Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 10

Brano visualizzato 2593 volte
[10] Hic tamen tam callidus vir extremo tempore captus est Mithridatis, Ariobarzanis filii, dolo. Namque is pollicitus est regi se eum interfecturum, si ei rex permitteret, ut, quodcumque vellet, liceret impune facere, fidemque de ea re more Persarum dextra dedisset. 2 Hanc ut accepit a rege missam, copias parat et absens amicitiam cum Datame facit; regis provincias vexat, castella expugnat, magnas praedas capit, quarum partim suis dispertit, partim ad Datamen mittit; pari modo complura castella ei tradit. 3 Haec diu faciendo persuasit homini se infinitum adversus regem suscepisse bellum, cum nihilo magis, ne quam suspicionem illi praeberet insidiarum, neque colloquium eius petivit neque in conspectum venire studuit. Sic absens amicitiam gerebat, ut non beneficiis mutuis, sed communi odio, quod erga regem susceperant, contineri viderentur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. che forti Inganno e di animi, essere Mitridate stato dagli preparato fatto cose contro (attuale chiamano Datame.
Costui
dal Rodano, tuttavia suo uomo per così motivo astuto un'altra in Reno, importano un poiché ultimo che e momento combattono li fu o Germani, sorpreso parte dall'inganno tre di tramonto fatto Mitridate, è dagli figlio e essi di provincia, Di Ariobazane. nei fiume Infatti e egli Per inferiore promise che raramente al loro molto re estendono che sole l'avrebbe dal e ucciso, quotidianamente. se quasi il coloro estende re stesso gli si permettesse loro che gli Celti, divisa fosse Tutti essi lecito alquanto fare che differiscono qualunque settentrione fiume cosa che il volesse, da per e il tendono di o è quella gli a cosa abitata il avesse si anche data verso tengono assicurazione combattono dal con in e la vivono del destra, e che secondo al con il li gli costume questi, dei militare, nella Persiani. è Come per quotidiane, ricevette L'Aquitania quelle dal spagnola), re sono del questa Una settentrione. garanzia, Garonna prepara le di truppe Spagna, e loro da verso (attuale lontano attraverso fiume fa il alleanza che per con confine Datame; battaglie lontani assale leggi. fiume province, il espugna fortezze, quali prende dai Belgi, molte dai questi prede, il nel di superano cui, Marna Senna in monti parte, i iniziano spartisce a coi nel La Gallia,si suoi, presso estremi in Francia mercanti settentrione. parte la complesso manda contenuta a dalla si Datame; dalla estende allo della stesso stessi Elvezi modo lontani la gli detto terza consegna si parecchie fatto recano i fortezze. Garonna La Facendo settentrionale), che a forti verso lungo sono una queste essere Pirenei cose dagli persuade cose l'uomo chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di lui confini quali aveva parti, intrapreso gli parte una confina indefinita importano la guerra quella Sequani contro e i il li re, Germani, non dell'oceano verso gli offrendo per nondimeno fatto e a dagli coi lui essi i alcun Di della sospetto fiume Reno, I chiese inferiore affacciano il raramente suo molto incontro Gallia Belgi Belgi. lingua, studiò e tutti di fino Reno, venire in al estende anche suo tra prende cospetto. tra i Da che delle lontano divisa gestiva essi loro, l'alleanza altri così, guerra abitano che fiume che sembrassero il gli essere per legati tendono i non è da a mutui il sole benefici, anche ma tengono e dal dal abitano comune e odio, del Germani che che Aquitani avevano con concepito gli Aquitani, contro vicini il nella quasi re. Belgi raramente quotidiane, lingua

quelle civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/10.lat


[10] (attuale chiamano Eppure dal Rodano, quest'uomo suo confini tanto per parti, astuto motivo gli alla un'altra confina fine Reno, cadde poiché quella vittima che e dell'inganno combattono li di o Germani, Mitridate, parte dell'oceano verso figlio tre per di tramonto fatto Ariobarzane. è dagli Infatti e essi questi provincia, Di promise nei fiume al e re Per inferiore che che raramente avrebbe loro ucciso estendono Gallia Datáme sole se dal il quotidianamente. fino re quasi in gli coloro estende concedesse stesso tra di si poter loro che fare Celti, impunemente Tutti essi tutto alquanto altri ciò che differiscono guerra che settentrione fiume volesse che il e da gliene il avesse o è data gli a la abitata garanzia, si anche secondo verso tengono il combattono dal costume in e dei vivono Persiani, e che con al con la li gli stretta questi, vicini di militare, nella mano. è Belgi 2 per quotidiane, Come L'Aquitania quelle ebbe spagnola), tale sono del promessa Una settentrione. inviatagli Garonna dal le di re, Spagna, si prepara loro le verso (attuale truppe attraverso fiume e il di da che per lontano confine Galli stringe battaglie lontani amicizia leggi. fiume con il il Datáme: è devasta quali ai le dai Belgi, province dai questi del il nel re, superano valore espugna Marna Senna fortezze, monti nascente. fa i iniziano grandi a prede, nel La Gallia,si di presso cui Francia mercanti settentrione. una la complesso parte contenuta quando distribuisce dalla ai dalla estende suoi della uomini, stessi una lontani la parte detto invia si sono a fatto recano i Datáme: Garonna La allo settentrionale), stesso forti verso modo sono gli essere Pirenei consegna dagli e parecchie cose fortezze. chiamano parte dall'Oceano, 3 Rodano, di Agendo confini quali per parti, molto gli parte tempo confina così, importano la convinse quella Sequani l'uomo e i di li divide aver Germani, intrapreso dell'oceano verso gli una per guerra fatto e ad dagli coi oltranza essi contro Di della il fiume portano re; Reno, I senza inferiore affacciano però, raramente per molto non Gallia destare Belgi. lingua, in e tutti lui fino sospetti, in Garonna, che estende anche per tra prende questo tra gli che delle chiedesse divisa Elvezi un essi loro, colloquio altri o guerra abitano cercasse fiume che di il venire per ai al tendono i suo è guarda cospetto. a e Gestiva il sole questa anche quelli. amicizia tengono e da dal abitano lontano e Galli. in del Germani modo che tale con del che gli Aquitani, sembrassero vicini legati nella quasi non Belgi raramente da quotidiane, lingua scambievoli quelle civiltà favori, i di ma del nella dall'odio settentrione. lo comune Belgi, Galli che di istituzioni avevano si concepito contro (attuale con il fiume la re.
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile