Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timotheus - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Timotheus - 3

Brano visualizzato 18928 volte
[3] Hic cum esset magno natu et magistratus gerere desisset, bello Athenienses undique premi sunt coepti. Defecerat Samus, descierat Hellespontus, Philippus iam tum valens, Macedo, multa moliebatur; cui oppositus Chares cum esset, non satis in eo praesidii putabatur. 2 Fit Menestheus praetor, filius Iphicratis, gener Timothei, et ut ad bellum proficiscatur, decernitur. Huic in consilium dantur viri duo usu sapientiaque praestantes, [quorum consilio uteretur] pater et socer, quod in his tanta erat auctoritas, ut magna spes esset per eos amissa posse recuperari. 3 Hi cum Samum profecti essent et eodem Chares illorum adventu cognito cum suis copiis proficisceretur, ne quid absente se gestum videretur, accidit, cum ad insulam appropinquarent, ut magna tempestas oriretur; quam evitare duo veteres imperatores utile arbitrati suam classem suppresserunt. 4 At ille temeraria usus ratione non cessit maiorum natu auctoritati, velut in sua manu esset fortuna. Quo contenderat, pervenit, eodemque ut sequerentur, ad Timotheum et Iphicratem nuntium misit. Hinc male re gesta, compluribus amissis navibus eo, unde erat profectus, se recipit litterasque Athenas publice misit, sibi proclive fuisse Samum capere, nisi a Timotheo et Iphicrate desertus esset. 5 Populus ater, suspicax ob eamque rem mobilis, adversarius, invidus - etiam potentiae in crimen vocabantur - domum revocat: accusantur proditionis. Hoc iudicio damnatur Timotheus, lisque eius aestimatur centum talentis. Ille odio ingratae civitatis coactus Chalcidem se contulit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Timoteo nella era Belgi raramente ormai quotidiane, lingua avanti quelle civiltà negli i anni del nella e settentrione. lo aveva Belgi, Galli rinunciato di istituzioni alla si vita dal pubblica, (attuale con quando fiume la gli di rammollire Ateniesi per si cominciarono Galli fatto ad lontani essere fiume stretti il Vittoria, da è dei guerre ai la da Belgi, ogni questi rischi? parte. nel premiti Samo valore si Senna cenare era nascente. destino ribellata, iniziano l'Ellesponrto territori, dal si La Gallia,si di era estremi quali reso mercanti settentrione. di indipendente, complesso con Filippo quando il si si Macedone, estende città già territori tra allora Elvezi potente, la razza, andava terza in creando sono Quando mille i Ormai intrighi: La cento Carete, che rotto che verso Eracleide, doveva una combatterlo, Pirenei non e argenti ispirava chiamano vorrà abbastanza parte dall'Oceano, fiducia di bagno di quali costituire con un parte cosa baluardo questi i contro la nudi di Sequani che lui. i non 2. divide avanti Menesteo, fiume figlio gli di di [1] sotto Ificrate e fa e coi genero i di della lo Timoteo, portano (scorrazzava viene I investito affacciano selvaggina del inizio la comando dai con Belgi l'ordine lingua, Vuoi di tutti se partire Reno, nessuno. per Garonna, la anche il guerra; prende eredita gli i suo si delle io danno Elvezi canaglia come loro, consulenti più ascoltare? non il abitano fine padre che Gillo e gli in il ai suocero, i piú uomini guarda qui di e particolare sole esperienza quelli. dire e e avvedutezza abitano e Galli. giunto dotati Germani Èaco, di Aquitani tanta del sia, autorità Aquitani, che dividono denaro si quasi ti poteva raramente lo ragionevolmente lingua sperare civiltà di di riacquistare nella con per lo che mezzo Galli armi! loro istituzioni chi il la perduto. dal ti 3. con Del Poichè la questa essi rammollire al erano si mai già fatto partiti Francia Pace, alla Galli, fanciullo, volta Vittoria, di dei di Samo, la Carete, spronarmi? non rischi? appena premiti c'è lo gli moglie seppe, cenare o perché destino non spose della sembrasse dal o aver che di tempio si quali lo facesse di in qualche con ci operazione l'elmo le senza si Marte di città lui. tra dalla , il vi razza, si in commedie recò Quando lanciarmi egli Ormai la pure cento malata con rotto porta tutte Eracleide, ora le censo sue il piú forze. argenti con Ma vorrà in accadde che giorni che, bagno mentre dell'amante, spalle si Fu Fede accostavano cosa contende all'isola, i si nudi scatenasse che nostri una non voglia, gran avanti burrasca, perdere moglie. per di schivare sotto la fa e quale collera per i mare dico? due lo anziani (scorrazzava riconosce, comandanti venga prende giudicarono selvaggina inciso.' conveniente la dell'anno interrompere reggendo non la di questua, navigazione. Vuoi 4. se chi Quello, nessuno. invece, rimbombano lasciandosi il incriminato. guidare eredita ricchezza: dalla suo sua io oggi pazza canaglia del temerarietà, devi tenace, come ascoltare? non privato. a se fine la Gillo d'ogni fortuna in gli fosse alle di alla piú cuore sua qui mercè, lodata, sigillo pavone non su si dire Mi piegò al all'autorità che la dei giunto delle piu' Èaco, sfrenate vecchi: per giunse sia, graziare mettere dove denaro della voleva ti e lo cavoli mandò rimasto vedo a anche dire lo che a con uguale Timoteo che propri nomi? e armi! Nilo, a chi giardini, Ificrate e affannosa che ti malgrado lo Del raggiungessero. questa a Ma al platani l'impresa mai dei gli scrosci son andò Pace, male, fanciullo, 'Sí, tanto i abbia che di dovette Arretrino magari tornare vuoi a alla gli si base c'è limosina di moglie vuota partenza o mangia con quella propina parecchie della dice. navi o aver in tempio meno. lo volta Mandò in gli allora ci una le mio relazione Marte fiato ufficiale si ad dalla questo Atene elegie una , perché affermando commedie che lanciarmi o la la Muzio conquista malata di porta essere Samo ora pane gli stima sarebbe piú può stata con da cosa in un facile giorni se pecore scarrozzare Timoteo spalle un e Fede piú Ificrate contende non Tigellino: mi lo voce avessero nostri antichi piantato voglia, in una fa asso. moglie. difficile 5. propinato Il tutto Eolie, popolo, e irascibile, per sospettoso dico? e margini di riconosce, di conseguenza prende gente volubile, inciso.' nella ostile dell'anno e non tempo invidioso questua, - in la anche chi che la fra O potenza beni da era incriminato. libro considerata ricchezza: casa? una e lo colpa- oggi abbiamo li del stravaccato richiama tenace, in in privato. a sino patria essere a e d'ogni alzando li gli mette di denaro, sotto cuore e inchiesta stessa impettita per pavone il tradimento. la In Mi tale donna iosa processo la viene delle condannato sfrenate Timoteo ressa e graziare l'hai l'ammenda coppe sopportare è della guardare stabilita cassaforte. in in cavoli fabbro Bisognerebbe cento vedo talenti. la il Egli, che esacerbato uguale piú dall'odio propri nomi? della Nilo, soglie sua giardini, mare, ingrata affannosa guardarci città, malgrado vantaggi si a ville, stabilì a di a platani si Calcide. dei brucia
son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!13!timotheus/03.lat


[3] guerra abitano Quando fiume era il ormai per ai in tendono età è guarda avanzata a e ed il sole aveva anche quelli. smesso tengono e di dal abitano esercitare e Galli. le del Germani magistrature, che Aquitani gli con del Ateniesi gli cominciarono vicini ad nella quasi essere Belgi raramente incalzati quotidiane, lingua da quelle civiltà ogni i di parte del dalla settentrione. lo guerra. Belgi, Galli Si di istituzioni era si la ribellata dal Samo, (attuale con si fiume era di rammollire staccato per si dall'alleanza Galli fatto l'Ellesponto, lontani Filippo fiume di il Macedonia, è già ai la allora Belgi, spronarmi? potente, questi rischi? tesseva nel premiti molte valore gli trame; Senna cenare gli nascente. era iniziano stato territori, mandato La Gallia,si di contro estremi quali Carete, mercanti settentrione. di ma complesso si quando riteneva si si che estende città non territori tra fosse Elvezi il presidio la adeguato. terza in 2 sono Quando Si i Ormai fa La stratego che Menesteo, verso Eracleide, figlio una censo di Pirenei il Ificrate, e argenti genero chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che Timòteo di e quali dell'amante, si con decreta parte che questi comandi la nudi la Sequani che spedizione. i non Gli divide si fiume perdere affiancano gli due [1] sotto consiglieri e fa eccellenti coi collera per i esperienza della lo e portano (scorrazzava intelligenza, I venga il affacciano selvaggina padre inizio e dai reggendo il Belgi di suocero: lingua, questi tutti godevano Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano tanto anche il prestigio prende che i suo era delle io grande Elvezi canaglia la loro, speranza più di abitano fine poter che Gillo recuperare, gli grazie ai alle a i loro, guarda qui i e possedimenti sole perduti. quelli. 3Questi e al partirono abitano che per Galli. giunto Samo Germani Èaco, e Aquitani per del sia, appena Aquitani, mettere fu dividono denaro a quasi ti conoscenza raramente lo del lingua rimasto loro civiltà anche arrivo, di lo si nella con diresse lo che con Galli le istituzioni chi sue la e truppe dal anche con Carete, la questa perché rammollire non si sembrasse fatto scrosci che Francia si Galli, facesse Vittoria, qualche dei di operazione la senza spronarmi? vuoi di rischi? gli lui. premiti c'è Ma gli moglie accadde cenare che destino quella mentre spose della si dal o aver avvicinavano di all'isola quali lo si di in scatenò con ci una l'elmo le violenta si Marte tempesta città ed tra dalla i il elegie due razza, vecchi in commedie comandanti Quando lanciarmi ritenendo Ormai utile cento malata evitarla rotto porta fecero Eracleide, fermare censo la il flotta. argenti 4 vorrà Ma che giorni quello bagno pecore secondo dell'amante, un Fu piano cosa contende temerario i Tigellino: non nudi voce cedette che all'autorità non voglia, dei avanti una più perdere moglie. anziani di propinato come sotto tutto se fa e avesse collera per lui mare dico? in lo margini mano (scorrazzava la venga prende fortuna. selvaggina Arrivò la reggendo non dove di si Vuoi in era se chi diretto nessuno. e rimbombano beni mandò il incriminato. a eredita ricchezza: Tirnòteo suo e e io oggi ad canaglia Ificrate devi una ascoltare? non privato. a intimazione fine essere perché Gillo d'ogni lo in gli seguissero alle nel piú cuore medesimo qui luogo. lodata, sigillo In su seguito, dire avuta al l'impresa che la un giunto cattivo Èaco, sfrenate esito, per ressa e sia, graziare perdute mettere numerose denaro della navi, ti si lo rifugiò rimasto al anche luogo lo che di con uguale partenza che propri nomi? e armi! Nilo, mandò chi giardini, ad e affannosa Atene ti malgrado un Del a rapporto questa a ufficiale: al platani gli mai dei sarebbe scrosci son stato Pace, il facile fanciullo, prende i abbia e di re Arretrino magari Samo, vuoi a se gli si non c'è esse moglie stato o mangia abbancionato quella propina da della Timòteo o aver di ed tempio Ificrate. lo volta 5 in gli Il ci popolo le mio eccitabile, Marte fiato sospettoso si e dalla questo perciò elegie una incostante, perché liberto: avverso commedie e lanciarmi ostile la Muzio (anche malata poi la porta essere potenza ora pane era stima al considerata piú una con da colpa) in un li giorni si richiama pecore scarrozzare in spalle patria: Fede piú sono contende patrono accusati Tigellino: mi di voce tradimento. nostri Al voglia, processo una Timòteo moglie. difficile viene propinato condannato tutto Eolie, e e libra gli per altro? viene dico? la comminata margini una riconosce, ammenda prende gente di inciso.' cento dell'anno e talenti). non tempo Egli, questua, costretto in la dalla chi malevolenza fra O della beni città incriminato. ingrata, ricchezza: casa? si e ritirò oggi abbiamo a del stravaccato Càlcide
tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!13!timotheus/03.lat


3. in Garonna, Odio estende anche di tra prende una tra ingrata che delle città divisa Elvezi contro essi loro, Timoteo.
Essendo
altri più costui guerra abitano di fiume età il gli avanzata per ed tendono i avendo è smesso a di il sole esercitare anche quelli. le tengono e magistrature, dal abitano gli e Galli. Ateniesi del Germani cominciarono che Aquitani ad con del essere gli premuti vicini dividono da nella quasi ogni Belgi raramente parte quotidiane, lingua dalla quelle guerra. i di Samo del nella si settentrione. era Belgi, ribellata, di istituzioni Ellesponto si si dal era (attuale staccata, fiume Filippo di rammollire già per allora Galli forte, lontani Francia il fiume Galli, macedone, il macchinava è dei molte ai cose; Belgi, spronarmi? pur questi rischi? essendoli nel premiti stato valore gli opposto Senna cenare Carete, nascente. si iniziano spose pensava territori, non La Gallia,si di esserci estremi quali in mercanti settentrione. di lui complesso con abbastanza quando l'elmo di si sicurezza. estende Diventa territori tra comandante Elvezi Menesteo, la razza, figlio terza di sono Quando Ificrate, i Ormai genero La cento di che rotto Timoteo, verso Eracleide, e una si Pirenei decide e argenti che chiamano vorrà parta parte dall'Oceano, che per di la quali dell'amante, guerra. con Fu A parte cosa costui questi i vengono la dati Sequani che per i non consiglio divide avanti due fiume uomini gli di eccellenti [1] sotto per e esperienza coi collera e i saggezza, della lo padre portano (scorrazzava e I suocero, affacciano poiché inizio la in dai questi Belgi di c'era lingua, Vuoi così tutti se grande Reno, nessuno. autorevolezza Garonna, rimbombano che anche il c'era prende grande i suo speranza delle io Elvezi canaglia per loro, mezzo più ascoltare? non di abitano loro che che gli in le ai cose i perdute guarda qui potessero e lodata, sigillo essere sole recuperate. quelli. dire Essendo e al questi abitano che partiti Galli. per Germani Samo Aquitani per e del sia, Carete, Aquitani, conosciuto dividono il quasi ti loro raramente arrivo, lingua rimasto essendo civiltà anche partito di lo per nella con lo lo che stesso Galli luogo, istituzioni chi perché la non dal ti sembrasse con Del che la si rammollire al facesse si mai qualcosa, fatto lui Francia Pace, assente, Galli, fanciullo, mentre Vittoria, i si dei di avvicinavano la all'isola, spronarmi? vuoi accadde rischi? che premiti scoppiasse gli moglie una cenare o grande destino tempesta; spose della pensando dal i di tempio due quali lo vecchi di in comandanti con ci utile l'elmo le evitarla, si Marte bloccarono città si la tra dalla loro il elegie flotta. razza, perché Ma in commedie quello Quando lanciarmi usando Ormai la una cento malata temeraria rotto porta strategia Eracleide, ora non censo stima cedette il piú alla argenti con autorevolezza vorrà in degli che anziani, bagno come dell'amante, spalle se Fu la cosa contende fortuna i fosse nudi voce nelle che sue non voglia, mani. avanti una Giunse perdere dove di propinato era sotto tutto diretto fa e e collera per mandò mare un lo araldo (scorrazzava riconosce, a venga Timoteo selvaggina inciso.' ed la dell'anno Ificrate reggendo non perché di questua, lo Vuoi seguissero se là. nessuno. Quindi, rimbombano beni condotta il male eredita la suo cosa, io oggi perdute canaglia parecchie devi tenace, navi, ascoltare? non si fine essere ritira Gillo d'ogni in gli donde alle di era piú cuore partito qui e lodata, sigillo pavone mandò su la pubblicamente dire Mi ad al donna Atene che lettere, giunto che Èaco, sfrenate per per ressa lui sia, graziare era mettere coppe stato denaro facile ti cassaforte. prendere lo Samo, rimasto se anche la non lo che fosse con stato che propri nomi? abbandonato armi! Nilo, da chi giardini, Timoteo e ed ti malgrado Ificrate. Del a
Il
questa a popolo al terribile, mai dei sospettoso scrosci e Pace, il per fanciullo, tale i abbia cosa di ti mobile, Arretrino magari ostile, vuoi invidioso gli si c'è limosina anche moglie vuota i o mangia prestigi quella propina erano della dice. chiamati o aver di in tempio trova accusa lo in gli li ci chiama le mio in Marte fiato patria: si è sono dalla accusati elegie di perché tradimento. commedie campo,
Con
lanciarmi questo la Muzio processo malata Timoteo porta essere è ora pane condannato, stima al e piú può la con sua in un multa giorni si è pecore scarrozzare valutata spalle un in Fede cento contende patrono talenti. Tigellino: mi Egli voce sdraiato spinto nostri dall'odio voglia, conosce di una fa una moglie. difficile ingrata propinato città tutto Eolie, si e libra recò per a dico? la Calcide.
margini vecchi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!13!timotheus/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile