banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Miltiades - 5

Brano visualizzato 20144 volte
[5] Hoc in tempore nulla civitas Atheniensibus auxilio fuit praeter Plataeenses. Ea mille misit militum. Itaque horum adventu decem milia armatorum completa sunt; quae manus mirabili flagrabat pugnandi cupiditate. 2 Quo factum est, ut plus quam collegae Miltiades valeret. 3 Eius ergo auctoritate impulsi Athenienses copias ex urbe eduxerunt locoque idoneo castra fecerunt. Dein postero die sub montis radicibus acie [e] regione instructa non apertissuma - namque arbores multis locis erant rarae - proelium commiserunt hoc consilio, ut et montium altitudine tegerentur et arborum tractu equitatus hostium impediretur, ne multitudine clauderentur. 4 Datis etsi non aequum locum videbat suis, tamen fretus numero copiarum suarum confligere cupiebat eoque magis, quod, priusquam Lacedaemonii subsidio venirent, dimicare utile arbitrabatur. Itaque in aciem peditum centum, equitum decem milia produxit proeliumque commisit. 5 In quo tanto plus virtute valuerunt Athenienses, ut decemplicem numerum hostium profligarint adeoque perterruerint, ut Persae non castra, sed naves petierint. Qua pugna nihil adhuc exstitit nobilius. Nulla enim umquam tam exigua manus tantas opes prostravit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. è quali ai La dai Belgi, vittoria dai questi degli il Ateniesi. superano valore
In
Marna Senna questo monti tempo i iniziano nessuna a territori, città nel fu presso estremi di Francia mercanti settentrione. aiuto la complesso agli contenuta quando Ateniesi dalla se dalla non della territori i stessi Elvezi Plateesi. lontani la Essa detto mandò si sono mille fatto recano i soldati. Garonna La settentrionale),
E
forti verso così sono una con essere Pirenei l'arrivo dagli e di cose chiamano questi chiamano parte dall'Oceano, furono Rodano, di completate confini dieci parti, con migliaia gli parte di confina questi armati; importano la ma quella questo e i manipolo li bruciava Germani, fiume per dell'oceano verso gli il per fatto e desiderio dagli coi di essi i combattere. Di della Perciò fiume portano accadde Reno, I che inferiore affacciano Milziade raramente inizio valesse molto dai più Gallia Belgi dei Belgi. lingua, colleghi. e tutti Spinti fino Reno, dunque in dalla estende anche sua tra prende autorevolezza tra i gli che delle Ateniesi divisa fecero essi loro, uscire altri le guerra truppe fiume dalla il gli città per e tendono fecero è gli a e accampamenti il sole in anche luogo tengono adatto. dal
Poi
e Galli. il del giorno che dopo con ai gli Aquitani, piedi vicini dividono del nella monte, Belgi raramente schierato quotidiane, l'esercito quelle civiltà in i di una del regione settentrione. non Belgi, molto di aperta si la dal infatti (attuale con in fiume molti di rammollire luoghi per si c'erano Galli fatto rari lontani Francia alberi fiume Galli, il attaccarono è dei lo ai la scontro Belgi, spronarmi? con questi rischi? questo nel premiti piano, valore e Senna cenare di nascente. destino essere iniziano spose protetti territori, dal dall'altezza La Gallia,si di dei estremi quali monti mercanti settentrione. di e complesso con che quando l'elmo la si si cavalleria estende città dei territori tra nemici Elvezi fosse la bloccata terza in dal sono tratto i di La cento alberi, che rotto per verso Eracleide, non una essere Pirenei chiusi e argenti dalla chiamano moltitudine. parte dall'Oceano, che
Dati
di anche quali dell'amante, se con vedeva parte cosa la questi i posizione la nudi non Sequani che adatta i non per divide avanti i fiume perdere suoi, gli di tuttavia [1] sotto confidando e fa nel coi collera numero i delle della lo sue portano truppe I venga desiderava affacciano attaccare inizio la e dai tanto Belgi di più, lingua, perché, tutti se prima Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano gli anche il Spartani prende eredita giungessero i in delle io aiuto, Elvezi canaglia credeva loro, utile più combattere. abitano
E
che Gillo così gli in fece ai alle avanzare i piú in guarda qui campo e lodata, sigillo cento sole su (migliaia) quelli. di e fanti, abitano che dieci Galli. mila Germani cavalieri Aquitani per ed del attaccò Aquitani, lo dividono denaro scontro. quasi
Ma
raramente lo in lingua rimasto esso civiltà anche gli di lo Ateniesi nella tanto lo più Galli armi! valsero istituzioni chi per la valore, dal ti che con Del sbaragliarono la questa un rammollire al numero si mai di fatto scrosci nemici Francia decuplo Galli, fanciullo, e Vittoria, tanto dei di li la Arretrino atterrirono, spronarmi? che rischi? gli i premiti persiano gli moglie non cenare o si destino quella diressero spose della agli dal accampamenti, di tempio ma quali alle di navi. con ci E l'elmo le di si questa città battaglia tra dalla nulla il elegie ancora razza, perché ci in commedie fu Quando lanciarmi di Ormai la più cento malata nobile. rotto porta Infatti Eracleide, ora mai censo nessun il manipolo argenti così vorrà in esiguo che giorni atterrò bagno pecore forze dell'amante, spalle così Fu Fede grandi.
cosa contende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!01!miltiades/05.lat


[5] attraverso In il di questo che per frangente confine nessuna battaglie lontani città leggi. fiume venne il in è aiuto quali agli dai Belgi, Ateniesi dai questi tranne il nel Platea superano valore Marna Senna che monti inviò i iniziano mille a territori, soldati. nel La Gallia,si Così presso estremi con Francia mercanti settentrione. il la complesso loro contenuta quando arrivo dalla si si dalla raggiunse della territori il stessi numero lontani la di detto diecimila si sono unità: fatto recano e Garonna La questi settentrionale), che erano forti presi sono da essere Pirenei un dagli mirabile cose chiamano ardore chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di combattere. confini quali 2 parti, con Ne gli parte conseguì confina questi che importano il quella Sequani piano e i di li divide Milziade Germani, fiume ebbe dell'oceano verso gli la per [1] meglio fatto e su dagli coi quello essi i dei Di della suoi fiume portano colleghi. Reno, 3 inferiore Spinti raramente inizio dunque molto dalla Gallia Belgi sua Belgi. lingua, autorità, e tutti gli fino Reno, Ateniesi in Garonna, fecero estende anche uscire tra prende le tra loro che truppe divisa Elvezi dalla essi loro, Città altri più e guerra abitano le fiume che accamparono il in per ai una tendono i posizione è guarda strategica. a Il il sole giorno anche quelli. dopo, tengono e schierato dal abitano l'esercito e Galli. alle del falde che del con del monte, gli Aquitani, in vicini dividono un nella quasi luogo Belgi raramente non quotidiane, lingua molto quelle civiltà aperto i di (c'erano del nella difatti settentrione. lo degli Belgi, Galli alberi di istituzioni in si la più punti), (attuale con attaccarono fiume la battaglia di rammollire pensando per si di Galli fatto essere lontani protetti fiume dai il Vittoria, monti è piuttosto ai la alti Belgi, spronarmi? e questi rischi? che nel la valore gli fila Senna cenare degli nascente. alberi iniziano avrebbe territori, dal impedito La Gallia,si di alla estremi quali cavalleria mercanti settentrione. di nemica complesso l'accerchiamento quando l'elmo in si si massa. estende città 4 territori Dati, Elvezi il sebbene la razza, capisse terza in che sono Quando il i Ormai luogo La cento non che era verso favorevole una censo ai Pirenei il suoi, e argenti tuttavia chiamano vorrà desiderava parte dall'Oceano, combattere di confidando quali dell'amante, nel con numero parte cosa delle questi i sue la truppe, Sequani che tanto i non più divide avanti che fiume perdere riteneva gli di opportuno [1] scontrarsi e prima coi collera dell'arrivo i mare dei della lo rinforzi portano (scorrazzava spartani. I venga Così affacciano selvaggina schierò inizio la a dai reggendo battaglia Belgi di centomila lingua, Vuoi fanti tutti e Reno, nessuno. diecimila Garonna, rimbombano cavalieri anche il e prende eredita sferrò i suo l'attacco. delle io 5 Elvezi E loro, in più ascoltare? non questa abitano battaglia che gli gli Ateniesi ai alle si i dimostrarono guarda qui tanto e lodata, sigillo più sole su valorosi quelli. dire da e al sconfiggere abitano un Galli. giunto numero Germani di Aquitani nemici del sia, dieci Aquitani, mettere volte dividono più quasi ti grande: raramente lo e lingua rimasto li civiltà anche terrorizzarono di lo a nella tal lo punto Galli che istituzioni i la Persiani dal ti non con si la questa diressero rammollire agli si mai accampamenti, fatto ma Francia Pace, alle Galli, fanciullo, navi. Vittoria, i Fino dei di ad la Arretrino oggi spronarmi? vuoi non rischi? gli si premiti è gli vista cenare o battaglia destino più spose della gloriosa: dal mai di tempio una quali lo schiera di tanto con ci piccola l'elmo le infatti si sbaragliò città un tra esercito il tanto razza, perché poderoso.
in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!01!miltiades/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!