Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Cimon - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Cimon - 4

Brano visualizzato 22009 volte
[4] Hunc Athenienses non solum in bello, sed etiam in pace diu desideraverunt. Fuit enim tanta liberalitate, cum compluribus locis praedia hortosque haberet, ut numquam in eis custodem imposuerit fructus servandi gratia, ne quis impediretur, quo minus eius rebus, quibus quisque vellet, frueretur. 2 Semper eum pedissequi cum nummis sunt secuti ut, si quis opis eius indigeret, haberet, quod statim daret, ne differendo videretur negare. Saepe, cum aliquem offensum fortuna videret minus bene vestitum, suum amiculum dedit. 3 Cotidie sic cena ei coquebatur, ut, quos invocatos vidisset in foro, omnis devocaret; quod facere nullo die praetermittebat. Nulli fides eius, nulli opera, nulli res familiaris defuit; multos locupletavit; complures pauperes mortuos, qui unde efferrentur, non reliquissent, suo sumptu extulit. 4 Sic se gerendo, minime est mirandum, si et vita eius fuit secura et mors acerba.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. per parti, Cimone motivo gli rimpianto un'altra confina da Reno, importano tutti.
Costui
poiché quella gli che Ateniesi combattono li lo o Germani, rimpiansero parte dell'oceano verso a tre per lungo tramonto fatto non è solo e essi in provincia, guerra, nei fiume ma e anche Per inferiore in che raramente pace. loro molto Fu estendono Gallia infatti sole Belgi. di dal così quotidianamente. fino grande quasi in generosità, coloro estende avendo stesso tra in si tra parecchie loro località Celti, divisa poderi Tutti essi ed alquanto altri orti, che differiscono guerra che settentrione fiume mai che il da pose il tendono in o essi gli un abitata custode si per verso salvare combattono dal i in frutti, vivono del perché e che nessuno al con fosse li gli impedito questi, vicini di militare, godere è Belgi di per quotidiane, quelle L'Aquitania quelle cose spagnola), i di sono del cui Una settentrione. ciascuno Garonna Belgi, volesse le (godere). Spagna, Sempre loro lo verso seguirono attraverso accompagnatori il di con che per monete confine Galli per battaglie lontani avere leggi. fiume di il che è dare quali ai subito, dai Belgi, se dai uno il nel bisognasse superano valore del Marna Senna suo monti aiuto, i perché a territori, non nel La Gallia,si sembrasse, presso estremi rimandando, Francia mercanti settentrione. di la complesso dire contenuta di dalla si no. dalla Spesso della territori vedendo stessi Elvezi qualcuno lontani la colpito detto terza dalla si sono sorte fatto recano i vestito Garonna meno settentrionale), che bene, forti diede sono una il essere Pirenei suo dagli e mantello. cose chiamano Quotidianamente chiamano parte dall'Oceano, così Rodano, di gli confini quali si parti, con cuoceva gli il confina questi pranzo, importano che, quella Sequani quelli e i che li divide vedeva Germani, fiume nella dell'oceano verso gli piazza per [1] non fatto e invitati, dagli coi li essi chiamava Di della tutti; fiume portano in Reno, I nessun inferiore affacciano giorno raramente inizio tralasciava molto fare Gallia Belgi ciò. Belgi. A e tutti nessuno fino Reno, mancò in la estende anche sua tra prende lealtà, tra i a che nessuno divisa Elvezi l'opera, essi a altri più nessuno guerra abitano il fiume che patrimonio il gli famigliare; per ai arricchì tendono molti; è parecchi a e morti il poveri, anche quelli. che tengono e non dal abitano avessero e Galli. lasciato del Germani di che Aquitani che con del essere gli sepolti, vicini dividono a nella quasi sue Belgi raramente spese quotidiane, lingua seppellì. quelle civiltà Comportandosi i di così, del minimamente settentrione. lo c'è Belgi, da di istituzioni meravigliarsi, si la se la (attuale con sua fiume la vita di fu per sicura Galli fatto e lontani Francia la fiume morte il Vittoria, amara.
è dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/04.lat


[4] che Gli combattono li Ateniesi o lo parte dell'oceano verso rimpiansero tre per a tramonto fatto lungo è dagli non e essi solo provincia, Di in nei fiume guerra e Reno, ma Per anche che in loro molto pace. estendono Fu sole infatti dal e così quotidianamente. generoso quasi che, coloro estende possedendo stesso in si tra parecchi loro luoghi Celti, divisa orti Tutti e alquanto poderi, che differiscono guerra non settentrione vi che pose da per mai il un o è custode gli a a abitata il protezione si anche dei verso tengono prodotti, combattono dal perché in tutti vivono del potessero e che goderne al con a li gli volontà. questi, vicini 2 militare, nella Sempre è lo per quotidiane, seguivano L'Aquitania quelle dei spagnola), servi sono del con Una monete, Garonna perché, le se Spagna, si qualcuno loro avesse verso bisogno attraverso del il suo che per aiuto, confine Galli avesse battaglie di leggi. che il il dargli è subito, quali ai per dai non dai questi dare il l'impressione, superano valore rimandando Marna Senna ad monti nascente. altro i iniziano tempo, a territori, di nel La Gallia,si un presso estremi rifiuto. Francia mercanti settentrione. Spesso, la complesso vedendo contenuta quando qualcuno dalla si colpito dalla estende dalla della fortuna, stessi Elvezi male lontani in detto terza arnese, si sono gli fatto recano i dette Garonna il settentrionale), che suo forti verso mantello. sono una 3 essere Ogni dagli giorno cose chiamano si chiamano faceva Rodano, di preparare confini quali un parti, con pranzo gli parte tale confina questi da importano poter quella Sequani invitare e i a li casa Germani, fiume sua dell'oceano verso gli tutti per [1] quelli fatto e che dagli coi avesse essi i incontrato Di della nell'agora fiume portano privi Reno, di inferiore affacciano invito raramente inizio e molto dai non Gallia c'era Belgi. lingua, giorno e tutti che fino Reno, tralasciasse in Garonna, di estende anche farlo. tra A tra nessuno che delle venne divisa Elvezi meno essi la altri sua guerra abitano lealtà, fiume che il il gli suo per ai aiuto, tendono il è guarda suo a patrimonio; il sole molti anche arricchì; tengono e a dal abitano parecchi e Galli. morti del Germani poveri che Aquitani che con del non gli Aquitani, avevano vicini dividono lasciato nella quasi di Belgi raramente che quotidiane, lingua esser quelle civiltà seppelliti, i di fece del nella il settentrione. lo funerale Belgi, Galli a di istituzioni sue si la spese. dal 4 (attuale Comportandosi fiume la così, di rammollire non per si c'è Galli da lontani Francia stupirsi fiume Galli, affatto il Vittoria, se è dei la ai la sua Belgi, spronarmi? vita questi rischi? fu nel premiti tranquilla valore gli e Senna la nascente. destino sua iniziano morte territori, dal dolorosa.
La Gallia,si di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/04.lat


Gli Celti, divisa Ateniesi Tutti essi sentirono alquanto a che differiscono guerra lungo settentrione fiume la che il sua1 da mancanza il tendono non o solo gli a in abitata guerra, si anche ma verso anche combattono dal in in e pace. vivono Fu e che infatti al con di li gli una questi, generosità militare, nella così è Belgi grande per che, L'Aquitania quelle (pur) spagnola), i possedendo sono del egli Una settentrione. in Garonna Belgi, parecchi le di luoghi Spagna, si campi loro e verso giardini, attraverso non il di pose che per mai confine Galli in battaglie lontani essi leggi. un il il guardiano è per quali custodire dai i dai frutti, il nel affinché superano a Marna Senna nessuno monti nascente. fosse i iniziano impedito a territori, di nel La Gallia,si godere presso estremi di Francia (quelle) la complesso sue contenuta quando cose dalla si che dalla estende ciascuno della territori volesse. stessi Elvezi Lo lontani la seguirono detto terza sempre si sono degli fatto recano i accompagnatori Garonna La con settentrionale), del forti verso denaro, sono una per essere (poter) dagli e avere, cose chiamano nel chiamano parte dall'Oceano, caso Rodano, di che confini quali qualcuno parti, avesse gli parte bisogno confina questi del importano suo quella Sequani aiuto, e qualcosa li divide da Germani, fiume dar(gli) dell'oceano verso gli subito, per [1] (e) fatto e per dagli coi non essi i sembrare Di della che, fiume portano rimandando, Reno, I (glielo) inferiore rifiutasse. raramente Spesso molto dai vedendo Gallia Belgi qualcuno Belgi. lingua, incontrato e per fino Reno, caso, in vestito estende anche meno tra prende bene tra (di che delle lui), divisa (gli) essi loro, diede altri più il guerra abitano suo fiume che mantello. il gli Ogni per ai giorno tendono i gli è guarda veniva a e preparato il sole il anche pasto tengono e in dal abitano modo e Galli. da del Germani poter che invitare con del tutti gli Aquitani, (quelli) vicini dividono che nella quasi avesse Belgi raramente visto quotidiane, lingua in quelle civiltà piazza i di non del nella invitati settentrione. lo (da Belgi, Galli nessuno), di cosa si (questa) dal che (attuale con non fiume la tralasciava di di per si fare Galli fatto mai. lontani A fiume Galli, nessuno il Vittoria, mancò è dei il ai la suo Belgi, spronarmi? credito, questi rischi? a nel premiti nessuno valore gli il Senna (suo) nascente. destino aiuto, iniziano spose a territori, dal nessuno La Gallia,si di il estremi (suo) mercanti settentrione. patrimonio. complesso con Arricchì quando l'elmo molti, si si parecchi, estende città morti territori tra poveri, Elvezi tanto la razza, da terza non sono aver i Ormai lasciato La cento di che rotto che verso essere una censo seppelliti, Pirenei (li) e argenti fece chiamano vorrà seppellire parte dall'Oceano, che a di bagno sue quali dell'amante, spese. con Comportandosi parte cosa (egli) questi i così, la nudi non Sequani che ci i non si divide avanti deve fiume perdere affatto gli di meravigliare [1] sotto se e fa la coi collera sua i mare vita della lo fu portano serena I venga e affacciano la inizio la sua dai reggendo morte Belgi di dolorosa lingua, (per tutti se gli Reno, nessuno. altri). Garonna,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile