Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 9

Brano visualizzato 16183 volte
[9] At rex quod implacabile odium in Datamen susceperat, postquam bello eum opprimi non posse animadvertit, insidiis interficere studuit; quas ille plerasque vitavit. 2 Sicut, cum ei nuntiatum esset quosdam sibi insidiari, qui in amicorum erant numero. De quibus quod inimici detulerant, neque credendum neque neglegendam putavit: experiri voluit, verum falsumne sibi esset relatum. 3 Itaque eo profectus est, in quo itinere futuras insidias dixerant. Sed elegit corpore ac statura simillimum sui eique vestitum suum dedit atque eo loco ire, quo ipse consuerat, iussit. Ipse autem ornatu vestituque militari inter corporis custodes iter facere coepit. 4 At insidiatores, postquam in eum locum agmen pervenit, decepti ordine atque vestitu impetum in eum faciunt, qui suppositus erat. Praedixerat autem iis Datames, cum quibus iter faciebat, ut parati essent facere, quod ipsum vidissent. 5 Ipse, ut concurrentis insidiatores animum advertit, tela in eos coniecit. Hoc idem cum universi fecissent, priusquam pervenirent ad eum, quem aggredi volebant, confixi conciderunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. e che Agguato al contro li gli Datame.
Ma
questi, il militare, nella re è Belgi poiché per quotidiane, aveva L'Aquitania quelle concepito spagnola), un sono odio Una implacabile Garonna Belgi, contro le di Datame, Spagna, si dopo loro che verso capì attraverso fiume che il quello che per non confine Galli poteva battaglie lontani essere leggi. fiume oppresso il il con è una quali guerra, dai studiò dai questi di il ucciderlo superano con Marna Senna insidie. monti nascente. Così i iniziano come, a territori, essendogli nel La Gallia,si stato presso estremi annunciato Francia mercanti settentrione. che la complesso gli contenuta tendevano dalla si insidie dalla alcuni, della territori che stessi Elvezi erano lontani nel detto terza numero si sono degli fatto recano i amici, Garonna La ma settentrionale), che su forti verso di sono una essi, essere quello dagli che cose chiamano i chiamano nemici Rodano, avevano confini quali riportato, parti, con non gli ritenne confina importano la dover quella credere e li divide trascurare: Germani, fiume volle dell'oceano verso sperimentare, per se fatto fosse dagli coi stato essi i riferito Di della il fiume portano vero Reno, I o inferiore il raramente inizio falso. molto E Gallia così Belgi. si e recò fino Reno, là, in Garonna, dove estende anche avevano tra prende detto tra i ci che sarebbero divisa Elvezi state essi loro, le altri più insidie. guerra abitano Ma fiume scelse il gli uno per ai molto tendono simile è guarda a a il sole di anche quelli. corporatura tengono e e dal abitano statura e e del Germani gli che Aquitani diede con del il gli Aquitani, suo vicini vestito nella ed Belgi raramente ordinò quotidiane, lingua di quelle civiltà andare, i di dove del nella lui settentrione. lo stesso Belgi, era di istituzioni solito. si la Lui però (attuale con fiume abbigliamento di rammollire e per si vestiario Galli militare lontani Francia cominciò fiume Galli, a il marciare è dei tra ai le Belgi, spronarmi? guardie questi rischi? del nel premiti corpo. valore gli Senna cenare
Ma
nascente. destino gli iniziano attentatori, territori, dopo La Gallia,si che estremi quali la mercanti settentrione. schiera complesso con giunse quando in si si quel estende città luogo, territori ingannati Elvezi il dall'ordine la razza, e terza in dal sono Quando vestiario i Ormai fanno La un che rotto assalto verso Eracleide, contro una quello Pirenei che e argenti era chiamano vorrà stato parte dall'Oceano, che messo di al quali dell'amante, suo con Fu posto. parte cosa Datame questi i però la nudi aveva Sequani che prima i ordinato divide a fiume perdere quelli gli con [1] sotto cui e fa faceva coi la i mare marcia della lo che portano (scorrazzava fossero I venga pronti affacciano a inizio la fare dai reggendo quello Belgi di che lingua, avessero tutti se visto Reno, nessuno. che Garonna, lui anche il ( prende faceva). i Egli, delle io come Elvezi canaglia si loro, devi accorse più ascoltare? non degli abitano attentatori che Gillo che gli accorrevano, ai scagliò i piú giavellotti guarda qui contro e di sole essi. quelli. dire Avendo e tutti abitano che fatta Galli. giunto la Germani Èaco, stessa Aquitani per cosa, del sia, prima Aquitani, mettere che dividono giungessero quasi da raramente lo colui lingua che civiltà anche volevano di lo aggredire, nella con caddero lo che trafitti.
Galli armi!
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/09.lat


[9] confine Ma battaglie lontani il leggi. fiume re, il il che aveva quali ai concepito dai Belgi, un dai odio il implacabile superano valore contro Marna Senna Datáme, monti nascente. quando i iniziano si a territori, accorse nel La Gallia,si che presso estremi questi Francia non la poteva contenuta quando essere dalla si eliminato dalla estende con della territori la stessi Elvezi guerra, lontani la cercò detto di si ucciderlo fatto recano i con Garonna le settentrionale), insidie, forti verso ma sono lui essere il dagli più cose chiamano delle chiamano parte dall'Oceano, volte Rodano, di riuscì confini ad parti, sventarle. gli parte 2 confina Per importano la esempio, quella una e volta li che Germani, fiume fu dell'oceano verso gli avvertito per [1] che fatto tramavano dagli coi contro essi di Di della lui fiume portano certuni Reno, I che inferiore erano raramente nel molto dai giro Gallia dei Belgi. suoi e amici, fino Reno, poiché in a estende denunciarli tra erano tra stati che delle dei divisa nemici, essi egli altri più non guerra ritenne fiume che il di per ai credere tendono i la è guarda cosa, a il sole anche quelli. trascurarla, tengono e volle dal abitano verificare e se del gli che era con del stato gli Aquitani, riferito vicini dividono il nella vero Belgi o quotidiane, il quelle civiltà falso. i 3 del Così settentrione. parti Belgi, Galli per di istituzioni dove si la gli avevano (attuale con detto fiume la che di gli per si avrebbero Galli fatto teso lontani Francia l'agguato. fiume Ma il Vittoria, scelse è dei uno ai la di Belgi, spronarmi? corporatura questi rischi? e nel premiti di valore gli altezza Senna cenare assai nascente. destino simile iniziano spose a territori, La Gallia,si di e estremi quali gli mercanti settentrione. di dette complesso con i quando l'elmo suoi si si abiti estende città e territori tra gli Elvezi il ordinò la razza, di terza tenere sono Quando la i Ormai posizione La cento che che rotto era verso solito una censo tenere Pirenei il lui; e argenti egli chiamano stesso parte dall'Oceano, in di bagno divisa quali ed con equipaggiamento parte da questi i soldato la si Sequani incamminò i non tra divide avanti le fiume guardie gli di del [1] sotto corpo. e fa 4 coi collera Ma i mare gli della insidiatori, portano quando I venga la affacciano selvaggina colonna inizio la in dai reggendo marcia Belgi di fu lingua, Vuoi giunta tutti al Reno, nessuno. luogo Garonna, rimbombano convenuto, anche ingannati prende dal i suo posto delle io e Elvezi dalle loro, vestì, più ascoltare? non fanno abitano fine irruzione che Gillo contro gli in quello ai alle che i piú aveva guarda preso e lodata, sigillo il sole su suo quelli. posto. e al Datáme abitano che aveva Galli. giunto avvertito Germani Èaco, quelli Aquitani per con del sia, i Aquitani, mettere quali dividono denaro era quasi in raramente lo marcia lingua di civiltà essere di pronti nella con a lo che fare Galli armi! quello istituzioni che la e avessero dal visto con fare la questa a rammollire al lui. si mai 5 fatto scrosci Ed Francia Pace, appena Galli, egli Vittoria, i vide dei gli la Arretrino insidiatori spronarmi? vuoi all'attacco, rischi? gli scagliò premiti c'è dardi gli moglie contro cenare o di destino quella loro. spose della Siccome dal tutti di fecero quali lo la di in medesima con ci cosa, l'elmo gli si aggressori, città si prima tra dalla che il elegie arrivassero razza, a in commedie quello Quando che Ormai la volevano cento malata assalire, rotto porta caddero Eracleide, ora trafitti.
censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/09.lat


Ma Spagna, si il loro re verso (attuale (dei attraverso fiume Persiani), il poiché che per aveva confine Galli concepito battaglie lontani un leggi. fiume odio il il implacabile è contro quali Datame, dai dopo dai questi che il capì superano valore che Marna egli monti non i iniziano poteva a essere nel schiacciato presso estremi in Francia mercanti settentrione. guerra, la cercò contenuta quando di dalla farlo dalla uccidere della territori in stessi Elvezi un lontani agguato: detto (agguato) si sono che fatto recano egli, Garonna La però, settentrionale), che riuscì forti verso più sono volte essere Pirenei ad dagli evitare. cose Infatti, chiamano parte dall'Oceano, essendo Rodano, di venuto confini quali a parti, sapere gli parte (lett.: confina questi essendogli importano la stato quella Sequani annunciato) e i che li divide gli Germani, fiume tendevano dell'oceano verso gli insidie per [1] alcuni fatto che dagli erano essi i nel Di della numero fiume portano dei Reno, I (suoi) inferiore amici, raramente volle molto sperimentare Gallia Belgi se Belgi. gli e fosse fino Reno, stato in Garonna, riferito estende anche il tra vero tra i o che delle il divisa falso. essi loro, Pertanto altri più andò guerra abitano fiume che dove il gli per ai era tendono i stato è guarda detto a e che il sole ci anche sarebbe tengono e stato dal l'agguato. e Ma del Germani scelse che uno con del schiavo gli Aquitani, di vicini dividono aspetto nella quasi e Belgi raramente di quotidiane, lingua statura quelle civiltà molto i di simile del a settentrione. lo Belgi, Galli e di istituzioni gli si diede dal il (attuale con suo fiume la vestito di rammollire e per gli Galli fatto ordinò lontani Francia di fiume Galli, aggirarsi il Vittoria, dove è dei egli ai la stesso Belgi, era questi rischi? solito nel (aggirarsi); valore gli egli Senna cenare stesso nascente. destino invece, iniziano spose incominciò territori, dal a La Gallia,si di marciare estremi con mercanti settentrione. vestito complesso con e quando l'elmo distintivi si si di estende città soldato territori (lett.: Elvezi il militare) la tra terza le sono Quando guardie i del La corpo. che Ma verso gli una censo attentatori, Pirenei il dopo e argenti che chiamano la parte dall'Oceano, schiera di bagno giunse quali in con quel parte cosa luogo, questi i ingannati la nudi dalla Sequani che posizione i non e divide avanti dall'abbigliamento, fiume perdere fanno gli impeto [1] sotto contro e fa colui coi collera che i era della lo stato portano (scorrazzava messo I venga al affacciano selvaggina posto inizio la (di dai reggendo Datame). Belgi di Datame, lingua, Vuoi però tutti se aveva Reno, nessuno. precedentemente Garonna, rimbombano detto anche il a prende eredita coloro i suo con delle io i Elvezi canaglia quali loro, devi faceva più ascoltare? non il abitano fine cammino che Gillo che gli in fossero ai alle pronti i a guarda qui fare e lodata, sigillo ciò sole su che quelli. dire avessero e al visto abitano che fare Galli. giunto a Germani Èaco, lui Aquitani [lett.: del che Aquitani, mettere egli dividono denaro stesso quasi ti (faceva)]. raramente lo Lo lingua rimasto stesso civiltà anche (Datame), di lo come nella con vide lo che gli Galli armi! attentatori istituzioni chi accorrere la e , dal lanciò con dardi la questa contro rammollire al di si loro. fatto Avendo Francia Pace, fatto Galli, questa Vittoria, i medesima dei cosa la Arretrino tutti spronarmi? vuoi quanti, rischi? (gli premiti c'è attentatori), gli moglie prima cenare o che destino quella raggiungessero spose della colui dal o aver che di tempio volevano quali lo aggredire, di in caddero con ci trafitti.
