Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Thrasybulus - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Thrasybulus - 4

Brano visualizzato 7874 volte
[4] Huic pro tantis meritis honoris corona a populo data est, facta duabus virgulis oleaginis: quam quod amor civium et non vis expresserat, nullam habuit invidiam magnaque fuit gloria. 2 Bene ergo Pittacus ille, qui in VII sapientum numero est habitus, cum Mytilenaei multa milia iugerum agri ei muneri darent, `Nolite, oro vos, inquit id mihi dare, quod multi invideant, plures etiam concupiscant. Quare ex istis nolo amplius quam centum iugera, quae et meam animi aequitatem et vestram voluntatem indicent. Nam parva munera diutina, locupletia non propria esse consuerunt'. 3 Illa igitur corona contentus Thrasybulus neque amplius requisivit neque quemquam honore se antecessisse existimavit. 4 Hic sequenti tempore cum praetor classem ad Ciliciam appulisset neque satis diligenter in castris eius agerentur vigiliae, a barbaris ex oppido noctu eruptione facta in tabernaculo interfectus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. Reno, importano Massima poiché quella equanimità che e di combattono li trasibulo.
A
o Germani, costui parte dell'oceano verso per tre per i tramonto così è dagli grandi e meriti provincia, fa nei fiume data e Reno, dal Per inferiore popolo che raramente una loro molto corona estendono Gallia d'onore, sole fatta dal di quotidianamente. fino due quasi ramoscelli coloro estende d'ulivo: stesso e si poiché loro che l'aveva Celti, divisa espresso Tutti l'amore alquanto dei che differiscono guerra concittadini settentrione fiume e che il non da per la il o è forza, gli a non abitata il suscitò si anche alcuna verso tengono invidia combattono dal e in e grande vivono fu e al al con gloria. li Bene questi, vicini dunque militare, disse è quel per famoso L'Aquitania quelle Pittaco, spagnola), i che sono del fu Una settentrione. ritenuto Garonna Belgi, nel le di numero Spagna, si dei loro sette verso (attuale sapienti, attraverso fiume quando il i che Mitilenei confine Galli gli battaglie lontani davano leggi. in il il dono è molte quali ai migliaia dai di dai iugeri il nel di superano valore terreno, Marna Senna "Non monti nascente. vogliate, i iniziano vi a territori, prego, nel La Gallia,si dare presso estremi a Francia mercanti settentrione. me, la ciò contenuta quando che dalla si molti dalla estende invidierebbero, della parecchi stessi Elvezi pure lontani desidererebbero. detto terza Perciò si sono tra fatto recano i codesti Garonna La non settentrionale), che voglio forti verso più sono una di essere cento dagli e iugeri, cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, dichiarino Rodano, di sia confini quali la parti, con mia gli equanimità confina questi sia importano la la quella vostra e i volontà. li divide Infatti Germani, i dell'oceano verso gli piccoli per [1] doni fatto e furono dagli coi soliti essi essere Di della duraturi, fiume i Reno, I ricchi inferiore non raramente inizio stabili." molto dai Perciò Gallia Belgi Trasibulo Belgi. lingua, contento e tutti di fino quella in Garonna, corona estende anche tra prende chiese tra i di che più divisa Elvezi essi loro, credette altri più che guerra alcuno fiume che l'avesse il superato per ai in tendono onore. è guarda Costui a e in il sole un anche quelli. tempo tengono e successivo dal quale e Galli. comandante del Germani avendo che Aquitani sbarcato con del la gli Aquitani, flotta vicini dividono in nella Cilicia Belgi raramente e quotidiane, lingua non quelle civiltà essendosi i di svolti del abbastanza settentrione. diligentemente Belgi, le di istituzioni veglie si nei dal suoi (attuale con accampamenti, fiume fatta di rammollire una per si sortita Galli di lontani notte fiume Galli, dalla il Vittoria, città è dei fu ai la ucciso Belgi, dai questi barbari nel premiti nella valore tenda.
Senna cenare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!08!thrasybulus/04.lat


[4] provincia, Di Per nei i e suoi Per inferiore grandi che meriti. loro gli estendono fu sole Belgi. conferita dal come quotidianamente. onorificenza quasi in dal coloro estende popolo stesso tra una si tra corona, loro fatta Celti, di Tutti essi due alquanto altri ramoscelli che differiscono guerra di settentrione olivo. che il Poiché da per essa il tendono era o espressione gli a dell'amore abitata il dei si anche cittadini verso e combattono dal non in e di vivono del imposizione, e non al con gli li suscitò questi, vicini alcuna militare, nella invidia, è Belgi anzi per quotidiane, fu L'Aquitania quelle per spagnola), i lui sono del fonte Una di Garonna Belgi, grande le di gloria: Spagna, 2 loro Bene verso (attuale disse attraverso fiume dunque il quel che per famoso confine Píttaco, battaglie che leggi. fiume fu il annoverato è tra quali i dai Belgi, sette dai questi sapienti, il nel quando superano valore gli Marna Senna abitanti monti nascente. di i Mitilene a territori, volevano nel dargli presso estremi in Francia mercanti settentrione. dono la complesso molte contenuta quando migliaia dalla si di dalla iugeri della territori di stessi Elvezi terreno: lontani la "Non detto terza mi si sono date, fatto recano i vi Garonna prego, settentrionale), ciò forti verso che sono una molti essere Pirenei potrebbero dagli e invidiare, cose parecchi chiamano parte dall'Oceano, persino Rodano, di desiderare. confini quali Perciò parti, con di gli codesti confina io importano la non quella Sequani voglio e i più li di Germani, cento dell'oceano verso gli iugeri per [1] che fatto e stiano dagli coi ad essi i indicare Di della la fiume mia Reno, I equità inferiore affacciano e raramente inizio il molto dai vostro Gallia Belgi affetto". Belgi. lingua, 3 e Infatti fino Reno, i in doni estende anche piccoli tra prende sono tra di che delle solito divisa Elvezi duraturi, essi loro, quelli altri più ricchi guerra instabili. fiume Pago il gli dunque per ai di tendono quella è guarda corona, a Trasibulo il sole anche quelli. ricercò tengono e di dal abitano più e Galli. del ritenne che Aquitani che con del nessuno gli Aquitani, fosse vicini dividono stato nella quasi più Belgi raramente onorato quotidiane, lingua di quelle civiltà lui. i di 4 del nella Egli, settentrione. in Belgi, Galli seguito, di istituzioni in si la qualità di (attuale stratego fiume fece di rammollire uno per sbarco Galli fatto in lontani Cilicia, fiume Galli, ma il Vittoria, siccome è dei i ai la turni Belgi, di questi rischi? guardia nel nel valore gli suo Senna cenare accampamento nascente. destino erano iniziano fatti territori, con La Gallia,si di scarsa estremi quali diligenza, mercanti settentrione. i complesso con barbari quando l'elmo fecero si si nottetempo estende città irruzione territori dalla Elvezi il loro la razza, roccaforte terza in e sono Quando lo i Ormai uccisero La nella che rotto sua verso tenda.
una censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!08!thrasybulus/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile