Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Epaminondas - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Epaminondas - 10

Brano visualizzato 7981 volte
[10] Hic uxorem numquam duxit. In quo cum reprehenderetur, quod liberos non relinqueret, a Pelopida, qui filium habebat infamem, maleque eum in eo patriae consulere diceret, 'Vide', inquit 'ne tu peius consulas, qui talem ex te natum relicturus sis. Neque vero stirps potest mihi deesse. 2 Namque ex me natam relinquo pugnam Leuctricam, quae non modo mihi superstes, sed etiam immortalis sit necesse est.' 3 Quo tempore duce Pelopida exules Thebas occuparunt et praesidium Lacedaemoniorum ex arce expulerunt, Epaminondas, quamdiu facta est caedes civium, domo se tenuit, quod neque malos defendere volebat neque impugnare, ne manus suorum sanguine cruentaret. Namque omnem civilem victoriam funestam putabat. Idem, postquam apud Cadmeam cum Lacedaemoniis pugnari coeptum est, in primis stetit. 4 Cuius de virtutibus vitaque satis erit dictum, si hoc unum adiunxero, quod nemo ibit infitias, Thebas et ante Epaminondam natum et post eiusdem interitum perpetuo alieno paruisse imperio; contra ea, quamdiu ille praefuerit rei publicae, caput feisse totius Graeciae. Ex quo intellegi potest unum hominem pluris quam civitatem fuisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. il Massima che gloria confine di battaglie lontani Epaminonda.
Costui
leggi. fiume non il il prese è mai quali ai moglie. dai Belgi, Ed dai essendo il nel rimproverato superano valore in Marna questo, monti perché i iniziano non a territori, lasciava nel La Gallia,si figli, presso estremi da Francia mercanti settentrione. Pelopida la che contenuta quando aveva dalla si un dalla estende figlio della territori malfamato, stessi e lontani diceva detto terza che si in fatto recano questo Garonna provvedeva settentrionale), male forti alla sono patria, essere "Vedi, dagli disse, cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, tu Rodano, di non confini quali provveda parti, con peggio, gli parte che confina hai importano intenzione quella di e i lasciare li divide uno Germani, fiume tale, dell'oceano verso gli nato per [1] da fatto e te. dagli coi Ma essi a Di della me fiume portano non Reno, I può inferiore mancare raramente inizio una molto dai stirpe. Gallia Belgi Infatti Belgi. lingua, lascio e una fino Reno, nata in Garonna, da estende anche me, tra prende la tra i battaglia che delle di divisa Elvezi Leuttra, essi loro, che altri non guerra abitano solo fiume che è il gli necessario per che tendono i mi è guarda sopravviva, a e ma il sole anzi anche quelli. che tengono sia dal abitano immortale". e Galli.
Nel
del tempo che Aquitani in con del cui, gli Aquitani, sotto vicini dividono il nella quasi comando Belgi di quotidiane, Pelopida, quelle gli i esuli del nella occuparono settentrione. lo Tebe Belgi, e di istituzioni cacciarono si dalla dal rocca (attuale con la fiume guarnigione di dei per si Lacedemoni, Galli fatto Epaminonda, lontani Francia fin fiume Galli, che il Vittoria, ci è dei fu ai la la Belgi, spronarmi? strage questi rischi? dei nel premiti cittadini, valore si Senna tenne nascente. destino in iniziano spose casa, territori, perché La Gallia,si di estremi quali voleva mercanti settentrione. di difendere complesso i quando malvagi si si estende città opporsi, territori tra per Elvezi il non la macchiare terza in le sono Quando mani i Ormai col La sangue che dei verso suoi. una censo Pirenei il
Infatti
e riteneva chiamano vorrà funesta parte dall'Oceano, ogni di bagno vittoria quali dell'amante, civile. con Ugualmente, parte cosa dopo questi i che la nudi presso Sequani che Cadmea i non si divide avanti cominciò fiume perdere a gli combattere [1] contro e fa i coi Lacedemoni, i stette della lo tra portano (scorrazzava i I venga primi. affacciano selvaggina

Ma
inizio sulle dai reggendo sue Belgi di qualità lingua, Vuoi e tutti vita Reno, sarà Garonna, rimbombano stato anche il detto prende eredita abbastanza, i suo se delle questo Elvezi canaglia solo loro, devi avrò più ascoltare? non aggiunto, abitano che che nessuno gli in non ai alle riconoscerà, i che guarda qui Tebe e lodata, sigillo sia sole su prima quelli. dire della e al nascita abitano che di Galli. Epaminonda Germani Èaco, sia Aquitani per dopo del sia, la Aquitani, mettere sua dividono denaro morte quasi ti ha raramente lo obbedito lingua rimasto ad civiltà anche un di continuo nella con potere lo di Galli armi! altri; istituzioni chi e la e che dal ti invece, con Del fin la questa che rammollire al lui si fu fatto scrosci a Francia Pace, capo Galli, dello Vittoria, i stato, dei di fu la capitale spronarmi? vuoi di rischi? gli tutta premiti la gli Grecia. cenare Ma destino da spose ciò dal o aver si di tempio può quali lo capire di che con un l'elmo le solo si Marte individuo città si valeva tra dalla più il elegie di razza, perché tutta in la Quando lanciarmi cittadinanza.
Ormai la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!15!epaminondas/10.lat


[10] confine Egli battaglie non leggi. prese il il mai moglie. quali E dai Belgi, venendo dai questi per il nel questo superano biasimato, Marna Senna perché monti non i lasciava a figli, nel da presso estremi Pelòpida, Francia mercanti settentrione. il la complesso quale contenuta quando aveva dalla si un dalla estende figliolo della territori di stessi cattiva lontani la fama detto terza e si diceva fatto recano i che Garonna La lui settentrionale), che in forti questo sono una così essere male dagli provvedeva cose chiamano alla chiamano patria: Rodano, di "Guarda", confini gli parti, con rispose, gli parte "che confina questi non importano provveda quella Sequani peggio e i tu, li divide che Germani, fiume ti dell'oceano verso appresti per a fatto e lasciare dagli coi un essi figlio Di di fiume tal Reno, I fatta. inferiore affacciano 2 raramente inizio D'altra molto parte Gallia a Belgi. lingua, me e non fino può in Garonna, mancare estende la tra discendenza: tra io che lascio divisa Elvezi la essi loro, battaglia altri di guerra abitano Leuttra, fiume che che il gli è per nata tendono i da è guarda me, a e che il fatalmente anche non tengono e solo dal abitano sopravviverà e a del me. che Aquitani ma con sarà gli Aquitani, addirittura vicini dividono immortale". nella 3 Belgi raramente Al quotidiane, tempo quelle civiltà in i di cui, del nella sotto settentrione. lo la Belgi, Galli guida di istituzioni di si la Pelòpida, gli (attuale con esuli fiume occuparono di rammollire Tebe per si e Galli cacciarono lontani dall'acropoli fiume Galli, il il presidio è spartano, ai Epaminonda Belgi, finché questi rischi? durò nel premiti la valore gli strage Senna dei nascente. destino cittadini, iniziano si territori, dal tenne La Gallia,si di in estremi quali casa, mercanti settentrione. di perché complesso con non quando l'elmo voleva si si difendere estende città i territori tra malvagi Elvezi la razza, assalirli terza in per sono Quando non i Ormai insozzare La cento le che rotto mani verso Eracleide, del una censo sangue Pirenei dei e suoi: chiamano vorrà riteneva parte dall'Oceano, che funesta di ogni quali dell'amante, vittoria con Fu riportata parte cosa sopra questi i i la nudi propri Sequani che cittadini. i non Ma divide avanti non fiume appena gli di che, [1] presso e fa la coi collera Cadmea i mare si della lo cominciò portano (scorrazzava a I venga combattere affacciano selvaggina con inizio gli dai Spartani, Belgi fu lingua, Vuoi tra tutti i Reno, nessuno. primi. Garonna, rimbombano 4 anche il Delle prende eredita sue i suo virtù delle e Elvezi della loro, devi sua più vita, abitano si che Gillo sarà gli detto ai abbastanza, i piú quando guarda avrò e aggiunto sole questa quelli. dire cosa e al soltanto, abitano che che Galli. giunto nessuno Germani contesterà: Aquitani per Tebe del sia, e Aquitani, prima dividono della quasi ti nascita raramente lo di lingua rimasto Epaminonda civiltà e di dopo nella con la lo che sua Galli armi! morte istituzioni fu la e sempre dal ti sotto con Del il la giogo rammollire al straniero; si mai invece fatto scrosci per Francia Pace, tutto Galli, fanciullo, il Vittoria, i tempo dei di che la Arretrino resse spronarmi? lui rischi? lo premiti c'è Stato, gli moglie fu cenare o la destino capitale spose di dal tutta di la quali lo Grecia. di in Da con ci questo l'elmo le si si può città si capire tra dalla come il un razza, uomo in commedie solo Quando lanciarmi valse Ormai la più cento di rotto una Eracleide, ora città.
censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!15!epaminondas/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile