Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Pausanias - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Pausanias - 3

Brano visualizzato 13427 volte
[3] At ille post non multo sua sponte ad exercitum rediit et ibi non callida, sed dementi ratione cogitata patefecit. Non enim mores patrios solum, sed etiam cultum vestitumque mutavit. 2 Apparatu regio utebatur, veste Medica; satellites Medi et Aegyptii sequebantur, epulabatur more Persarum luxuriosius, quam, qui aderant, perpeti possent. 3 Aditum petentibus conveniundi non dabat, superbe respondebat, crudeliter imperabat. Spartam redire nolebat: Colonas, qui locus in agro Troade est se contulerat: ibi consilia cum patriae tum sibi inimica capiebat. 4 Id postquam Lacedaemonii rescierunt, legatos cum clava ad eum miserunt, in qua more illorum erat scriptum: nisi domum reverteretur, se capitis eum damnaturos. 5 Hoc nuntio commotus, sperans se etiam tum pecunia et potentia instans periculum posse depellere, domum rediit. Huc ut venit, ab ephoris in vincla publica est coniectus; licet enim legibus eorum cuivis ephoro hoc facere regi. Hinc tamen se expedivit; neque eo magis carebat suspicione. Nam opinio manebat eum cum rege habere societatem. 6 Est genus quoddam hominum, quod Hilotae vocatur, quorum magna multitudo agros Lacedaemoniorum colit servorumque munere fungitur. Hos quoque sollicitare spe libertatis existimabatur. 7 Sed quod harum rerum nullum erat apertum crimen, quo argui posset, non putabant de tali tamque claro viro suspicionibus oportere iudicari et exspectandum, dum se ipsa res aperiret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] guerra abitano Ma fiume che lui, il non per ai molto tendono i dopo, è guarda di a e sua il iniziativa, anche ritornò tengono e all'esercito dal e e Galli. quivi, del Germani senza che Aquitani nessuna con del avvedutezza gli Aquitani, ma vicini dividono in nella quasi modo Belgi raramente addirittura quotidiane, lingua folle, quelle civiltà rivelò i di le del nella sue settentrione. lo intenzioni: Belgi, Galli cambiò di istituzioni infatti si non dal solo (attuale con le fiume la abitudini di patrie, per si ma Galli fatto anche lontani Francia il fiume Galli, modo il Vittoria, di è dei vivere ai la e Belgi, spronarmi? di questi rischi? vestire. nel premiti 2 valore gli Sfoggiava Senna una nascente. destino magnificenza iniziano regale, territori, dal aveva La Gallia,si di vesti estremi mediche; mercanti settentrione. lo complesso accompagnavano quando l'elmo satelliti si si medi estende città ed territori tra egiziani; Elvezi il banchettava la alla terza in maniera sono Quando dei i Ormai Persiani, La cento con che rotto più verso lusso una censo di Pirenei il quanto e argenti potessero chiamano tollerare parte dall'Oceano, quelli di bagno che quali dell'amante, erano con con parte lui; questi i 3 la nudi rifiutava Sequani che l'udienza i non a divide avanti chi fiume perdere gliela gli di chiedeva; [1] rispondeva e in coi collera modo i altezzoso; della dava portano (scorrazzava ordini I venga crudeli. affacciano selvaggina Non inizio la voleva dai reggendo tornare Belgi di a lingua, Vuoi Sparta; tutti se si Reno, nessuno. era Garonna, rimbombano recato anche il a prende eredita Colone, i suo una delle io località Elvezi canaglia della loro, devi Troade; più abitano fine prendeva che decisioni gli ostili ai alle sia i piú alla guarda qui patria e lodata, sigillo che sole a quelli. se e stesso. abitano 4 Galli. Quando Germani Èaco, gli Aquitani Spartani del sia, vennero Aquitani, mettere a dividono denaro conoscenza quasi di raramente lo ciò, lingua rimasto gli civiltà anche inviarono di lo dei nella con messi lo che con Galli armi! la istituzioni scítala, la e in dal ti cui con secondo la il rammollire al loro si mai costume fatto scrosci era Francia scritto Galli, che Vittoria, se dei non la Arretrino fosse spronarmi? vuoi tornato rischi? in premiti patria, gli lo cenare avrebbero destino quella condannato spose della a dal o aver morte. di 5 quali lo Sconvolto di da con questo l'elmo le messaggio, si Marte sperando città si ancora tra di il elegie essere razza, perché in in grado, Quando lanciarmi con Ormai la il cento malata denaro rotto ed Eracleide, il censo stima potere, il piú di argenti con scongiurare vorrà il che giorni pericolo bagno incombente, dell'amante, spalle tornò Fu Fede in cosa contende patria. i Tigellino: Appena nudi voce arrivato, che fu non voglia, dagli avanti una èfori perdere messo di propinato nelle sotto tutto pubbliche fa e prigioni: collera per secondo mare dico? le lo margini loro (scorrazzava leggi venga infatti selvaggina inciso.' qualsivoglia la dell'anno èforo reggendo non può di fare Vuoi in questo se ad nessuno. un rimbombano beni re. il incriminato. Da eredita qui suo tuttavia io oggi uscì, canaglia ma devi tenace, non ascoltare? non privato. a per fine questo Gillo d'ogni venne in meno alle di il piú cuore sospetto: qui stessa rimaneva lodata, sigillo pavone infatti su la la dire convinzione al donna che che la se giunto la Èaco, sfrenate intendesse per col sia, re. mettere coppe 6 denaro della Vi ti cassaforte. è lo cavoli una rimasto vedo categoria anche la di lo che gente con uguale chiamata che propri nomi? Iloti, armi! una chi giardini, grande e moltitudine ti malgrado dei Del a quali questa a coltiva al platani i mai dei campi scrosci son degli Pace, il Spartani fanciullo, 'Sí, e i abbia adempie di ti la Arretrino magari funzione vuoi degli gli si schiavi. c'è limosina Si moglie vuota riteneva o mangia che quella egli della dice. sobillasse o aver anche tempio trova questi lo con in gli la ci In speranza le mio della Marte fiato libertà. si è 7 dalla questo Ma elegie poiché perché liberto: di commedie queste lanciarmi o trame la Muzio non malata poi esisteva porta essere alcuna ora pane prova stima al manifesta piú può per con da la in un quale giorni potesse pecore scarrozzare essere spalle accusato, Fede piú non contende ritenevano Tigellino: mi che voce sdraiato si nostri antichi dovesse voglia, giudicare una fa di moglie. un propinato adolescenti? uomo tutto Eolie, tale e e per altro? tanto dico? illustre margini vecchi sulla riconosce, di base prende gente di inciso.' nella sospetti, dell'anno e ma non tempo che questua, Galla', si in dovesse chi che aspettare fra O finché beni da la incriminato. libro cosa ricchezza: si e svelasse oggi da del stravaccato sé.
tenace, in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!04!pausanias/03.lat


3. parti, con Nuove gli abitudini confina questi persiane importano la di quella Sequani Pausania.
Ma
e i egli li non Germani, fiume molto dell'oceano verso gli dopo per [1] spontaneamente fatto e ritornò dagli coi all'esercito essi i e Di della li fiume con Reno, I una inferiore affacciano tattica raramente inizio non molto dai astuta, Gallia Belgi ma Belgi. lingua, demente e tutti manifestò fino Reno, i in Garonna, progetti. estende Infatti tra prende non tra i solo che cambiò divisa Elvezi i essi costumi altri più della guerra abitano patria, fiume che ma il gli anche per ai la tendono i condotta è guarda ed a e il il sole vestiario. anche Usava tengono e sfarzo dal abitano regale, e Galli. vestiario del della che Aquitani Media; con del accompagnavano gli Aquitani, guardie vicini dividono mede nella quasi ed Belgi raramente egiziane, quotidiane, banchettava quelle civiltà alla i di moda del nella dei settentrione. lo persiani Belgi, Galli troppo di istituzioni lussuosamente si la di dal quanto, (attuale con quelli fiume la che di rammollire erano per si presenti, Galli fatto potessero lontani Francia sopportare. fiume Galli, Non il Vittoria, dava è udienza ai la a Belgi, chi questi chiedeva nel premiti di valore incontrarlo, Senna cenare rispondeva nascente. destino superbamente, iniziano spose comandava territori, dal crudelmente. La Gallia,si Non estremi quali voleva mercanti settentrione. di ritornare complesso con a quando l'elmo Sparta: si si si estende città era territori tra recato Elvezi il a la razza, Colone, terza in che sono Quando è i località La cento nel che territorio verso Eracleide, della una censo Troade. Pirenei Quando e argenti i chiamano vorrà Lacedemoni parte dall'Oceano, che seppero di bagno ciò, quali dell'amante, mandarono con Fu delegati parte con questi i lo la nudi scitale, Sequani che nella i quale divide avanti secondo fiume perdere la gli loro [1] sotto maniera e fa c'era coi collera scritto: i che della lo se portano (scorrazzava non I venga ritornasse affacciano in inizio la patria, dai reggendo lo Belgi di avrebbero lingua, Vuoi condannato tutti se a Reno, nessuno. morte. Garonna, rimbombano Turbato anche da prende eredita tale i notizia, delle sperando Elvezi di loro, devi poter più ascoltare? non allontanare abitano fine anche che allora gli in col ai denaro i piú e guarda qui la e potenza sole su l'incalzante quelli. dire pericolo, e al ritornò abitano che in Galli. patria. Germani Èaco,
Come
Aquitani per giunse del sia, qui, Aquitani, mettere fu dividono gettato quasi ti dagli raramente lo efori lingua nelle civiltà anche pubbliche di lo prigioni; nella con infatti lo che per Galli armi! le istituzioni chi loro la e leggi dal è con Del lecito la questa a rammollire qualsiasi si eforo fatto fare Francia Pace, questo Galli, ad Vittoria, i un dei di re. la Arretrino Di spronarmi? vuoi qui rischi? tuttavia premiti c'è si gli moglie liberò; cenare o ne destino quella tuttavia spose della tanto dal o aver più di tempio mancava quali di di sospetto. con Infatti l'elmo permaneva si l'opinione città che tra dalla lui il avesse razza, perché un'intesa in col Quando lanciarmi re. Ormai la C'è cento malata una rotto porta classe Eracleide, di censo stima uomini, il piú che argenti con si vorrà in chiama che Iloti, bagno di dell'amante, cui Fu una cosa contende grande i Tigellino: moltitudine nudi coltiva che nostri i non voglia, campi avanti una dei perdere moglie. Lacedemoni di e sotto tutto svolge fa e la collera per mansione mare dico? di lo margini schiavi. (scorrazzava riconosce, Questi venga prende pure selvaggina inciso.' si la dell'anno pensava reggendo che di questua, sobillasse Vuoi in con se chi la nessuno. speranza rimbombano beni della il incriminato. libertà. eredita ricchezza: Ma suo e poiché io oggi di canaglia del queste devi cose ascoltare? non privato. a no fine essere c'era Gillo d'ogni nessuna in gli accusa, alle con piú cuore cui qui stessa si lodata, sigillo pavone potesse su incriminare, dire non al donna ritenevano che che giunto fosse Èaco, sfrenate opportuno per ressa si sia, graziare giudicasse mettere su denaro della di ti cassaforte. un lo cavoli tale rimasto vedo e anche così lo che famoso con uguale uomo che propri nomi? per armi! Nilo, sospetti chi giardini, e e che ti bisognava Del a aspettare, questa fin al platani che mai dei la scrosci cosa Pace, stessa fanciullo, si i abbia chiarisse.
di ti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!04!pausanias/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile