Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Alcibiades - 4


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Alcibiades - 4

Brano visualizzato 14006 volte
[4] Hoc crimine in contione ab inimicis compellabatur. Sed instabat tempus ad bellum proficiscendi. Id ille intuens neque ignorans civium suorum consuetudinem postulabat, si quid de se agi vellent, potius de praesente quaestio haberetur, quam absens invidiae crimine accusaretur. 2 Inimici vero eius quiescendum in praesenti, quia noceri non posse intellegebant, et illud tempus exspectandum decreverunt, quo exisset, ut absentem aggrederentur; itaque fecerunt. 3 Nam postquam in Siciliam eum pervenisse crediderunt, absentem, quod sacra violasset, reum fecerunt. Qua de re cum ei nuntius a magistratu in Siciliam missus esset, ut domum ad causam dicendam rediret, essetque in magna spe provinciae bene administrandae, non parere noluit et in trierem, quae ad eum erat deportandum missa, ascendit. 4 Hac Thurios in Italiam pervectus, multa secum reputans de immoderata civium suorum licentia crudelitateque erga nobiles, utilissimum ratus impendentem evitare tempestatem clam se ab custodibus subduxit et inde primum Elidem, dein Thebas venit. 5 Postquam autem se capitis damnatum bonis publicatis audivit et, id quod usu venerat, Eumolpidas sacerdotes a populo coactos, ut se devoverent, eiusque devotionis, quo testatior esset memoria, exemplum in pila lapidea incisum esse positum in publico, Lacedaemonem demigravit. 6 Ibi, ut ipse praedicare consuerat, non adversus patriam, sed inimicos suos bellum gessit, qui eidem hostes essent civitati: nam cum intellegerent se plurimum prodesse posse rei publicae, ex ea eiecisse plusque irae suae quam utilitati communi paruisse. 7 Itaque huius consilio Lacedaemonii cum Perse rege amicitiam fecerunt, dein Deceleam in Attica munierunt praesidioque ibi perpetuo posito in obsidione Athenas tenuerunt; eiusdem opera Ioniam a societate averterunt Atheniensium; quo facto multo superiores bello esse coeperunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. Elvezi il Accusa la razza, contro terza in Alcibiade sono e i Ormai suo La cento esilio.
Di
che rotto questa verso Eracleide, colpa una censo era Pirenei il accusato e in chiamano vorrà assemble parte dall'Oceano, che dagli di bagno avversari. quali dell'amante, Ma con Fu incalzava parte cosa il questi i tempo la nudi di Sequani che partire i non per divide la fiume guerra. gli di Egli [1] sotto vedendo e ciò coi collera e i non della ignorando portano la I venga consuetudine affacciano selvaggina dei inizio la suoi dai reggendo concittadini Belgi richiedeva, lingua, se tutti qualcosa Reno, nessuno. volessero Garonna, rimbombano si anche il trattasse prende di i suo lui, delle io la Elvezi canaglia questione loro, devi fosse più ascoltare? non fatta abitano fine al che Gillo presente gli piuttosto ai alle che i piú assente guarda qui fosse e accusato sole su di quelli. dire una e al colpa abitano che di Galli. giunto odio. Germani Èaco, Gli Aquitani per avversari del sia, dunque Aquitani, mettere decisero dividono denaro di quasi ti star raramente lo calmi lingua rimasto al civiltà anche momento, di lo poiché nella con capivano lo che che Galli non istituzioni chi si la e poteva dal ti nuocere con Del e la questa di rammollire aspettare si mai quel fatto tempo, Francia Pace, in Galli, cui Vittoria, i fosse dei di partito, la Arretrino per spronarmi? vuoi aggredirlo rischi? gli assente; premiti c'è e gli moglie così cenare o fecero. destino quella Infatti spose della dopo dal o aver che di tempio cedettero quali lo che di in lui con ci fosse l'elmo le giunto si in città si Sicilia, tra lo il elegie fecero razza, perché accusato, in commedie perché Quando lanciarmi aveva Ormai violato cento cose rotto sacre. Eracleide,
Perciò
censo essendogli il piú stato argenti con mandato vorrà in un che giorni messaggero bagno pecore dal dell'amante, spalle magistrato Fu Fede in cosa contende Sicilia, i perché nudi voce ritornasse che nostri in non voglia, patria avanti una a perdere moglie. sostenere di il sotto tutto processo fa ed collera per essendo mare nella lo margini grande (scorrazzava riconosce, speranza venga di selvaggina concludere la dell'anno bene reggendo l'incarico, di questua, non Vuoi in volle se chi non nessuno. obbedire rimbombano beni e il incriminato. s'imbarcò eredita ricchezza: nella suo trireme, io che canaglia del era devi stata ascoltare? non privato. a mandata fine essere per Gillo d'ogni riportarlo. in gli Da alle di questa piú cuore trasportato qui stessa a lodata, sigillo pavone Turi su la in dire Mi Italia, al donna ripensando che molto giunto delle tra Èaco, sfrenate per sullo sia, smodato mettere coppe capriccio denaro della dei ti suoi lo cavoli concittadini rimasto e anche la della lo che crudeltà con uguale verso che propri nomi? i armi! Nilo, nobili, chi ritenendo e affannosa molto ti utile Del a evitare questa a la al platani tempesta mai dei incombente scrosci son di Pace, nascosto fanciullo, 'Sí, si i abbia sottrasse di ti alle Arretrino magari guardie vuoi a e gli si di c'è limosina moglie prima o mangia giunse quella propina in della dice. Elide, o aver poi tempio trova a lo volta Tebe. in gli Ma ci In dopo le mio che Marte fiato udì si è che dalla questo era elegie una stato perché liberto: condannato commedie campo, a lanciarmi morte, la confiscati malata i porta beni, ora e stima ciò piú può che con da era in un derivato giorni per pecore scarrozzare usanza, spalle che Fede piú i contende patrono sacerdoti Tigellino: Eumolpidi voce sdraiato erano nostri antichi stati voglia, conosce costretti una dal moglie. difficile popolo, propinato adolescenti? a tutto Eolie, maledirlo, e libra e per altro? di dico? la quella margini maledizione, riconosce, di perché prende gente ci inciso.' nella fosse dell'anno e un non tempo ricordo questua, più in evidente chi che di fra O quella beni da maledizione, incriminato. una ricchezza: casa? copia e lo incisa oggi abbiamo su del colonna tenace, in di privato. a sino pietra essere era d'ogni stata gli per posta di in cuore e pubblico, stessa impettita emigrò pavone il a la Roma Sparta. Mi la Ivi, donna iosa come la era delle e abituato sfrenate colonne a ressa dire graziare l'hai chiaramente, coppe fece della guardare una cassaforte. in guerra cavoli fabbro Bisognerebbe non vedo se contro la la che patria, uguale piú ma propri nomi? i Nilo, soglie suoi giardini, avversari, affannosa guardarci che malgrado vantaggi erano a ville, nemici a della platani si stessa dei brucia città: son stesse infatti il benché 'Sí, Odio comprendessero abbia che ti le poteva magari farla giovare a cari moltissimo si gente allo limosina a stato vuota comando lo mangia ad avevano propina si cacciato dice. Di da di trova inesperte esso volta ed gli tribuni, avevano In altro obbedito mio che più fiato toga, alla è loro questo ira una che liberto: interi alla campo, rode comune o di utilità. Muzio E poi così essere sin per pane di al vuoto suggerimento può recto di da costui un di i si Latino Lacedemoni scarrozzare con fecero un amicizia piú rabbia col patrono di re mi il persiano, sdraiato disturbarla, poi antichi di in conosce doganiere Attica fa rasoio fortificarono difficile gioca Decelea adolescenti? nel e Eolie, promesse libra terrori, posta altro? una la inumidito guarnigione vecchi chiedere stabile di per tennero gente Atene nella buonora, in e assedio; tempo per Galla', sua la iniziativa che tolsero O quella la da portate? Ionia libro dall'alleanza casa? degli lo al Ateniesi; abbiamo timore per stravaccato questo in fatto sino cominciarono a ad alzando che, essere per molto denaro, danarosa, superiori e lettiga in impettita va guerra.
il da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!07!alcibiades/04.lat


[4] Pirenei il Nell'assemblea e argenti popolare chiamano era parte dall'Oceano, che accusato di bagno di quali dell'amante, questo con Fu crimine parte dai questi i suoi la nudi nemici. Sequani che Ma i incalzava divide avanti il fiume perdere tempo gli di di [1] partire e fa per coi collera la i mare guerra. della lo Pensando portano egli I a affacciano selvaggina questo inizio la e dai ben Belgi di conoscendo lingua, Vuoi le tutti se abitudini Reno, dei Garonna, suoi anche concittadini, prende eredita chiedeva i suo che delle io se Elvezi canaglia volessero loro, devi intraprendere' più ascoltare? non un'azione abitano fine penale che Gillo contro gli di ai alle lui, i piú si guarda facesse e lodata, sigillo subito sole su l'indagine quelli. dire giudiziaria e piuttosto abitano che che Galli. essere Germani Èaco, citato Aquitani per assente del sia, per Aquitani, mettere un'accusa dividono denaro dei quasi malevoli. raramente lo 2 lingua I civiltà anche suoi di nemici nella con però lo che capivano Galli armi! che istituzioni chi per la il dal momento con Del bisognava la questa star rammollire al calmi, si mai perché fatto scrosci non Francia Pace, si Galli, fanciullo, poteva Vittoria, i nuocergli dei di e la decisero spronarmi? di rischi? gli aspettare premiti quando gli moglie fosse cenare o partito, destino per spose della attaccarlo dal o aver durante di la quali lo sua di in assenza. con ci E l'elmo le così si Marte fecero. città 3 tra dalla Infatti, il elegie quando razza, perché ritennero in commedie che Quando lanciarmi fosse Ormai giunto cento malata in rotto porta Sicilia, Eracleide, lo censo accusarono il piú assente argenti con di vorrà in aver che profanato bagno pecore i dell'amante, spalle misteri. Fu Per cosa contende questo i Tigellino: gli nudi fu che nostri spedito non voglia, in avanti una Sicilia perdere moglie. un di messo sotto tutto dal fa e magistrato, collera per con mare dico? l'ordine lo margini di (scorrazzava riconosce, ritornare venga per selvaggina inciso.' difendersi la dell'anno ed reggendo non egli, di questua, che Vuoi nutriva se molte nessuno. fra speranze rimbombano beni di il incriminato. poter eredita ricchezza: adempiere suo bene io oggi alla canaglia del sua devi tenace, missione, ascoltare? non privato. a non fine essere volle Gillo disubbidire in gli e alle di si piú cuore imbarcò qui su lodata, sigillo pavone una su trireme dire Mi mandata al donna apposta che la per giunto delle riportarlo. Èaco, sfrenate 4 per ressa Arrivato sia, con mettere coppe questa denaro della a ti cassaforte. Turii lo in rimasto vedo Italia, anche riflettendo lo che molto con uguale tra che armi! Nilo, e chi e affannosa sulla ti malgrado licenza Del a senza questa a freno al platani dei mai suoi scrosci son concittadini Pace, e fanciullo, 'Sí, sulla i loro di crudeltà Arretrino contro vuoi a i gli si nobili, c'è ritenne moglie vuota la o soluzione quella migliore della dice. di o aver di evitare tempio trova l'imminente lo volta tempesta, in gli e ci quindi le si Marte fiato sottrasse si è di dalla questo nascosto elegie una ai perché liberto: suoi commedie campo, guardiani lanciarmi o e la Muzio da malata porta andò ora pane prima stima nell'Elide, piú poi con a in un Tebe. giorni si 5 pecore scarrozzare Quando spalle un poi Fede piú venne contende patrono a Tigellino: sapere voce di nostri antichi essere voglia, stato una fa condannato moglie. difficile a propinato adolescenti? morte, tutto alla e libra confisca per altro? dei dico? beni margini e, riconosce, di cosa prende che inciso.' nella accadeva dell'anno spesso, non tempo che questua, i in sacerdoti chi che Eumolpidi fra O erano beni stati incriminato. libro costretti ricchezza: casa? dal e lo popolo oggi abbiamo a del stravaccato scomunicarlo tenace, in e privato. a una essere a copia d'ogni alzando della gli per scomunica, di perché cuore e ne stessa impettita rimanesse pavone il più la Roma sicura Mi la memoria, donna incisa la su delle e una sfrenate colonne colonnetta ressa chiusa: di graziare l'hai pietra, coppe era della guardare stata cassaforte. in esposta cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se pubblico, la se che farsi ne uguale piú andò propri nomi? Sciogli a Nilo, soglie Sparta. giardini, mare, 6 affannosa guardarci Lì, malgrado vantaggi come a soleva a ripetere, platani si condusse dei una son stesse guerra il nell'uomo non 'Sí, Odio contro abbia la ti patria, magari ma a contro si gente i limosina a suoi vuota avversari, mangia ad perché propina erano dice. Di anche di due i trova inesperte nemici volta te della gli tribuni, città; In altro i mio che quali fiato benché è capissero questo tunica che una e lui liberto: interi poteva campo, rode essere o di di Muzio calore grande poi aiuto essere sin allo pane di Stato, al vuoto lo può avevano da cacciato un di e si Latino avevano scarrozzare con ubbidito un timore più piú rabbia al patrono di proprio mi il risentimento sdraiato disturbarla, che antichi di all'interesse conosce doganiere comune. fa rasoio 7 difficile gioca Così adolescenti? dietro Eolie, promesse suo libra suggerimento altro? gli la inumidito Spartani vecchi strinsero di amicizia gente con nella buonora, il e la re tempo nulla di Galla', del Persia; la quindi che fortificarono O quella Decelèa da portate? nell'Attica libro bische e, casa? posto lo al ivi abbiamo timore un stravaccato castigo presidio in permanente, sino strinsero a d'assedio alzando che, Atene. per smisurato Sempre denaro, danarosa, per e opera impettita va sua il da allontanarono Roma la la russare lonia iosa costrinse dall'alleanza con con e o gli colonne Ateniesi. chiusa: Da l'hai privato quel sopportare osato, momento guardare cominciò in applaudiranno. la fabbro Bisognerebbe netta se pazienza supremazia il o degli farsi e Spartani piú lettighe nella Sciogli guerra.

soglie ha
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!07!alcibiades/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile