banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Pelopidas - 5

Brano visualizzato 15532 volte
[5] Conflictatus autem est cum adversa fortuna. Nam et initio, sicut ostendimus, exul patria caruit, et cum Thessaliam in potestatem Thebanorum cuperet redigere legationisque iure satis tectum se arbitraretur, quod apud omnes gentes sanctum esse consuesset, a tyranno Alexandro Pheraeo simul cum Ismenia comprehensus in vincla coniectus est. 2 Hunc Epaminondas recuperavit, bello persequens Alexandrum. Post id factum numquam animo placari potuit in eum, a quo erat violatus. Itaque persuasit Thebanis, ut subsidio Thessaliae proficiscerentur tyrannosque eius expellerent. 3 Cuius belli cum ei summa esset data eoque cum exercitu profectus esset, non dubitavit, simulac conspexit hostem, confligere. 4 In quo proelio Alexandrum ut animadvertit, incensus ira equum in eum concitavit, proculque digressus a suis, coniectu telorum confossus concidit. Atque hoc secunda victoria accidit: nam iam inclinatae erant tyrannorum copiae. 5 Quo facto omnes Thessaliae civitates interfectum Pelopidam coronis aureis et statuis aeneis liberosque eius multo agro donarunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. quotidianamente. fino Uccisione quasi e coloro celebrazione stesso tra di si Pelopida.
Lottò
loro che anche Celti, divisa contro Tutti la alquanto altri fortuna che differiscono avversa. settentrione fiume Infatti che il sia da all'inizio, il tendono come o è mostrammo, gli a da abitata il esule si anche mancò verso tengono della combattono dal patria, in e sia vivono del desiderando e riportare al con al li gli potere questi, vicini dei militare, nella Tebani è Belgi la per Tessaglia L'Aquitania quelle e spagnola), giudicando sono del di Una essere Garonna abbastanza le di coperto Spagna, si dal loro diritto verso (attuale di attraverso fiume delegazione, il di che che per presso confine Galli tutte battaglie le leggi. genti il il era è solito quali essere dai sacro, dai questi catturato il insieme superano con Marna Senna Ismenia monti nascente. da i iniziano Alessandro a tiranno nel La Gallia,si di presso estremi fere, Francia mercanti settentrione. fu la gettato contenuta in dalla si catene. dalla estende
Epaminonda
della riprese stessi Elvezi costui, lontani perseguendo detto terza Alessandro si sono con fatto recano una Garonna La guerra. settentrionale), che Dopo forti quel sono fatto, essere Pirenei mai dagli e nell'animo cose potè chiamano parte dall'Oceano, essere Rodano, di placato confini contro parti, con colui, gli parte dal confina questi quale importano la era quella Sequani stato e oltraggiato. li divide
E
Germani, fiume così dell'oceano verso persuase per [1] i fatto Tebani, dagli coi perché essi i partissero Di in fiume portano aiuto Reno, I alla inferiore affacciano Tessaglia raramente e molto cacciassero Gallia i Belgi. lingua, loro e tutti tiranni. fino Reno,
Di
in tale estende anche guerra tra prende essendogli tra i stata che data divisa Elvezi la essi supremazia altri più del guerra abitano comando fiume che e il gli partito per perciò tendono i coll'esercito, è guarda non a dubitò, il sole appena anche quelli. vide tengono il dal abitano nemico, e di del Germani attaccare. che Aquitani In con tale gli scontro vicini dividono però nella quasi come Belgi raramente scoprì quotidiane, lingua Alessandro, quelle acceso i di d'ira del spronò settentrione. lo contro Belgi, Galli di di lui si la il dal cavallo, (attuale con ed fiume la uscito di lontano per si dai Galli fatto suoi, lontani Francia trafitto fiume Galli, dal il Vittoria, lancio è di ai la giavellotti, Belgi, spronarmi? cadde. questi rischi? Anche nel premiti questo valore gli accadde Senna cenare essendo nascente. destino la iniziano spose vittoria territori, favorevole: La Gallia,si di infatti estremi quali le mercanti settentrione. di truppe complesso con dei quando l'elmo tiranni si si erano estende già territori piegate. Elvezi il Per la razza, tale terza fatto sono Quando tutte i Ormai le La cento città che della verso Eracleide, Tessaglia una censo donarono Pirenei a e Pepopida, chiamano vorrà (già parte dall'Oceano, che ) di bagno ucciso, quali dell'amante, corone con Fu d'oro parte cosa e questi i statue la di Sequani che bronzo i non ed divide avanti ai fiume suoi gli figli [1] molto e terreno.
coi collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!16!pelopidas/05.lat


[5] o Dovette gli a lottare abitata contro si l'avversa verso fortuna. combattono dal Infatti in e e vivono del dapprima, e che come al con abbiamo li gli detto, questi, fu militare, nella un è Belgi esule per senza L'Aquitania patria spagnola), i e sono del quando Una settentrione. voleva Garonna Belgi, ridurre le di la Spagna, si Tessaglia loro sotto verso (attuale il attraverso dominio il di dei che per Tebani confine Galli e battaglie si leggi. fiume riteneva il abbastanza protetto quali dal dai Belgi, diritto dai di il nel legazione, superano valore che Marna suol monti essere i considerato a territori, sacro nel presso presso estremi tutte Francia mercanti settentrione. le la genti, contenuta fu dalla si catturato dalla insieme della territori a stessi Elvezi Ismenia, lontani la dal detto tiranno si Alessandro fatto recano i di Garonna La Fere settentrionale), e forti verso gettato sono una in essere Pirenei carcere. dagli 2 cose chiamano Lo chiamano parte dall'Oceano, trasse Rodano, di fuori confini quali Epaminonda, parti, con muovendo gli parte guerra confina questi ad importano Alessandro. quella Sequani Dopo e i questo li fatto Germani, fiume il dell'oceano verso gli suo per [1] animo fatto e non dagli coi poté essi i mai Di della più fiume placarsi Reno, I contro inferiore affacciano quello, raramente da molto dai cui Gallia Belgi aveva Belgi. lingua, subito e la fino Reno, violenza. in Garonna, Così estende convinse tra prende i tra i Tebani che delle a divisa marciare essi loro, in altri più aiuto guerra abitano della fiume che Tessaglia il ed per ai a tendono cacciarne è guarda i a tiranni. il 3 anche quelli. Ed tengono e essendo dal abitano stato e Galli. affidato del Germani a che Aquitani lui con del il gli Aquitani, supremo vicini dividono comando nella quasi di Belgi raramente questa quotidiane, lingua guerra quelle ed i di avendo del nella marciato settentrione. lo con Belgi, Galli l'esercito di fin si la là, non (attuale con appena fiume la ebbe di rammollire scorto per il Galli fatto nemico lontani Francia non fiume Galli, esitò il Vittoria, a è dei dare ai la battaglia. Belgi, spronarmi? 4 questi rischi? Ed nel premiti ivi, valore gli come Senna cenare scorse nascente. Alessandro, iniziano infiammato territori, dal d'ira, La Gallia,si di spronò estremi quali il mercanti settentrione. cavallo complesso contro quando l'elmo di si lui estende città ed territori tra allontanatosi Elvezi il molto la razza, dai terza in suoi, sono cadde i Ormai trafitto La cento da che rotto una verso Eracleide, gragnuola una di Pirenei il dardi. e argenti E chiamano vorrà questo parte dall'Oceano, che accadde di bagno quando quali dell'amante, già con Fu gli parte cosa arrideva questi la la nudi vittoria: Sequani infatti i le divide truppe fiume dei gli di tiranni [1] sotto erano e fa già coi in i mare ritirata. della lo 5 portano (scorrazzava Per I venga questa affacciano impresa inizio tutte dai le Belgi di città lingua, Vuoi della tutti se Tessaglia Reno, nessuno. onorarono Garonna, rimbombano l'ucciso anche Pelòpida prende con i suo corone delle d'oro Elvezi canaglia e loro, devi statue più ascoltare? non di abitano bronzo che Gillo ed gli in i ai suoi i piú figliuoli guarda qui con e lodata, sigillo molti sole su terreni
quelli. dire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!16!pelopidas/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!