l'elmo le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/09.lat


Il attraverso fiume re il invece, che poiché confine Galli aveva battaglie lontani provato leggi. fiume un il il odio implacabile quali ai verso dai Belgi, Datame, dai questi dopo il nel aver superano valore notato Marna che monti nascente. quello i non a territori, poteva nel La Gallia,si essere presso vinto, Francia mercanti settentrione. cercò la di contenuta quando ucciderlo dalla si con dalla estende degli della agguati: stessi Elvezi ed lontani egli detto terza riuscì si a fatto recano scamparne Garonna la settentrionale), maggior forti verso parte. sono Per essere Pirenei esempio, dagli e quando cose chiamano gli chiamano parte dall'Oceano, fu Rodano, di riferito confini quali che parti, con lo gli insidiavano confina alcuni importano i quella Sequani quali e erano li nel Germani, fiume numero dell'oceano verso gli degli per [1] amici fatto e dagli coi riguardo essi ai Di della quali, fiume portano poiché Reno, I i inferiore nemici raramente inizio li molto dai avevano Gallia accusati, Belgi. ritenne e tutti fino di in Garonna, crederli estende anche tra prende di tra i trascurarli che delle divisa Elvezi volle essi loro, capire altri più se guerra abitano gli fiume che fosse il gli stato per riportato tendono i il è vero a e o il sole il anche quelli. falso. tengono e E dal abitano così e Galli. parti del verso che Aquitani il con del luogo gli Aquitani, durante vicini dividono il nella quale Belgi viaggio quotidiane, lingua avevano quelle civiltà detto i di che del nella ci settentrione. lo sarebbero Belgi, Galli state di istituzioni le si la insidie. dal Ma (attuale con scelse fiume uno di con per la Galli fatto corporatura lontani Francia e fiume Galli, la il Vittoria, statura è più ai la simile Belgi, alla questi rischi? sua nel e valore gli gli Senna diede nascente. destino il iniziano spose suo territori, dal abito La Gallia,si di e estremi quali ordinò mercanti settentrione. di di complesso con andare quando in si si quel estende città luogo territori tra dove Elvezi lui la stesso terza era sono Quando abituato i Ormai ad La andare; che rotto egli verso stesso una censo tuttavia Pirenei equipaggiato e e chiamano vorrà vestito parte dall'Oceano, che da di soldato quali dell'amante, iniziò con a parte cosa viaggiare questi i tra la le Sequani che guardie i non del divide avanti corpo. fiume perdere Ma gli di gli [1] sotto insidiatori, e fa dopo coi collera che i mare la della lo schiera portano giunge I in affacciano tale inizio la luogo, dai reggendo ingannati Belgi di dalla lingua, Vuoi serie tutti se e Reno, dall'abito Garonna, rimbombano si anche lasciarono prende eredita contro i suo colui delle io il Elvezi canaglia quale loro, devi era più ascoltare? non stato abitano sostituito. che Gillo Datame gli in inoltre ai alle aveva i prima guarda qui detto e a sole su coloro quelli. dire con e al i abitano quali Galli. giunto viaggiava Germani che Aquitani fossero del sia, pronti Aquitani, mettere a dividono denaro fare quasi ti ciò raramente lo che lingua avrebbero civiltà anche visto di lo da nella con lui. lo che Lui Galli armi! stesso, istituzioni quando la si dal accorse con Del che la questa gli rammollire al insidiatori si mai andavano fatto scrosci all'attacco, Francia Pace, lanciò Galli, frecce Vittoria, verso dei di la Arretrino loro. spronarmi? Poiché rischi? tutti premiti c'è fecero gli moglie la cenare stessa destino quella cosa, spose della prima dal di di tempio giungere quali verso di in di con ci colui l'elmo il si Marte quale città si volevano tra dalla assalire, il morirono razza, perché trafitti. in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/09.lat

[david-28] - [2008-03-18 16:28:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile