Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Datames - 2

Brano visualizzato 6934 volte
[2] Pari se virtute postea praebuit, cum Autophrodates iussu regis bello persequeretur eos, qui defecerant. Namque huius opera hostes, cum castra iam intrassent, profligati sunt exercitusque reliquus conservatus regis est. Qua ex re maioribus rebus praeesse coepit. 2 Erat eo tempore Thuys, dynastes Paphlagoniae antiquo genere, ortus a Pylaemene illo, quem Homerus Troico bello a Patroclo interfectum ait. 3 Is regi dicto audiens non erat. Quam ob causam bello eum persequi constituit eique rei praefecit Datamen, propinquum Paphlagonis: namque ex fratre et sorore erant nati. Quam ob causam Datames primum experiri voluit, ut sine armis propinquum ad officium reduceret. Ad quem cum venisset sine praesidio, quod ab amico nullas vereretur insidias, paene interiit: nam Thuys eum clam interficere voluit. 4 Erat mater cum Datame, amita Paphlagonis: ea, quid ageretur, resciit filiumque monuit. 5 Ille fuga periculum evitavit bellumque indixit Thuyni. In quo cum ab Ariobarzane, praefecto Lydiae et Ioniae totiusque Phrygiae, desertus esset, nihilo segnius perseveravit vivumque Thuym cepit cum uxore et liberis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] L'Aquitania quelle Si spagnola), i dimostrò sono in Una settentrione. seguito Garonna Belgi, di le pari Spagna, si valore, loro quando verso (attuale Autofrodate attraverso fiume per il di ordine che per del confine re battaglie lontani attaccò leggi. quelli il il che è avevano quali tradito: dai Belgi, grazie dai questi al il suo superano valore intervento Marna Senna i monti nemici i iniziano che a già nel La Gallia,si erano presso estremi entrati Francia mercanti settentrione. nell'accampamento, la complesso furono contenuta sconfitti dalla si e dalla estende il della resto stessi Elvezi dell'esercito lontani del detto re si fu fatto recano i salvato; Garonna La così settentrionale), che cominciò forti ad sono una avere essere Pirenei comandi dagli e di cose chiamano maggiore chiamano parte dall'Oceano, importanza. Rodano, di 2 confini quali Era parti, con in gli quel confina questi tempo importano la principe quella della e i Pafiagonia li divide Tuine, Germani, di dell'oceano verso gli antico per lignaggio, fatto discendente dagli da essi i quel Di Pilemene fiume portano che Reno, Omero inferiore dice raramente ucciso molto dai da Gallia Belgi Patroclo Belgi. lingua, durante e la fino guerra in di estende anche Troia. tra prende 3 tra i Costui che rifiutava divisa Elvezi obbedienza essi loro, al altri più re. guerra Perciò fiume che il il gli re per ai decise tendono i di è muovergli a guerra il sole e anche quelli. mise tengono a dal capo e dell'impresa del Germani Datáme, che Aquitani parente con del del gli Aquitani, Paflagone: vicini erano nella quasi nati Belgi raramente infatti quotidiane, lingua da quelle civiltà un i di fratello del e settentrione. lo da Belgi, Galli una di sorella. si la Per questo (attuale con motivo fiume Datáme di rammollire dapprima per volle Galli fatto tentare lontani di fiume Galli, riportare il Vittoria, all'obbedienza è dei il ai la parente Belgi, senza questi rischi? ricorrere nel premiti alle valore armi, Senna cenare ma nascente. destino andato iniziano da territori, dal lui La Gallia,si di senza estremi scorta, mercanti settentrione. di perché complesso con non quando l'elmo temeva si alcun estende inganno territori tra da Elvezi il un la razza, amico, terza poco sono Quando mancò i Ormai che La cento morisse: che rotto infatti verso Eracleide, Tuine una censo progettò Pirenei il di e ucciderlo chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che nascosto. di bagno 4 quali Con con Fu Datáme parte cosa c'era questi la la madre, Sequani che zia i non paterna divide avanti del fiume perdere Pafiagone; gli essa [1] venne e fa a coi collera sapere i mare quello della lo che portano (scorrazzava si I macchinava affacciano selvaggina e inizio la informò dai reggendo il Belgi di figlio. lingua, 5 tutti Questi Reno, evitò Garonna, rimbombano il anche il pericolo prende eredita dandosi i suo alla delle fuga Elvezi canaglia e loro, devi dichiarò più ascoltare? non guerra abitano fine a che Tuine. gli E ai alle quantunque i piú nel guarda qui corso e lodata, sigillo di sole essa quelli. dire fosse e al stato abitano che abbandonato Galli. giunto da Germani Èaco, Ariobarzane, Aquitani per satrapo del della Aquitani, Lidia dividono denaro e quasi ti della raramente lo Ionia lingua e civiltà anche di di lo tutta nella con la lo che Frigia, Galli nondimeno istituzioni continuò la e a dal ti combattere con e la questa prese rammollire al vivo si mai Tuine fatto scrosci con Francia Pace, la Galli, fanciullo, moglie Vittoria, i ed dei di i la figli.
spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/02.lat


2. li gli Valore questi, vicini di militare, nella Datame è Belgi contro per Tuis.
Si
L'Aquitania dimostrò spagnola), i poi sono di Una settentrione. pari Garonna Belgi, valore, le quando Spagna, si Autofrodate loro per verso ordine attraverso fiume del il di re che perseguiva confine Galli coloro, battaglie lontani che leggi. fiume si il erano è ribellati. quali
Infatti
dai Belgi, per dai questi sua il nel opera superano valore i Marna nemici, monti nascente. essendo i iniziano ormai a territori, entrati nel negli presso accampamenti, Francia furono la sconfitti contenuta ed dalla si il dalla estende rimanente della territori esercito stessi Elvezi del lontani la re detto terza fu si sono salvato. fatto recano i Per Garonna La tale settentrionale), cosa forti verso comincio sono ad essere Pirenei essere dagli e a cose capo chiamano di Rodano, di maggiori confini quali realtà. parti, con C'era gli in confina questi quel importano tempo, quella Sequani Tuis, e principe li divide della Germani, fiume Paflagonia dell'oceano verso di per antica fatto famiglia, dagli coi nato essi i da Di della quel fiume portano famoso Reno, I Palamede, inferiore affacciano che raramente Omero molto dai dice Gallia Belgi ucciso Belgi. da e tutti Patroclo fino Reno, nella in guerra estende anche troiana. tra prende Egli tra i non che era divisa Elvezi obbediente essi loro, all'ordine altri del guerra re. fiume che Per il gli tale per motivo tendono i decise è di a perseguirlo il con anche quelli. una tengono e guerra dal ed e a del quella che Aquitani mise con del a gli capo vicini dividono Datame, nella quasi parente Belgi di quotidiane, lingua Paflagone: quelle civiltà infatti i di erano del nati settentrione. lo da Belgi, Galli fratello di istituzioni e si sorella. dal Per (attuale con tale fiume motivo di rammollire Datame per si dapprima Galli fatto volle lontani Francia tentare, fiume Galli, di il Vittoria, indurre è dei al ai la dovere Belgi, spronarmi? il questi rischi? parente nel premiti senza valore armi. Senna cenare E nascente. giunto iniziano spose da territori, dal lui La Gallia,si di senza estremi quali scorta, mercanti settentrione. di perché complesso da quando l'elmo un si si amico estende città non territori temeva Elvezi il nessuna la razza, insidia, terza in quasi sono Quando perì: i Ormai infatti La Tuis che rotto volle verso Eracleide, ucciderlo una censo di Pirenei nascosto. e C'era chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che Datame di bagno la quali dell'amante, madre, con Fu zia parte cosa di questi i Paflagone: la nudi ella Sequani venne i non a divide avanti sapere, fiume perdere cosa gli di si [1] tramasse, e fa ed coi avvertì i il della lo figlio. portano (scorrazzava
Egli
I venga con affacciano selvaggina la inizio la fuga dai evitò Belgi il lingua, pericolo tutti se e Reno, nessuno. dichiarò Garonna, rimbombano guerra anche il a prende eredita Tuis. i Ma delle io in Elvezi canaglia questa loro, devi essendo più ascoltare? non stato abitano abbandonato che da gli Ariobazane, ai alle comandante i della guarda qui Lidia, e lodata, sigillo della sole Ionia quelli. dire e e al di abitano che tutta Galli. giunto la Germani Èaco, Frigia, Aquitani per per del nulla Aquitani, mettere perseverò dividono più quasi ti pigramente raramente lo e lingua rimasto catturò civiltà anche vivo di Tuis nella con lo che moglie Galli armi! e istituzioni figli. la dal ti
con Del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!14!datames/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile