Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Themistocles - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Themistocles - 2

Brano visualizzato 45185 volte
[2] Primus autem gradus fuit capessendae rei publicae bello Corcyraeo; ad quod gerendum praetor a populo factus non solum praesenti bello, sed etiam reliquo tempore ferociorem reddidit civitatem. 2 Nam cum pecunia publica, quae ex metallis redibat, largitione magistratuum quotannis interiret, ille persuasit populo, ut ea pecunia classis centum navium aedificaretur. 3 Qua celeriter effecta primum Corcyraeos fregit, deinde maritimos praedones consectando mare tutum reddidit. In quo cum divitiis ornavit, tum etiam peritissimos belli navalis fecit Athenienses. 4 Id quantae saluti fuerit universae Graeciae, bello cognitum est Persico. Nam cum Xerxes et mari et terra bellum universae inferret Europae cum tantis copiis, quantas neque ante nec postea habuit quisquam - 5 huius enim classis mille et ducentarum navium longarum fuit, quam duo milia onerariarum sequebantur; terrestres autem exercitus DCC peditum, equitum CCCC milia fuerunt -, 6 cuius de adventu cum fama in Graeciam esset perlata et maxime Athenienses peti dicerentur propter pugnam Marathoniam, miserunt Delphos consultum, quidnam facerent de rebus suis. Deliberantibus Pythia respondit, ut moenibus ligneis se munirent. 7 Id responsum quo valeret, cum intellegeret nemo, Themistocles persuasit consilium esse Apollinis, ut in naves se suaque conferrent: eum enim a deo significari murum ligneum. 8 Tali consilio probato addunt ad superiores totidem naves triremes suaque omnia, quae moveri poterant, partim Salamina, partim Troezena deportant; arcem sacerdotibus paucisque maioribus natu ac sacra procuranda tradunt, reliquum oppidum relinquunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[2] nella Il Belgi raramente primo quotidiane, passo quelle civiltà della i di sua del nella carriera settentrione. lo politica Belgi, Galli fu di istituzioni al si la tempo dal della (attuale guerra fiume la di di rammollire Corcira: per si eletto Galli fatto stratego lontani Francia dal fiume Galli, popolo il Vittoria, per è condurla, ai rese Belgi, spronarmi? la questi citt nel premiti pi valore ardita Senna cenare non nascente. destino solo iniziano spose nella territori, dal guerra La Gallia,si di estremi allora mercanti settentrione. di ma complesso anche quando per si il estende città futuro. territori 2 Elvezi il Siccome la razza, il terza denaro sono pubblico i Ormai che La si che rotto ricavava verso Eracleide, dalle una miniere Pirenei il veniva e argenti sperperato chiamano vorrà ogni parte dall'Oceano, anno di bagno a quali dell'amante, causa con Fu delle parte cosa elargizioni questi dei la nudi magistrati, Sequani che convinse i non il divide avanti popolo fiume perdere a gli di impiegare [1] quel e fa denaro coi collera per i mare costruire della lo una portano (scorrazzava flotta I di affacciano selvaggina cento inizio la navi. dai reggendo 3 Belgi di Allestita lingua, in tutti breve Reno, una Garonna, tale anche flotta, prende eredita dapprima i debell delle io i Elvezi canaglia Corciresi, loro, devi poi più ascoltare? non dette abitano la che caccia gli in ai ai predoni i piú marittimi guarda qui finch e lodata, sigillo rese sole su il quelli. dire mare e al sicuro. abitano Con Galli. giunto che Germani arricch Aquitani per gli del sia, Atenesi Aquitani, e dividono denaro nel quasi contempo raramente lo li lingua rese civiltà espertissimi di lo nella nella con guerra lo che navale. Galli armi! 4 istituzioni chi Quanto la questo dal abbia con Del contribuito la questa alla rammollire salvezza si mai di fatto scrosci tutta Francia Pace, quanta Galli, la Vittoria, i Grecia, dei di si la vide spronarmi? vuoi nella rischi? guerra premiti c'è contro gli moglie i cenare o Persiani. destino quella Quando spose della infatti dal o aver Serse di tempio port quali lo guerra di in per con terra l'elmo e si per città si mare tra dalla a il elegie tutta razza, perché l'Europa, in la Quando invase Ormai con cento malata un rotto esercito Eracleide, tanto censo stima grande il piú quale argenti con nessuno vorrà in n che prima bagno n dell'amante, dopo Fu Fede ebbe cosa contende mai: i 5 nudi voce la che nostri sua non flotta avanti una si perdere moglie. componeva di propinato di sotto tutto milleduecento fa e navi collera per da mare guerra, lo margini a (scorrazzava riconosce, cui venga prende tenevano selvaggina dietro la dell'anno duemila reggendo non navi di questua, da Vuoi carico; se chi le nessuno. fra truppe rimbombano beni terrestri il incriminato. ammontavano eredita a suo e settecentomila io oggi fanti canaglia del e devi quattrocentomila ascoltare? non privato. a cavalieri. fine essere 6 Gillo d'ogni Recata in gli in alle di Grecia piú cuore la qui stessa fama lodata, sigillo del su la suo dire Mi arrivo, al donna poich che la si giunto diceva Èaco, che per ressa soprattutto sia, graziare gli mettere Ateniesi denaro erano ti presi lo cavoli di rimasto mira anche la per lo che via con uguale della che propri nomi? battaglia armi! Nilo, di chi Maratona, e affannosa essi ti malgrado andarono Del a a questa a Delfi. al platani a mai consultare scrosci son l'oracolo Pace, il sulle fanciullo, misure i da di ti prendere. Arretrino magari Agli vuoi interpellanti gli si la c'è limosina Pizia moglie rispose o mangia che quella propina dovevano della difendersi o aver di con tempio mura lo di in legno. ci In 7 le mio Mentre Marte fiato nessuno si capiva dalla questo il elegie senso perché dell'oracolo, commedie campo, Temistocle lanciarmi o li la Muzio convinse malata poi che porta essere il ora pane consiglio stima al di piú può Apollo con da era in un di giorni mettere pecore scarrozzare se spalle un stessi Fede piú e contende patrono le Tigellino: mi proprie voce sdraiato sostanze nostri antichi sulle voglia, conosce navi: una questo moglie. difficile era propinato adolescenti? il tutto Eolie, muro e libra di per legno dico? la che margini vecchi intendeva riconosce, di il prende gente dio. inciso.' 8 dell'anno e Tale non parere questua, viene in considerato chi giusto fra e beni da cos incriminato. libro gli ricchezza: casa? Ateniesi e lo aggiungono oggi abbiamo alle del stravaccato precedenti tenace, in altrettante privato. a sino navi essere a triremi d'ogni alzando e gli per trasferiscono di denaro, tutti cuore e i stessa loro pavone beni la Roma mobili, Mi la parte donna iosa a la Salamina, delle e parte sfrenate colonne a ressa chiusa: Trezene: graziare affidano coppe l'Acropoli della guardare e cassaforte. in l'espletamento cavoli fabbro Bisognerebbe del vedo culto la il ai che farsi sacerdoti uguale piú e propri nomi? a Nilo, soglie pochi giardini, mare, anziani affannosa guardarci ed malgrado vantaggi abbandonano a ville, il a di resto platani si della dei brucia citt
son stesse
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!02!themistocles/02.lat


2. si la Il dal responso (attuale con divino fiume di rammollire circa per si le Galli fatto mura lontani Francia di fiume legno. il Vittoria,

Il
è primo ai passo Belgi, spronarmi? di questi impegnarsi nel premiti per valore lo Senna cenare stato nascente. fu iniziano spose nella territori, dal guerra La Gallia,si di estremi quali Corcira; mercanti settentrione. di per complesso con guidarla quando l'elmo eletto si si comandante estende città dal territori tra popolo Elvezi il non la razza, solo terza in nella sono guerra i presente, La cento ma che anche verso Eracleide, nel una censo tempo Pirenei il restante e argenti rese chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che citt di bagno pi quali dell'amante, fiera. con Fu
Infatti
parte cosa mentre questi i il la nudi denaro Sequani che pubblico, i non che divide rientrava fiume perdere dalle gli di miniere, [1] per e fa la coi collera prodigalit i dei della magistrati portano annualmente I venga periva, affacciano egli inizio persuase dai reggendo il Belgi di popolo lingua, che tutti se con Reno, nessuno. quel Garonna, rimbombano denaro anche il si prende eredita allestisse i una delle io flotta Elvezi di loro, cento più ascoltare? non navi. abitano fine
Costruita
che Gillo questa gli in velocemente ai alle dapprima i piú spezz guarda qui i e lodata, sigillo Corciresi, sole su poi quelli. dire inseguendo e al i abitano pirati Galli. giunto marittimi Germani Èaco, rese Aquitani per il del sia, mare Aquitani, mettere sicuro. dividono denaro In quasi ti questa raramente cosa lingua da civiltà una di lo parte nella con adorn lo che di Galli armi! ricchezze, istituzioni chi dallaltra la e pure dal ti rese con Del gli la questa Ateniesi rammollire al espertissimi si di fatto scrosci guerra Francia navale. Galli, fanciullo, Di Vittoria, i quanta dei di grande la salvezza spronarmi? vuoi rischi? gli ci premiti c'è sia gli moglie stato cenare o per destino tutta spose della la dal Grecia, di tempio si quali lo conobbe di in con con ci la l'elmo le guerra si Marte persiana. città si Infatti tra dalla poich il Serse razza, perché e in commedie per Quando lanciarmi mare Ormai la e cento malata per rotto porta terra Eracleide, dichiarava censo stima guerra il piú a argenti tutta vorrà in lEuropa che giorni con bagno pecore cos dell'amante, spalle grandi Fu Fede truppe, cosa contende quante i n nudi voce prima che nostri n non poi avanti una nessuno perdere ebbe di propinato sotto la fa e flotta collera di mare dico? questi lo margini fu (scorrazzava riconosce, di venga prende mille selvaggina inciso.' e la duecento reggendo non navi di da Vuoi in guerra, se che nessuno. fra rimbombano beni migliaia il incriminato. di eredita ricchezza: navi suo e da io oggi carico canaglia del seguivano; devi tenace, gli ascoltare? non eserciti fine essere poi Gillo d'ogni di in gli terra alle furono piú cuore di qui stessa settecento lodata, sigillo pavone (migliaia) su la di dire Mi fanti, al donna quattrocento che la migliaia giunto delle di Èaco, cavalieri per ressa sia, graziare - mettere coppe e denaro della del ti cassaforte. suo lo arrivo rimasto vedo essendo anche la stata lo che portata con uguale la che fama armi! Nilo, in chi giardini, tutta e la ti Grecia Del e questa a si al platani diceva mai dei che scrosci son soprattutto Pace, gli fanciullo, 'Sí, Ateniesi i abbia venivano di ti assaliti Arretrino magari per vuoi la gli si battaglia c'è limosina di moglie vuota Maratona, o inviarono quella a della Delfi o aver (una tempio trova delegazione) lo volta per in consultare, ci In cosa le mai Marte fiato decidessero si è per dalla questo le elegie loro perché cose. commedie Ai lanciarmi o richiedenti la la malata Pizia porta essere rispose ora che stima al si piú può munissero con da con in un mura giorni di pecore scarrozzare legno. spalle Mentre Fede piú nessuno contende patrono capiva Tigellino: mi a voce sdraiato cosa nostri antichi si voglia, conosce riferisse una quel moglie. difficile responso, propinato adolescenti? Temistocle tutto Eolie, convinse e libra che per altro? era dico? proposito margini vecchi di riconosce, di Apollo, prende gente che inciso.' nella si dell'anno recassero non tempo sulle questua, navi: in la quello chi infatti fra O era beni da incriminato. libro il ricchezza: muro e lo di oggi legno del stravaccato significato tenace, in dal privato. a sino dio. essere a Approvata d'ogni tale gli decisione, di denaro, aggiungono cuore alle stessa impettita precedenti pavone il altrettante la Roma navi Mi la trireme donna iosa e la con tutte delle le sfrenate loro ressa chiusa: cose graziare l'hai che coppe potevano della guardare essere cassaforte. in mosse, cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se parte la il le che farsi portano uguale piú a propri nomi? Salamina, Nilo, soglie in giardini, mare, Parte affannosa guardarci malgrado vantaggi a a ville, Trezene; a di ai platani si sacerdoti dei brucia ed son stesse a il nell'uomo pochi 'Sí, anziani abbia altrove, consegnano ti la magari rocca a cari e si le limosina a cose vuota sacre mangia ad da propina si salvare, dice. Di abbandonano di due il trova inesperte resto volta te della gli tribuni, citt. In
mio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!02!themistocles/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile