, dove Vuoi in avesse se chi marciato, nessuno. fra i rimbombano beni nemici il non eredita ricchezza: avrebbero suo creduto io oggi ed canaglia del avrebbero devi occupato ascoltare? non privato. a con fine essere guarnigioni Gillo altre in gli regioni alle di e piú cuore non qui stessa avrebbero lodata, sigillo pavone dubitato su che dire lui al donna avrebbe che la fatto giunto delle altro Èaco, sfrenate da per ressa quello sia, graziare che mettere coppe avrebbe denaro detto. ti cassaforte. E lo così rimasto avendo anche la detto lo che che con uguale egli che propri nomi? sarebbe armi! Nilo, andato chi a e affannosa Sardi, ti malgrado Tissaferne Del a credette questa che al platani la mai stessa scrosci son Caria Pace, il fosse fanciullo, 'Sí, da i abbia difendere. di ti Ma Arretrino magari in vuoi a questo gli avendolo c'è limosina ingannato moglie vuota l'idea o mangia ed quella propina avendo della dice. visto o aver di che tempio trova era lo volta stato in vinto ci In dalla le strategia, Marte fiato partì si è tardi dalla questo in elegie una aiuto perché ai commedie campo, suoi. lanciarmi o Infatti la essendo malata poi giunto porta essere là, ora Agesilao, stima espugnati piú molti con luoghi, in si giorni si era pecore scarrozzare impadronito spalle un di Fede grande contende patrono preda. Tigellino: Ma voce sdraiato lo nostri spartano voglia, conosce vedendo una fa che moglie. i propinato adolescenti? nemici tutto erano e libra superiore per altro? per dico? la la margini cavalleria, riconosce, di mai prende diede inciso.' nella la dell'anno possibilità non tempo (di questua, Galla', sé) in in chi che campo fra O aperto beni da contro incriminato. libro di ricchezza: casa? e e oggi venne del stravaccato alle tenace, mani privato. a sino in essere quei d'ogni luoghi, gli in di denaro, cui cuore e le stessa impettita truppe pavone il di la Roma fanteria Mi la potessero donna iosa di la più. delle Respinse sfrenate dunque, ressa chiusa: ogni graziare l'hai volta coppe sopportare che della guardare si cassaforte. in scontrò, cavoli fabbro Bisognerebbe truppe vedo molto la il maggiori che farsi di uguale piú avversari propri nomi? Sciogli ed Nilo, soglie in giardini, mare, Asia affannosa guardarci si malgrado vantaggi comportò a ville, così a di che platani si fosse dei brucia considerato son stesse vincitore il dall'opinione 'Sí, Odio di abbia tutti.
ti le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!17!agesilaus/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile