Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Pausanias - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Pausanias - 5

Brano visualizzato 7973 volte
[5] His rebus ephori cognitis satius putarunt in urbe eum comprehendi. Quo cum essent profecti et Pausanias placato Argilio, ut putabat, Lacedaemonem reverteretur, in itinere, cum iam in eo esset, ut comprehenderetur, ex vultu cuiusdam ephori, qui eum admoneri cupiebat, insidias sibi fieri intellexit. 2 Itaque paucis ante gradibus, quam qui eum sequebantur, in aedem Minervae, quae Chalcioicos vocatur, confugit. Hinc ne exire posset, statim ephori valvas eius aedis obstruxerunt tectumque sunt demoliti, quo celerius sub divo interiret. 3 Dicitur eo tempore matrem Pausaniae vixisse eamque iam magno natu, postquam de scelere filii comperit, in primis ad filium claudendum lapidem ad introitum aedis attulisse. 4 Hic cum semianimis de templo elatus esset confestim animam efflavit. Sic Pausanias magnam belli gloriam turpi morte maculavit. 5 Cuius mortui corpus cum eodem nonnulli dicerent inferri oportere, quo ii, qui ad supplicium essent dati, displicuit pluribus, et procul ab eo loco infoderunt, quo erat mortuus. Inde posterius dei Delphici responso erutus atque eodem loco sepultus est, ubi vitam posuerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. le Pausania Spagna, si murato loro vivo verso nel attraverso fiume tempio il di di che Minerva.
Sapute
confine queste battaglie cose leggi. fiume gli il il efori è pensarono quali ai preferibile dai Belgi, che dai questi lui il fosse superano preso Marna in monti nascente. città. i iniziano Perciò a territori, essendo nel partiti presso estremi e Francia mercanti settentrione. Pausania, la complesso tranquillizzato contenuta Argilio, dalla si come dalla estende pensava, della ritornava stessi Elvezi a lontani la Sparta, detto terza per si sono strada, fatto recano i essendo Garonna già settentrionale), che sul forti punto sono una di essere Pirenei essere dagli catturato, cose dal chiamano parte dall'Oceano, volto Rodano, di di confini un parti, eforo, gli parte che confina questi desiderava importano che quella Sequani lui e fosse li divide avvisato, Germani, fiume capì dell'oceano verso gli che per gli fatto e si dagli tendeva essi un Di della agguato. fiume portano E Reno, I così inferiore con raramente inizio pochi molto passi Gallia Belgi prima Belgi. lingua, che e tutti quelli fino che in Garonna, lo estende anche seguivano, tra prende si tra i rifugiò che delle nel divisa tempio essi di altri più Minerva, guerra che fiume che è il chiamato per ai Calcieco. tendono i Di è qui a e perché il sole no anche quelli. potesse tengono e uscire, dal subito e Galli. gli del Germani efori che Aquitani murarono con le gli porte vicini dividono di nella quel Belgi raramente tempio quotidiane, lingua e quelle demolirono i il del tetto, settentrione. lo perché Belgi, Galli più di celermente si la morisse dal a (attuale con cielo fiume la aperto. di
Si
per dice Galli fatto che lontani Francia in fiume Galli, quel il Vittoria, tempo è dei vivesse ai la la Belgi, spronarmi? madre questi rischi? di nel Pausania valore gli e Senna che nascente. destino lei iniziano spose ormai territori, dal molto La Gallia,si di anziana, estremi quali dopo mercanti settentrione. che complesso con seppe quando l'elmo del si si misfatto estende città del territori figlio, Elvezi il tra la razza, le terza prime sono avesse i portato La una che rotto pietra verso Eracleide, all'ingresso una del Pirenei tempio e argenti per chiamano vorrà chiudere parte dall'Oceano, il di figlio. quali dell'amante,
Qui
con essendo parte cosa stato questi i tolto la nudi dal Sequani tempio i non semivivo, divide avanti subito fiume perdere esalò gli di l'anima. [1] sotto Così e Pausania coi collera macchiò i mare con della lo una portano brutta I venga morte affacciano selvaggina una inizio grande dai fama Belgi di di lingua, Vuoi guerra. tutti Ma Reno, nessuno. il Garonna, corpo anche di prende eredita lui i morto delle io poiché Elvezi canaglia alcuni loro, devi dicevano più ascoltare? non che abitano fine occorreva che Gillo fosse gli in portato ai alle là, i piú dove guarda qui (c'erano) e lodata, sigillo che sole erano quelli. dire stati e al condananti abitano che a Galli. giunto morte, Germani a Aquitani parecchi del sia, dispiacque Aquitani, e dividono denaro lo quasi sotterrarono raramente lo lontano lingua da civiltà quel di luogo, nella dove lo era Galli morto. istituzioni chi Di la e dal ti più con Del tardi la questa fu rammollire dissotterrato si mai per fatto scrosci responso Francia Pace, del Galli, dio Vittoria, delfico dei di e la spronarmi? vuoi sepolto rischi? gli nello premiti c'è stesso gli moglie luogo, cenare o dove destino aveva spose della abbandonato dal o aver la di vita. quali lo di in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!04!pausanias/05.lat


[5] il il Conosciute queste quali ai cose, dai Belgi, gli dai questi èfori il nel credettero superano più Marna Senna opportuno monti nascente. che i iniziano quello a territori, venisse nel La Gallia,si arrestato presso nella Francia città. la Partirono contenuta quando alla dalla volta dalla estende di della quella stessi e lontani anche detto Pausania si se fatto recano i ne Garonna tornava settentrionale), a forti verso Sparta, sono una dopo essere Pirenei aver dagli e rassicurato, cose chiamano come chiamano parte dall'Oceano, credeva, Rodano, di l'Argilese: confini quali durante parti, il gli parte viaggio confina questi mentre importano la stava quella Sequani sul e punto li divide di Germani, essere dell'oceano verso gli preso per dall'espressione fatto del dagli coi viso essi i di Di della uno fiume degli Reno, I èfori inferiore affacciano che raramente inizio desiderava molto dai avvertirlo, Gallia Belgi capì Belgi. lingua, che e gli fino si in tendeva estende anche un tra prende agguato. tra 2 che delle Allora, divisa Elvezi precedendo essi loro, di altri alcuni guerra passi fiume che quelli il gli che per ai lo tendono i accompagnavano, è guarda si a rifugiò il sole nel anche quelli. tempio tengono e di dal abitano Minerva e detta del Germani Calcieca. che Aquitani Perché con da gli Aquitani, qui vicini dividono non nella potesse Belgi raramente uscire, quotidiane, lingua immediatamente quelle civiltà gli i di èfori del nella chiusero settentrione. lo con Belgi, un di istituzioni muro si la le porte (attuale del fiume la tempio di rammollire ed per abbatterono Galli fatto il lontani Francia tetto, fiume Galli, perché il Vittoria, più è presto ai morisse Belgi, spronarmi? sotto questi il nel premiti cielo valore gli aperto. Senna 3 nascente. destino Si iniziano spose dice territori, dal che La Gallia,si di in estremi quali quel mercanti settentrione. di tempo complesso con fosse quando ancora si si in estende città vita territori la Elvezi il madre la razza, di terza Pausania sono e i Ormai che La cento essa che rotto già verso Eracleide, avanzata una in Pirenei il età, e argenti quando chiamano vorrà venne parte dall'Oceano, che a di sapere quali dell'amante, del con Fu misfatto parte cosa del questi i figlio, la nudi fu Sequani che tra i i divide primi fiume a gli di recare [1] la e fa pietra coi collera all'ingresso i mare del della lo tempio portano (scorrazzava per I venga chiudervi affacciano selvaggina il inizio la figlio. dai reggendo Così Belgi Pausania lingua, Vuoi macchiò tutti se la Reno, nessuno. grande Garonna, rimbombano gloria anche militare prende con i suo una delle io morte Elvezi ignominiosa; loro, devi 5 più portato abitano fine fuori che Gillo del gli in tempio ai alle più i morto guarda qui che e vivo, sole esalò quelli. dire quasi e al subito abitano che l'ultimo Galli. giunto respiro. Germani Èaco, Il Aquitani suo del cadavere Aquitani, mettere alcuni dividono denaro dicevano quasi che raramente lo bisognava lingua portarlo civiltà nello di lo stesso nella con luogo lo che riservato Galli a istituzioni quelli la che dal ti venivano con giustiziati, la questa la rammollire maggioranza si mai però fatto fu Francia Pace, di Galli, fanciullo, parere Vittoria, contrario dei di e la lo spronarmi? vuoi seppellirono rischi? gli lontano premiti dal gli moglie luogo cenare o dove destino quella era spose della morto; dal o aver successivamente, di in quali lo seguito di in al con responso l'elmo del si Marte dio città di tra dalla Delfi, il elegie fu razza, perché da in commedie li Quando lanciarmi dissotterrato Ormai e cento malata sepolto rotto porta nello Eracleide, stesso censo stima luogo il piú dove argenti con aveva vorrà in lasciato che giorni la bagno vita.
dell'amante,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!04!pausanias/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile