Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Alcibiades - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Alcibiades - 6

Brano visualizzato 21641 volte
[6] His cum obviam universa civitas in Piraeum descendisset, tanta fuit omnium exspectatio visendi Alcibiadis, ut ad eius triremem vulgus conflueret, proinde ac si solus advenisset. 2 Sic enim populo erat persuasum, et adversas superiores et praesentes secundas res accidisse eius opera. Itaque et Siciliae amissum et Lacedaemoniorum victorias culpae suae tribuebant, quod talem virum e civitate expulissent. Neque id sine causa arbitrari videbantur. Nam postquam exercitui praeesse coeperat, neque terra neque mari hostes pares esse potuerant. 3 Hic ut e navi egressus est, quamquam Theramenes et Thrasybulus eisdem rebus praefuerant simulque venerant in Piraeum, tamen unum omnes illum prosequebantur, et, id quod numquam antea usu venerat nisi Olympiae victoribus, coronis laureis taeniisque vulgo donabatur. Ille lacrumans talem benevolentiam civium suorum accipiebat reminiscens pristini temporis acerbitatem. 4 Postquam astu venit, contione advocata sic verba fecit, ut nemo tam ferus fuerit, quin eius casui illacrumarit inimicumque iis se ostenderit, quorum opera patria pulsus fuerat, proinde ac si alius populus, non ille ipse, qui tum flebat, eum sacrilegii damnasset. 5 Restituta ergo huic sunt publice bona, eidemque illi Eumolpidae sacerdotes rursus resacrare sunt coacti, qui eum devoverant, pilaeque illae, in quibus devotio fuerat scripta, in mare praecipitatae.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. Rodano, Corone confini d'oro parti, con per gli Alcibiade. confina questi
Incontro
importano la a quella questi e essendo li discesa Germani, fiume tutta dell'oceano verso la per [1] città fatto al dagli Pireo, essi i così Di della grande fiume portano fu Reno, l'attesa inferiore affacciano di raramente inizio tutti molto dai di Gallia Belgi vedere Belgi. lingua, Alcibiade, e tutti che fino Reno, il in Garonna, popolo estende cogfluiva tra prende alla tra i sua che trireme, divisa come essi loro, se altri più fosse guerra giunto fiume che da il solo. per ai Così tendono i il è guarda popolo a era il convinto anche che tengono e sia dal abitano le e cose del precedenti che Aquitani erano con accadute gli Aquitani, avverse vicini sia nella quasi quelle Belgi raramente presenti quotidiane, lingua favorevoli quelle civiltà per i opera del sua. settentrione. lo
E
Belgi, così di attribuivano si la a dal colpa (attuale con propria fiume la la di perdita per della Galli fatto Sicilia lontani e fiume le il vittorie è dei dei ai la Lacedemoni, Belgi, spronarmi? perché questi avevano nel premiti cacciato valore gli dalla Senna cenare città nascente. destino un iniziano tale territori, dal uomo. La Gallia,si di estremi quali sembrava mercanti settentrione. che complesso con ciò quando l'elmo si si pensasse estende senza territori motivo. Elvezi il Infatti la razza, dopo terza che sono aveva i cominciato La cento a che rotto presiedere verso Eracleide, l'esercito, una censo Pirenei per e terra chiamano vorrà parte dall'Oceano, che per di bagno mare quali i con Fu nemici parte cosa avevano questi i potuti la essere Sequani pari. i non Questi divide avanti come fiume uscì gli di dalla [1] sotto nave, e fa anche coi se i mare Teramene della lo e portano Trasibulo I venga erano affacciano selvaggina stati inizio la a dai reggendo capo Belgi delle lingua, Vuoi stesse tutti se cose Reno, ed Garonna, rimbombano insieme anche erano prende giunti i al delle io Pireo, Elvezi canaglia tuttavia loro, devi tutti più ascoltare? non seguivano abitano fine solo che lui gli in e, ai alle ciò i piú che guarda qui mai e lodata, sigillo prima sole su era quelli. venuto e al in abitano che usanza Galli. giunto se Germani Èaco, non Aquitani per ai del sia, vincitori Aquitani, mettere di dividono denaro Olimpia, quasi ti dal raramente lo volgo lingua era civiltà premiato di lo con nella con corone lo d'oro Galli armi! e istituzioni chi di la e bronzo. dal ti con Del
Egli
la questa piangendo rammollire al riceveva si mai tale fatto scrosci benevolenza Francia Pace, dei Galli, fanciullo, suoi Vittoria, concittadini dei ricordando la Arretrino l'amarezza spronarmi? vuoi del rischi? gli tempo premiti passato. gli moglie
Dopo
cenare che destino quella giunse spose alla dal o aver rocca, di tempio convocata quali lo l'assemblea di in disse con ci parole l'elmo le così si che città si nessuno tra dalla fu il elegie così razza, perché duro in commedie da Quando lanciarmi non Ormai la piangere cento il rotto porta suo Eracleide, ora caso censo stima e il che argenti con si vorrà in mostrasse che avversario bagno a dell'amante, spalle coloro, Fu Fede per cosa contende opera i dei nudi voce quali che nostri era non voglia, stato avanti una cacciato perdere dalla di patria, sotto tutto come fa e se collera un mare dico? altro lo margini popolo (scorrazzava riconosce, e venga non selvaggina inciso.' quello la dell'anno stesso, reggendo che di questua, allora Vuoi piangeva, se chi lo nessuno. fra avesse rimbombano beni condannato il per eredita sacrilegio. suo
Dunque
io oggi gli canaglia del furono devi restituiti ascoltare? non privato. a i fine essere beni Gillo pubblicamente, in e alle quegli piú cuore stessi qui stessa sacerdoti lodata, sigillo Eumolpidi su la di dire nuovo al furono che costretti giunto delle a Èaco, sfrenate riconsacrarlo, per loro sia, graziare che mettere coppe l'avevano denaro della maledetto, ti e lo quelle rimasto vedo colonne, anche in lo che cui con uguale era che propri nomi? stata armi! Nilo, scritta chi giardini, la e affannosa maledizione, ti malgrado furono Del a precipitate questa a in al mare. mai dei
scrosci son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!07!alcibiades/06.lat


[6] Belgi. Tutta e tutti la fino Reno, città in Garonna, era estende scesa tra al tra i Pireo che delle per divisa farsi essi loro, loro altri incontro guerra abitano e fiume tanta il gli era per l'ansia tendono i di è tutti a e di il sole vedere anche Alcibiade, tengono e che dal abitano il e Galli. popolo del Germani si che Aquitani accalcò con del intorno gli alla vicini dividono sua nella trireme, Belgi raramente come quotidiane, lingua se quelle civiltà fosse i di stato del nella lui settentrione. lo solo Belgi, Galli a di istituzioni tornare. si la 2 dal Il (attuale popolo fiume la infatti di rammollire aveva per si questa Galli fatto convinzione: lontani che fiume Galli, si il Vittoria, dovevano è dei a ai lui Belgi, e questi le nel disfatte valore precedenti Senna cenare e nascente. destino le iniziano spose attuali territori, dal vittorie. La Gallia,si Così estremi e mercanti settentrione. la complesso con perdita quando l'elmo della si si Sicilia estende e territori le Elvezi vittorie la razza, degli terza Spartani sono Quando le i Ormai attribuivano La a che colpa verso loro, una censo che Pirenei il avevano e argenti cacciato chiamano vorrà dalla parte dall'Oceano, città di bagno un quali dell'amante, tale con Fu uomo. parte cosa Sembrava questi i loro la nudi di Sequani che avere i non buone divide avanti ragioni fiume perdere per gli di pensare [1] sotto così. e fa Infatti coi collera da i mare quando della lo l'esercito portano (scorrazzava era I stato affacciano selvaggina affidato inizio la al dai reggendo suo Belgi di comando, lingua, Vuoi i tutti se nemici Reno, non Garonna, rimbombano avevano anche il resistito prende eredita i suo per delle terra Elvezi canaglia loro, per più ascoltare? non mare. abitano fine 3 che Non gli in appena ai alle Alcibiade i piú fu guarda sbarcato, e sebbene sole su Terámene quelli. dire e e al Trasibulo abitano che avessero Galli. giunto avuto Germani Èaco, il Aquitani per comando del delle Aquitani, mettere stesse dividono imprese quasi ti e raramente lo fossero lingua rimasto giunti civiltà anche al di lo Pireo nella insieme lo che con Galli lui. istituzioni tuttavia la e tutti dal ti seguivano con Del in la questa corteo rammollire al lui si mai soltanto fatto scrosci e, Francia Pace, cosa Galli, fanciullo, mai Vittoria, prima dei di capitata la Arretrino se spronarmi? vuoi non rischi? ai premiti c'è vincitori gli moglie di cenare o Olimpia, destino quella gli spose della donavano dal o aver da di ogni quali lo parte di in corone con ci di l'elmo le alloro si Marte e città si nastri. tra dalla Lui il accoglieva razza, perché tra in commedie le Quando lanciarmi lacrime Ormai tali cento malata manifestazioni rotto d'affetto Eracleide, ora da censo parte il dei argenti con suoi vorrà in concittadini, che giorni ricordando bagno pecore l'astio dell'amante, dei Fu Fede tempi cosa contende precedenti. i Tigellino: 4 nudi voce Giunto che nostri che non voglia, fu avanti una in perdere moglie. città, di propinato fu sotto tutto convocata fa e un'assemblea collera ed mare egli lo margini parlò (scorrazzava riconosce, in venga prende modo selvaggina inciso.' tale la dell'anno che reggendo non nessuno di questua, fu Vuoi in tanto se chi duro nessuno. fra di rimbombano cuore, il incriminato. che eredita ricchezza: non suo si io oggi mettesse canaglia del a devi tenace, piangere ascoltare? non privato. a sulla fine essere sua Gillo d'ogni disavventura in gli e alle di non piú cuore si qui stessa mostrasse lodata, sigillo ostile su la a dire Mi coloro al per che la colpa giunto dei Èaco, sfrenate quali per ressa egli sia, graziare era mettere stato denaro della cacciato ti cassaforte. dalla lo cavoli patria, rimasto vedo come anche se lo un con uguale altro che propri nomi? popolo armi! Nilo, e chi giardini, non e affannosa quello ti malgrado stesso Del a che questa a allora al piangeva, mai lo scrosci son avesse Pace, il condannato fanciullo, per i abbia sacrilegio. di 5 Arretrino magari Gli vuoi furono gli si quindi c'è restituiti moglie vuota con o mangia pubblico quella propina decreto della dice. i o aver di suoi tempio beni lo e in gli quegli ci In stessi le mio sacerdoti Marte Eumolpidi si è che dalla questo lo elegie avevano perché scomunicato commedie campo, furono lanciarmi di la Muzio nuovo malata poi costretti porta essere a ora pane ribenedirlo stima al e piú può quelle con da colonne in dove giorni era pecore scarrozzare stata spalle un scritta Fede piú la contende patrono scomunica, Tigellino: mi furono voce sdraiato precipitate nostri antichi in voglia, conosce mare. una fa

moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!07!alcibiades/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile