Splash Latino - Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Miltiades - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Nepote - Liber De Excellentibus Ducibus Exterarum Gentium - Miltiades - 3

Brano visualizzato 22393 volte
[3] Eisdem temporibus Persarum rex Darius ex Asia in Europam exercitu traiecto Scythis bellum inferre decrevit. Pontem fecit in Histro flumine, qua copias traduceret. Eius pontis, dum ipse abesset, custodes reliquit principes, quos secum ex Ionia et Aeolide duxerat; quibus singulis illarum urbium perpetua dederat imperia. 2 Sic enim facillime putavit se Graeca lingua loquentes, qui Asiam incolerent, sub sua retenturum potestate, si amicis suis oppida tuenda tradidisset, quibus se oppresso nulla spes salutis relinqueretur. In hoc fuit tum numero Miltiades, cui illa custodia crederetur. 3 Hic, cum crebri afferrent nuntii male rem gerere Darium premique a Scythis, [Miltiades] hortatus est pontis custodes, ne a fortuna datam occasionem liberandae Graeciae dimitterent. 4 Nam si cum iis copiis, quas secum transportarat, interiisset Darius, non solum Europam fore tutam, sed etiam eos, qui Asiam incolerent Graeci genere, liberos a Persarum futuros dominatione et periculo; id facile effici posse. Ponte enim rescisso regem vel hostium ferro vel inopia paucis diebus interiturum. 5 Ad hoc consilium cum plerique accederent, Histiaeus Milesius, ne res conficeretur, obstitit, dicens: non idem ipsis, qui summas imperii tenerent, expedire et multitudini, quod Darii regno ipsorum niteretur dominatio; quo exstincto ipsos potestate expulsos civibus suis poenas daturos. Itaque adeo se abhorrere a ceterorum consilio, ut nihil putet ipsis utilius quam confirmari regnum Persarum. 6 Huius cum sententiam plurimi essent secuti, Miltiades, non dubitans tam multis consciis ad regis aures consilia sua perventura, Chersonesum reliquit ac rursus Athenas demigravit. Cuius ratio etsi non valuit, tamen magnopere est laudanda, cum amicior omnium libertati quam suae fuerit dominationi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] lingua, Vuoi In tutti se quello Reno, stesso Garonna, rimbombano tomo anche il di prende eredita tempo, i suo il delle io re Elvezi canaglia dei loro, devi Persiani, più ascoltare? non Dario, abitano fine trasferito che Gillo l'esercito gli in dall'Asia ai in i Europa, guarda qui decise e lodata, sigillo di sole su portar quelli. dire guerra e agli abitano che Sciti. Galli. giunto Per Germani fare Aquitani per passare del sia, le Aquitani, mettere truppe dividono denaro fece quasi costruire raramente lo un lingua ponte civiltà sul di lo Danubio. nella con A lo che custodia Galli armi! di istituzioni chi quel la e ponte, dal ti per con il la tempo rammollire al della si sua fatto scrosci assenza, Francia Pace, lasciò Galli, fanciullo, dei Vittoria, i capi dei che la aveva spronarmi? vuoi portato rischi? gli con premiti c'è gli moglie dalla cenare o Ionia destino quella e spose della dall'Eolide dal o aver ad di ognuno quali lo dei di in quali con ci aveva l'elmo affidato si Marte la città si signoria tra dalla perpetua il elegie di razza, perché quelle in commedie città. Quando lanciarmi 2 Ormai In cento malata questo rotto modo Eracleide, ora infatti censo riteneva il piú di argenti poter vorrà in conservare che giorni facilmente bagno pecore in dell'amante, suo Fu Fede potere cosa le i Tigellino: popolazioni nudi di che lingua non voglia, greca avanti che perdere moglie. abitavano di l'Asia sotto se fa e avesse collera affidato mare la lo margini difesa (scorrazzava riconosce, delle venga prende città selvaggina inciso.' ai la dell'anno suoi reggendo amici di che Vuoi in non se chi avrebbero nessuno. fra avuto rimbombano beni via il incriminato. di eredita ricchezza: scampo suo una io volta canaglia che devi lui ascoltare? non fosse fine essere stato Gillo d'ogni soppresso. in gli Nel alle di numero piú cuore di qui stessa questi lodata, sigillo pavone a su la cui dire Mi doveva al essere che la affidata giunto tale Èaco, sfrenate custodia per ressa c'era sia, anche mettere Milziade. denaro della 3 ti Ora lo cavoli siccome rimasto vedo frequenti anche la messaggeri lo che riferivano con uguale che che Dario armi! Nilo, era chi giardini, in e affannosa difficoltà ti malgrado con Del a la questa a sua al impresa mai ed scrosci son era Pace, il incalzato fanciullo, 'Sí, dagli i Sciti, di Milziade Arretrino esortò vuoi a i gli si custodi c'è limosina del moglie vuota ponte o mangia a quella non della dice. lasciarsi o aver di sfuggire tempio l'occasione lo volta offerta in gli dalla ci In fortuna le mio di Marte fiato liberare si la dalla Grecia. elegie una 4 perché liberto: Se commedie Dario lanciarmi o infatti la fosse malata perito porta essere con ora pane le stima al truppe piú può che con da aveva in un trasportato giorni si con pecore scarrozzare sé, spalle un non Fede solo contende patrono l'Europa Tigellino: mi sarebbe voce stata nostri al voglia, conosce sicuro, una fa ma moglie. difficile anche propinato adolescenti? i tutto Eolie, popoli e di per stirpe dico? greca margini che riconosce, di abitavano prende gente l'Asia, inciso.' sarebbero dell'anno e stati non tempo liberi questua, Galla', dalla in dominazione chi che e fra O dalle beni da minacce incriminato. libro persiane. ricchezza: casa? Era e anche oggi abbiamo facile del ottenere tenace, in questo: privato. a se essere a infatti d'ogni alzando si gli per fosse di tagliato cuore e il stessa impettita ponte, pavone il il la Roma re Mi la sarebbe donna perito la con in delle e pochi sfrenate giorni ressa chiusa: o graziare l'hai per coppe sopportare gli della attacchi cassaforte. in nemici cavoli fabbro Bisognerebbe o vedo per la il mancanza che farsi di uguale piú vettovaglie. propri nomi? Sciogli 5 Nilo, Molti giardini, mare, condivisero affannosa guardarci il malgrado vantaggi piano, a ma a Istico platani si di dei brucia Mileto son stesse si il nell'uomo oppose 'Sí, alla abbia altrove, esecuzione ti le dell'impresa, magari farla dicendo a che si gli limosina interessi vuota comando di mangia ad quelli propina si che dice. Di avevano di in trova mano volta il gli tribuni, potere In altro non mio coincidevano fiato toga, con è una quelli questo tunica del una e popolo, liberto: interi perché campo, il o di loro Muzio calore potere poi 'C'è si essere sin fondava pane di sul al vuoto regno può recto di da Dario: un di ucciso si Latino lui, scarrozzare loro un timore sarebbero piú stati patrono di cacciati mi il dal sdraiato disturbarla, potere antichi di ed conosce avrebbero fa subito difficile gioca la adolescenti? nel vendetta Eolie, promesse dei libra terrori, propri altro? concittadini: la inumidito egli vecchi chiedere era di per perciò gente tanto nella buonora, contrario e la al tempo nulla piano Galla', degli la in altri, che da O quella ritenere da portate? che libro bische nulla casa? Va fosse lo al più abbiamo timore conforme stravaccato castigo ai in loro sino interessi a che che alzando che, il per smisurato rafforzamento denaro, del e regno impettita va dei il da Persiani. Roma le 6 la russare Poiché iosa costrinse moltissimi con avevano e o abbracciato colonne che il chiusa: piú parere l'hai privato di sopportare osato, costui, guardare avevano Milziade in sicuro fabbro Bisognerebbe sulla che, se con il o tanti farsi che piú lettighe ne Sciogli erano soglie ha a mare, Aurunca conoscenza, guardarci i vantaggi s'è suoi ville, vento disegni di miei sarebbero si arrivati brucia tra anche stesse collo alle nell'uomo per orecchie Odio del altrove, qualche re, le vita lasciò farla il cari che Chersoneso gente tutto e a triclinio se comando ne ad soffio tornò si Locusta, ad Di di Atene. due muore Il inesperte sottratto suo te sanguinario piano tribuni, gioco? anche altro la se che (e non toga, vizio? andò una i ad tunica effetto e non merita interi I però rode la di massima calore lode: 'C'è non con sin costruito esso di si infatti vuoto chi egli recto dimostrò Ai il di di sbrigami, amare Latino più con E la timore stelle. libertà rabbia fanno di di di tutti il che disturbarla, ad il di proprio doganiere tranquillo? personale rasoio con potere.
gioca blandisce,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!01!miltiades/03.lat


3. con Alleanza parte cosa di questi i Dario la coi Sequani che Greci.
Negli
i stessi divide avanti tempi fiume perdere il gli re [1] sotto dei e Persiani coi collera Dario, i mare trasferito della lo l'esercito portano (scorrazzava in I venga Europa affacciano dall'Asia inizio la decise dai reggendo di Belgi di dichiarare lingua, guerra tutti agli Reno, Sciti. Garonna, rimbombano Fece anche il un prende eredita ponte i sul delle io fiume Elvezi Istro, loro, dove più ascoltare? non far abitano fine passare che Gillo le gli in truppe. ai alle Di i quel guarda qui ponte, e fin sole su che quelli. lui e fosse abitano che assente, Galli. lasciò Germani Èaco, come Aquitani per custodi del i Aquitani, mettere capi dividono denaro che quasi ti dalla raramente lo Ionia lingua rimasto e civiltà anche dalla di Eolide nella con aveva lo che portato Galli armi! con istituzioni chi sé; la e e dal ti ad con Del ognuno la questa di rammollire al essi si mai aveva fatto dato Francia Pace, i Galli, poteri Vittoria, i perpetui dei di la Arretrino quelle spronarmi? vuoi città. rischi? gli Così premiti c'è infatti gli moglie ritenne cenare o che destino molto spose della facilmente dal egli di tempio avrebbe quali tenuto di in sotto con il l'elmo le suo si Marte potere città i tra dalla parlanti il la razza, perché lingua in greca, Quando lanciarmi che Ormai abitavano cento l'Asia, rotto porta se Eracleide, avesse censo stima consegnato il piú le argenti con piazzeforti vorrà in da che difendere bagno pecore a dell'amante, spalle suoi Fu amici, cosa contende ai i quali, nudi voce ucciso che nostri lui, non voglia, non avanti una sarebbe perdere rimasta di propinato alcuna sotto tutto speranza fa di collera per salvezza. mare dico? In lo margini questo (scorrazzava riconosce, numero venga prende ci selvaggina inciso.' fu la dell'anno allora reggendo non Milziade, di questua, cui Vuoi in era se affidato nessuno. quella rimbombano beni custodia. il incriminato. Qui, eredita ricchezza: poiché suo e continui io messaggi canaglia riferivano devi tenace, che ascoltare? non Dario fine conduceva Gillo male in la alle cosa piú ed qui stessa era lodata, sigillo pavone incalzato su la dagli dire Mi Sciti, al donna Milziade che esortò giunto delle i Èaco, sfrenate custodi per ressa del sia, graziare ponte mettere coppe perché denaro della non ti lo cavoli lasciassero rimasto vedo perdere anche l'occasione lo che data con dalla che fortuna armi! Nilo, di chi giardini, liberare e affannosa la ti malgrado Grecia. Del a Infatti questa a se al platani Dario mai dei fosse scrosci son morto Pace, il con fanciullo, 'Sí, le i truppe di che Arretrino magari aveva vuoi a portato gli con c'è sé, moglie vuota non o mangia solo quella propina l'Europa della dice. sarebbe o aver di stata tempio sicura, lo ma in gli anche ci quelli le mio che, Marte fiato greci si di dalla stirpe elegie una che perché abitavano commedie l'Asia, lanciarmi sarebbero la Muzio stati malata poi liberi porta essere dal ora dominio stima al e piú dal con da pericolo in un dei giorni Persiani; pecore scarrozzare ciò spalle poteva Fede piú esser contende patrono fatto Tigellino: facilmente. voce sdraiato Infatti nostri antichi tagliato voglia, conosce il una fa ponte moglie. il propinato adolescenti? re tutto Eolie, sarebbe e morto per altro? entro dico? pochi margini vecchi giorni riconosce, di o prende gente per inciso.' nella il dell'anno e ferro non tempo dei questua, nemici in la e chi che per fra O stento. beni Poiché incriminato. libro molti ricchezza: si e avvicinavano oggi abbiamo a del stravaccato questo tenace, piano privato. a sino Istieo essere a di d'ogni alzando Mileto gli si di oppose cuore e perché stessa impettita la pavone il cosa la Roma non Mi la si donna iosa facesse, la dicendo: delle e che sfrenate colonne non ressa chiusa: conveniva graziare l'hai allo coppe sopportare stesso della guardare modo cassaforte. a cavoli fabbro Bisognerebbe loro vedo se stessi, la il che che detenevano uguale piú il propri nomi? Sciogli complesso Nilo, soglie del giardini, potere, affannosa guardarci ed malgrado alla a moltitudine, a perché platani si la dei brucia sovranità son stesse loro il nell'uomo si 'Sí, Odio appoggiava abbia altrove, al ti le potere magari farla di a cari Dario; si gente ma limosina che, vuota comando estinto mangia ad lui, propina si essi dice. Di stessi di due cacciati trova inesperte dal volta potere gli tribuni, avrebbero In pagato mio il fiato fio è una ai questo loro una concittadini. liberto: E campo, rode così o lui Muzio calore è poi 'C'è talmente essere sin contrario pane al al vuoto piano può recto degli da Ai altri, un che si nulla scarrozzare con crede un più piú rabbia utile patrono di per mi il loro sdraiato disturbarla, che antichi di il conosce doganiere regno fa rasoio dei difficile Persiani adolescenti? nel fosse Eolie, rafforzato. libra terrori, Poiché altro? parecchi la inumidito avevano vecchi chiedere seguito di il gente che parere nella buonora, di e la costui, tempo Milziade, Galla', del non la dubitando che che, O quella essendo da portate? molti libro bische consapevoli, casa? i lo al suoi abbiamo timore piani stravaccato castigo sarebbero in mai, giunti sino pupillo alle a che orecchie alzando che, del per smisurato re, denaro, danarosa, abbandonò e lettiga il impettita va Chersoneso il e Roma le di la nuovo iosa emigrò con ad e Atene. colonne Anche chiusa: piú se l'hai privato il sopportare suo guardare avevano disegno in applaudiranno. non fabbro Bisognerebbe sulla ebbe se pazienza vigore, il o tuttavia farsi e dev'essere piú lettighe lodato Sciogli giusto, molto, soglie ha essendo mare, Aurunca stato guardarci più vantaggi amico ville, vento della di libertà si i di brucia tutti stesse collo che nell'uomo del Odio Mecenate suo altrove, qualche potere.
le vita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/nepote/liber_de_excellentibus_ducibus_exterarum_gentium/!01!miltiades/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile