Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Cimon - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Cimon - 3

Brano visualizzato 17082 volte
[3] Quibus rebus cum unus in civitate maxime floreret, incidit in eandem invidiam, quam pater suus ceterique Atheniensium principes. Nam testarum suffragiis, quod illi `ostrakismon' vocant, X annorum exsilio multatus est. 2 Cuius facti celerius Athenienses quam ipsum paenituit. Nam cum ille animo forti invidiae ingratorum civium cessisset bellumque Lacedaemonii Atheniensibus indixissent, confestim notae eius virtutis desiderium consecutum est. 3 Itaque post annum quintum, quam expulsus erat, in patriam revocatus est. Ille, quod hospitio Lacedaemoniorum utebatur, satius existimans contendere Lacedaemonem, sua sponte est profectus pacemque inter duas potentissimas civitates conciliavit. 4 Post, neque ita multo, Cyprum cum ducentis navibus imperator missus, cum eius maiorem partem insulae devicisset, in morbum implicitus in oppido Citio est mortuus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] sia dalla Siccome condizioni dalla aveva re grazie uomini stessi a come lontani queste nostra imprese le si una la posizione cultura Garonna di coi settentrionale), assoluto che predominio e sono nella animi, città, stato dagli incappò fatto cose nella (attuale chiamano stessa dal malevolenza suo confini di per parti, suo motivo gli padre un'altra e Reno, degli poiché quella altri che capi combattono li ateniesi; o Germani, e parte così tre fu tramonto fatto condannato è dagli con e essi il provincia, Di suffragio nei fiume dei e cocci Per inferiore [che che raramente loro loro molto chiamano estendono Gallia ostracismo] sole all'esilio dal di quotidianamente. fino dieci quasi in anni. coloro estende 2 stesso tra Del si tra fatto loro però Celti, divisa si Tutti essi rammaricarono alquanto prima che differiscono guerra gli settentrione fiume Ateniesi che il che da per lui il tendono stesso. o è Infatti gli a egli abitata il affrontò si anche con verso animo combattono forte in l'invidia vivono del dei e concittadini al con ingrati, li gli e questi, vicini quando militare, gli è Belgi Spartani per quotidiane, dichiararono L'Aquitania guerra spagnola), i agli sono del Ateniesi, Una settentrione. subito Garonna fu le di rimpianto Spagna, si il loro suo verso (attuale ben attraverso noto il valore. che 3 confine Galli Così battaglie lontani cinque leggi. fiume anni il dopo è che quali ai era dai Belgi, stato dai questi bandito, il nel fu superano valore richiamato Marna Senna in monti patria. i Siccome a aveva nel La Gallia,si rapporti presso di Francia mercanti settentrione. ospitalità la con contenuta quando gli dalla si Spartani, dalla ritenendo della territori preferibile stessi Elvezi venire lontani la ad detto terza uno si sono scontro, fatto recano i di Garonna La sua settentrionale), che iniziativa forti verso parti sono per essere Pirenei Sparta dagli e e cose chiamano combinò chiamano la Rodano, pace confini quali tra parti, le gli due confina questi potentissime importano la città. quella 4 e i Non li divide molto Germani, dopo, dell'oceano verso mandato per [1] a fatto e Cipro dagli coi come essi i comandante Di della con fiume portano duecento Reno, navi, inferiore affacciano conquistò raramente inizio la molto dai maggior Gallia Belgi parte Belgi. dell'isola, e tutti ma fino Reno, poi in Garonna, cadde estende ammalato tra e tra i mori che nella divisa Elvezi città essi loro, di altri più Cizio.
guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/03.lat


3. di presso Esilio Egli, Francia di per la Cimone, il contenuta ritorno, sia dalla morte.
Per
condizioni dalla queste re cose uomini poiché come lontani unico nostra eccelleva le massimamente la fatto recano in cultura Garonna città, coi cadde che forti nella e sono stessa animi, invidia stato dagli in fatto cui (attuale suo dal Rodano, padre suo confini e per parti, gli motivo gli altri un'altra capi Reno, importano degli poiché quella Ateniesi. che e Infatti combattono li coi o voti parte dell'oceano verso sui tre per cocci, tramonto che è dagli essi e chiamano provincia, ostracismo, nei fiume fu e punito Per inferiore con che raramente l'esilio loro molto di estendono Gallia dieci sole Belgi. anni. dal e Ma quotidianamente. fino di quasi in questo coloro estende fatto stesso si si pentirono loro che gli Celti, divisa Ateniesi Tutti essi più alquanto celermente che differiscono guerra di settentrione fiume lui. che Infatti da avendo il tendono ceduto o è con gli a animo abitata forte si anche alla verso tengono invidia combattono degli in e ingrati vivono concittadini e che ed al avendo li gli i questi, vicini Lacedemoni militare, nella dichiarato è guerra per quotidiane, agli L'Aquitania quelle Ateniesi, spagnola), i subito sono del seguì Una settentrione. il Garonna Belgi, rimpianto le di del Spagna, suo loro noto verso (attuale valore. attraverso
E
il di così che dopo confine Galli quattro battaglie anni leggi. fiume che il il era è stato quali espulso, dai Belgi, fu dai questi richiamato il in superano patria. Marna Senna Egli, monti nascente. poiché i utilizzava a l'ospitalità nel dei presso estremi Lacedemoni, Francia mercanti settentrione. ritenendo la complesso preferibile contenuta quando recarsi dalla si a dalla Sparta, della territori parti stessi spontaneamente lontani e detto terza stabilì si sono la fatto recano i pace Garonna La tra settentrionale), che le forti verso due sono una potentissime essere città. dagli e
Poi,
cose e chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di proprio confini quali molto, parti, con inviato gli parte come confina questi comandante importano a quella Cipro e i con li divide duecento Germani, navi, dell'oceano verso gli avendo per [1] sconfitto fatto e al dagli maggior essi i parte Di della dell'isola, fiume portano caduto Reno, in inferiore affacciano una raramente inizio malattia molto dai morì Gallia Belgi nella Belgi. lingua, città e tutti di fino Reno, Cizio.
in Garonna,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/03.lat


Poiché re della da uomini stessi solo come lontani eccelleva nostra moltissimo le si in la fatto recano città cultura Garonna per coi settentrionale), queste che cose, e inciampò animi, essere nella stato dagli stessa fatto cose invidia (attuale chiamano in dal Rodano, cui suo confini (cadde) per parti, suo motivo gli padre un'altra e Reno, importano gli poiché quella altri che capi combattono li degli o Germani, Ateniesi. parte dell'oceano verso Infatti tre per col tramonto suffragio è dei e cocci, provincia, che nei fiume quelli e Reno, chiamano Per inferiore "ostracismo", che raramente fu loro condannato estendono Gallia all'esilio sole Belgi. per dal dieci quotidianamente. anni. quasi in Di coloro estende questo stesso tra fatto si tra gli loro Ateniesi Celti, divisa si Tutti pentirono alquanto più che differiscono guerra rapidamente settentrione fiume di che il lui. da Infatti, il tendono dopo o è che gli a lui abitata cedette si anche con verso animo combattono dal forte in all'invidia vivono degli e che ingrati al cittadini, li gli e questi, vicini dopo militare, nella che è gli per quotidiane, Spartani L'Aquitania quelle dichiararono spagnola), guerra sono del agli Una Ateniesi, Garonna Belgi, subito le di seguì Spagna, il loro desiderio verso del attraverso suo il noto che per valore. confine Galli Pertanto, battaglie lontani dopo leggi. fiume quattro il il anni è da quali ai che dai era dai questi stato il nel espulso, superano valore fu Marna richiamarato monti nascente. in i patria. a territori, Quello, nel La Gallia,si poiché presso estremi aveva Francia mercanti settentrione. goduto la complesso dell'ospitalità contenuta quando degli dalla si Spartani, dalla estende ritenendo della territori abbastanza stessi Elvezi positivo lontani la recarsi detto terza a si sono Sparta, fatto recano i di Garonna La sua settentrionale), che spontanea forti verso volontà sono andò essere Pirenei (lì) dagli e e cose conciliò chiamano parte dall'Oceano, la Rodano, di pace confini quali tra parti, con le gli parte due confina potentissime importano la città. quella Sequani Dopo, e e li divide neanche Germani, così dell'oceano verso gli tanto per [1] dopo, fatto e inviato dagli coi come essi comandante Di a fiume Cipro Reno, I con inferiore affacciano duecento raramente inizio navi, molto dai dopo Gallia aver Belgi. lingua, sconfitto e tutti la fino Reno, maggior in Garonna, parte estende anche di tra quell'isola, tra i contratta che una divisa Elvezi malattia essi loro, morì altri più nella guerra abitano citta fiume che di il gli Cizio. per tendono i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!05!cimon/03.lat

[very_92] - [2009-04-26 03:07:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile