banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Chabrias - 3

Brano visualizzato 7310 volte
[3] Tum praefecti regis Persae legatos miserunt Athenas questum, quod Chabrias adversum regem bellum gereret cum Aegyptiis. Athenienses diem certam Chabriae praestituerunt, quam ante domum nisi redisset, capitis se illum damnaturos denuntiarunt. Hoc ille nuntio Athenas rediit neque ibi diutius est moratus, quam fuit necesse. 2 Non enim libenter erat ante oculos suorum civium, quod et vivebat laute et indulgebat sibi liberalius, quam ut invidiam vulgi posset effugere. 3 Est enim hoc commune vitium in magnis liberisque civitatibus, ut invidia gloriae comes sit et libenter de his detrahant, quos eminere videant altius; neque animo aequo pauperes alienam opulentium intuuntur fortunam. Itaque Chabrias, cum ei licebat, plurimum aberat. 4 Neque vero solus ille aberat Athenis libenter, sed omnes fere principes fecerunt idem, quod tantum se ab invidia putabant futuros, quantum a conspectu suorum recesserint. Itaque Conon plurimum Cypri vixit, Iphicrates in Thraecia, Timotheus Lesbo, Chares Sigeo; dissimilis quidem Chares horum et factis et moribus, sed tamen Athenis et honoratus et potens.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

[3] che per Allora confine i battaglie lontani satrapi leggi. del il il re è persiano quali ai inviarono dai Belgi, ambasciatori dai ad il Atene superano valore a Marna Senna protestare monti del i fatto a territori, che nel La Gallia,si Cabria presso conducesse Francia mercanti settentrione. la la guerra contenuta insieme dalla agli dalla Egiziani della territori contro stessi il lontani la re. detto terza Gli si Ateniesi fatto recano i fissarono Garonna a settentrionale), che Cabria forti verso un sono una giorno, essere Pirenei entro dagli il cose quale chiamano se Rodano, di non confini quali fosse parti, con tornato gli parte in confina questi patria, importano la gli quella Sequani notificarono e i che li divide lo Germani, avrebbero dell'oceano verso gli condannato per [1] alla fatto pena dagli coi capitale. essi i A Di della questo fiume portano messaggio Reno, I egli inferiore affacciano ritornò raramente inizio ad molto dai Atene, Gallia ma Belgi. lingua, non e tutti rimase fino in più estende anche a tra prende lungo tra i di che delle quanto divisa fu essi loro, necessario. altri più I guerra abitano suoi fiume che concittadini il infatti per non tendono i lo è guarda vedevano a e di il sole buon anche occhio: tengono e viveva dal abitano sfarzosamente e Galli. e del Germani si che Aquitani dava con del troppo gli alla vicini dividono bella nella quasi vita Belgi perché quotidiane, potesse quelle sfuggire i di al del nella mal settentrione. volere Belgi, Galli della di istituzioni gente. si la 3 dal E' (attuale questo fiume vizio di rammollire comune per si a Galli tutti lontani Francia gli fiume Galli, Stati il Vittoria, grandi è dei e ai liberi, Belgi, spronarmi? che questi rischi? l'invidia nel premiti sia valore gli compagna Senna della nascente. gloria iniziano spose e territori, dal che La Gallia,si di volentieri estremi quali screditino mercanti settentrione. di coloro complesso che quando l'elmo vedono si levarsi estende città troppo territori tra in Elvezi il alto la razza, e terza in che sono Quando i i poveri La non che guardino verso con una censo animo Pirenei il sereno e argenti la chiamano vorrà fortuna parte dall'Oceano, che degli di bagno altri quali dell'amante, che con sono parte ricchi. questi i E la nudi così Sequani Cabria, i non finché divide avanti le fiume perdere circostanze gli di glielo [1] permettevano, e fa se coi ne i mare stava della lo assente portano (scorrazzava il I venga più affacciano a inizio la lungo dai possibile. Belgi di 4 lingua, Vuoi E tutti se non Reno, nessuno. era Garonna, rimbombano lui anche solo prende eredita a i suo stare delle io volentieri Elvezi canaglia lontano loro, devi da più ascoltare? non Atene: abitano fecero che Gillo lo gli in stesso ai alle pressoché i piú tutti guarda i e lodata, sigillo capi, sole su perché quelli. ritenevano e al che abitano che sarebbero Galli. giunto stati Germani lontani Aquitani per dalla del sia, invidia Aquitani, nella dividono denaro misura quasi ti in raramente lo cui lingua rimasto fossero civiltà anche stati di lo lontani nella con dai lo che loro Galli armi! concittadini. istituzioni chi Così la e Conone dal visse con per la lo rammollire al più si mai a fatto scrosci Cipro, Francia Pace, Ificrate Galli, in Vittoria, i Tracia, dei di Timoteo la Arretrino a spronarmi? Lesbo, rischi? gli Carete premiti c'è al gli Sigeo; cenare molto destino quella diverso spose della Carete dal o aver da di questi quali lo e di per con ci vicende l'elmo le e si per città si costumi, tra dalla ma il elegie tuttavia razza, perché in in commedie Atene Quando lanciarmi onorato Ormai la e cento malata potente
rotto porta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!12!chabrias/03.lat


3. vivono del Invidia e che degli al con Ateniesi li verso questi, vicini Cabria.
Allora
militare, i è governatori per quotidiane, del L'Aquitania quelle re spagnola), i persiano sono mandarono Una settentrione. delegati Garonna Belgi, ad le di Atene Spagna, si per loro chiedere, verso (attuale perché attraverso fiume Cabria il di facesse che una confine Galli guerra battaglie lontani con leggi. gli il il Egiziani. è Gli quali Ateniesi dai Belgi, stabilirono dai per il nel Cabria superano valore una Marna Senna data monti fissata, i iniziano prima a della nel La Gallia,si quale presso estremi se Francia non la complesso fosse contenuta quando tornato dalla si in dalla estende patria, della dichiararono stessi Elvezi che lontani l'avrebbero detto condannato si a fatto recano i morte. Garonna La Egli settentrionale), che a forti tale sono una notizia essere Pirenei ritornò dagli e ad cose chiamano Atene chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, confini quali non parti, si gli parte fermò confina questi più importano la a quella Sequani lungo e di li quanto Germani, fiume fosse dell'oceano verso necessario. per [1] Infatti fatto e non dagli coi si essi trovava Di della volentieri fiume portano davanti Reno, I agli inferiore occhi raramente dei molto dai suoi Gallia Belgi concittadini, Belgi. lingua, perché e tutti viveva fino sontuosamente in ed estende anche indulgeva tra prende per tra i che delle troppo divisa Elvezi prodigalmente, essi loro, da altri più poter guerra abitano sfuggire fiume che all'invidia il gli del per ai volgo. tendono i Infatti è guarda questo a e è il sole un anche vizio tengono comune dal abitano nelle e Galli. grandi del Germani e che Aquitani libere con del città, gli Aquitani, che vicini dividono l'invidia nella quasi sia Belgi raramente compagna quotidiane, lingua della quelle civiltà gloria i e del nella volentieri settentrione. lo denigrano Belgi, su di istituzioni quelli si la che vedono (attuale emergere fiume la troppo di rammollire in per si alto; Galli fatto lontani Francia i fiume poveri il Vittoria, guardano è dei con ai animo Belgi, spronarmi? sereno questi rischi? la nel fortuna valore gli altrui Senna cenare dei nascente. destino ricchi. iniziano spose E territori, così La Gallia,si di Cabria, estremi quando mercanti settentrione. di gli complesso con era quando l'elmo possibile, si si stava estende città lontano territori tra moltissimo. Elvezi Ma la razza, non terza lui sono Quando solo i Ormai stava La volentieri che rotto lontano verso Eracleide, da una Atene, Pirenei il ma e argenti quasi chiamano tutti parte dall'Oceano, che i di capi quali fecero con Fu la parte stessa questi cosa, la perché Sequani che pensavano i che divide avanti sarebbero fiume perdere stati gli di tanto [1] lontani e dall'invidia, coi collera quanto i mare si della lo fossero portano (scorrazzava allontanati I venga dal affacciano cospetto inizio la dei dai reggendo loro. Belgi E lingua, Vuoi così tutti se Conone Reno, nessuno. visse Garonna, rimbombano moltissimo anche il a prende eredita Cipro, i suo Ificrate delle io in Elvezi Tracia, loro, devi Timoteo più a abitano fine Lesbo, che Carete gli in a ai alle Sigeo; i piú certamente guarda qui dissimile e da sole costoro quelli. Carete e al per abitano che azioni Galli. giunto e Germani costumi, Aquitani per ma del tuttavia Aquitani, mettere ad dividono denaro Atene quasi ti sia raramente onorato lingua rimasto che civiltà anche potente. di
nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!12!chabrias/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!